11 SET 2006
dibattiti

Confronto a tre voci sul libro "La favola dell'aborto facile. Miti e realtà della pillola RU486" di Eugenia Roccella ed Assuntina Morresi. Contraddittorio con le autrici e Silvio Viale

DIBATTITO | di Monica Soldano - RADIO - 16:28 Durata: 56 min 11 sec
A cura di Guido Mesiti
Player
La Ru486 è un metodo farmacologico, alternativo all'aborto chirurgico, anche se solo in alcuni casi.

La sua sperimentazione clinica è molto controversa in Italia, dove è cominciata all'Ospedale S.

Anna di Torino un anno fa, sotto la direzione del dott.

Silvio Viale.

Un libro, edito da Franco Angeli , "La favola dell'aborto facile.

Miti e realtà della pillola RU486", ne ridiscute le basi scientifiche e lancia l'allarme: l'aborto farmacologico è presentato come una vera e propria agonia per la donna e dunque non solo non è più facile di quello chirurgico, ma la letteratura scientifica
comincia ad individuare alcune vittime.

Il libro, che sembra voler riproporre una vera e propria crociata contro il farmaco, riapre, in realtà un dibattito pubblico mai sopito anche su altri aspetti come quello della solitudine della donna che abortisce e l'alienazione del corpo sempre più rilevante con la diffusione delle Tecnoscienze e la facile demagogia di ridurre tutto in pillole.

Il dott.

Viale controbbatte alle autrici sia sul piano scientifico, che sul metodo di argomentare ed invoca la necessità di ragionare senza aprire fronti ideologici e contrapposizioni irriducibili.

leggi tutto

riduci

  • Eugenia Roccella

    giornalista

    Assuntina Morresi

    docente di Chimica fisica all'Università di Perugia

    Silvio Viale

    ginecologo dell'Ospedale S. Anna di Torino (Radicali Italiani)

    16:28 Durata: 56 min 11 sec