17MAG2011
dibattiti

Troppo poco Pazzi. Leonardo Sciascia nella libera e laica Svizzera

DIBATTITO | di Giuseppe Di Leo RADIO - 00:00. Durata: 55 min 13 sec

Player
Presentazione del libro a cura di Renato Martinoni (Ed.

Leo S.

Olschki).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Troppo poco Pazzi. Leonardo Sciascia nella libera e laica Svizzera", registrato martedì 17 maggio 2011 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Spadaccia (consigliere generale dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Radicali Italiani), Valter Vecellio (membro della Direzione, Radicali Italiani), Renato Martinoni (ordinario di Letteratura Italiana all'Università di San Gallo).

Tra gli argomenti discussi: Camera, Cattolicesimo, Chiesa, Cultura,
Editoria, Emigrati, Giornali, Italia, Laicita', Letteratura, Liberalismo, Libro, Lingua, Mafia, Pannella, Parlamento, Partito Radicale, Pci, Politica, Protestanti, Religione, Sciascia, Svizzera, Terrorismo, Vaticano.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 55 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un saluto agli ascoltatori di radio radicale da Giuseppe Di Leo Leonardo Sciascia sicuramente uno dei più grandi scrittori italiani del Novecento ed è quindi benvenuta qualsiasi pubblicazione
Che serva a colmare anche dalle alcuna sulla conoscenza di questo
Complesso è anche discusso
Grande scrittore
Siciliano in queste settimane la casa editrice leonardeschi casa editrice molto raffinata ha dato alle stampe un libero
Intitolato troppo poco pazzi Leonardo Sciascia nella libera laica Svizzera
In cui si colma una lacuna perché vengono raccolte
Raccolti i contributi giornalistici figlio del grande scrittore siciliano pubblicati dal Corriere del Ticino inoltre ci sono anche per la prima volta due trascrizioni due interviste radiofoniche
Nessuno la Radio Svizzera e a capo del libro alcuni contributi
Letterari di critica letteraria di chi ha conosce in maniera approfondita Leonardo Sciascia questo libro è stato curato dal professor Renato Martinoni che in collegamento con lui da San Gallo in Svizzera buona sera professore
Ora per allora voi a tutti coloro che ci ascoltano professor Martino ogni è docente il visto storia della letteratura italiana sul insita San Gallo in Svizzera untore
Di numerose operi di critica letteraria e ed è il curatore di questa
Di questo libro di cui discuteremo con lui e negli studi di radio radicale
Ci sono due persone che a titolo diverso hanno conosciuto conoscono Leonardo Sciascia comincio con Gianfranco Spadaccia minuto
Vogliono ancora Spadaccia avuto una comunanza parlamentare no conta
Occorra Sciascia ricordiamo la legislatura negli anni in cui Sasha è stato il Parlamento europeo dal mille novecentosettantanove
Praticamente del mille novecentottantatré alla Camera dei deputati ad andare
E voglio anche ricordare che Marco Pannella l'inizio di quella legislatura proposte la candidatura di Leonardo Sciascia alla guida della Camera dei deputati
E insieme con Martinoni Leonardo leggera Gianfranco Spadaccia e anche presente collega amico Walter Vecellio benvenuto grazie grazie chi ci ascolta
Scende oneri liquide condizionare il dire che caporedattore del TG due e il direttore di
Notizie radicali vero e poi ho scoperto anche nell'ultima pagina che sei anche ma forse qui c'è un non lo so se c'è un conflitto di interessi se anche il direttore in questa Rivista Tautou motorista internazionale di studi Sciascia anni
Perché è una rivista Nuova annuale è una nuova all'ENEL per uscire ancora il primo numero credo che uscirà tra qualche mese
E naturalmente ci vediamo per questa o primo contributo al professor Martinoni io comincerei con lei
Perché è qui si colma una lacuna con questa pubblicazione che raccoglie gli interventi di Sciascia sul Corriere il Ticino e le due interviste
Alla Radio Svizzera mai azzardato dire che è stata la Svizzera scoprire
Lo scrittore Leonardo Sciascia
Ma
Forse è un fatto dal dato nel senso che sarebbe una posizione
Un pochino nazionalistica
Sciascia evidentemente è stato subito accolto in Italia quello Graffeo la sua domanda un fondo di verità nel senso che
Lo scrittore Leonardo Sciascia ha ottenuto il suo primo importante riconoscimento nel mille novecentocinquantasette
Quando a Lugano finte il premio liberarsi Campa libera apparirà lei può fare un giornale tali
Su cui poi c'è la scelta scrisse accanto al Corriere del Ticino
Al di là di questo voler fra o una forza il premio di Verona Toppan nella ingiuria avranno maniera ai fa Saliani svizzeri
Era un sogno molto terzo non era porta totale casi di periti
Non vinceva chi era raccomandato vincevano le come dire le persone giuste lo aveva vinto ma
Correvano vinto prima lire Leonardo Sciascia anche altri autori vorrei
Dare copra Tonini fare soltanto un nome oppure vorrei ricordare che
A Libera stampa si affacciarono Pasolini e tanti altri ecco
Da quella prima esperienza è nato poi non sono un riconoscimento di o letterario che più mi lascia messa di pubblicare
Due
Racconti presentata libera stampa insieme a un terzo presso Einaudi nei via gettoni Dottorini quindi in una sede e stava terminando un pochino il suo percorso ma ira
Certamente molto prestigiosa
Ed è stato anche questo un po'il momento in cui
è iniziato un rapporto
Non solo di tipo intellettuale culturale ma anche umano che noi abbiamo cercato di documentare in questo libro
Professor Martinoni quando io ho letto questo libro
