07 MAG 2011
intervista

Tea Party Italia: una firma contro le tasse. L'impegno dei candidati di Milano. Intervista a Giacomo Zucco

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Milano - 11:37 Durata: 5 min 49 sec
A cura di Enrica Izzo
Player
L'iniziativa, organizzata con la Confederazione dei contribuenti, presentata durante una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche i candidati sottoscrittori dell'appello.

"Tea Party Italia: una firma contro le tasse. L'impegno dei candidati di Milano. Intervista a Giacomo Zucco" realizzata da Emiliano Silvestri con Giacomo Zucco (portavoce nazionale di Tea Party Italia).

L'intervista è stata registrata sabato 7 maggio 2011 alle ore 11:37.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrative, Anagrafe Degli Eletti, Bilancio, Bologna, Busto Arsizio, Cagliari,
Centro, Comuni, Debito Pubblico, Destra, Economia, Elezioni, Italia, Legge Elettorale, Milano, Pagliarini, Politica, Preferenza, Radicali Italiani, Sindaci, Sinistra, Spesa Pubblica, Stato, Tasse, Uninominale, Varese.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Giacomo Zucco

    portavoce nazionale di Tea Party Italia

    Il Tea Party Italia è un partito che punta a un singolo obbiettivo portare in Italia un forte movimento contro le tasse, lo statalismo, il debito pubblico e la spesa incontrollata. Il tentativo di un avviare rapporto con la politica sullo stampo di quello che attuato dai tea parties americani: un contratto che prevede l'impegno ad abbassare tasse, le spese e agire per il pareggio di bilancio. L'iniziativa si svolge in tutta Italia: Bologna, Cagliari, Varese, busto Arsizio. Adesioni sia candidati Sindaci che alla carica di consigliere comunale, di tutti i partiti e tutti gli schieramenti. A Milano in particolare buon risultato, sia in termini numerici che in termini di distribuzione sull'arco delle proposte politiche; anche il candidato sindaco Giancarlo Pagliarini ha sottoscritto l'impegno. Una risposta che è molto trasversale in senso pieno e non di facciata. Si tratta di un voto di scambio in senso virtuoso. Il candidato sottoscrive un impegno solenne.Se non sarà attuata l'anagrafe pubblica degli eletti promossa dai radicali, il mantenimento dell'impegno preso sarà controllato attraverso la procedura di accesso agli atti.
    11:37 Durata: 5 min 49 sec