16MAG2013
dibattiti

La responsabilità disciplinare. Quale Giudice, quale Giustizia

CONVEGNO | Roma - 16:24. Durata: 3 ore 45 min

Player
Convegno "La responsabilità disciplinare. Quale Giudice, quale Giustizia", registrato a Roma giovedì 16 maggio 2013 alle ore 16:24.

L'evento è stato organizzato da Associazione Nazionale Magistrati.

Sono intervenuti: Rodolfo Sabelli (presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati), Roberto Carrelli Palombi (magistrato), Antonio Patrono (magistrato), Maurizio Carbone (segretario generale dell'Associazione Nazionale Magistrati), Paolo Maria Chersevani (presidente dell'AIAC), Bernardo Petralia (magistrato), Giovanni Salvi (magistrato), Armando Spataro (magistrato), Claudio Castelli
(magistrato), Mario Fresa (magistrato), Giovanna Leboroni (magistrato).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Anm, Avvocatura, Civile, Csm, Giustizia, Magistratura, Ordini Professionali, Penale, Procedura, Riforme.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 3 ore e 45 minuti.

leggi tutto

riduci

16:24

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

E allora buonasera a tutti
Buonasera a tutti e vedo
Che c'è una
Eccellente partecipazione
è il segnale che il il tema e di grande di grande interesse viene incontro ad una
Diffusa sensibilità
Ringrazio tutti gli intervenuti il Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di atti d'appello di Roma ai i componenti del Consiglio Superiore della magistratura il Segretario generale
I rappresentanti della procura generale presso la Corte di Cassazione e i magistrati del ministero e che
Mi fa particolarmente piacere la presenza di coloro che sono
Specificamente coinvolti
Nell'esercizio
Della della giustizia disciplinare e vedo con piacere anche la presenza di rappresentanti nelle mani della magistratura onoraria dell'avvocatura
Il fra gli altri
Il
Presidente dell'Unione nazionale delle Camere civili e anche questa presenza di
Personalità esterne alla magistratura dimostra come il tema della giustizia disciplinare evidentemente abbia delle ricadute che non sono
Soltanto sulla sulla magistratura ma investano così come poi in fondo il titolo di questo convegno
Il modo di essere del giudice e il modo di essere della giurisdizione noi abbiamo voluto organizzare questo incontro in due parti
Nella prima parte abbiamo
Invitato alcuni magistrati che sono stati già componenti del Consiglio Superiore della Magistratura e hanno avuto concreta esperienza nel settore della giustizia
Disciplinare questo per comprendere
Da loro come siano veramente le cose su alcuni
Temi della giustizia disciplinare che vedono una
Notevole sensibilità e anche
Preoccupazione da parte dei colleghi
La seconda parte dell'incontro invece dedicata agli interventi programmati e a questo scopo ne abbiamo
Invitato a prendere la parola con la parola tutti coloro che
Lo desideravano proprio per esprimere i loro punti di vista le preoccupazioni le sensibilità
Diffuse fra di noi
Che il tema della giustizia disciplinare un tema che come chiaro attraversa un po'tutti gli aspetti della nostra professione il tema della deontologia
Ma anche il tema dell'organizzazione degli uffici
Il tema del modo di manifestarsi del magistrato al di fuori
Dell'esercizio delle funzioni giudiziarie questi sono temi sui quali
Si è concentrata la discussione al nostro interno e non solo è come osservavo sono temi sui quali sono i si sono manifestate preoccupazioni e perplessità
Senza voler esaurire evidentemente i temi
Faccio
Ne cito alcuni
In particolare la questione dei ritardi
Che peraltro coinvolge un tema più ampio che è quello dell'organizzazione del nostro lavoro il tema della responsabilità dei nostri dirigenti
Poi c'è il tema delle dichiarazioni pubbliche del magistrato e che investe altri altri temi quello dell'informazione circa alla nostra attività il tema della tutela del magistrato
Vi è poi
Una diffusa richiesta che viene rivolta dei magistrati a
Agli organi della giustizia disciplinare
Di attenzione verso aspetti che investono direttamente specificamente
Le questioni dell'etica e della deontologia come ad esempio
Le condotte di interferenza
Vi è poi un tema più tecnico se vogliamo ma anche esso molto avvertito che quello del rapporto fra il giudizio disciplinare e valutazione di professionalità
Evidentemente non si tratta di assumere delle difese di casta ma il punto è che proprio per evitare il rischio di cadere in fasci di atteggiamenti demagogici o corporativi
E necessaria un'informazione seria una riflessione informata e proprio questo scopo risponde questo
Questo incontro che peraltro uno soltanto un momento di un percorso più complesso che vedrà come al momento prossimo la riunione del del Comitato direttivo centrale dell'Associazione magistrati in cui si discuterà fra l'altro anche
Di giustizia disciplinare il nostro obiettivo è quello di realizzare una giustizia disciplinare che sostenga una giurisdizione efficiente e indipendente
E rinforzi nei magistrati la fiducia in questo particolare settore dell'autogoverno io a questo punto mi fermo per non togliere tempo ai agli relatori grazie
Allora
Roberto Carrelli Palombi
Sì accetto la Ford invito ringrazio la Giunta per questa occasione che veramente interessante perché si pone a distanza di un certo periodo di tempo di
Cinque anni dall'entrata in vigore del decreto legislativo centonove del due mila sei che ha creato questo nuovo sistema normativo di regolamentazione degli illeciti disciplinari
E gli ho mandato una relazione all'Associazione nazionale magistrati alla quale che a disposizione di tutti e questo mi esime dal dallo svolgere una dettagliata ricostruzione del tema che mi è stato assegnato e mi propongo invece soltanto di lanciare delle provocazioni per un tema che pezzo sia particolarmente significativo
Non però dimenticando di fare un una premessa importante mi ricordo di aver letto recentemente sulle mailing list quasi
Come critica alla l'attuale sistema che si diceva la la Procura generale
E tutto sostanzialmente controlla la deontologia dei magistrati si additava questo come come critica si additava questo come
Aspetto negativo dell'attuale sistema quasi come sintomo di una gerarchizzazioni Riina vertici d'azione della magistratura
è proprio l'opposto questo cioè e interesse pubblico che ci sia un controllo da parte della procura generale nel caso di specie della
Deontologia dei magistrati e questo è lo scopo del sistema disciplinare nel suo complesso perché
La giustizia disciplinare corrispondente a quei valori fondamentali in uno Stato democratico cioè di assicurare una forma di controllo pubblico
Sul modo di esercitare le funzioni e non solo le funzioni sul modo di essere il magistrato anche al di fuori delle funzioni
E questo quindi non può essere inteso come interessa esclusivamente corporativo della casta della categoria della magistratura del sindacato ma è un interesse della collettività
Cioè la collettività deve avvenire un sistema che assicuri questo controllo di carattere pubblico
E partendo da questo sistema
Questo controlli garante pubblica aveva delle caratteristiche un po'particolari cioè era un sistema veramente sui generis potremmo definirlo prima dell'entrata in vigore del decreto
Cento il nove è un sistema quasi assimilabile a un sistema di common law dove la giurisprudenza era chiamata a descrivere fattispecie incriminatrici passatemi il termine fattispecie costituenti illecito disciplinare
Perché nel tenore nella vigenza dell'articolo diciotto del regio decreto il quarantuno
E e era la fattispecie la descritta in modo assolutamente vago e generico Eda la procura generale con le sue contestazioni o il Ministro della Giustizia e la sezione disciplinare e anche prima di tutto e ancora di più prima di tutti
Le sezioni unite civili della Corte di Cassazione
A delineare quelle che erano le fattispecie di illecito disciplinare per questo dicevo un sistema normativo nel quale la che l'azione delle fattispecie previste come illecito disciplinare descritta soltanto in via generale astratta del legislatore ma è la giurisprudenza
Hai individuale e singole condotte e proprio a quelle condotte individuate dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione come costituenti illecito disciplinare perché a tentavano al Preside della magistratura si è rifatto il legislatore del due mila sei
E individuando quel catalogo di
Illeciti disciplinari fissati nell'articolo
Nell'articolo uno del decreto legislativo cento e nove dell'articolo due mila e sei
E questo fra questi questo sistema quindi caratterizzato
Il nuovo sistema
Da un lato dalla obbligatorietà dell'azione disciplinare e questo
è il secondo aspetto in importante significativo sul quale occorre
Soffermarsi un attimo
Perché l'obbligatorietà dell'azione disciplinare è assicurata dal principio che il Procuratore generale è tenuto a esercitare l'azione disciplinare
Ricordiamo che e abbiamo due soggetti titolari dell'azione disciplinare il Procuratore generale da un lato che è soggetta agli obblighi della giurisdizione quindi
Ha degli obblighi di la lealtà processuale di rispetto delle norme e di non a un non hanno discrezionalità nell'esercizio dell'azione disciplinare e il Ministro della Giustizia
Rispetto al quale l'azione disciplinare ha un carattere ha un carattere facoltativo
Ora questa differenziazione questa duplicità di titolarità dell'azione incide anche sul concetto dipendenza
Della con del procedimento disciplinare e questo è un aspetto particolarmente rilevanti che per chi
Ha avuto l'onore di svolge le funzioni di componente del Consiglio Superiore della Magistratura ha potuto constatarne l'incidenza concreta e questa è proprio il il tema che la Giunta riassegnato cioè la pendenza del procedimento disciplinare e determina una serie di conseguenza che brevemente andiamo a verificare
Ma la pendenza del procedimento disciplinare
Che procedimento disciplinare che
Parametrato per l'ha portato al giudizio penale si applicano in quanto compatibili le norme del Codice di procedura del Codice di procedura penale
E avanzata eh preme e pregressa rispetto a quello che avviene nel processo penale cioè mentre il processo penale il l'azione penale
Si considera intrapresa il procedimento penale è pendente a carico di una persona quando un fatto previsto dalla legge come reato è attribuito a una persona con la richiesta di rinvio a giudizio il decreto penale a richieste tra il decreto penale con tutti i modi
Previsti al codice di rito per l'esercizio azione penale
Per i codici penali e dire per il giudizio disciplinare diverso cioè l'azione disciplinare si considera pendente nel momento in cui il ministro
Attenzione esercita l'azione disciplinare chiedendo al Procuratore generale di avviare l'indagine quindi la fase delle indagini preliminari precede il giù e precede
Diciamo determina l'inizio dei vermi alla pendenza dell'azione di citare e qui faccio subito no un flesso in relazione alle incidenze del nulla pendenza del giudizio disciplinare sulle pratiche di competenza del Consiglio Superiore della Magistratura in particolare
Per esempio mi viene loro lordo uscito nella relazione e saluto con
Favore la modifica intervenuta da parte della nuova e del Consiglio attualmente in carica rispetto alla disposizione previgente che era quella che avevamo scritto noi e ci sono
Altri autorevoli componenti che hanno fatto parte quella consiliatura cioè il procedimento disciplinare pendente quando dicevo il Procuratore generale inizia alle indagini
Non dico che sappiamo benissimo il predisciplinare non fa parte del giudizio è una fase precedente per la quale è previsto solo un potere dicessi reazione
Di in relazione al quale non c'è nessun controllo di carattere giurisdizionale quindi procedimento disciplinare pendente
E per esempio in materia di autorizzazione allo svolgimento degli incarichi giudiziari
è previsto che non si possano autorizzare incarichi giudice extra giudiziari al magistrato che ha in corso un procedimento che appende ente un procedimento disciplinare questa era la disposizione della vecchia circolare
Che determinava
Facciamo il paragone con il processo penale
Di fronte al quale spesso tanti magistrati si sono trovati esposti perché la denuncia nei confronti del magistrato è diventata purtroppo un'abitudine ricorrente la denuncia
Penale nei comprerà denunciare un fatto costituente astrattamente reato nei confronti del magistrato
Determina ISEE con le procedure l'articolo undici l'inizio di un procedimento penale a carico del magistrato l'inizio di un procedimento penale che è destinato a seguire il suo corso nella fase delle indagini preliminari aria è destinato a concludersi
Auspicabilmente se non sussistono i presupposti di fondamento e la notitia criminis con una richiesta di archiviazione in quel caso
La pendenza del procedimento penale a carico del cittadino e nel caso di specie a carico del cittadino magistrato non ha nessun rilievo sulla vita del cittadino come sulla vita del magistrato e sulla vita del cittadino
Perché dovrebbe il tutto svolgersi nelle stanze diciamo segrete in quel momento e la Procura è la Repubblica con controllo giurisdizionale da parte del diritto sedici menare no del disciplinare era previsto che
La sola pendenza dell'azione disciplinare che avviene come prima cercavo di dire
Determinare le conseguenze negative la prima conseguenza negativa e quegli a cui accennava è quella della
Impossibilità salvo eccezione alla quale farò riferimento salvo eccezione di ottenere l'autorizzazione all'incarico allo svolgimento di un'attività extragiudiziaria
Ora
La preparando così questo intervento ha avuto modo di leggere la l'attuale testo vigente la della relazione sugli incarichi extragiudiziari
Redatta dalla modificata diciamo il testo originario era stato scritto è una consiliatura due mila sei due mila dieci adesso è stata recentemente modificato un anno due anni fa
E ho visto che molto opportunamente questo aspetto avevamo avuto modo di sollecitarlo anche qualche altra occasione pubblica molto opportunamente questa conseguenza di carattere negativo
Giustificate peraltro è ammessa una deroga quindi insomma è giustificata perché è bene che il Consiglio Superiore prima di autorizzare lo svolgimento di altre attività specie mettiamo
La il caso dei ritardi verifichi per quale motivo il magistrato a questa azione disciplinare pendente quindi se la stessa può influire scopo consente lo svolgimento di attività ulteriori rispetto alle funzioni
Nel caso di specie ho potuto compiacere con soddisfazione è constatare che la previsione è stata modificata nel senso che attualmente Lare la preclusione allo svolgimento di attività extra giudiziari
E limitata al momento è connessa al momento in cui avviene la richiesta di fissazione dell'udienza da parte del Procuratore generale cioè quindi a un momento che coincide
