11MAG2013
dibattiti

Chiusura OPG: verso il superamento dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario

CONVEGNO | Foggia - 10:04. Durata: 3 ore 6 min

Player
Evento promosso dall'Associazione Radicale "Maria Teresa Di Lascia" di Foggia, con il sostegno dell'Unione delle Camere Penali di Foggia, dell'associazione Legali di Capitanata e dell'Ordine degli Avvocati.

Convegno "Chiusura OPG: verso il superamento dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario", registrato a Foggia sabato 11 maggio 2013 alle 10:04.

L'evento è stato organizzato da Associazione Radicale "Maria Teresa Di Lascia" di Foggia.

Sono intervenuti: Eleonora Mongelli (membro del Comitato Nazionale, Radicali Italiani), Gianluca Ursitti (presidente dell'Unione Camere Penali di Foggia),
Elisabetta Tomaiuolo (segretaria dell'Associazione Radicale "Maria Teresa Di Lascia" di Foggia, Radicali Italiani), Augusto Ulivieri (Delegato del consiglio dell'ordine degli avvocati di Foggia), Nadia Parisi (Presidente associazione legali di Capitanata), Giuseppe Mastropasqua (Magistrato di sorveglianza presso il Tribunale di Sorveglianza di Bari), Rita Bernardini, Danilo Montinaro (Psichiatra forense, Membro di Psichiatria Democratica e del Comitato Stop OPG sezione Abruzzo), Antonio Tranfaglia (Psichiatra forense in servizio presso la Casa Circondariale di Foggia e Lucera), Eleonora Mongelli (Membro del comitato nazionale radicali italiani), Pietro Rossi (Garante dei detenuti per la Regione Puglia), Elena Gentile (Assessore al Welfare della Regione Puglia), Michele Grossi (Responsabile del centro di salute mentale di Manfredonia).

Tra gli argomenti discussi: Avvocatura, Carcere, Diritti Umani, Giustizia, Magistratura, Ospedali, Psichiatria, Salute, Sanita'.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 3 ore e 6 minuti.

leggi tutto

riduci

10:04

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Oggi è stato possibile organizzare questo convegno ringrazio quindi tutti per l'interesse dimostrato anche
Lasciasse legali di Capitanata e l'ordine degli avvocati di Foggia
Quanto dicevo per l'interesse dimostrato su una tematica quella degli ospedali psichiatrici giudiziari comunemente
Chiamarlo PG di cui non se ne sente parlare spesso però le poche volte di cui se ne parla quanto a emergere altre molte polemiche molti dubbi incertezze da parte
Sia delle istituzioni da parte degli operatori del diritto da parte dei medici psichiatri ovvero le persone i soggetti che sono
Coinvolti Ina in questa lealtà
E corregge il tiro per questo ringraziare anche i relatori che sono oggi presenti che hanno accolto l'invito ad un dibattito un dibattito perché si pone come obiettivo fondamentalmente quello di identificare i ruoli e le responsabilità azioni sarà sicuramente più semplice avere un quadro più chiaro della situazione più preciso e quindi intervenire efficacemente il convegno di oggi intitolata la chiusura o PG verso il superamento dell'ospedale psichiatrico giudiziario
Perché abbiamo scelto questo titolo chiunque conosca da vicino la realtà del degli OPG sacche chiudere io PG chiudere fisicamente io PG non significa abbandonare e liberarti dal concetto di manicomio internamento un concetto molto complessa sono
Che porta con sé
Tanti temi che partono dall'esclusione dall'emarginazione dall'abuso di sostanze dal punto di vista giuridico si parla di misure di sicurezza
Di però analoghe è che vengono fatti di significa niente fino arrivare a quelli che conosciamo poiché sono io il casco impianti chiama in causa le istituzioni istituzionali
Regionali soprattutto
E tutti i Dipartimenti di Salute mentale e necessario oggi una ripetizione anti e nostro compie
Do riflettere sul percorso e sulle implicazioni sia sul piano sanitario assistenziale
Che sul piano giuridico io adesso vorrei prima di dare la parola agli organizzatori alle istituzioni per un saluto
Ripercorrere brevemente quelli che sono gli eventi che hanno coinvolto io PG negli ultimi tempi partendo dalle denunce
Emette nel
Negli ultimi anni
In merito al trattamento degli internati negli ospedali psichiatrici giudiziari
Partiamo quindi dal decreto svuota carceri che al suo interno includere un provvedimento per io PGT le strutture dove sono incardinate le persone che sono state
Sono state
Giudicato incapace di intendere e di volere è socialmente pericolose queste strutture sono sei distribuite sul territorio italiano
E comprendono
Ad oggi più di mille internati
Sono strutture che sono state sempre al centro di polemiche come detto prima
Polemiche che si sono trasformate in vere accuse di tortura ai danni delle persone interessate dopo le inchieste fatte dalla Commissione del servizio sanitario
Nazionale presieduta dal
Senatore Ignazio Marino a cui sicuramente
Da il il merito di aver raggiunto come intatte
Mi inducono documentato in prima persona in primo luogo occhi erano quelle persone effettivamente che si trovavano negli OPG è in secondo luogo quali erano le condizioni a cui queste persone erano sottoposte
E il
Senatore della Repubblica italiana dopo la
Dopo questa questa inchiesta accolti affermato le condizioni di vita e di cura all'interno degli ospedali psichiatrici giudiziari
Sono attualmente incompatibili con le disposizioni costituzionali in materia di diritto alla salute
Libertà personale e umanità del trattamento così
Affermato il Senato della Repubblica italiana
E dopo questa indagine
è chiaro che allorché al ricatto io PG come dei luoghi che calpesta non la dignità umana non diversi dai manicomi criminali voluti dal ministro Rocco nel
Mille novecentotrenta ecco perché da lì dunque da questa inchiesta partita il ha portato appunto al decreto che prevedeva la chiusura degli obesi alle
Trentuno di febbraio
Scorso e la sostituzione raggruppate brava che infatti tira le fila e che tali ventotto febbraio scorso
Questo decreto
Prevedeva una gestione da parte di queste strutture regionale direzionali prettamente sanitaria mentre sappiamo che il decreto
Diciamo che i giochi di un alla parte di queste inchieste evidenziavano soprattutto linea per l'inadeguatezza da parte del personale
Troppo spesso penitenziario e non quindi medico o così come durante gli OBG non sono ad oggi ancora chiusi una serie di problemi organizzativi burocratici hanno portato il Consiglio
Dei ministri della scorsa legislatura a prorogare di un anno la loro chiusura quindi almeno di dodici mesi
Sono stati stanziati duecentosettantatré milioni di euro di cui novantatré milioni solamente per il la formazione del personale
Sorso sanitario
Quello che il nostro compito oggi identificare quelle che sono le problematiche reali che si incontrano dal
Punto di vista medico e giuridico come ha detto prima
Di fronte al caso di persona indagata con affetta da disturbi comportamentali
E psichici tenendo sicuramente ben presente a quella che è stata l'esperienza ovvero i manicomi criminali la legge Basaglia lì dove non è arrivata
è è oggi io ospedali psichiatrici giudiziari
Prendendo atto quindi del fallimento degli occhi CIPE il fallimento di queste istituzioni e cercare di identificare un nuovo percorso
Che tutti gli la persona affetta da questi disturbi e che tuteli
I diritti di questa persona
è anche la società
E dovere sicuramente della politica affrontare questo tema esposti che ci sia un recupero della
Di queste persone che anche che hanno commesso un crimine
In una condizione di disturbo psichico comportamentale Anel veri che hanno il diritto di di essere recuperati hanno il diritto di cura abbiamo il dovere quindi identificare questi nuovi percorsi
E anche perché troppo spesso ci si dimentica che l'obiettivo della piena eventi ferimento Vella
Detenuto il reinserimento il recupero
E ovviamente anche che non venga ritirato il reato
Questo lo dico perché una un elemento importante che emerge da emersa dall'inchiesta e comunque da le persone che hanno fattispecie negli UPG anche i deputati radicali ben lo sanno
Io che ci contengono il quaranta per cento di persone di internati
Che sono state sono stati dichiarati non più socialmente pericolosi delle queste persone sono ancora all'interno degli Opizzi
Alcune sono state inserite in altre strutture però molti di loro sono ancora negli atti negli OPG nonostante non siano più socialmente pericolose il problema è riuscire anche di mettere questi per gli enti assicurare un reinserimento assicurarne il una un reinserimento nella società e cosa che purtroppo in onda avviene perché sul territorio mancano le strutture
Quello di cui vorrei parlare oggi vorrei focalizzare questo convegno proprio sulla dialogo tra le persone coinvolte in questa realtà
I medici psichiatri Irving operatori del diritto e le istituzioni sono soprattutto
Anche perché importante che ci sia una risposta da parte delle istituzioni di fronte a questa denuncia
è mi auguro che da questo dibattito si fosse identificare una percorso efficace
Io adesso non mi dilungo oltre
è dopo subito la parola al Presidente delle Camere penali di Foggia che in per lo per avverrà sta averci permesso di essere qui e l'avvocato Gian Luca ore sì chicche invito alla Presidenza
Parla qui visto che siamo entrati già nel
Nel cuore dell'avevamo fare solo i saluti quindi io a nome della
Della Camera Penale di Foggia ringrazio sono io che ringrazio voi non voi che ringrazio a tema noi ringrazio tutti gli organizzatori tutto il Comitato scientifico
Per avere permesso questo evento perché
Di sabato mattina è un sacrificio per tutti quindi grazie a voi che
Ci avete chiamati qui a sentire parlare di questo tema grazie tutti quelli che sono venuti stamattina che hanno sacrificato un pezzo da loro giornata per venire a sentire parlare di questo tema scomodo
Di questo tema
Di questo scandalo che forse peggiore dello scandalo delle carceri
Per le quali altro in gola vergogna italiana per la quale ci battiamo da tanti anni insieme i radicali devo dire perché
Io vado tutti gli anni Congressi nazionali radicali sono sempre presenti e Marco Pannella che non manca un congresso nazionale
Uno scandalo che trova la politica quasi sempre sorda e anche oggi vedo ben noto l'assenza del
Non so se era più tardi Elena Gentile che doveva venire non la vedo ma evidentemente è un tema che non fa audience io spero abbia avuto da fare cose più importanti di un tema che certo ci sono temi che
Come dire dei salotti televisivi sono più come dire caldi sono
Ma questa comunque non è la sede la polemica ed io non la voglio fare
I convegni su questi temi servono a spiegarci dal torpore servono ma a contarci anche
Servono ricordare la gente che noi noi avvocati perché adesso mi faccia dire questo né avvocati non ci occupiamo e non ci preoccupiamo solo dei colletti bianchi servono a ricordare la gente che noi abbiamo scelto questo lavoro anche
Per dare voce
Hai deboli agli ultimi agli emarginati servono a ricordare alla gente che noi
Ci preoccupiamo anche di quella che tutti e per tutti costituita costituisce la pattumiera sociale servono ricordare alla gente che su questi temi la guardia noi penalisti non la passeremo mai grazie e buon lavoro
Grazie all'avvocato City e adesso passo la parola alle aste precaria dell'associazione eradicare Maria Teresa Di Lascia un'associazione che da sempre e attiva sul territorio sulla questione giustizia sulla questione diritti
Spesso si reca nelle nelle carceri per fare delle ispezioni è per assicurarsi anzi troppo spesso purtroppo non sempre
Garanzia che i diritti vengano siano rispettati la parola a la dottoressa Elisabetta Tomaioli otto
Buongiorno a tutti quanti intervenga in Cina da qui a questa Provincia
E innanzitutto mi unisco ai ringraziamenti Nunzia i relatori che all'Unione delle Camere penali è un ringraziamento particolare ad Eleonora Mongelli che è stata l'anima di questo convegno poi voglio portare i saluti del direttore del carcere di Lucera che doveva essere qui con noi oggi e aveva dimostrato veramente molto entusiasmo e una per zona che fa il suo lavoro con grande passione e purtroppo non è qui perché ha avuto un problema di salute proprio ieri risolvibile per fortuna però non ce la fa
Non ce l'ha fatta ad essere qui e come diceva la dottoressa Eleonora Mongelli io sono dell'Associazione radicale Maria Teresa rilascia quindi come tutti sapere i radicali hanno posto al centro della propria azione politica alla riforma della giustizia che per noi deve passare appunto per un provvedimento di di amnistia
Per supportare questa battaglia sottolineo non violenta
Di cui sicuramente voi parlerà meglio di me onorevole Rita Bernardini quello che facciamo a livello locale e cercare di portare il tema all'attenzione anche dell'opinione pubblica appunto attraverso le visite ispettive che quest'anno sono state tra nel carcere di Foggia e una nel carcere di Lucera ovviamente la situazione che abbiamo riscontrata e quella disastrosa di tutte le carceri italiane
Quindi una situazione che rischia di esplodere nel momento all'altro in cui non c'è assolutamente spazio e il margine per
Un'attività di recupero e di reintegro dei detenuti anche per questo ci siamo diciamo prodigati collaborando con il carcere di Foggia durante Fatima delle ultime elezioni politiche perché
I detenuti potessero esercitare il proprio diritto di voto che più burocraticamente diciamo dal punto di vista burocratico è veramente una procedura farraginosa quindi è faticosa
Per cui molto spesso i detenuti non votavano non
Non si avviavano neanche questo
Disastroso anche perché chi a commesso un reato quindi già dimostrato scarso senso civico coi in più non
Non stimolare attraverso anche l'esercizio del diritto di voto questa partecipazione alla alla società civile e chiaramente deleterio e devo dire che abbiamo avuto un buon risultato e i detenuti sono stati ben contenti di poter insomma in qualche modo far parte
Di una società anche dal di dentro quindi il nostro diciamo il nostro obiettivo è proprio quello di fare da Conte no di portare fuori quello che generalmente non si vede e si cerca di tenere in disparte perché si crede che non si è che non ricada sotto dalla società e quindi diciamo l'occasione di oggi di discutere del tema del degli occhi G che sono un aspetto appunto del di tutta la degenerazione che che investe il il sistema giustizia è un'occasione importante e io mi auguro che ce ne siano insomma
Altre soprattutto per il ripristino davvero della legalità
Degli diritto dei cittadini di qualsiasi condizione
Che siano detenuti che siano cittadini liberi che siano ammalati
Non lo sappiamo bene infatti magari organizzare un altro convegno in questi ultimi in questa intransigenza raccogliendo le firme per lentamente legale scartamento biologico per io a difesa del dei diritti individuali delle libertà della della dei singoli individui quindi un saluto ancora buon lavoro e ancora grazie a tutti
Grazie Elisabetta Toma Iorio e adesso passo la parola il l'avvocato Augusto Ulivieri delegato dell'ordine degli avvocati di Foggia
Buongiorno a tutti i presenti io posto con sommo piacere i saluti del presidente
Dell'ordine degli avvocati di Foggia oggi impegnato per motivi istituzionali altrove e dei Consiglieri tutti
Rifacendomi proprio le parole dell'avvocato russi si io volevo stigmatizzare la sensibilità del Consiglio dell'ordine degli avvocati
Che ha accolto con piacere e patrocinato l'iniziativa della Camera penale in collaborazione con l'associazione di Avellino delegare in Capitanata
E proprio perché accolto la l'importanza e la attualità della problematica del tema che oggi viene trattato
E questa importanza e diciamo così comprovata proprio dall'autorevolezza dei relatori che fra poco interverranno
Non porto via altro tempo anche perché non sono un addetto ai lavori dello specifico settore
E però ecco quello che voglio dire e che e mi auguro che oggi
Da questo convegno emergano degli spunti di riflessione per il futuro e che possano essere forieri di ulteriori incontri perché io la problema e non solo tecnico professionale ma sociale e noi come categoria come avvocati
Dobbiamo sempre più essere parte integrante della società e essere noi stessi promotori per la tentare di risolvere questi problemi quindi
Troverete sempre
Nei confronti da parte del Consiglio dell'ordine di Foggia
Alcuna valido alleato su queste tematiche un augurio di buon lavoro a tutti mi scuso anticipatamente perché devo andar via fra poco quindi mi scuso anticipatamente ma per un altro impegno già preso
Grazie
Grazie avvocato Olivieri adesso passo la parola al
Presidente Associazione legali e capi di Capitanata l'avvocato Nadia Parisi e poi daremo inizio alle relazioni
Grazie un'unione un grande piacere alla parola in questa meravigliosa aula della
Nostro tribunale or genere
Buona
Abbiamo posto
Dicevo che veramente un onore oltre che un piacere prendere la parola oggi in questa nota per porgere a tutti i presenti il mio saluto nonché il versamento di tutto quanto il direttivo dell'Associazione legali di Capitanata mi è particolarmente gradita l'occasione perdonarmi porgere un partito
E il ringraziamento all'avvocato Gianluca usciti stimatissimo Presidente
Della Camera Penale di Foggia
E con lui l'intera Segreteria scientifica della Camera Penale ovvero l'associazione dei radicali
Che so essere in prima linea in questo settore le problematiche connesse alla chiusura degli OPG sono tali e tante anche per il profilo
Squisitamente umano che cadesse sotteso che sono certa che il dibattito che iniqui ad un momento ci interesserà molto
Sono certa anche che tutto questo avverrà senza dubbio in ragione del la estrema ed obiettiva autorevolezza
Dell'ottimo parterre i relatori che ci hanno onorato della loro partecipazione e ai quali va il mio personale ringraziamento
Da ultimo a nome del direttivo della degli associati dell'associazione legali di Capitanata
Esprimo anche l'auspicio caro Gianluca
