17 LUG 2011
rubriche

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RUBRICA | di Massimo Bordin - Radio - 17:10 Durata: 1 ora 52 min
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
Puntata di "Conversazione settimanale con Marco Pannella" di domenica 17 luglio 2011 , condotta da Massimo Bordin con gli interventi di Massimo Bordin (giornalista, Radio Radicale), Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Politica, Radicali Italiani.

La registrazione video di questa puntata ha una durata di 1 ora e 52 minuti.

Questa rubrica e' disponibile anche nella sola versione audio.
  • Introduzione

    Massimo Bordin

    giornalista (Radio Radicale)

    Già direttore di Radio Radicale Il colloquio di Marco Pannella con il Presidente della Repubblca Giorgio Napolitano; il convegno sulla giustizia ed il carcere che si terrà presso il Senato della Repubblica; l'iniziativa nonviolenta di Marco Pannella
    17:10 Durata: 3 min 5 sec
  • L'iniziativa nonviolenta di sciopero della fame di Marco Pannella. Le operazioni militari italiane all'estero, in particolare in Libia ed in Afghanistan

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Quante persone, se avessimo potuto parlare dell'arma della nonviolenza, non si suicidierebbero". "Chi è condannato a viverere di fame, non muore": "Il mio corpo si è anche irrobustito". "C'è questa cura per la propria e l'altrui vita". "Cìè nella NATO una cosa inaudita; stanno facendo un disastro inaudito in Libia ed in Afghanistan". "io dirò solo che continuo la mia iniziativa nonviolenta, nondirò quanto ho mangiato, non darò notizie da bollettino medico"
    17:13 Durata: 14 min 19 sec
  • La volontà, secondo i sondaggi, degli israeliani di voler aderire all'Unione europea ed alla partecipazione nella NATO. L'iniziativa dei Radicali in termini di economia e di politica sociale. I costi della politica

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "L'81 per cento degli israeliani vorrebbero che Israele facesse parte dell'UE, mentre il 43 per cento vorrebbero relazioni più forti". "L'iniziativa nonviolenta sulle carceri e sulla giustizia si salda sul concetto della democrazia e sullo stato di diritto". "Pare pacifico che le persioni anziane abbiano diritto della pensione e non al lavoro". "Abbiamo creato più di un milione di persone che vivono di politica, grazie anche al finanziamento pubblico dei partiti". "Noi, sicuramente fino al 1985, noi cercavamo di campare con l'equivalente di un operario specializzato"
    17:27 Durata: 14 min 2 sec
  • La affermazioni di Barack Obama sul debito pubblico negli USA. Le asserzioni di Einaudi e di Spinelli sul federalismo anticentralista. La finanziarizzazione del capitalismo

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Oggi Obama dice: è ora che i ricchi paghino". "Einaudi diceva che la scelta liberista è una scelta etica, non economica". "Dalle cronache che conosciamo di Spinelli, di Silone e di Ernesto Rossi, il richiamo al federalismo anticentralista di Einaudi dice che lo Stato non deve gestire": "L'alternativa è lo statalismo che è proibizionista". "In democrazia l'alternativa è fra la regolazione ed il controllo del mercato perchè altrimenti diventa giungla; se lo stato pensa di difendersi dalla giungla abolendo la foresta, lo stato diventerà quello che è accaduto alla social-democrazia". "L'assunto etico del tentativo realizzato nel mondo angolosassone è che occorre uno stato libero capace di difendere la legalità". "La finanziarizzazione del capitalismo è il capitale che gioca ritenendo lo stato nazionale un nonsenso. " Israele è un popolo che mostra fiducia nella sua religiosità"
    17:41 Durata: 12 min 8 sec
  • Il convegno sulla giustizia che avrà luogo al Senato della Repubblica; il problema della riforma della legge elettorale e le sanzioni nei confronti della Bulgaria. La riforma della legge elettorale proposta da Sartori. Le elezioni amministrative, specie a Napoli, e le proposte di Aldo Loris Rossi. La storia della Fininvest e di Mediaset. Le scelte di Achille Occhetto e di Armando Cossutta e la posizione dei Radicali in quel periodo storico

