21 LUG 2001

G8: Marco Pannella a Radio Radicale

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 11 min 40 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 21 luglio 2001 h11.25 - Roma, 21 luglio 2001 - Marco Pannella è intervenuto ai microfoni di Radio Radicale, nel corso di uno spazio di conduzione, per commentare gli scontri di ieri nel capoluogo ligure e le polemiche seguite all'uccisione di Carlo Giuliani e alle fotografie diffuse dall'Agenzia Reuters, e riflettere sulle ragioni di una "intifada preventivata e prevista".

"Meglio e più globalizzazione delle libertà e del diritto, per evitare lo scontro tra gli Otto delle democrazie reali e le intifade".

Con questa frase Marco Pannella ha concluso il proprio intervento, riaffermando il
punto di vista radicale espresso anche in questi ultimi giorni nel forum "Globalizzazione? Sì, grazie!".

Pannella ha voluto mettere in evidenza il ruolo dei "buoni" negli avvenimenti di Genova, "buoni come Bertinotti", o il "rappresentante eletto da Rifondazione, dalla Francescato e dai Mass Media", Agnoletto, che, "accanto a Gad Lerner, ha ingiunto al questore di ritirare nelle caserme tutte le forze dell'ordine" e invitato "tutta Italia" alla presenza a Genova.Il leader radicale si è soffermato in particolare su Fausto Bertinotti - che in un comizio, al quale "Radio Radicale, come sempre ha dato 150000 ascoltatori", ha parlato di "otto Milosevic" - definendolo "un piccolo nuovo Lenin alla vigilia del trionfo".

Pannella ha poi concluso: "Non è un caso che noi non siamo da nessuna parte, mentre questi "buoni" dilagano".

leggi tutto

riduci