14 DIC 2010
intervista

Intervista a Farian Sabahi sul licenziamento del ministro degli esteri iraniano Mottaki

INTERVISTA | di Ada Pagliarulo - RADIO - 13:13 Durata: 9 min 47 sec
Scheda a cura di Guido Mesiti
Player
Il presidente Ahmadinejad ha licenziato il ministro degli Esteri Mottaki, considerato troppo debole di fronte all'Occidente e incapace di evitare l'ultimo round di sanzioni Onu sul nucleare.

Mottaki ha pagato anche il fallimento della giornata mondiale della filosofia, che avrebbe dovuto svolgersi a Teheran e cui l'Unesco ha poi negato il patrocinio.

Nominato al suo posto Ali Akhbar Salehi, capo del programma nucleare iraniano: è probabile che d'ora in poi la politica estera iraniana avrà come priorità proprio la politica nucleare.

Il licenziamento di Mottaki è anche da collegarsi alal
rivalità tra il presidente e lo speaker del Parlamento Ali Larijani, cui Mottaki era vicino.

Il siluramento si inquadrerebbe dunque nel braccio di ferro in corso da tempo tra le due istituzioni della Repubblica islamica.

Da tempo Mottaki era stato depotenziato nella gestione della diplomazia iraniana.

Ma è impensabile che Ahmadinejad abbia agito senza l'avallo, diretto o indiretto, della Guida Suprema Ali Khameney.

leggi tutto

riduci