Che per il futuro ci si possa ritrovare nuovamente con la Camera penale nonché oggi anche con l'associazione dei radicali a collaborare i nuovi percorsi forme vivi che come ha detto giustamente il collega o rappresentano sempre per noi e devono rappresentare sempre dei momenti in cui ci si ferma per rifletta fare il punto della situazione e uscire un attimino dalla stanza del proprio studio per mettere a servizio della intera collettività la propria competenza oltre che ovviamente la propria formazione giuridica
Un grazie particolare al caro amico e collega avvocato Giovanni quarti Celli che atteso fattiva la sinergia dalle due associazioni organizzatrici dell'evento buon lavoro a tutti grazie
Grazie avvocato piedi e adesso possiamo dare inizio alle Ignazio
Come ha detto prima la dottoressa
Unica né tanto meno ai purtroppo niente dottor diffidarlo
Nonni ai direttori delle
Carcere di Verziano potrà essere con noi motivi in salute e quindi io iniziando
Gasparona anche al primo relatore di oggi e il dottor Giuseppe Mastropasqua magistrato di sorveglianza
Positiva e di Bari
E interverrà sull'evoluzione storica degli ospedali
Psichiatrico giudiziario nella legislazione italiana anche la parola
Ringrazio gli organizzatori per questo invito che hanno rivolto alla mia persona
Perché possa dare un contributo in questa materia scarsamente conosciuta dall'opinione pubblica
Emersa all'attenzione un po'
Della del comunità nazionale
Proprio a seguito
Degli ultimi ed enti che si sono
Sviluppati nella scorsa legislatura
A me compete il compito
Di
Tracciare un po'operati CES chiaramente perché nella mezz'ora che mi è stata concessa non posso fare di più
Di delineare l'evoluzione storica dell'istituto giuridico
Del
Quello che oggi si chiama ospedale psichiatrico giudiziario è che un tempo aveva una denominazione diversa
Uno sguardo comparato agli altri Stati europei ci porta a capire che le origini
Vere dell'istituto giuridico di quello che un tempo si chiamava manicomio criminale sono Inghilterra
Nel mille settecentottantasei fu istituito a Betlemme il primo asilo ove ospitare i fondi criminali e furono allocati in un apposito compatto
Voi seguito istituzione di altre Sezioni all'interno di molti altri asili sparsi nel Paese
L'Inghilterra fu anche il primo Paese ad ENEL emanare una prima
Legge
Per i folli delinquenti infatti a seguito di tre attentati Arre compiuti
Nel mille settecentottantasei milioni mille settecentonovanta e mille ottocento il Parlamento inglese il ventotto luglio del due dell'ottocento
E mano l'insider
Offenders
Con cui si riconobbe legalmente la follia delinquente
Con questa legge si rispose che ogni persona affetta da alienazione mentale resa si è responsabili responsabile di atti criminali venisse assolta
E tenuta sperò sotto stretta sorveglianza per un tempo e in un nuovo individuato dalla Corte fino a quando il re non decidesse di revocare questa misura
Ma nella gran parte dei casi gli assolti furono reclusi nelle prigioni
Ha votato segui la Francia
Perché sull'esempio francese in Francia dove tutti Follini venivano reclusi nel manicomio di ben sette nel mille ottocentosettantasei fu istituita un'apposita sezione per i pazzi criminali
E nel mille ottocentosettantasette fu approvata la legge di modifica della normativa all'epoca vigente in cui si prevedeva proprio questo
Se qui anche la Germania che tra l'otto centosettanta e settantacinque
Istituiti apposite sezioni per folli criminali in alcuni istituti carcerari
Anche negli Stati Uniti il primo manicomio criminale venne istituito nel mille ottocentocinquantacinque ad Albornoz nello stato di York
Poi con legge dal settantaquattro entro in funzione il manicomio di New York
Nello stato del Massachusetts con legge del settantadue ottocentosettantadue si stabilì che ogni pazzo assassino prosciolto venisse ricoverato per tutta la vita in una singola di Stato
Il Canada con atto del ventotto aprile dell'ottocentosettantasette
Provvide a mettere alle dipendenze del carcere di di Kingston l'asilo di Rocco Bordin in cui erano ospitati appunto i folli criminali
Cosa succede in Italia
Con l'Unità d'Italia si posero essenzialmente due problemi il primo fu quello di
Unificare la legislazione vigente nei diversi Stati preunitari
Unificazione sotto ogni ambito e ogni aspetto dal diritto civile al diritto penale
E poiché secondo vero problema che è quello che ci riguarda fu quello relativo alla individuazione dei luoghi ove ospitare i criminali riconosciuti infermi di mente
Tuttavia bisogna ancora anche ricordare che nel Codice penale sardo del mille ottocento cinquantanove per la prima volta in Italia si affrontò il problema dei folli criminali
E il Codice distinse due categorie i delinquenti folli e prosciolti
Prevedendo appositi istituto ove allocare entrambi
In altre parole che cosa stabilì il Codice penale sardo del mille ottocentocinquantanove
Riconobbe la non imputabilità dell'imputato che avesse commesso il reato in stato di assoluta pazzia
Tuttavia stabili anche che qualora la pazzia non fosse sufficiente a giustificare il reato l'imputato doveva essere condannato
Con l'Unità d'Italia
La scienza penalistica vere quello che penso sappiamo un po'tutti contendersi il campo tra due scuole la scuola classica e alla scuola positiva
La scuola classica che aveva il suo massimo esponente in Francesco Carrara
Assegnava alla piscina una finalità retributiva il riparativa dell'offesa procurata reo
L'attenzione era rivolta alla fatto reato non alla persona che l'avesse commesso
Il concetto di retribuzione che un fu uno dei concetti base dalla scuola classista portò a quantificare la pena sulla base appunto della gravità del reato commesso maggiore la gravità maggiore doveva essere
La pena edittale prevista e anche la pena poi concretamente irroga
La scuola classica non considero affatto la personalità del rendiconto
Perché partiva dal presupposto che ogni persona fosse libera di autodeterminarsi nella scelta tra il bene e il male cioè partiva dal presupposto dell'intero arbitrio
Per converso la scuola positiva che ebbe il suo massimo esponente
In certe aree Lombroso sotto la spinta delle teorie sull'in attivismo della delinquenza e della sociologia criminale
Per la prima volta ha posto il problema della responsabilità del soggetto che delinque
Ricercando e analizzando le condotte dell'acconto le cause della condotta delittuosa
L'obiettivo principale fu essenzialmente allo studio della personalità del re
Nelle sue anomalie biologiche psichiche nonché
L'altro preciso obiettivo principale la realizzazione di una politica criminale finalizzata alla difesa sociale
Cesare Lombroso in due adunanze
Del venticinque gennaio otto febbraio dell'ottocentosettanta dure
Tenutesi presso il reale istituto comporta lombardo di scienza e lettere
Pronunciò queste parole
Leggo testualmente si può discutere a lungo da un lato e dall'altro sulla teoria della pena e qui il riferimento alla scuola classica ma in un punto ormai tutti convergono
Che è fra i delinquenti e quelli creduti tali ve ne sono molti che o sono o furono alienati i cosiddetti fondi
Per cui la prigione è un'ingiustizia la libertà un pericolo e a cui ma non si provvede da noi con mezze misure che violano ad un tempo la morale e la sicurezza
Con queste parole del mille ottocentosettantadue
Sì aprì ufficialmente in Italia il dibattito sull'istituzione del manicomio criminale
Ho detto che Cesare Lombroso e il fondatore dell'arbitro può logica criminale
E assertore del determinismo biologico e costituzionale del d'delinquente cioè
Il delinquente delinquere perché è portatore di alcune tagliare biologiche o psichiatriche che lo portano abbia degli
Ecco il determinismo il delinquente non è
In possesso del libero arbitrio in contrasto con la scuola classica
Cesare Lombroso quindi guardava
Ai paesi
Di lingua anglofona quindi agli esempi inglesi americani che li ho citati
Esempi in cui
Erano stati introdotti i primi asili da alias manicomi giudiziari per attuare anche in Italia una politica di difesa sociale dai fondi delinquente
Sulla stessa scia di Lombroso sì collocarono anche i cosiddetti agli misti che sono dei medici medici chirurghi delle
Fra cui va ricordato in maniera particolare
Il dottor Gasparini Egidio il quale poi sarebbe diventato medico primario del manicomio civile di Aversa che fu il primo manicomio ove vennero ospitati
Il
Folli delinque
Virgilio sostenne che
Un l'esistenza di un nesso tra follia e
Delinquenza follia come è stato proposto quindi tra Stato morbose delinquenza e quindi
Tra
Nesso di causalità o comunque messo di collegamento tra l'infermo di mente e il delitto
Cioè lui partiva dal presupposto che
Il delinquente delinque perché vive una condizione di morbosità patologica
L'infermo a sua volta di mente vinile anch'egli in una condizione di infermità e questo comporta dei vincoli
Soltanto che ecco precisava che la follia in questo stato morboso della persona è una degradazione ulteriore
Diciamo più accentuata più esasperata della specie umana
Per cui
Si pose il problema che
è Virgilio
Pur affermando che i condannati erano responsabili e i folli non lo erano
Perché diceva che i fondi non potevano essere condannati
Ritenne che detta differenziazione fosse irrilevanti ai fini della difesa sociale
Perché sia
Il delinquente non folle sia il folle delinquente pongono problemi di allarme sociale
Che
Possono essere fronteggiati mediante la cosiddetta aggiustarne di Cina terminologia che all'epoca
E cioè la reclusione in carcere dei condannati
L'interramento in manicomio dei fondi irresponsabile
Virgilio considero anche le caratteristiche antropometriche
L'antropologia criminale la fronte sfuggente il naso schiacciato rivolto all'in su il pony attivismo delle mascelle l'entità della statura della corporatura
Per Virgilio l'attività di profilassi criminale doveva estendersi a tutti quei soggetti portatori di anomalie fisiche
Per le quali era possibile affermare con rilevante certezza l'esistenza proprio di uno Stato morboso del folle delinquente
Considero pertanto il delitto come espressione dello Stato con la patologico dell'individuo e la malattia mentale come un'ulteriore degradazione morali della persona
Da ciò la scuola positiva e quindi Lombroso gli alieni misti Virgilio eccetera tassello la convenzione che fra i carcerati dell'epoca ci fossero molti foto
Con l'Unità d'Italia si aprì anche uno squarcio sulle misere condizioni delle popolazioni meridionali che è da Lombroso e dai suoi seguaci tra cui bisogna ricordare quel tale a Alfredo licenze però e in genere da i fautori dell'antropologia criminale
Popolazioni meridionali fu uno ritenute stirpe inferiore a causa del seme malato portato dagli spagnoli
Naturalmente alcuni meridionalisti tra cui
Napoleone Colajanni si opposero a queste posizioni razziste dell'epoca
Spiegando l'arretratezza del sud e i finora fenomeni di criminalità ivi presenti con ragioni storiche e sociale
Tuttavia
Per gli antropologi criminali le razze meridionali italiana
Incarnare o no il tipo umano biologicamente inferiore predisposto alla follia
E alla delinquenza poi
Ritengo però di aver trovato la conferma questa loro tesi a queste loro assunti allorquando nel mille ottocentosettantadue
Scoprirono la fossetto occipitale mediale sul cranio del brigante calabrese Giuseppe Di Lella
O forse perché fu paragonata a quella riscontrabile sulla testa dei rossi Chianti i cosiddetti Rosi Chianti o roditori cioè i topi e simili
Così le carceri e i manicomi dell'epoca divennero osservatori di individui indesiderati emarginati socialmente e culturalmente di persone che vivevano nella fame nella miseria e nella povertà di ogni tipo
In carcere o venne vennero reclusi briganti anarchici
Persone che si erano macchiati di reati a sfondo politico camorristi delinquenti comuni
Che se poi fossero diventati pazzi durante la carcerazione appunto venivano trasferiti nel manico
Anzi nei manicomi vennero internati anche dei camorristi di primo piano dell'epoca ai quali vennero stranamente concessi i privilegi di ogni tipo
Ad esempio ad esempio Ristich Cucci in uno scritto del mille novecentoventicinque
Riporto il caso del camorrista Gennaro De Marinis al quale venne assicurata in manicomio una vita dice testualmente
Piena di comodi e molle se
Trascorre le sue giornate come un gran signore
La sua cella si è trasformata in una Camera Linda arieggiata profumata piena di ninnoli arredata confine ricercatezza con fotografie ed immagini
La scuola positiva quella lo ambrosiana prese il sopravvento allorquando vennero istituiti i primi manicomi manicomi criminali sulla base dei seguenti presupposti
Il delinquente è un malato e affetto dal morbo e la pena e la sua cultura
La società l'altro presupposto deve essere difesa da i delinquenti i quali perciò devono essere custoditi e curati nei manicomi criminale
Pertanto nel mille ottocentosettantasei in acque ad Aversa la sezione per maniaci che venne definì
Da Policlinico della delinquenza
La direzione venne affidata proprio a quel dottor Gasparri Virgilio e poi nel mille novecentosette passo sempre la direzione di quella Sezione al dottor Filippo Saporito agli voler Virgilio
Nel mille ottocentottantasei venne inaugurato il manicomio criminale di Montelupo Fiorentino a circa venticinque chilometri da Firenze
Perché è quello di Aversa era insufficiente ad ospitare tutti i fondi delinquenti provenienti da ogni parte d'Italia
Nell'ottocentonovantadue entro in funzione manicomi giudiziario di Reggio Emilia che rimase aperto fino al mille novecentonovantuno allorquando lo vigili venne trasferita in un'apposita ala
Della locale Casa Circondariale
Nel mille novecentoventitré e venne istituito il manicomio giudiziario di Sant'Erasmo provincia di Napoli nel mille novecentoventicinque il manicomio giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto in Sicilia
E nel trentanove il manicomio giudiziario di Castiglione delle Stiviere
Quale è stata
L'evoluzione della legislatore della legislazione in materia
Nel mille ottocentosettantasette quindi appena un anno dopo l'apertura della Sezione per maniaci di Aversa
Il dibattito sui manicomi criminali si sposta dalle aule accademiche in Parlamento
Questo grazie al deputato rigidi che rivolse un'interpellanza parlamentare al Ministro di Grazia e Giustizia dell'epoca Pasquale Stanislao Mancini
Con la quale chiese l'immediata istituzione dei manicomi criminale
Agostino Depretis capo della sinistra storica nell'ottocentottantuno presentò un apposito disegno di legge che però non venne escussi verrà discusso
Nelle aule parlamentari
L'ho ripresentato nell'ottantaquattro
L'iter parlamentare si rivolgono Italo difficile tanto che il deputato Bonomo promosse un dibattito suddetto disegno di legge
Ma l'imminente approvazione del nuovo Codice Penale Zanardelli fece lamentare la discussione
Nel codice penale Zanardelli e
Si dice fino
In modo sistematico l'imputabilità penale che era il presupposto logico giuridico dell'istituzione dei manicomi criminali
Per
I rei totalmente o parzialmente infermi di mente
Ma
Durante i lavori di stesura del Codice Penale Zanardelli
Le posizioni che si contesero il campo furono quella classica che
Si fondava sul principio del libero arbitrio e abbiamo visto quella determini Istica POIN artistica
Tipo quella del Lombroso la scuola positiva e una terza posizione intermedia che alla fine ebbe la prevalenza perché il Codice Zanardelli
Nell'articolo quarantasette stabiliti che non era punibile chi nel momento in cui ha commesso il fatto era in stato di infermità mentale tale
Da togliergli la coscienza e la libertà dei propri atti
Quindi non non era imputabile non era punibile quindi una causa di no tutti punibilità
Tuttavia Previte che il giudice ove stima se pericolosa la liberazione dell'imputato prosciolto prosciolto perché non punibile non perché non imputabile
Ne ordinasse la consegna all'autorità competente per i provvedimenti di legge
Quali erano allora questi provvedimenti delle scia sono i provvedimenti di cui al gli articoli tredici e quattordici delle disposizioni di attuazione del Codice Penale Zanardelli
Promulgate con regio decreto dell'ottocentottantanove il sei mila cinquecentonove
Si dispose che il prosciolto fosse ricoverato provvisoriamente in in manicomio civile
E vi resta se sino a quando il Presidente del Tribunale civile avesse deciso se ordinata il ricovero definitivo oppure la liberazione definitiva cioè sostanzialmente
L'imputato infermo di mente deriva
Prosciolto perché non punibile
Veniva sottoposto ad un periodo di osservazione psichiatrica all'esito della quale
Il Presidente del Tribunale civile disponeva o la liberazione definitiva
Perché evidentemente non presentava profili di preclusa sociale oppure il ricovero in un manicomio civile
All'epoca fino a quando permaneva la condizione di pericolosità sociale e quindi teoricamente anche per tutta la vita tuttavia qualora
Qualora il ricorderò qualora diciamo l'internato durante il ricovero nell'ospedale non lo nel nell'ospedale
Nel manicomio civile avesse dimostrati devono essere più socialmente pericoloso il Presidente del Tribunale poteva reca revocare il ricco
Sino al mille ottocentosettantasei folli delinquenti continuarono ad essere ospitati nelle carceri comuni
Dall'ottocentosettantasei iniziarono ad essere ospitati presso questi cosiddetti manicomi criminali che non è un'altra delle sezioni del carcere comune
Fu soltanto con il regio decreto dell'ottocentonovantuno agli articoli quattrocentosessantanove quattrocentottanta
Che si provvide si iniziò a differenziare
La gestione dei folli criminali prosciolti dalla gestione dei condannati
E infatti per i condannati
Si stabilisce che i manicomi criminali possono ospitare gli alienati rally in espiazione di pena superiori ad un anno già detenuti nelle carceri comuni quindi sono i folli
Condannati impazziti in carcere