Dottor Pintor Nando alla alla al paragone al parallelo col processo penale con la richiesta di rinvio a giudizio quindi con la fissazione dell'udienza col momento di controllo giurisdizionale sulla fondatezza dell'esercizio l'azione penale
E in questo caso si è si è spostata sia questo parallelismo anche nel proprio nel giudizio disciplinare pensandolo
In quel momento in modo tale che non il magistrato non avvenisse dei pregiudizi in una fase antecedente in ordine alla quale la fondatezza e la notitia criminis e ancora ancora sub iudice e ancora sottoposta
Alla svolgimento delle indagini e ancora sottoposta alla valutazione di sua fondatezza da parte di giudice disciplinate un altro aspetto estremamente significativo sul quale
Mi sembra importante riflettere in questo momento eh
La introduzione di un principio di obbligatorietà dell'azione disciplinare ho fatto riferimento ma ho un'obbligatorietà sostanzialmente attenuata ottemperata
Da quello che è il criterio della condotta penalmente condotta disciplinare irrilevante
Questa è la norma che è stata introdotta l'articolo tre bis del decreto legislativo centonove del novanta che ha introdotto un principio fondamentale
Nell'ordinamento giuridico dello Stato purtroppo non ancora inserito in tanti settori in cui meriterebbe di essere introdotto e cioè il principio di offensività
E proprio un principio proprio della diritto penale che però si addice perfettamente alla giustizia disciplinare e si addice perfettamente alla luce della considerazione che il bene giuridico protetto da tutte le norme
Di di critiche prevedono le condotte disciplinarmente rilevanti e la compromissione dell'immagine del magistrato così è stato fissato in un costante indirizzo giurisprudenziale delle Sezioni unite e questa
Interpretazione viene comunemente recepita dalle dall'ESA e dalla sezione disciplinare solo che mi sembra opportuno segnalare a questo riguardo un attimo interpretazione a mio avviso
Restrittiva di questa di questa che oserei chiamare valvola di sfogo del sistema di questo temperamento del principio dell'obbligatorietà dell'azione disciplinare nel senso che la stessa
Per come è formulata la norma non dovrebbe essere limitata esclusivamente all'evento compromissione dell'immagine del magistrato lesione del prestigio e la magistratura queste sono le stesse parole a cui faceva riferimento l'articolo diciotto
Previgente ma dovrebbe includere a mio avviso anche
Anche la condotta tenendo conto della tenuità dell'occasionalità del comportamento
E invece o ho l'impressione che questi aspetti che secondo me rientra nel concetto di rilevanza il fatto perché il legislatore parla di rilevanza del fatto
Mi sembra che vengano un po'non adeguatamente o come meriterebbe di prendere in considerazione da parte della giurisprudenza di primo grado e delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione
E dico questo perché forse occorrerebbe un ripensamento anche ed è una rimeditazione del tema dell'elemento psicologico dell'illecito amministrativo perché l'illecito disciplinare un illecito di carattere amministrativo
La peculiarità del procedimento disciplinare
A cui facevo riferimento all'inizio perché ci coinvolge interessi pubblici perché le funzioni la magistratura sono sempre più
Importanti nella nella nell'equilibrio lo Stato democratico e però rimane detto questo la procedura illecito è sempre di carattere amministrativo e legislatori non si è curato in alcun modo
Di definire il coefficiente psicologico che deve accompagnare la responsabilità del magistrato
Questo comporta che in termini pratici nelle sentenze che ho fatto parte assetto riciclare solo come supplente non per lavarmi le mani ma ho fatto
Un numero limitatissimo di sentenza Mistorni approccio alla materia più come critico e come osservatore e in cui nel momento in questa fase della mia vita professionale
Come consigliere di cassazione qualche volta come difensore davanti alla sezione disciplinare e quindi insomma per questo giustifico parlo di critica a una giurisprudenza che si sta sviluppando e che con tutto quello che se voi nelle nelle sentenze della sezione disciplinare leader riferimento all'elemento soggettivo che e che
Per noi penalisti perché per è un elemento fondamentale nella configurazione la figura di illecito
è è totalmente inesistenti o le uniche frasi che ho trovato in qualche sentenza disciplinare e tempi l'illecito è configurabile perché punibile sia a titolo di dolo versetti a titolo di colpa ma mi sembra un po'pochino
Perché proprio perché il legislatore non ha ritenuto di definire il coefficiente psicologico all'illecito disciplinare forse forse il giudice qualche cosa più la deve dire
Tenendo conto anche che in alcune descrizioni le fattispecie di illecito disciplinare si fa riferimento proprio a delle condotte che fanno pensare al dopo alla colpa grave quando si dice
Condotta diretta consapevolezza e la condotta Michele per esempio la violazione del divieto di il di non aver quando magistrato non si astiene pur essendo tenuto ad astenersi quello un comportamento chiaramente doloso
E in questo
Io no io penso che si potrebbe si si dovrebbe da un punto di vista interpretativo valutare più attentamente le condizioni
Le condizioni soggettive che portano alla integrazione all'ante immigrazione l'illecito disciplinare e in particolare
Quello che mi preoccupa particolarmente e che rilevo principalmente leggendo le sentenze delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla tematica ritardi
L'illecito della lettera q è una sostanziale oggettivizza azione dell'illecito con una
Totale sottovalutazione in alcuni casi completa eliminazione del componente la componente psicologica
Questo è ravvisabile proprio in quelle costanti affermazioni delle Sezioni Unite che infine l'integrazione l'illecito ritengono che non rilevano le condizioni di lavoro che non rileva gravosità del carico che non rileva la produttività del magistrato incolpato
Andando ancora più veloce velocemente cercherò di sul tema relativo all'incidenza del giudizio disciplinare sulla
Carriera e sulla vita professionale del magistrato il primo riferimento oltre a quello che ho fatto in materia
Di conferimento di incarichi e di autorizzazione gli incarichi extragiudiziari e quello relativo alla materia della conferimento degli incarichi direttivi e semidirettivi cioè di cui si occupa
La armate la la quinta Commissione e la materia e espressamente trattata il cosiddetto testo unico sulla dirigenza degli uffici giudiziari
E al punto avente ad oggetto le fonti di conoscenza si dice che il Consiglio Superiore dei beni debba tener conto delle decisioni adottate dalla sezione disciplinare e non solo di quelle di condanna
Questo io penso che sia un aspetto estremamente importante che però deve essere eletto nella giusta collocazione in cui
Chi ha scritto quelle circolari alcuni nomi del hanno contribuito a quel lavoro compilativa OPA che è stato quasi integralmente confermato dal nuovo consiglio che mi sembra il senso che mi sembra e quella circolare non ha avuto sostanziali
Importanti essenziali modifiche
Questo aspetto relativo al tener conto delle sentenze ed esatti della Sezione disciplinare di assoluzione di condanna intendiamoci tutte le sentenze riguarda l'aspetto nella comparazione perché l'
La la sentenza disciplinare o meglio il fatto accertato nell'ambito del giudizio disciplinare
Non rileva in quanto tale nell'aspirazione legittima del magistrato al conferimento di un incarico direttivo
Ma rileva in quanto elemento valutabile infine la comparazione con l'altro candidato magistrato sanzionato disciplinarmente può essere recessivo non solo sulla base di quell'elemento ma anche sulla base di altri elementi ma di quell'elemento si deve tener conto
Rispetto a un altro magistrato che tale sanzione non ha riportato tra cui non posso non fare a meno di
Di segnalare di evidenziare e dirò i soldi chi è la paternità di questa sollecitazione culturale che mi ha molto stuzzicato
Una un assurdo nel sistema disciplinare dei magistrati ai limiti della
Legittimità costituzionale anche se la Corte intervenuta sul punto
Ma voi pensate che sia possibile e giusto che il magistrato e che il magistrato sanzionato disciplinarmente possiamo verificare di che tipo di sanzione abbia riportate per quale fattispecie
Debba riportarsi questa pena e questa condanna per tutta la sua vita c'è debba avere quella macchia anche dopo venti trenta anni alla fine della sua carriera
Se debba essere debba rimanere questa sanzione
è mai possibile e che non possa sussistere anche per i magistrati ordinari l'istituto della riabilitazione previsto per tutti i dipendenti pubblici
Mi risulta che la norma la norma adesso non mi ricordo sì dal testo unico degli impiegati pubblici lo Stato prevede che dopo due o dopo cinque anni a seconda della gravità della sanzione
Della stazione l'illecito disciplinare si estingue e non ha non rileva più ad alcun effetto della carriera il pubblico dipendente io ricordo casi nella comparazione di magistrati go
Che aspiravano il conferimento di importanti incarichi direttivi
In cui si faceva riferimento e lei medaglioni quei medaglioni che sono dei dati in maniera quanto più fedele e che devono riportare in vita morte e miracoli tutta la carriera del magistrato
Si riportava una condanna irrogata nel mille novecentosessantotto dove veniva ravvisata la possibilità di configurare invece riusciva per fatti che oggi farebbero ridere rispetta i quattrini
E veramente ricordo che però quel fatto rilevava e rilevava infine il conferimento e allora perché
Non invitare i legislatori e de iure condendo in questo momento ha
Introdurre questi seduto l'idea di Piercamillo Davigo che è un sostenitore di questa di questa di questa idea con la Luigi siamo confrontati più volte ci tengo ad attribuire a luglio la paternità di questa cosa io all'o il diritto d'autore di questa idea
Ma penso che sia un argomento veramente importante e ho provato a rileggere la sentenza della Corte costituzionale l'avevo
L'avevo appuntata e adesso vi faccio perdere tempo non non però la Corte costituzionale sollevata dalla Sezione disciplinare la questione
Di legittimità costituzionale della norma adesso l'articolo diciotto a norma corrispondente del
Sistema previgente nella parte in cui non era previsto
Il l'istituto della riabilitazione
E la Corte dice delle delle affermazioni anche abbastanza interessanti ai fini di un'eventuale riproposizione della questione oggi
Perché fa riferimento a un principio di non tipizzazione degli illeciti disciplinari è una diversa regolamentazione della dell'impiego di un controllo pubblico sulla deontologia del magistrato in sostanza forse oggi
In un sistema in cui l'azione disciplinare obbligatorio e in un sistema in cui le fattispecie sono tipizzate
Può essere che una regolamenta una riproposizione della questione e una regolamentazione dell'istituto della della riabilitazione per alcune fattispecie nemmeno non posso che riferirmi alla più ricorrente nelle
Nella nostra Aula del Consiglio Superiore della Magistratura è quella sui ritardi si presterebbe perfettamente all'intervento del legislatore e forse anche a una pronuncia
In tal senso della della Corte costituzionale
Ma questo spot compete alla al Consiglio Superiore della Magistratura Sezione disciplinare il Consiglio Superiore del Magistratura dove e e questo è l'aspetto e mi avvio così verso il termine di questo l'intervento
L'aspetto più caldo più significativo dove
Più penetrante e l'incidenza del giudizio disciplinare sulla
Carriera del magistrato riguarda le pratiche di competenza della Quarta Commissione
E e in particolare la progressione in carriera sulla normativa secondaria stabilisce che nell'ambito delle valutazioni di professionalità debba tener conto tenersi conto
Delle informazioni esistenti presso la Segreteria della Sezione disciplinare ora in caso di pendenza dell'azione disciplinare non a caso ho fatto prima quel riferimento alla pendenza del giudizio disciplinare la prassi che si adottava e che penso tuttora venga adottata
Prevede che la pratica venga sospesa in attesa della definizione del giudizio disciplinare quanto meno con sentenza di primo grado affinché il fatto
Oggetto della addebito disciplinare possa essere accertato nella sua completezza del giudizio disciplinare e quindi valutato anche in sede amministrativa o intendiamoci questo aspetto
Della incidenza dei procedimenti amministrativi
Sulla carriera del Macbeth dei procedimenti disciplinari e delle sentenze e delle sulla carriera del magistrato è un aspetto che e strettamente connesso a un profilo di grandissima delicatezza di carattere ordinamentale se non addirittura costituzionale cioè attiene alla verificati
Anche in questa sede secondo me è opportuno fare pronunciarsi su questo aspetto
Della compatibilità tuttora in questo diverso che sembra tra le funzioni amministrative e le funzioni giurisdizionali in capo agli stessi componenti del Consiglio Superiore della Magistratura quando questi incidenze era ridotta era minore
Il problema si poneva
Non si poneva sostanzialmente il giudice disciplinare che veniva chiamato in un momento successivo esprimere una valutazione di professionalità poche volte poteva avere
Conflitti avere problemi
Oggi il problema si può porre si può porre anche interviene perse perché può capitare e comunque un anticipo di decisione nell'ambito di una procedura amministrativa prima che il giudice componente del Collegio
Venga investito della questione di carattere
Disciplinare giurisdizionale quindi
Possa esserci qualche qualche suo problema o qualche altro ancora anche qualche problema di chi deve essere giudicato per l'avvenire già
Espresso una valutazione sia pure in sede amministrativa sulla
Fondatezza della dell'addebito disciplinare ma questo è un bene è un problema più grande più complesso che volevo soltanto accennare a titolo di flash e tornare immediatamente alla problematica relativa alle valutazioni di professionalità
Quindi diciamo quindi il solo inizia l'azione disciplinare e determina delle conseguenze adesso
Passando al
Tema caldissimo così molto sentito i magistrati il rapporto fra sentenza disciplinare e valutazione di professionalità del magistrato che ha riportato
Una condanna per illecito nel caso di specie quelle in materia di ritardi la lettera q dell'articolo due comma due del decreto legislativo centonove del no del due mila e sei
E oggettivo è nei fatti che
Da un punto di vista astratto la definizione del il rigore che nel sistema amministrativo valutazioni di professionalità e previsto nella valutazione del ritardo
E maggiore rispetto a quello del disciplinare cioè questo è
NI fatto mentre il ritardo per essere rilevante da un punto di vista disciplinare deve essere superiore al triplo dei termini previsti dalla legge
