23 NOV 2011
intervista

"La salvezza accanto alla ferita" - Intervista ad Hector Aristizabàl, attivista e formatore nelle tecniche del teatro dell'oppresso

INTERVISTA | di Diego Galli - Radio - 16:00 Durata: 38 min 14 sec
Scheda a cura di Delfina Steri
Player
Hector Aristizábal, nato e cresciuto in Colombia, venne arrestato nella sua casa all'età di 22 anni, portato in isolamento e torturato.

Da allora, ha dedicato la sua vita per trovare "la salvezza accanto alla ferita", come recita il titolo della sua biografia pubblicata negli Stati Uniti.

Il suo strumento è stato il teatro dell'oppresso, il metodo elaborato da Augusto Boal in Brasile e poi diffuso in tutto il mondo come tecnica di trasformazione creativa dei conflitti.

"Tutte le ferite del mio passato mi hanno portato al mio lavoro", scrive Aristizábal.

Un lavoro che lo ha condotto nelle
scuole come nelle carceri, a contatto con le vittime della tortura e quelle della discriminazione sessuale, con attivisti politici, operatori sociali, migranti, emarginati sociali.

leggi tutto

riduci