22 OTT 2012
rubriche

Conversazione straordinaria con Marco Pannella

RUBRICA | di Valter Vecellio - RADIO - 18:38 Durata: 1 ora 56 min
A cura di Enrica Izzo
Player
Puntata di "Conversazione straordinaria con Marco Pannella" di lunedì 22 ottobre 2012 condotta da Valter Vecellio con gli interventi di Valter Vecellio (giornalista e direttore di Notizie Radicali, Radicali Italiani), Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito).

Tra gli argomenti discussi: Politica, Radicali Italiani.

La registrazione video di questa puntata ha una durata di 1 ora e 56 minuti.

La rubrica e' disponibile anche in versione audio.
  • Introduzione

    Valter Vecellio

    giornalista e direttore di Notizie Radicali (Radicali Italiani)

    Membro della Direzione di Radicali Italiani L'alterità radicale, che si manifesta in ogni occasione e dove è possibile. Cesare e Pietro. L'editoriale di Mario Sechi su "Il Tempo"
    18:38 Durata: 1 min 26 sec
  • L'editoriale di Mario Sechi su "Il Tempo" sul ruolo dei Consiglieri Radicali in Regione Lazio e sull'"alterità radicale". La flagranza criminale dello Stato italiano nei confronti di qualsiasi legalità di riferimento. L'opportunità che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano indichi la strada (mediante messaggi alle Camere) per uscire da questa condizione. La figura di Nichi Vendola e la battaglia radicale sull'omosessualità, condotta insieme al Fuori di Angelo Pezzana. L'inquinamento dell'acquedotto pugliese ed il ruolo dei militanti radicali nel divulgare le informazioni relative all'incidenza sulla salute delle cattive condizioni ambientali della Basilicata e della Puglia, messa in luce da Maurizio Bolognetti

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    L'editoriale di una persona che stimo molto è intelligente e singolare senza essere difficilmente comprensibile, commenta Pannella. La trasmissione Ballarò di Floris e le molteplici presenze di Renata Polverini in questo talk show. L'osservazione che, in prima battuta, Pannella fa a Mario Sechi è la seguente: "Sì, abbiamo votato contro, ma abbiamo preso il danaro, il danaro ufficiale, quello che risulta dai bilanci, che noi abbiamo resi pubblici". "Il giornalismo, dopo 60 anni, è un fatto antropologico: vi sono delle cose di evidenza straordinaria, che però non si vedono". "Nella Regione Lazio l'alterità radicale si è puntualmente e chiaramente manifestata. In 60 anni, questo è divenuto cultura". La linea della sinistra togliattiana, che aveva un imperativo: mai nemici a destra. "Non è stato solo il notissimo accordo solenne nazi-comunista, nel momento del massimo splendore dei due fascismi, e dei due comunisti (l'accordo fra Ribbertrop e Molotov per spartirsi la Polonia). L'appello del Partito Comunista Italiano al regime fascista italiano. "Oggi c'è un modo nuovo, contemporaneo, di ritornare ai corsi e ricorsi storici di Giambattista Vico". "Accade che ci troviamo oggi in Italia ad avere un paese, uno Stato, che è criminale da decenni, nei confronti di qualsiasi legalità di riferimento". "Se il Governo Monti avesse trovato qualsiasi Presidente della Repubblica meno esperto ed autorevole, avrebbe cercato di trovare qualcuno dall'altra parte (Pietro Ichino, Gianni Letta). In questo modo, la partitocrazia avrebbe cessato di distinguersi e questo governo cesserebbe di vivere come un incidente della partitocrazia stessa. Oggi siamo in uno Stato che vive in condizioni formali criminali. Occorre l'obbligo di uscire da questa flagranza. Il Presidente della Repubblica dovrebbe indicare lo strumento per uscire da questa condizione. Napolitano era stato marciatore di Natale e di Pasqua, ritenendo l'amnistia e l'indulto non una forma di clemenza, ma uno strumento della riforma per uscire fuori da questa condizione di "peste italiana". La giurisdizione europea, per merito nostro, sta diventando quasi italiana; ci deplora, ma non ci condanna. Bisogna consentire al popolo di ascoltare, nei dibattiti, alterità che si confrontano". "I radicali, soli, hanno posto dei problemi di legalità patente, dinanzi al malcostume". Vendola e la sua omosessualità. "Prima di noi la condizione omosessuale era un'alterità, ma, per merito o colpa nostra, questo ha cessato di esistere". "Grazie alla battaglia, si è capito che il rischio era qualificarsi radicale, in riferimento a Nichi Vendola, che si definisce al cento per cento comunista ed al cento per cento cattolico"
    18:39 Durata: 32 min 47 sec
  • Gli esempi dell'alterità radicale: Rocco Berardo, Giuseppe Rossodivita, Marco Cappato, Maruizio Turco, che sta conducendo un'iniziativa nonviolenta di digiuno. Pannella spiega a Mario Sechi l'azione di Rossodivita e Berardo per divulgare l'informazione relativa ai bilanci della Regione Lazio. Conoscere per deliberare: il motto enaudiano fatto proprio dai Radicali e le analisi fatte dal Centro d'Ascolto