Io ho letto diciamo non non l'opera omnia di Sciascia ma parecchie cose mi ha colpito molto questa
Definizione di Sciascia della libera e laica Svizzera
Perché l'UE aveva una grande ammirazione per la Svizzera
E non solo perché i premi letterali non erano come non non solo come oggi in Italia
Appannaggio dei raccomandati ma proprio perché era un
Anche una forma mentis libera laica svizzera che Sciascia non ritrovava in Italia e il mio pensiero è andato in parallelo un altro grande estimatore della Svizzera che è stato don Luigi Sturzo
Allora le chiedo ma allora la Svizzera è effettivamente quel Paese libero e laico che prima Sturzo e poi Sacha hanno evocato nei loro scritti
Guardi io sono svizzero e non vorrei passare era come l'ho detto prima Giana un'azione di entità anche il mio Paese che ha pochi difetti anche qualche virtù come succede da voi succede in tutti i Paesi democratici del mondo la cosa più più bella da dire comunque resta quella
Che ci permette insomma dividere in
In una realtà che tutto sommato è ancora democratica dall'intera certamente una tradizione democratica molto lunga e
Come lei
Insomma almeno in due grandi momenti della storia italiana
Ha fatto sì che l'Italia avesse un punto di ritmi Italia
Diciamo così liberale antifascista all'Italia risorgimentale quindi l'Italia che voleva una una libertà che ancora non l'aveva prima dell'Unità e questo fatto si dicevo prima che la Svizzera forse un luogo di riferimento per molte persone lei citava don Sturzo ma se ne potrebbero citare
Tantissimi altri sia in epoca risorgimentale sia anche
Durante il fascismo e in particolare durante tempo della guerra
I reparti ebbe pensare a
Filone ma si potrebbero ricordare grandi figure come Luigi Einaudi quindi
Economica ho soltanto scrittori
Oppure anche poi democristiani però
Potremmo ricco allettante tenta in questo senso
Il riferimento però alla liberali laici intera
Viene data una città in una lettera che scrive in un momento di rabbia ha un suo amico del Cantoni sul FAS
La rabbia nasce nel momento in cui Leonardo Sciascia guarda alla Spagna franchista
Guarda invia un Paese non democratico e guarda anche al ruolo della Chiesa cattolica e alle sue collusioni quindi a certe responsabilità
In questa veste dice
Vorrei scrivere di queste cose ma non posso farlo in Italia fallo vivi nella libera e laica Svizzera
Non so se fosse una boutade ma
Comanda c'era che era in questo per dire io sono prudente perché cerco come dire di di parlare da persona che è stato al di fuori dei confini quindi devo anche
In qualche modo rispettare e parlare con rispetto e lo faccio senza nessuna forzatura evidentemente ma
Questo poi ci permette anche di dire altre cose evidentemente che la Svizzera per Sciascia non è soltanto
Un luogo dove si poteva andare a comperare
La la cioccolata o le sigarette no era anche un luogo in cui si trovava bene
Non solo perché ci sono e ci eravamo allora gli svizzeri ma perché c'erano anche gli italiani forse di questo potremo parlare dopo
E mi scuso se sto monopoli invitando questa no no non sanno Polizzano del resto Junes sono adesso la riterrei un paese finché è stato un Paese di grande emigrazione da parte dell'Italia aspetto che forse qualche volta non viene guardato di Sciascia cioè Sciascia spesso viene guardato come scrittore come scrittore dell'AMA come
Scrittore su cui parlo del terrorismo vorrei aggiungere
C'è anche l'emigrazione che lei che interessa molto questo siciliano e invece da lui di farci incontrare gli emigranti ed è un'esperienza fin qui possiamo parlare più tardi non solo
Ci ritorneremo perché nell'incontro di Sciascia con gli emigranti Sciascia può individua anche un limite della Svizzera perché è un Paese
Confederale dal punto di vista dell'organizzazione politica nella forma di Stato e poi dal punto di vista linguistico entri linguistico
E tuttavia dice in una sua
Il suo contributo scritto giornalistico e tuttavia da Svizzera è condannata a non avere una sua propria storia
è vero perché è molto interessante questa questa formula di Sciascia ma si ricorda qualche tempo fa mi Realacci da Gheddafi ha fatto una proposta che
Capra sorridere ma ci ha fatto un po'arrabbiare Gheddafi aveva proposto di partire da subito il PD cancellarla amo dalla realtà geopolitica del mondo mandando la parte di lingua tedesca in Germania mandando quella francese in Italia in Francia e quelle Italo
Con l'Italia
Per cui insomma
C'è qualcosa dietro questa situazione
Che la Svizzera non abbia una storia e vero possa io mi chiedo mappale re all'emersione ha una storia
Ci sono le storie vere ci sono le storie inventate gli ordini storici come Osvaldo e hanno scritto mi sembra di poter dire cose interessanti intorno all'invenzione della nazione
E allora è vero che anche noi abbiamo come dire degli eroi che non sono mai esistiti che pure
Vengono in qualche modo ricordati Guglielmo Tell eccetera forse più grazie a Rossini oppure il che non ha la nostra storia
Però è anche una storia credo di convivenza in fondo storia non ha solo bisogno di figure eroi i cavalieri del Medioevo e di battaglie di sangue o di Sabattini
Ho visto tanti certi poi i navigatori ma insomma qualche volta basta anche un po'io credo organizzato cosina è quel meno che niente il fatto di riuscire a convivere farsi la forca
In questo senso mi pare di poter dire diamo anche qualche piccolo esempio abbastanza abbastanza utile
Non molto interessante presso Martinoni le sue suggestioni
