16 GEN 2010
intervista

Valdesi a Milano: le convinzioni religiose?

SERVIZIO | di Emiliano Silvestri - Milano - 22:39 Durata: 20 min 7 sec
A cura di Delfina Steri
Player
Nello spazio pubblico, opinioni come altre.

Il ritenersi depositari di verità indiscutibili è incompatibile con le democrazie liberali; Il Governo contro la sentenza europea? Un insulto al crocefisso e alle manifestazioni più pure della religiosità.

Registrazione audio di "Valdesi a Milano: le convinzioni religiose?", registrato a Milano sabato 16 gennaio 2010 alle 22:39.

Sono intervenuti: Marco Bouchard (magistrato), Ermanno Genre (docente teologia pratica - Facoltà teologica valdese - Roma), Elena bein ricco (docente di storia e filosofia), Samuele Bernardini (Centro culturale
protestante).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Bagnasco, Cattolicesimo, Comuni, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Docenti, Esteri, Francia, Governo, Istruzione, Italia, Milano, Ora Di Religione, Religione, Scuola, Usa, Valdesi.

La registrazione audio ha una durata di 20 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Marco Bouchard

    magistrato

    La vicenda della sentenza della Corte europea per i diritti dell'uomo a proposito del crocefisso sui muri delle aule scolastiche: le reazioni del Governo italiano e le ordinanze dei Comuni avverse alla sentenza. Il linguaggio giuridico insufficiente ad illustrare il comportamento del Governo italiano, un insulto al crocefisso e alle manifestazioni più pure della religiosità.
    22:39 Durata: 7 min 56 sec
  • Ermanno Genre

    docente teologia pratica - Facoltà teologica valdese - Roma

    L'insegnamento della religione cattolica oggi in Italia; le posizioni assunte in proposito dal Cardinale Bagnasco, che si comporta come se quella fosse ancora religione di stato.
    22:47 Durata: 3 min 43 sec
  • Elena bein ricco

    docente di storia e filosofia

    Quale forma deve assumere la presenza delle religioni nello spazio pubblico? Due risposte sbagliate: quella "identitaria" all'italiana e quella "alla francese", specularmente opposta, che occorre togliere tutte le religioni dallo spazio pubblico. Il modello liberale statunitense sembra invece rispecchiare il dettato dell'art. 18 della dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 10 dic 1948. Un modello di stato (democratico, laico e liberale) neutrale, che garantisce la libera concorrenza tra tutte le opinioni, comprese le opinioni religiose. Quando entrano nello spazio pubblico, tutte le convinzioni, tutte le motivazioni - anche quelle teologiche - sono opinioni. Il ritenersi depositari di verità indiscutibili è incompatibile con le nostre democrazie liberali.
    22:51 Durata: 5 min 52 sec
  • Samuele Bernardini

    Centro culturale protestante

    Un convegno inserito all'interno del ciclo dal titolo: "Le religioni nella società oggi" I prossimi incontri.
    22:57 Durata: 2 min 36 sec