02 AGO 2001

Arafat a Roma: Radicali Italiani, «Israele nell'UE. Libertà e democrazia in Palestina»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 36 min 37 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 2 agosto 2001 h11.55 - «Israele nell'UE - Libertà e democrazia in Palestina», è il titolo della manifestazione organizzata da Radicali Italiani davanti a Palazzo Chigi in occasione dell'incontro ufficiale tra il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e il presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese, Yasser Arafat, per ribadire la richiesta per l'adesione di Israele all'Unione Europea e la garanzia di diritti umani e democratici per il popolo palestinese.Per i radicali questa proposta costituisce l'unica soluzione per garantire la sopravvivenza dell'unico Paese con struttura democratica all'interno del mondo arabo, costringendo al contempo la Palestina ad instaurare un sistema politico che garantisca la democrazia e i diritti fondamentali a fronte della presenza costante di osservatori internazionali nei territori e di finanziamenti UE per migliorare le precarie condizioni di vita dei palestinesi.Su questa proposta, si era - tra l'altro - espresso favorevolmente il vice-primo ministro e ministro degli Affari Esteri israeliano Shimon Peres, nel corso ella Conferenza dei Presidenti del Parlamento Europeo tenutosi a Strasburgo il 12 giugno scorso.

Rispondendo all'interrogazione dell'eurodeputato radicale Olivier Dupuis Peres aveva affermato: "Saremmo molto felici di entrare nell'UE".

Marco Pannella e il movimento radicale già negli anni '80 avanzarono un'analoga proposta per quanto riguardava l'ex-Jugoslavia, purtroppo non furono ascoltati con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.

Ora che la situazione in Medio Oriente si sta aggravando notevolmente anche in seguito all'insediamento dell'amministrazione Bush, dopo che i negoziati di pace sono stati interrotti, Radicali Italiani riaffermano con forza la necessità che l'Europa giochi un ruolo attivo per la soluzione della crisi medioorientale.Il segretario di Radicali Italiani, Daniele Capezzone nell'intervista rilasciata ad Alessandro Caforio nel corso della manifestazione ha anzitutto sottolineato come sulla proposta radicale vi sia "l'appoggio di oltre 30 parlamentari europei, tra cui il vicepresidente del Consiglio, Gianfranco Fini, c'è l'appoggio del presidente israeliano Katzav, c'è il favore espresso dal ministro degli Esteri Peres".

E' necessario "muoversi in questa direzione" anche perché in questo modo si può "conquistare libertà e democrazia al popolo palestinese che non conosce libertà e democrazia, che è oppresso innanzitutto dalla sua classe dirigente".Alla manifestazione ha aderito anche l'associazione radicale Nessuno Tocchi Caino, che - in particolare - ha chiesto l'immediata sospensione delle esecuzioni capitali in Palestina.

Il segretario di Ntc, Sergio D'Elia, ha focalizzato l'attenzione sull'aspetto sicurezza sostenendo che l'ingresso di Israele nell'UE consentirebbe allo stato ebraico di "concedere ad Arafat e ai palestinesi il diritto di avere un territorio, uno Stato in cui i due Stati possano convivere in sicurezza".

Per "smuovere questa situazione che dura da anni" - ha proseguito D'Elia - è quindi necessaria "una svolta politica", dato che Israele non ha applicato le risoluzioni dell'Onu "perché si sente minacciata sul piano della sicurezza"Riccardo Pacifici, membro di spicco della comunità ebraica romana ha avanzato una richiesta: "Fermiamo la violenza, fermiamo il terrorismo e chiediamo ad Arafat di rispettare i diritti umani, chiediamo a Ciampi, chiediamo a Berlusconi chiediamo al Santo Padre di intercedere per tornare al tavolo della pace, per tornare agli accordi di Camp David che un anno fa Arafat ha rifiutato" Presente anche l'eurodeputato Marco Cappato, per il quale "non si può restare neutrali" e ridurre la crisi arabo-israeliana "semplicemente ad una rivendicazione di territori".

La rivendicazione - ha spiegato - deve essere anche di democrazia per il popolo palestinese" e questo "è un punto eliminato completamente dalla copertura anche mediatica della visita di Arafat"Alla manifestazione ha partecipato anche Luisa Morgantini, europarlamentare di Rifondazione Comunista per la quale adesso "il passo fondamentale è far sì che vengano applicate le risoluzioni dell'Onu" in modo che Israele e Palestina possano "convivere pacificamente come due stati separati all'interno del Medio Oriente"Rita Bernardini ha messo in luce che si pone un problema di forma e di contenuto nel fatto che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, "riceva ufficialmente un dittatore, che non è stato eletto da nessuno" e ha espresso la preoccupazione che si possa arrivare ad equiparare "la visita di un dittatore a quella di un capo di Stato democraticamente eletto".Adesione anche da parte della Federazione delle Associazioni Italia-Israele, la cui presidente Chicca Scarabello Falcone, ha dichiarato il proprio sostegno alla proposta radicale, giudicata come "la spinta giusta per Israele".

Se si riuscirà - ha aggiunto - ad uscire dall'impasse dell'interruzione delle trattative e a far entrare Israele nell'UE "il merito sarà sicuramente del Partito Radicale".

leggi tutto

riduci

  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani (Per motivi tecnici manca la prima parte dell'intervento)

    <strong>Indice delle interviste</strong>
    0:00 Durata: 5 min 46 sec
  • Sergio D'Elia, presidente di Nessuno Tocchi Caino

    0:05 Durata: 3 min 4 sec
  • Riccardo Pacifici

    0:08 Durata: 3 min 58 sec
  • Marco Cappato, europarlamentare Lista Bonino

    0:12 Durata: 6 min 4 sec
  • Luisa Morgantini, eurodeputata Rifondazione Comunista

    0:18 Durata: 3 min 4 sec
  • Sergio D'Elia, sull'applicazione "al di fuori da ogni principio di diritto" della pena di morte in Palestina

    0:21 Durata: 3 min 50 sec
  • Rita Bernardini, presidente di Radicali Italiani

    0:25 Durata: 6 min 16 sec
  • Chicca Scarabello Falcone, presidente della Federazione delle Associazioni Italia Israele

    0:32 Durata: 3 min 4 sec
  • Intervista a Daniele Capezzone da parte di una tv privata

    <p><strong>Dall'archivio multimediale</strong>: Shimon Peres all'Europarlamento, Potremmo accettare l'ingresso nell'UE (12.6.2001) Pannella al PE: Israele nell'UE (31.1.2001)
    0:35 Durata: 1 min 31 sec