05 MAR 2001

Intervista a Bertinotti dopo le dichiarazioni di Ciampi sulle «liste civetta»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 7 min 31 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 5 marzo 2001 - Documento sonoro dell'intervista realizzata da Roberto Iezzi per Radio Radicale a Fausto Bertinotti, in sciopero della fame per protestare contro le «liste civetta», dopo le dichiarazioni del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi che auspica la firma di un accordo che impegni tutti i partiti a non presentare tali liste.

Il segretario di Rifondazione si dichiara molto soddisfatto per l'atto di Ciampi e spera che ora la proposta diventi legge.

Bertinotti pone poi come precondizione per un accordo, nell'ambito della non belligeranza, con il centrosinistra
l'impegno da parte dell'Ulivo a non utilizzare le «liste civetta».

Per quanto riguarda l'eventuale incongruenza tra l'atteggiamento tradizionale dei comunisti nei confronti dello sciopero della fame, tipicamente utilizzato dai radicali, e la protesta che sta attuando, il segretario di Rifondazione sostiene la necessità della ricreca all'interno del comunismo di nuove forme di lotta, tra cui, appunto lo sciopero della fame.

leggi tutto

riduci

  • Le dichiarazioni di Ciampi: "Un atto importante, finalmente la questione assume il carattere di incompatibilità col sistema elettorale"

    <strong>Indice degli argomenti trattati da Fausto Bertinotti</strong>
    0:00 Durata: 1 min 43 sec
  • "Per Berlusconi e Rutelli sarebbe un atto importante garantire che chiunque vinca non è un imbroglione"

    0:01 Durata: 28 sec
  • "Il superamento delle «liste civetta» è una precondizione per realizzare le elezioni in un clima garantito democraticamente"

    0:02 Durata: 25 sec
  • "La precondizione per un accordo nell'ambito della non belligeranza tra centrosinistra e Rifondazione è quello di non utilizzare le «liste civetta»"

    0:02 Durata: 1 min 28 sec
  • "I comunisti hanno avuto un atteggiamento di diffidenza nei confronti dello sciopero della fame come forma di lotta di origine individualistica ma Pintor ha scritto da tempo una lode al gandismo" - "C'è bisogno di nuove forme di lotta per il comunismo"

    0:04 Durata: 2 min 58 sec
  • "Questa è una forma di lotta più simile allo sciopero articolato, quindi si deciderà se continuare o meno in relazione agli obiettivi"

    0:06 Durata: 29 sec