21 GIU 2001

Il Card. Tettamanzi e Umberto Veronesi a confronto su «La libertà delle idee: scienza, vita e diritti»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 51 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 21 giugno 2001 h18.15 - L'ex ministro della Sanità Umberto Veronesi e il cardinale Luigi Tettamanzi si sono confrontati sui temi legati alla bioetica in occasione dell'incontro organizzato da Rcs - Corriere della Sera dal titolo: "La libertà delle idee: scienza, vita e diritti", moderato da Gad Lerner.Al centro del dibattito, naturlamente molti temi concernenti i nuivi diritti civili, alimentati anche dalla polemica sulla proposta di Rocco Buttiglione per la modifica della 194 e la ricerca sulle cellule staminali embrionali che permetterebbe, secondo quanto stabilito dalla commissione istituita dall'ex ministro della Sanità, la scoperta delle cure per oltre 10 milioni di italiani affetti da malattie degenerative.

Uno dei temi sui quali si è incentrato il confronto è stato quello della definizione del concetto di vita.

In particolare l'arcivescovo di Genova ha sostenuto che la scienza si deve interrogare sulla possibilità che "esista qualcosa" anche prima in quello che viene definito pre-embrione, ovvero se possa essere considerato individuo anche l'embrione prima del quattordicesimo giorno dalla fecondazione dell'ovulo.Per Umberto Veronesi invece "non c'è vita senza pensiero" e da qui deriva la distinzione tra embrione e pre-embrione, in quanto prima del 14° giorno non è possibile rintracciare alcuna forma nervosa, che possa ricondurre al pensiero e quindi al concetto di coscienza e di essere umano in quanto essere pensante.

Questa distinzione è fondamentale per quanto concerne la possibilità anche legale di effettuare la ricerca scientifica sulle cellule staminali embrionali, su quegli embrioni soprannumerari della fecondazione in vitro che vengono poi fatti morire o buttati.

"Quando gli embrioni sono crioconservati - ha affermato l'ex ministro della Sanità - non abbiamo scelta: o li lasciamo morire, o li distruggiamo o li usiamo per ricerca.

Nel futuro siamo d'accordo che non debbano più esistere, ma ora utilizzarli per la ricerca mi sembra la fine meno ignobile".

Per il futuro, infatti, si cercherà di avere degli "ovociti nei frigoriferi", che in quanto "non fecondati - ha proseguito Veronesi - non hanno potenzialità di vita" L'idea per cui il concetto di vita dell'essere umano dipenda dalla possibilità di pensiero è anche alla base della definizione di accanimento terapeutico, "relativa" secondo l'ex ministro della Sanità.

Veronesi ha evidenziato anche l'anomalia per cui la "condizione submortale dello stato vegetativo permanente irreversibile, secondo i più è non-vita" mentre "per la legge è vita", è quindi impossibile per la legge italiana attuare la cosiddetta "eutanasia passiva", ovvero la sospensione del nutrimento e dell'idratazione forzata in caso di coma irreversibile.

Il cardinale Tettemanzi ha affermato l'importanza che "sul punto della irreversibilità il dato scientifico" debba essere "verificato meglio", ritiene infatti che non "si possa parlare di accanimento terapeutico".

Il teologo e lo scienziato hanno poi affrontato i temi relativi all'aborto.

Veronesi ha ribadito, "a scanso di equivoci", che la cosiddetta "pillola del giorno dopo", non può "assolutamente" essere considerata un abortivo, al contrario della RU486, che "rientra completamente all'interno di tutte le regole della 194".

Anche la legge sull'aborto è stata in questi giorni oggetto di polemiche dopo la proposta di modificarla avanzata da Rocco Buttiglione, e l'arcivescovo di Genova, dopo aver ricordato la posizione della Chiesa per cui si deve definire se l'aborto sia interruzione di gravidanza o "eliminazione di un essere umano", ha affermato che è necessaria "un'analisi critica su alcuni articoli che creano problemi".

leggi tutto

riduci

  • Gad Lerner, giornalista, modera

    <strong>Indice degli argomenti</strong><br>L'«incesto in vitro»
    0:00 Durata: 5 min 14 sec
  • Umberto Veronesi, ex ministro della Sanità: "Vietare per legge non è facile perché poi si trova il sotterfugio"

    0:05 Durata: 2 min 56 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi, Arcivescovo di Genova: "Necessario un intervento legislativo per difendere i più deboli, i bambini"

    0:08 Durata: 4 min 9 sec
  • Umberto Veronesi: "In questo caso c'è un incesto «etico» ma non di fatto, quindi non si saprebbe chi colpire a livello giuridico"

    0:12 Durata: 2 min 29 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Il mondo religioso non rifiuta il dato scientifico, anzi lo legge con l'ulteriore significazione che gli viene non dalla razionalità ma da una rivelazione"

