04 GIU 2001

Rutelli: impegni chiari per il conflitto di interessi prima del G8 o il CdA Rai non si tocca

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 35 min 12 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 4 giugno 2001 h16.35 - Francesco Rutelli, dopo aver speso parole di apprezzamento nei confronti del "profilo istituzionale dei discorsi di insediamento dei presidenti di Camera e Senato" ha presentato il documento elaborato insieme a Piero Fassino, durante la riunione dei vertici dell'Ulivo, sul conflitto di interessi e sul "grande tema della chiarezza e della trasparenza delle regole", si tratta di "una breve lettera che riassume un'iniziativa che riguarda i temi cruciali della libertà d'informazione in connessione con il conflitto di interessi e delle politiche anti monopolio nel nostro Paese".

L'ex sindaco di Roma ha infatti ricordato che "ci troviamo nel nostro Paese in una condizione unica tra i paesi del mondo democratico e in una situazione unica tra le economie libere di mercato" e ha quindi ribadito la proposta per risolvere il conflitto di interessi prima dello svolgimento dei grandi appuntamenti internazionali, pena l'impossibilità a modificare gli assetti della Rai: "Chiediamo impegni seri, credibili, risolutivi prima dell'incontro del G8.

Sottolineiamo che senza questi impegni non è accettabile alcun intervento, ma io dico non è neppure immaginabile alcun intervento della nuova maggioranza sugli assetti della Rai poiché non è soltanto in gioco l'equilibrio dell'informazione, che certamente in Italia non è assoggettato ad un meccanismo di spoil system, ossia di appropriazione in chiave politica di maggioranza, sono piuttosto in gioco i due fondamenti della democrazia: il pluralismo e il libero formarsi della pubblica opinione".

"Non pensiamo - ha chiarito Rutelli - a sanare questa anomalia in tempi punitivi, con intenti ad personam, rivolti cioè alla persona di quello che sarà il più che probabile futuro presidente del Consiglio dei Ministri" e ha aggiunto che "La disciplina del conflitto di interessi non può derivare da una 'gentile concessione', deve piuttosto derivare dalla libera determinazione, per quanto possibile frutto di un accordo tra le parti politiche, del Parlamento della Repubblica, sono i presidenti della Camera e del Senato i garanti massimi di questa libera determinazione" Il leader dell'Ulivo ha poi ammonito il centrodestra sui rischi di una eventuale "soluzione finta, una disciplina fittizia" perché , ha argomentato, "risulterebbero moralmente oltre che politicamente inaccettabili per l'opinione pubblica italiana ed internazionale".

leggi tutto

riduci

  • Francesco Rutelli, leader dell'Ulivo, ilustra l'iniziativa sul conflitto di interessi

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 11 min 35 sec
  • "Il Capo dello Stato ha funzione di Alto Garante e non è in alcun modo previsto che debba intervenire direttamente nella contesa tra le parti secondo le proprie responsabilità costituzionali"

    <strong>Domande dei giornalisti</strong>
    0:11 Durata: 1 min 27 sec
  • "Nessuno di noi pensa alla soluzione del conflitto di interessi prima del G8 ma ci dovranno essere risposte chiare, soprattutto da parte di Berlusconi"

    0:13 Durata: 3 min 41 sec
  • "In 5 anni la maggioranza parlamentare del centrosinistra avrebbe dovuto approvare una legge ma ha subito e accettato nei fatti la resistenza da parte dell'opposizione"

    0:16 Durata: 2 min 4 sec
  • "Non è il momento di presentare le nostre indicazioni, quando si dovrà votare la fiducia al governo le nostre posizioni saranno espresse con forza e chiarezza"

    0:18 Durata: 57 sec
  • "La risoluzione del conflitto di interessi è un impegno elettorale di Berlusconi, quindi ora deve risolvere il problema"

    0:19 Durata: 3 min
  • "Il CdA Rai non deve essere assoggettato al gioco politico e partitico ma persiste il problema del conflitto di interessi"

    0:22 Durata: 3 min 9 sec
  • "I problemi vanno messi in carico a chi li ha creati, l'Italia è l'unico Paese al mondo in cui sta per diventare Primo Ministro qualcuno che dispone di 3 tv"

    0:25 Durata: 5 min 46 sec
  • "Affermiamo una posizione di dialogo e non impositiva"

    0:31 Durata: 3 min 33 sec