27 APR 2011
intervista

Il Majles. Il Parlamento iraniano discute il budget del nuovo anno

INTERVISTA | di Francesco De Leo - Teheran - 10:56 Durata: 38 min 51 sec
Scheda a cura di Delfina Steri
Player
Il Majles ufficialmente chiamato Assemblea Consultiva Islamica, è l'organismo legislativo della Repubblica Islamica d'Iran.

E' composto da 290 membri, eletti con voto diretto e segreto, anch'essi con mandato quadriennale.

L'Assemblea è stata eletta regolarmente ogni quattro anni dal 1980.

L'attuale presidente dell'Assemblea è Alì Larijani, in carica dal 14 marzo 2008.

In questi giorni, il Parlamento discute il Budget del prossimo anno.

A RadioRadicale è stata data la possibilità di seguirne una seduta.

Il documento contiene tre interviste.

Malihè Ebrahimi, giornalista parlamentare iraniana
dell'agenzia di stampa Mehr; Seyyed Kazem Delkhosh, Vice Presidente della Commissione Economica del Parlamento e Portavoce del Piano delle Riforme economiche del Majles; Fatemeh Rahbar, deputata iraniana, Vice Presidente della Commissione Cultura del Parlamento.

Con la Rivoluzione iraniana, i grandi sconvolgimenti politici portarono all'abolizione del Senato e nel 1989 alla formazione dell'Assemblea Consultiva Islamica.

L'Iran da allora diventa una repubblica con un parlamento monocamerale.

Tutta la legislazione deve essere vagliata, sin dal suo inizio, dal Consiglio dei Guardiani in base al principio della cosiddetta vilaet-e faqih, ossia la "tutela del giureconsulto", per controllare che le leggi non siano in contrasto con il Corano e la dottrina islamica, nell'accezione propria dello sciismo duodecimano.

I sei membri laici del Consiglio, giuristi nominati dal parlamento, si pronunciano solo sulla costituzionalitià delle leggi, mentre i sei membri religiosi, nominati dalla Guida Suprema, esaminano la loro conformità con i dettami islamici.

Al vertice del sistema costituzionale e politico vi è la Guida Suprema, eletta a scrutinio segreto dall'Assemblea degli Esperti, a sua volta eletta ogni otto anni dal 1983 a suffragio universale e diretto dal corpo elettorale.

leggi tutto

riduci