Previa a disposizione del medico
Chirurgo dell'istituto
I detenuti in espiazione di pena invece inferiori ad un anno colpite da patologie mentali e quindi socialmente ma non socialmente pericolosi potevano continuare espiare la pena
Nel carcere ordinario qualora ci fossero i necessari mezzi di cura
Invece per gli accusati o gli imputati prosciolti a causa di infermità mentale ecco succedeva quello che vi ho detto il Presidente del Tribunale l'esito di un periodo di osservazione
Disponeva prima il ricovero nel manicomio civile voi ecco nel manicomio criminale
Con una legge del quattordici febbraio del mille novecentoquattro
L'esproprio sui manicomi sia segnarono nuovamente il manico il prosciolti per infermità mentale
Ai manicomi civili tuttavia questo
Belle su subito rivisto perché si verificarono gravi sommosse evasioni conditi
Con il Codice Zanardelli i manicomi criminali furono denominati manicomi giudiziari
Con la legge sull'ordinamento penitenziario del mille novecentosettantacinque siamo un po'i nostri giorni
I manicomi giudiziari hanno preso la denominazione di ospedali psichiatrici giudiziario
Questo percorso di differenziazione dei folli criminali rispetto agli altri delinquenti o criminali
Sì ripercorse anche nelle compete nella titolarità della gestione
Delle sezioni del perito manicomi criminali cui giudiziari e nelle modalità di gestione nel regime vigente all'interno
Inizialmente infatti la direzione dei manicomi giudiziari venne affidata medici chirurghi agli misti che avevano il titolo di direttori sanitari posti alle dipendenze dei direttori delle carceri
Erano in posizione subordinata rispetto al direttore del carcere
Tuttavia
Sino al mille ottocentonovantuno il condannati impazziti in carcere continuarlo non per la gran parte a restare nelle carceri comuni
Solo una piccola parte fu trasferita nei manicomi criminali che erano appunto una sezione del carcere come
Ma i fautori della scuola positiva contestarono la subordinazione dei direttori dei manicomi giudiziari al direttore del carcere
Evidenziarono inoltre le difficoltà derivanti dall'omogenea applicazione di un unico regolamento interno ai detenuti comuni ai folli criminali internati
Perché dicevano che devono venire una
Regolamentazione interna differenze differente differenziata
Pertanto con regio decreto del cinque settembre del mille novecentoquattro si attribuì in via autonoma la direzione dei manicomi giudiziari ai medici animisti
Che in tal modo non furono più posti in posizione subordinata rispetto ai direttori amministrativo del carcere
Così si completò il processo di differenziazione tra carcere e manicomio giudiziario tra detenuti e interna
Ma un'ispezione ministeriale eseguita nel mille novecentosei nel manicomio giudiziario di Aversa Menis addirittura in discussione l'esistenza di questo manico
Perché fu riscontrata una situazione catastrofica nella sua gestione
Ambienti Valzani pessima qualità del cibo assenza di assistenza medica e infermieristica è lo stesso di direttore dal dottor Virgilio si schierò addirittura pure lui per la chiusura del suo istituto
Codice Rocco mille novecentotrenta cosa succede
Il codice Rocco opera una mediazione tra la scuola classica e la scuola positiva
Tra il principio della pena come retribuzione per la gravità del reato commesso
Io
Pena che va
Comminata soltanto se l'imputato e imputabile c'è e capace di intendere di volere
è affianca a alla pena la reclusione o della dell'arresto alla pena detentiva o comunque le pene pecuniarie affianca anche le misure di sicurezza siamo quindi
E nell'ambito del principio cosiddetto dualistico o del doppio binario o di partito
Cosa si prevede
Per le misure di sicurezza perché sono quelle che ci interessano
Le misure di sicurezza personali sono disposte dal giudice con la sentenza di condanna o di proscioglimento per
Infermità mentale o o anche per altre ragioni ma non ci interessa l'infermità mentale
E si prevedono appunto le cosiddette misure di sicurezza quali sono quelle per le infermi di mente ci sono i totalmente infermi di mente e quindi
Il
Originariamente il manicomio giudiziario
Ho il parzialmente infermi di mente è prevista la Casa di cura e di custodia
Si stabilisce che
Le misure di sicurezza tra cui anche queste due che ci interessano da vicino sono le nostre attenzionate cioè il manicomio giudiziario una casa di cura di gusto
Potesse essere applicate con la sentenza di condanna o di proscioglimento
Allorquando
Si riscontrasse la
Pericolosità sociale
Del dell'imputato accertata ai sensi dell'articolo centotrentatré Codice Penale
E quindi pericolosità sociale da intendersi quale probabile reiterazione di reati
Secondo presupposto la commissione di un reato o di un quasi reato
La Commissione di un reato non ci sono problemi quasi reato sono lei cosiddette figure del reato impossibile dell'accordo per commettere un delitto che però non viene poi perpetrato
Dell'istigazione a commettere accolta commettere un reato dell'istigazione non accolta a commettere un delitto
Si stabilisce che le misure di sicurezza devono essere seguite dopo le pene detentive
Il manicomio giudiziario avrebbe dovuto consigliare gli aspetti custodiali
Quindi di difesa sociale
Con esigenze terapeutiche di cura dell'internato ma di fatto queste ultime esigenze vengono subordinate alle privi
Perché contempo l'obiettivo della difesa sociale viene considerato prioritario
Infatti sin dai primi anni successivi all'entrata in vigore del Codice Rocco il sistema penale viene considerate come bonifica sociale come profilassi criminale
Non a caso Dino Grandi nel mille novecentoquarantuno pubblico due comuni sulla questione carceraria intitolati proprio bonifica umana
Da attuarsi in due direzioni impiego dei carcerati e nelle colonie penale per bonificare i terreni Palù così oppure
La personalità del delinquente va bonificata perché va curata e sanata attraverso un'adeguata al trattamento carcerario
In questo il Codice Rocco poi viene
Sostanzialmente vago vado un po'velocemente perché credo che sta scadendo il tempo
Il codice per penale Rocco viene sostanzialmente inciso da ben otto interventi della Corte costituzionale il primo nel settantuno l'ultimo nel due mila quattro
Che cosa non da li richiamo tutti sono otto sentenze alcune
Molto decisive altre sono sviluppi di pregressi acquisizioni sono comunque sentenze che hanno fatto progredire
La cultura giuridica in materia di misure di sicurezza
Quali sono le risultanze di queste sentenze quali sono i principi cardini su cui si reggono questi assunti di incostituzionalità
Della normativa in materia di misure di sicurezza e soprattutto della mafia normativa in materia di
Ho secondi gli ospedali psichiatrici giudiziari dal settantacinque si chiamano così
Innanzitutto le misure di sicurezza vengono giurisdizionali già
Bene fa ho messo del tutto il Ministero di Grazia e Giustizia la applicazione
La combinazione la gestione misure di sicurezza viene attratta nelle competenze del giudice
Giudice della cognizione giudice dell'esecuzione
Giù magistrato di sorveglianza attualmente la in gestione è pressoché nelle mani totalmente della magistratura di sorveglianza
Secondo cardine di linea politica la
Il concetto di
Pericolosità presunta
Cioè con il Codice Rocco sì stabiliva che la misura di sicurezza veniva disposta perché sì presumeva che il
Condannato fosse socialmente pericoloso
Viene quindi abolita il concetto di pericolosa presunta e si stabilisce il principio per cui la misura di sicurezza
Presuppone il previo accertamento in concreto ogni volta dell'attuale pericolosità sociale
Viene
Disposta con la sentenza di condanna o di proscioglimento però non è che il reo viene subito sottoposto a misura di sicurezza e la magistratura di sorveglianza che procede
All'accertamento dell'attuale pericolosità sociale del reo
E poi se rischia di che si convince risulta dalle carte
E
Persona socialmente pericolosa dispone la
Esecuzione concreta della misura di sicurezza questo principio voi viene recepito e stabilito dall'articolo trentuno della legge
Seicentosessantatré dell'ottantasei terzo ed ultimo cardine ed è quello più importante
Si stabilisce che
Con una
Con due sentenze le ultime due del due mila tre del due mila quattro si stabilisce che
L'infermo di mente non può essere tout-court se si accerta l'attuale pericolosità sociale in sede di
Giudizio di sorveglianza non viene sottoposto tout-court
Alla ospedale psichiatrico giudiziario o se essendo infermi di mente alla Casa di cura di gusto
Bensì spetta al magistrato di sorveglianza individuare la misura di sicurezza in concreto più idonea a curarlo
E a fronteggiare né la
Pericolosità sociale in altri termini c'è un superamento in via di fatto dell'istituto dell'OPG
Perché perché se si accerta che sul territorio ci sono situazioni istruttore in grado di ospitare
Condannati prosciolti per infermità
Mentale o o
Parzialmente infermi di mente il magistrato di sorveglianza può benissimo
Disporre che la persona venga ospitata nominando PC ma
In una struttura
Fuori dal circuito dell'amministrazione penitenziaria sul territorio inserita nel circuito anche
Del sistema sanitario nazionale in regime di libertà vigilata
Ecco
La grande conquista che sul piano
Normativo si raggiunge con le sentenze della Corte costituzionale
Chiudo il mio intervento richiamandovi tre
Episodi storici
Che ci fanno anche riflettere su quella che è stata la realtà lo PG Italia dico è stata perché
Siamo ormai in fase di superamento
Il
Napoli Aversa Pozzuoli e siamo tra il settantaquattro e settantacinque
Il direttore dello PGT Napoli il dottor Giacomo lo sapete
Viene rinviato a giudizio e condannato in primo grado a quattro anni di reclusione all'interdizione perpetua dai pubblici uffici perché dichiarato colpevole per aver favorito alcuni internati
Che a seguito di apposito accertamenti svolti dalla Procura la Repubblica di Napoli avevano internati che avevano effettuato ricevuto telefonate interurbane anche internazionali si erano intrattenuti con lui in luoghi
In un vicolo più privati avevano beneficiato di visite collochi vietati dalla legge avevano ricevuto in affidamento anche le chiavi dalla sua casa perché il direttore abitava nei pressi del doppi cd
In appello la sentenza di condanna fu riformata il dottor lo sapete venne prosciolto ma nonostante la soluzione sì sui cito
Aversa mille novecentosettantaquattro un ex internato del manicomio giudiziario di Aversa denunciò pretore del luogo
Le gravi condotte che secondo lui erano state poste in essere dal dottor Domenico Ragozzino direttore del
Manicomi di Aversa dal mille novecentosettantasei sessantasette ed alcuni ai centri di costo
In particolare denunciò che mentre alcuni internati conduceva una vita confortevole tra banchetti
Visite giornaliere di familiari proiezioni di film pornografici invece altri internati comuni vivevano in condizioni molto precarie trascinandosi sporchi laceri copie di minuti per i corridoi e nel cortile dell'istituto
Mangiavano cibo avariato vivevano in ambienti sporchi e Monzani e a discrezione del personale di custodia erano sottoposto anche mezzi di contenzione tra cui il famoso letto di contenzione
In primo grado il dottore Agozzino direttore appunto del manicomi di Aversa e due suoi collaboratori furono condannati rispettivamente a cinque anni di reclusione a due anni di reclusione ad un anno e dieci mesi di reclusione
Il Ministero di Grazia e Giustizia venne condannato al risarcimento dei danni alle parti civili
Fu interposto appello e
Tuttavia
Durante il processo di appello il dottore Agozzino nel settantotto si tolse la vita
Aversa Pozzuoli ecco l'ultimo caso non è quello di Pozzuoli
Nel settantacinque i quotidiani riportarono la notizia del decesso di Antonia Bernardini avvenuta nel settantaquattro nell'ospedale Cardarelli di Napoli dopo quattro giorni di agonia
Decesso a seguito delle ferite causate dall'incendio del materasso sintetico del letto al quale Antonia Bernardini venne legata per quattro giorni nello P.C.I. femminile di Pozzuoli
All'indomani del decesso il sottosegretario all'epoca la sanità Franco posti che se la chiusura per capirci di Pozzuoli
In primo grado furono condannati il direttore a quattro anni e mezzo il vicedirettore a quattro anni una suora tredici da attrici a pene minori
Con sentenza e questo è importante nelle con nella quale venne stigmatizzata l'illiceità dell'uso del letto di contenzione
Tuttavia in appello gli imputati furono tutti assolti perché sia fermo l'esatto contrario e cioè era lecito l'uso dei mezzi di contenzione
A riguardo e concludo sul letto di contenzione già con regio decreto del mille novecentonove si stabilì che i mezzi di concezione degli infermi nei manicomi
Dovevano essere aboliti io ridotti a casi assolutamente eccezionali
Una circolare del Ministro di Grazia e Giustizia del mille novecentosettantaquattro invitò le direzioni degli istituti a rimuovere i letti di contenzione
Salvo i casi di assoluta necessità sotto il profilo medico psichiatrico e dietro apposita dettagliata prescrizione sotto la responsabilità di sanità dal sanità
Comunque per un tempo strettamente necessario
Che arrivino oltre la circolare che l'uso dei mezzi di contenzione fosse lecito in presenza di situazioni di pericolo per l'incolumità dell'internato stesso o di terzi
Tuttavia stabilite nelle tale ipotesi il letto di contenzione dovesse essere sostituito da un etto comune
I doni o a consentire il controllo e dei movimenti mediante fasce sanitarie adeguate più larghe e ad assicurarne l'espletamento dei normali bisogni fisiologici mediante l'uso di appositi accorgimenti
Escono citati dalla tecnica ospedali
Grazie Giotto vorremmo
Fa
Adesso esclusa storico tra l'altro emerge un punto importanti quello appunto delle come diceva lei della responsabilità del territorio in un momento come qua è stato quello appunto di superare l'istituzione del l'ospedale psichiatrico giudiziario e anche un altro aspetto che sicuramente ci un spiegherà molto meglio la nostra prossima relatrice che quello del delle carceri così come io vinsi che sono da sempre stati delle discariche sociali
Ovvero delle soluzioni per ogni tipo di disagio sociale chi si reca nelle carceri così come negli ospizi si accorge che la maggior parte delle persone che sono lì sono persone molto povere persone con problemi di tossicodipendenza
Ho problemi comportamentali ecco adesso appunto do la parola al nostro alla nostra prossima relatrice che l'onorevole Rita Bernardini è stata membro della
Seconda Commissione giustizia della Camera dei deputati dell'ultima legislatura e credo che Rita Bernardini abbia visitato se non tutte quasi tutte le carceri italiane io PG e sicuramente può testimoniare quello che
Emerso perché ricordiamo che i nostri carceri sono state condannate per e il trattamento in un mano a cui sono sottoposti i detenuti per il sovraffollamento e adesso se ne ce ne parlerà sicuramente nello specifico l'onorevole Bernardini anche la parola
Grazie infinite anche per l'organizzazione di questo convegno ringrazio Elisabetta ATO Majolo Eleonora Mongiello e anche tutti gli altri
Organizzatori ecco promotori come le camere penali di questa iniziativa
Io dico subito che è necessario un altro convegno evidentemente perché dico questo
Perché per esempio nella relazione interessantissima
Diciamo quasi che ci voleva un punto di vista storico
Della degli OPG di come si è si sono sviluppati in poi nel tempo è da bisognerebbe però capire e questo
Spero che sia oggetto di un prossimo convegno
Ha legislazione vigente e
Sentenze della Corte costituzionale che sono state come è stato ricordato fondamentale e qual è il ruolo del magistrato di sorveglianza
Io questo
Sento proprio l'esigenza perché
A mio avviso le proroghe e che vengono fatte gli ergastoli Bianchi che vengono continuamente
Rinnovati per
Persone che non sono pericolose socialmente non c'è chi verifica poi la pericolosità sociale credo che
Danilo Montinaro il dottor ben io ho molti Naro e ci possa dire che così come stanno le cose ci sono almeno proprio ad occhi chiusi almeno quattrocento persone che potrebbero uscire immediatamente
Dagli OPG e poi ricorderò un caso che mi auguro diventi
Un po'il
Simbolo gli uscita da questo convegno perché vedete è importante
Parlarsi è importante dialogare è importante confrontarsi per
Ma se da questo dialogo poi e da questo confronto non
Scaturisce
L'iniziativa concreta che possa anche essere il simbolo di quello che dobbiamo raggiungere io credo che
Le parole volino via
Senza alcun
Costrutto
Vedete
Il magistrato di sorveglianza
A un ruolo fondamentale il magistrato di sorveglianza pochi lo sanno ma in base all'ordinamento penitenziario
Dovrebbe visitare
Frequentemente i luoghi detenzione e le celle per vedere concretamente
Come vivono questa distinzione
Le persone detenute e quindi anche negli OPG evidentemente perché il percorso di riabilitazione di reinserimento sociale del detenuto
Deve essere un in base alle nostre leggi
Ecco perché ho detto a legislazioni vigenti degli esteri individualizzato tutti cioè quasi bisognerebbe prevede queste quello che ci dice la legge per ogni persona qual è il suo percorso trattamentale
Per essere poi reinserita
Nella società i magistrati di sorveglianza e chi visitano le celle di detenzione
Non so se esistano forse ne esistono due ulteriori
Perché in genere cioè frequentemente i magistrati sorveglianza quando va in carcere
Si fa portare il detenuto in una saletta cioè in altri luoghi che non siano le celle di detenzione ecco perché io
Si può
Verificare quello che si verifica
E per cui e siamo condannati costantemente dalla Corte europea dei diritti dell'uomo e cioè
Che queste persone vengono tenuti in situazioni di supera affollamento incredibile martedì uccelli
Per me
Venti ventidue ore al giorno senza fare attività senza poter lavorare tanto che e qui non parliamo degli OPG