Non so se Gianfranco Spadaccia di condivide in toto perché qui
Cadiamo su un tema che politico di politica della cultura o di culto
Della politica se preferisce ma io credo soccombe sono anch'io convinto che questo libro con mano una laguna molto importante
Il
Che ci risolve anche alcuni interrogativi e ce ne pone degli altri
L'attrazione del siciliano per quest'altra marca di frontiera questa espressione torna spesso Losine alcuni saggi critici sia in alcune sue
Risposte agli intervistatori
La li Solano
Che che che appartiene a una cultura che legale della lingua italiana e della cultura italiana ma è separata dal continente e dall'altra parte
Una frazione di lingua italiana una parte la via una lingua italiana che è anche patria di alcuni che non condividono però
Il territorio la cultura la storia dell'Italia
Condizione che Lupoi estende anche
Alla
I I
Gli svizzeri tedeschi agli svizzeri di lingua tedesca gli svizzeri di lingua di lingua
Francia intese
E credo che ci sia poco in un in un saggio critico e c'è questa poi questa attrazione fra queste due isole
Rispetto all'Italia ca rispetto alla alla Alfa continente all'Italia continentale
E queste due ma anche di frontiera lui est la estende anche a una terza Maccari mantiene che è quella triestina della cultura triestina cioè sono tre punti
Che che evidentemente che lui che che richiedono la sua
E credo che
Mi sono chiesto il perché al di là delle contingenze della vita
Evidentemente l'interesse della cultura italiana di lingua tedesca ma anche di poiché la cultura francese della Svizzera francese e soprattutto della Svizzera tedesca rispetto a certe però hanno sollecitato vi sono due
Ho letto che il contesto in toto modo sono stati pubblicati per capitoli con una volta veniva nell'Ottocento per tutti i grandi romanzi popolari
Francesi e non solo
E questa io credo che ci sia stata da parte del del di di Sciascia è una ricerca costante da una parte in in Francia la ricerca del suo e della scrittura se de della letteratura se del settecento che è stato il suo grande
Modello le citazioni Montaigne e poi il riferimento sola
I rapporti fra la cultura fra la letteratura dell'ottocento francese la letteratura verista ASI velistica siciliana e
I la cultura illuminista dell'Illuminismo francese
E credo che in Svizzera ci sia questa ricerca appunto della libera la lega Svizzera laica due titoli
Perché in quanto ma in qualche modo partecipe delle il de della cultura illuministica ma anche perché affonda che in quella riforma religiosa
Calvinista che mi ha fatto una una marca di confine assolutamente singolare
Perché separava
Fortemente due culture religiose quella cattolica e quella riforma su questo punto naturalmente io mi ricordo una lingua ma ci ritorniamo poi corposo Martinoni invece
Siccome
Spadaccia citava la Sicilia e Trieste come luoghi per Sciascia di confine e faceva questo parallelismo
Io dico e ripeto che Sciascia a un uso della lingua strepitoso permetterà insieme compirà vitello impiantati a cui lui si richiama e ieri diciamo latteria del del ogni studente devo riconoscere l'uso della lingua non bonus leggere Pirandello
Danni da e Sciascia e Sciascia lo chiedo Asciano decennio e Manzoni appunto si richiama naturalmente al magistero paventa tutti i grandi scrittori novecento di Manzoni sia ben laico liberale cattolicoliberale Manzoni sia dal punto di vista della lingua su questo primo punto chiedo attento
Un parere e poi ritorno su Martinoni perché
L'osservazione della punteggio
Diciamo Jean nella prosa è una punteggiatura di tipo manzoniana
E si vede chiaramente che ha imparato da Manzoni l'uso della della punteggiatura ma il richiamo a Manzoni all'Arco cattolicoliberale è un punto fondamentale in anche in questi scritti che noi viviamo
Non c'è Manzoni è sempre stato adesso non voglio fare il non sono filologo non non mi non mi addentro su questo
Su questo terreno però sull'altro filone Manzoni non c'è dubbio è sempre stato una sorta di stella polare per Leonardo Sciascia
Leonardo Sciascia che
Posso non voglio usare un termine forte è stato estremamente critico verso la Chiesa cattolica
Però non credo abbia mai viste Lignati il termine cristiano evitava alla valenza del termine cristiano appunto quel significato che se ne può cogliere il Manzoni
E poiché il senso dalla giustizia
Esattamente così come tratteggiato
La colonna infame in certi capitoli dei Promessi Sposi io richiamo credo che sia fortissimo evidente trasparente naturale
Se mi consenti prego un link perché abbiamo parlato troppo poco passi ma è curioso anche questo titolo
Da dove scaturisce
Perché c'è un richiamo alla corda passato che uno dei racconti ed una delle raccolte di saggi di Leonardo Sciascia in questa raccolta di saggi ce n'è uno specifico che appunto la corda pazza ci si fa
Allora Luigi Pirandello il berretto a sonagli e I Siciliani questo specie di cosa è diventato uno slogan
C'è la coda civile c'è raccolta seria cioè la corda pazza e agli svizzeri appunto si rimprovera
Di e non avere questa coda passano è un rimprovero estremamente
Come dire benevolo e sorridente
Prima si è detto che c'erano molte
Affinità a me non stupisce affatto
Il richiamo
Leonardo Sciascia scrisse intanto
Perché Leonardo Sciascia autore
Conosciutissima ancora molto da scoprire noi abbiamo un signore che vive tra la Cal muto
E poi si sposta Caltanissetta negli anni Cinquanta quindi non c'erano computer i mezzi di comunicazione erano quelli che erano ci scriveva credo con la macchina prescrive ho amato niente di più lui scrive con la lettera ventidue Essael con prima comunque o a mano
