14MAG2013
intervista

Intervista a Gianclaudio Bressa sul Governo Letta e le riforme costituzionali

INTERVISTA | di Giovanna Reanda Roma - 00:00. Durata: 11 min 46 sec

Player
"Intervista a Gianclaudio Bressa sul Governo Letta e le riforme costituzionali" realizzata da Giovanna Reanda con Gianclaudio Bressa (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata martedì 14 maggio 2013 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Costituzione, Governo, Istituzioni, Legge Elettorale, Letta, Parlamento, Referendum, Riforme.

La registrazione audio ha una durata di 11 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Non c'entravo diversa del Partito Democratico parliamo
Risponderne allora intanto
Secondo quello che si è potuto capire da
Dalle parole che sono state dette ieri dal Presidente del Consiglio letta che tipo di architettura verrà data questa necessaria
Tappa del
Del Governo Prodi
Porta il nome del Governo Enrico Letta
Mi pare che una cosa sia chiara cioè il Governo
Si sarà delle da una Commissione di esperti sulla falsariga di quello
Che Sarkozy fece con il Comitato Balladur il compito di questa
Questo gruppo di studiosi sarà quello di fornire delle ipotesi di lavoro che poi il Governo affiderà alla discussione delle due Commissioni affari costituzionali
Che dovrebbero costituire
La
Convenzione
Questa mi pare una scelta
Corretta perché il problema enti introdurre elementi esterni con il potere
Di votare la riforma costituzionale quindi senza nessuna legittimazione politica diretta era un'operazione abbastanza spericolato
Avere ricondotto tutto nell'ambito diciamo così del penali parlamentare insieme è stata una scelta saggia si tratta di capire adesso quali sono di poteri questa convenzione avrà
Cosa che dovrà essere fatta con la legge costituzionale
La prima questione che io pongo che freddo
Sia decisiva
Eccher siccome vengono investite le due Commissioni di Camera e Senato
Io credo che la logica vorrebbe che queste due Commissioni riferissero al Parlamento in seduta comune
Cioè
Ad un'Assemblea che viene
Convocata appositamente
Per votare la riforma
Ovviamente questo abbisogna
Di una scelta
Da farsi con legge costituzionale ha bisogno di una copertura
Quindi anche
Il tempo per fare una legge costituzionale che definisce
Le procedure di riforma di questa convenzione
Io credo che noi non dobbiamo discostarci
Dalla strada maestra del centotrentotto e quindi si debba prevedere una doppia lettura ci debba essere una maggioranza qualificata e stante
Diciamo così la delicatezza e
Uso questo termine tra virgolette la solennità dell'ipotesi di un
Lavoro che viene approvato dal Parlamento in seduta comune penso che
Andare comunque
A un referendum confermativo possa essere una soluzione
Che garantisce il massimo della legittimazione politica una certa così importante
Infatti
Parlato anche con una sala
Referendum consultivo poi
Antimina squadra quali no sono
Cioè sul web neanche dopo morto cioè
Stanno
No
Stiamo parlando di riforma costituzionale non stiamo parlando di blocco
Quindi
Nei siamo l'Islanda che è un Paese di trecento mila persone
Che ha fatto la riforma la sua costituzione sul web
Ma è un quartiere di Roma l'Islanda quindi eviterei di fare cassa
Invece il discorso è un altro
Io non sono d'accordo su
Un referendum prima
Nel senso che non serve un indirizzo perché
Questo
Sarà il compito
E che avranno
Gli esperti che considerando il Governo e poi sono vent'anni che stiamo discutendo di queste questioni ma che ci si è invece un referendum in cui si chiama il popolo italiano
A votare direttamente per approvare la riforma costituzionale agli standard previsti
Se non si e presso la Costituzione ma
Siccome lo devi fare con legge costituzionale lo introduci appositamente per
Per questa particolare procedura
Perché dalla Costituzione prevede referendum il caso più non abbiano
Finché il voto in seconda lettura dei due terzi
Senta
Però ricevuta attestante il dibattito sulla legge elettorale è stato molto articolato nella precedente legislatura
Insomma
Possiamo andare con la memoria porta indietro cambiamenti in questo senso
Almeno nei dibattiti ce ne sono stati riversa il Partito Democratico aveva fatto una scelta
In Assemblea almeno così lo ricordiamo noi
Ovviamente
Una legge elettorale
Prevede un assetto istituzionale come
Idea di architettura generale secondo il suo parere dato quindi da che cosa si partirà e per arrivare dove
Le questioni sono due che sono diverse una dall'altra
La prima che è quella che ha richiamato anche il prossimo impellente
è che noi abbiamo una duplice pressione istituzionale molto forte
Da parte del Presidente della Corte Costituzionale che ha richiamato
Anche
Delle orale sulla legge elettorale ha richiamato delle
Prese di posizione molto mette sostenendo che la legge perché il porcellum
A dei vizi di costituzionalità
