22 NOV 2011
intervista

Centrale di Porto Tolle: rinviata l'udienza preliminare per vizio di notifica. Azione popolare dei Radicali, che si costituiscono parte civile in sostituzione della Provincia di Rovigo

SERVIZIO | di Emiliano Silvestri - Rovigo - 13:52 Durata: 26 min 48 sec
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
Si discuterà la richiesta di rinvio a giudizio per 10 dirigenti Enel che il Sostituto Procuratore Manuela Fasolato ritiene responsabili del mancato collocamento di apparecchi atti ad evitare disastri che puntualmente si sarebbero verificati ai danni della salute della popolazione - in particolare bambini - residente nel raggio di 30 km dalla centrale.

Secondo l'accusa, gli indagati sarebbero anche responsabili della mancata richiesta di trasformazione dell'impianto a gas metano.

Registrazione audio di "Centrale di Porto Tolle: rinviata l'udienza preliminare per vizio di notifica. Azione
popolare dei Radicali, che si costituiscono parte civile in sostituzione della Provincia di Rovigo", registrato a Rovigo martedì 22 novembre 2011 alle 13:52.

Sono intervenuti: Matteo Ceruti (Avvocato penalista del Foro di Rovigo), Bruno Martellone (avvocato di parte civile per l'azione popolare), Maria Grazia Lucchiari (membro del Comitato Nazionale, Radicali Italiani).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Ambiente, Aria, Azione Popolare, Carbone, Centrale, Consiglio Di Stato, Conta, Elettricita', Enel, Energia, Europa, Giustizia, Inquinamento, Legge, Magistratura, Malattia, Metano, Ministeri, Penale, Po, Porto Tolle, Procedura, Provincia, Radicali Italiani, Regioni, Rovigo, Tar, Territorio, Unione Europea, Veneto.

La registrazione audio ha una durata di 26 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Matteo Ceruti

    Avvocato penalista del Foro di Rovigo

    P.C. del Comitato cittadini Libero Porto Tolle Uno sguardo sulle imputazioni elevate dall'accusa (Artt. 110, 81, 437 e 40 c.p.); il precedente processo nel quale l'Enel è stata ritenuta responsabile di danneggiamento del territorio e dell'ambiente del delta del Po a seguito delle emissioni della Centrale Termo Elettrica e alle ricadute acide che ha provocato. La progettata riconversione a carbone della centrale e l'azione del Comitato cittadini liberi di Porto Tolle che si è rivolto alla giustizia amministrativa è ne ha ottenuto il blocco dal Tar e dal Consiglio di Stato. La modifica della legge regionale e della normativa nazionale finallizzata a neutralizzare gli effetti di quella decisione
    13:52 Durata: 11 min
  • Bruno Martellone

    avvocato di parte civile per l'azione popolare

    Il vizio di notifica che ha provocato il rinvio dell'udienza preliminare; l'azione popolare dei radicali; la preoccupazione per la prescrizione. L'importanza di un processo in cui, in una perizia, viene accertato nelle zona intorno alla centrale, un aumento di malattie respiratorie verificatosi nelle aree colpite da microinquinanti considerati tipici ed esclusivi di una centrale elettrica
    14:03 Durata: 8 min 27 sec
  • Maria Grazia Lucchiari

    membro del Comitato Nazionale (Radicali Italiani)

    L'ambiente e la sua tutela si intreccia sempre più spesso con i tribunali e i radicali inseguono i reati ambientali. Il Veneto (6 dei suoi 7 capoluoghi di provincia sono tra i 30 Comuni più inquinati d'Italia per quanto riguarda le polveri sottili) attende una multa da parte dell'Unione Europea a causa dello sforamento persistente dei limiti delle polveri sottili. L'azione popolare dei radicali in questo processo (costituzione di parte civile in sostituzione della Provincia di Rovigo che, al momento, non ha deciso di farlo), rappresenta una nuova tappa dell'iniziativa radicale. Alcuni mesi fa, un'altra azione popolare aveva visto rappresentanti dell'associazione "Veneto radicale" costituirsi parti civili nel processo contro l'ex assessore regionale all'ambiente Giancarlo Conta, conclusasi con la sua assoluzione presso il Tribunale di Venezia
    14:12 Durata: 7 min 21 sec