Per francobolli lettera se si guarda la collezione di galleria
La rivista che lui dirigeva per l'editore di Caltanissetta Salvatore Sciascia omonimo che non è parente
Siccome che in quegli anni cinquantuno estivo che è straordinario numeri dedicati alla letteratura dalla Jugoslavia fascicoli con la letteratura medica è veramente spaziava in
A livello internazionale
Dal
Paesino picco in cui apparentemente si trovava e
Presso la Fondazione Leonardo Sciascia sempre a Racalmuto
C'è una quantità di faldoni che
Documentano l'attività diciamo sommersa oscure dietro i suoi libri
E di Lonato cioè era uno che lavorava accomunate non fosse nato in collegamento va quindi non mi stupisce che poi sì è arrivato alla Svizzera segnalato il premio di cui si è detto non solo è il premio che lunga vita talmente si è guadagnato come per la sua parte
Ma è l'unico Paese a cui ha accettato di concorrere
Anni dopo quand'è in auto il loro lo concorre non mi ricordo sono bancarelle o che
Louis che non ne sapeva niente rompe il contatto con inaudita Sardegna
Per dire quindi e ancora più importante a questa cosa poi
Ci sono alcuni articoli credo su libera stampa prima che sul Canton Ticino che sono rivelatori c'è un articolo sulla mafia
Dove avrei censisce di fatto un il libro di Renato candida un carabiniere settanta e
è però no questa mafia Edipo scusi di Renato candida mi pare no
Sì ecco allora mi scusi note rotte privo di un anno prima che uscisse il giorno della ceto mandiamo nei centosessanta e
E uso ed è una recessione a questo libro che andrebbe ancora oggi pubblicato riletto con molta attenzione anche se certamente la mafia non è più quella mafia
Che era in atto candida allora descriveva il modello del capitano Bellodi è sulla falsariga di questo Renato candida poi
E il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa equivoche pensa di essere l'unico il protagonista del Giorno della civetta no questo Renato candidato fare ce n'è un anello debole infatti Sill o non lo si esplicita tra l'altro
Nell'in una delle interviste radiofoniche
Sciascia diceat se non fosse caduto il fascismo ci saremmo liberati della mafia ma era una delle provocazioni non era sicuramente una boutade perché con lui motiva questo ma restiamo al rapporto Sciascia Manzoni presso Martinoni perché è bello quello che scrive Sciascia i Promessi Sposi
Scritto da un fervente cattolico il libro della laicità italiana
La più grande di viva inquietante rappresentazione la più dura implacabile diagnosi la più razionalmente pessimistica visione che la storia italiana il sentire civile degli italiani
L'uno e l'altro condizionati determinati dal cattolicesimo
Bellissime affascinante questa spiegazione del Manzoni dei Promessi Sposi e dell'opera omnia ma come mai non si riesce a spiegare ai ragazzi quello che è stato Manzoni quello che ci dice di Manzoni Leonardo Sciascia professore
Ma intanto la sua
Così quello che sta che che ha appena detto mi fa venire in mente una cosa e cioè che
Qualche volta magari si può parlare di di cose reali oppure di cose problematiche anche senza stare su fronti contrapposti
Meglio dire tenerla cattolica Italia il cattolico Manzoni può scrivere un libro che in qualche modo vuole anche descrivere una realtà vuole mandare dei messaggi no
E questo senza arrivare a delle guerre mi pare una cosa non del tutto banale
Ma come diceva prima il dottor Vecelio
Manzoni terrà per Sciascia è un faro per usare una parola mancare i francesi uno dei grandi anzi è il lo scrittore più grande fu abilmente anche se
Come è stato detto giustamente prima non bisogna dimenticare
Garda per esempio al quale tra l'altro dedica un articolo uscito sulla
Sul libero stanca sì però professore mettono scusi se interloquisco
Tuttavia sia Garda sia
Pirandello e credo che sarebbe d'accordo lo stesso Lonardo Sciascia sono di un gradino inferiore in almeno nell'uso della lingua Manzoni
Ma su questo io non voglio discutere perché dovremo chiedere da un lato gli storici della lingua Istat poi non posso ma per esempio su una punteggiatura non trova il fatto che il Sassa abbia avuto un'influenza manzoniana
Non sono in grado di dirlo Gualtiero Sciascia era un uomo in una grande lucidità era un uomo tra di loro nuovi solo qualche organo insomma non l'ho conosciuto quindi
Posso solo dire quello che ho ricavato le da Louise leggendo la sua opera
Sciascia che era un uomo fu una grande lucidità diffuso prima che
Andava verso
Una certa verifica insomma questo è uno dei suoi grandi
Quei grandi desideri e lo vediamo informa anche molto raffinata anche inoltre che sono state criticate come per esempio l'affaire Moro
è chiaro che questo modo di di muoversi questo modo di pensare
E di intendere che le cose usciti operare all'interno della della realtà alla ricerca di una verità essere sempre relativa evidentemente
Si riverbera su stringo insomma la lingua di uno scrittore non è mai qualcosa di semplicemente ornamentale in mare figli a dire o madre di quello che lo scrittore poi in questo senso e chiaro qui
Manzoni è un punto di riferimento importante
E forse possiamo che dico insomma maggiori era era un cattolico certamente insomma cattolico sarà sui generis figlio anche lui tutto sommato di
Illuministi non dico
Non dico nipote per non così scadere nella retorica ma ma poi Maggioni un lombardo che questo interessante secondo me non lo scrittore siciliano che in fondo
