24 GEN 2012
intervista

Sul concetto di volto nel figlio di Dio: offesi (blasfemia) manifestano a Milano. Interviste: Castagna (Christus Rex), Polledri (Lega Lombarda), Lastei (Militia Christi).

SERVIZIO | di Emiliano Silvestri - Milano - 23:03 Durata: 29 min 30 sec
Scheda a cura di Guido Mesiti
Player
Confinati nell'aiuola al centro di una grande piazza, celebrano messa e recitano rosari riparatori; di fronte a loro un gruppo di "lumbard" manifestano in silenzio.

Chiusi gli accessi al Franco Parenti, luogo della prima rappresentazione dell'opera di Castellucci, da forze dell'ordine che presidiavano il teatro dalle 17,00.

Almeno due tutori dell'ordine per ciascuno dei manifestanti, circa un centinaio di manifestanti provenienti anche da Roma e dal triveneto.

Registrazione audio di "Sul concetto di volto nel figlio di Dio: offesi (blasfemia) manifestano a Milano. Interviste: Castagna (Christus
Rex), Polledri (Lega Lombarda), Lastei (Militia Christi).", registrato a Milano martedì 24 gennaio 2012 alle 23:03.

Sono intervenuti: Matteo Castagna (portavoce circolo cattolico: "Christus Rex"), Massimo Polledri (deputato gruppo Lega Nord Padania), Roberto Lastei (Responsabile nazionale: "Militia Christi").

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Castellucci, Cattolicesimo, Chiesa, Laicita', Lega Nord, Milano, Movimenti, Ordine Pubblico, Polemiche, Politica, Religione, Spettacolo, Teatro, Teologia.

La registrazione audio ha una durata di 29 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Matteo Castagna

    portavoce circolo cattolico: "Christus Rex"

    Una messa di riparazione, dovere di ogni cattolico, per uno spettacolo blasfemo, a una bestemmia contro Cristo. Lavoro teatrale espressione di una filosofia gnostico-massonico-cabalistica profondamente anticattolica che confonde il bene con il male. La tiepidità, uno dei principali vizi di un cattolico: saranno vomitati da Gesù Cristo. La libertà per cui siamo stati creati è libertà di fare ciò che si deve; il concetto nuovo, illuministico di libertà porta all'anarchia; Dignitatis Humanae e i documenti del Concilio Vaticano II sono in contraddizione con la tradizione cattolica, è conciliabolo convocato dalla controchiesa modernista.
    23:03 Durata: 10 min 43 sec
  • Massimo Polledri

    deputato gruppo Lega Nord Padania

    Testimoniamo democraticamente un legittimo sentimento di offesa e indignazione soprattutto per l'immagine del volto di Cristo che viene imbrattata e, in qualche modo, vilipesa. Questo confligge con la legge e con il sentimento identitario. Per qualche milione di italiani quel volto rappresenta il Padre, il regista avrebbe potuto utilizzare la faccia di suo padre, che viene imbrattata da quello che lo stesso regista ha dichiarato essere liquame.
    23:14 Durata: 6 min 11 sec
  • Roberto Lastei

    Responsabile nazionale: "Militia Christi"

    Siamo stati offresi e oltraggiati da una rappresentazione oscena, empia; vogliamo manifestare il nostro diritto, che quotidianamente viene calpestata, contro una forma dilagante di cristianofobia. Ci è stato vietato di manifestare davanti al teatro Franco Parenti; mai abbiamo voluto impedire a chiunque di assistere ad uno spettacolo. Nulla funziona quando è imposto. Se non voleva essere blasfemo il regista avrebbe potuto mettere l'immagine di suo padre. Non c'è giustificazione allo schifo. Il male va combattuto. Dietro questo spettacolo filosofie cabalistiche, gnostiche e, approfondendo, sataniste. Le responsabilità dei radicali nel degrado della società italiana.
    23:20 Durata: 12 min 36 sec