22MAG2013
stampa

Presentazione del Rapporto Annuale 2013 di Amnesty International

CONFERENZA STAMPA | Roma - 12:11. Durata: 1 ora 14 min

Player
La situazione dei diritti umani nel Mondo (Edito da Fandango Libri).

Registrazione audio della conferenza stampa dal titolo "Presentazione del Rapporto Annuale 2013 di Amnesty International" che si è tenuta a Roma mercoledì 22 maggio 2013 alle ore 12:11.

Con Riccardo Noury (portavoce di Amnesty International Italia), Carlotta Sami (direttrice della Sezione Italiana di Amnesty International), Antonio Marchesi (presidente di Amnesty International Italia).

La conferenza stampa è stata organizzata da Amnesty International.

Tra gli argomenti discussi: Africa, Amnesty International, Asia, Asilo
Politico, Cie, Clandestinita', Congo, Corea Del Nord, Diritti Umani, Donna, Esteri, Fini, Giovanardi, Guerra, Immigrazione, Infanzia, Informazione, Italia, Lavoro, Legge, Onu, Ordine Pubblico, Pena Di Morte, Politica, Poverta', Razzismo, Riforme, Rifugiati, Sessualita', Sfruttamento, Sicurezza, Siria, Sudan, Tortura, Tratta Di Esseri Umani, Violenza.

La registrazione audio della conferenza stampa dura 1 ora e 14 minuti.

leggi tutto

riduci

12:11

Organizzatori

Amnesty International

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Iniziamo grazie a tutti e tutti voi per tessere quindi sono Riccardo Onori portavoce di Hamas interna cioè Italia
Alla mia destra Carlotta Sami segreto direttrice generale di Amnesty interessati tali atti alla mia sinistra Antonio Marchesi Presidente
Dell'associazione grazie alla
Al professor Giuliano Amato che il presidente dell'istituto dell'ICI Urbe via italiana fondata da Giovanni Treccani per la consueta
Ospitalità c'è una lunga tradizione di conferenze stampa per il rapporto annuale che facciamo in questa bella sede
Rapporto annuale che tradotto quest'anno in trentaquattro lingue presentato contemporaneamente in più capitali nel mondo una delle trentaquattro lingue la italiana
E anche quest'anno il volume pubblicato da Fandango liberi e voglio ringraziare
Perché senza di loro il volume non avrebbe avuto
Origine petizione Adriana pacchi Querini di Fandango Libri e poi vedere Cigna siano ancora Patrizia Carrera
Che hanno curato rispettivamente l'edizione dei traduzione in italiano
Nella cartella stampa avete tutti i materiali relativi al rapporto annuale che come sapete copre i dodici anni e i dodici mesi precedenti alla
Alla data di pubblicazione quindi gennaio a dicembre due mila dodici c'è anche una un aggiornamento su
Difatti principale riguardati dedichi mani dei primi cinque mesi di quest'anno che si chiude con
Da vergognosa vergognoso annullamento della condanna dell'ex dittatore potevate Corio smonta che il dieci maggio era stato condannato per genocidio crimini contro l'umanità e quarantotto ore fa ha avuto la sua condanna annullata per una incomprensibile ragione di di procedura
Questa conferenza stampa si svolge sotto embargo internazionale che per
Ragioni di fuso orario in Italia termina all'una e un minuto dell'altro prossima notte la notte tra tra oggi e domani
Est siamo abituati siete abituati anche voi a queste conferenze stampa sotto embargo lo facciamo per cercare di agevolare il lavoro di tutti noi e naturalmente vi chiediamo di rispettare
L'embargo in modo che evita dall'una di questa notte tutto sia pubblico ma non lo sia prima così come da luna di questa notte sul sito Anesti punto è che ci saranno tutte quante le informazioni che avete nella cartella stampa oltre arresto
Prima di iniziare vorremmo farvi vedere un breve filmato di quattro minuti più o meno che di raccontate le immagini principali contenuti del rapporto annuale poi iniziamo con le redazioni
Questo è uno degli scorci
Espongo est prima citato tale da un spende dicesse espropri
Noi costruito
Esista un uomo FIAT giovani stanno lì
Può esser il tipografo alternate
Files agli sprechi
Interesse intervenendo
Stringenti se lei
Nell'idea il nostro cervello
Mediante la dell'ingegnere R. esperimenti
Presenti
Seria
Conflitto fu negli enti punto offriva Air France
Rodomonti i fumi di numero ventidue cancri comunque di aver
Generalmente di Kennedy quindi annuncio il sentimento
In ufficio il campus
Questi attimi di fronte
Perquisite tieni Natale
Vecchie
Semi chimici
Nominativi non ce la fa
Seria
Incredibilmente a tal fine
Ho sentito tante iniziative senza emendamenti tunisina cioè
Procedurale
Allora un gioco
Meglio il Mezzogiorno è sull'orlo del
Prudenza è un padre
Capienza
Vincerà scientemente
Seveso questi limiti era temono INPS Battistotti ogni eccesso
Giuseppe mi informo
Dal pacchetti minime ci sembra
Sono ben conformismo al rientro mancanza Sting recentissimamente
Jeans
Dovrebbe ben definite
Scusi presidente nutro
Rivolto
Dentro i Centri cancri
Abbronzante noi
Sano senso influente
Vorrebbe adesca un flirt tempi Kuffour stufi di Sassari vedrebbero un semplice clic risparmi ex
Voi
Se accanto alle insomma non mi offre
Attenzione vivete cambi
I titoli richiesti a mie mani
Leggevo ieri sera è arrivata
Dicevo ingenti danni attenuanti
E verosimilmente si
Avendo OCSE spessore Fodolu effigi riscosse dell'audience tedesco del Galles del fiume Po alle liste bensì Ciracì perché in signor Emilio
Coincide esattamente conoscevo numerose della prevenzione foglietti Pietro centotrentanove iscritti
Incesto sangue
Guadagni Pino illustrissime noi siccome lei Cinzia sua cifra offerti ieri
Esentate l'eventuale situazione di una specie di riferite illustrati e avessimo al suo fuoco anzi bensì gli eserciti né masserizie
Dominici vendendo che coccola scorrere sulle riviste di slanci esse Schifani avanzando Marzio cioè Ceschi a quelli
E lui si è ormai menziona simboli del Santuario su questi pressanti penso che sia
E li ho inseriti ritardi insieme zero può essere Expo e
Volentieri riscontri
Terzo imposta eccetera che non ha rispetto al primo incontro anche a
Casuale
La riprova in senso
Sim degli enti USA
Si somma il richiedente
Sono Samanamu in tempi in Palestina penso promessa
Eppure sull'Expo facciamola
Ventinove ex dovesse ministri senza un'udienza al piccolo non
Con Campice cancri
Newyorchesi investendo udienze migliore di sempre
Oppure
Persone fra intesa
Presente entrarono finti e trenta disco invece di gas
Contribuente affondamento Cipollone x
Quelle che ho visto per i singoli suggerimenti mai concesso Vélodrome Scremin decreto Brunetta se stessi
Cominciasse avvertito
Del cantiere per cinque milioni sprofondamento
Non ne capisce poco debole del Bergamini in crisi di identità Spence corre FG Ismail anzi espresse leggendo
Studenti dentro direttore dei leaders
Asprezze accrescendo e sponsor letti
Del progetto il prezzo di Smelzo pittorico displaced tutto il giorno del concorso
Bene allora iniziamo con
La parte internazionale del rapporto annuale con la relazione di Carlotta Sami direttrice generale di Amnesty International Italia
Buongiorno buongiorno a tutti a tutti grazie per essere qui per questo nostro appuntamento annuale con rapporto di Amnesty International
Che in modo anche duro come avete visto da queste immagini ma stretti fortemente necessario ci fa prendere consapevolezza del fatto che il due mila dodici è stato un anno insopportabilmente pieno
Di violazioni dei diritti umani nel mondo
Nel corso del due mila e dodici Amnesty International ha documentato restrizioni della libertà d'espressione in almeno centouno Paesi
Torture in almeno cento dodici Paesi
Prigionieri di coscienza in cinquantasette e processi iniquo regolari in ottanta questi dati vedono come dati in in crescendo in aumento rispetto al due mila undici
