21 APR 2001

Comizio di Fini a Trieste: "La sinistra fomenta la xenofobia"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 36 min 24 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Trieste, 21 aprile 2001 - Documento audiovisivo del comizio di Gianfranco Fini in cui il presidente di Alleanza Nazionale espone le linee guida del programma del centrodestraIl candidato vice premier della Casa delle Libertà focalizza il suo discorso in particolare sul tema della sicurezza e ribadisce la necessità della certezza della punizione del reo mediante pene più severe, afferma infatti che "l'ergastolo va mantenuto", e maggiore rispetto di "tutti coloro che hanno una divisa".

Per garantire la sicurezza dei cittadini e la coesione sociale è necessario affrontare problemi quali la
droga e l'immigrazione.

"Drogarsi non è un diritto - afferma - ma un attentato alla propria salute e alla coesione sociale" ed è quindi importante "punire gli spacciatori".

Per quanto riguarda l'immigrazione Fini riafferma il principio della fermezza unita alla solidarietà per coloro che vorranno integrarsi "nella nostra società" ma "i clandestini saranno espulsi".

A tal proposito accusa la sinistra di non aver compreso che con una "politica demagogica e permissiva", con le sanatorie e le espulsioni "che sono soltanto degli inviti a lasciare il Paese", ha fomentato la xenofobia.

Il presidente di Alleanza Nazionale accenna poi alla concessione degli arresti domiciliari a Silvia Baraldini e afferma che "si tratta dell'ennesimo tentativo di annullare quell'intesa che è stata sottoscritta con gli Stati Uniti, dell'ennesima strada per far sì che coloro che hanno fatto di quella vicenda una crociata politica riescano ad ottenere l'obbiettivo che si sono prefissi".

Sui temi relativi all'economia Gianfranco Fini sostiene che il governo di centrosinistra ha incentivato soltanto la grande industria ed in particolare la Fiat, mentre lo sviluppo economico deve guardare alle piccole e medie imprese, "e questo è lo spirito della legge Tremonti", e ai lavoratori autonomi, con particolare riguardo con politiche di snellimento del sistema fiscale per l'emersione del sommerso.

Per garantire giustizia sociale il candidato vice premier della Casa delle Libertà ribadisce che la famiglia deve essere messa al centro dell'attenzione delle istituzioni in quanto "la famiglia del diritto naturale, quella dell'unione tra uomo e donna, è fondamento della coesione sociale".

Fini tocca infine le questioni relative alle politiche europee e afferma che "è fondamentale tutelare l'identità nazionale" per garantire uno sviluppo effettivo dell'Italia in Europa.

Nota:Problemi audio durante l'intervento.

leggi tutto

riduci

  • Gianfranco Fini (AN), presidente di Alleanza Nazionale e candidato vice-premier della Casa Della Libertà

    0:00 Durata: 36 min 24 sec