20 GIU 2008
intervista

Legge 40: un convegno giuridico - medico a Milano

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Milano - 15:39 Durata: 10 min 51 sec
A cura di Delfina Steri
Player
Il percorso giudiziale della legge e la pronuncia del Tar del Lazio nelle parole degli avvocati Ileana Alesso e Maria Paola Costantini.

"Legge 40: un convegno giuridico - medico a Milano" realizzata da Emiliano Silvestri con Ileana Alesso (avvocata), Maria Paola Costantini (avvocato, componente di CittadinanzaAttiva di Firenze).

L'intervista è stata registrata venerdì 20 giugno 2008 alle 15:39.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Bioetica, Donna, Embrione, Fecondazione Assistita, Genetica, Lazio, Legge, Malattia, Maternita', Ministeri, Ricerca, Salute, Scienza, Tar,
Turco.

La registrazione audio ha una durata di 10 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Ileana Alesso

    avvocata

    Il 21 genn2008 viene depositata la sentenza del Tar del Lazio che annulla le linee guida per quanto riguarda il divieto di analisi preimpianto (un provvedimento amministrativo - Min. Salute, luglio 2004 - non poteva circoscrivere la diagnosi preimpianto alla sola funzione osservazionale, escludendo la funzione diagnostico-terapeutica). Una sentenza importante: portata in esecuzione dalle linee guida del Min. Turco che ha perciò stralciato la disposizione giudicata illegittima dal Tar. Ritornano le finalità terapeutico-diagnostiche. Altro aspetto fondamentale consiste nell'aver inviato la questione all'esame della Corte Costituzionale: sulla disparità di trattamento sotto il profilo del censo (violazione art. 3 Cost.); sull'obbligo di impianto dei tre embrioni, sotto il profilo della lesione del diritto alla salute (art. 32Cost.). L'irrazionalità della legge 40 nella pronuncia del Tar del Lazio.
    15:39 Durata: 4 min 37 sec
  • Maria Paola Costantini

    avvocato, componente di CittadinanzaAttiva di Firenze

    Il diritto alla salute nel percorso giudiziale della legge 40 Fino a pochi anni fa non si pensava potesse essere considerato il diritto alla salute della donna e del nascituro, considerazione per il diritto alla salute mancante anche nella legge. Profilo riconosciuto poi dalle sentenze della Magistratura, in un primo tempo contraddittorie (es. Catania), man mano che ci si allontanava dal momento dell'approvazione della legge. Diritto alla salute come diritto fondamentale e diritto alla decisione, all'autodeterminazione. Agire sul versante del diritto alla salute per avere una legge migliore (già avviati quattro procedimenti a Firenze, altri in preparazione a Milano, Torino, Napoli e Roma). Rimane un grande problema sulla questione dei tre embrioni (art. 14 impone trasferimento obbligatorio) Necessario trovare soluzione condivisa di fronte a una legge contraddittoria, un minimo di certezza giuridica anche per dare tranquillità ai medici nel loro quotidiano lavoro.
    15:44 Durata: 6 min 14 sec