In materia di valutazione di professionalità si deve tener conto del rispetto dei termini previsti dalla legge per il deposito dei provvedimenti giudiziari
Quindi bassa diverse un semplice ritardo per poteva essere oggetto di valutazione in sede amministrativa
Ma
Se in ritardo quindi la circolare prevede appunto la circolare sulle valutazioni di professionalità e questa è stata la circolare che fu scritta Annella proprio nella imminenza linee nell'immediata
Sul periodo successivo all'entrata in vigore del decreto legislativo centosessanta del due mila sei sulla carriera del magistrato e quella circolare in virtù della quale tutti i magistrati prima sono stati sottoposti a una valutazione normativa pian piano entrate a sistema
E quindi tutti i magistrati vengono sottoposti attualmente ad una valutazione di professionalità ogni quattro anni almeno fino I ventotto anni
Che periodi periodo ignorate rilievo dove si colloca la lottava la valuta settima ottava settima valutazione di professionalità
E la legge prevede
Che le valutazioni di professionalità vengono fatte sulla base dei parametri e nell'ambito del parametro del della relativo alla laboriosità
Prevede che si debba tener conto della generale osservanza dei termini per la redazione il deposito dei provvedimenti giudiziari
Di questo valore di questo elemento si deve tener conto unitamente ai carichi di lavoro e alle eventuali ragioni che abbiano reso oggettivamente giustificabile ritardo
E in questo passaggio io vedo
Una situazione problematiche vedo i motivi mi mi mi rendo commi faccio consapevole delle difficoltà in cui
Sì dibatte attualmente all'interno del Consiglio Superiore su valutazioni di professionalità positive o non positive
Se non addirittura negative in caso di magistrato sanzionato per la la lettera q per il l'illecito in materia di vita
Io ridi ritengo che Hill o l'ambito di valutazione quote a cui ha tenuto il Consiglio Superiore la magistratura in via amministrativa debba essere necessariamente più ampia
Nel senso che deve tenere necessariamente tenersi conto di tutti questi aspetti il incidenti sulla sulle possibili giustificazioni in ritardo ora
I due procedimenti amministrativi i due procedimenti lungo amministrativo e l'altro giurisdizionale
In proprio in ragione della loro diversa natura e funzione devono sempre rimanere distinti e separati evitando si qualsiasi automatismo fra condanna disciplinare e valutazione di professionalità negativa o non positiva
Il primo procedimento si con nota il procedimento giudizi disciplinari si connota per il suo carattere giurisdizionale e si pone a presidio della deontologia del magistrato mentre il secondo quello che le valutazioni di professionalità
E volto a uno scopo completamente diverso che è quello di assicurare a tutti i cittadini un livello di professionalità minimo
Che è garantito appunto dai diversi parametri fissati prima dal legislatore e poi dalla normazione dalla normativa secondaria
Sulla professionalità del magistrato ora io penso che di questo debbano essere consapevoli tutti gli attori del circuito dell'autogoverno finito guasti tutti gli attori del circuito e lavoreranno perché è molto importante che il questa consapevolezza passi dal basso mi sia consentito verso l'alto cioè dall'autorelazione del magistrato che in questo caso
è il soggetto in valutazione quindi ma in particolare dalla capo dell'ufficio che redige il rapporto per la valutazione di professionalità
Dal Consiglio di
Siamo e queste un ulteriore aspetto che rende estremamente differente il procedimento amministrativo da quello giurisdizionale
Io nella mia esperienza ho avuto grande sempre rispetto e fiducia delle valutazioni fatte al Consiglio giudiziario e dei penetranti poteri che adesso sono riconosciuti anche di carattere istruttorio nelle valutazioni di professionalità del magistrato
E ritengo che
Insomma
E ci si debba pensare bene e meditata mente prima di pervenire a un ribaltamento del giudizio che è stato dato da parte del del Consiglio giudiziario
E questo dei è facile a dirsi e forse sicuramente su questi argomenti ci troviamo facilmente d'accordo
Però io mi sento di non condividere di esprimere una serena e non corporativa critica in rispetto a determinate
Solo pro conclusioni alle quali è pervenuto in sede amministrativa al Consiglio Superiore della Magistratura
In queste fattispecie a cui ha fatto Rivera a cui si è fatto riferimento in cui in sostanza non è stato riconosciuto il conseguimento della valutazione di professionalità dei magistrati a a magistrati che avete avevano riportato la sanzione
Della censura che la sanzione minima con una previsione anche qui che ha si presta a
Se seri dubbi di legittimità costituzionale la sanzione minima della censura
Perché in queste nel leggere queste delibere mentre si dice si è tutti d'accordo che siamo perché i due procedimenti sono separati che devono seguire
Si fa riferimento esclusivamente per la valutazione dell'un giustificato Rizza in particolare di ritardo ai criteri dettati dalla Sezione disciplinare del Consiglio Superiore e a
Quelli delle Sezioni unite allo a sé
Quei se quei criteri
Con una giurisprudenza che io per le ragioni che ho detto e poi altro collega destinata a trattare la materia dei ritardi e quindi volendo si potrà re intervenire su questo punto io non mi sento affatto di condividere perché non la considero assolutamente compatibile con la realtà degli uffici giudiziari
E verde e veramente lontana completamente dalla maggior parte delle situazioni a cui non in cui normalmente operano i magistrati italiani
Se quei che quei cani enucleati dalle Sezioni Unite della Cassazione servono per dire il ritardo che il ritardo non è giustificabile prima facevo riferimento ma oggi di tipizzazione dell'illecito per dire
Che la ma la responsabilità in materia di ritardi si è trasformata in responsabilità di carattere oggettivo
Il Consiglio superiore in via amministrativa non deve utilizzare quei criteri non può utilizzare quei criteri ma ne deve nucleare degli altri
E qui concludo nel dire perché il il rischio io sono partito proprio da da questo controllo pubblico sulla sulla
Sulla deontologia del magistrato il rischio è che noi creiamo noi tutti attori della del circuito dell'autogoverno ognuno nella propria veste ma in particolare mi rivolgo
Agli organi preposti all'esercizio della giurisdizione disciplinare Sezione disciplinare e Sezioni Unite della Cassazione
Si rischia di creare un arretramento del modello di magistrato costituzionale
E una sempre maggiore diffusione di un magistrato di una magistratura difensiva corporativa e quindi oserei dire burocratica vi ringrazio
Sembra quest'ultimo intervento a acceso un po'la come ci aspettavamo e come molti si aspettano da questo incontro quelle che sono le questioni più delicate sul disciplinare
Se fa presento un solo elemento soggettivo al problema della riabilitazione quando ascoltavo la relazione veniva in mente quando accusano ci accusano dall'esterno del nostro
Sistema disciplinare è carente rispetto a quelle di altri
Professioni in realtà questo unicum della mancanza della riabilitazione fosse dovremmo evidenziarla spenderlo meglio per far vedere la rigidità invece
La rigidità che c'è invece se vogliamo nel nostro nel nostro Ente nel nostro sistema disciplinare e poi abbiamo
Toccato il tema cautissimo della rapporto tra sentenza disciplinare e valutazione di professionalità del magistrato una
Accusa che spesso viene rivolta anche sulle Melissa nostro alcune decisioni anche del
Del Consiglio nel senso di questo improprio automatismo tra condanna disciplinare e valutazione di professionalità sul quale credo che poi
Oltre alla parere che a Espresso Roberto Carrelli Palombi evidentemente non sarà oggetto di discussione e poi
Nel dibattito e successivi interventi ma chiaramente questo tema coi è strettamente connesso con me è stato detto anche dal relatore all'altro problema delicatissimo che quell'orientamento e dei dei ritardi e chiamo subito in causa
E lo ringrazio Antonio Patron
Bene dunque buongiorno a tutti quindi frequentemente evocati ritardi richiamo a parlarne direttamente
In pari data vedremo di non accentuare derivante non si può fare
Bisogna anche essere un po'Clementi con questi ritardi avverrà Bette giustificato secondo me rimanere
Ecco reiterato allora vediamo subito poche considerazioni iniziale poi andremo al cuore del problema che vi dico subito è quello della giustificabilità o meno del ritardo la fattispecie la conoscete tutti la lettera q
Dell'articolo due
E dice che costituisce illecito disciplinare il reiterato grave e ingiustificato ritardo
Nel compimento degli atti relativi all'esercizio delle funzioni si presume non grave salvo che non sia diversamente dimostrata di ritardo che non eccede il triplo dei termini previsti dalla legge
Tre condizioni reiterazione
Gravità è non giustificabilità
Le prime due sono quelle che hanno creato meno problemi interpretativi e quindi su queste sorvolo se non per una sola considerazione per ciascuna di esse
La reiterazione l'unico problema che mi consta sia stato discusso e affrontato e risolto anche dalle sezioni unite della Cassazione con la sentenza io tutta una serie di citazioni ma poi da un testo scritto così magari sarà più facile
Leggerne comunque le Sezioni Unite hanno risolto quel problema ma reiterazione vuol dire abitualità o meno dicendo che non vuol dire abitualità son parole che hanno un significato diverso sono concetti giuridici conosciuti per esempio quello dell'abito abita
Nel diritto penale e e sono diversi l'uno dall'altro quindi reiterazione dicono le Sezioni Unite vuol dire sostanzialmente semplicemente a ripetizione
Per la verità secondo in più accreditati vocabolario della lingua italiana sarebbe una ripetizione un pochettino più frequente che non la semplice ripetizione di due
Però per le Sezioni devo dire due il che vuol dire che teoricamente anche due ritardi sono ritirati ovviamente non è irrilevante il numero dei ritardi e anche la frequenza di essi ai fini di ritenerli o meno giustificati secondo quello che poi
è la giurisprudenza che è venuta maturando sul tema del giustificazione
Per quel che riguarda la gravità dei ritardi nella legge risolve tanti problemi perché c'è una definizione legale della gravità si presume è una presunzione semplice quindi anche ritardi inferiori possono essere ritenuti gravi
Però comunque la regola logica e cooperative che si presumono sono gravi ritardi quando superano il triplo del termine regolare previsto per il deposito del provvedimento un solo problema che segnala i componenti della Sezione disciplinare che sono presenti
Non c'è una sentenza che abbia chiarito in maniera inequivocabile come si calcola questo ritardo in particolar modo un aspetto
Da che giorno comincia a contarsi il ritardo io l'ho cercata c'era l'ordinanza con le dico numeri quarantacinque nel due mila undici che però è un po'confusa perché detta nella stessa massima ho letto due criteri opposti uno rispetto all'altro qualcosa non ha funzionato
C'è poi una più recente sentenza numero novantasei del due mila dodici che nella parte motiva però non è risolutiva
Certo non è un grande problema dal punto di vista concettuale ma dal punto di vista operativo è molto importante dei capite bene che a seconda del momento da cui io comincio a calcolare ritardo cioè il primo giorno in cui avrei dovuto depositarlo
Dei trenta o del sessanta per esempio nel civile o dall'ultimo giorno del termine ordinario o addirittura da tutto il termine di tolleranza del tipo possiamo arrivare a ritardi non gravi nello stesso caso gravissimi
In base alla mia esperienza di difensori ormai abbastanza frequente per
Grazie dire che nella pratica e invalso più
Quasi una prassi ormai un calcolo e comincia a far decorrere ritardo dalla scadenza dell'ultimo giorno previsto per il termine ordinario
Io ho visto anche una circolare del Presidente della Corte d'Appello di Genova per esempio che diceva alle cancellerie di calcolarli in questi termini per la loro comunicazione al Ministero
è
Giusto è un termine intermedio ragionevole però sarebbe forse opportuno dirimere ogni dubbio al riguardo che alla prima perché io ho avuto anche casi di colleghi che ho difeso in quel campo era stato diverso poi seduto rettificarlo
In sede di dibattimento in sede di istruttoria
Dire che se arriva sulla parola chiave su questo punto almeno non ne parleremo in più fine su tutta questa premessa e arriviamo al cuore del problema che la giustificabilità o meno di questi ritardi
La legge che cosa dice a proposito
Di questo
I Vice che il ritardo del se ingiustificato cioè non dice una parola su che cos'è ingiustificato o meno
Vedete che il termine estremamente generico e questo ci consente di dire fin d'ora che come in effetti poi è accaduto ma per ora è passata la giurisprudenza
Non è il legislatore che ha riempito di contenuto questa espressione questo concetto è stata la giurisprudenza perché ingiustificate un termine generico che quindi può essere valutato in mille diversi modi
A questo proposito tutti ne sappiamo che il due mila e undici e l'anno diciamo così spartiacque fra una giurisprudenza prima è una giurisprudenza dopo
Prima del due mila e undici di una
Sentenza che poi citeremo specificamente perché costituisce ha dato in vita al cuore del problema che abbiamo
E tutto sommato c'era una giurisprudenza ormai radicata nel tempo già vigente sotto il precedente articolo diciotto
Che si si attestava su una valutazione globale e onnicomprensiva di tutte le circostanze personali e professionali che potevano avere avuto incidenza sulla determinazione dei ritardi stessi
Senza questa importante l'individuazione di alcun limite o criterio rigido predeterminato
Ogni circostanza era liberamente valutata l'ottica era globale
Così spesso ritardi anche numerosi ed ingenti erano giustificati sulla base di una valutazione complessiva di tutto quello che era accaduto nella vita professionale ecco personale del magistrato
Io non vi leggo le massime che son tutte uguali ma nel testo scritto nero citate tantissime che sono tutte massime riferite al due mila dieci non ha preso in considerazione quello che era accaduto prima proprio per dimostrare come si era a un certo punto
Ecco per essere chiari come in base a questa valutazione globale ritardi che anche superavano spesso con la soglia famosa dell'anno che quei vedremo invece diventa
Uno spartiacque dopo erano ampiamente considerati e normalmente giustificabili ovviamente non in tutti i casi perché qua parliamoci chiaro molti meritano di essere condannati erano stati condannati esso lago andate anche socio sta mentre ma in certi casi invece si arrivava assoluzioni favorevoli colleghi che l'aveva meritato
