30 MAR 2001

Tavola rotonda: «Le prospettive del sistema pensionistico italiano»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 51 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Siena, 30 marzo 2001 - Documento audiovisivo del convegno organizzato dall'Università di Siena sulla situazione del sistema pensionistico italiano.

Intervengono, alcuni dei protagonisti della riforma Dini e diversi tra i massimi esperti italiani in materia di previdenza.

Tra questi Tiaziano Treu, ministro del Lavoro nei governi Dini e Prodi, il sottosegretario al Tesoro Piero Giarda, Pietro Larizza, ex segretario della Uil e attuale presidente CNEL, e il ragioniere generale dello Stato Andrea Monorchio.

Al centro del dibattito l'aggiornamento della riforma Dini, un tema che, come ha notato
Treu, è stato purtroppo eliminato dalla campagna elettorale. Per Andrea Monorchio, che si è detto "preoccupato" dagli effetti del calo demografico e dell'allungamento medio della durata della vita, occorre " ritoccare senza dubbio" l'età pensionabile.

Quella delle donne, ad esempio, dovrebbe essere elevata da 60 a 65 anni.

Il sottosegretario Giarda considera invece la Dini "una buona riforma", che ha solo bisogno di un "aggiornamento tecnico".

Tra le questioni che meritano di essere riconsiderate, secondo Giarda, c'è quella delle aliquote contributive al 33 per cento, che considera "troppo elevate".

Critico l'intervento di Pietro Larizza che, dopo aver rivendicato l'importante ruolo svolto dai sindacati nel risanamento del paese, dichiara: "la verifica delle pensioni non è la riforma e fare quest'ultima senza tenere conto della necessaria separazione fra assistenza e previdenza sarebbe disonesto.

La verifica del 2001 prevista dalla riforma Dini deve essere limitata alle pensioni". Nel corso del convegno sono anche stati commentati i dati sull'andamento della previdenza integrativa, diffusi lo scorso settembre dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione, Secondo la Covip, i lavoratori che hanno aderito ai fondi sono ancora pochi.

Il trenta per cento dei circa due milioni di lavoratori dipendenti che già possono aderire ai fondi e quasi nessuno tra gli autonomi.

Poche le donne e i giovani, nonstante l'introduzione dei fondi pensioni fosse stata concepiti dalla riforma Dini soprattutto per quest'ultima categoria.

Molto esigui inoltre i contributi finora versati, per giunta con lo scopo non di integrare la pensione pubblica ma di approfittare delle agevolazioni fiscali per diversificare il proprio portafoglio.

Secondo l'identikit fornito dal professor Silvano Vicarelli, chi ricorre alla previdenza integrativa è in media un lavoratore maschio, che lavoro in un'impresa medio-grande del nord Italia, che è nell'età di mezzo, che è iscritto a un sindacato e ha un reddito superiore alla media. .

leggi tutto

riduci

  • Piero Tosi, Magnifico Rettore Università di Siena

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 4 min 53 sec
  • Antonio Cardini, preside Facoltà di Scienze Politiche Università di Siena

    0:04 Durata: 6 min 41 sec
  • Silvano Vicarelli, docente di Economia politica Università di Siena

    <strong>Relazioni introduttive</strong><br>La previdenza complementare
    0:11 Durata: 31 min
  • Sandro Gronchi, docente di Economia Politica presso l'Università La Sapienza di Roma

    Il modello contributivo riformato
    0:42 Durata: 38 min 8 sec
  • Silvano Vicarelli, introduce

    <strong>Tavola rotonda</strong>
    1:20 Durata: 1 min 2 sec
  • Andrea Monorchio, ragioniere generale dello Stato

    1:22 Durata: 12 min 30 sec
  • Pietro Larizza, presidente Cnel

    1:34 Durata: 15 min 8 sec
  • Beniamino La Padula, responsabile politiche sociali Cgil

    1:49 Durata: 20 min 20 sec
  • Aldo Smolizza, presidente del consiglio d'indirizzo e vigilanza Inps

    2:09 Durata: 15 min 40 sec
  • Tiziano Treu, ex ministro del Lavoro

    2:25 Durata: 15 min 22 sec
  • Felice Roberto Pizzuti, consigliere d'amministrazione dell'Inpdap

    2:41 Durata: 24 min 38 sec
  • Silavano Vicarelli, modera

    3:05 Durata: 2 min 20 sec
  • Giulio De Capraris, ufficio studi Confindustria

    3:07 Durata: 14 min 39 sec
  • Ketty Vaccaro, responsabile delle politiche sociali del Censis

    3:22 Durata: 11 min 42 sec
  • Piero Dino Giarda, sottosegretario per il Tesoro, bilancio e programmazione economica

    Silvano Vicarelli, chiude i lavori della tavola rotonda
    3:34 Durata: 17 min 14 sec