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Abbiamo lottato contro il silenzio (Pannella si rivolge a Mario Sechi). Cosa abbiamo fatto (li avete presi tutti): abbiamo atteso che ci arrivasse il danaro e l'abbiamo preso (un denaro legale): l'unanimità dell'opinione pubblica non ne era a conscenza". "Noi avevamo l'obbligo di prenderli. Noi però abbiamo pubblicato i nostri bilanci e così abbiamo informato il pubblico"
    19:12 Durata: 9 min 48 sec
  • L'essere di Sechi un giornalista di centro - destra, ma diverso, ed i messaggi scambiati su twitter con Giuseppe Rossodivita. La lettera scritta da un militante radicale (Romano Scozzafava), che non è stata pubblicata né da Il Tempo, né dal Corriere della Sera. "Pietro" e "Cesare": la categoria del diritto alla verità ed alle verità, che va al di là dei confini italiani e coinvolge tutti gli stati. Lo statuto e le iscrizioni al Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito. La questione delle doppie tessere e la "natura altra" di questo partito, che lo rende unico rispetto a tutte le altre organizzazioni partitiche. La potenza di comunicazione esercitata dagli esponenti radicali: gli esempi di Cicciolina, Andraus e Piromalli. Il nuovo diritto umano perseguito dal PRNTT, dopo quello della messa al bando delle mutilazioni genitali femminili, sarà quello di far conoscere la verità sulla guerra in Iraq. Il Cesare italiano: la flagranza criminale dello Stato italiano. L'incontro di Pannella e di alcuni esponenti del PRNTT con Lobsang Sangay, primo Ministro del Governo Tibetano in esilio. Il diritto umano del rispetto della legalità nelle carceri italiane; le richieste di Marco Pannella a "Pietro" affichè faccia cessare l'esistenza di queste nuove catacombe

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Ritengo che non esista nessun partito al mondo che si sia organizzato come il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito: se si acquista il biglietto, si hanno tutti i diritti di chi ce l'ha da molti anni". "C'è un fatto che dimostra le sue caratteristiche, i suoi connotati senza precedenti: in questo partito si viene a trovare la gente comune. La ricchezza del partito è che agli occhi di molti radicali emergono le cose che appaiono le più incredibili, che sono quelle che hanno consentito di avere la nostra storia e di occuparci dei bisogni della gente e portare ovunque la nostra alterità". "C'è un diritto umano in corso di formazione formale: quello di lottare, quando avremo concluso la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili, riteniamo che si debba perseguire il diritto umano alla verità sulla guerra in Iraq. La verità significa la conoscenza, come fondamento del deliberare civile, di quello che Cesare (lo Stato), cioè gli stati, hanno fatto secondo i loro documenti. In Italia Cesare è assolutamente in condizioni criminali". "Il nostro posto, ora, è accanto a Pietro, e non credo che saremo scacciati"
    19:22 Durata: 37 min 2 sec
  • La natura della diversità, dell'alterità radicale. L'aderenza del Partito Radicale al sentire della gente comune. Il Cesare attuale, responsabile dell'edificazione delle nuove catacombe

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "L'alterità radicale è l'alterità del popolo, che, nella stragrande maggioranza, la comprende. E' un'alterità rispetto ad una società nella quale il potere è nemico della conoscenza". "Il Cesare attuale costruisce le nuove catacombe". "La menzogna, per un momento, può prevalere, ma molto difficilmente diventa istituzione senza problemi. Infatti stiamo assistendo al crollo di questo infame regime, erede di quello fascista"
    19:59 Durata: 9 min 12 sec
  • La battaglia radicale contro lo sterminio per fame nel mondo e le sue similitudini con l'attuale iniziativa per far conoscere la sostanza criminale dell'attuale "Cesare". La presenza di Marco Pannella ad una puntata di Porta a Porta di Bruno Vespa

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Le nostre carceri sono le orride catacombe in cui un Cesare ignobile, feroce e perso oggi rinnova alcuni momenti della storia"
    20:08 Durata: 7 min 59 sec
  • Conclusioni. La mancanza di democraticità che inevitabilmente caratterizzerà le prossime tornate elettorali, sia regionali che politiche. La nonviolenza ed il silenzio eloquentissimo delle catacombe. L'iniziativa nonviolenta di Roberto Giachetti ed il digiuno a staffetta dei Garanti delle carceri. La forza della debolezza delle nuove catacombe. L'idem sentire tra il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito e "Pietro"; la sua alleanza contro "Cesare". Amnistia per la Repubblica!

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    "Nelle carceri, nei luoghi della tortura, abbiamo il formarsi della convinzione che si ha e si è ragione, ragionevolezza e si scopre la forza della debolezza". "Io mi auguro fortissimamente che si inauguri una convergenza fra noi e quel "Pietro" che è unito in concordato con questo Stato criminale e indegno, anche di quell'accordo" "Catacombe di tutto il mondo, unitevi!" "Vi sono tradizioni antropologiche che sono dure a morire perché sono dure ad ammazzare: Amnistia per la Repubblica!". "Non vogliamo che questa Repubblica finisca come sono finite forme di Stato che abbiamo evocato; vogliamo che finisca con l'amnistia". "Il sensus fidelium e la democrazia devono vincere!"
    20:16 Durata: 18 min 40 sec