Mettendo
Sulla tavolo da una parte
E per cercare come dire prima attivo classifiche ma
Da una parte mette Giuseppe Tomasi di Lampedusa in quegli anni poi esplode
Paglia con il suo Pappalardo
E dall'altro Manzoni specie nelle scuole non eletti o in genere con
Molta passione sappiamo come è stato giustamente detto spesso la colpa non è di Manzoni ma insomma va cercata altrove e in questa
Questa specie di bivio D'Ercole lasciano una dubbi dice Manzoni colui stessa parlare della gente uno scrittore
E sa indicare diciamo fino al popolo mi scuso se uno la parola magari è un po'demodé
Maschile Lampedusa questo poco fa assoluto non lo sa assolutamente fare ecco
Mi sembra che questo sia un un elemento sul quale si potrebbe anche
Pochi
Certa guardi professore la parola Popolo sarà démodé ed altre parti ma Radio Radicale e sempre di attualità
E tra l'altro riguardo al Manzoni lombardo milanese sente né in una delle interviste radiofoniche Leonardo Sciascia dice di Milano si a Milano mi trovo bene Milano la città più italiana che ci sia
Nel senso che di tutti gli italiani mentre in altre città come a Roma
C'è troppa Molina si direbbe ampi in napoletano troppa mescolanza si incontra anche chi non si vuole incontrare
Come a Palermo in quattro righe ha messo insieme Milano o Roma Napoli e Palermo
Gianfranco qui ci sono due grandi problemi
Di che assillano secondo me Sciascia il primo è il rapporto con il cattolicesimo
E con la Chiesa quindi con la gerarchia con il potere lo distingue naturalmente come sarebbe Marco Pannella il potere Vaticano dal la religiosità dei credenti
E poi l'altro problema che riaffiora sul piano letterario
Ed è la sua critica alla visione del meridione nel Gattopardo di Tomasi di Lampedusa mentre lui rivaluta mondi sotto il Vice eredi verrebbero Berto
Cosa ha mitici su conti hai avuto mai occasione di confrontarci voluto che tu hai avuto la fortuna l'avventura di
Divise nere sugli scranni parlamentari comma con Sciascia a fianco sì ma
Veramente parlavamo di culto di cultura di letteratura si parlava di più di politica ricordo solo una volta e con Pannella parlammo di camion
Che
E mi colpì il fatto me colpito sempre il fatto che lui fra i suoi referenti grandi referenti
Quindi sono stati citati alcuni
Ma io voglio ricordare borghi ex uno svizzero Dürrenmatt
Che ritornano anche qui
Questi
Questi oltre ad IVA ai siciliani Pirandello Brancati certo
C'è un
Stavo dopo vuoi dire che non non parlavi di politico con Pannella se non riguardava il camion unicorno avevano realizzato
Mi meravigliava e mi meraviglia tuttora il fatto che su camion rule grande attenzione non non ne ha mai avuto io almeno non ho incontrato
Scritti su camion forse l'Agenzia nei dati vengono raccolti aggiungere comma invece lei beh
Parlando della peste dell'onorevole te le venne fuori un un estimatore di cammino ecco e siccome sia Marco sicché io per ragioni generazionale siamo stati molto influenzati
Da almeno da questi libri da questi testi di cammino
Questo era questo è quello che ricordo
Per quanto riguarda il il rapporto io
Credo
Una volta quando professore ha citato prima l'affaire Moro che sarà molto criticato da alcuni da altri mi io ho molto apprezzato comunque Bartoletto fra molto letto fra gli attrezzature di sera bel politica scritto delle belle cose sull'affermò
E Belpoliti in un certo punto disse che Sciascia erano scrittore
Uno scrittore
Barocco
E io mi preoccupai molto perché era l'ho sempre definito uno scrittore illuminista
Ma interessano molto l'intervista
Lo la penultima interviste che pubblicare qui molto interessante perché molto
Mille novecentosettantaquattro dottor culturalmente consistente in cui quello che vien fuori proprio
Questa contraddizione
Di scrittore barocco che etico e al contempo di scrittore illuminista
Di scrittore barocco legato alla cultura della sua terra alla lingua linguaggio della sua terra lingua legato alle contraddizioni della sua della sua terra
Per la sua unica al mondo più ancora che detta sulla Sicilia e dall'altra parte questo attrazione
Per per per le per per il mondo dell'illuminismo
Questo punto aggiungerei a Parigi perché alla Svizzera anche
Milano che è stata la patria dell'illuminismo dell'illuminismo italiana poi io lessi neanche alla legge il il libro che scrissi sulla letteratura degli anni Settanta Belpoliti e mi resi conto che non c'era l'ha voluta contrapposizione dei due becere termine questione in questa intervista
Io
Ho ritrovato contemporaneamente dei brani che sono quelle non citare il suo non citerò per brevità ma che mentre illustrano da una parte
La
La sua sicilianità Luigi diceva sì CiVIT turbine e i Coen questa suo attenzione questo a suo rivolgersi sempre alla cultura
Illuministica
E non è un caso che poi nel suo densamente non ha lasciato disposizioni sui sui sui suoi funerali e i suoi funerali sono avvenuti nella chiesa più barocca e con il rito più barocco e si possa immaginare nella sua nella sua reca aumentando cioè lui un uomo della sua terra
E viveva e la sua vitalità creativa è proprio legata a questa contraddizione a questa attenzione
Fra la condizione esistenziale che vive IVA e l'aspirazione diciamo così riformatrice il morale che ha contraddistinto civile c'è civile
Qui ci sono anche alcune parole su un certo cosa muove la sua letteratura
La sola letteratura nuove l'indignazione civile lo dice in un brano che neanche questo però
Citerò ma lo dice lo spiega
