07 DIC 2010
intervista

Intervista a Don Mussei Zerai sulla vicenda di ottanta profughi, in prevalenza eritrei, tenuti in ostaggio nel deserto del Sinai

INTERVISTA | di Giovanna Reanda - Roma - 00:00 Durata: 5 min 14 sec
Player
Da oltre un mese circa ottanta profughi, in prevalenza eritrei, sono tenuti in ostaggio incatenati nel deserto del Sinai da alcuni trafficanti d'esseri umani.

I trafficanti, inoltre, chiedono 8.000 dollari a testa per lasciare gli ostaggi in vita.

"Intervista a Don Mussei Zerai sulla vicenda di ottanta profughi, in prevalenza eritrei, tenuti in ostaggio nel deserto del Sinai" realizzata da Giovanna Reanda con Mussie Zerai (sacerdote).

L'intervista è stata registrata martedì 7 dicembre 2010 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Africa, Asilo Politico,
Criminalita', Diritti Umani, Egitto, Eritrea, Governo, Immigrazione, Italia, Rifugiati, Somalia.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Mussie Zerai

    sacerdote

    Don Mussie Zerai è il Presidente dell'Associazione Habesha, un ong che si occupa di accoglienza dei migranti africani
    0:00 Durata: 5 min 14 sec