18 DIC 2001

Banda Larga: Presentazione rapporto Assinform 2001

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 12 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Presentato a Milano il Rapporto Assinform - NetConsulting sul mercato italiano della banda larga, una fotografia del cablaggio in fibra ottica in ItaliaMilano, 18 dicembre 2001 - Giulio Koch, presidente Assinform, e Riccardo Zanchi, partner di NetConsulting, hanno presentato il Rapporto 2001 sulla banda larga: "Il mercato italiano della banda larga.

Dorsali e reti urbane in fibra ottica.

Proposte Assinform per superare gli attuali vincoli del mercato".

Nell'indagine viene evidenziato un sempre crescente sviluppo della banda larga, considerando come principale supporto trasmissivo la fibra
ottica, ma anche la necessità di rimuovere i vincoli che frenano lo sviluppo delle infrastrutture nelle aree urbane.

Il digital devide non tende però a diminuire e gli operatori del settore chiedono a gran voce un intervento normativo chiaro Un paese cablato a metàSecondo quanto emerge dal rapporto i grandi collegamenti in fibra ottica (dorsali) raggiungono tutto il Paese.

Per la ramificazione nei centri urbani e nel Mezzogiorno permangono, però, vincoli amministrativi legati alla Pubblica Amministrazione locale e la questione tuttora irrisolta del cablaggio verticale e dell'ultimo miglio.Nel giugno 2001 sono stati posati oltre 5 milioni di chilometri di fibra, per investimenti annuali pari a oltre 1700 milioni di Euro, per il prossimo anno è previsto un rallentamento della spesa in infrastrutture, ma si prevede di arrivare nel 2003 al superamento dei 7 milioni di chilometri di fibra ottica posata.

"Dall'analisi - ha rilevato Giulio Koch - emerge che gli investimenti sono consistenti.

Ma abbiamo anche verificato che ormai la sfida sta nel rimuovere i vincoli alle ramificazioni urbane e territoriali delle reti.

Sono proprio questi vincoli a rallentare lo sviluppo delle tratte urbane e metropolitane, quelle che consentono di portare i vantaggi della rete al più ampio numero di utenti, coinvolgendo anche le imprese e le amministrazioni italiane." Secondo Assinform, a fine 2001 l'incremento in chilometri della fibra posata sarà di oltre il 25%, grazie soprattutto alla crescita delle reti urbane e metropolitane (MAN, +33,3%), mentre per le reti a lunga distanza (dorsali) la crescita si attesterà al 21,5%.

Nel 2002 è previsto però un aumento delle MAN (+37,4%) e un sensibile contenimento nella crescita delle dorsali (+10%).

Alla fine del 2003 in Italia saranno presenti oltre 7,2 milioni di Km di fibra ottica, di cui oltre 5,1 di dorsali e oltre 2,1 di MAN.Digital devide Il digital devide nel nostro non accenna a colmarsi.

La copertura per il Centro e il Nord-ovest, tra dorsali e MAN (Reti di accesso in area urbana), è rispettivamente del 30,7% e del 30,8%, nel Nord-est del 27%; mentre nel Sud e nelle Isole si registra l'11,5%.

Nonostante si sia registrato un aumento nel Mezzogiorno è evidente che, seppure per ragioni strutturali, il Sud è fortemente penalizzato e si è ben lungi dalla fornitura di un servizio universale.

Vincoli rilevanti e necessità di normative chiareLe previsioni di crescita non sono quindi così rosee, tanto più che in Italia "permangono dei vincoli rilevanti - si legge nel Rapporto - legati alla Pubblica Amministrazione e alla mancata applicazione delle norme relative alla libera concorrenza del mercato dell'accesso, che prevedono, tra l'altro, l'obbligo per gli operatori aventi notevole forza di mercato di concedere agli altri operatori concorrenti l'utilizzo delle infrastrutture a condizioni eque e non discriminanti.

Questione particolarmente scottante relativamente al ruolo dell'ex-gestore dominante""Assinform - ha affermato Koch - ritiene urgente definire un quadro normativo di riferimento certo, regolamentato dall'Autorità per le Telecomunicazioni, che superi la varietà delle discipline vigenti a livello locale e che, allo stesso tempo, agevoli la concorrenza tra gestori, aprendo le infrastrutture esistenti, in attesa che vengano posate quelle alternative".

leggi tutto

riduci

  • Giulio Koch, presidente Assinform

    La prima Indagine Assinform sulla Banda Larga in Italia
    0:00 Durata: 28 min 50 sec
  • Riccardo Zanchi, partner di NetConsulting

    <strong>Link:</strong> Il sito dell'Assinform Il Rapporto 2001 <br>(*per leggere il rapporto è necessario effettuare una registrazione) Il mercato italiano della banda larga - Le infrastrutture in fibra ottica
    0:28 Durata: 43 min 12 sec