Cioè quello che lo fa star male quello che lo spinge poi è la molla che ero ricerca anche a travette lo spinge anche attraverso l'uso e di cui duro armate
Browser il riferimento Borders presso
L'uso del del del meccanismo del del del del giallo
Per né nelle sue ancora perché questa credo che è l'indignazione civile e il
Scendere in campo attraverso la lettera la letteratura come impegno con ittico sociale in questo era la risposta che la tela navi si dette mi aspettavo
E
Lancio la palla alla filologo dicendo io perché a Spadaccia ha citato
Ha citato camion ma tutta la letteratura francese secondo me è la letteratura di ispirazione perché Montello poi cita Mauro come il più grande scrittore poi cita Zola
Riferendosi al ruolo dell'intellettuale ai tempi di insomma l'intellettuale contava mentre oggi conta la televisione e allora la risposta al filologo giornalista televisivo facendo
Ma allora Montaigne e sicuramente cioè c'è un passaggio molto basta che il capitano dove di cita un passaggio proprio dei saggi di Molteni dove dice ci vuole un bel coraggio per un'opinione
A ad arbustiva qualcuno dopotutto significa dare un bel penso alle proprie opinioni se per esse si fa cuocere vi fu un uomo gli ho detto
Ma ma lo hai citato ma ci sono altri due scrittori che lui amava molto più di una volta dico ogni tanto quando veniva a Roma ero ragazzetto non so per quale ragione ma l'ha preso in simpatia di portava a spasso per leggerli questa incomprensibile per
Anche anche grandi hanno delle debolezze e citava Bernardo e CID perché Bernardo recita perché ben adotta scrittore cattolico aveva parlato male
Del luogo che ritengo buoni di di chiesi cattolici vado giocato durante la guerra di Spagna e dieci perché no comunista aveva parlato male dell'Unione Sovietica
E a
Parlato male aveva rivelato e aveva descritto quello che si accadeva in Unione Sovietica e quindi per noi questi due scrittori che andavano anche contro la loro parte costituivano una sorta di
Punto di riferimento
Poi vado in pillole non c'è dubbio che Ilardo Sciascia non amava Roma c'è stato un periodo in cui
Ha vissuto a Roma quando curava predittore Bati negli anni Cinquanta
Alcune collane alcuni libri assieme a Pasolini è scappato via mentre invece andava molto volentieri a Milano e anche a Parigi dove per un certo periodo di tempo ha avuto la residenza presso un
Suo amico Ferdinando Scianna
Manzoni ma prima si è detto
Adesso vado si ricordi sulle cose che mi raccontava parlandovi di Manzoni e avendo io ho scoperto la mia straordinarie ignoranza dovuta a una lettura scolastica ero convinto
Che don Abbondio morisse nella testa
Pensate un po'che razza di
E dice sì sì la provvidenza quello che insegnano a scuola allora
Dove venite fate Cristoforo vuoi come la peste tutte e due quindi quando si tratta di ammazzare qualcuno guarda in faccia nessuno avesse non sia il vero alla fine si sposano per vivere felici e contenti devono scappare dalla Repubblica veneta
Chi è il male del Paese don Abbondio il simbolo della Poussin la dignità queste la provvidenza ma
E lì mi ha dato una lettura dei Promessi Sposi completamente diversa dalla lettura tradizionale scolastica
Poi indizione di De Roberto lo sosteneva che quello è un mattone mica male
Che chi legge quel libro capisce dalla storia d'Italia molto più che in decine di altri disagi sto saggi storici
E
L'ha detto lui me lo sono preso me lo sono letto e in effetti se prendiamo devo perfetto i vecchi i giovani di Pirandello anche io credo che dalla storia d'Italia e di quello che siamo oggi si capisce molto
Sul giallo nel giallo cioè le caratteristiche di Sciascia che solitamente si comincia con un mistero
E poi si va verso la soluzione del mistero del giallo del delitto
Sciascia c'era un altro usare il criterio inverso
All'inizio si sa tutto poi mano a mano che si procede c'è una grande confusione non si sa più niente ecco io credo che siano questi volevo dire queste piccole pillole che
Sentendo qui e io ho avuto un ritorno al polso Martinoni
In preparazione di questa nostra conversazione
Che credo sia di grande interesse vecchi civile ascolta o sfrucugliate uno un po'di liberali
Perché ho girato per Roma liberi e più significative e più importanti potrei anche citare perché qui non è in maniera pubblicità ma insomma
Ebbene ho scoperto questo Martinoni che non c'è dunque nessuna di queste librerie all'opera omnia
Di
Di Sciascia occorre prendere le singole opere però mancano poi
Manca quell'opera manca quell'altra tre volumi di Bompiani non le trova sono finalmente un libraio attento filologo mi ha detto no son fuori catalogo
Quindi oggi in Italia un ragazzo che volesse perché come dice Sciascia bisogna aspettare quindici anni per poi riscoprire lo scrittore non avrebbe la possibilità
Allora io chiedo ora al professor Martinoni e qui ne faccio una domanda di politica della cultura perché e negli anni in cui Sasha arriva in Svizzera scopre la libera laica Svizzera ha un rapporto molto forte con Gianfranco Contini
Sul piano della critica letteraria della
Italianistica insomma della critica letteraria Contini crea una bella scuola in Svizzera
Padre Pozzi sarà poi li reti di Contini che ha insegnato per Friburgo è stato un grande maestro di generazioni allora unico dobbiamo aspettare qualche iniziativa
Ed etica per trovare finalmente di nuovo nelle librerie l'opera omnia di Sciascia
Ma guardi in modo uguale dappertutto certo bisogna ricordare l'avete fatto voi già in parte all'inizio che la Svizzera che traduce CIACE in tedesco questo mi sembra importante perché non solo il contesto di Totò modo escono