Invece nel due mila undici con la sentenza numero uno otto se nove sei del diciannove aprile due mila undici diciannove aprile depositata il tredici settembre due mila undici sia affermato il principio
Che in tema di illeciti disciplinari dei magistrati la durata di un anno nel ritardo del deposito
Prende ingiustificabile la condotta del magistrato se non siamo allegate da quest'ultimi accertate circostanze assolutamente eccezionali
Che giustifichino l'inottemperanza e poi si chiede questo termine mutuato dalla giurisprudenza della Corte europea in ordine a quella che deve essere la durata dell'ultimo grado di giurisdizione
Lasciamo perdere la logica che sottende a questo tipo di parallelismo tra due situazioni molto diverse ma veniamo al principio un anno
Quindi un anno è il termine di ingiustificabile salvo casi eccezionali questa e la logica ed è stata poi ripetuta frequentemente comunque tutte le volte che le sezioni che sono tornate sul tema hanno ripetuto sempre la stessa cosa e quindi questa è la giurisprudenza fissate
E la Sezione disciplinare si è dovuta misurare con questo termine che non credo che non ricordo non è stato introdotto per la prima volta dalla sezione disciplinare si è dovuta misurare doverosamente cambiando la sua giurisprudenza
Però in termini che secondo me non erano necessariamente quelli che poi nella giurisprudenza di merito si sono concretamente manifestati si noti infatti
Che la stessa Corte suprema non affermato dell'attenzione non l'avrebbe potuto farlo appena di il ragionevolezza di una decisione di questo genere di un'interpretazione quindi di una norma che sarebbe diventata irragionevole se interpretato in quel senso una presunzione assoluta di in giustificabilità
Di una determinata condotta ritardo oltre l'anno perché queste presunzione assolute non sono ammissibili nel nostro sistema giuridico in generale nemmeno il diritto penale lo consente tant'è che le cause di giustificazione quando ricorrono giustificano anche i più gravi delitti che si possa immaginare
Ha detto un'altra cosa la sezione disciplinare come giustamente la Sezione Unite come giustamente la disciplinare poi a chiarito nell'opportuni
Sentenza novantaquattro del due mila dodici
Questo nuovo principio non è altro che un mero sviluppo del criterio di proporzionalità tra la gravità dei ritardi che le esigenze di giustificazione
Quindi ciò vuol dire che non è esclusa la possibilità che anche i ritardi superiori all'anno possono essere ritenute giustifica
E necessario però che ciò avvenga sulla base di un processo di comparazione tra la gravità dei ritardi e tutte le chiamiamoli giustificazioni
Condotto secondo criteri più rigorosi di quanto non avveniva in precedenza non avvenga ancora adesso quando il ritardo di entità inferiore
Non so se riesco a spiegare chiaramente il la questione in realtà rimane alla Sezione disciplinare quindi andar giurisdizioni di merito un'amplissima sfera di valutazione del caso concreto
Che anche adesso può consentire di ritenere giustificabile ritardo quando si superi la soglia dell'anno
E questa tipo di valutazione in concreto in sostanza ricorreva di quelle situazioni eccezionali straordinarie extra ordinem che comparate con la mia vita possono comunque portanti ritenere giustificabile ritardo e la valutazione di merito
In fatto
Demandata al giudice di merito
Non è il giudice di legittimità che dice il giudice di merito con me decisione impositiva insuperabile attenzione
Questo non è una situazione eccezionale no e il giudice di merito che deve doverosamente applicare il principio ma poi interpretarlo adattandolo al caso concreto
Anche su questa qualificazione di valutazione di merito demandata ed insindacabile servente motivato ovviamente secondo
Corretti criteri fluttuazione delle motivazioni che ne conosciamo
Le Sezioni Unite della Cassazione cinque sette sei uno del due mila dodici vanno affermata chiaramente perché insisto su questo perché
In sostanza ribadisco il concetto
E la sezione disciplinare non la Corte di Cassazione che poi in concreto stabilisce quando una circostanza apportate dimostrata a giustificazione di un ritardo superiori all'anno sia
Tale che anche in base al più rigoroso criterio di comparazione eccezionale straordinario particolare possa consentire la giustificazione della condotta stessa
E quindi destituita di fondamento a quell'affermazione a mio giudizio che invece sente sì io sento fare
Che purtroppo la giù rispettive dalla giurisprudenza disciplinare della sezione disciplinare è obbligata non c'è niente da fare hanno detto le Sezioni Unite sezione dite non hanno detto
Questo le Sezioni unite hanno detto che
Il giudice di merito deve valutare la situazione concreta secondo dei criteri di carattere generale
Che devono essere individuati dal giudice di merito in base alla situazione concreta del caso di specie che non è ipotizzabile uguale per sempre in tutti i casi in via generale
Voglio dire in sostanza che
Mi dispiace ma e il giudice di rigide di merito che deve
Che ha un po'a questo punto una volta radicata una giurisdizione a giurisprudenza di legittimità se vogliamo che di cabina ma non mi perdo a discutere se mi piacciono è quella non si cambia in concreto
Può e deve svolgere quel tipo di comparazione che può portare anche a un risultato di giustificazione
è la storia della giurisprudenza di merito successiva a questa sentenza che vi ho detto in fondo conferma quello che sto dicendo perché
I casi concreti che sono certamente tutti diversi l'uno rispetto all'altro ma tenete presente qui parliamo di ritardi nei depositi dice tante similitudini ci stanno a voi le ragioni che
Ritarda unite causano questi ritardi sono più o meno molto spesso le stesse come ci vengono raccontate e dimostrate dei colleghi
E video questa giurisprudenza di merito sta avendo delle oscillazioni perché è partita dopo
Quella dopo il principio l'affermazione due mila undici quasi tutto il due mila dodici io qui ho elencato nel testo scritto una sfilza di sentenze ma basta presente un repertorio sui ItalgiureWeb vedrete un un massacro un cimitero di condanna
E vedrete che sta minata la casistica era quasi inesorabile risultato negativo e si diceva quello che è stato già anticipato prima
Che
Situazioni eccezionali non possono essere neri collega abbia particolare carico del ruolo alle carenze organizzative dell'ufficio
Alla plurimi attività di diversa natura né alla consapevole adozione di un modello organizzativo addirittura condiviso se non richiesto dal fuoco si diceva ho letto massima è questa
Vi mostro la centoquaranta del due mila dodici ce ne sono cinquanta tutte uguali praticamente niente sostanzialmente
Solo negli ultimi tempi si è registrata qualche decisione più morbida ci si sta un pochettino ammorbidendo evidentemente
Cioè per esempio
Io ho letto la centocinquantuno del due mila dodici anzitutto il difensore che ha a sotto un collega che aveva numerose in materia di esecuzione penale vive i ritardi
è e dice la massima attratta dalla sentenza che lo ha assolto che non integra l'illecito disciplinare la condotta del giudice che ritarde deposi numerose ordinanze in materia di esecuzione penale
Qualora debba ritenersi tenendo conto delle notevolissime carenze d'organico dell'ufficio
Che ritardo non sia da qui è dipeso dall'ATER di emissione del provvedimento quanto dall'assenza di strumenti di controllo a disposizione del giudice disfunzioni organizzative dell'ufficio
Era un caso veramente minimo diciamo mi serio però l'anno era stato superato in più di un caso e quindi stavolta sì ha detto che c'è oppure c'è una sentenza recentissime e inedite alla numero trentaquattro del due mila e tredici
Questa pure assolto una collega che aveva depositato acqua erano di più un po'più pesanti circa venti sentenze civili oltre l'anno
è ritenuto giustificati questi ritardi alla stregua dei principi delle Sezioni Unite in base a quel giudizio di comparazione perché causati da una iniziale conversione in diverse funzioni nel passaggio da un tribunale all'altro
Da una scopertura d'organico nel nuovo ufficio fino al quaranta per cento da carichi di lavoro estremamente pesanti confusi da un significativo impegno attività d'udienza per quattro giorni alla settimana da numerose applicazioni presso un altro tribuna
In più nel periodo in cui la materia dei ritardi la collega aveva dovuto nel fronte una grave malattia della madre poi deceduta aveva dovuto subire personalmente un intervento chirurgico e avuto pure la broncopolmonite è stata assolta ma io no imposta augurale nessuno tanti guai nemmeno per ottenere una assoluzione
Aria rapidamente e poi mi avvio alla
Cioè l'articolo tre bis di cui si è parlato che può essere
Una chiave di volta di questo sistema
Perché l'articolo tre bis introduce un'esimente così e qualificata dalle Sezioni intese turno nove quattro in base al quale illecito del CIPE non è configurabile qual è il fatto di scarsa rilevanza quindi principio di offensività che non è violato e tutto quello che già sappiamo
Si discuteva all'inizio se è questa fattispecie dovesse e potesse essere applicata anche alle ipotesi la lettera q perché dice siccome lì
La gravità è inserita all'interno degli elementi costitutivi della spartire se sarebbe ebbe incompatibile dal punto di vista logica invece con una scarsa che abita un fatto che è grave
Per definizione normativa
Le Sezioni Unite che non è che possiamo seguire solo quando ogni tanto in tanto no hanno invece chiarito che questa esimente si applica a tutti gli scempi Chirac perché
Ha individuato il bene protetto da tutto il sistema disciplinare valido per tutte le fattispecie disciplinari che tutte quindi in concreto debbono averlo violato
Nella immagine del magistrato nel rispetto che il magistrato gode nell'ambiente in cui lavora e quindi questo e applicabile questo tipo di criterio anche all'ipotesi di ritardi nel momento in deposito delle sentenze
La giurisprudenza di merito per la verità da questo punto di vista un pochettino anni chiamato mi è sembrato un po'restia ad applicare questo principio che adesso sta applicando un po'più frequentemente però
Insomma in certi casi adesso due che per esempio centocinquantadue numero del due mila dodici ha ritenuto recentemente applicabile questo principio
In caso di un giudice che avevo omesso di depositare sempre parecchi ritardi superiore all'anno perché parliamo sempre di questo
Quando l'anno di levante percentuale dei provvedimenti depositati in ritardo le compravate qualità organizzative e professionali del magistrato la contingente negativa situazione invenzione dell'ufficio consentono di ritenere non compromessa l'immagine del magistrato
Però
In un altro caso esimente è stata negata per esempio sentenza numero novantaquattro del due mila dodici a un magistrato che aveva sopportato un doppio carico di lavoro presso la sede centrale del Tribunale ed una doverosa sezione distaccata
A testimonianza del cui impegno erano state prodotte attestazioni scritte del Presidente del Tribunale Presidente della sua Sezione presso la sede centrale
Il Consiglio dell'ordine degli avvocati il Consiglio comunale del Comune nella sede distaccato aveva ora sia alcuni avvocati che avevano avuto parte in un
Processo la cui sentenza resa depositate in ritardo tutti indignate alla notizia del procedimento disciplinare a suo carico
Tutto ciò non è
è stato ritenuto
Sufficiente a giustificare perché si è detto erano troppi è un po'troppo ingenti ritardi ma non è questo il criterio di valutazione di cui bisogna tener conto non in via esclusiva
Ecco che
Quindi sostanzialmente io rilevo che leggendo frequentando eccetera
Talvolta ci sta un c'è un difetto che
è abbastanza frequente giurisprudenza di merito disciplinare questo lo devo dire sinceramente
E che è un eccessivo oscillazione che in certi casi capita so anch'io perché capita perché il collegio per esempio cambia e quindi toccati tetto chi le
Perché un giorno c'è una comparazione con un caso che appena venuto prima che era molto più grave insomma possono esserci tante cose che possono provocare in perfetta buona fede questo oscillazioni però bisogna tener presente questo
Che il giudice la sezione di cibarie un giudice unico cioè è l'unico giudice
Che è giudica una platea di
Sotto shock soggetti venire ridotta pochi poche migliaia di magistrati particolarmente qualificati
E che tutti si conoscono fra loro e tutti conoscono come è stato giudicato un caso simile al loro il giorno prima ecco perché io ritengo
Che in questo caso per questo particolare tipo di giudice le oscillazioni di giurisprudenza bisognerebbe la
L'accortezza di limitare il più possibile altrimenti veramente possono dar luogo talvolta sospetti di ingiustizie arrivo alla fine poche parole su una valutazione finale conclusiva di quella che è la situazione
Sulla quale io non voglio calcare la mano perché ritengo che la maggior parte di coloro che sono anche oggi condannati meritavano di esserlo
Devo essere sincero però purtroppo parecchi che lo sono stati secondo me non l'avrebbero meritato le ragioni per cui
è avvenuto questo potrà ancora venire Consip continuando in futuro sono quelle che vi ho detto
Sono ragioni che noi magistrati possiamo capire
Perché certo che se io
A un cittadino comune dico che qualcuno a fare così alla sentenza con un anno di ritardo è questo mi sembra un'eternità e non si rende conto che anche quello può essere giustificata
In realtà
E mi permetto di leggervi alcuni passaggi allora non vi dico che tipo di sentenze sono ma io lo difesi parecchi di colleghi qualcuno è stato assolto qualcuno è stata condannata sono solo la mia casistica persone
Cento quarantuno sentenza del due mila dodici si legge ad esempio che la laboriosità all'incolpato e fuori di dubbio essendo provata come le sue capacità professionali il suo impegno
Sentenza numero dieci del due mila tredici si legge sempre testuale la documentazione in atti consente di confermare l'indubbia laboriosità il considerevole carico di lavoro e l'esistenza nel primo esame di gravi problemi fisici e personali
Sentenza numero centosessantuno del due mila dodici virgolettate
La documentazione in atti consente di confermare l'indubbia la pensione magistrati considerevole carico di lavoro soprattutto nel caso in cui il magistrato è stato segnato le due sezioni distaccate di affermare l'erroneità della scelta del Presidente del Tribunale
Che ha comportato un evidente squilibrio del carico di lavoro dei magistrati dello stesso ufficio
Continua questa sentenza più avanti
Si apprende che il magistrato primeggia nel suo tribunale era un grande tribunale
Come risulta da una serie di indici significativi quale il numero delle sentenze emesse nel periodo mediamente centottantotto virgola sei l'anno in materie particolarmente complesse e delicate come quella delle successioni
Rispetto a una mega ricezione di centotrentacinque sentenze all'anno
