24 SET 2007
stampa

L' Associazione Luca Coscioni, i Verdi e i Radicali Italiani presentano il progetto "Libertà di parola", primo progetto in Italia di assistenza psicologica e tecnica a disabili gravi

CONFERENZA STAMPA | - Genova - 11:00 Durata: 23 min 46 sec
Scheda a cura di Guido Mesiti
Player
"Libertà di parola" è un servizio gratuito di assistenza per la comunicazione rivolto ai disabili gravi per la perdita progressiva della parola e destinato ai pazienti affetti da Sla (sclerosi laterale amiotrofica) o da patologie assimilabili.

Il progetto è realizzato per la prima volta in Italia dalla Asl 3 di Genova su iniziativa della Regione Liguria che ha stanziato un contributo di 80 mila euro.

L'iniziativa è promossa con la collaborazione dei gruppo consiliare regionale dei Verdi, i Radicali Italiani e l'Associazione Luca Coscioni.

Oltre ad un finanziamento parziale per l'acquisto dei
costosi macchinari (computer e sintetizzatori vocali) in grado di trasformare la residua attività di movimento dei paziente in voce artificiale, sfruttando il movimento degli occhi o di un dito, il progetto prevede anche un affiancamento personalizzato in grado di seguire le evoluzioni cliniche delle persone malate (a Genova inizialmente saranno 8), per sfruttare al meglio le potenzialità di queste tecnologie.

leggi tutto

riduci