Tanto che nelle nostre carceri Clean dati che ci fornisce l'amministrazione penitenziaria e ci dicono che il venti per cento
Dei detenuti hanno problemi di tipo psichiatrico lo credo bene noi abbiamo Linzi le celle no
Provateci a spanne giorno dopo giorno in condizioni impossibilità di movimento
E aggiungiamo poi questo le condizioni igieniche alla mancanza di qualsiasi nel trattamento e aggiungiamo a questo non a distanza dalle proprie famiglie
Ci sono almeno ventidue mila detenuti
Che vivono a centinaia di chilometri istanza dalla propria famiglia
Fini cioè la propria famiglia che dovrebbe essere poi il luogo del reinserimento sociale dove
Quando finisce la piena dove va a finire questo ecco ritengono accenti per ventidue mila casi
A centinaia di chilometri di distanza dalla propria
E allora
Io dico a legislatura vigente certo e poi ci sono tutti gli interventi che vanno fatti perché vedete
Perché abbiamo dovuto aspettare la condanna della Corte europea dei diritti dell'uomo perché l'abbiamo dovuto aspettare la
Commissione capeggiata da Nanni
Qualsiasi magistrato non solo di sorveglianza
Perché nell'articolo sessantasette dell'ordinamento penitenziario la possibilità di visitare le carceri
E a sorpresa diciamo perché non c'è bisogno di alcuna autorizzazione non ce l'hanno solamente i parlamentari i consiglieri regionali
Ce l'hanno anche tutti
I magistrati ed in particolare poi sul magistrato di sorveglianza viene sottolineato questo dato che
Deve visitare i luoghi di detenzione e devi Avery frequenti colloqui con il detenuto in modo che il detenuto possa presentare istanza
Guardate
Datata io lo dico perché
Di carceri mio visitate tante anche se non Marco Pannella ci sono
Degli istituti la maggior parte dove il detenuto il magistrato di sorveglianza qua Menis
Certe volte non ha mai visto nemmeno il direttore
Quando sono andato a visitare il carcere di vicenza
Io ho presentato i direttori dei detenuti che stavano lì da due tre anni non avevano mai visto
E come potevano presentare un'istanza ecco la domandina non arrivano mai visto
E allora è vero che ci sono
Tante difficoltà dal punto di vista legislativo eccetera però è vero anche perché ci sono troppi occhi che non hanno voluto vedere
Tanto più
Più
Che
Il magistrato di sorveglianza e qui ritorniamo al tema tuo impartire ordini all'Amministrazione penitenziaria che l'amministrazione penitenziaria deve eseguire
E non può apportare a giustificazione il fatto che non ci siano risorse laddove il magistrato di sorveglianza ravvisi la violazione di diritti umani fondamenti
Abbiamo dovuto aspettare la Corte europea dei diritti dell'uomo
Allora le cose che si devono fare in questo hanno perché poi le proroghe
Italiane d'Italia il Paese delle proroghe non per cui
Io mi auguro che in questo anno si agisca eh perché si arrivi veramente alla chiusura degli OPG ma trovando
Delle soluzioni importanti
Quelle che ci si prospettano qui poi il professor il dottor Danilo Montinaro ci dirà
è ci fanno un po'temere che si passi dalla soluzione degli OPG a quella dei minimo PGT in sede regionale
E così non abbiamo risolto credo il problema poi già adesso ci sono dei rei partitini nelle carceri
Si chiama crescente
Io l'ho visto nel carcere di lanciano
C'era lì un detenuto che giustamente sbatteva sulla porta vive Palumbo supplendo eletto allertava perché i problemi sono avvicinato affatto cosa Cima
Io stavo nello APG uno dei peggiori Barcellona Pozzo di Gotto maggiori
C'è un giardino uscivamo almeno nel giardino io questo ho chiuso tutto il giorno in cella
Finiranno le medicine Michael qual è la mia che questa non era fuori di testa età faggi tantissimo c'è una qual è la mia riabilitazione in questa situazione
E allora bisogna assolutamente io credo rinnovi una proposta di legge l'avevamo depositata ma figurativi non è stata nemmeno lontanamente prese in considerazione io credo che dobbiamo agire assolutamente
Sulla Codice però occorre
Assolutamente cancellare quelle norme che ci portiamo
Dietro dal fascismo sulle misure di sicurezza personali
Però
Io siccome non voglio
Andare troppo per le lunghe però volevo dire una cosa perché se parliamo di superamento anche questo era contenuto in una interpellanza abbiamo rivolto al Ministro della giustizia ma che non ho avuto risposta
Laddove era stata è fatta l'ennesima proroga perché le strutture evidentemente sul territorio non sono pronte
Però il problema è che e in queste nuove strutture che che si dovranno fare
Bene
Il personale
E riabilitativo deve essere preponderante sul personale sanitario
Perché altrimenti e questa persona quando ha finito e deve finire
E io credo che non avrà possibilità il dottor Montinari vedete siamo diventati amici ma perché
Perché
Io gli sottoponevo dei casi che mi sembravano assurdi di persone che erano rinchiuse anche giovani giovanissimi negli OPG e che non dovevano sicuramente stare lì
E lui mi ha fatto uscire sul potere su mia richiesta tantissimi
è bastata una perizia
E il
Farsi carico di questa persona per quanto riguarda le strutture sul territorio
Parlare con la famiglia ieri
E si sono risolte questioni ma quanti cioè
E lui dice due linee escono ma altri dieci che rientrano
Questo è il problema e allora io concludo il mio intervento e questa è la proposta operativa che faccio
Anche ai miei compagni dell'associazione Maria Teresa rilascia troviamo un simbolo allora io vi leggo questa e-mail
Che ho ricevuto da un padre
Un padre un operaio che fra l'altro adesso sta cercando ancora lavoro
Sono il papà di Antonio
Nato a eccetera eccetera nel mille novecentottantaquattro
Da circa otto anni mio figlio è recluso in carcere o PG
Fino a poco tempo fa si trovava a Napoli Secondigliano adesso è stato trasferito a Reggio Emilia
Ha scontato diversi anni in isolamento e mi ha raccontato che è stato vittima di pestaggio da parte del personale
La cosa più buffa
E che si trova in carcere perché come scrive fra parentesi con criminale
Per una banali denuncia che gli avrebbe fatto la nonna che poi è stata ritirata
In pratica lui avrebbe chiesto venti euro alla nonna
Che poi è risultata tentata estorsione con la norma è assurdo quello che dico ma tutto questo era una menzogna ammesso che fosse vero il reato
Lo ha oltrepassato per di circa quindici volte indiretti molto di più con otto anni Gigliotti rigido de inchini euro
Ed è ancora più assurdo che si trova recluso non so più a chi rivolgermi non ha un fine pena
Un fine pena mio figlio lo hanno dimenticato
Aveva ventitré anni quando lo hanno chiuso ma poi è risultato che non era vero
Che si gli ha domandato Vinchi euro ma non si tratta di estorsione come un'ipotesi chiede alla norma adesso io dico otto anni miopi giri lo hanno massacrato psicologicamente
Ma vi rendete conto mi rivolgo all'onorevole Pannella affinché mi possa dare una mano perché non ho capito più niente io
Anche perché nel due mila dieci questo signore veramente sventurata perso una figlia di diciotto anni per una malattia fulminante
Adesso sto rischiando di perdere il mio figlio chiedo all'onorevole Pannella secco fare luce su questo fatto adesso che si trova a Reggio Emilia onorevole Pannella mi rivolgo a lei
Come a chi di competenza questa chiusura
Essi e competente Marco Pannella questa persona Dedei immediatamente uscire ecco perché
Vorrei che si concludesse questo convegno con una richiesta di liberazione immediata di questo giovane
La sua storia parte
Dalla Sicilia
Sicilia da un piccolo centro è stato mandato assi con un miliardo
A Secondigliano da Secondigliano dove lo hanno trattato con fa in isolamento eccetera poi con farmaci
Evidentemente non adatti perché adesso che si trova a Reggio Emilia dal punto di vista della salute sta un po'meglio ma io dico che dobbiamo nuove ci perché questo Antonio sia un po'il simbolo di tutti gli Antonio che devono essere in media talmente
Liberati perché io poi ho parlato e con l'avvocato ha parlato con il padre a lungo
Insomma questo fondamentalmente non ha avuto un avvocato
Nel corso di questi anni che si è preso pure lui
Non ha avuto adesso fortunatamente c'è questa giovane avvocato che si sta facendo un po'carico della questione non ha avuto tattico
Un magistrato un direttore centrale che si fosse
Reso conto della situazione della vita
Distrutta
Di questo ragazzo non ecco tutto questo io credo che non possa più accadere
E il superamento degli OPG io credo che parte immediatamente da vicende come questa che sono la vergogna credo di questo nostro Paese grazie
Grazie Rita Bernardini grazie soprattutto per aver aver richiamato ha richiamato tutti quanti alle responsabilità anche perché
Gli strumenti terra risolvere queste questioni questi danni ci sono
Come ha detto prima Rita Bernardini le ispezioni le visite i politici possono fare delle vite in magistrati ma in realtà viene la sottostante alla singola
All'iniziativa del singolo e quando si entra nelle carceri questi sono i casi che si incontrano
Ne sono migliaia
Ecco io adesso
Abbiamo tempi brevissimi faremo adesso una pausa di dieci minuti riprenderemo i lavori alle undici e quaranta con nell'intervento del professore Danilo Montinaro
Dopo
Del trovati riprendiamo i nostri labolani del convegno
Ci ha raggiunto nel frattempo
Il professor Pietro Rossi garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale della Regione Puglia che sta in sala l'invito alto sedersi alla Presidenza
Andiamo avanti che o era do la parola
Al professore Danilo Montinaro psichiatra forense direttore della ASL di Chieti C.S.M. lanciano
Membro della direzione nazionale di psichiatria democratica
Che ha promosso una lassità attiva a livello nazionale che ha promosso anche una riforma psichiatrica per la lotta all'emarginazione del malato per il reinserimento sociale lavorativo di pazienti
Promuovendo così iniziative per una nuova cultura della malattia mentale il professor Danilo Montinari anche membro della direzione del Comitato Stop OPG per la Regione Abruzzo
Il se il Comitato Stop OPG è il comitato che ha denunciato come
Anche noi radicali tra l'altro il pericolo di soluzioni improvvisate che
Dopo la chiusura degli Opizzi potevano essere intraprende e quindi un comitato che è vicino a questo percorso a questo momento di transizione che vede l'approssimazione svelare io PG
è la nascita la creazione di mini istruttore regionali
Do subito la parola quindi al professor Danilo Montinaro che interverranno sul tema della pericolosità sociale e le diagnosi che portano al suo riconoscimento a lei la parola
Vi ringrazio così come ringrazio gli organizzatori perché mi ha fatto piacere questo invito essendo io pugliese della provincia di Taranto
Che lavora al nord
In Abruzzo dopo aver girato anche il nord oltre la voce quindi ti ringrazio ti invito a stopparono intorno ai trenta anni non anche prima perché insomma voglio
Sentire se si può fare un dibattito perché questo argomento io ce lo particolarmente nel cuore
Perché come professione purtroppo sono costretto state aggirato motivi lavorativi sei UPG
Ho un rapporto abbastanza costante con i detenuti soprattutto anche per merito della diritta che ogni tanto mi segnala determinate cose io penso
Io sono uno che va sul concreto quindi oggi parleremo io cercherò di dare delle fa di fare delle riflessioni concrete
Anzitutto se non arriviamo ad una
Collaborazione tra magistrati tra magistrato di sorveglianza avvocati e psichiatri noi di questo da questo problema degli OPG non ce ne usciamo più
Io penso che
Come si suol fare qua in Italia nel due mila quattordici saremo ancora qui a parlarne perché nel due mila e quindici nel due mila sedici ci sarà di nuovo una uno spostamento
Ecco perché lo dico subito io sono favorevole a un commissariamento bisogna fare un commissario ad acta per risolvere questo problema se non riusciamo più come nel manicomio
E io penso che c'è un
Un triangolo tra ma carcere
OP giri manicomio fortunatamente si è chiuso e malato mentale un triangolo che va distrutto da eliminato per il bene di chi lavora in questa professione
E per il detenuto o l'internato
Diciamo che Basaglia era riuscito a dare un'impronta valida alla
A rispetto dalla persona umana
Nel malato mentale
Io lo ricordo sempre con un'immagine che purtroppo io avevo preparato delle sfide se come le chiamo io perché non amo tanto parlare inglese o americano
In cui si vede Basaglia coi suoi collaboratori alla portata di mano ridere scherzare per operare bene a differenza di quelle famose fotografie che un tempo si facevano dove c'era il direttore del Centro e tutto intorno
In base ai vari Scanni le persone che contava organo più vicino al direttore e così via
Questo occorre farlo e io lo vorrei o la speranza che si possa fare ripeto tra avvocati psichiatri in magistratura visto che i magistrati di sorveglianza
E lo dico sempre perché sapete tutti volte ci insegnava che la civiltà di un popolo si misura anche dalle sue carcere non ce lo dobbiamo dimenticare ma io
Amo ricordare quello che mi disse un mio paziente che purtroppo non sono riuscito a seguire bene è andato a finire a Barcellona Pozzo di Gotto un ragazzo molto giovane
Che poi mi ha dato l'ispirazione per un libro di polizie che
Traggono sensazioni dai miei pazienti rinchiusi in carcere Orio PG che ha avuto il previsto ogni ma che poi regalerò alla presidentessa a Eleonora
Un mio pazienti diceva siamo sagome trasparenti disegnati sui muri di una cella proprio per sottolineare la loro inesistenza laddove stavano
E per dire guarda dottore qui non ci curano siamo solo detenuti siamo solo se i dati
A questo punto
Mi riattacco un attimo a quello che ha detto il magistrato di sorveglianza quando ha citato disse tre avevo anche delle diapositive di questo ma
Voglio solo sottolineare che dice tre poi era diventata un ma è diventato manicomio che
Divisi in sezioni ci stava la sezione del libertino della madre snaturata della prostituta quindi
Vedete questo concetto che io ho sempre rifiutato della psichiatria come controllo sociale della psichiatria come difesa da un qualche cosa
Che non si sa che cosa
Socialmente pericoloso socialmente pericolose la persona che reitera il
Reato il o poco ritenere integrarlo non entro in merito al concetto di cosa si intende per reato in una persona
Che malata mentale perché sono molti gli interrogativi c'è anche una corrente di pensiero che poi dice che non siamo noi psichiatri che dovremmo dire la pratica dovremmo valutare la pericolosità
Sociale molti confondono molti colleghi mi confondono la pericolosità criminale con la pericolosità sociale insomma ci sono anche qui si Prince correnti di pensiero un po'particolare
Però direi che è fondamentale sapersi
Avvicinare al problema della pericolosità sociale
Spogliandoci da quel concetto che noi psichiatri spesso abbiamo di voler essere le prime donna e di voler fare diagnosi per forza anche di dove non c'è
E purtroppo portando anche in errore il magistrato
Su questo mi riattacco velocemente alla famosa sentenza
Da novantuno sessantatré del due mila e cinque che finalmente faceva rientrare
Lette ricco nella pericolosità sociale ma come ma soprattutto una capacità di intendere di volere
Anche i disturbi di personalità e su questo devo dire che su questa sentenza poi ci sono state diverse perizie io ne ho qui portate alcune ma non è il caso di rivederle perché
Il tempo è breve Prodi qualcuno ne parleremo dove
Quello che mi ha colpito principalmente e che questa persona questo Giuseppe che commette questo delitto perché pensava di essere particolarmente così perseguita perseguitato dalla suo vicino di casa
Viene visitato dalla dal primo perito primo perito che riconosce un disturbo della personalità di tipo parapendio
In una persona che c'era una malformazione altro venosa cerebrale dice sì questa persona e capace di intendere ma non è capace di volere
E su questa cosa arriva a dare il
Vizio parziale
Sicuramente c'è da dire che chi affatto questa diagnosi che poi qui la
Cassazione io l'ho portata perché lo vuole glielo posso pure dare dice effettivamente ma questo disturbo di personalità di tipo paramenti Leo
Non è spiegato molto bene
Il secondo perito che va a visitare questa persona dicevano ragazzi badate qui abbiamo una crisi psicotica di natura pare un'idea totale non sane intendere né volere quindi questo va
Messo indizio di mentre il totale
Sollecitato dal Pubblico Ministero rivede un po'la stessa seconda stesura
Qui dice la seconda stesura delle relative elaborato dice no mi sono sbagliato provvede non era psicotico all'epoca del fatto bensì aveva una personalità borderline di tipo parametri e otto purtroppo questo psichiatra
Non so si dimentica o gli sfugge che il disturbo di personalità borderline e disturbo il personale porta ad acta e basta
Quindi se spaventare Amedeo provvedimenti esisteva una patologia
Una
Malattia mentale erano paranoide
Non contento illegittimo che poi da la
Viani sì definitiva dice ma cosa state dicendo qua ci troviamo di fronte a un disturbo parapendio però amici e frammisto ad elementi appartenenti al disturbo narcisistico di personalità
Portate tutte queste perizie al
Al giudice il giudice legge e dice ma io qui non c'ho capito niente
Per me idolo sedici anni otto mesi
Revoca addirittura
La affidamento a casa di cura e custodia che il primo magistrato che aveva dato dicendo riscontrato nell'imputato altro che disturbi della personalità su cui esatta definizione non si sono eppure trovati concordi chi l'ha visitato
Io levo tutto edito
E lo condanna
C'è stato un appello fino ad arrivare alla sentenza
Finale la Cassazione cosa dice riconosce la validità del disturbi di personalità laddove vanno veramente a inficiare la capacità intendere e di volere
E dice
Necessitano che ci siano gravi disturbi nella personalità a condizione che il giudice ne accerti anche la gravità e l'intensi da tale da escludere o scemare grandemente la capacità intendere di volere e addirittura va ad annullare la sentenza parlando
