04 MAR 2010
intervista

Regionali 2010 - Cappato risponde a Belpietro: se c'è un disegno è quello di impedire l'elezione di radicali nei Consigli regionali. Al presidente Schifani: nel procedimento elettorale la legge è uguale per tutti e la forma è sostanza

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Milano - 00:00 Durata: 12 min 16 sec
Scheda a cura di Guido Mesiti
Player
Contenitori RAI: Il Cda perfeziona la menzogna contro il regolamento Beltrandi.

"Regionali 2010 - Cappato risponde a Belpietro: se c'è un disegno è quello di impedire l'elezione di radicali nei Consigli regionali. Al presidente Schifani: nel procedimento elettorale la legge è uguale per tutti e la forma è sostanza" realizzata da Emiliano Silvestri con Marco Cappato (candidato alla presidenza della Regione Lombardia nella lista Bonino Pannella).

L'intervista è stata registrata giovedì 4 marzo 2010 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Belpietro,
Beltrandi, Elezioni, Formigoni, Giustizia, Informazione, Legge, Legge Elettorale, Libero, Lista Bonino - Pannella, Lombardia, Par Condicio, Partitocrazia, Penati, Popolo Della Liberta', Radicali Italiani, Rai, Regionali 2010, Regioni, Schifani, Servizi Pubblici, Stampa, Televisione.

La registrazione audio ha una durata di 12 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Marco Cappato

    candidato alla presidenza della Regione Lombardia nella lista Bonino Pannella

    Guardare alla sostanza? Nel procedimento elettorale le liste sono tutte uguali, la legge è uguale per tutti. e la forma è sostanza. Boicottaggio a favore del PD? Strumentalità evidente. C'è poco da rispondere, la cronaca ridicolizza la tesi di Belpietro. Ricordo che gli esposti sono stati presentati sia su Formigoni che su Penati chiedendo l'invalidazione e l'annullamento anche della lista Penati. La storia è storia di denunce radicali per le illegalità che abbiamo riscontrato ancora in questa occasione. Il vicecordinatore del popolo della libertà ammette pubblicamente che il listino di Formigoni è stato chiuso il giorno 24; molte firme sono state raccolte alcuni giorni prima. Illegalità evidenti della campagna elettorale di cui si dovrà occupare la Procura della Repubblica. Se c'è un disegno è di impedire l'elezione di radicali in queste elezioni. Il Cda della Rai ha chiuso per un mese i contenitori televisivi (che hanno eliminato i radicali dopo il loro successo alle europee): la menzogna assoluta si perfeziona. Prima fanno creddre che il regolamento Beltrandi voglia eliminare Ballarò, Anno zero e Porta a Porta, quando chiedeva soltanto che per un mese dovessero rispettare un minimo di regole; poi il Cda decide di disapplicare completamente il regolamento Beltrandi cercando poi, come fa Floris, di addossare a Beltrandi la responsabilità di quella decisione.
    0:00 Durata: 12 min 16 sec