21 APR 2003

Dieci anni fa, il referendum

[NON DEFINITO] | di Roberto Spagnoli - 00:00 Durata: 37 min 2 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

A cura di Roberto SpagnoliPuntata speciale del Notiziario Antiproibizionista a dieci anni esatti dal referendum che nel 1993 portò all'abrogazione delle parti più repressive della "legge Jervolino-Vassalli" sulla droga.

La trasmissione ripercorre in rapida sintesi alcuni dei momenti più significativi del venti mesi che vanno dal settembre del 1991, quando Marco Pannella lanciò la proposta del referendum, al pomeriggio del 19 aprile 1993, alla manifestazione organizzata dai Radicali per festeggiare la vittoria.

Quello sulla legge Jervolino-Vassalli fu un referendum fortemente voluto da
Pannella, anche contro il parere di molti tra gli stessi Radicali, preoccupati della possibilità di un esito negativo che avrebbe "blindato" una legge fortemente repressiva, approvata solo poco più di un anno prima sull'onda di una forsennata campagna politica e giornalistica.

Attorno al referendum, grazie al duro impegno dei Radicali, si aggregò così un fronte politico, ideologico e sociale molto ampio e variegato che opponeva la ragionevolezza ed il realismo a chi aveva voluto una legge ideologica che già da subito mostrò i suoi limiti e i suoi esiti nefasti.

Il risultato del 18 aprile, con la vittoria del Si' dimostrò la lungimiranza di Marco Pannella.

Per una volta, dunque, il Notiziario si stacca dalla stretta attualità, ma fino ad un certo punto.

E' di questi giorni, infatti, l'annuncio di un prossimo disegno di legge del Governo che intende cancellare l'esito di quel referendum secondo una logica repressiva che vuole, tra l'altro, ripristinare la "dose giornaliera" come discrimine tra uso personale e spaccio e abolire qualunque distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti, mettendo quindi in serio pericolo quella politica di "riduzione del danno" che pur tra molte difficoltà a contraddizioni ha preso campo nel nostro paese anche grazie al referendum del 1993.

Referendum che, a tutt'oggi, rappresenta l'unica seria riforma, per quanto parziale, della legge sulla droga.

leggi tutto

riduci

  • Sintesi dell'intervento di M.Pannella

    <br><strong>14 settembre 1991, Bologna, Consiglio generale del CORA: Marco Pannella propone un referendum contro le parti più repressive della legge Jervolino-Vassalli.</strong>
    0:04 Durata: 8 min 12 sec
  • Stralcio dall'intervista di Massimo Bordin

    <br><strong>Parte la campagna referendaria: intervista a Marco Taradash, segretario del CORA.</strong>
    0:14 Durata: 5 min 47 sec
  • Stralcio dall'intervista di Aurelio Aversa

    <br><strong>Le ragioni del sì al referendum: parla Don Gino Rigoldi.</strong>
    0:21 Durata: 2 min 27 sec
  • Stralcio dall'intervista di Aurelio Aversa

    <br><strong>Le ragioni del sì al referendum: parla Don Andrea Gallo.</strong>
    0:23 Durata: 1 min 17 sec
  • Dalla cronaca di Francesco Bei

    <br><strong>9 gennaio 1992, Roma, Corte di Cassazione: si depositano le firme per il referendum.</strong>
    0:27 Durata: 1 min 13 sec
  • Stralcio dell'intervista di Paolo Martini

    <br><strong>16 gennaio 1993, la Corte Costituzionale dichiara ammissibile il referendum: Maurizio Turco, segretario del CORA, commenta la notizia.</strong>
    0:30 Durata: 5 min 27 sec
  • Intervento di Maurizio Turco, segretario del CORA

    <br><strong>10 aprile 1993, Roma, sede Rai di viale Mazzini: manifestazione dei Radicali "contro le lupare caricate con i pallettoni della disinformazione"</strong>
    0:37 Durata: 5 min 56 sec
  • Sintesi dell'intervento di Marco Pannella

    <br><strong>19 aprile 1993, Roma, piazza del Pantheon: i Radicali festeggiano la vittoria del Sì.</strong>
    0:46 Durata: 6 min 43 sec