29 GEN 2002

Islam: Presentazione del nuovo libro di Igor Man

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 29 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 29-01-2002 - Presso la sede della Comunità Sant'Egidio, avviene la presentazione dell’ultimo libro di Igor Man, "L'Islam - dalla A alla Z".

Marcello Sorgi, direttore di La Stampa, ha scritto l’introduzione, ‘Igor d’Arabia’, in cui racconta come è nata l’idea del libro.

Successo immediato "Dopo l’11 settembre - spiega Sorgi - il pubblico voleva sapere quanta percentuale di terrorismo ci fosse nell’Islam".

La fortuna di avere Igor Man come inviato speciale, e l’esigenza di spiegare l’Islam alla gente, hanno suggerito al direttore di La Stampa l’idea di fare una specie
di dizionario da pubblicare a puntate.

"Il successo è stato immediato".

Colmare un vuoto Khaled Fouad Allam, prof .

di sociologia del mondo mussulmano presso l’Università di Trieste, ha curato la postfazione del libro.

A suo parere il dizionario di Man colma un vuoto probabilmente all’origine di una permanente visione stereotipata e spesso troppo "culturalista" dell’Islam.

In che modo? Secondo il professore, "colmando il vuoto tra la comunità scientifica ed il grande pubblico".

L’attualità del libro di Man, sta anche nella "questione dell’interiorizzazione dell’Islam in Europa", come dice Fouad Allam, il quale aggiunge: "La questione dell’Islam interroga oggi il cuore dell’Europa, non solo perché vi sono popolazioni islamiche emigrate ed istallatesi definitivamente in Europa, ma anche perché vi sono Stati portatori di un’identità islamica, Albania e Bosnia in primis".

Non basta incontrare, occorre capire Il padrone di casa, Andrea Riccardi, della Comunità di Sant’Egidio cita il poeta brasilianoVinicio de Morais: "La vita non è che l’arte dell’incontro".

"Il dizionario di Man, secondo Riccardi, è libro di letteratura, ma soprattutto di incontri vissuti da un uomo che ha la cultura per poter decifrare quegli incontri; perché non basta incontrare, occorre capire." Conclude la presentazione, l’autore stesso, Igor Man: "Il dialogo in MO è realistico, come ho scritto in vari fondi; la pace è possibile solo con il perdono, e questo passa attraverso la cruna stretta del dialogo".

leggi tutto

riduci