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Io su Di Pietro ho capito i limiti e li ho difesi". "A noi, Radio Radicale, è precluso raggiungere la gente, con un'eccezione, quella della Fininvest". "Non c'è stato un grosso anchorman della Fininvest presso il quale io non sia stato invitato più volte". "Se noi abbiamo fatto una rilettura preziosa della nostra storia, bisogna dire che l'editore Berlusconi e la Fininvest, quando è divenunta Mediaset, vi fu una dichiarazione di D'Alema". "Quegli erano gli anni del baratto". "Io cerco di difendere e di capire la nostra storia". "Il sistema è stato più forte di Silvio Berlusconi". "Achille Occhetto ha dovuto scegliere tra Leoluca Orlando e La Rete"
    17:53 Durata: 29 min 5 sec
  • La richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Alfonso Papa. L'atteggiamento di astensione dei Radicali nei confronti di Tony Negri. Le relazioni dei Radicali con il Presidente della Repubblica Giovanni Leone

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "C'è una casta sacrale nella quale l'arresto non deve essere concepito quando l'Italia fonda la sua giustizia con l'uso di classe della prigione preventiva per costituire le colpevolezze: questa è la regola". "Io avevo dichiarato che fino a quando non avremmo incardinato un processo nei confronti di un Presidente della Repubblca non avremmo compiuto un atto dissacrante, ma sacrante della realtà del diritto fino a quando non l'avremmo fatto".
    18:22 Durata: 9 min 9 sec
  • Le opinioni dei radicali sulla manovra econominco - finanziaria del Governo Berlusconi. Il fiorire di libri di militanti radicali su questo tema. La strage di legalità, di democrazia e di Stato di diritto in Italia. Il ruolo del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il ruolo dei Radicali nella nostra non-democrazia e nel nostro non-stato di diritto. I nuclei di Shoa presenti nelle carceri italiane. I problemi politici della Tunisia e della Siria; la laicità in questi stati e la nuova politica di Erdogan

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Il fiorire di libri di militanti radicali su questo tema è nell'assieme sintomatico di una resistenza estrema ma non estremistica che costruisce a piccole minoranze rivoluzionarie ed anti-rivoluzioniste di resistere nei decenni". "La condizione dello Stato italiano attuale in termini strettamente giuridici e legali e non morali rappresenta ed evoca la condizione che a livello individuale può essere definita di delinquente non più abituale, ma professionale. C'è strage di legalità e di costituzione e di legalità europea ed internazionale". "A questo punto si deve, come cittadino, il massimo di capacità di aiutare coloro che hanno l'onore o l'onere di rappresentare questo stato riconosciuto internazionalmente come tale l'obbligo di dare il massimo di contributo". "Napolitano ha il dovere di reagire contro quello che il costituzionalismo italiano gli dice. Napolitano non deve essere mediatore, ma arbitro fra la legge scritta e quella che c'è di fatto". "Noi non possiamo commettere l'errore, nel nostro obiettivo di una riforma verso la legalità della Repubblica, di ritenere come i responsabili della distruzione dello Stato di diritto in Italia coloro che sono stati eletti oggi alla presidenza della Repubblica e ad altre cariche istituzionali". "Occorre collaborare con la nostra nonviolenza dialogica" "i radicali sono i testimoni martiri e debbono costruire i virus di democrazia e di riforma: il virus della peste italiana proporzionalista e partitocratica". "A me pare importante il patrocinio e la partecipazione al convegno che si terrà al Senato sulla giustizia". Io continuo a dire che a livello sociologioco nelle carceri e nella giustizia ci sono in tutto il mondo nuclei di Shoa". "Io avevo segnalato che le scelte di Erdogan potevano divenire una reazione sdegnata ed offesa rispetto a Bruxelles andassero oltre". "Nell'euro-mediterraneo la situazione turca si potrebbe assimilare a quella tunisina che potrebbe continuare ed inverare la rivoluzione giacobina"
    18:31 Durata: 31 min