Come diceva lei sembra un po'il quieto vivere i quotidiani dell'ottocento di Siena stanno eccessi
Tutti sulla noi perché il traghetto e sul giornale
Pimpante la Svizzera aggiornare di lingua tedesca
Ma
I primi libri di Sciascia escono inviterà il giorno della civetta il Consiglio d'Egitto ciascuno il suo fino a Candido
E la cosa che poi forse anche segnalare da un po'non ridere ma tutte queste opere escono presso editori cattolici potrebbe essere una specie come dire una cosa molto strana nel senso che qualche volta potremmo immaginare che
Come di un editore cattolico non siano non potesse essere particolarmente aperti confronti uno scrittore come Sciascia
Eppure qui da noi è successo questo e attraverso
Sta opere importanti traduzione e di diffusione Sciascia poi ha cominciato circolare anche in Germania che come sapete
E molto più grande della libera arriverà otto milioni di abitanti la Germania ne ha dieci volte di più
Ma questo da un lato
Comma tenga
E cosa metterci ricordarne una
Le culture non sono mai nazionali forse dovremmo smetterla una volta continuare a parlare di culture di letterature diventano Menis culturali come se fossero figli
Di una singola nazione che non avessero mai a che fare con
Altri mondi con altre culture con attraversamenti confini
Se mi permettano scorso pubblicato da Marsilio un libro che sta proprio dimostrare questo per esempio Franci come si intitola come si intitola diciamo tutto peccato TAV non vorrei essere come dire poco poco Fini che titolo Alitalia in Svizzera
Scusi si intitola non sente l'Italia iscritta single proprio agire pura Francesco del
Che diciamo il grande no pari la letteratura italiana
Chi ha scritto poi operai la quale molti italiani si sono formati al liceo beh lui ha insegnato quattro anni a Zurigo e vi aggiungo che la paura
Usando libri italiani in biblioteca perché girano per preparare saggi e anche in parte quest'opera così importante
Dino Campana grande poi atto pagavo a Ginevra legge fra noi voglio dire
Che noi vogliamo e di Sciascia è un po'la stessa cosa ma si citavano i grandi nomi della letteratura e per quanto riguarda gli svizzeri è stato fatto giustamente il nome di Dürrenmatt
E anche
Pausa europeo Tore il regolare vorrei aggiungere che Sciascia mi conosce un terzo si chiamava quest'uomo idoneo torna io tra l'altro conosciuto era
Un figlio dell'auto che li ha ribaltati duri dico che fiera rivoltato tra l'altro è morto e molto giovane
E ha scritto un libro tradotto Aliano molto puro co lo dico perché Sciascia non era sprono storiche voce dei grandi forse andrebbe anche Tondo standards fin sopra i francesi
Manzato lui dice che Stendhal aveva capito mila
Dimensione internazionale di Milano senza scorta dicono i francesi ma da dire aveva questa grande capacità anche di individuare
Pittori minori titoli e non erano apparsi sulla grande mercato è questo a mio giudizio con grandi solo di merito vuol dire
Che ci lascia che era un uomo estremamente attento
Così come lo è stato ed è stato giustamente ricordato prima dei confronti della
Dell'arte figurativa per esempio no questa sua attenzione tra il mondo della ex Jugoslavia
Mi sembra una cosa estremamente interessante in tutto sesso trovo questo volume e il primo di una collana in
Lazar
Torre euro dovrebbe esproprio
Inaugurare un approccio diverso nuova fascia grandi
Porre mano scrittori affascinanti
è inutile anche al di fuori agli aspri
Ce lo crediamo molto in piedi
Repressione quando lo Campa aveva il secondo volume di questa collana dovrà però venire a Roma perché sanno e la sentiamo un po'disturbata questo
E questo ci indurrà averla qui di persona necessariamente quello che diceva su Sciascia standard in fondo Sciascia condivideva la visione di Standard Stendhal avalla molto la società
Cosmopolita milanese mentre considerava quella romana un po'provinciale per la presenza
Polemica devi del papato e credo che sia assai lo stesso modo avesse questa visione però
In America presso Martinoni nelle cattedre ci sono le cattedre di letteratura europea compare
E questo sarebbe nel sistema universitario americano che io amo moltissimo Valter Vecellio so un po'meno però ecco dovevamo alcune università di alcune sì sì certo ma ti ho voluto stuzzicare
La sua sollecitazione importante perché mi induce a dire che Sciascia era ancora che era un lo scrittore
Della Sicilia tutti in mente la sicilianità uno scrittore che scriveva in Sicilia però diceva anche uno scrittore non è importante se sta in piedi figlio stessa nella metropoli scrittore
è importante per come lavora e per quanto lavora
E allora l'idea anche della
Superamento delle nazioni che è capitato di discuterne con lui infondo negli anni Settanta primi anni Ottanta
L'idea di un Parlamento europeo cioè come eletto dal popolo direttamente sì era passato così nel settantuno centosettantanove il Presidente del Parlamento europeo per la prima volta viene eletto dai dai indirettamente dai il Parlamento europeo il Parlamento europeo quindi eravamo in una fase di
Costruzione di speranza di ingresso di nuovi Paesi eccetera questa idea di Sciascia
Espressa poderoso Martinolli quindi l'idea di una letteratura non più nazionale nazionalistico ma di una dittatura tantomeno europee
Però è rivolta a me lo domando a Spadaccia e poi vengo a lei professore per chiudere
Sì io credo che