I errore iudicis
Fatta
In appello e quindi abbiamo finalmente anche
Questo discorso dei disturbi di personalità nel campo delle pericolosità sociale in qualcuno la quale pericolo ma sociale
Vado brevemente e collegata all'esistenza di indicatori interni ed esterni
Solitamente se c'è una presenza di una
Sintomatologia fuori da una non accettazione di cure una scarsa aderenza alla prescrizione una mancata risposta sono indicatori che pre pongono per una
Per una incapacità di intendere e di volere e quindi anche di una pericolosità e poi indicatori esterni molto importanti soprattutto cos'è successo prima del reato che comportamento aveva che famiglia aveva alle spalle o ha alle spalle molto importante ricala sottolineata come molte volte io mi trovo in difficoltà in persone che escono
Anche nel suo tutto dagli OPG e famiglie mi scrivono
Dottore vo può mandare in un'altra regione
Queste sono cose che fanno male perché tutti impegna moltissimo a cercare di risolvere il problema dell'internato lasciatemi il termine anche molto brutto però no per me sono internati quelli che si trovano
Meglio PG
E un altro concetto che spesso ho trovato nelle perizie e quello della pericolosità sociale non data perché il paziente il internato il detenuto si trova in una struttura protetta
C'è stata un po'di contestazione io penso anche giusta perché la pericolosità sociale andrebbe vista proprio nel contesto sociale dei rapporti relazionali è interpersonale che quella
Persona a all'interno della famiglia e della società
Dicendo
Parlando di questo voglio chiudere questa prima
La riflessione dicendo che
Noi psichiatri usiamo il metodo psicopatologico normativo che è quello di riconoscere
Nel campo dall'incapacità di intendere di volere nella pericolosità se la malattia
Ha dato luogo al reato e quindi in quale modo
Il famoso concetto se il reato è collegato alla malattia oppure che la malattia stessa che è insita nel reato
E devo dire che è una cosa
Fortunatamente positiva perché abbiamo altri due criteri che sono quello psicopatologico che si usano i Paesi scandinavi
Dove si guarda soltanto se al momento del fatto cioè la malattia mentale e poi si arriva automaticamente alla non imputabilità un po'come è successo Bray ricca al
Norvegese
Che però adesso stanno un po'rivedendo questa situazione infatti c'è una dei sicari che stanno dicendo perché non lo mettiamo anche a contatto con altri detenuti per vedere come risponde come si relaziona come si comporta quindi ecco di dubbi probabilmente
I devono fare li devono avere
E poi c'è il concetto prettamente normativo che esclude quelli psicopatologici che sicché e
Chiaramente usato da pochissimi i stati soprattutto quelli dittatoriali dove
La malattia mentale viene utilizzata per far scomparire persone scomode quindi si valuta se al momento è capace di intendere di volere senza vedere si rientra in una patologia psichiatrica
Posso citare e che
Le pericolosità sociale che al momento sono state soprattutto riconosciute e che si trovo scritta nelle perizie sono soprattutto di psicosi schizofrenia
Anche purtroppo la detenzione causata da malattie mentali cioè come causa di malattia mentale le perversioni Sasso sessuale e la paranoia anche se adesso si parla di disturbo delirante
Molto voglio soltanto ricordare che si cerca adesso di prevenire le malattie mentali anche respingendo di psicologia in
Interessarsi con dei testi particolare lo dico soltanto per così com'
Riflessione ad alta voce che per esempio a San Pietroburgo
Dei secoli si sono impegnati per stabilire se si può dire se un insegnante e
Può essere poi un pedofilo o meno
Io sto aspettando di vedere di questi test che sono molto curioso su come sono arrivati e ma mi piace ancora di più mi piace ancora di più ricordare quello che dice il Sindaco un commissario di quel Paese dice beh anche se poi risulterebbe che hanno delle preferenze sessuale non tradizionali
I facciamo fare lo stesso gli insegnanti
Questo non tradizionali sinceramente non so che cosa voglia alludere
Tornando agli ospedali psichiatrici
Devo dire che sono
C'è stata una serie di studi fatti su questi ospedali psichiatrici quelli che ha colpito principalmente e il fatto che circa il venti per cento di questi reati per il quale le persone vanno a finire
Nel
Negli OPG sono minori solo reati in cui forse il manicomio giudiziario e troppo
Il Rettore questo venti per cento si assottiglia al quattro per cento in cui non esiste nemmeno la diagnosi psichiatrica viene messo le
Ma non si sa per quale motivo viene messo
E questo lo vedremo perché quello che mi interessa principalmente poter fornire agli avvocati o i magistrati anche delle piccole casistiche di perizia me ne sono apportate alcune proprio per capire come si dà la pericolosità sociale si va a finire poi nell'occhio
Devo dire che Ignazio Marino Alfonso Mascitelli conosco personalmente hanno fatto un ottimo lavoro con le Commissioni d'inchiesta però bisogna dare adito che anche
TG due con dossier aveva iniziato a mostrare questo
Questa situazione così aberrante degli ospedali psichiatrici oltre che noi sono ormai più di vent'anni lo stavamo sottolineando soprattutto sul fatto anche di igiene di queste strutture oltre che delle cure dove secondo
Il mio modesto parere non si cura ma si cerca soltanto di sedare e di contenere e devo dire che il TG due Dossier che poi vinse ha vinto anche un premio si è riscontrato che forse solo dieci dodici quindici sono i casi più gravi
Di di omicidi o di di comportamenti sadici che possono rientrare nei pazzi criminali
Per quanto riguarda gli altri Soro invece situazioni
Che e vengono certificate dagli psichiatri
Che la vedono in una certa maniera
Io dico sempre bisogna spogliarsi da dal desiderio di sfogliare i manuali americani manuali
Che ti che hanno
Creato delle sezioni particolare sì questo
Piange non dorme quindi è depresso ecco io direi invece
Almeno io nel mio piccolo faccio cerco di parlare con la famiglia cerco di capire come nasce il reato
Cerco di capire che possibilità ci sta dire inserimento oggi pena alternativa all'INPS vicino a quella zona in cui la persona
Residente perché guardate io penso che fare uscire un internato un detenuto e farlo rientrare nel suo luogo di residenza e la cosa così dobbiamo noi tutti puntare
E così nel nel piccolo siamo andati a vedere un pochettino quelli che sono alcuni casi eclatanti per esempio c'è il caso di
Bette chiamiamolo così che
è stato circa tredici anni in un ospedale al nuovo PGT perché in una sera d'estate a sfasciato una cabina telefonica nella stazione Termini a Roma perché aveva alzato il gomito era
Aveva bevuto troppo e lo psichiatra che l'ha visitato detto questo è uno che può reiterare la situazione quindi ha dato la pericolosità sociale
Legati
Essi l'importante è togliere Cabrini si risolveva il problema certo l'igiene all'interno di questo P.G.T. lascia molto a desiderare e voi l'avete visto anche con quei videochoc fatte dalla Commissione
Ma soprattutto quello che mi preoccupa e quando una persona
Dentro PG
Presenta poi una patologia organica tipologia B
La broncopolmonite il BPCO come viene chiamato
E
Addirittura in certi momenti pare addirittura incompatibile con questo P.G.T. però
Cosa rimane ferma nessuno se ne interessa tutto resta bloccato ecco questa è un'altra faccenda che
Gli avvocati dovrebbero cercare di
Di di di di attivarsi magari chiaramente in uno psichiatra e con un colloquio col magistrato di sorveglianza e vedere cosa si può fare per risolvere questo problema perché quei dette
Ci sente anche che muore all'interno di UPG anche per altri motivi
Faccio l'esempio per esempio di un altro detenuto in un altro interrato che aveva fatto una rapina e diceva che era innocente portato mi pare varie carceri
E si è sentito perseguitato dalla legge perché nessuno accettava la suo la sua innocenza e in un momento di disperazione Poggioreale inghiottito un chiodo di sette centimetri non l'avesse mai fatto è andata a finire UPG
Per un controllo c'è rimasto circa dodici anni
Un altro grosso problema che Ciavarro PG della contenzione la contenzione dove purtroppo viene utilizzata come misura
Quotidiana e non come dovrebbe essere eccezionale
E su questo mi riferisco anche a casa l'ultimo episodio
Poi anche successo su un TSO dove una persona poi deceduta eccetto Giovanni Mastrogiovanni dove ci sta poi
Mi sembra una prima condanna dei sanitari che poi hanno fatto appello dicendo che quando c'è il TSO la contenzione va fatta insomma c'è tutta questa polemica vedremo come andrà a finire
Sta di fatto che la contenzione e sicuramente una
Un metodo
Molti chiamo di cura di terapia Mario chiaramente
Non me la sento di utilizzare queste parole che sicuramente viene a
Uccidere la dignità umana
E ricordo tornando al discorso delle malattie che vengono a complicarsi organiche ricordo la morte a gennaio per esempio di quel paziente calabrese che andava in giro negli OPG ricorso di Barcellona Pozzo di Gotto
Con la bomboletta tossici o che non riuscivo a respirare che poi purtroppo deceduto
Oppure ci sono altri casi come quello del signor Tonino che quarantatré anni entrato nello PG per una misura di sicurezza di sei mesi e dopo due anni sta ancora lista in attesa di vedere che cosa succede
Oppure come quelli internato di Aversa che è morto mentre mangiava per soffocamento
Stava dentro per dodici reati di illeciti amministrativi quindi non so che cosa come possa essere pericoloso uno che fa un illecito amministrativo
Il sito che hanno anche eliminato l'abuso d'atti d'ufficio stesse cose
E questo era troppo sedato voi sapete che i farmaci
Psichiatrici rimangono assetare molto ma soprattutto soprattutto vengono piano piano avrà tentare dal punto di vista psico ideatorio ma anche dal punto di vista psicomotorio quindi gli organi non funziona ed è possibile purtroppo queste situazioni come questo signore
Che
E deceduto a quarantacinque anni soffocato da un rigurgito
E doveva scontare quattro anni d'ospedale psichiatrico ma quello che preme ricordare che chi ha vissuto all'interno degli ospedali psichiatrici che ha lavorato e ci sono anche degli articoli su questo
E hanno fatto un libro molti si lamentano che ci stanno dentro persone che hanno rubato un portafoglio persone che hanno spaccato una vetrina
Persone che hanno fatto topo reati magari presi presi dall'Iran dalla dalla violenza temporanee si trovano lì perché riconosciuti da un punto di vista psichiatrico socialmente pericolose addirittura
Quando è andato Ignazio Marino ha trovato dei pazienti che ero circa trecentosettantasei già che potevano essere completamente liberati perché erano scaduti tutti i termini però ce n'erano tutti dimenticati
E questo è un mea culpa che va fatta noi psichiatri canoni si Chiatti dirigenti
Di Dipartimenti
Ma soprattutto l'ha trovato gente che aveva rubato sette mila lire
Vi era rimasto dentro casino di anni uno che si era mostrato donna vestito da donna all'uscita da una scuola e che era dentro da venticinque anni
Ecco quel famoso discorso che io mi permetto di ricordare perché secondo me sta ritornando della psichiatria come controllo sociale come difesa da ciò che la società pensa
Non sia giusto far vedere
Io
Non possono parlare anche dei trattamenti sanitari obbligatori che sono poi spesso alla base di quello che uno psichiatra economo psichiatra usa per andare a giudicare la pericolosità sociale
Ne ho portato qui quello più classico
Purtroppo di queste zone in cui viene fatto un trattato Tosi sanitario obbligatorio a una persona che poi mi sembra che non è andato nemmeno importo però essa può fare è stato firmato dal Sindaco
Vista la richiesta dei carabinieri quindi un un atto prettamente medico il Sindaco lo fa perché i carabinieri hanno detto questo
Ecco perché io sono anche fautore Lockheed dico qui Africa che
Non ci sia più una firma del Sindaco su questi atti perché il trattamento sanitario se prettamente nemico deve rimanere firmato dai due psichiatri che lo vanno a vedere
Purtroppo questo non avviene e avviene invece che abbiamo i trattamenti TSO proposti no
Comando dei Carabinieri che l'ha visto un po'così strano questa persona non voglio fare il nome e il Sindaco Arma dei carabinieri ha fatto il TSO chiese o che sono
Io ne ho qui una marea vi leggo solo uno
Per schizofrenia che sia fatto che schizofrenia
E come per dire quella influenzato gli facciamo un TSO cioè non c'è una motivazione scompenso psicotico con fuga dal reparto
Sì così cronica con l'opposizione alle cure e questo già sta un po'dentro al trattamento sanitario obbligatorio però insomma
Poi
Quest'altro episodio schizofrenico con due zeta probabilmente che era molto grave la schizofrenia di questa persona quindi tante decreto schizofrenico occupare
E poi questo cura conseguente di amici di ambizione cc sarebbero carabinieri questo questo TSO non lo capisco e va bene
Continuando su quello che stavamo dicendo un'altra cosa che mi ha scandalizzato molto sono per esempio persone che hanno rischiato qui c'è il caso di una persona della Toscana chiarisca che rischia di andare ad UPG
Perché il perito questo qua è tutta la perizia
Scrive
Che pericolosa socialmente
Perché ecco qua per il turbamento del contesto sociale per la reiterazione dei danni provocati col suo comportano ente per le note di aggressività minaccioso ritengo che sussistono elementi obiettivi per una sua pericolosità sociale
Una persona che
Dice e affetto
è affetta da delirio quel romane
Il rivendicazione monotematico strutturato e sistematizzato inseribile in un improbabile quadro di schizofrenia paranoide una persona
Che stava con un confidente al laureata che il convivente fatto prestare senza mai restituire circa mezzo miliardo
Lei ha chiesto al Tribunale il riconoscimento di questi soldi nessuno viola dati e quindi avuto una rivendicazione contro le forze dell'ordine contro
Il i giudici e da queste nata poi questa sua si possa
Ma la cosa più grave cosa più grave secondo me coi
E che il perito scrive questa perizia viene eseguita prevalentemente sul materiale accluso agli atti perché il soggetto non si è presentata alla seduta
Il resto senza parole però insomma
Avrei invitato il magistrato a cercare di comprendere
A chiedere al
Alla al perito il perché si è arrivati a questa situazione poi c'è
Un altro che è andato a finire allo PGT Castiglione perché non si è non si è no non è andato a firmare alla sua presenza dai carabinieri il trentuno febbraio del
Ecco proposta quindi il trentuno febbraio ed è stata fatta un'ordinanza per mandarlo a Castiglione ma io mi meraviglio anche dell'avvocato che non si è accorto di questo problema che
Voi siete sicuramente più esperti di me insegnare tante cose però probabilmente come
Ma probabilmente l'avvocato lo poteva anche opporsi a questa cosa anche se il reato magari non viene prescritto però
E sempre secondo questa questa documentazione che ci ha molto bella e questa della persona che va a finire poi al manicomio alla lo PC pazienti giù non c'è un tubino in pronto soccorso accompagnata carabinieri in stato di fermo riferito stato di agitazione psicomotoria con autolesionismo
Riferita aggressione Forze dell'ordine nella serata odierna presso il Comune di puntini puntini vado a leggere
Duplice ferita lacerocontusa del primo dito mano destra un autolesionismo ma mi è sembrato un po'esagerato perché la
La scritta
Invece per quanto riguarda un altro caso leggo le conclusione che lo psichiatra fatto sulla pericolosità sociale persona che a spacciata stoffa che spaccia persona che fa uso di droga
I sostanze stupefacenti e che in tutto questo contesto c'è un disturbo schizofrenico paranoide
Scrive per quanto riguarda il problema della pericolosità sociale avendo lo stesso precedenti penali in genere legati all'assunzione spaccio di sostanze stupefacenti e di abuso di alcolici e non mostrando
E non mostrando alcuna volontà o interesse verso percorsi volti all'artista su infrazione si deve concludere per la positività della pericolosità sociale
Io penso che
Quindi tutti i tossicodipendenti arriverebbero essere pericoloso cioè
Non penso che questo sia una valutazione che vada fatta
Per concludere
Voglio ricordare quello che andrà la persona che è andata a finire all'ospedale psichiatrico giudiziario
Per aver spacciato e preso un po'di droghe e trovo scritto nella perizia un soggetto fragile infantile è diventato tutto senza essere cresciuto
Personalità borderline capace di intendere ma non di volere come conseguenza di un tragico vissuto
Una
Situazione poi di pericolosità sociale su una diagnosi che resta molto so molto dubbia
Voglio ricordare che spesso psichiatri siamo capaci di inventarci le diagnosi più assurde ecco perché dico collaborazione fra psichiatriche
Magistrati e avvocati proprio per evitare queste storture io quattro uno un collega che scrive
Su una persona molto nota Parmalat borderline metter demenza senile non esiste il borderline per quel mezzo senile però come la persona era riuscita a sicuramente aveva la possibilità di
Di soddisfare le esigenze economiche neuropsichiatra quindi siamo arrivati a questa conclusione
Per chiudere nel due mila e due denaro fatte già alcune ricerche su gli UPG e quello che chiede maggior scandalo fu furono dei casi proprio minori
Di persone che stavano PG le non identificati due casi di costituzione tre di detenzione di armi tre per spaccio di stupefacenti due di calunnia
Ingiuria uno di peculato uno di falsa testimonianza di falsificazione di moneta e uno accusato di reato di mendicità
Chiudo con delle diagnosi del della della mia regione della regione in cui lavoro ultimamente c'è stata una diagnosi su una persona che ha ucciso i genitori affetta da
Disturbo ambito sociale
Che non so onestamente che vuol dire però è stata giudicata affetta da disturbo ambi sociale un'altra anche questo ucciso una signora anziana
