09 MAR 2006

L'"agenda Giavazzi" e i programmi economici delle due coalizioni. Tavola rotonda a Radio Radicale

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 27 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 9 marzo 2006 - Intervengono Francesco Giavazzi, Daniele Capezzone, Tiziano Treu, Maurizio Revelli, Giuliano Cazzola, Cesare De Piccoli.

Registrazione audio di "L'"agenda Giavazzi" e i programmi economici delle due coalizioni. Tavola rotonda a Radio Radicale", registrato giovedì 9 marzo 2006 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 27 minuti.
  • Giavazzi: i temi della liberalizzazione e le proposte oltre i dibattiti televisivi

    La proposta di Tremonti, di concentrare le partecipazioni dello Stato in una Cassa Depositi e Prestiti, una nuova Iri (senza le capacità manageriali di quella vecchia), per ridurre ma solo formalmente il debito, è una «strada pericolosa» che va in senso opposto alle privatizzazioni. <br>Indice
    0:00 Durata: 4 min 55 sec
  • De Piccoli: il bilancio negativo del governo e le proposte riformiste del centrosinistra

    Riduzione cuneo fiscale sul lavoro; rendite finanziarie e successioni; evasione fiscale.
    0:04 Durata: 5 min 34 sec
  • Capezzone: «l'ombra» del debito pubblico, il fallimento del centrodestra e i «due nemici di Prodi»

    Il Tremonti colbertista. I «due nemici di Prodi»: il programma "pagine gialle" e le promesse "più uno". L'intervento convincente di Prodi sul Corriere, ma servono abolizione ordini professioni e riscrivere ammortizzatori sociali.
    0:10 Durata: 4 min 39 sec
  • Treu: oltre il programma, le priorità di Prodi. Welfare e mercato del lavoro

    Competitività, innovazione, liberalizzazioni, il merito nell'università e nella scuola. «Non esiste rapporto privilegiato della Cgil». Indennità di disoccupazione a termine e contrastare tendenze assistenzialiste; il «bonus bebè» e servizi alle famiglie per conciliare lavoro e famiglia
    0:15 Durata: 8 min 18 sec
  • Revelli: la crisi dell'Università

    La colpa è dei processi sociali, della crisi culturale, della scarsità di risorse. I criteri di valutazione della qualità dell'università, insegnamento e ricerca.
    0:23 Durata: 4 min 55 sec
  • Revelli sul modello danese: libertà di licenziamento e sussidi di disoccupazione

    Il problema dell'adattabilità sul tessuto sociale italiano.
    0:28 Durata: 1 min 41 sec
  • Treu: gli indicatori della qualità delle università e il modello di welfare scandinavo

    Il richiamo al modello scandinanvo: forte competitività con welfare universale di sostegno all'individuo.
    0:30 Durata: 3 min 24 sec
  • Giavazzi: modelli scandinavi e problema del senso civico; dissenso con Revelli sulla valutazione universitaria

    Esistono criteri di valutazione internazionale della ricerca. Si possono modulare i finanziamenti statali sui risultati di didattica e ricerca. Lauree triennali nei paesi più avanzati. A 21 anni «si va a lavorare», chi continua è una minoranza. Battaglia contro gli ordini per inserire neolaureati nelle professioni. Cambiare i concorsi non dare più soldi ai professori che per studente sono pagati più dei colleghi inglesi. Revelli critico sui risultati del triennale, dei crediti e sui metodi di valutazione quantitativi
    0:33 Durata: 9 min 4 sec
  • Capezzone: «Terrore» nell'approccio riformista

    Non la darwinista Inghilterra, ma nella statalista Francia c'è la valutazione del merito degli insegnanti. «Terrore» dell'approccio riformista, «alleato con chi non vuole cambiare nulla», perché si prepara a gestire l'esistente. Nell'interesse di chi sta fuori qualche «shock»: abolizione valore legale del titolo di studio e degli ordini professionali. «Come superiamo la legge Biagi?» Per completarla o per cancellarla? Fare prima chiarezza e scontri necessari perché i nodi verranno al pettine.
    0:42 Durata: 6 min 36 sec
  • De Piccoli: la situazione del paese non permette «riformismo debole», ma richiede riforme radicali e urgenti

    Equilibrio tra «leggi di stampo liberale» ed elementi di concorrenza, il paese ne ha bisogno e il centrodestra non le ha fatte, e politiche di giustizia sociale. Togliere elementi di precarietà dalla legge Biagi. Parametri per valutazione universitaria.
    0:49 Durata: 6 min 24 sec
  • Cazzola: la riforma della previdenza con il tfr e le promesse elettorali senza risorse

    Contrasti interni alla maggioranza e opposizione della sinistra e dei sindacati. Nel programma dell'Unione sulla previdenza complementare forte regia dell'Inps. Il costo della riduzione fiscale sul lavoro proposta dall'Unione. Proposta simile del centrodestra attaccata dalla sinistra. Interessi che «vanno colpiti». La proposta Boeri «interessante». Il bilancio dell'Inps e l'onere dello Stato.
    0:55 Durata: 10 min 45 sec
  • Revelli-Capezzone sul reddito minimo garantito

    Il nodo della cassa integrazione. Sussidio a termine e con lo scopo di diminuire io numero di chi ne usufruisce e il tempo di fruizione
    1:06 Durata: 2 min 25 sec
  • Capezzone: la necessità di shock, il centrodestra che non ha fatto nulla e il riformismo «pallido»

    Il rapporto dell'Economist. Lo «sfregio» della Banca del Sud. La questione del sostituto d'imposta: le «strane» buste paga italiane. «Occorrono idee forti perché il malato è grave e le aspirine non bastano»
    1:08 Durata: 3 min 25 sec
  • Revelli

    La parola "tuttavia" che ricorre nel programma dell'Unione; strumento «antiquato e fordista» della cassa integrazione; la crisi di natalità. <br>Considerazioni finali
    1:12 Durata: 2 min 48 sec
  • Cazzola

    L'Italia della precarietà non esiste, ha una dimensione più contenuta di quella rappresentata. Pensioni: con contributi al 32%, il tfr al 7%, per una pensione privata ci vorrebbe un altro 10% dello stipendio. Ciò determina salari bassi, aumenti insufficienti, costi del lavoro elevati.
    1:14 Durata: 5 min 59 sec
  • Giavazzi

    La prima cosa: riforme senza costi perché non ci sono i soldi. Rapidamente si possono cambiare alcune regole: abolizione ordini professionali; valore legale titolo di studio per la concorrenza tra le università; liberalizzazione del gas; garanzia a chi perde il posto, ma imprese possono licenziare (abolizione art. 18)
    1:20 Durata: 6 min 35 sec