20 FEB 2008
intervista

Kosovo: la Serbia è delusa dall'Italia. Intervista all'ambasciatrice Sanda Raskovic Ivic

INTERVISTA | di Roberto Spagnoli - RADIO - 15:23 Durata: 23 min 36 sec
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
Tristezza e delusione: sono questi i sentimenti della Serbia nei confronti dell'Italia per la decisione di riconoscere l'indipendenza del Kosovo.

Sono i sentimenti dell'ambasciatrice serba a Roma, la signora Sanda Raskovic Ivic, espressi a Radio Radicale alla vigilia del suo rientro a Belgrado dove è stata richiamata per consultazioni e poco prima che il ministro degli Esteri D'Alema, davanti alle commissioni Esteri di Camera e Senato, confermasse le intenzioni del Governo.

La tristezza e la delusione espresse dall'ambasciatrice sono dovute sia all'attenzione che il nostro Paese ha mostrato
fino ad ora alle ragioni della Serbia contro alla secessione del Kosovo, sia per l'appoggio che Belgrado aveva dato a Roma per la riforma del Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Nell'intervista la signora Raskovic Ivic ribadisce la posizione serba contraria all'indipendenza sulla base del diritto internazionale e della Risoluzione 1244 e auspica la ripresa di negoziati per una definizione concordata e accettata dello status del Kosovo.

leggi tutto

riduci