03 MAG 2001

Bossi e Tremonti a Piacenza: Difendiamo la società cristiana e bianca dall'onda multirazziale e multiculturale

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 22 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Piacenza, 3 maggio 2001, h.

21.20 - "Contro la distruzione della società cristiana e bianca" questo il tema conduttore dell'incontro elettorale con Giulio Tremonti e Umberto Bossi per illustrare alcuni dei punti programmatici della Casa della libertà agli elettori piacentina.

Durante il comizio elettorale Giulio Tremonti ha criticato il centrosinistra sia per l'attività di governo sia per il programma elettorale che ricalca le proposte di quello di centrodestra.

L'ex ministro delle Finanze ha inzialmente ribadito che la politica della famiglia sarà un punto cruciale del governo di
controdestra, mentre Rutelli desume il suo modello di famiglia dal "circo Pannella e dal circo Clinton".

Al centro dell'intervento, soprattutto il tema dell'immigrazione, rispetto alla quale Tremonti ha ribadito che la Casa della Libertà adotterà la linea della fermezza in contrasto con la linea della "costruttività della società meticcia" del centrosinsistra, in realtà gli esponenti del centrosinistra "vogliono gli immigrati perchè vogliono i voti".

Il modello proposto dalla Casa delle Libertà, al contrario, è quello di "combinare il globale con il locale".

Tremonti presenta quindi il programma dei "primi cento giorni di governo" nel caso in cui la coalizione di centrodestra vinca le elezioni.

Umberto Bossi attacca il centrosinistra perché "vuole il modello keynesiano pure se danneggia il Paese".

Il segretario della Lega si è dichiarato ottimista per il risultato delle elezioni e ha affermato che "chi vince al Nord vincerà in tutto il Paese", rivendicando il ruolo del suo partito all'interno della coalizione di centrodestra.

Bossi ha poi toccato il tema della famiglia come fondamento della società in contrasto con la famiglia omosessuale che non può procreare e "se non ci sono figli non ci saranno le pensioni e quindi servono scelte politiche" a favore della famiglia eterosessuale.

Il leader della Lega ha poi ribadito la necessità di una riforma per la devoluzione affinché "l'Europa rimanga democratica" in contrasto con l'idea della sinistra che vuole "distruggere l'unità nazionale" a favore di un super-stato europeo.

leggi tutto

riduci

  • Giulio Tremonti - Forza Italia

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 33 min 12 sec
  • Umberto Bossi, segretario nazionale Lega Nord

    0:33 Durata: 49 min 34 sec