Nella cartella stampa che avete potrete valutare e considerare anche con maggiore attenzione i numeri che ho appena dato
Il dato di fatto è che ben la metà della popolazione del nostro pianeta e in particolare le donne sono di fatto cittadine di seconda classe per quanto riguarda la realizzazione dei loro diritti
Molti Paesi infatti non hanno fatto assolutamente nulla nei confronti della violenza basata sul genere
Militari e gruppi armati per quei trovano stupri in Ciad Mali e Repubblica Democratica del Congo
I talebani in Afghanistan e in Pakistan hanno ucciso donne e bambine che avevano nel mille la solo bolli della sull'unica volontà ad esempio di poter andare a scuola e accedere all'istruzione
In Paesi quali il Cile il Salvador Nicaragua
E la Repubblica Dominicana a donne era ragazze rimasta incinta a causa di stupri o la cui gravidanza mette a rischio la loro stessa vita la loro salute non è riconosciuto il diritto
L'accesso ai servizi sanitari adeguati e ad una porto sicuro
Siamo quindi di fronte a un tradimento di fatto anta green tradimento dei Governi verso i loro cittadini
I Governi stanno tradendo i diritti dei loro cittadini e stanno tradendo anche i diritti di coloro che verso questi Paesi cercano di arrivare
Così come stiamo assistendo ad un fallimento complessivo della comunità internazionale nell'affrontare in modo efficace gravissime crisi
Dei diritti umani parliamo di conflitti ma parliamo anche di povertà di violenza contro le donne di attacchi continui e in aumento alla libertà d'espressione
Stiamo parlando di Dotti tortura e discriminazione verso gruppi sempre più ampi di persone in particolare il mondo attuale è un mondo terribile per rifugiati e per migranti
La mancanza d'azione a livello globale a favore dei diritti umani sta infatti rendendo la vita impossibile estremamente pericolosa a milioni di persone che fuggono da guerre da carestie e da situazioni estremamente gravi
Queste persone fuggono in cerca di lavoro o in cerca di protezione e fuggono con le loro famiglie parliamo di uomini di donne di bambini
I diritti di queste vie di queste persone sono state violate
Da governi che di fatto dimostrando di essere molto più interessati alla procura alla protezione dei propri confini dei propri confini fra nazionali che a quella dei propri cittadini o di quelle frontiere che oltrepassavano
Chiedendo un riparo migliori opportunità
Ci sembra di poter dire che l'assenza di soluzioni efficaci per fermare i conflitti la discriminazione su base etnica di genere di orientamento sessuale e le altre violazioni di diritti umani
Sia di fatto creando una sotto classe globale
I cui diritti sono quotidianamente a rischio
Chi appartiene a questa che sotto classe globale sono ben duecento quattordici milioni di migranti nel mondo sono quindici milioni di rifugiati sono dodici milioni di persone senza nazionalità
Dodici milioni di a politiche
Nel due mila dodici una lunga serie di emergenze dei diritti umani ha infatti spinto alla fuga numerosissime persone dalla Corea del Nord al Mali dalla Repubblica Democratica del Congo al Sudan alla Siria quei
Stenta
Con quella appunto con la crisi siriana sono state le crisi assolutamente più evidenti ma assolutamente non le uniche
Molti Governi infatti hanno violato i diritti umani in nome del controllo delle proprie frontiere anche governi che si trovano all'interno dell'Unione europea
Milioni di migranti sono trascinati poi in un ciclo di sfruttamento lavoro forzato abusi foto
Abusi sessuali da parte e come infetto delle politiche contrarie all'immigrazione
Questa situazione rifugiati e migranti sono responsabile delle difficoltà in cui si è e si imbattono i Governi nazionali
E non fanno altro che rinfocolare una retorica intrisa di razzismo che prende sempre più piede anche in Italia come vedremo più avanti
L'Unione europea ha posto in essere misure di controllo delle frontiere che mettono spesso a rischio effettivo dei migranti e dei richiedenti asilo e non garantiscono la sicurezza delle persone che fuggono da conflitti da persecuzioni
In varie parti del mondo migranti e richiedenti asilo finiscono regolarmente in centri di detenzione questi centri di detenzione violano a Bari a grandissimi livelli a vari livelli di diritti umani dei migranti dei richiedenti asilo
Sono centri inumani spesso sono container o sono addirittura delle gabbie metalliche
I diritti di un'ampia parte di questi duecentoquattordici milioni di migranti non sono quindi protetti né dai loro Governi nei dagli Stati verso cui si sono trasferiti
Milioni di essi vivono di fatto in situazioni di lavoro forzato facilmente assimilabile alla schiavitù e vengono trattati dei Governi come criminali
I migranti poi se privi di qualsiasi documento sono quelli più a rischio di sfruttamento di violazioni
Di fatto è stato molto più difficile per i migranti violare per i migranti varcare le frontiere
Che per le armi attraversare quelle stesse frontiere alimentare la violenza in quegli stessi luoghi da cui i migranti scappano
Tuttavia l'adozione nel due mila e tredici del Trattato delle Nazioni Unite sul commercio delle armi
Ha fatto nascere la speranza che almeno le forniture di armi non possono più andare verso quei Paesi che compiono palesemente violazioni dei diritti umani
Vorrei ora approfondire una serie di aspetti relativi alla situazione dei diritti umani nelle diverse aree del mondo e in alcuni Paesi specifici
Come tutti sappiamo come tutti ascoltiamo ogni giorno la situazione della Siria non è cambiata l'unica cosa che cambia in Siria il numero crescente dei morti delle vite perse o comunque delle vite distrutte
Milioni di siriani sono stati costretti a fuggire dal conflitto si parla di
Più di due milioni di persone che comunque si muovono all'interno della Siria e più di un milione e mezzo di persone che sono scappate dalla Siria
Le Forze armate di sicurezza di Damasco hanno continuato a compiere attacchi indiscriminati Emirati contro i civili e a sottoporre a sparizioni forzate tortura ed esecuzioni extragiudiziarie sospetti oppositori
A loro volta i gruppi armati si sono resi responsabili della cattura di ostaggi e di esecuzioni sommarie e di torture sebbene su scala minore
Parliamo oggi ancora di scala minore ma non sappiamo nel l'ipotesi in cui il conflitto continui a non essere gestito
Responsabilmente dalla comunità internazionale a cosa si potrà arrivare
Giorni fa l'Assemblea generale dell'ONU ha adottato una buona risoluzione sulla Siria dopo due anni e mezzo
In cui si parla della necessità di contrastare l'impunità e del fatto che
Ciò che emergerà da questo conflitto non potrà basarsi in alcun modo sull'impunità
Certo è una buona risoluzione peraltro adottata con gravissimo ritardo
E la scusa per cui i diritti umani sono una questione interna al Paese è stata usata molte volte per bloccare qualsiasi azione internazionale
Si è corsi spesso alla teoria che logora e assolute moralmente inaccettabile che rispetto alla sovranità nazionale deve prevalere sull'azione per fermare omicidi di massa e torture
Il Consiglio di sicurezza dell'ONU di fatto Consiglio di sicurezza a cui è affidata la sicurezza globale e che accreditato per avere leadership a livello globale ha mostrato ancora una volta
Un affronteranno e debolezza ancora una volta ha dimostrato di non si riuscirà a svolgere un'azione politica unitaria e concertata
In tutta l'Africa poi conflitti povertà e violazione di diritti umani da parte di forze di sicurezza e gruppi armati hanno messo in evidenza anche la debolezza degli organismi regionali degli strumenti regionali e internazionali per la difesa dei diritti umani
In particolare il due mila dodici è stato l'anno peggiore per il Mali dalla sua indipendenza