Principale dei quali è l'attribuzione del premio di maggioranza senza che ci sia una sola
E quindi questo è un problema e quindi
Se capisco bene quello di correggere l'attuale legge elettorale per evitare che si torni a votare
Con il porcellum così come
Che significa
Acquisito con legge ordinaria e regionali la legge elettorale a leggere
Questo significa quindi
A mio modo di vedere tre cose uniformare
Il premio di maggioranza alla Camera e al Senato cosicché si può fare
Sono state presentate anche nella passata legislatura più di un'ipotesi per arrivare a queste
Introdurre una soglia
Stabilire
Da chi punto scatta il premio di maggioranza
Perché soglie attrattivo che scatta il premio di maggioranza e terza una diversa
Modalità
Di scelta dei candidati che significa sostanzialmente due cose
Ho fare dei collegi
Uninominali può introdurre le preferenze
Tanto nell'una quanto nell'altra
Situazione
Il lavoro è un lavoro che può essere fatto il giro
I sessanta giorni
Una questione molto più colpite
E questo vorrebbe dire mettere al sicuro
Porci al riparo da tutte
Le distorsioni
Del porcellum così l'altra cosa è che se tu vai a modificare il bicameralismo è un'unica camera politica
E che dalla fiducia
Si tu vai a modificare la forma di governo si è che tu vada nel senso del governo del premier
Sia che si vada verso
Sistema semi per viale a quel punto la legge elettorale e del benessere conseguenza di queste modifiche costituzionali ti quindi è un discorso che si può essere fatto solo
Dopo
Abbiamo ottenuto un risultato disturbatore
Cinque sedute quindi
Se
Capite bene lei intende dire che prima si si potrebbe se dovrebbe fare una sorta non è stata chiamata
La clausola di salvaguardia cioè
Diciamo a rimettere le mani
Con legge ordinaria sulla legge elettorale attuale
Conti supporti Ciarlo e poi comunque in base poi è l'architettura istituzionale che questi prestiti durerà
Giorgio solo noleggio letture molto buono
Cioè dopo
L'azione sul porcellum serve solo per evitare
Le Follie che il porcellum
Prodotti
Sono sotto gli occhi
Ma balisticamente
Nella situazione in cui ci troviamo
Attualmente si può pensare che questo sia però un modo anche per
Al dilatare i tempi c'è chi ha detto che questo è un modo per fare melina
No no cioè del tutto sta parliamoci chiaro questo Governo della durata di vita di questo Governo è determinato dalla capacità che hanno i prossimi sessanta giorni
Di affrontare i temi della crisi economica e sociale questa è l'emergenza
Immediata
Che ha bisogno di risposte certe nette e chiare
Detto questo io sono perché si sta parlando di un processo di riforma costituzionale importante non ci sia nessuna forma
Di orgasmo
Ti prendi
Dobbiamo mettere
In pista un percorso che funzioni a quel punto ancora una volta scatta l'asserita la responsabilità delle forze politiche presenti in Parlamento che si misureranno su questo
E misureranno su questo tema la loro responsabilità
Politica
Io credo che al punto in cui siamo arrivati
Nessuno possa più permettersi il lusso di fare giochi
E quindi non vedo questo percorso con un percorso dilatorio
Ma me lo auguro con un percorso
Di serietà e di responsabilità istituzionale
D'altro canto questo Governo nasce dopo
Non sferzante ammonimento
Fatto a Camere riunite dal Presidente Napolitano
Se non ce lo siamo già dimenticati credo che questa sia la bussola
Esiste però la possibilità
Che è fatta una riforma
Riformare la legge elettorale
A qualcuno venga in mente
Per far cadere il Governo
Di andare immediatamente alle urne perché politicamente centodieci e da una parte
A Berlusconi potrebbe pandemia
Senza partito
Se ne potrebbe approfittare Renzi ma
Diciamo che questo pertiene più all'astrologia che alla politica io non faccio i costruttori io dico che la scommessa che il Parlamento ha fatto è una scommessa
Dice vieta istituzionale rispetto al regime di disperazione in cui il Paese è accaduto
Questa unità di misura che ci so bene io credo che
La scommessa di vette sia una scommessa importante
Non per il PD non per il PdL non per l'ultima per il Paese
E che quindi
L'interesse del Paese questa scommessa ben capito
Quando questa scommessa sarà vinta alle forze politiche torneranno ad essere
Se stesse si misurerà
Se il lavoro sia stato un lavoro serio si misureranno con un quadro costituzionale diverso un
Sistema parlamentare monocamerale una Camera di rappresentanza territoriale una forma
Di governo
Più forte di quella che c'è adesso con un Parlamento che abbia la possibilità
Di controllare davvero
Questo Esecutivo più forte
E con un al setto
Diciamo così
Dello Stato che esca dalla confusione in cui la riforma del Titolo quinto e le mancate riforme successo
Hanno ridotto il Paese
è un discorso
Che merita tutta l'attenzione nel senso di responsabilità politiche da parte di tutti chi si vuole sottrarre questo tipo di confronto di responsabilità
Credo che poi
Verrà seriamente giustamente punito dal voto