16 SET 2008
intervista

Multiculturalismo e pari opportunità: l'esperienza italiana: intervista a Stefano Ceccanti realizzata a margine del convegno "Multiculturalismo e diritti: accomodating diversity"

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Volterra - 12:53 Durata: 8 min 12 sec
Scheda a cura di Alessio Grazioli
Player
La mancata legge sui Dico: La delega ai ministeri Famiglia e Pari opportunità.

L'approccio incrementale e la norma sulle successioni: il ricatto teodem al Senato.

Il ruolo del Senatore Salvi in commissione.

Gli argomenti del dibattito: autonomia dei singoli o pronunce dei giudici non difendono i diritti delle persone, solo le leggi rendono azionabili questi diritti.

Utilizzare il Codice Civile (la legge più importante del diritto privato).

La teoria del penio scivoloso: il vero scoglio.

I ministri Brunetta e Rotondi si stanno occupando della questione, difficilmente avranno successo.
  • Stefano Ceccanti

    senatore (Partito Democratico)

    Ordinario di Diritto Costituzionale Italiano e Comparato all'Università La Sapienza di Roma La mancata legge sui Dico: dallo schema giuridico alla (im)praticabilità politica. La delega ai ministeri Famiglia e Pari opportunità. L'approccio incrementale e la norma sulle successioni: il ricatto teodem al Senato (in presenza dell'indisponibilità dei senatori liberali dell'opposizione). La somma di poteri di veto e il ruolo del Presidente Salvi nella commissione del Senato. Le tesi contrapposte: l'autonomia dei singoli o le pronunce dei giudici non sono in grado di difendere effettivamente i diritti delle persone; nell'ordinamento italiano non sono gli accordi privati tra persone o lo sfrenato attivismo giudiziario che rendono azionabili questi diritti; sono le leggi. Inserire le norme sulla questione nel Codice Civile (la legge più importante del diritto privato). Il vero problema, l'argomento vero, era l'idea che ci si mettesse su di un pendio scivoloso che portasse alla distruzione della famiglia fondata sul matrimonio come riconosciuta nell'art. 29 della Costituzione. Si può sostenere che ciò avviene se non si rispettano i diritti di altri per tempo lasciando polarizzare le cose dal punto di vista ideologico. I poteri pubblici devono riflettere quello che accade e orientare (difficile farlo a proposito di comportamenti privati). Il legislatore può avere un ruolo di armonizzazione. I ministri Brunetta e Rotondi, che si stanno occupando della questione, avranno problemi; è difficile pensare che si formi oggi una maggioranza che porti all'approvazione di una legge
    12:53 Durata: 8 min 12 sec