Mentre il Sudan il numero degli sfollati è tornato ad essere superiore a quello delle persone che sono tornate nelle nelle loro terre
L'esercito sudanese ha compiuto molti attacchi indiscriminati anche in altre zone del Paese
Se guardiamo al Sudafrica poi abbiamo anche qui visto gravi violazioni di diritti umani in particolare vi ricordo cos'è accaduto quando la polizia in ha impiegato
Unità ma armate con fucili d'assalto e proiettili letali per reprimere uno sciopero di minatori e in quell'occasione lo sciopero è stato represso e trentaquattro minatori sono stati uccisi dalla polizia
Nelle Americhe i conflitti sociali sulle risorse naturali continuano a essere all'ordine del giorno tuttavia sono stati riconosciuti i diritti dei propri beni inattivi
Ad essere interpellati presi in considerazione prima che qualsiasi politica di sviluppo venga realizzata sui loro territori
In questi Paesi dell'America centrale America del sud come già dicevo all'inizio molte donne però non hanno potuto riconoscere loro diritto a prendere decisioni libere informati in temi di in tema di maternità
In Paesi come Cina e Salvador Nicaragua Repubblica Dominicana
Tutte queste moltissime donne che sono rimasta incinta causa di stupri o con la cui vita era stata posta a serio rischio da una gravidanza non hanno potuto accedere a servizi sanitari o accedere alla possibilità di una porto sicuro
Se guardiamo invece all'aria del ASI e del Pacifico ci sono sicuramente conflitti armati che hanno danneggiato la vita di decine di migliaia di persone
Sono ancora moltissimi i civili che vengono uccisi quasi quotidianamente lo ascoltiamo
Dalle notizie in Afghanistan e in particolare il numero degli utili dei civili uccisi in Afghanistan ha raggiunto il suo picco nel due mila dodici
In Pakistan poi l'esercito e gruppi armati hanno continuato a perpetrare abusi in Arienti in aree tribali e nel Belucistan
In Pakistan e le minoranze religiose come i musulmani sciiti sono stati allo al centro di un'ondata di uccisioni e in Pakistan donne ragazze vengono possesso a rischio
O
A rischio di uccisioni quotidianamente ci ricordiamo della scioccante aggressione subita da malato io sul sai
Una ragazza quattordicenne pachistana
Che voleva affermare che continua ad affermare il proprio diritto a godere di un'istruzione
In Europa in Asia centrale venendo quindi un po'più vicina a noi i Governi
Spesso si sono sottratti alle loro responsabilità e hanno portato avanti politiche delibere deliberatamente
Miranti a violare a reprimere la libertà di espressione
In particolare in Russia è entrata in vigore una legge che impone a tutte le nel giro organizzazioni non governative Dini che ricevono fondi dall'estero di registrarsi come organizzazioni che svolgono attività
Di agenti stranieri
Sulla base di questa legge anche Amnesty International recentemente ha subito delle perquisizioni nei propri uffici a Mosca
Politiche prassi restrittive in materia di controllo di immigrazione in diversi Paesi dell'Unione europea hanno posto i migranti a rischio di arresto di espulsione di respingimento e di altre violazioni dei diritti umani
In particolare poi l'Italia ha rinnovato l'impegno basato su un vecchio accordo con la Libia per il controllo delle frontiere
Ordo che non assicura la tutela se non addirittura assicura la violazione di fondamentali diritti umani di migranti e richiedenti asilo
In tutta Europa la discriminazione nei confronti poi delle minoranze etniche come ad esempio Roma è andata avanti senza sosta
Io no ma hanno subìto sgomberi forzati in molti Paesi dell'Unione europea in Italia come in Francia in Romania in serve in Slovenia
In Medioriente in Africa del nord a Paesi che di cui abbiamo parlato tanto anche nel rapporto annuale del dell'anno scorso Paesi
Venuti alla ribalta per la primavera araba si sono sicuramente aperti spazi e opportunità
Per la libertà di espressione ma nello stesso tempo si sono fatti anche molti passi indietro per reprimere costantemente la stessa libertà di espressione come ad esempio in Tunisia
E in Egitto dove si è assistito a
Continui attacchi contro le donne
In occasione di manifestazioni nonché attacchi contro i giornalisti nelle stesse occasioni
In Iraq assistiamo a un'escalation di violenza preoccupante che fa salire anche il timore di un rinnovato conflitto interno vi sono molteplici scontri mortali fra gruppi armati sunniti le forze di sicurezza
Il Governo di Israele e poi ha portato avanti le sue politiche di punizione collettiva nei confronti dei
Degli abbia dei territori palestinesi occupati incluso il blocco della Striscia di Gaza e non dimentichiamoci che a novembre
Ha lanciato una campagna militare di otto giorni
Contro l'alla Striscia di Gaza
In cui contro i Gruppi Armati palestinesi che erano responsabili dell'ANCI indiscriminato di di razzi verso Israele in otto giorni sono stati uccisi sei israeliani e più di centosessanta palestinesi la maggioranza civili
Andiamo invece a vedere cosa accade in Bahrain spesso ultimamente si sente parlare di questo di questo Paese un Paese che ha intrapreso una strada di durissima violazione della libertà di espressione
In cui ogni giorno attivisti per i diritti umani vengono imprigionati sottoposti a tortura
A livello globale
La pena di morte ha invece ha continuato la sua ritirata nonostante
Ci siano stati alcune prime esecuzioni in in Gambia ad esempio dove da trent'anni non veniva eseguita la prima di e la pena di morte
E nonostante vi sia una ripresa delle esecuzioni in un Paese come il Giappone dopo ben quindici anni
Non dimentichiamoci che anche in Europa continua a esserci la pena di morte a causa della Bielorussia
Negli Stati Uniti invece il numero degli stati di che riconoscono alla pena di morte sistema sta diminuendo in Connecticut il Connecticut diventato diciassettesimo stato abolizionista
E quindi il Trento diciamo che riguarda la la pena di morte è un trend che continua a essere positivo dal nostro punto di
Nel senso che aumentano i Paesi che la vanno ad abolire
Questo diciamo
Un piccolo segnale per dirci che non tutto nel due mila dodici è andato male
Ad esempio un altro segnale incoraggiante l'abbiamo avuto in Myanmar quando sono stati liberati centinaia di prigionieri politici
Questa è anche un segnale che ci dimostra che grazie al coraggio di milioni di attivisti del mondo i diritti umani possono essere affermati tutelati cambiamenti positivi e la giustizia possono essere affermati realizzata
Anche grazie al coraggio di i ragazzini a come malaria il malato a Yusuf sai che a quattordici anni ha rischiato la vita ed è stata
E ha subito una prassi un'aggressione
Grazie gravissima a mala l'aiuto sul riuso stessa e vogliamo dedicare il rapporto annuale di quest'anno
Per quanto riguarda l'Italia
Rileviamo il fatto che nel due mila dodici ci sono stati due alti dirigenti e tre agenti dei servizi segreti che sono stati condannati per il rapimento del cittadino egiziano Abu Omar che era avvenuto nel due mila e tre
Prima che la CIA trasferisse illegalmente in Egitto sono stati condannati anche tre alti funzionari della CIA
Il Parlamento europeo ha dato si finalmente seguito alle sue alle richieste di Stati membri del minore Preah affinché assumessero le loro responsabilità adottando un importante rapporto
Per dato nuovo impulso alla richiesta di giustizia alla ricerca dei responsabili delle violazioni di diritti umani commesse nel contesto dei programmi ready rendition della CIA
Per tornare alle Americhe vi vorrei segnalare due alcuni importanti procedimenti giudiziari in Guatemala il processo che ha portato alla condanna peraltro annullata da pochi giorni degli dell'ex presidente militare Vioxx Monte
