01 APR 2010
intervista

Russia: intervista ad Antonella Scott sugli attentati terroristici a Mosca e in Daghestan

INTERVISTA | di Ada Pagliarulo - RADIO - 11:19 Durata: 29 min 31 sec
Scheda a cura di Guido Mesiti
Player
La rivendicazion degli attentati di Mosca da parte di Dokka Umarov, autoproclamatosi 'Emiro del Caucaso'.

L'ennesimo attentato in Daghestan, una delle tante repubbliche caucasiche cui si è propagato da tempo il fenomeno terrorista.

La normalizzazione della Cecenia e il tentativo del presidente Medvedev di puntare sulla ricostruzione e lo svilluppo economico per sradicare il terrorismo: un compito affidato a Khloponin, inviato del presidente con un curriculum più imprenditoriale che da uomo delle strutture della forza o dei servizi segreti.

Diversità di approccio tra Medvedev e il premier
Putin anche sullla risposta da dare all'emergenza terrorismo.

Il tema della sicurezza, cavallo di battaglia di Putin, riguadagnerà terreno rispetto all'impegno per la modernizzazione della Russia, cui Medvedev intende dare impulso? Le critiche di inefficienza a Putin nei giorni dell'emergenza sicurezza.

Le contestazioni al governo in tempi di crisi si sono tradotte anche in diminuzione dei consensi al partito Russia Unita nelle ultime elezioni amministrative.

Il clima xenofobo nel Paese dopo gli attentati.

Come reagisce l'opposizione.

leggi tutto

riduci