E va affrontato ogni Standard rendimento nazionale determinati dal gruppo di lavoro istituito dal CSM che vede il magistrato il dottor Tizio primeggiare a livello nazionale
Quelli che appena letto compreso quest'ultimo sono passaggi scritti dal giudice che ha condannato questo collega motivazioni di sentenze di condanna prendiamo atto che è stato condannato quindi anche il magistrato che in Italia depositato più sentenze di tutti perché ce lo dice la sentenza della sezione disciplinare
è una situazione limite non ne ho visti i casi così clamorosi
Però segue probabilmente raccolte che è stato difeso mappale
Però frequente che magistrati condannati per ritardi risultino aver avuto una politica ottima che si siano trovati in situazioni organizzative difficile per colpa dei loro dirigenti
Dichiaro idea dimostrino aver accettato di assumere più sentenze incarico di quante potessero depositarne in termini perché dicono sempre questi io credo che sia degli ho sempre fatto il Pubblico Ministero mi dispiaceva rinviare a due anni di tempo preferivo assumendo la responsabilità di depositare conoscenti
Il problema è che questi magistrati stati condannati quindi hanno avuto in proprio loro sarà colpa loro
Però non si sentono colpevoli di niente e ritengo di essere giustificati dal contesto generale delle precarie condizioni di lavoro questi anche la ragione per cui tanti altri magistrati solidarizzo uno con loro perché dicono io non avrei potuto fare diversamente
O se avessi fatto diversamente avrei fatto peggio per altri aspetti e quindi hanno paura sostanzialmente di capitarci anche loro nella stessa situazione concludo è un problema di giustizia sostanziale e non è di facile soluzione perché do atto
Alla giurisprudenza della Sezione disciplinare che sul piano formale e probabilmente ineccepibile tant'è che vengono quasi sempre confermate queste sentenze di condanna
Ed è corretta perché parte da un presupposto che rende coerente con le conseguenze penetrare ma quale questo presupposto
E che il rimprovero che stimola i magistrati non è di scarsa diligenza di scarsa laboriosità ma di scarsa attenzione lo ripetono in tutte le sentenze c'è un modulo doverosa capacità organizzativa è questo
Sono responsabili per non essere stati capaci di organizzare il proprio lavoro in modo tale da evitare questo tipo di ritardi
Io potrei obiettare una serie di cose che ogni tanto ad obiettare ma
L'articolo uno della legge disciplinare elenca tassativamente i doveri del magistrato che poi sono quelle violati dalle fattispecie due minuti e concludo
Fra questi doveri non c'è non c'è la capacità organizzativa c'è strati vige
E non c'è e non potrebbe esserci perché la capacità è una caratteristica intrinseca della persona che non dipende dalla persona stessa e quindi evidentemente non può rientrare è concettualmente diverso dai doveri e quindi creare un bel giuridica relazione della capacità organizzativa è qualche cosa di logicamente abbastanza non del tutto coerente
Certo la capacità
Un certo tipo di capacità può essere l'iniziativa può essere intuitivo questo investigativa può servire
Attribuire o meno determinati compiti perché io non te li do non perché è colpa tua ma perché non sei capace organizzativamente non poi presiedere un tribunale
Non perché infliggere un rimprovero di carattere generale come e la sanzione disciplinare che giunge al termine di un giudizio di responsabilità soggettivo quindi responsabilità personale
E poi devo anche dire che a fronte dell'obiezione che sempre viene proposta ma io come devo fare diversamente
Qual era l'altra organizzazione quando io ero oppresso da questi numeri eccetera mai ho letto in una delle sentenze di condanna nemmeno una riga di soluzione alternativa proposta ti condanno perché dovevi fare così invece di fatto
Per questo sarebbe invece necessario farlo
Quel che è certo è che si trovano oggi condannati alcuni magistrati laboriosi Sini animati da grande spirito vere in base a un rimprovero che ritengo di non meritare secondo me forse sbaglio non meritano e soprattutto
Subiscono questa sentenza comuni ingiustizia la cui funzione francamente si ha difficoltà a comprendere io punisca il lato così capisce che non lo deve fare di più sennò che francamente
Magari non sono ingiustizia anche in questo caso perché sul piano logico giuridico per la ragione che ho detto sono sentenze che si reggono però sul piano strategico generale noi facciamo
Questa un convegno dell'Anm quindi non è che stiamo in un'università eccetera secondo me è una cosa sbagliata perché manda uno scoraggiante messaggio
Di solitudine a gente che che lavora tanto ripeto tanti sono condannati sto parlando di una piccola fetta consistente insomma che esiste
Non li aiuta perché vi fa capire loro manda il messaggio che quando si è in difficoltà il sistema non ti aiuta ma ti punisce inesorabilmente
Il sistema pretende da loro da tutti noi più
Leggo sono virgolettate si leggesse impegno assoluto e ha sentito anche attenzione diuturno alcuni compiti d'ufficio
Senza però assisterli con un'organizzazione accettabile che gli aiuti a sostenere doveri così della voce
Alla fine che cosa succederà ha già detto copia dei balocchi
Alla fine succede che in futuro grazie collega di merito ma in futuro io so come devo fare
Organizzerà o il mio lavoro in termini esclusivamente difensivi prepararmi le spalle da così si problema di responsabilità
E non credo però che tutto questo potrà far bene in definitiva
Concludo con due parole soltanto su ciò che si potrebbe fare perché secondo me qualcosa si dovrebbe
Secondo me basterebbe per la verità che la giurisprudenza disciplinare di merito applicando quel già ricordato loro parole criterio di proporzionalità fra la gravità dei ritardi ed esigenze di giustificazione
In maniera un po'diversa da come talvolta non sempre ma qualche volta applicano non è che ce l'ho con rigore ed in particolare poveretto che ha scritto anche qualche bella sentenza di assoluzione però insomma
è però all'esito di questo giudizio di comparazione arrivasse a decisioni meno rigorose di quelle frequenti fatta un suggerimento
Ed è l'esempio riconoscendo cito casi realmente accaduti che non è normale attenzione le parole e quindi quello che normale ed eccezionale
Non è un ordinario attenzione alle parole quello che non è ordinario e straordinario Sezioni Unite dicono che con sono eccezionali straordinari sono giustificati
Che è un magistrato di prima nomina sia assegnato a due sezioni distaccate oltre che la sede centrale del suo tribunale uno che indica sull'ha fatto niente quello prima si trova a dirigere l'ufficio e mezza
Che non è quindi ordinario e straordinario non è normale era eccezionale che è un civilista ad esempio sia destinato a comporre il collegio per un maxiprocesso perduta più d'un anno e poi all'ultimo mese dissi anche detto che doveva scrivere la sentenza cosa che non vi era stata detta prima
Facendo saltare quindi tutti i suoi programmi di lavoro
Se già sì fosse ragionate si ragionasse in questi termini noi il novanta per cento dei problemi che abbiamo qui avremmo risolto
Poi c'è l'articolo tre bis e se anche si accettasse senza
Devo dire Rita diffidare quasi un po'pregiudizialmente certe volte di attestazioni di stima che vengono dall'ambiente in cui lavora il magistrato e si riscontrasse
Che non c'è stato un vulnus della su immagini quindi l'immagine della giustizia applicando l'articolo tre bis alcuni di quei casi che francamente Togo ingiusti che ho citato sarebbero stati evitati e poi alla fine se però nonostante ciò
Niente si riesce a ottenere
Ebbene penso che non mi rimarrebbe che pensare seriamente di ricorrere a una soluzione pro Dusty andrà via legislativa
Lo dico così tanto per parlare perché sappiamo che i tempi sono quelli che sono però ciò non vuol dire che dobbiamo mettere il cervello all'ammasso solo perché si sa che certe cose non si riesce a fare per situazioni contingenti
E pensare per esempio in alternativa faccio tre proposte e poi chiudo
Una rimodulazione di questa fattispecie disciplinare che specifichi in termini chiari piani e ragionevoli quando i ritardi siano giustificabili lo scrivono proprio Merano oppure in alternativa
Che chiarisca come avviene in altri casi per esempio se leggete l'articolo due comma uno lettera a
Lo dice chiaramente che dl cito solo quando c'è stata violazione di cadaveri di cui
All'articolo uno quelli degli
E lì perché dipendono Patek quindi dirigenti in modo che a un certo punto quando il fatto sarebbe punibile qualunque fatto solo quando fosse dimostrata in concreto una effettiva carenza di diligenza e laboriosità terza possibilità
Beh qua abbiamo preteso voluto chissà se abbiamo fatto bene la tipizzazione delle fattispecie disciplina endemiche siti pizzino anche le cause di giustificazione a questo punto tutto sarebbe più chiaro è meno arbitrale
La segreteria si segnala che è presente il Presidente del Consiglio dell'ordine di Roma e vorrebbe rivolgere un breve saluto al
Al convegno non so se ancora qui
Coco brevemente perché ho dei tempi contingentati per una Sezione disciplinare su internet credo che i relatori accetterò nello spirito di apertura che anche i nostri convegni
Con un breve intervento buonasera a tutti io ringrazio
Presidente Sabelli per avermi invitato perché
Il confronto con la magistratura l'arte avvocatura sicuramente momento fondamentale tra l'altro come diceva
Il consigliere io ho lasciato al Consiglio mentre stava svolgendo un procedimento disciplinare e quindi devo ritornare appena appena finisce
E allora proprio in questa occasione di di saluto vorrei dare qualche informazione velocissima su come svolgiamo i procedimenti disciplinari al Consiglio dell'ordine e visto che il tema trattato è quello del procedimento disciplinare
Perché ci stanno tante informazioni che non sono proprio esatte intanto noi di abbiamo un carico veramente esagerato e per quanto riguarda l'istruttoria ogni consigliere ha circa duecentoventi pratica ciascuno da istruire per poi
Proporre al Consiglio l'archiviazione o l'apertura del procedimento disciplinare e le aperture sono notevoli infatti noi facciamo ogni settimana nella seduta perché che svolgiamo appunto giovedì almeno tre se non più procedimenti disciplinari
E devo dire che il Consiglio da quando io ne faccio parte quindi dal
Due mila e otto è piuttosto severo
E prendiamo provvedimenti pesanti nei confronti di colleghi che
Svolgono la loro attività professionale ma anche la loro privata vita privata in modo non conforme a quelle che sono regolari deontologica
Perché il nostro Codice prevede
Che anche ad esempio chi non assolve le proprie obbligazioni economica nei confronti di terzi per fare l'esempio classico l'avvocato che non paga il canoni di locazione il proprio studio commette un illecito disciplinare quindi Lattivi dare è intensa
E mi auguro visto che attualmente proprio per il numero limitato i consiglieri siamo in quindici a svolge l'attività disciplinare mi auguro che con la nuova con la riforma che toglie al Consiglio dell'ordine
In sé per sé il potere disciplinare lo attribuisce ai Consigli distrettuali disciplinare sono formati da un numero superiore di componenti
Il si riesca a velocizzare perché il grosso problema non è
Il sanzionare Hall essere fa rispettare il Codice deontologico il problema sono i tempi un po'
Facendo i giudici in questa situazione ci sentiamo come nei processi civili vi sentirete molto spesso voi di non poter chiudere velocemente i procedimenti
Penso di di di avervi anche annoiato troppo l'vostro i vostri procedimenti disciplinari sicuramente anche se indirizzati in altro senso sono molto interessanti
Spero di rimanere altri cinque minuti prima che mi richiede richiamino dal Consiglio e vi auguro buon lavoro e e e di di fare ancora insieme
Nuove nove attività che sono veramente importanti per tutte e due le categorie grazie buonasera
Allora la relazione di Antonio Patrono
Ciò ha aperto
Nuovi scenari a fatto riferimento affatto anche le proposte concrete che quello che
Ci aspettavamo il ci chiedono da questo da questo incontro
Fatto
Emerge anche le possibilità nonostante le sezioni unite della Cassazione come difendersi solo nella materia dei ritardi in alternativa delle proposte legislative
Ha fatto riferimento alla sentenza in quali forse anche la difesa del collega
Po ad non è stata efficace vedremo invece ci dirà come difendersi da questa situazione da questa
Giurisprudenza e quello che presenza di questa giurisprudenza il colleghi incolpati possono difendersi e passo la parola e lo ringrazio Dio Petralia
Buonasera
Allora Antonio Patrono ha detto
Sì ho capito bene ma me l'ha confermato adesso tolto capite Totti de nel senso che ogni soggetto alle sue idee e dobbiamo adeguarci alle idee soggettive di chi ci giudica
In Sicilia ma forse comunque in contermine più semplice si dice che ogni testa in tribunale
E questa è sicuramente la più grande verità nell'ambito del procedimento disciplinare in cui sedici anzi difensive dobbiamo parlare
E l'argomento che mi è stato dato che dobbiamo adesso trattare in brevissimo termine un argomento suggestivo interessante perché attraversa un po'quelle che sono non le oggettive chance difensive
Ma partendo già dalla citazione di Antonio Patrono potremmo dire sono molto relative soggettive perché il difensore e l'incolpato si trovano da subito a misurarsi non
Come dire microcosmo per cronologico di decisioni che è quello del Consiglio in corso
Chiunque prenda come dire cognizione un po'della giurisprudenza generale è pur vero quello che dice Antonio Patrono la sezione disciplinare unica è un giudice ha natura giurisdizionale e quindi se ne tiene conto con una dignità come dire oggettiva e perenne ma così non è
Perché chi difende in un contesto storico deve tenere conto un po'della giurisprudenza che si forma in quel preciso contesto storico che per parlare in termini concreti è proprio il perimetro del Consiglio in corso spesso e volentieri si sente dire
Citando ad esempio una decisione consiliare la già esiste una giurisprudenza di questo genere che ha già definito questo punto in questo modo si appartiene ad un Consiglio differente è un Consiglio pregresso
Quindi questa è una come dire delle prime barriere su cui misurarsi su cui il difensore deve misurarsi
E se vogliamo un attimo ad esaminare quella che un po'la parabola integrale dall'inizio fino alla termine alla sentenza disciplinare le chance difensive lo dico subito che lo dirò alla fine così concluderò sono veramente poche
Sono
E sono poche ed iniziano quando ossia quando l'incolpato ha notizia dell'incolpazione a suo carico o nella scelta del Difensore e qui un'oscillazione della giurisprudenza della vecchia consiliatura