In Cile un giudice ha ordinato l'arresto di otto ex ufficiali militari militari in relazione all'omicidio del cantautore Victor farà
Avvenuto pochi giorni dopo il colpo di Stato che aveva portato al potere il generale Pino scene il settantatré
Gli ex Presidente dell'Argentina Videla che è morto pochi giorni fa era in alto opinione sono stati giudicati colpevoli del rapimento sistematico di bambini
E condannato condannati rispettivamente a cinquanta e quindici anni di carcere
Aggiungo poi la Corte interamericana diritti umani ha emesso un verdetto storico info in favore dei
Sarà Iancu una popolazione locale giudicando colpevole l'Ecuador di aver violato i loro diritti consentendo a una compagnia petrolifera di operare nelle loro terre senza loro consenso
Il messaggio che quest'anno Amnesty International vuole Daria e quello sicuramente di una di un pianeta
In cui la richiesta di tutela dei diritti umani si fa sempre più forte sempre più necessaria perché le operazioni invece che diminuire purtroppo
Aumentano
Il mondo privo di forme di frontiera dei moderni strumenti ricognizione di comunicazione rende sempre più difficile temere le violazioni nascoste
All'interno di confini nazionali e offre a tutti noi un'opportunità senza precedenti per agire per i diritti di milioni di persone
Sono i diritti umani sono diritti di tutti noi
E non si può pensare alla vita di rifugiati e di duecentoquattordici milioni di migranti un come un qualche cosa che è lontano dalla nostra mente che lontano dal nostro cuore
Sono questioni che influenzano la vita veramente di ciascuno di noi parliamo dell'Africa parliamo dell'Asia ma queste sono cose che sperimentiamo e di cui abbiamo consapevolezza anche noi in Italia tutti i giorni
Quello che però vogliamo lanciare anche un messaggio positivo un messaggio utili sicuramente
Di preoccupazione ma anche di passaggio all'azione perché abbiamo visto e ce lo insegnano decine d'anni di di attivismo che giustezza può esser fatta quei se non tenuta che i diritti umani e cambiamenti positivi si possono ottenere grazie all'azione di milioni gli attivisti persone comune comuni e come tutti noi
Lo vediamo con il trattato sulle armi lo vediamo con l'attività della Corte penale internazionale lo vediamo con la liberazione che avviene quotidianamente di prigionieri di coscienza
Quindi la protezione dei diritti umani deve riguardare assolutamente tutti gli esseri umani indipendentemente dal luogo in cui essi si trovano grazie
Grazie
Grazia Carlotta Sami intanto saluto e ringrazio la sua presenza Mauro Palma che qui è di casa come dirigente del Treccani e ex presidente del Comitato per la prevenzione della tortura grazie a Dio essere con noi anche quest'anno
Ora parliamo dell'Italia per questo do la parola Antonio Marchesi Presidente di Amnesty International Italia
Sì buongiorno a tutti
Anche quest'anno Trai centocinquantanove capitoli dedicati a i singoli Paesi del nostro rapporto annuale ve n'è uno che riguarda l'Italia
E anche quest'anno purtroppo quel capitolo è la testimonianza di una erosione progressiva dei diritti umani di violazioni dei diritti umani che sono
Costanti o forse anche in aumento ed è il all'esistenza di una serie di vuoti legislativi che a distanza di anni ancora non sono colmati
Quindi una situazione che ha molte ombre tra queste spiccano la discriminazione nell'accesso ad una serie di diritti fondamentali di molti
Italiani che stranieri e tra questi rom che sono segregati nei campi ed esclusi dal diritto ad un alloggio adeguato
Il lato i lavoratori migranti che sono spesso sfruttati dei loro datori di lavoro e che spesso non hanno un accesso alla giustizia
Segnalo anche livello allarmante raggiunto dalla violenza omicida contro le donne la discriminazione di cui soffrono il giorno dopo giorno le persone LGBT nel nostro Paese
E infine gli ostacoli che incontra chi chiede verità e giustizia perché lo per coloro che sono morti o che hanno subito torture e maltrattamenti mentre si trovavano nelle mani delle forze di polizia
Vi è poi anche la stigmatizzazione pubblicare questo è un un fenomeno che tutti conosciamo di chi è diverso per colore della pelle per l'origine etnica
Può trattarsi di un calciatore famoso di un neo amministravo può trattarsi anche di una famiglia a Roma
Il capitolo su l'Italia del rapporto annuale
è anche però la testimonianza dell'impegno tenace di attivisti famiglia di vittime di violazioni dei diritti umani organizzazioni i comitati
E anche dei risultati alcuni risultati positivi importanti ottenuti sul piano giudiziario sono questi due probabilmente sia in Italia che altrove i principali fattori che sono all'origine di quegli sviluppi positivi di cui pure nel rapporto annuale si il Sita contro
Passando alle questioni specifiche la discriminazione dei rom non si è affermata sotto il Governo Monti
Il cosiddetto governo tecnico ha presentato un ricorso contro la sentenza del Consiglio di Stato che nel dicembre due mila e uno dichiarare illegittima la cosiddetta emergenza nomadi del due mila otto
L'emergenza nomadi lo ricordo è
In qualche modo la madre di tutti quei piani che a livello locale
Hanno consentito
Centinaia di sgomberi forzati violazioni multiple dei diritti dei rom a cominciare evidentemente dal diritto all'alloggio
Presunte esigenze securitaria poi hanno consentito
Controlli anche controlli visivi video sorveglianza limitazioni le lesive dei diritti dei residenti
Di una serie di campi rom ma segregati rom segregati in campi mono etnici
La Corte di Cassazione stiamo parlando adesso del del due mila tredici di poche settimane fa in realtà
Ha confermato quella sentenza del Consiglio di Stato quindi l'illegittimità del dell'emergenza nomadi quindi quanto meno da un punto di vista giudiziario la vicenda è chiusa
Nell'attesa però che anche la prassi aggiungerei il linguaggio politico si adeguino al principio di non discriminazione le violazioni sono continuate per tutto il il due mila dodici
Nel giugno del due mila e dodici per esempio è stato aperto un nuovo campo il campo la Barbuta vicino a Ciampino alla pista di atterraggio dell'aeroporto di di Ciampino
Che ha a sua volta ha causato la crescente segregazione del del la popolazione rom ma delle persone che vi sono state condotte ad abitare e questo nonostante che l'Italia avesse preso degli impegni
In senso contrario con la Commissione europea attraverso la approvazione della strategia nazionale per l'inclusione dei rom testata adottata nel febbraio del due mila dodici
Passando ad un altro capitolo in parecchi casi di persone che sono morte mentre erano nelle mani delle forze di polizia si sono registrate lacune nelle indagini
Lacune nelle indagini che poi sono risultate nell'impunità dei membri delle forze di polizia di polizia
L'impunità che è stata in parte soltanto scalfita per effetto di quegli sforzi enormi che sono stati compiuti dalle famiglie per cercare di ottenere giustizia
Segnalo solo un caso tra i casi pregressi nel caso di Giuseppe UPA a cinque anni dalla sua morte sia ancora molto lontani dall'accertamento della verità
E annessi International nutre forti dubbi sul fatto che
Quanto è stato fatto finora sia stato conforme a quegli obblighi di efficacia di indipendenza
Di tempestività e di completezza delle indagini che gli standards internazionali impongono al nostro Paese in presenza di un decesso di una persona che si trova nelle mani delle forze di polizia
Laddove poi la giustizia ha il coraggio di chiamare in causa altre istituzioni dello Stato il suo cammino va incontro ad una serie di difficoltà ad una serie di ostacoli
