17 APR 2011
intervista

Giornate della laicità di Reggio Emilia: Giovanni Franzoni chiede dialogo; Raniero La Valle ripropone l'antropologia del Concilio Vaticano II

SERVIZIO | di Emiliano Silvestri - Reggio Emilia - 20:27 Durata: 21 min 22 sec
Scheda a cura di Alessio Grazioli
Player
Registrazione audio di "Giornate della laicità di Reggio Emilia: Giovanni Franzoni chiede dialogo; Raniero La Valle ripropone l'antropologia del Concilio Vaticano II", registrato a Reggio Emilia domenica 17 aprile 2011 alle 20:27.

Sono intervenuti: Giovanni Franzoni (fondatore delle Comunità Cristiane di Base), Raniero La Valle (giornalista).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Bioetica, Cattolicesimo, Chiesa, Concilio Vaticano Ii, Concordato, Craxi, Cristianesimo, Cultura, Eutanasia, Fascismo, Filosofia, Laicita', Lefevre, Mustacchi, Politica, Religione, Scuola, Simbolo, Societa',
Stato, Storia, Vaticano.

La registrazione audio ha una durata di 21 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Giovanni Franzoni

    fondatore delle Comunità Cristiane di Base

    Il Concordato di Craxi? Peggio di quello di Mussolini! Se la religione Cattolica non è più religione dello Stato non si capisce perché siano talmente aumentati i privilegi della Chiesa Cattolica, che all'epoca di Mussolini non poteva fare politica. Il crocifisso sui muri delle scuole italiane: al di là del doveroso rispetto per i non cattolici, lo vedo profanato, trasformato in oggetto; un fatto culturale che sta lì e non ha nessun senso per nessuno. Morire è un processo dinamico; a seconda degli eventi resistiamo continuamente agli assalti che la morte fa al nostro vivere. Una lotta che dobbiamo conoscere perché, quando le ragioni del vivere si faranno sempre più fragili, sempre più deboli, riusciremo a giocare le nostre ultime carte per vivere anche questa ultima fase al timone. Il richiamo alla coscienza di Erich Neumann, ne: "Storia delle origini della coscienza" : finché non abbiamo coscienza le cose ci capitano; via via che noi acquistiamo coscienza non ci capitano più ma noi le facciamo accadere. Sono contrario all'eutanasia rapida. La morale di Epicuro: "unica è l'arte del buon vivere e del buon morire". Diversamente dalla morale stoica, una morale di adeguamento a principi, la morale epicurea era molto attenta all'equilibrio dei desideri; principio molto bello. Avete riaperto il dialogo con i lefebriani, perché non riaprirlo con noi: questa la richiesta che Giovanni Franzoni ha recentemente in Vaticano, a un Cardinale. Silenzio da parte della gerarchia, silenzio da parte dei laici.
    20:27 Durata: 11 min 50 sec
  • Raniero La Valle

    giornalista

    Promotore del Manifesto per Sinistra Cristiana Il laico non si oppone al credente, al religioso, non è neanche il contrario di prete. Il laico è l'alternativo al sacro: quel modo di concepire le cose che le rende intoccabili, sottratte cioè all'esercizio della libertà umana. Lo stesso cristianesimo nasce come rivendicazione di laicità, come superamento della religione delle regole, della legge, come rivendicazione della libertà dei figli di Dio. Nasce come rifiuto della divisione del mondo tra salvati e dannati. Il Concilio Vaticano II ha riproposto una nuova antropologia; non quella del sacrificio, dell'espiazione ma l'antropologia della libertà dell'uomo, della sua dignità. Celebra la libertà presente nella più profonda natura dell'uomo. Una libertà che non più subordinata alla verità; con la "Pacem in terris" e il Concilio Vaticano II la libertà viene messa sullo stesso piano della verità, della giustizia e dell'amore.
    20:38 Durata: 9 min 32 sec