Ci sia nel resto richiamato prima la grande insomma lui sembra abbiamo parlano di Milano però lui era solito anche a passare dei pericoli interi
A Parigi adesso non so in Svizzera ma a Parigi Milano sicuramente a Roma fino a un certo altro periodo in alcuni altri periodi la sua vita la Somalia di inverno quando la sua vita era divisa in tre parti mi pare di capire
Uno è stata in cui scriveva raccogliendo tutto quello
Che aveva
Seminato e
Meditati meditato
Una parte in cui viaggiano ai ma intratteneva relazioni e poi una parte in cui comunque accumula in cui
Leggeva
Quello che scrivono gli altri Corsi documentava o accumulava
Materiali per il suo per il suo lavoro sicuramente c'è questa
Grande
è vero che quel ch'trovo molto giusto corsa Sciascia scrittore europeo questo questa questa collana fatta in questa chiave
Questo libro dal punto di vista di Sciascia scrittore europeo
A un doppio merito quello di completare un'autobiografia della storia culturale e letteraria DTT
CIACE di Sciascia che altrimenti sarebbe rimasto lacunosa
E l'altro merito crea
E quello che proprio vedendo
Documentando i suoi rapporti con la Svizzera le suo collaborazioni elvetiche
I suoi rapporti con i letterati di i critici elvetici con gli organi di informazione con gli editori elvetici quello che vien fuori è che un'ASP
Autobiografia fatta un po'diversa da quelle italiane perché qui
Quelle rilievo massimo che viene che finisce qua per oscurare la sua vita per diventare eccessivo rispetto alla sua vita
Che che dedichiamo in Italia attenzione massima Deiana è il momento del peluche nasce prima della rottura colpirci dopo la rottura del PC non è che qui manchi questo iato questa rottura
Però giustamente viene
Cioè acquisisce una un ago viene visto come con un distacco per cui quello che io sostengo vien fuori da questo libro da sempre
Che non ci sia in realtà una contraddizione o una rottura vera
Sarà l'OSCE lascia prima del rapporto dal primate desidero fare luce per la rottura corpicino Sciascia dopo le porte da Frau Sciascia dei primi romanzi da mordere l'inquisitore visivi Sicilia
Il giorno della civetta ciascuno il suo vero Sciascia e del contesto di Totò modo
I Candido e via di seguito questo
Vien fuori certo poi ci sono il proporre il distacco
Eppure questa cosa non è è presente perché gli sketch coloro che hanno rapporti con Sciascia coloro che curo curano queste cosa sono anche partecipi delle scelte civili e politiche lasciarci quindi per esempio tutto il mille
Il mutamento del giudizio sul Gattopardo non c'è però è primaria avviene l'uno all'altro il primo il secondo te già mento del giudizio critico avvenute due primario Thurow PC sono registrati qui
Con sulle loro motivazioni e quindi credo e credo che questo sia un secondo merito debba
Che vada perché poi uno scrittore come Sciascia
Merita del servizio nella sua
Come voi sua nel modo seguente se al suo interno imprese nella sua complessità professor Martinoni assentito villa la tesi di Spadaccia non c'è soluzione di continuità nell'esperienza politico ideologica
Del C. ascia giovane comunista con quella poi successiva sul piano dell'opera letteraria
Lei condivide questa lettura Spadaccia intanto ringrazio l'onorevole taccia quello che ha detto vorrei ricordare
Primo luogo
Libero
Ha avuto un poco tempo così il
Lo scopo era quello di riunire i materiali dei materiali servissero mentale in meglio quindi anche a inquadrare e a focalizzare magari da un altro punto di vista o da un'altra veicolare la figura di un uomo e di unirsi uno storico di unisse le palestre
E anche
Mente del pomodoro aree di pensare comportare che tutto questo può essere utile
Io sì condivido Locri voi appena detto penso che
Da un lato non credo come dire in questi
L'ultimo cambiamenti no anche poi
Oppure di fu culturale mi sembrano tutto sommato delle
Pubblicazioni finché delle vere interpretazioni
Fu un uomo è quello e Cascia fra tutti ciò che non sia come dire una nella carpetta ma insomma ed efficacia apparteneva alla categoria persone serie molte l'intento che posso dire io
Non avrei mai
Rinnegare
Qualcosa
Mentre per
O professore io la devo la devo interrompere perché in questo momento
La sentiamo veramente molto disturbata ENI sarebbe un peccato uno sarebbe un flatus vocis
Inutile
Ma comunque devo dirle che abbiamo avuto grande piacere di averla
Nostro ospite anche se solo dal punto di vista del dell'audio e ci diamo appuntamento per il secondo volume senza CIACE scrittore rompere questi coralmente conterrà qualche altra chicca inedita su questo grande grandissimo scrittore italiano del Novecento la saluto
E i auguri di buon lavoro a presto grazie proprio
Decenco le volevo solo dire una piccola cosa che questo pubblicazione o lo scrittore
Io col patrocinio dell'Associazione degli Amici di Leonardo Sciascia
E basta andare nel sito amici di Leonardo Sciascia trovano questo una quantità di riferimenti che credo
Che chiama Leonardo Sciascia troverà estremamente interessante se il sito
Www amici Sciascia punto IGT e poi si può anche scrivere metodo modo chiocciola amici Sasha appunto il PD questa rivista Tundo modo risente nazionali studi c'è lasciando indiretta
Da a Walter Vecellio ricordo l'ora questo volume troppo poco pazzi Leonardo Sciascia nella libera e laica Svizzera curato al professor Renato Martinoni che abbiamo avuto nostro ospite
Lei oggi editore ringrazio Gianfranco Spadaccia linfa ringrazio Valter Vecellio e naturalmente un ringraziamento Giuseppe Di Leo agli ascoltatori di Radio Radicale