I difensori di compromesso stava sotto il controllo degli stupefacenti il perito parla di
Il comportamento dell'imputato effettuare iperbole titolo
Va bene andiamo avanti
Voglio chiudere con due cose il io lascerò penso alla Eleonora quello che il Ministero della salute ha scritto su quello che le Regioni stanno facendo superamento degli OPG
Ce l'ho qui nel cioè il file e quindi non te lo lascio
Però non in Abruzzo abbiamo risolto il problema
Ne apriamo un altro
Facciamo chiudere quelli nazionale che abbiamo noi sorgeva in un paese vicino Chieti avrà venti posti letto e quello che mi piace sottolinearlo quattro milioni che di euro che l'Abruzzo spenderà
Soprattutto perché nella delibera dice sentite i distretti di salute mentale
Non esistono cioè ci sono i centri di salute mentale Dipartimento è nostra anche le delibere lasciano alquanto alquanto
Il tempo che trovano
Chiudo con una lettera perché io mi ero preoccupato che questi pazienti dagli uffici andassero poi a finire nelle carceri
E loro ho scritto al referente delle carceri per l'Abruzzo per il superamento degli OPG e gli ho detto senti non è che me le mandi a recarci perché è una cosa lunga Regione volgare una struttura anzi Bindi UPG provinciale che così sono ridotti a regionale
L'ha detto no non ti preoccupare per un certo punto dice
Quindi non rientro nelle strutture previste per il superamento Ruppi g perché nessun modo né possono rappresentare un'alternativa si è pensato invece soltanto per brevi
Periodi di tempo molto limitati di utilizzarle momentaneamente in modo da facilitare la presa in carico da parte del CSM
Evitando i problemi legati alla distanza
Di Pescara con Napoli e Aversa io lo scudo subito scritto e dove non ci pensare perché
Il il molto limitata mentre in Italia significa venti venticinque anni
Chiudo dicendo la Società italiana di psichiatria ha proposto un protocollo di intesa con la magistratura di sorveglianza pelle queste dismissioni io lo trovo completamente inutile perché la magistratura Soranzo lo farà mai ma poi non
Non so nel suo diritto
Penso che non non può fare questi protocolli
Invece sono i i Dipartimenti di salute mentale che si dovrebbero attivare per vedere di recuperare un termine bruttissimo ma vero per recuperare queste persone all'interno è riportata nel loro del loro luogo
Perché la paura mia
E uno una frase che diceva sempre l'amico Basaglia il malato
Quando il malato è legato lo psichiatra il libero quando il malato è libero lo psichiatra elencato
Proprio per far capire questo concetto dello psichiatra che molte volte parla per la liberazione del
Dico istituto enti ma poi alla fin fine si trova così chiuso è preoccupato di quello che può venire non può venire nulla devono uscire dobbiamo dire basta
A questo avverrà ante presenza degli uffici
Grazie
Ringrazia file rappezzare e Danilo Montinaro per questo quadro occhieggia fornitore di di quello che è perché sono argomenti che sono le persone che vivono negli OPG è sicuramente in parte tanta dilazionare sul concetto di pericolosità sociale adesso passo nacquero anche a animanti Farinazzo dibattito passo la parola al dottor
Antonio
Tra fai gli atti tengo anche lei trattini latori di rimanere nei campi perché abbiamo poco tempo a disposizione nient'altro paglia e medico psichiatra in servizio presso la casa circondariale di Foggia
Interviene solida e sulla gestione ed il trattamento delle patologie della sfera psichiatrica in ambito penitenziario acini parlerà di quali sono le problematiche
A cui si va incontro quando una persona affetta da disturbi psichici deve e scontare la sua pena in carcere a lei la parola
Grazie io innanzitutto ringrazio gli organizzatori perché
Questa è una delle poche occasioni che abbiamo è consentita
Un medico che opera in carcere di esporre qual è la situazione attuale
Che riguarda il trattamento delle patologie psichiatriche quindi il il saluto e anche da parte dei colleghi
Degli altri colleghi medici che come ogni giorno condividono questa esperienza io è da circa quindici anni che mi occupo della
Dell'assistenza psichiatrica nella carcere di Foggia in quello di Lucera con delle brevi esperienze nel carcere di San Severo in quello di Trani per cui diciamo che
O in questi anni che sono stati anni di passaggio
Perché molti di voi sapranno sicuramente che c'è stato un passaggio
Delle competenze dal Ministero della giustizia al Ministero della sanità l'assistenza sanitari in carcere
Da quando è iniziato a lavorare io nella lontano mille novecentonovantotto era garantita dal Ministero della giustizia successivamente diciamo l'assistenza
Da qualche anno è andata a regime questa diciamo questa riforma e passata di competenza del Ministero della sanità delle ASL e quindi diciamo del del servizio territoriale
Io mi ricollego a quello che ha detto l'onorevole poco fa quando ha parlato del problema della diciamo della della malattia mentale in carcere
Sul Corriere della sera del diciotto aprile di quest'anno viene fuori una statistica secondo la quale un terzo non un venti per cento dei detenuti italiani soffre di una malattia mentale
Tenuto conto che il numero dei detenuti attualmente presenti in ambito penitenziario e di circa settanta mila unità
Possiamo immaginare come insomma di soggetti affetti da patologie psichiatriche rappresentino una cifra intorno alle venti venticinque mila unità
è un dato importante se vogliamo anche un dato drammatico
Che sostanzialmente testimonia la gravità di questo problema e la necessità di reperire risorse per affrontarlo in maniera adeguata
Quello che io nella mia breve relazione cercherò di diciamo di portare a conoscenza diciamo del
Delle persone qui presenti
E
Quello che succede all'interno del carcere quali sono le patologie psichiatriche con le quali abbiamo tutti i giorni dobbiamo confrontarci
E soprattutto di far presente come la situazione allo stato attuale
Che Priebke che si verifica all'interno delle carceri situazione che andrà confrontata con l'imminente chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e quindi con le difficoltà dovute alla ricollocazione di queste persone che
Dovranno in un certo senso rientrare in carcere e quindi aumentare la difficoltà della gestione di questi problemi
Io conosco molte di voi perché ogni giorno ci incontriamo
All'interno del carcere di Foggia o molti avvocati quello di Lucera e posso dire rosso ma non
Occupo io posso dire di vedere praticamente i detenuti
Io non lo stato intermedio di sofferenza nel senso che voi vedete diciamo nelle salette riservate i colloqui io rivedo nel luogo chiuso dove loro diciamo manifesta una propria sofferenza
E quindi ho il polso diretto
All'esperienza diciamo per per capire quali sono le problematiche dei detenuti
Allora per conto democratica
Allora per quanto riguarda le patologie psichiatriche le difficoltà che noi abbiamo all'interno delle strutture penitenziarie
Io distinguerei due fondamentali il tipo di patologie psichiatriche che richiedono un intervento multidisciplinare la collaborazione chiaramente con le altre figure predisposti all'intervento
Quindi con gli psicologi con il personale dell'arredo cattiva con gli agenti di custodia con tutto il personale diciamo che ogni giorno e deputato all'assistenza di queste persone
Un problema fondamentale che si pone nella diciamo nella nell'inquadramento disturbi psichiatrici
All'interno delle strutture penitenziarie è quello che riguarda sostanzialmente i detenuti affetti da patologie psichiatriche
Otteniamo le maggiori
Nella mia esperienza all'interno delle strutture penitenziarie possibile definire tre elementi principali
Mi ricollego a quello che ha detto il collega Montinaro prima ne abbiamo tre patologie psichiatriche che richiedono tre categorie di patologie psichiatriche che richiedono un'attenzione particolare
E sono sono i più frequenti trasparente sono i disturbi di personalità i disturbi dell'umore e disturbi dissociativi faccio una premessa la patologia psichiatrica negli ultimi anni è molto cambiata consentitemi il termine
è diventato un po'sporca perché nella perdiamo più i vecchi malati psichiatrici di cui parlava Basaglia in carcere vediamo delle patologie
Molto complicate soprattutto compromesse o slatentizzato e dall'uso di sostanze
Ci dobbiamo confrontare ogni giorno con patologie psichiatriche
Nelle quali un elemento preponderante e anche l'uso uso abuso di sostanze per cui ci troviamo a che fare contenuto con dei quadri molto compressi
E nei quali verso l'intervento della psichiatra non è sufficiente ma abbiamo bisogno di altre figure professionali
Come gli operatori del SerT come gli assistenti sociali abbiamo bisogno di un diverse figure che intervengano nella situazione
La casistica più importante riguarda i disturbi di personalità
Disturbi di personalità definiti in maniera diciamo schematica
Per i testi a cui noi facciamo riferimento a quelli cui faceva riferimento anche il il collega Montinaro al DSM quarto solo dei disturbi in costante aumento nell'ultimo periodo perché sono dei disturbi
Che si accentuano situazioni in cui c'è un forte conflitto sociale e questo chiaramente un periodo in cui sono forti tensioni sociali
Sono delle dinamiche molto particolare il senso di alienazione presente all'interno della società e molto forte
Per cui vediamo proprio nell'ultimo periodo un aumento in queste patologie psichiatriche disturbi di personalità sono commessi sempre all'interno dell'esperienza
Penitenziaria all'uso l'abuso di sostanze
Perché in pratica sono dei disturbi i cui elementi principali sono riscontrando degli impulsi cioè la difficoltà a gestire la propria emotività
La difficoltà a gestire l'ansia la spinta comportamenti aggressivi etero auto aggressivi e quindi sono dei disturbi e che richiedono un'attenzione molto particolare
E che richiedono un intervento che non può essere garantito solamente dalla figura dello psichiatra ma deve essere garantito ad altre figure faccio una una piccola premessa
Nell'agosto nell'agosto del due mila sei la Regione Puglia con
Decreto emanato sul pochettino ufficiale ha previsto stanziato delle risorse
Affinché
L'assistenza sanitaria all'interno delle strutture penitenziarie delle risorse
Integrata dal dal servizio territoriale cioè per i centri di salute mentale dal Dipartimento di salute mentale questo perché nello spirito del legislatore cosa
Estremamente positiva ha recepito quella che la difficoltà che ante tenuto affetto da patologie psichiatriche quando entra in carcere
Cioè la prima difficoltà che i medici abbiamo e gestire una persona che da un giorno all'altro
Perché i suoi punti di riferimento molti detenuti mi dicono Torino sono abituato
Al mio psichiatra la mia assistente sociale e il mio psicologo e quindi rielaborare il concetto di malattia al concetto di trattamento ed una nuova struttura è una situazione a abbastanza difficile
Io sono contento che sono presenti dei colleghi che lavorano sul territorio
E nonostante lo spirito della della legge sia stato corretto noi dobbiamo confrontarci purtroppo con la mancanza di risorse con la difficoltà che hanno i colleghi
Che stanno sul territorio avvenire in carcere mantenere i contatti con i detenuti affetti da queste patologie
Per cui al di là di qualche breve contatto telefonico che riguardava l'aggiustamento della terapia che riguarda diciamo la rimodulazione della del trattamento non si va al di là sarebbe quindi auspicabile
Un maggiore coinvolgimento del territorio dal trattamento dei dei pazienti affetti da patologia psichiatrica
E quindi diciamo questo è un grosso è una un grosso elemento di difficoltà che noi medici penitenziari incontriamo ogni giorno cioè praticamente la la frattura che viene a crearsi nel momento in cui un detenuto entra in carcere la frattura tra quella che era il suo percorso terapeutico antecedente all'ingresso in carcere
E la rimodulazione della nuova diciamo dalla nuova terapia confronto con uno psichiatra con uno psicologo con altre persone
Per cui diciamo saremo spicca bile un ma una maggiore integrazione tra il servizio territoriale e le strutture penitenziarie quindi l'investimento di maggiori risorse non solo in termini economici ma anche in termini
Diciamo umani in termini di di di di professionalità addette a questa
Diciamo a questo trattamento
Devo dire però che con il passaggio della sanità della seduta della gestione del degli aspetti sanitari dal Ministero della giustizia alla ministro della sanità molte cose sono cambiate ad esempio non siamo in grado
Con i medici penitenziari di
Queste e una digressione però consentite ma perché è importante e siamo in grado
Di assicurare a un detenuto un percorso diagnostico terapeutico anche per quanto riguarda altre patologie
Molto elevato chiunque di noi debba fare una TAC sacche osservava pagare oppure si questi si mette in lista d'attesa noi siamo in grado invece con dei protocolli
Stabiliti dopo molte fatiche dove molte volte i dovuti riscontri con i colleghi dei servizi ospedalieri del territorio di garantire un detenuto che ha bisogno di un accertamento diagnostico un certo canale
Diciamo privilegiato
E quindi una velocizzazione dell'iter diagnostico può sembrare un elemento
Banale questo però San quando una persona gli vai a risolvere un problema che riguarda ad un altro tipo di patologia e abbiamo a che fare con gente che con persone al che hanno molti tipi di patologie non sulle patologie psichiatriche patologia infettiva oggi che patologie
Il dato torto Pedica cardiaca e quindi diciamo l'intervento deve essere multidisciplinare quando una persona andiamo a garantire andiamo a risolvere uno di questi problemi creiamo un livello di tensione diciamo soprattutto della persona e di conflitto minore
Per quanto riguarda gli altri disturbi con i quali abbiamo a che fare tutti i giorni sui disturbi dell'umore
Soprattutto abbiamo a che fare con i disturbi bipolari in cui
Imperi tecnici c'è praticamente una
Un'alternanza tra diciamo episodi depressivi ed episodi maniacali
E quindi sono di disturbi con i quali abbiamo a che fare ogni giorno e poi sono i disturbi della sfera diciamo i disturbi psicotici classici disturbi della sfera dissociativi fra quelle che
Vengono definiti come diciamo dalla dei manuali diagnostico statistici come schizofrenia
Una cosa importante e diciamo che qua
Per quanto riguarda il trattamento di queste patologie
è richiesta un'attenzione particolare soprattutto perché
Come tutti sappiamo come insomma leggiamo oggi ogni giorno sui giornali all'interno del carcere vi è il grosso problema dell'autolesionismo e dei suicidi
Suicidi sono i colleghi psichiatri qui possono chiaramente confermare quanto di i sigilli sono l'elemento un Psichiatria più imprevedibile quindi chiaro che è difficile prevedere quando una persona o cogliere dei segnali di allarme
Gli atti di autolesionismo invece sono molto difficili da gestire perché chiaramente complicano soprattutto alla gestione
Di queste persone anche nel nel contesto in cui si trovano perché insomma gli atti autolesionistici vengono visti con un'ottica particolare dagli altri detenuti
Creano dei conflitti all'interno proprio della struttura penitenziaria per la gestione
Di queste persone per cui diciamo gestire e prevenire queste situazioni per gestire prevedere queste questa situazione auspicabile che in futuro
I servizi territoriali intervengano in maniera più adeguate a dare un supporto nella gestione di queste situazioni
Altre patologie con cui abbiamo a che fare che non sono da trascurare sono anche da tener presente sono quelli sono
Di disturbi quelli a Nociglia ridefiniamo i disturbi dell'adattamento sono patologie che vediamo soprattutto nei detenuti
Che arrivano in carcere per la prima volta che hanno commesso dei reati particolari sono dovuti
Teniamo conto a una rimodulazione della propria affettività c'è un detenuto sì io una persona si trova in uno spazio chiuso
Si trova a convivere con altre persone viene sradicato dal proprio contesto familiare e relazionale e quindi la detenzione è un evento stressante e come tutti gli elementi gli eventi stressanti
Danno origine acque le reazioni che noi definiamo ansiose o depressive che per fortuna poi si risolvono nel corso del tempo
Però
Una cosa che io devo dire una un elemento patologico o un sintomo che può sembrare banale ma con il quale non ci dobbiamo confrontare ogni giorno e l'insonnia
E bisogna è uno dei problemi maggiori con i quali noi abbiamo a che fare ogni giorno in carcere
Perché una persona che è costretta a stare per ventiquattro ore in un ambiente chiuso anche se Scarcione di Foggia per chi lo conosce insomma è una struttura abbastanza grande
A condividere esperienze con persone che non conosce a a vivere una situazione di inattività per molta parte della giornata
Chiaramente arriva quello che mi dicono i detenuti G otto io arrivo alla sera non sono stanco non riesca a dormire ho bisogno
Di un supporto farmacologiche quindi si stanno per un conflitto con il detenuto che chiede sempre dosaggi maggiori di farmaci e questo avviene soprattutto con i tossicodipendenti con le persone detti che all'uso e abuso di sostanze
Per cui diciamo un grosso problema gestire soprattutto nelle fasi iniziali acché la diagnosi le diagnosi più frequenti con i quali noi abbiamo a che fare
E lì insomma che può sembrare un sintomo banale ma
Una persona che non dorme per molto tempo chiaramente poi diciamo durante il giorno una performances iter motoria completamente alterata quindi una situazione di profondo disagio
In alcune di queste situazioni c'è un rischio che ne andiamo a valutare perché sono anche in questi casi di episodi di autolesionismo in questi casi le motivazioni che stanno alla base di episodi di autolesionismo sono soprattutto manipolativo
Nel senso che il detenuto tramite dei gesti affinare i tanti conservativa richiede un livello di attenzione maggiore da parte per le persone che
