05 DIC 2012
intervista

La Peste Italiana. Il rischio Vesuvio

SERVIZIO | di Maurizio Bolognetti - NAPOLI - 00:00 Durata: 1 ora 17 min
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
In collaborazione con il giornale: " Il Fiore Uomo Solidale", un momento di approfondimento sul "rischio Vesuvio".

Nel 1992, in una intervista rilasciata a Il Mattino, Marco Pannella affermava: "E’ folle criminale, imbecille non affrontare come priorità europea e italiana il fatto che 500mila persone sono state indotte dalla camorra partitocratica a vivere sul Vesuvio o sulle sue pendici".

Nella stessa intervista il leader radicale dichiarava l’urgenza di unificare nell’area della "Grande Napoli" i servizi fondamentali, dai trasporti alla raccolta rifiuti, alla viabilità.

Altrimenti,
avvertiva Pannella "la criminalità camorristica costituirà l’unico ordine di fatto di quest’area".

Nel servizio le interviste a Franco Ortolani (direttore del Dipartimento di Pianificazione e scienze del Territorio dell’Università Federico II di Napoli), Doriana Vriale(Direttore del giornale "Il Fiore Uomo Solidale"), Giuseppe Mastrolorenzo (Vulcanologo e primo ricercatore c/o l’Osservatorio Vesuviano), Domenico Giorgiano (Sindaco di San Giorgio a Cremano), Lucia Pappalardo (Vulcanologo e ricercatrice dell’Osservatorio Vesuviano) e Antonio Morrone (Autore del libro "Il Sonno del Drago" e Ufficiale del Corpo militare della Cri).

leggi tutto

riduci