09 FEB 2002

TPI: Intervista di Emma Bonino alla conferenza di Siviglia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 7 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Emma Bonino alla II conferenza internazionale sullo Statuto della Corte penale internazionale, a Siviglia: la meta è vicina.

Siviglia, 9 febbraio 2002 - Intervista ad Emma Bonino, in occasione della II conferenza internazionale sullo Statuto della Corte penale internazionale: Prospettive per la ratifica dei Paesi del Mediterraneo.

La conferenza è stata organizzata a Siviglia da 'Non c'è pace senza giustizia' per convincere i Paesi dell'area mediterranea a ratificare al più presto lo statuto della Corte penale internazionale.

Siamo ormai arrivati a 52 ratifiche, quindi la meta delle 60
ratifiche è assai vicina.

Emma Bonino, intervistata da Radio Radicale, parlando delle reazioni dei media spagnoli all'evento, afferma: "credo che la stampa di qui, sia scritta che televisiva, sta seguendo questa fase finale con molto interesse.

Il tutto si svolge davanti all'opinione pubblica, in modo assai trasparente".

Intervento della Lega araba" Soprattutto, la Bonino ritiene che "l'intervento più importante di ieri sia stato l'intervento della Lega araba" alla conferenza: i suoi rappresentanti "ci hanno raccontato - prosegue la Bonino - che martedì e mercoledì c'è stata al Cairo una grande riunione di esperti appartenenti alla Lega per valutare come superare i problemi che deriverebbero dall'applicazione delle regole del tribunale".

Secondo la Bonino, i paesi arabi più avanti per la ratifica sono la Giordania e l'Egitto.

In verità, un problema con l'applicazione esiste anche per l'Italia che pure ha ratificato lo Statuto: "L'Italia ha una serie di ritardi e problemi", afferma l'eurodeputato radicale.

Il processo a Milosevic Emma Bonino parla anche del processo a Milosevic che prosegue martedì prossimo.

Carla Del Ponte ha dichiarato di aver raccolto prove sufficienti per incriminare l'ex presidente jugoslavo con l'accusa di genocidio.

"Ma anche i radicali - afferma la Bonino - avevano raccolto parecchie prove: fa testo un libro pubblicato con l'Internatioanl Crisis Group".

leggi tutto

riduci