Che sono deputate al suo trattamento è una cosa che non bisogna sottovalutare comunque perché molto spesso
Questi gesti dimostrativi vuoi per errore vuoi per il caso possono come è successo insomma avere degli effetti che vanno al di là della volontà
Del detenuto e quindi sono delle situazioni con i quali diciamo noi ci confrontiamo ogni giorno e ogni giorno ci creano delle grosse difficoltà credo poiché delle difficoltà che saranno ulteriormente
Saranno accentuate nel momento in cui verranno chiusi gli ospedali psichiatrici giudiziari e queste persone dovranno tornare in carcere
Chiudo indica una breve
Diciamo con una puntualizzazione quando si arriva allo PG
Allora noi all'interno del carcere patologie psichiatriche solo come tutte le patologie di natura internistico mica tecnicamente ma uno lo cura con insulina con gli enti diabetici era ma prima o poi si scompenso e così è la patologia psichiatrica
Quindi noi andiamo incontra quelli che vengono definiti gli episodi di scompenso psicotico
Che possono praticamente aprire tante cause detenuto non assume la terapia un evento familiare importante non detenuti che
Diciamo sì scontentano perché vengono a conoscenza che un parente gravemente ammalato la moglie non non fai colloqui non gli scrive sulle violazioni che viviamo ogni giorno
E quindi non gli episodi scompenso psicotico siccome la in carcere non siamo in grado di garantire un'assistenza adeguata di ventiquattro su ventiquattro perché
Non siamo
Della foce non
Non non c'è un centro clinico io sono unico psichiatra che opera con un monte ore limitato allora ne ricordiamo hanno PG OPG da parte nostra di individuati due situazioni o per un'assegnazione temporanea o per un'assegnazione definitiva
Nel caso delle assegnazioni definitive
Diciamo che il discorso è chiaramente mano alla magistratura al magistrato di sorveglianza o più al G.I.P. che si occupa della situazione
Io ricordo ad esempio
Qualche anno fa una persona di Lucera che in base vittima di allucinazioni acustiche gli dicevano oggi ti devi arma alzare ammazzare la prima persona che trova
Se alzo la mattina la prima persona che trovo nel cortile di casa
La la coltello insomma e ho avuto modo di fare questa persona al carcere di Lucera il percorso era già tracciato è una persona che
Chiaramente da diverso tempo sta vide eccepire una persona che sta
Un ospedale psichiatrico giudiziario
Le assegnazioni temporanee vengono proposti da noi medici penitenziari il magistrato di sorveglianza o
Nel caso in cui
Non si tratti di una persona con un regime di detenzione definitiva vengono proposte agli altri magistrati al G.I.P. credo
Attengono quando ci sono questi episodi scompenso psicotico mio devo dire che da molti anni sin da quando sono entrati in carcere il Ministero della giustizia
Già dal lontano mille novecentonovantotto aveva creato e
Credo che ci ci sono ancora tuttora
Dei centri particolare che siano cento e di osservazione neuropsichiatrica ai quali noi facciamo riferimento in maniera alternativa all'OPG io non so se questi centri verranno chiusi o entreranno nella
Diciamo nel discorso degli ospedali psichiatrici giudiziari qua in questo momento ce ne sono i centri pilota sono stati a Milano a Livorno poi sorto uno a Torino
E ce ne sono altri che sono stati creati sono dei reparti in pratica psichiatrici
Annessi alle strutture penitenziarie al carcere ma non sono dei veri e proprio pc
E servono per inviare in osservazione dei detenuti quando diciamo il livello di gestione all'interno della struttura penitenziaria un livello di gestione difficile
Ripeto io non so se verranno chiuse queste strutture però credo che
La chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari
Dovrà confrontarsi volente o nolente con questa realtà purtroppo
Di difficoltà di gestione della patologia psichiatrica che noi abbiamo all'interno delle strutture penitenziarie spero di essere riuscito a dare
Un quadro chiaro di quali sono i problemi che noi ogni giorno affrontiamo i quali siano le risorse soprattutto in termini umani
Chiaramente che il servizio sanitario alcuni è stata affidato
Questa incombenza debba trovare per garantire diciamo a queste persone assistenza adeguata ripeto molto è stato fatto soprattutto dalla Regione Puglia
Anche se diciamo sulla diciamo sulla carta con questa legge del del diciamo nell'agosto due mila sei
è auspicabile che nel caso in cui
Gli ospedali psichiatrici giudiziari chiudano e si debba inutile gestire l'assistenza psichiatrica questo
Dipende chiaramente
Non dalla volontà di medici che ci vengano vengano fornite le adeguate
Potenzialità per gestire queste situazioni ringrazio
Eccellente attrarre anche al fine adesso di nominare la parola amica l'ultimo Gratteri oggi professare a Pietro Rossi ed evidente inoltre la dottoressa Elena Gentile caratteristiche sabbia
Tangenziale etica liberata attesterà guai fare della Reggiani comunichiamo fornito alla Presidenza ora dovrà parolaia professor Pietro Rossi garante delle persone sottoposte a chi a misure restrittive da non limitativa delle libertà personale della Regione Puglia e della parola
Passare questo
Insomma
Grazie recupero questi
Pochi minuti questi pochi secondi
Dando per scontato tutti quanti il ringraziamento per essere qui
Lo liquidando
Il la giornata di oggi la trovo particolarmente interessante perché ho avuto la fortuna se pur arrivando
Un po'di ritardo di assistere a delle relazioni estremamente estremamente interessante
Sono particolarmente contento anche di vedere con noi l'assessore Gentile al welfare e alla sanità
Quindi
Assolutamente calata diciamo nel ruolo di oggi con riferimento alla all'argomento trattato e io partirei proprio da qua e da quello che diceva il dottor Tranfaglia confermare che dal punto di vista la congiuntura storica
Non credo che si sia mai assistito a tanta attenzione da parte dell'ente regionale rispetto alla materia
Certo che fa il paio con la circostanza come posso dire con la coincidenza temporale che si diceva che dopo l'accordo Stato-Regioni del due mila sei
Questo elemento di straordinario momento civile del passaggio della cura anche dal punto di vista formale
Della sanità a carico dell'alveo naturale che con il sistema sanitario nazionale
Diventa un elemento straordinario di enti non più ritorno si stabilisce il principio intangibile che un cittadino e tale a prescindere dal proprio Stato sono importantissimi e quindi accede
Al alla cura della della persona della sua salute all'intero sistema sanità nazionale esattamente come succede per tutti
Gli altri cittadini dopodiché il dottor Raffaele diceva che si stia scatto anche dei meccanismi che potrebbero sembrare addirittura
Il controtendenza ne potremmo pensare che in vista
La situazione di grande sofferenza diffusa rispetto ai tempi e i problemi della sanità un detenuto dovrebbe accontentarsi un po'di quello che il che mi capita di quello che gli viene bene invece una serie di accordi
Consentono di rendere questo diritto sostanziale attraverso almeno l'accorciamento dei tempi rispetto alla diagnostica rispetto agli accertamenti non è sempre così non è sempre così non vorrei essere illusorio
Però attenzione non significa come posso dire sorpassare nel senso troppo positivo perché
Dice Guido Alpa illustre giurista che i diritti sono effettivamente sostanziali uguali per tutti nella misura in cui sono ugualmente differenziate e il contesto penitenziario
Uno di quei contesti in cui occorre che venga differenziato perché la circostanza per cui
Sul territorio regionale insistono undici istituti di pena che sono Casa Circondariale e un solo istituto di
Reclusione che quello di Turi determina un fortissimo turnover per cui le persone possono spostarsi da cui ci sono esigenze amministrative quelle di giustizia
E quindi è naturale che un detenuto sia di fondamentale importanza e sia vitale che una volta inseriti in una lista di attesa e presso quel territorio che possa essere rifornita
Diciamo la la tutela attraverso la la la l'accertamento diagnostico è questa la ragione per cui si cerca di
Sottoscrivere accordi dar seguito a delle destinazioni sui territori con con un assessorato con le ASL e con gli enti ospedalieri bene
Ciò detto la ragione per la quale gli ospedali psichiatrici giudiziari sono una stortura non risiede nel pensiero giuridico che si è voluto in questi tempi cioè non risiede nella previsione nella previsione normativa io credo che la ricostruzione
Dottor Mastropasqua sia stata mi mirabilmente precisa
Non c'è nulla che il legislatore non abbia previsto perché il sistema così come
Funzionasse laddove fosse stata fallace la previsione normativa è venuta in soccorso l'interpretazione giurisprudenziale
Quella di merito è anche quella diciamo generale complessiva la più alta quella della della dalla Corte costituzionale
Il problema è che l'istituzione totale per definizione è un'istituzione stupida
Al cui interno una serie di meccanismi non funzionano perché è previsto che non funziona cioè o meglio perché non possono
Funzionare adeguatamente a meno che non ci siano risorse sufficienti ed passione personale
Vedo degli istituti di pena che sarebbero un disastro
Le cui condizioni in un contesto di come posso dire che conoscete tutti insomma disastroso
Terribile che riescono a mantenere la barra dritta in funzione della sagacia interpretativa che non dovrebbero essere tale perché la pubblica amministrazione bisogna prestare al dettato scritto
La sagacia interpretativa un po'lasca di direttori comandanti c'è l'altra faccia della medaglia d'oro che un'istituzione stupida non può permettersi il lusso nel senso che non riesce a digerire delle persone stupide
Perché a quel punto la stupidità elevata all'ennesima potenza durante una stupidità quadra devastante
Io purtroppo nella mia nell'esercizio di attività istituzionali garante detenuto assisto a tutto il due gli aspetti a
Storie di straordinario impegno civile essere di straordinaria stupidità
Derivanti dal fatto che nella filiera diciamo produttiva definiamola così del comando ciascuno degli elementi che fanno parte di quella filiera possono essere contemporaneamente il valore aggiunto quel disastro
Perché è previsto così io non lo sapevo ma è previsto che rientra nelle prerogative dell'ultimo dico con tutto rispetto della filiera del comando cioè
Il responsabile della
Della traduzione
Di detenuti a lui spetta la prerogativa di stabilire se nel corso di accertamento diagnostico il tempo ossia adeguato oppure no in ragione delle prevalenza esigenze di sicurezza derivante dal fatto che magari i costi dedicati al trasporto sono quelli che non ci si potrà per un'ora di più
E il medico è invitato a
Sottoscrivere un atto pubblico in cui c'è l'in cui dice che in realtà l'attività diagnostica e sufficiente
Perché altrimenti
La la volta successiva passerà dei guai sul piano pratico diciamo sul piano delle relazioni delle relazioni umane
Dopodiché
Sappiamo che
Nell'ospedale psichiatrico giudiziario ci sono le persone che sono state dimenticate il sistema è stupido e probabilmente c'è stato qualcuno che erogato dei servizi di diagnosi che erogato attività peritali stupide
Da imbecille sono che quell'imbecille al secolo fa dei danni diciamo contenuti in teatro per contesto diventa devastante
La ragione per la quale gli ospedali psichiatrici giudiziari debbono chiudere non risiede nel fatto
Che non siano stati concepiti in maniera adeguata anche l'onorevole Bernardini ha detto ovviamente
Traendo portando la sua argomentazione delle conclusioni diverse che ci sono state le persone che si sono trovate meglio
Ad essere curato in uno PG che magari gli spazi adeguati piuttosto che essere prese incrementi in carica in galera dove praticamente qualunque viene mortificata qualunque stanza qualunque
Qualunque effettiva
Esecuzione dalla previsione dell'articolo ventisette che parla di tendenza rieducativa che la tensione morale ed educativa no una pena che tende riducano nel senso di tutti mistico e proprio per i lavori parlamentari parlano chiaro da questo punto di vista era quello che intendeva il costituente
Bene negli istituti né di o PG le cose non possono come posso dire essere controllate
Con un presidio medico che viene contenere continuamente avvilito e per quanto ci sia grazie a Dio nel pensiero giuridico e voluto comunque la terzietà del giudice che riesce comunque ad esercitare
Un controllo tale per cui
Sulla carta non dovrebbe essere uno di quei sistemi in cui
Poi la chiave viene buttata via marce continua ad essere un conto evidenti che tutta l'attività interna se affidata a persone che vivono una condizione
Nel diciamo disastrosa dal punto di vista le risorse a disposizione distratta perché magari non lo so corre quella passione umana quel quid pluris che purtroppo in certi contesti deve essere richiesto
Allora il il disastro e compiuto dopodiché
Al netto di tutte quelle persone che non oggi ieri dovevano già lasciano PG
Per motivi che non sono stati accertati per questi diciamo impacci organizzativi al netto di quel tutti gli altri devono essere accolti in un sistema che dovrà essere pronto da un lato a accoglierli in strutture alternative
E qui mi fermo un attimo poi apro e chiudo una parentesi velocemente
E dall'altro che consenta ai territori ma parlo non a questo punto del sovraordinato sistema regionale in qualcosa sanitario nazionale ma parlo
Dei territori intesi come enti locali territoriali cioè la prossimità della residenzialità vere
Delle persone dovrebbero recuperare l'orgoglio di occuparsi di persone
Che hanno avuto dei problemi che adesso sono cittadini come tutti gli altri
Che anno per giunta
Magari pagato anche più di quello che avrebbero che avrebbero dovuto e questo si chiama assistenza questa si chiama welfare questo si chiama spessa pubblica che conoscete dolorose nell'allocazione di risorse sempre scarse legislatore nazionale
Dovrà mettere nelle condizioni di allocare invece su quelle poste perché voi sapete che il piano sociale nazionale sostanzialmente è stato
Depredato non c'è più niente
Gli enti locali hanno pochissima pochissime risorse per far andare avanti la macchina la macchina cui sapere che l'ente locale evidentemente non è soltanto assistenza sociale anche gli uni nazione anche nettezza urbana
E anche il gene profilarsi ante tantissima roba
E voi pensate che facciano massa critica un numero penso che siano state stimate adesso il dottor Mastropasqua
Mi correggerà nel nel nel
Poche decine credo che siano
Forse un centinaio di persone che verranno licenziato a chiusura degli epigei torneranno sul territorio anche bene se sono sul territorio regionale pensate che questi facciano massa critica rispetto alle esigenze diciamo di una comunità sociale o qua non è che dobbiamo pensare
Semplicemente al fatto che un cioè un cittadino
Sia stato diciamo
Giustificatamente o meno in uno PG perché non dobbiamo dimenticare che l'esigenza di sicurezza con cui ci sono se una persona
Scusate apro e chiudo questa parentesi perché mi appassiona molto il discorso cerchiamo di creare anche i presupposti perché il sentimento di sicurezza sia
Sia sia diciamo accertato è cioè sia comunque sempre all'attenzione di tutti una persona pensiamo al fenomeno della pedofilia o del maltrattamento insomma in tanti sette una persona
Giustamente il giorno prima dalla Commissione di un fatto che diventa avanza penale e un malato il giorno appresso è un mostro e qualche problema di perdite di prevenzione ci sarà
No d'altra parte se questa persona assente come è normale che sia diciamo un pensiero giuridico progredito non si può preventivamente mettono nelle condizioni di
Renderli inoffensivi età è anche necessario che ci siano dei sistemi perché questa persona venga considerata almeno malata e si possa preservare la comunità dei sani e dei deboli
Dei deboli degli ultimi del del diciamo delle delle vittime elettive
Dai dai comportamenti di questi quindi cerchiamo di essere ragionevoli rispetto a domina mediana appunto di ragionevolezza e di razionalità
Chiusa questa parentesi quando
Di UPG chiuderanno il sistema sanitario nazionale le Regioni gasolio dovranno dotarsi di
Strutture
Al cui interno dovrà essere consumato e risolto definitivamente
Risolta definitivamente la lettura epistemologicamente rapporto che intercorre tra esigenze funzionali ed esigenze trattamentali medico sanitarie
Lei sbarre le portiamo un po'più dentro le portiamo un po'più fuori
La struttura deve essere organizzato in maniera tale che si percepisca la circostanza che lì dentro ci sono delle persone pericolose
Come possiamo dire de iure condito secondo quello che stabilisce oggi il Codice perché poi l'altro una riforma da definitivamente
Acquisita strutturale in termini di sistema penale
Chi di dovere sostanziale non procedurale sono c'è il tempo per spiegare ma insomma sarà oggetto di altri discusse in altre sedi
Quello che succede dentro deve essere
Apprezzabile dal punto di vista del presidio medico sanitario di più di quello di quanto possa essere apprezzato il fatto che siano ridotti all'in offensività
Ragazzi il concetto è questo la linea di discrimine questi impalpabile ma ma delicatissima tanto hanno necessità le persone fuori
Di sentirsi al sicuro
Rispetto al pericolo potenzialmente determinato da circostanze ci siamo
Delle persone tutti insieme quanto è necessario che dentro queste persone nelle condizioni di morbilità psichiatrica ma anche di qualunque altra natura quello che fa
Il sia il dottor Montinaro credo tolta la falce una persona che è malata psichiatrica poiché anche qualche altra patologia in atto eccetera del tutto questo deve essere garantito all'interno
Quelli che stanno fuori devono sentirsi sicuri ma quelli che stanno dentro sentito assicurati questa la ragione per la quale
Noi cerchiamo di interpellare tutti gli interlocutori istituzionali e credo che la Regione Puglia farà la sua
