14 DIC 2005
dibattiti

Soft Economy: quante divisioni ha la qualità italiana?

DIBATTITO | - FIRENZE - 09:48 Durata: 3 ore 32 min
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione audio del dibattito dal titolo "Soft Economy: quante divisioni ha la qualità italiana?", registrato a Firenze mercoledì 14 dicembre 2005 alle 09:48.

Dibattito organizzato da Symbola - Fondazione per le qualità italiane.

Sono intervenuti: Alessandro Profumo (amministratore delegato UniCredit Group, presidente Forum Symbola), Matteo Renzi (Presidente della provincia Firenze, La Margherita Democrazia è Libertà), Leonardo Domenici (sindaco di Firenze e presidente dell'ANCI, Democratici di Sinistra), Livio Barnabò (amministratore Delegato PEGroup), Aldo Bonomi (direttore
dell'Istituto di Ricerca AASTER), Luigi Campiglio (Docente di Politica Economica Università Cattolica di Milano), Vito Di Bari (docente di progettazione e gestione innovazione al Politecnico di Milano), Giovanni Floris (giornalista, conduttore televisivo, Rai - Radiotelevisione Italiana), Carlo De Benedetti (Presidente delle Compagnie Industriali Riunite (CIR)), Domenico Siniscalco (Docente di Economia politica presso l'Università degli Studi di Torino), Franco Pasquali (Segretario Generale della Coldiretti), Francesco Ferrante (direttore generale di Legambiente), Anna Maria Artoni (Presidente della Confindustria dell'Emilia Romagna), Raffaele Vignali (Presidente della Compagnia delle Opere), Giuseppe Mussari (Presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena), Diego Della Valle (presidente del gruppo Della Valle), Ermete Realacci (Presidente di Symbola, presidente onorario di Legambiente, La Margherita Democrazia è Libertà).

Tra gli argomenti discussi: Agricoltura, Ambiente, Banche, Berlusconi, Concorrenza, Economia, Esportazione, Formazione, Governo, Imprenditori, Impresa, Infrastrutture, Investimenti, Mercato, Produzione, Qualita', Riforme, Servizi Pubblici, Tecnologia, Territorio.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 3 ore e 32 minuti.

leggi tutto

riduci