    Inviolabilità della vita
    0:14 Durata: 3 min 30 sec
  • Umberto Veronesi: "Sul piano etico in questo caso la condanna viene da ambedue le parti ma sul piano giuridico la discussione è aperta nella pratica"

    0:18 Durata: 15 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Da una parte c'è una nuova centralità della vita, dall'altra la riaffermazione di un valore antico che viene riletto con una modalità cristiana"

    0:18 Durata: 5 min 6 sec
  • Umberto Veronesi: "L'evoluzione naturale è moralmente cieca e i prodotti dell'evoluzione non hanno delle istanze etiche intrinseche. Non c'è vita senza pensiero, da qui la distinzione tra embrione e pre-embrione"

    Embrione e pre-embrione
    0:23 Durata: 4 min 22 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Ci si deve chiedere se prima del 14° giorno ci sia un qualcosa, e su questo si deve interrogare la scienza"

    0:28 Durata: 6 min 37 sec
  • Umberto Veronesi: "Posso anche essere d'accordo sul fatto che l'uovo fecondato è già potenzialmente un essere umano ma è la natura che non lo protegge"

    0:34 Durata: 1 min 10 sec
  • Umberto Veronesi: "Cerchiamo di avere degli ovociti crioconservati, cellule che non essendo fecondate non hanno potenzialità di vita"

    La ricerca sulle cellule staminali adulte
    0:35 Durata: 2 min 58 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Il problema è cosa fare degli embrioni soprannumerari"

    0:38 Durata: 3 min 32 sec
  • Umberto Veronesi: "Quando gli embrioni sono crioconservati non abbiamo scelta: o li lasciamo morire, o li distruggiamo o li usiamo per ricerca. Nel futuro siamo d'accordo che non debbano più esistere, ma ora utilizzarli per la ricerca di cure mi sembra la fine meno ignobile"

    0:42 Durata: 1 min 14 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "I primi controllori dovrebbero essere gli stessi scienziati"

    Il controllo della scienza
    0:43 Durata: 8 min 21 sec
  • Umberto Veronesi: "La scienza, in quanto conoscenza, è un dovere collettivo, serve una maggiore comunicazione altrimenti si arriva alla demonizzazione o alla beatificazione della scienza"

    0:51 Durata: 9 min
  • Umberto Veronesi: "Esiste il problema aperto della condizione submortale dello stato vegetativo permanente irreversibile, secondo i più è non-vita, per la legge è vita"

    L'eutanasia «passiva» e l'accanimento terapeutico
    1:00 Durata: 7 min 21 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Sul punto della irreversibilità il dato scientifico deve essere verificato meglio, ma non mi sembra si possa parlare di accanimento terapeutico"

    1:08 Durata: 7 min 11 sec
  • Umberto Veronesi: "La definizione dell'accanimento terapeutico è relativa"

    1:15 Durata: 3 min 1 sec
  • Umberto Veronesi: "La polemica è nata dall'equivoco di considerarla un'abortivo, cosa che non è assolutamente, ma mi rendo conto che potrebbe porre un problema di obiezione di coscienza"

    La pillola del giorno dopo
    1:18 Durata: 4 min 35 sec
  • Umberto Veronesi: "Uno strumento chiaramente abortivo che rientra completamente all'interno di tutte le regole della 194"

    RU486
    1:23 Durata: 2 min 3 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "L'obiezione di coscienza sarà sempre più diffusa e può essere applicata anche laddove non c'è nessuna legge"

    1:25 Durata: 3 min 48 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Il problema è se l'aborto è solo l'interruzione della gravidanza o l'eliminazione di un essere umano"

    1:28 Durata: 1 min 13 sec
  • Umberto Veronesi: "Si rischia di arrivare a considerare anche la fecondazione in vitro una gravidanza, c'è qualcosa di sbagliato da qualche parte se si pensa che in un disegno divino si possano far morire tante vite umane"

    1:30 Durata: 2 min 4 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Si deve lasciar cadere definitivamente questa magna questio se l'animazione è simultanea o ritardata, il problema è vedere se l'ovulo fecondato possa essere considerato un individuo di corpo e anima"

    1:32 Durata: 2 min 18 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Necessaria un'analisi critica su degli articoli che creano dei problemi"

    Legge 194
    1:34 Durata: 2 min 39 sec
  • Rappresentante del Magnifico Rettore dell'Università La Sapienza

    1:37 Durata: 2 min 31 sec
  • Aldo Vecchione, preside della facoltà di Medicina Università La Sapienza

    1:39 Durata: 2 min 10 sec
  • Ilario Favero

    1:41 Durata: 2 min 40 sec
  • Umberto Veronesi: "L'obiettivo è quello di arrivare a non avere più embrioni soprannumerari"

    1:44 Durata: 1 min 7 sec
  • Cardinal Dionigi Tettamanzi: "Nella bioetica dovrebbe rientrare anche il capitolo sulla sofferenza e l'aspetto sociale"

    1:45 Durata: 4 min 29 sec
  • Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera

    1:50 Durata: 1 min 23 sec