Che aveva consentito la possibilità in un primo tempo di muoversi sul su due difensori e che poi è stata invece ridotta ad un solo difensore si è concentrata anche su un aspetto che paradossalmente non è banale mai direi abbastanza interessante che refluisce anche nei rapporti tra difensore il difensore scelto e l'incolpato
Perché il primo colloquio disciplinare interviene tra l'incolpato e difensori io non ho l'esperienza di Antonio Patrono né o una grande esperienza di sezione disciplinare perché non lo scorso Consiglio insieme a Carrelli Palombi Antonio Patrono siamo stati
Forse Antonio non è stato neanche supplente Marco IT supplente eravamo tutti e tre supplenti quindi con un'esperienza abbastanza limitata e solitamente confinata ad aspetti più processuali che di merito
Sull'incompatibilità quella che poi è mutato nel tempo
E dicevo quindi che il primo colloquio disciplinare interviene tra incolpato e difensore il quale
Scelto come collega e su questo dico subito che nella grande differenza nella grande distinzione tra fatti che si collegano a
E svolgimento del servizio al servizio nostro e fatti invece che e sulla nuova lo svolgimento delle funzioni quanto più il fatto di disciplinarmente contestato si assimila ad un fatto di tipo penale
In quel caso abbiamo la presenza di un difensore laico cioè di un avvocato del libero foro in quegli sparuti casi in cui ciò accade
E questo anche per un'esigenza di e spiegare al collega quelli che
Sono i meccanismi che già il collega conosce perché il collega vive nell'ambiente raramente giudiziario conosce quali sono i meccanismi si difende e difende davanti a colleghi prevalentemente a colleghi che conoscono questi meccanismi
Ci si affida ad un collega anche soprattutto perché il collega ha una competenza non solo interna ma deve essere anche in grado di convincersi conoscendo i meccanismi giudiziari delle degli aspetti dell'incolpazione e qua
Un'unica di con un'unica sentenza Consiliare molto interessante ha escluso la possibilità di un'autodifesa dell'incolpato a cui si affianchi un Difensore tecnico quindi un collega
Ma ci si chiede che se si va un attimo a leggere la motivazione di quella sentenza che risale alla consiliatura due mila sei due mila dieci
è difficile capire lei contorni e i meccanismi perché ha avuto difendersi significa rendere dichiarazioni spontanee no significa forse volere parlare insieme al difensore nell'uso all'udienza di discussione e questo è stato radicalmente esclusa
Ma l'autodifesa esistente
E se possiamo dire ed dirla tutta e si sa anzi è la difesa principale l'autodifesa perché la redazione della memoria e anticipo già quello che dirò
Il processo è un processo scritto non è un processo reale il processo diventerà parzialmente orale all'udienza di discussione ma sostanzialmente un processo scritto
E una memoria che redige lo stesso incolpato e che quindi e il primo difensore di se stesso a cui si affianca soltanto un difensore con quello spicchio e nello spicchio di oralità che riguarderà l'udienza di discussione
Quindi sostenere che non ci si può affiancare un difensore collega a chi si vuole avuto difendere secondo me è un po'
Una un'ipocrisia per certi aspetti perché in ogni procedimento disciplinare la più grande difesa e proprio l'autodifesa
Detto ciò e una volta che si ritiene che il Difensore migliore è quello che si convinca della giustezza della ragionevolezza delle giustificazioni offerte dal collega incolpato
La grande distinzione che dicevo che anticipavo prima è quella tra illeciti disciplinari che riguardano l'esercizio delle funzioni e quelle che invece esulano dall'esercito delle funzioni perché le tipologie le modalità di difesa dicevo anche che c'è il rischio che proprio per quelle che si assimilano i fatti esterni che assomigliano alle ingiurie
Se voi vedete apro una parentesi una parentesi la chiudo subito se voi vedete le statistiche della Procura generale dell'ultimo anno giudiziario vi rendete conto che la seconda categoria più diffuse quello delle ingiurie
Cioè dei reati Comes
Dei magistrati proprio la seconda categoria dopo quella ce lo siamo detti dei ritardi e per la verità la cosa ha sorpreso anche me perché è una categoria quella delle ingiurie che fosse mal si addice al magistrato ma tante
E vi dicevo le tipologie e le modalità di prova e di difesa nell'ambito della categoria una rispetto alla categoria altra e di versa e nella mia esperienza ma per quello che ho potuto leggere sentire sicuramente
Meno rilevante in quella collegata all'esercizio delle funzioni
Ed è presto detto
Ma prima di affrontare questo discorso delle
Tipologie di difesa e di prova difensiva in relazione alle categorie che vi ho detto
C'è un punto che lascia perplessi secondo me su cui
Non si è ragionato fino in fondo forse si è ragionato troppo astrattamente troppo dottrinaria mente
Che
Quello che noi troviamo negli articoli sedici secondo comma diciotto quarto comma cioè la cosiddetta compatibilità delle norme del Codice di procedura penale a procedimento disciplinare
Molti di noi sono penalisti e chi non è penalista comunque orecchia questo discorso è questo principio secondo cui dove in in un articolo di procedure di rito si legge in quanto compatibile sorgono i problemi
E sorgono i problemi perché il perimetro e l'argine di compatibilità e un perimetro argine di interpretazione in cui per me può essere compatibile su argomenti da spendere sulla compatibilità per te non può esserlo
Questo discorso della compatibilità delle norme di procedura penale rispetto al rito disciplinare ha una rilevanza e una refluenza importantissima dal punto di vista delle chance difensive
Basti dire ma questo è un fatto scontato che non può essere neanche come dire oggetto di critica non esiste la figura del G.I.P. del gruppo
Stato scritto nei trattati lo sappiamo nella legge non c'è questo significa che non esiste un momento di contraddittorio sul set rinviare a giudizio
Questo contraddittorio sul set viene per certi aspetti che manca nel senso che chi svolge le indagini e il soggetto che poi decide di rinviare a giudizio
E compensato anche psicologicamente e questo va a vantaggio della della procura generale della Corte di Cassazione dei sostituti procuratori generali che sono addetti al servizio disciplinare
Viene anche psicologicamente tacitato con una sorta di interrogatorio obbligatorio
Per cui
Si invita l'incolpato lo si invita discolparsi e normalmente però l'invito a discolparsi che contiene vero e diciamo prevede una contestazione e quindi la possibilità di una
Conoscenza più dettagliata rispetto a quella che si è avuta all'inizio da parte dell'incolpato
I consente di discolpa arti normalmente solitamente direi pressoché sempre con una memoria
Ecco qui come interviene l'autodifesa del soggetto perché quanto più è densa e completa la memoria che viene assunta contenuto dell'interrogatorio tanto più questa conoscenza questo contraddittorio potrà dirsi realizzato mai realizzato il contraddittorio
Guardate ci sono due aspetti che ho letto in sentenze
Della Sezione disciplinare e che attraversano il rito stesso
Ed è quella che siccome la formulazione dell'incolpazione la si fa alla fine delle indagini è ben possibile che nell'incolpazione come dire in itinere su cui ci sia stato l'intervento in contraddittorio con una memoria ci si veda
Cambiata non solo cambiata articolata diversamente ma integrata con ulteriori capi al momento del rinvio a giudizio
Ora vivaddio dico io se è vero che è una compatibilità del rito penale deve il rom pere
Limite con i suoi limiti previsti dalla norma nel rito disciplinare è pur vero se è vero che per un po'e per un collega per un procedimento disciplinare a volte credetemi ma questo non c'è bisogno di stimolarlo con con le parole perché così
è peggio che avere un è un procedimento penale
Perché nel rito penale la gamma di prove e la possibilità anche di gravame maggiore il procedimento disciplinare più oneroso e crea più prostrazione e più ansia
In questo caso il contraddittorio e totalmente obliterato perché l'interrogatorio si svolge su un punto che poi lo si vedrà e non capita una volta soltanto ma capita spesso a me è capitato già ben due volte
Di vedere un capo integrato addirittura modificato nel momento in cui già si passa
Per parlarle in termini penalistici dalla fase procedimentale a quella prettamente pubblica e quella
Processuale
Quindi audizione dell'incolpato ma bisogna tenere conto come Stato come tutti sappiamo che non esiste e di questo ce ne rendiamo conto un momento che può essere assimilato al cosiddetto quattrocentoquindici bis cioè il momento della discovery degli atti per cui
Ecco per cui a un certo e questa è una riforma che dovremmo fare
Per cui a un certo punto io sostituto Pio Pubblico Ministero delle disciplinare
Ti dico questi sono
Tutto quello che ha raccolto a toccare i co ti invito a discolpa arti ma su questo quindi a prescindere da ciò che io ti ho contestato subiti sei discolpa ti in corso d'opera durante le indagini
E su questo svolgiamo un contraddittorio mi sta bene anche catturare scritto ma che sia un contraddittorio
Che possa integrare quello che sia una compatibilità con le norme di procedura penale alla luce del giusto processo
E quindi con un contraddittorio sereno obiettivo completo integrale che mette in condizioni anche lo stesso incolpato di sapere io vado giudizio ho tentato di discolpare mi in questo momento non ci sono riuscito
Quindi il punto del quattrocentoquindici bis che è radicalmente conclamata mente escluso dal rito disciplinare è un punto su cui bisognerebbe
Come dire
Confrontarsi e dibattere con tutte le difficoltà che sorgono perché vedete non è giusto considerare
Un istruttore chiamiamolo così un sostituto PG monocratico che rinvia a giudizio davanti ad un organo collegiale
Perché forse più collegiale l'istruttore perché l'istruttore appartiene ad un ufficio in cui lo staff dei sostituti procuratori generali e organizzati in maniera tale che c'è già un apre in istruttoria
Ci sono degli aggiunti che sono delegati per cui il come dire il circuito di consultazione
Appartiene alla categoria sicuramente della collegialità e sortisce delle soluzioni che a volte rendono impraticabile un ritorno indietro cosa voglio dire con questo
Che per tornare un attimo anche lo stesso interrogatorio a me non è capitato mai
Nella
Pur Modica esperienza che ho e inviterei chi invece difende assiduamente a pronunciarsi su questo punto non capita mai che le difese tecniche o di rito fatte davanti all'istruttoria intendo dire nel corso dell'interrogatorio davanti al sostituto procuratore generale per esempio
Su un fatto di decadenza
Su un fatto di nullità
Su altri aspetti processuali abbiano successo
Anzi mi sentirei di dire che totalmente inutile farlo
Totalmente inutile farlo perché
Quasi rischioso abbandonarsi ad un'accezione che invece può essere coltivata argomentata e
Riesumata se così volete in fase di discussione quando un collegio totalmente diverso dal Procuratore generale e in grado di ascoltare probabilmente di recepire quello che già da prima si sarebbe potuto dire non so se ci mi sono spiegato su questo
La difficoltà di convincere il PM istruttore nasce anche nel momento anteriore come dire dell'embrione della nascita del procedimento disciplinare in cui non si pretende un contraddittorio talmente anticipato da svolgersi anche nel momento acquisitivo della notizia di reato sarei un pazzo se pensassi questo sarei anche un come dire
Un visionario
Però è pur vero che se esiste un'esigenza deflattiva che nel procedimento penale costituita dei riti alternativi ed all'udienza preliminare tutto questo non c'è nel rito disciplinare l'esigenza deflattiva viene confinate relegata esclusivamente al sentore
E al sentimento e alla decisione dell'Ufficio di Procura generale nell'applicazione dell'articolo sedici comma cinque bis e cose cioè il e la cosiddetta archiviazione in Terna
Noi non conosciamo cosa avviene nell'archiviazione interna
Noi non sappiamo che cosa accade in quel perimetro collegiale in cui l'ufficio della procura generale si misura sull'esistenza o meno di un fatto sulla Commissione o meno d'un fatto
Sull'esistenza di una notizia di disciplinare non debitamente circostanziata e su questo voi andremo a spendere qualche parola anche
Sulle conclusioni
Non abbiamo separazione di fascicoli non abbiamo
Il il la dichiarazione di utilizzabilità spostiamoci nel momento in cui viene esercitato si passa alla fase dell'udienza di discussione
E il principio della compatibilità con rito penale vige anche in sede di discussione chiediamoci se questo principio di compatibilità del rito penale possa servire di più
In termini di garanzie di chance difensive rispetto a quello che invece si è avuto o non si è avuto innanzi al sostituto procuratore generale cioè in sede di indagini
Ebbene qui noi abbiamo un articolo che ci dice si applicano in quanto compatibili ma io mi chiedo
Macché serve questa
Questo richiamo alla compatibilità con le norme del diritto penale io non trovo nessun momento voglio dire che tenga conto della realizzazione di un contraddittorio
Del delle garanzie dell'incolpato che possa affiancarsi a quello che è il rito penale e vediamo
Vi cito due cose che mi hanno molto sorpreso studiando nuovamente il rito disciplinare il criterio in base al quale ad esempio si ammettono i testimoni
Ce lo siamo ripetuti tante volte ed è una delle conquiste del rito penale di quello che fu il rito penale nella riforma l'ottantotto che poi fu stravolto mille mille volte successivamente
Era la sette cita del giudice per cui se tu Pubblico Ministero se tu avvocato mi chiedi
Di avere ammesso una serie di testi io posso
Falcidiato gli nel numero ma se devo entrare nel merito non posso pronunciarmi ma devo dire soltanto che non sono manifestamente irrilevanti o ininfluenti
E non è un caso l'avverbio manifestamente irrilevante ininfluenti
Perché garantisce come dire li li battezza decisionale del giudice quando a fronte di una richiesta probatoria che è una richiesta di difesa o è una richiesta d'accusa non è nient'altro
Il giudice si come dire
Offre in una decisione intorno Plutonia che contiene un embrione di decisione finale ecco perché non manifestamente del rito disciplinare non è così
Per cui il difensore
E questo è capitato anche a me
Che voi sia addurre dei testimoni a difesa del proprio incolpato e se li veda respingere se li vede respingerà alla luce di una conoscenza globale e corale di tutti gli atti
Il che significa che non poté
Pronunciarsi sulla manifesta irrilevanza la manifesti in conducenza ma si pronuncerà invece nel merito con un impegno di tipo decisionale che già scoraggia la difesa
Donde meglio non dedurre testimoni
Assolutamente meglio non dedurre testimoni a meno che non siano assolutamente essenziali a meno che non si voglia conoscere dalla deduzione del testimone già come dire a sondare l'umore del giudicante della Sezione
Ma
