25 APR 2011
intervista

Lotta alla droga in Iran. L'ONG "Ahang-e Rahai-e Sharg". Intervista ad Afshin Khoshraftar

INTERVISTA | di Francesco De Leo - TEHERAN - 13:11 Durata: 36 min 39 sec
A cura di Enrica Izzo
Player
Il documento contiene l'intervista a Afshin Khoshraftar, Direttore dell'ONG "Ahang-e Rahai-e Sharg" ("La Melodia della Libertà nell'Oriente"), una delle più attive organizzazioni non governative che operano in Iran nell'assistenza ai tossicodipendenti.

Presenti anche alcune testimonianze di ex tossicomani che collaborano con l'ONG.

Sino a venti anni fa in Iran, i tossicodipendenti erano considerati criminali e condannati a lunghe detenzioni in prigione o in centri di riabilitazione.

La polizia arrestava chiunque fosse sospettato di essere un tossicodipendente e le prigioni erano affollate di
tossicomani.

Tra il 1997 e il 1998 i tossicodipendenti cessarono di essere considerati criminali e le organizzazioni non governative furono autorizzate alla loro assistenza.

Per prevenire la diffusione dell'HIV-Aids, iniziò la distribuzione di siringhe nuove e fu reso disponibile il metadone.

leggi tutto

riduci

  • Afshin Khoshraftar

    direttore dell'ONG "Ahang-e Rahai-e Sharg"

    Sono intervistati anche alcuni ex tossicodipendente facenti parte dell'ONG "Ahang-e Rahai-e Sharg"
    13:11 Durata: 36 min 39 sec