Si possono ottenere risultati importanti ne segnalo due le due sentenze del due mila dodici del mese di luglio del mese di settembre rispettivamente della Corte di Cassazione
Che hanno confermato le condanne per la scuola di Axa
Stiamo parlando di Genova del due mila uno e hanno confermato anche le condanne
Per il rapimento di Abu Omar di cui ha parlato Carlotta sani che è avvenuto a Milano nel nel due mila e tre
L'azione giudiziaria da sola però non basta a sconfiggere l'impunità soprattutto se il sistema è privo di una serie di Costru
Ti normativi come reato specifico di tortura o priva anche di organi di controllo indipendenti sui luoghi di detenzione
Diciamo che l'azione giudiziaria non basta se manca la volontà delle istituzioni
Di schierarsi senza fraintendimenti dalle parti dalla parte dei diritti umani anche
E soprattutto quando sul banco degli imputati vi sono appartenente all'apparato dello Stato
Dobbiamo dire quindi con franchezza che dopo le condanne ottenute a seguito del lavoro investigativo dei pubblici ministeri e dal lavoro dei giudici sulla per il rapimento di Abu Omar abbiamo ha preso con disappunto
Della grazia concessa dal Presidente Napolitano a Joseph romano Joseph a mano
Un ufficiale dell'aviazione statunitense era a capo della base di Aviano al momento del del rapimento
E la sua condanna era stata resa definitiva dalla Corte di Cassazione nel settembre del del due mila dodici
A secondo Amnesty International la grazia Romano offende
Gli sforzi di tutti coloro che hanno lavorato
Perché vi fosse perché funzionasse adeguatamente un sistema di giustizia in caso di violazione dei diritti umani in Italia
Le violenze delle forze di polizia nel G otto di Genova del due mila uno restano poi un altro caso vergognoso di impunità per gravi violazioni dei diritti umani
Anzitutto perché centinaia di agenti che si sono resi responsabili di violenze non saranno probabilmente mai identificati né tanto meno perseguiti
E perché le istituzioni poi non hanno ancora fatto i conti Colle responsabilità
Politiche con le responsabilità sistemiche
Che hanno portato al disastro di quel di quel G otto
Aggiungo che le vittime ancora attendono delle scuse ufficiali dalle istituzioni nonostante che la verità storica sia ormai è stata accertata
Vi invito a leggere tutto il capitolo italiano del del rapporto annuale c'è dell'altro
Io passerei invece a dirvi come la situazione dei diritti umani nel nostro Paese ha spinto Amnesty International all'inizio
Di quest'anno a proporre un vero e proprio pacchetto di riforme relativo ai diritti umani un'agenda in dieci punti
L'abbiamo sottoposta all'attenzione dei leader delle coalizioni in corsa alle elezioni l'abbiamo sottoposta anche a tutti i candidati alla al Parlamento
Il primo punto dell'agenda parla proprio del del tema che abbiamo toccato da ultimo cioè garantire la trasparenza delle forze di polizia e introdurre il reato di tortura
Il raggiungimento di quest'ultimo obiettivo quello relativo al reato di tortura
Sembrava in dirittura d'arrivo alla fine della scorsa legislatura e poi per l'ennesima volta in maniera del tutto incomprensibile del tutto ingiustificabile è stato impedito all'ultimo momento
L'idea che vi possa essere una rimozione giuridica della tortura che si possa eliminare il problema della tortura non contemplando la nel Codice
Evidentemente una una posizione inaccettabile per terra Amnesty International
La Convenzione contro la tortura di cui andreste di cui l'Italia è parte da quasi venticinque anni
Impone tutta una serie di obblighi che presuppongono come minimo che vi sia
Il reato di tortura nel nel Codice penale
E per sgomberare il campo da eventuali obiezioni pretestuose io credo
Sia giusto aggiungere che le forze di polizia in uno stato di diritto sono le prime ad avere un interesse a che i responsabili di atti che sono contrari alla dignità umana
Rimangano impuniti perché questo non fa che minare la credibilità l'autorevolezza del del corpo
Secondo punto dell'agenda affermare il femminicidio e la violenza contro le donne
Ha fatto sì che accogliessimo PON
Soddisfazione l annuncio del possibile imminente la possibile imminente ratifica della della convenzione di Istanbul
Sarebbe un bel risultato bisogna aggiungere però che le convenzioni internazionali poi devono essere attuate nella legislazione e nella prassi del degli Stati
L'anche l'attuazione avvenuta nel due mila dodici con dieci anni di ritardo
Dello Statuto di Roma dello Statuto della Corte penale internazionale è una buona notizia del due mila dodici rapporto annuale ne dà conto bisogna però dire che anche è una vicenda che esemplifica la tendenza tutta italiana ritenere che la sola ratifica basti
Che risolva i problemi e che ci metta al riparo dal dalle critiche internazionali mentre evidentemente non è non è così le cose non stanno in questi termini
E a proposito di ritardi italiani voglio ricordare la mancata creazione di un'istituzione nazionale indipendente per i diritti umani conforme ai principi di Parigi votati dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Anche qui c'era una proposta in discussione anzi fase molto avanzata di discussione che poi
è stata lasciata cadere alla fine della della scorsa legislatura
Ricordo anche la necessità di provvedere con urgenza alla attuazione dell'OCCAR atto che nel protocollo addizionale alla Convenzione contro la tortura delle Nazioni Unite l'Italia lo ha ratificato ancora una volta e questo è un bene
Quel protocollo prevede la creazione di un sistema di vigilanza permanente sulle condizioni dei luoghi di detenzione finalizzata a prevenire la tortura e i trattamenti inumani in quei luoghi quel sistema tuttora manca in Italia ebbene stremo bisogno in un paese che come ricorda anche lo stesso rapporto annuale
Vede nelle carceri condizioni disumane
Degradanti nelle carceri ma anche nei centri di identificazione ed espulsione terrà stranieri in cui la dignità umana viene quotidianamente violata
Il terzo punto dell'agenda proteggere i rifugiati fermare lo sfruttamento della criminalizzazione dei migranti e sospendere gli accordi con la Libia sul controllo dell'immigrazione
è un tema che richiama in chiave italiana uno dei focus generali del rapporto annuale
Due mila tredici di Amnesty e anche questo comprende in sé un obiettivo specifico di riforma
Mire ferire mi riferisco alla cancellazione
Definitiva dalle nostre leggi di quel reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato immigrazione reato di immigrazione clandestina come viene comunemente definito
Che innanzitutto è risultato inefficace e non lo dice Amnesty International lo dice la commissione tecnica voluta dall'ex Ministro della Giustizia Severino
Ma poi ed è quello che interessa molto anche a noi profondamente iniquo ed è contrario agli standards evidentemente contrario agli standards internazionali
Sulla detenzione degli immigrati irregolari che deve essere
Un'asta caso eccezionale e non non la regola una prassi generalizzata
Il quinto punto dell'agenda combattere lo fa l'omofobia e la transfobia e garantire i diritti umani alle persone LGBT ciò si traduce tra l'altro nella richiesta
Di aggiungere il movente di omofobia
Tra le aggravanti contemplate dalla cosiddetta legge Mancino e questo per porre fine al trattamento discriminatorio
Delle vittime di crimini che sono motivate da omofobia e non da altre
Eventuali forme di discriminazione
Non posso fare tutto l'elenco dei punti del dell'agenda riguardano in parte temi toccati da Carlotta sanno in parte temi
Toccati da me mi limito a citarli assicurare condizioni dignitose rispettose dei diritti umani nelle carceri