Il criterio fondamentale sull'ammissione delle prove perché se di difesa dobbiamo parlare dobbiamo parlare anche di prove di difesa dell'udienza di discussione e quello dell'utilità come dice la lettera b ammette tutte le prove che ritiene utili
Ma questo concetto di utilità me lo sono cercato tante volte nella nostra rassegna di decisioni consiliari
Me lo sono cercato ancora di più e credendo anche di non avere cercato bene nella rassegna delle decisioni
Delle Sezioni unite
Ho sconfinato anche in qualche amministrazione parallela non dico simile ne abbiamo pochissimi di ma qualche amministrazione parallela per vedere di riuscire a mutuare qualche concetto che possa obbedire a questo criterio dell'utilità non c'è nulla
Per cui che vuol dire tutte le prove che ritiene utili vuol dire tutte le prove che ritiene punto
Il concetto di utilità e molto labile direi addirittura impalpabile sta di fatto però e questo signori non è mai accaduto perché non ho trovato sentenze che ne trattino ne parlino
In cui il difensore che volesse dedicarsi con grande come dire coraggio
Ma anche con grande temerarietà delle investigazioni di tipo difensivo
Voglia produrle
Con quell'anomalia dell'udienza di disciplinare che è quella di produrre atti scritti non di dedurre prove quindi
Assumere delle informazioni attraverso investigazioni difensive che si legge nei trattati che hanno parlato del del rito disciplinare assolutamente ammissibile compatibile ma mai
Ne è ammessa né con patita nel Pinto disciplinari io non trovo mai non ho mai visto delle investigazioni difensive anche nelle lettere selettive che si possano cercare nelle nostre rassegna Leo sperimentate tutte non c'è una sola sentenza
Ebbene in questo caso
L'unica possibilità è quella che il Difensore fuori udienza per i fatti suoi si assuma le sue prove e le produca l'udienza col rischio di non vedersi ad Hamas
Perché le investigazioni difensive dovrebbero obbedire al criterio unico è solo dell'utilità e quindi il vaglio dell'utilità delle investigazioni difensive diventa un vaglio rischiosissimo e direi anche
Arduo da parte del sud del del disciplinare con la conseguenza che è meglio non fare investigazioni difensive
E allora e allora
Altra anomalia patente del rito disciplinare che confligge con il rito penale
Non inquinato ma dissi inquinato alla luce del giusto processo e quello della lettura indiscriminata di tutto quello che ha fatto il Procuratore generale
In sostanza il principio che noi abbiamo assunto noi penalisti della conversione probatorio attraverso lettura che soltanto un meccanismo
Surrogabile con la dichiarazione di utilizzabilità nel rito disciplina non ce n'è traccia
La lettura non è esattamente un sinonimo di utilizzabilità perché se fosse sinonimo di utilizzabilità noi dovremo entrare nell'argomento e nella cerchia nel perimetro dell'utilizzabilità
E incominciare a far mettere i puntini su ieri tagliare su ciò che è utilizzabile ciò che non è utilizzabile
Badate sono solo tre le sentenze di questa consiliatura delle Sezioni unite non della Sezione disciplinare
In cui il termine utilizzabile o utilizzabilità e citato all'interno della motivazione ma senza alcun riferimento all'istituto che noi conosciamo
Ed è costituto talmente complesso che ha Carit Rizza azioni
Progressivamente alla luce anche della giurisprudenza europea sempre più connotati difensivi quello dell'utilizzabilità
Badate che tutto quello che inutilizzabile può essere utilizzabile a fini difensivi questo è l'orientamento a cui verso cui stiamo andando incontro nel rito disciplinare non abbiamo né non abbiamo nulla di tutto questo
Per cui
Tutto ciò che si può fare nel rito disciplinare andiamo un poco alla verso la fine
E quello di indenne argomentare e di e razionalizzare la possibilità di trovare dei documenti da potere produrre con congruo anticipo e con il contraddittorio che va assicurato il Procuratore generale che con grande rispetto
Per la procura generale procura generale giustamente pretende che le memorie
E i documenti siano conosciuti molto tempo prima dell'udienza di discussione per prepararsi la discussione
Eh sì
Ma il difensore l'incolpato non conoscono invece quelli che sono gli atti nel momento cruciale del passaggio tra i le indagini e l'udienza di discussione quindi vedete come l'anomalia diventa anche alla luce dei contrasti molto più forte
Bene e da notare anche che la particolarità questa per la verità esistente anche nel rito penale ma molte estenuante a nel rito disciplinare e quella della passaggio alla fase dell'udienza di discussione anche come si dice con brutto termine latino invito accusatore
Anche commettono
Contro la volontà dell'accusatore per cui ci siamo trovati di fronte mi è successo finora un paio di volte spero che non accada più perché forse la cosa peggiore dalla condanna avere una richiesta di archiviazione disattesa dalla sezione disciplinare
Invitando il procuratore generale a formulare l'incolpazione rinviare a giudizio
E allora cosa ci si aspetta
Ci si aspetta che il Procuratore generale sia come siamo noi i pubblici ministeri
Quando ci troviamo innanzi nell'all'udienza di discussione per l'archiviazione non accolta insistiamo le nostre posizioni talvolta invece ci troviamo procuratori generali e sostituite Pubblico Ministero in udienza che invece
Propende di nuovo per l'accusa perché magari cambia la persona fisica c'è una un convincimento diverso torniamo alla formula di Antonio Patrono
Ogni testa un tribunale toccati da e per cui il disorientamento certamente aumenta
E allora le strategie e le strategie sono ben poche vi dicevo
Per i fatti
Collegati all'esercizio del nostro servizio quindi all'esercizio delle funzioni tutto sommato la cosa più semplice sapete perché
Perché canonicamente la notizia disciplinare nasce
Da un'ispezione ministeriale nasce da qualcosa che già l'incolpato conosce forse conosce perché l'ha fatto ma potrebbe averla fatta inconsapevolmente
Per averlo fatto come si dice la vittima sa sempre quello che è successo perché la subito creato
Ebbene per certi aspetti magistrato e un po'la vittima del suo procedimento disciplinare perché sa di avere fatto di essere incorso in un errore quindi teme inizio al procedimento disciplinare
Ma in questo caso il diciamo che l'esercizio delle funzioni
Consente un rituale difensivo piatto per certi aspetti una memoria un la possibilità di produrre dei documenti che possono attestare la solidarietà dei colleghi
I quali sono ben lieti di non essere incappati loro nella nel nell'incidente disciplinare
E quindi sono
Tendenzialmente moderatamente propensi ad accompagnare il collega nella sua difesa moderatamente propensi ad compagnia del collega ma non Ponce molto corporativismo nell'ambito del circuito difensivo e questo meno sicuramente però confermerete tutti
E diversamente invece dai fatti che appartengono all'altra categoria cioè quella del non esercizio delle funzioni le ingiurie
Ma c'è anche una terza categoria che si ritaglia all'interno della prima cioè quelli collegati all'esercizio le funzioni ma in occasione delle funzioni
Io sto facendo un'udienza un'intemperanza verso l'avvocato e come dire e è sorbito dalla mia moderazione ingiuriò l'avvocato beh questo è un fatto più che il collegato alle funzioni ma in occasione delle funzioni
Forse in questi casi devo dire sono gli unici in cui dalle sentenze che ho letto la deduzione di testimoni la maggior parte dei quali puntualmente
Respinti e disattesi avuto invece un moderato ingresso
Ma quando si tratta di riti disciplinari che viaggiano in modo canonico dall'ispezione ministeriale o da conoscenza della procura generale sempre all'interno
All'interno del circuito giudiziario
La difesa migliore la difesa scritta la difesa confidando in un sostituto procuratore la procura generale che voglia interrogati sul fatto per il quale ipoteticamente poi rimanderà giudizio che non ci siano sorprese successivamente
E soprattutto in una difesa accompagnata da una memoria anticipata le parti
Concludo su un punto che mi sta a cuore che era anche un punto
Sul quale in alcuni casi di difese disciplinari mi sono soffermato ed è un punto su cui non ci si sofferma mai abbastanza ed è la cosiddetta decadenza
Esiste una decadenza che è una decadenza di un anno dall'inizio del procedimento disciplinare un anno e sappiamo tutti come funzione
Ma è importante perché avere una declaratoria ASI con questo brutto termine di decadenza e sicuramente tamquam una soluzione
Cioè significa io me la sono fatta franca probabilmente non mi difendo nel merito ma c'è decadenza e non c'è altro non se ne discute
Il discorso della decadenza
Che nel conto e anche qua il parallelo con rito penale importante dal punto di vista delle chance accusatorie dell'acquisizione della notizia e come dice la legge e come dicono i teorici del disciplinare
Dalla acquisizione della notizia circostanziata quando una notizia è circostanziata per fortuna ce lo dice la legge ma la legge ci dice che la notizia è circostanziata e quella che contiene tutti
Su questo tutti un attimo spendiamo qualche parola gli elementi costitutivi della fattispecie disciplinare bene
Dice giustamente Carrelli Palombi ma l'aspetto soggettivo l'elemento soggettivo è un aspetto costitutivo dalla fattispecie disciplinare non perdiamoci in questi dettagli perché ci perderemmo sul serio non è il caso di andare a disquisire sull'elemento soggettivo però
Il giudizio sulla notizia cosiddetta vestita cioè sulla notizia che sia circostanziata lorda la Procura generale e a me insuccesso di leggere in alcune incolpazioni
Come si mette nelle nei nostri atti penali in per Roma il oppure si mette accertato il o se c'è continuazione fino al la cosiddetta contestazione chiuse aperta io non entro in questo però il raffronto è utile
Ho letto notizia circostanziamo intesi fino al
Mi chiedo e mi preoccupo
Mi preoccupo perché è una notizia che si pronunzi circostanzia in modo progressivo
Senza la possibilità di darle un contraddittorio anticipato torniamo alla alla all'omesso quattrocentoquindici bis chiamiamoli così mi preoccupa
Perché il giudizio e le scienze difensive sul DS
Da cui decorre la decadenza
Io non c'è non non posso averla ho difficoltà ad andare a capire per fortuna una una sola sentenza di quest'anno ha sancito un principio che
E tanto banale quanto misconosciuto nella giurisprudenza consiliare quello del favor rei
Si vede che nel nostro ambiente il concetto di favor magistrato Peace come si vuole identico la magistratura vino adesso io non mi ricordo il caso
E poco praticato nel senso che quando non abbiamo certezza del D. S. d'inizio della circo stanziamento ammesso consentitemi il concetto della notizia
Vale il principio del favor rei quando noi contestiamo dicembre due mila uno noi cosa diciamo primo dicembre due mila uno quando noi diciamo nel due mila uno primo gennaio due mila uno il concetto a favore i no che vige nel scriveva
Per fortuna anche qui
Ma ci disorienti siamo e ci troviamo disarmati quando si legge notizia di reato acquisita il e circostanziamo intesi progressivamente fino al
Non abbiamo armi signori
Non abbiamo armi per poterci difendere eppure
Il concetto della notizia circostanziata e il concetto e sottolineo il concetto perché è un giudizio quello
Sul circo stanziamento della notizia perché non è affatto vero che la formula quella che contiene tutti gli elementi costitutivi della fattispecie disciplinare sia chiara
Perché non è chiara fatto e con questo vado veramente verso la conclusioni sapete perché non è chiara perché se noi andiamo a vedere gli articoli due tre che sono quelli dentro e fuori l'esercizio le funzioni sono costellati di aggettivi
Grave ingiustificato
Possono per esempio la lettera h per l'iscrizione partiti politici dice che possono condizionare se tipi possono è una notizia circostanziata quella di un fatto di una vicinanza a un ammesso e non concesso che ci siano ancora partito politico perché c'è il rischio di condizionamento ma c'è il rischio che possono è una valutazione
Non dovrebbe far parte del circo stanziamento della notizia ecco perché il problema del quattrocentoquindici bis ed è la discovery prima del giudizio chiamiamolo così della della discussione diventa e si amplifica e si
E sa spera come un momento assolutamente importante e imprescindibile perché lì
Che potrà essere valutata se è una notizia e circostanziato meno quando bisogna passare da non al carico pendente disciplinare questo è il momento e in questo la compatibilità con rito penale alla luce della giurisprudenza consiliare alla luce della giurisprudenza le Sezioni unite non ci dice nulla sulla compatibilità ed è così che io poi concluderò
Per esempio il gravemente l'ingiustificata Lince abbiamo ora perché ho finito proprio finito allora la conclusione andiamo al dispositivo il giudizio disciplinare un giudizio ahimè rapido
è un giudizio sommario ma perché il legislatore che lo vuole sommario allora bisogna riempirlo difensivamente discendano INPS di garanzie di possibilità che un po'appartengono alla categoria della rassegnazione
Rassegnazione combattiva oppure una combattività rassegnata ma insomma qualche cosa che appartiene a un po'di rassegnazione è un po'di combattività
E soprattutto c'è il rischio di affidarsi ad una giurisprudenza mutevole
Che non appartiene solo alla interferenza soggettiva di chi compone un tribunale una sezione disciplinare che sta nelle cose fenomenica l'accettiamo ma che appartiene alla
Successione quadriennale delle consigliature che producono giurisprudenza come in questo caso assolutamente contrastante defaticante per esempio in materia di ritardi
Dove la maggioranza degli aggettivi si concentra ingiustificato grave e quant'altro e allora se questo è vero andiamo al discorso della notizia circostanziata
Dobbiamo dare contenuti all'ingiustificatezza dobbiamo dare contenuti maggiori di quello che la formula della legge dica sulla gravità perché è una presunzione ricordiamoci che è una presunzione per potere dire che la notizia è circostanziata
Non sono rassegnato non sono neanche pessimista addirittura mi sento di potere concludere che nel giudizio disciplinare le chance difensive a volte a volte hanno successo
Però la speranza è duplice per andare al dispositivo uno che ad una cosa pensi il legislatore con l'introduzione di un giusto processo disciplinare
Con la
Come dire frattura del momento tra le indagini e il dibattimento con una discovery che metta l'incolpato in condizioni di potersi difendere dal vero
Dalla vera contestazione disciplinare che non perché può non essere quella che ha avuto contestata in sede di indagini e soprattutto che possa mettere in condizioni di discolparsi prima di affrontare un'udienza in cui l'utilità la lettura di tutto quello che si è fatto la rapidità necessaria del rito dovrà fare i conti con Jean se difensive sicuramente minore arte
