02 GIU 2001

Riunione del Coordinamento dell'Ulivo: Non sarà un super-partito ma una rete con la leadership di Rutelli

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 25 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 2 giugno 2001 h15.45 - Giuliano Amato, Piero Fassino, Francesco Rutelli e Valter Veltroni sono intervenuti all'assemblea dei Comitati Rutelli, convocata dopo la sconfitta alle elezioni politiche del 13 maggio.L'Ulivo non sarà un super-partito ma una rete forte e ramificata nel paese, base per creare le condizioni della futura rivincita.

Così si conclude il documento approvato dalla prima riunione post-elettorale del coordinamento dei Comitati per l'Ulivo.

Con questa decisione, dunque si cercano di diradare i dubbi delle singole formazioni politiche che compongono la coalizione rispetto
alle quali non vi sarà alcuna contrapposizione, ma "leale e trasparente collaborazione".

Altra questione sulla quale la riunione ha ritenuto di dover fare chiarezza è quella della ledership: l'Ulivo ha una leadership indiscussa, quella di Rutelli e del suo vice Piero Fassino che presiedono il coordinamento nazionale.

Queste le conclusioni politiche della riunione che ha messo a punto un percorso di strutturazione del Coordinamento che dovrà portare entro la fine dell'anno alla convocazione di una convenzione nazionale.

Intanto il ruolo dell'Ulivo è ben definito: coagulare l'opposizione alla destra in forma "unitaria e rappresentativa di istanze e richieste dei cittadini" attraverso il "collegamento stretto tra l'attività dei gruppi parlamentari e la società".

Nel documento si elaborano alcuni progetti organizzativi: l'organizzazione territoriale su base di collegio elettorale in cui la differenza tra centro e periferia dovrà avere carattere funzionale e non gerarchico, l'uso di internet quale strumento di alto profilo di aggiornamento, laboratorio, archivio, rete di collegamento", la costituzione di un "centro studi e formazione".

A questa opera di consolidamento della rete dei comitati, il Coordinamento ha deciso di destinare quota da stabilire di finanziamento pubblico ed ha incaricato un gruppo di lavoro per concretizzare i progetti in programma.

leggi tutto

riduci