Imporre alle multinazionali italiane il rispetto dei diritti umani segnalo che di recente siamo diventati azionisti critici dell'ENI
E in tale veste siamo intervenuti nell'Assemblea soprattutto sul tema delle violazioni dei diritti umani nel Delta del Niger
Lottare contro la pena di morte nel mondo e promuovere i diritti umani nei rapporti con gli altri Stati
Garantire il controllo sul commercio delle armi favorendo a questo punto la ratifica ma anche l'attuazione del Trattato
Internazionale sulle armi adottato dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite qualche mese fa con il voto favorevole del dell'Italia
Mi avvio alla conclusione dicendo che la storia delle violazione dei diritti umani
In questo inizio di secolo in questi ultimi anni
Sarebbe potuta essere diversa se queste nostre raccomandazioni che sono state sottoposte tutte già in passato alle nostre istituzioni fossero state adottate in tempo utile
Se fossero state ri seguite politiche rispettosa dei diritti umani nella gestione dell'immigrazione
Non sarebbero probabilmente stati firmati accordi bilaterali come quello con la Libia
L'ultimo è stato fermato nel due mila dodici dalla ministra Cancellieri con le nuove autorità di Tripoli
Noi riteniamo che per effetto di quel trattato vi siano
Persone la cui vita e la cui integrità continua a essere messa a repentaglio non vi erano le condizioni per stipulare quell'accordo internazionale
Se l'Italia non avesse un ritardo di un quarto di secolo fino fino ad oggi diciamo nell'introdurre reato di tortura nel Codice penale
Forse fatti estremamente gravi non sarebbero accaduti o quanto meno sarebbero stati adeguatamente puniti
Se vi fossero state leggi idonee a contrastare tutti i crimini di odio forse anche l'omofobia sarebbe a questo punto in in ritirata
Noi prima delle elezioni abbiamo sottoposto la nostra agenda I leader
Che si proponevano per la guida del Governo e come vi dicevo a tutti i candidati al al Parlamento
I leader di quattro formazioni politiche che sono attualmente rappresentate all'interno del Governo Berlusconi Bersani Monti e Pannella
Hanno aderito alla nostra agenda lo hanno fatto centoquattordici tra gli attuali parlamentari deputati o senatori tra questi la Presidente della Camera Laura Boldrini
La ministra delle pari opportunità Joseph fa idem poi altri personaggi esponenti politici di diversi schieramenti Stefania Prestigiacomo Nichi Vendola Ivan Scalfarotto
Mario Marazziti Andrea Olivero e tutta una serie di altre altri esponenti politici
Per noi questo è stato un risultato importante ora è arrivato il momento di mantenere diciamo le promesse e ci aspettiamo che coloro che hanno firmato i punti della nostra agenda li hanno materialmente sottoscritti tengo a
Arezzo tengano fede a quegli impegni molto specifici che hanno assunto li hanno assunti con Amnesty International Manti che con tutta una serie di
Cittadini che prima di recarsi a votare si sono informati attraverso Amnesty International sulle loro posizioni in materia di diritti umani
A questi esponenti politici ma
Molto più in generale a tutte le istituzioni del del nostro Paese
Amnesty International dice che è il momento di fare riforme serie in materia di diritti umani
Non ci sono tutta una serie di possibili alibi non regge l'alibi della crisi secondo noi ammesso che considerazioni economiche possano
Essere fatte valere di fronte all'esigenza di tutelare i diritti fondamentali ma le violazioni dei diritti umani stesso costano e spesso costano molto di più del loro rispetto
Aggiungo che non è un'obiezione valida secondo noi la presunta limitazione dell'agenda del del del Governo
Dal nostro punto di vista il Parlamento è stato eletto il Governo in carica entrambi sono tenuti a svolgere
Le rispettive funzioni nell'interesse generale se a garantire l'attuazione degli impegni internazionali che il nostro Paese si è impegnato a rispettare
Tra l'altro non non sono richiesti tempi lunghi
Né un grande impegno per eliminare reato di immigrazione clandestina
Per ampliare la legge Mancino al movente di omofobia per introdurre il reato di tortura per proibire gli sgomberi forzati sono tutti passi relativamente semplici se esiste la volontà politica di i compierli
Qualche settimana fa
Ci siamo rivolti alla neo Presidente del Consiglio Enrico letta apprezzando i riferimenti contenuti nelle sue dichiarazioni programmatiche in occasione della richiesta di fiducia
Ai diritti delle donne
Alla coesione con le comunità di origine straniera alle condizioni nelle nelle carceri
Su quest'ultimo tema poi si era espresso anche il Presidente del Senato Grasso nel discorso di insediamento
Più di recente la Presidente Boldrini e lo stesso Presidente della Repubblica hanno ricordato la necessità di contrastare l'omofobia
In Parlamento sono stati presentati direi numerosi disegni di legge che riguardano i temi del del della nostra agenda molti che riguardano ad esempio l'introduzione del del reato di tortura
Nelle dichiarazioni nella presentazione di disegni di legge comportano di per sé la modifica della vita delle persone
Se non interviene diciamo a darvi seguito una concreta volontà politica di cambiamento la nostra speranza la speranza di Amnesty International
è che il nostro Parlamento il nostro Governo trovino il coraggio trovo e abbiano la visione diciamo necessari a rendere l'Italia finalmente un Paese rispettoso dei diritti umani vi ringrazio
Bene grazie Antonio Marchesi ora se i rappresentanti della stampa hanno domande per noi rispondiamo molto volentieri
Nell'attesa nell'attesa di queste domande vi do qualche altra informazione molto molto breve su cosa ammessi intreccio Italia farà nelle prossime settimane che sono normalmente molto intense di attività
All'inizio di giugno il due per una settimana sarà con noi una rappresentanza dalla comunità sarà Iaco dalle quattordici lo ricordavamo prima che è stata protagonista della probabilmente più grande sentenza giudiziaria del due mila dodici
Emessa dalla Corte interamericana dei diritti umani saranno in Italia ci sarà alla proiezione di un una documentario su questa battaglia giudiziaria vinta
Al Festival dei cortometraggi di Tolfa quindi vi invito può essere interessati a contratto al nostro ufficio stampa per interviste
E altro il ventidue a Palermo come ogni anno saremo presenti all'altra ed è nazionale
Inizia anche la stagione dei campi estivi quest'anno sono molti da Lampedusa al lago Trasimeno
E al in altre sedi ospiteremo decine sovente più di un centinaio di ragazze e ragazzi adulti incanti che hanno l'obiettivo di sensibilizzare formare e
Parlare di diritti umani delle campagne di Amnesty International c'è una brochure nella vostra canta la stampa
E soprattutto vi ricordo che siamo proprio nelle nel momento cruciale della campagna per donare ad Amnesty International cinque per mille
è una cosa molto importante come l'acqua direi per noi vi chiediamo se possibile trovate informazioni perché la stampa di darci una mano promuovere
Il cinque per mille a favore di ammessi in crescita Lia quest'anno anche quest'anno alla promozione della di questa campagna a come testimoniare il nostro caro amico Alessandro Gassman perché come sempre si dà da fare per i diritti umani però
Naturalmente per i diritti umani potete e dovete fare qualcosa i molto importante anche voi
Rinnovo l'appello
Per domande sì
Camboni di osservatorio a
Vorrei chiedere a voi una considerazione sull'ultimo rapporto mi sembra di aprile suicidi ente fatto dal Ministero dell'interno secondo cui appunto
In che direzione sta andando
Nel dettaglio non