Perché tutto questo funzioni
Credo che Bill momento storico sia favorevole
Spero che si ritenga venga scongiurato diciamo l'ipotesi di che paventava il professor Montinaro brillantemente speravo che questo non sia un problema l'ordine del giorno ancora
Nel due mila quattordici ma credo che il grado di consapevolezza raggiunte la sensibilità che riscuotiamo in generale almeno sul fronte
Della Amministrazione regionale credo che potrà sortire dei risultati accetta grazie
Grazie professor Pietro grazie nell'accesso discorso se è il momento è favorevole
Farà dipenderà anche da noi d'Italia delle relazioni che abbiamo fondato oggi è emerso significa significati a mente il ruolo e le responsabilità delle Regioni in questo momento di transizione le Regioni a cui è affidato il compito
Come da decreto di di come gestire i pazienti che usciranno da io PC d'ora appunto do la parola alla dottoressa Elena Gentile
Che chiuderà il nostro dibattito anch'anticipo che dopo l'assessore ci sarà un brevissimo intervento del del dottor Andrea
Mastropasqua
Ora do la parola quindi all'assessore Elena Gentile guastare sanità della Regione Puglia della parola sì grazie innanzitutto per l'invito
Definanziamento lo accompagnò ovviamente alle scuse per l'ora
Conte indecente con la quale vi ha raggiunto ma potete immaginare il mese di maggio storicamente un mezzo o un mese congressuale
La propria
Grazie a Dio è una regione molto vivace dal punto di vista del
Del dibattito più complessivo oggi in maniera particolare sui temi della salute del Welfare
E quindi diciamo dopo aver onorato altri impegni precedentemente assunti sono
Qui a Foggia vi ha raggiunto volentieri perché il tema in discussione è un tema che
Come dire pone un ulteriore sfida difficile e complessa
A chi ha l'onore e l'onere di gestire questa fase che coglie culturalmente e politicamente abbiamo auspicato
Condiviso
Da tempo
Dal punto di vista come dire diciamo delle responsabilità formali questa Regione
Come dire pronta
Ad affrontare questo nodo delicatissimo
Le strutture sono state individuate siamo come dire al punto della progettazione per luoghi individuati
Uno in provincia di Foggia l'altro in provincia di Taranto se non ricordo male l'altro ancora in Provincia di Brindisi dovremmo essere pronti diciamo ad accogliere
Un numero di pazienti che non dovrebbe essere superiore alle sessanta persone però come dire il tema è interessante perché potremmo cogliere quest'occasione per costruire un modello
Perché come dire non risponda solo informalmente canonicamente alle prescrizioni diciamo dell'iter
Che è stato avviato e e che di fronte a noi mi implicava molto la riflessione del mio garante dei detenuti
Quando poneva il tema diciamo della configurazione non solo architettonica o di arredo umana
Come immaginare questo luogo che non debba più essere ovviamente classificato classificabile come luogo
No di detenzione ma che debba offrire
La percezione certamente della sicurezza nomina ascolto che
In tutte le città individuate di interessate vi è stato un dibattito molto acceso questa
Questo passaggio quest'operazione spaventa
Colonie mette in allarme la comunità già oggi sufficientemente diciamo
Toccata da altre da altre questioni altrettanto
Altrettanto rilevanti ma il tema è proprio questo come configurare un luogo capace no di di farsi carico
Di questo disagio
è che sia contestualmente diciamo un luogo percepito come un luogo di cura
Nel quale anche perché no avviare in maniera diciamo innovativa così come stiamo tentando di fare in queste settimane rispetto
Al tema della riabilitazione psichiatrica in Puglia un altro tema che come dire si sovrappone al tema
Che oggi discutiamo nella diciamo nell'idea di una riconfigurazione che sia
Sempre meno di cura tradizionale sempre più di integrazione di socializzazione dell'approccio
Il tradizionalmente sanitario ermetico la sfida io voglio viverla così
Come maturare e della nostra Regione un'idea diciamo
Di accoglienza e di presa in carico che
Abbia
Un profilo diciamo è un'attenzione differenti
Perché questo diciamo il tema io ritengo politico di discussione e quindi poi organizzativo
Stiamo concludendo questa fase poiché ovviamente apriremo dopo una riflessione e la ridefinizione dei percorsi di riabilitazione psichiatrica
Che ho voluto diciamo modificare sostanzialmente compattando il tempo diciamo dell'approccio
Più squisitamente sanitario è aprendo anche come dire all'uopo innovativi anche a forme innovative
Di integrazione presa in carico in questo discorso più complessivo mi piacerebbe diciamo approfondire il tema
Cornel non solo con le competenze professionali ma anche con chi diciamo vuole in questo passaggio sancire come dire il cambiamento rispetto a storie assolutamente dolorose che noi per davvero vorremmo cancellare per cui la vostra riflessione oggi sicuramente avvia un percorso
Politico istituzionale per me è molto interessante
Mi auguro di poter mettere a valore questo vostro lavoro per
Fare della Puglia ancora una volta
Un modello di innovazione di modernizzazione su temi e questioni troppo doloroso diciamo per la non solo per la nostra comunità ma per un Paese
Che
Nonostante diciamo si proclami civile conserva nicchie diciamo no di
Di indecenza questa appunto e tra le nicchie l'indecenza quella più diciamo
Importante che ci impone appunto un lavoro
Di condivisione di concertazione per raggiungere ci auguriamo il migliore degli obiettivi buon lavoro a noi
Grazie alienare dottoressa Elena Gentile assessore al welfare della Regione Puglia e noi tutti ci auguriamo a questo punto
Che pence così ti dimentichi questa triste pagina della nostra giustizia che la Regione Puglia
Possa essere protagonista di di un cambiamento per dare dignità a
Queste persone
Adesso prima di concludere lascio la parola per pochi minuti al dottor Mastropasqua
Sì grazie
Non era previsto questa
Questa questa questo mio intervento finale ma volevo soltanto
Puntualizzare qualche questione che è stata comunque emersa nel corso
Di questa questo incontro convegnisti co
I poteri del magistrato di sorveglianza
Il magistrato di sorveglianza e l'ultimo arrivato nel panorama della giustizia italiana
Fino al settantacinque non c'era
Nel con la riforma dell'ordinamento giudiziario penitenziario esatti da settantacinque è stato
Introdotta la figura dal il è stato istituito il Tribunale di sorveglianza la magistratura di sorveglianza
Ma fin dalle origini
Quindi da settantacinque la magistratura di sorveglianza ha dovuto scontare
Leali tappate
Nel senso che gli sono stati attribuiti voterei
Chiaramente con armi spuntate tra virgolette armi spuntate
Soltanto a seguito e di questo siamo coscienti è cosciente anche il legislatore ormai
Siamo coscienti nuovi magistrati di sorveglianza ecco c'è anche l'amministrazione penitenziaria
Ecocentro ormai anche il legislatore
Riporto un esempio
Di questo che vi sto dicendo prova di quello che vi sto dicendo
Nella metà degli anni novanta
Fu sollevata questione di legittimità costituzionale articolo trentacinque dell'ordinamento penitenziario
Nella parte in cui non prevedeva la tutela giurisdizionale dei diritti dei detenuti
La Corte costituzionale dichiarò incostituzionale quella norma e il sessantanove
Sempre dell'ordinamento penitenziario stabilendo che i diritti dei detenuti doveva essere giustiziabili davanti alla magistratura di sorveglianza
Però
La Corte di Cassazione né al due mila tre ha detto chiaramente
E nel momento in cui la magistratura di sorveglianza emette un provvedimento con cui impone un file c'era o non facile
Alla
Amministrazione penitenziaria e cosa succede
Non si può azionare il giudizio di ottemperanza
La amministrazione
Giustamente spesso dice non ho le risorse
Economiche per soddisfare quel diritto oppure per esempio le celle sovraffollate sì lo prendo lo sposto altrove ma dove Roma è la mando sono tutte sovraffollate
Quindi scatta il principio ad impossibilia nemo tenetur
Cosa succede dal provvedimento di dal magistrato sorveglianza nulla è una grida manzoniana
è una grida manzoniana
Il la Corte Costituzionale con quella famosa sentenza la numero ventisei del novantanove
Con cui dichiarò incostituzionale l'articolo trentacinque aveva anche invitato il legislatore ad attribuire a riconoscere per legge potere più efficaci tesi a realizzare in concreto i diritti dei detenuti
Ma fino adesso non è stato fatto un
Dedico ancora di più
Ancora una volta
C'è andata bene perché
Nel due mila nove
Magistratura di sorveglianza sollevato questione di legittimità costituzionale l'articolo sessantanove dell'ordinamento penitenziario
La Corte costituzionale questa volta dopo tanti rigetti precedenti accolto la questione dichiarando illegittima la la
Non dichiarando illegittima una norma ma interpretando la normativa in senso costituzionalmente orientato tanto da poter a forma affermare che
Le disposizioni impartite dalla magistratura di sorveglianza sono vincolanti
Per l'amministrazione penitenziaria bene
Qual è il problema
Che abbiamo di fronte
Per esempio sovraffollamento
O per esempio
Scarse scarso personale
Dell'aria pedagogica assistenti sociali psicologi che possano stare in carcere da assistere
Eseguire il trattamento del detenuto che viene tram chiamato trattamento del detenuto
Magistrato di sorveglianza
E qui parlo anche a nome dei colleghi perché sono cose che vi sto dicendo su cui ci siamo confrontati ormai ci stiamo confrontando da diversi anni emanava a disposizione per siamo vicino amento ti al territorio di residenza
Rimane a disposizione
Bisognare
Mancano le risorse
Il personale di un punti si collocò un psichiatra su settecento a Foggia uno psichiatra su settecento
Cosa succede in questi casi
Anche qui siamo ancora al punto di partenza i provvedimenti della magistratura di sorveglianza che sono stati emessi
Non quelli che sono rimasti nel mondo dei sogni ma quelli che sono stati emessi sono rimasti ancora grida manzoniana
Non sempre
Perché in diverse ipotesi bisogna dare atto che l'editore l'amministrazione penitenziaria aveva la possibilità reale effettiva concreta di soddisfa
Eseguire il provvedimento della magistrato di sorveglianza a tutela dei diritti dei detenuti è stato fatto
Perché bisogna anche dare atto quello che diceva il professor Rossi i chiari o scuri
Il gli atti di eroismo e gli atti di grande stupidità ci sono stati anche
Beh gli atti di eroismo in cui
Con poche risorse ma vi garantisco con risorse i chiaramente insufficienti
Si è cercato di assicurare
Un
Una in qualche modo
O una tutela del dei diritti del detenuto e insufficiente sì insufficiente
Però vi torno a dire che il problema e a monte è un peccato originale della
Ordinamento penitenziario nel momento in cui mi istituisce di un organo giurisdizionale totalizzatore che il magistrato sorveglianza
E accanto mi poni l'amministrazione penitenziaria mi deve dire come devono dialogare
Mi devo dire come devono dialogare i provvedimenti devono essere seguiti
Ma mi devi dare anche le possibilità concrete per eseguire quei provvedimenti denigrazione
Grazie nel caso della memoria per qualche minuto abbiamo Nardini organico in cui è quello il dottor Grossi applichiamo perché abbiamo finito porta
Per realizzare la pratica tenevano io ringrazio il dottor Mastropasqua per aver
Fondamentalmente replicato
Per quanto dicevo io nel mio intervento sul ruolo del magistrato di sorveglianza fatto sta
Però che il dottor Mastropasqua e noi siamo arrivati al punto perché non è che è questione di
Carenze
Noi siamo arrivati alcun visto circuito la purché europea dei diritti dell'uomo
Ci hanno detto ha dovuto dirlo la Corte europea dei diritti dell'uomo che nelle nostre carceri sono in corso da anni trattamenti inumani e degradanti stiamo parlando di qualcosa che sopra il titolo tortura
Allora io dico in Italia cioè il principio dell'obbligatorietà dell'azione penale
Perché abbiamo dovuto cioè se il magistrato di sorveglianza a imbottiti anzi il dovere
Di visitare e quei luoghi di detenzione come mai
Abbiamo dovuto aspettare la Corte europea dei diritti dell'uomo
Per
E per
Sentirci dire che entro un anno dobbiamo rimuovere le cause strutturali che generano quei trattamenti in umani e degradanti
Se l'ordinamento penitenziario è in vigore dal mille novecento settantacinque
E sono passati trentotto anni quanti sono né come mai abbiamo dovuto aspettare tutti questi anni per
Evidenziare una cosa kippah orrore
Cioè perché noi non ci possiamo minimamente confrontare per i trattamenti nelle carceri italiane con in altri Paesi europei che sono tutti
Tutti Biava anche i minori pur avendo anche loro carenze
Però noi non ci possiamo confrontare con gli altri tanto è il disastro che è stato girato in questi anni quindi io veramente dico che sia in Italia
Ognuno facesse la sua parte nella fascia esse AN noi non ci troveremmo
Nella situazioni illegalità
Non sono di illegalità ma di un comportamento criminale da parte dello Stato che oggi ci vede
Umiliati in Europa perché abbiamo umiliato la dignità di esseri umani
Grazie anche
Passo la parola voi chiudiamo
Prenderà la parola per i saluti brevemente passo la parola al dottor Grossi
Grazie sono il dottor Grossi responsabile del Centro di salute mentale di Manfredonia
è bello questa occasione per vedere chiusi questi loro luoghi che sono scene io ne ho visitati due quello di Aversa quello di
Pozzo di grotte va Barcellona Pozzo di Gotto per fare dei progetti terapeutici di uscita di nostri utenti che sono lì
Il superamento degli OPG avviene se facciamo un discorso
Globale e vedere quali sono i nuovi attori che si interessano
Della cura di questi pazienti e sono i servizi il Dipartimento di salute mentale in primis il Centro di Salute mentale dove
Diciamo è il luogo di elezione di cura per questi pazienti se funziona bene è un centro di salute mentale
Noi abbiamo meno casi di pazienti affetti da problematiche psichiatriche con risvolti coi di tipo psichiatrico forensi
E quindi gli investimenti vanno fatto in questa direzione nel potenziamento dei Centri di Salute mentale e soprattutto nel potenziamento del personale con figure multiprofessionale in molti
Direzionale e inoltre dobbiamo in questa Provincia sta e in questa Regione superare ancora
In un modello ospedalocentrica o e quello della residenzialità perché c'è molta residenzialità
E favorire invece
Di Budget di Salute sul modello di Trieste per ogni pazienti in uscita
Da dallo PG ci deve essere un Budget di Salute cioè
Noi dobbiamo fare un vero progetto io questo lo dico all'Assessore qui presente che ha anche un doppio incarico secondo me c'è signor Nale per questo momento storico poco fa può dare veramente far prelevare la Puglia se partiamo da questi progetti dei
Budget di Salute nei centri di salute mentale noi possiamo recuperare queste persone e nei servizi noi dobbiamo vedere le associazioni dei familiari
Presenti
Il volontariato in modo attivo partecipare quindi perché per la cura di queste persone non c'è bisogno soltanto del farmaco o dello psicologo ma c'è bisogno di percorsi di guarigione sociale percorsi di integrazione
Nella Rete nei loro contesti di vita nei loro luoghi di appartenenza e quindi
In questa direzione che noi dobbiamo prospettare questo sogno questa sfida quello di veder recuperate le persone sia
Quelle autore di reato
Es di reato e sia quelli affetti da patologia psichiatrica ma soprattutto i centri di salute mentale sono i luoghi
Dove si fa la prevenzione oltre che la cura
E la riabilitazione quindi facendo più prevenzione noi abbiamo meno disagio e più investimenti possono essere fatte per la salute e la salute mentale
Quindi spingiamo in questa direzione avere undici C.S.M. aperti anche ventiquattro ore sul modello di Trieste
Ci sono servizi che sono aperti in nelle zone principali sei ore al giorno e non bastano
Nei piccoli centri addirittura si lo psichiatra va per una volta alla settimana una volta ogni quindici giorni addirittura una volta al mese quindi i casi poiché Vanino PG sono soprattutto le persone provenienti dai piccoli centri dove non ci sono servizi quindi si pone il problema dei servizi
Ci vogliono servizi forti di salute mentale non servizi psichiatrici cioè servizi medicalizzata quelli non funzionano io lo dico perché sono convinto perché sono un ex certo
O fatto un giro un po'in tutta Italia per vedere come funziona la salute mentale e con il Dipartimento di Trieste siamo in collaborazione abbiamo un
Un evento ai primi di luglio organizzata sulla ricoveri cioè sulla guarigione non come soltanto
Guarigione dai farmaci ma come Progetto di vita progetto di di inserimenti nuovi progetti di inserimento
Nel sociale grazie
Grazie dottor Brozzi adesso siamo arrivati alla conclusione del nostro dibattito a cui io spero
Sinceramente mi auguro che ce ne saranno altri questi convegni è stata una splendida occasione di confronto
Tra tutte le parti come ho detto prima la politica agli operatori del diritto la psichiatria tutte le parti coinvolte
è in
O una questione così importante siamo quindi alla ai saluti io vorrei ci tengo a ringraziare
L'ho fatto prima il l'avvocato Giovanni particelle chiedere delle Camere penali di Foggia che ci ha aiutato nell'organizzazione di questo convegno
Insieme all'avvocato Vincenzo vittorie ringrazio nuovamente le camere penali di Foggia per averci dato questa splendida opportuni
Ma di confronto i saluti finali in il ricordo anche che l'onorevole Ivan Scalfarotto
Avrebbe voluto partecipare al nostro convegno però purtroppo
Degli
Impedimenti perché a causa di impedimenti non ha potuto esserci lui è membro della Commissione giustizia della Camera dei deputati e CIM manda i suoi saluti e ci assicura che per quanto di sua competenza
Si impegnerà a seguire personalmente questa questione io ringrazio tutti i partecipanti tutti i nostri redattori e grazie a tutti buon proseguimento di giornata