09 MAG 2001

Pannella a Pisa: "Non è la sinistra 'alle vongole' di Rutelli l'alternativa alla destra"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 8 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Pisa, 9 maggio 2001, h14.30 - "Berlusconi con una manovra tanto geniale quanto repellente ha già dimostrato di avere la stoffa dell'uomo della Provvidenza per la partitocrazia, per i 44 partiti che ha salvato sabotando i nostri referendum".

Così Pannella conferma la propria previsione di una vittoria del centrodestra alle prossime elezioni ed aggiunge però che essa non sarà "l'Apocalisse", dal momento che la vittoria di Berlusconi "è preparata e voluta dalla partitocrazia nel suo assieme".

Pannella aggiunge infatti che "non è la sinistra burocratica, alle vongole, furba di Francesco
Rutelli che può assicurare" la lotta "che può diventare molto presto urgente e drammatica", contro i "pericoli clerico moderati, corporativisti, autoritari, fondamentalisti" rappresentati dalla vittoria del centrodestra.

In questo contesto, il leader radicale riafferma la necessità di una presenza radicale in Parlamento come unica forza in grado di costituire una valida alternativa, ma avvisa anche che la presenza di parlamentari radicali è seriamente a rischio.

Infatti, sondaggi alla mano, Pannella rivela che la necessità della presenza radicale nel prossimo parlamento è "tanto sentita dagli italiani quanto impedita agli italiani stessi dal regime partitocratico di cui il Presidente della Repubblica è piena espressione".A tal proposito, il leader radicale ha evocato anche l'appello anti-Berlusconi di Bobbio: "Non sono d'accordo né con Bobbio né con gli anti Bobbio, perché egli non si è accorto che la partitocrazia non è democrazia e che questo non è uno Stato di diritto".

Dalla constatazione di questo stato di cose nasce il grande Satyagraha radicale che Pannella definisce "la prima manifestazione neogandhiana, neosocratica, neolaica dell'Occidente europeo nell'epoca della rivoluzione digitale", ma anche la costituzione del Comitato di osservatori internazionali sulla realtà istituzionale e politica italiana, una novità importante che "vuol dire che nel mondo «democratico» si intende monitorare lo stato delle democrazie reali nel mondo".

Pannella ha concluso il suo intervento con un ringraziamento ad Adriano Sofri.

leggi tutto

riduci

  • Icro Maremmani, candidato Lista Bonino al Senato a Pisa, docente di medicina delle farmacodipendenze all'Università di Pisa

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 2 min 30 sec
  • Paolo Pisanti, candidato Camera uninominale Pisa

    0:02 Durata: 57 sec
  • Chiara Banchetti, presidente associazione radicale Libera Pisa

    0:03 Durata: 42 sec
  • Berlusconi, uomo della Provvidenza del regime partitocratico

    <em>Indice degli argomenti trattati da Marco Pannella</em>
    0:04 Durata: 4 min 28 sec
  • Marco Pannella

    0:04 Durata: 32 min 12 sec
  • Un giudizio sull'appello di Bobbio contro i pericoli per la democrazia

    0:08 Durata: 1 min 36 sec
  • "La riforma oggi o è riforma liberale o non è" - "Oggi in Italia abbiamo avuto a Roma anche l'integrazione delle comunità evangelica"

    0:10 Durata: 2 min 24 sec
  • Il grande Satyagraha

    0:12 Durata: 1 min 22 sec
  • Contro la sinistra burocratica, alle vongole, furba di Rutelli

    0:13 Durata: 4 min 27 sec
  • L'alternativa radicale in parlamento è a rischio

    0:18 Durata: 7 min 16 sec
  • Il comitato degli osservatori internazionali

    0:25 Durata: 57 sec
  • Il "caso Sartori" e la peste italiana

    0:26 Durata: 6 min 42 sec
  • Ciampi ottimo servitore di questo regime

    0:33 Durata: 1 min 20 sec
  • Dario Russo, coordinatore radicale di Pisa, sulle iniziative elettorali e di Satyagraha radicali

    0:34 Durata: 1 min 6 sec
  • Marco Pannella: "Il mio pensiero va con grande riconoscenza ad Adriano Sofri"

    0:35 Durata: 34 sec