Nel dettaglio non non lo abbiamo non lo abbiamo esaminato quello che ha messo in premessa ostica che sì vado attraverso una progressivo superamento di questa idea che quella base di
Di queste struttura chiamata in tanti modi diversi in questi anni e cioè l'idea che comunque il fenomeno delle migrazioni della irregolarità deve
Essere affrontato attraverso la
è un ricorso generalizzato e alla detenzione porrà porta in sé ce lo ce lo studieremo bene daremo una risposta complessiva quando dovremo esaminato
Sì Amnesty International la
Condotto delle
Missioni
Nei CIE nel corso del
Due mila undici mi pare
Che mettono in luce diciamo condizioni
Di privazione della libertà al di sotto degli standard internazionale sicuramente però diciamo il problema non è soltanto esistono due problema il problema delle condizioni ma c'è anche il problema della privazione della libertà il sì
Facevo prima un accenno alcun problema del più di un accenno al problema del
La previsione di un reato di immigrazione clandestina che poi porta con sé eventualmente condanne a pene detentive però anche la detenzione amministrativa
Di immigrati irregolari
Non può essere una prassi generalizzato non può essere la routine tre perché diritto alla libertà personale
Incontra sicuramente delle eccezioni ma queste eccezioni sono estremamente circoscritte soprattutto quando si tratta di persone che non hanno compiuto reati contro il patrimonio contro le persone contro la sicurezza e quindi la privazione della loro libertà deve essere secondo gli standard internazionali che Amnesty
Fa propri limitata a
Casi di effettiva necessità e la privazione deve essere proporzionale ad un obiettivo legittimo quindi la prassi generalizzata della privazione della libertà che sia
Perfetto dell'esistenza di un reato o che sia
Una prassi diciamo di tipo amministrativo non è accettabile dal punto di vista di Amnesty a prescindere poi dall'altro problema che è quello delle condizioni in cui questa privazione della libertà viene
Se
Se non ci sono altre domande
Vuol dire che siamo stati bravi no ecco microfono sulla strattonato sul commercio di armi che è stato stabilito trattato dei predefinite statico
Che hanno adottato le Nazioni Unite
Ci saranno modo per
Garantire che venga osservato c'è davvero questa possibilità
Intanto bisogna che entri in vigore perché c'è un numero minimo di ratifica che con le lentezze tipica
Tutti questi meccanismi forse ci vorranno anni si stima che ce ne possano volere anche due se non quattro quindi intanto quello che noi dobbiamo fare su tutti gli Stati che che hanno votato a favore di premere perché ci sono rettifiche sollecito
Poi il testo in sé è un testo importante come si dice
Forte prevede meccanismi di di controllo importanti poi come sempre starà agli Stati che
Che lo hanno firmato e poi ratificato dare un'attuazione corretta stava alle organizzazioni per i diritti umani controllare che sia attuato perché
Se verrà attuato sarà sarà un veramente però la differenza in un modo storico nella vita di venti miliardi di persone se non verrà attuato sarà una delle più grosse
Delusioni complessive della tra un esempio del fallimento completo della comunità internazionale ma io so che siamo in tanti tante organizzazioni che hanno lavorato in questi anni per questo trattato
Francamente era anche impensabile vent'anni fa che ci si arrivasse già adesso ad averlo
Considerata considerato quanto un po'il traffico di armi sia un business lucroso considerato quanto in alcuni Paesi la lobby crearmi sia
Molto forte quindi intanto è un successo oggi che ce lo godiamo sappiamo che potrà fare la differenza ratificato subito e attuato bene perché il testo a le condizioni per essere efficace
E prenderne atto ottico all'eliminazione faccio una domanda che probabilmente io passano sbagliata quindi io non ho ancora avuto novanta opere o altro avrò
Sicuramente chiarimenti in merito
Pensavamo ha visto che è stata trattata anche a mente la questione delle detenzioni illegali Misiani siano anche
Il trattamento delle persone sottoposte a fermo andar resta pensavo che forse sarebbe almeno io vorrei avere ben chiari nei chiarimenti in merito alla posizione di Amnesty
Su quello che a mio parere credo anche per i colleghi è una accelerazione anche nella repressione pesante Enza in mani in movimenti di piazza a tutt'se le nuove regole sulla gestione dei conflitti interni della sicurezza che non riguarda solo l'Italia purtroppo perché anche in Grecia come vediamo che è un Paese hanno i affine
Sanno si stanno verificando sempre maggiori restrizioni ma penso per esempio anche alla Russia quel tipo di manifestazione Moses per esempio degli per ai già la Bulgaria insomma volevo solo chiarimenti forte ritrovo ma ecco grazie
Anzi direi che sicuramente li trova nel senso che
Con riferimento ad alcuni dei Paesi che ha citato se ci sono dei capitoli del rapporto annuale che trattano
Di questi temi
La
Più specificamente la le limitazioni della libertà di
Espressione di associazione in Russia sono o uno dei dei dei focus diciamo del del rapporto almeno per quanto riguarda il continente europeo o gli atti brevemente citati Carlotta Sami nel capitolo
Tra l'altro segnalo che è la stessa Amnesty International è stata in qualche modo oggetto di
Azioni tendenti a limitare la libertà di di di espressione di organizzazione in Russia
Per quanto riguarda la Grecia ci sono rapporti molto dettagliati di annessi che poi
Trovano diciamo una sintesi nel nella voce del rapporto annuale che riguardano ad esempio le condizioni inumane nei campi per stranieri in in Grecia adesso Mauro Palma tra l'altro dovuta andare via però
In quanto Presidente del Comitato europeo per la prevenzione della tortura
Assieme ad Amnesty è tra coloro che hanno documentato la la la le condizioni inumane dei campi per migranti in Grecia quindi la Grecia
Assieme a Cipro assieme all'Italia assieme a diversi Paesi soprattutto del del
Nella parte meridionale d'Europa hanno sicuramente questo questo problema
Per quanto rendo solo se c'era qualcos'altro per quanto riguarda
Eccola
Pagina penetrante l'equipaggiamento con Anna Anxanum per esempio nel momento in cui io
Accennato al fatto che numerosi agenti delle forze di polizia che hanno partecipato
Alla repressione delle manifestazioni di Genova quindi che sono che hanno compiuto atti di violenza non saranno mai identificati come ho detto identificati tanto meno poi
Penalmente perseguiti per eventuali reati ma il fatto che non saranno identificate legato all'assenza nel sistema italiano di un metodo adeguato possono essere
I codici alfanumerici Consiglio d'Europa prevede tra l'altro degli delle degli standards in materia
Che servano agli identificare le persone che sono poi addette al controllo della piazza questo è uno degli ostacoli fra i tanti
Sistemici diciamo che rende difficile l'accertamento di
Abusi da parte del delle forze di polizia
Solamente aggiungere una nota positiva ad esempio rispetto al ottavi fatto per i diritti dell'arco di TPL spicchietto in particolare quelli che denominiamo sto la crono Marco l'acronimo LGBT
A livello europeo abbiamo visto che per la prima volta è stato possibile fare un Traider in Moldova questo comunque dà un segnale
Di di affetti e di conseguenza anche positive di un movimento che molto vitale e che nonostante la repressione continua a mobilitarsi ogni anno in maniera continuativa
Ancora altre domande
Si vogliono a proposito appunto della questione rom ma sono anni che avete abrasive il fatto Quotidiano punto it
E le volevo chiedere come come mai lo stesso Governo molti che è stato quello che ha approvato appunto se non sbaglio quel documento che avete citato sulla
