29 GEN 2013
intervista

Egitto: il presidente Morsi decreta lo stato d'emergenza in tre province sul canale di Suez. Intervista a Danila Clegg

INTERVISTA | di Ada Pagliarulo - RADIO - 13:09 Durata: 18 min 43 sec
Scheda a cura di Alessio Grazioli
Player
Il presidente egiziano Morsi ha decretato lo stato d'emergenza nelle province di Port Said, Suez e Ismailia, dopo i violenti scontri nei giorni scorsi.

Il Parlamento ha nello stesso tempo approvato la proposta di legge del governo che conferisce ai militari la facoltà di arrestare i civili.

Le contestazioni al presidente Morsi e al potere dei Fratelli musulmani da parte dell'opposizione laica vanno di pari passo con gli scontri in piazza a Port Said, provocati dalla condanna a morte di alcuni ultras della squadra di calcio locale Al-Masry.

Nel febbraio del 2012, 74 persone morirono nel corso di
una partita tra la squadra cairota di El Ahly e quella di Port Said.

Il ruolo delle squadra El Ahly e dei suoi sostenitori, che presero parte alle rivolte anti-Mubarak.

L'invito del presidente Mubarak al dialogo nazionale nei confronti dell'opposizione.

Le richieste dell'opposizione: Morsi si assuma le responsabilità degli incidenti, formi un governo di coalizione nazionale e istituisca un comitato 'equilibrato' per riscrivere la Costituzione.

leggi tutto

riduci