Sull'appunto sulla mi scusi
Esatto sì esatto lo stesso Coni visto Riccardi voi è stato lo stesso Governo che poi invece ha fatto ricorso contro la sentenza
Della Corte di Cassazione punto griffe che ricusata il così tolto piano d'emergenza nomadi cioè sembrava una contraddizione
E sono state voi avete qualche chiarimento in merito e la seconda domanda invece soli dieci punti che riguarda appunto i diritti umani tale che avete presentato le forze politiche
Voi li avete inviati a tutte le forze politiche prima delle elezioni e avete avuto solo le risposte delle forze politiche avete citato giusto
Quindi dal per per quanto riguarda le altre forze politiche che sono numerose c'è stato silenzio che cosa insomma nessuna reazione grazie
Sì allora sono dottor due domande sulla prima sì
Forse non sembra è una contraddizione questa del del del l'Esecutivo Monti che da una parte adottata in febbraio alla strategia di inclusione prendendo degli impegni a livello europeo e dall'altra ritenuto che fosse opportuno
Al noi abbiamo cercato di di di di chiedere anche il perché di questo
Ricorso ma
Non abbiamo avuto delle risposte particolarmente chiare e convincente
Per cui sanno in un certo punto abbiamo preso atto del fatto che questo ricorso è stato presentato siccome dal nostro punto di vista la
L'emergenza nomadi rappresentarla
Un presupposto negativo di tutta una serie di atti di violazione dei diritti umani avremmo voluto che fosse cancellata definitivamente senza bisogno di aspettare il Consiglio di Stato la Corte di Cassazione adesso è stata definitivamente cancellata non è la soluzione di tutti i problemi ma è un importante passo avanti poi sulle motivazioni del Governo Monti non le so dire molto
Non non forse non è neanche mio mio compito
Fare questo tipo di analisi sul
Sull'agenda no noi l'abbiamo presentata a i leader di coalizione
E a tutti i candidati al Parlamento lo abbiamo fatto in vario modo compreso diciamo
Attraverso la nostra Rete Territoriale il contatto personale con il candidato abbiamo fatto quello che fa sempre Amnesty cioè
Mobilitando i propri attivisti integrando l'attività diciamo del
Nello staff dei professionisti con quella dei
Dei volontari abbiamo cercato di raggiungere il maggior numero
Di interlocutori possibile di di dialogare con loro e di ottenere che
Firmassero abbiamo le
Le delle firme diciamo non si tratta di un'adesione generica fatta on line qualcosa di più
Più impegnativo ottenendo da buona parte dei leader di
Coalizione il l'adesione a quasi tutti i punti dell'agenda
E poi da molti parlamentari parlamentari alla fine i candidati erano oltre quattrocento quattrocento e rotti tra questi cento diciassette sì che hanno aderito
Oltre quattrocento sì di quei cento diciassette sono stati stati eletti in qualità anche al momento Cinque Stelle visto che lei parla solo di grande coalizione ma abbiamo abbiamo avuto l'adesione di molti candidati
Al Parlamento del Movimento cinque Stelle diversi dei quali sono stati eletti non di Grillo no di Grillo no se non l'avrei citato
Sì buongiorno Luca Attanasio sono freelance io volevo riferirmi
Alla al fatto che nel febbraio del due mila dodici l'Italia è stata condannata dalla Corte di Strasburgo all'unanimità per gravissime violazioni dei diritti umani riguardanti
La questione dei respingimenti in mare aperto nel Canale di Sicilia e il trattato con la Libia
Una cosa che
Diversi farebbe tremare un qualsiasi Governo nel mondo da noi non solo non ha tremato
Ma due mesi dopo come lei ricordava il ministro Cancellieri è andata in Libia firmare un accordo praticamente fotocopia del precedente del Governo Berlusconi
Cioè mi chiedo appunto e peraltro la cosa e a è passata abbastanza taciuta non se n'è parlato perlomeno dal mio punto di vista come si sarebbe dovuto parlare negli organi di stampa ecco
Volevo sapere appunto se rispetto a questo amnistia siti insomma
La posizione le strategie di rispetto anche a questa che ritengo una una sudditanza insomma ecco
Sì noi riteniamo che gli accordi con la Libia quelli precedenti e quello attualmente in vigore a cui lei faceva riferimento
Producano effettui diciamo mettano a repentaglio la la la vita delle persone che non vi fossero i presupposti per rinnovare quel tipo di accordo con le nuove autorità di Tripoli
La sentenza importante a cui lei faceva riferimento è la la la sentenza nel caso Virzì
è una sentenza importante anche dal punto di vista di Amnesty perché
Chiarisce che il principio di respingimento verso un Paese
In cui vi sia a rischio di
Torture o altre gravi violazioni dei diritti umani riguarda anche i respingimenti che avvengono in nel mare internazionale in alto mare quindi questa
Era forse rispetto ad una serie di sentenze precedenti in cui pure l'Italia era stata condannata la novità principale mentre il Governo italiano sosteneva davanti alla Corte che
Il luogo in cui
L'intercettazione era avvenuta fosse rilevante mentre dal punto di vista dei diritti umani non ha nessuna importanza il fatto che un barcone venga fermato prima che arrears cada arrivare nelle acque territoriali o invece dopo che è arrivato nelle acque territoriali e le sentenze le sentenze della Corte di Strasburgo vanno
Rispettate
Non è che quella sentenza dicesse che erano non è una sentenza che dichiara illegittimi gli accordi con la Libia accerta i fatti del del del della vicenda specifica e ritiene che siano contrari
Alla Convenzione europea dei dei diritti umani
Se può essere utile aggiungo che l'Italia
Per molti decenni non è mai stata condannata per violazione dell'articolo tre della Convenzione europea che è la
La
La norma che vieta la tortura e che diciamo per per implicazione vieta l'allontanamento verso un Paese in cui si subisce si può subire torture
Poi negli ultimi anni questo invece è accaduto con allarmante frequenza nel caso che lei citava è uno dei più recente è stato preceduto da altri casi
Il caso saldi e tutta una serie di altri casi che avevano caratteristiche leggermente diverse ma i Comuni avevano sempre
Lo stesso fatto che l'Italia ha mandato una persona verso un Paese in cui
Occorreva un oggettivo rischio di tortura senza
Preoccuparsi appunto della sorte del della persona
Hanno una posizione di annessi e questa poiché
Penso che chiederemo presto al
Al nuovo ministro dell'interno un incontro per sottoporre nuovamente la questione nei termini che abbiamo detto
C'è anche forse da raccontare qualcosa di più su su sulla procedura di quell'accordo nel nuovo
Perché tutti assenti vicino se ne è saputo nulla ma c'è una ragione
La ragione che prima Amnesty International ha chiesto in maniera ufficiale luogo ufficiale se c'era alle viste la la firma di questo accordo c'è stato detto di no che non era né previsto né tanto meno imminente dopodiché abbiamo saputo l'accordo era stato firmato
Dopodiché abbiamo chiesto per settimane il testo dell'accordo che non c'è stato dato che se questo accordo è diventato pubblico è stato grazie al lavoro di un vostro collega Guido Ruotolo e non certo perché il Ministro dell'interno ha reso pubblico il
Il contenuto quindi c'è stata come dire nella
Inopportunità di fare un nuovo accordo simile a quello del due mila otto c'è stata anche una totale assenza di trasparenza
Altre domande
Allora dire che
Che chiudiamo qui se ci sono richieste di interviste vi prego di fare riferimento Paola Negrelli e alla
Alla mia destra vostre sinistra
Grazie mille vi ricordo che dall'una di questa notte un minuto tutto è pubblico pubblicabile e sul sito a mesti punto nettizzata da domani troverete tal tre altre informazioni grazie a tutte le colleghe e colleghi che hanno lavorato
Grazie a voi
Grazie grazie