Alle Sezioni unite il compito invece di riuscire e questo è un auspicio a definire un catalogo di compatibilità con rito penale che è un rito in evoluzione
Più chiara più definibile perché questo è un compito sicuramente di legittimità e che possa servire come decalogo per il difensore e soprattutto per i poveri incolpati grazie
Siamo in ritardo leggermente sullo programma spero che non sia un ritardo grave ma credo che sia sicuramente giustificato dall'interesse di tutte queste relazioni
E comunque poi Dino Petralia caso fosse consigliato ingiustificato ci difenderà con
La veemenza che ha mostrato nel suo intervento chiamerei quindi subito Giovanni Salvi al tavolo dalla sua relazione dal titolo molto intrigante e che molto
Pregiudizi a realtà si conoscere per informai elementi di conoscenza stanno emergendo molti e tante in questo convegno
E quindi gli do subito la parola e lo ringrazio grazie grazie
Il titolo effettivamente era
Nardo prima di queste
Recenti polemiche
Ma in qualche maniera si ricollega
Perché nasce per me da un impegno che risale ormai a negli anni novanta quando ho iniziato a
Lavorare in NM e mi sono accorto che la immagine che si arriva all'esterno della giustizia disciplinare era molto diversa dalla realtà
Un'immagine di una giustizia che si definiva il si definisce tuttora domestica volendoci dire che è una giustizia addomesticata
Perché in realtà la giustizia disciplinare eh o dovrebbe essere una giustizia strettamente domestica nel senso che ora
Chiarirò
Non è una giustizia di tipo para penale
è una giustizia che ha una sua caratterizzazione per il rapporto stretto con la deontologia e di un corpo e dal corpo e amministrata anche se nel caso specifico della magistratura
E amministrata con lo sguardo alle guarentigie
Che vigono della magistratura e anche quindi a quell'interesse pubblico che la magistratura si amministri e non come corpo ma aprendo sì
Nelle forme nei limiti e nei modi che sono indicati dalla Costituzione ma non per questo cambia il ruolo della giustizia disciplinare che e deve essere domestica
Quindi quando si alzi dice con una modo di dire che ormai è diventato abituale che la nostra giustizia domestica si vuole dire che lassista che buonista che inefficace
E che non consente di aprire una salda disciplina del corpo
Quindi da questo mio impegno che poi è passato una consiliatura molto difficile da questo punto di vista perché avevamo
Nella come membro della consiliatura
Giuseppe Di Federico che erano studioso che su questo fatto aveva come posso dire impegnato la sua carriera naturalmente lo scontro era pressoché quotidiano
E il mio impegno allora è stato quello di rappresentare anche nel opinione pubblica attraverso una serie di interventi sul Sole ventiquattro ore su Italia Oggi eccetera quale fosse la realtà
Della giustizia disciplinare rispetto
Alla vulgata che è ormai divenuta luogo comune
Oggi però possiamo parlarne ritorno poi su questo che l'oggetto della mia relazione di oggi anche perché siamo in sede di Anm quindi dobbiamo anche
Come posso dire utilizzare il dibattito di oggi per capire che cosa dobbiamo fare domani
Un delle sfide che abbiamo delle sfide che sono attuali
Oggi naturalmente sappiamo che c'è anche un altro aspetto di questo conoscere
Per riformare ovvero giudicare che è quello che i se il peggior dalla magistratura i colleghi sono sconcertati lo sono da tempo
Perché avvertono quello che anche qui oggi è stato ripreso da molti una giustizia che non sempre riconoscibile in tutti i suoi elementi che e forse un po'più ballerina rispetto a quello che normale
Che avvenga anni soprattutto perché un giudice diciamo tendenzialmente unico nella sua composizione quindi forse quel
Tot capita tot presenti insieme alla fine qui viene interpretato come di correre tutto capite delle sentenze si può leggere di tutti
Ma la e e sono sconcertanti sono sconcertati e preoccupati
Non riescono a capire a individuare un filo logico delle decisioni giudizi della sezione disciplinare prima ancora che sarà
L'argomento principale del mio intervento le scelte della Procura generale
Quindi c'è uno sconcerto che si trasforma in una richiesta di informazioni a volte in modo e con modalità che io non condivido per niente anzi mi stupisce che i magistrati
Possono fare richieste di informazioni come quelle che leggo ogni tanto sulle mailing list che io mi posso aspettare venire da profani quelli diritti chiedono
Ma dovete ispira al giudice prima che depositi Lazard motivazione la sentenza dice dovete chiarire perché avete preso questa decisione
E me lo diede del giudice di chiarire prima dei depositi la motivazione deve aspettare amico mio deve aspettare
Il che non voglio non vuol dire che non ti devi fare i tuoi le tue riflessioni che non ti devi leggere gli atti che non ti puoi leggere le le capo di imputazione che a disposizione di tutti
Che non ti puoi sentire sul Radio Radicale
Le discussioni del Pubblico Ministero disciplinare e del difensore di fare dove non è lei esprimi ma non puoi chiedere al giudice disciplinare
Di dirti prima qual è la la la la ragione della decisione non c'è niente da fare per avere quello degli aspettare
E allora però questo non vuol dire che la richiesta non sia giusta nel senso che
I colleghi vogliono sapere che cosa sta succedendo perché purtroppo è vero quello che che
E non è riconosciuto riconoscibili valori
Che sono alla base della impegno dalla procura generale prima e delle decisioni della giustizia disciplinare due
Ma perché avviene questo avviene a mio parere anche perché noi abbiamo subìto in questi anni non sempre rispondendo con la necessaria determinazione chiarezza
Una vera e propria campagne di mobbing sul disciplinare
Quello che io affermo oggi e ho affermato in passato anche in qualche
Articolo che ho scritto basato su su dati e che noi non abbiamo un problema di giustizia dei disciplinare eccessivamente morbida domestica in quel senso il contrario
Noi abbiamo il problema di una di un gigantismo della giustizia disciplinare
Di una Prosperetti sa onnivora della giustizia disciplinare noi abbiamo il problema di una giustizia disciplinare che ormai si è parificata un processo penale parallelo e non è questo il compito della giustizia penale
Tutto quello adesso cercherò di documentarlo ma tutto quello che oggi si è detto per esempio a proposito
Di articolo tre visse di rilevanza del fatto
Di giusti di ingiustificatezza in meno in realtà è un problema di interpretazione dell'articolo uno della decreto cento il nove del due mila e sei
Perché proprio per quella ragione che citavo all'inizio del intrinseca la funzione della giustizia disciplinare
In realtà quello che deve essere valutato dal giudice disciplinare e il complesso della vita professionale del magistrato e se questo illecito specifico sia stato idoneo all'etere quei valori
Di cui al primo all'articolo al primo come ex primo comma prima dell'abrogazione
Dell'articolo uno quello è il faro che deve illuminare il Procuratore generale prima
E il giudice disciplinare poi nell'interpretazione di la tipizzazione che è stata richiesta ma anche dalla è ANM
Non è la tipizzazione dell'illecito penale
Anche in anche per noi doveva avere una funzione di garanzia
Nel senso che doveva fallire a delimitare la la la possibilità di colpire quei valori non al diventare come posso dire
Lo strumento per una appunto penalizzazione del processo disciplinare della sanzione disciplinare
Perdendo di vista quello che invece e il ruolo reale della giustizia disciplinare la valutazione
Del comportamento complessivo del magistrato all'interno della sua attività professionale e la possibilità quindi
Che attraverso la violazione tipizzata di di alcune
Norme quindi alcune condotte tipiche possa avere lì sono quei valori perché dico che
Vedete è molto difficile fare con fare comprendere che il nostro sistema giudizi disciplinare e molto e molto
Ficcante e molto se è vero
Con alcune voi ricadute anche perché si parlava adesso diritti dei ritardi che una delle questioni che maggiormente preoccupa i colleghi
E questa questione così come è stata vista nelle interpretazione soprattutto della delle Sezioni riunite della della Corte questa
Questione ha degli effetti aberranti non solo quelli che sono già stati citati qui prima da Roberto
E cioè quelli relativi diciamo ad una i approccio burocratico alla funzione ma anche alcuni riflessi organizzativi paradossali la mia esperienza di procuratore della Repubblica
Chi è molto spesso il giudice guarda di più parlo il giudice dal punto di vista del pubblico ministero a questi profili dei termini
Del del dei provvedimenti che hanno a termini che sono valutabili sul piano disciplinare piuttosto che quelli che richiedono invece un intervento urgente perché cautela pare prevedibili procedimento cautelare viene messo da parte perché di fatto non viene sanzionato disciplinarmente quindi può aspettare un anno un anno e mezzo una richiesta di misura cautelare
Mentre magari la motivazione trenta giorni viene depositata il trentesimo giorno con questo effettua veramente paradossale che a un pubblico ministero ovviamente quello di immaginare quanti Riva pesce
Ed è una parte come posso dire il rovescio della medaglia o meglio una un aspetto di quella burocratizzazione del lavoro del magistrato allo
Il
La
La giustizia disciplinare l'abbiamo io non non vi cito a me le le statistiche perché li conoscete noi le statistiche però vanno lette vanno interpretate
Non ci non è est non nelle sentenze di condanna non vanno considerate soltanto quelle che ha come tali possono essere definite a mio parere
Vanno considerati anche i in molti casi
Nelle quali vi sono dimissioni dall'ordine giudiziario in pendenza di procedimento disciplinare
Che molto spesso sono di fatto motivante dalla preoccupazione ha diritto a ricevere una sanzione disciplinare grave
Quel se non si considera per esempio questo elemento non si comprende anche l'aspettativa di condanne chi viene da parte del magistrato o comunque di subire un procedimento disciplinare serio e severo
Se voi sommate queste questi aspetti vedete che vi è un
Il numero di procedimenti che si concludono con una condanna o in questa maniera estremamente significativa
Un altro aspetto diciamo che viene mal compreso delle statistiche giudiziarie delle statistiche chiedo scusa del disciplinare
E quello relativo al rapporto
Tra le sentenze di non luogo a procedere quelle di condanna che vengono parificate a quelle del penale e quindi si dice
Vedete mentre nel penale ai rapporti
Poniamo da uno a due qua c'è un rapporto da uno a dieci il che vuol dire che il giudice disciplinare molto buono ma non è così
è semplicemente che il meccanismo gente processuale diverso
Perché nelle sentenze di non luogo al ad non farsi luogo al dibattimento sono compresi tutti quei casi
Nei quali è lo stesso Procuratore generale a chiedere
Il non luogo al dibattimento al tema
Mine della fase nella quale è stata promossa l'azione disciplinare a differenza del processo penale che che nel processo
Disciplinare non c'è il giudice per le indagini preliminari è una figura equivalente e non c'è e l'azione penale si considera esercitata non quando viene chiesto il giudizio
Davanti alla Sezione disciplinare come avviene per il penale ma solo nel momento in cui l'incolpato viene posto conoscenza dell'esistenza di questa fase
Tutelata delle indagini disciplinari quindi è ovvio che tutte quelle definiscono
Senza richiesta di azione finiscono con una sentenza della sentenza di della Sezione disciplinare che non può essere parificata ad una sentenza di assoluzione
Dopo l'esercizio dell'azione penale non so se sono stato chiaro la lettura delle delle delle statistiche va quindi fatta con una chiara consapevolezza di quello di cui si sta parlando
Con questa premesse che a mio parere importanti chiarificatrice ma in realtà anche senza questa Brimis
La il i dati delle attività della della procura generale e sto parlando dei casi in cui c'è l'esercizio dell'azione disciplinare poi parlerò degli altri
E poi della Sezione predisciplinare senza paragoni è incomparabilmente più severa
Rispetto a quella delle altre amministrazioni dello Stato o di altre professioni che possano essere in qualche modo con voi correlato
L'unico diciamo corpo che in qualche maniera a una giustizia disciplinare paragonabile alla nostra e quella del notariato
Ma forse c'è una ragione interessante per cui questo avviene
Questo avviene perché anche il notariato come nuovi alla necessità della fiducia
Del pubblico che gli si rivolge e quindi alla necessità di tutelare con forza non il consenso ma la fiducia del pubblico e quindi per questa ragione avendo una funzione diversa da quella dell'avvocato
I tutti rivolge al notaio perché vuoi
Chiti di affidamento sulla esito della sua attività tutela con molta forza la sua
Un diciamo immagine pubblica anche se poi in realtà se si vanno a vedere quali sono gli gli illeciti perseguiti sono molto spesso illeciti che riguardano
I rapporti interni però comunque il dato di fatto in questi
Mi dispiace che non ci sia il rappresentante della avvocatura io non voglio fare polemiche ma io utilizzo ho usato negli scritti chiedo seguito tendesse uso oggi
I dati che mi provengono dall'Avvocatura stessa e io ancora dati diversi da quelli delle decisioni in appello non c'è Leo
Benché gli abbia chiesto in molte volte io non Celio perché non ce li ha nessuno
Nessuno ai dati relativi alle condanne disciplinari che vengono irrogate dai Consigli l'ordine ora c'è questa modifica vedremo come andrà
In sede di appello la percentuale è bassissima rispetto a una platea di duecento duecentotrenta mila secondo gli anni avvocati ormai sta ancora salendo
Abbiamo decisioni che vanno dalle duecento alle quattrocento questo è il pensiero d'appello questi sono i i rapporti
E quelle vedete poi c'è un altro aspetto sempre paradossale che però l'Anm deve comprendere nella capacità di dialogare con questi problemi perché altrimenti si radicano dei modi di pensare
Che diventano degli apparati ideologici trasversali contro i quali non c'è niente da fare allora qual è l'altro meccanismo ora che
Dice discende da queste da queste dalla lettura di questi dati malevola dalla lettura malevola di questi dati e che
I magistrati o hanno le due letture sono o è una giustizia buonista e
Lassista oppure senza alcuna mediazione e che i magistrati commettono moltissimo illeciti penali e disciplinari
E c'è una categoria inaffidabile vedi il numero di illeciti che commettono
Ci sono contemporaneamente tutto il due queste queste che qui procedono parallelamente negli stessi ambienti a volte dalle stesse persone questo interessantissimo
Vedete io vi leggo per esempio un titolo
Le commentare che diventa interessante quesito serve all'Anm per capire che questa non è una battaglia secondarie di retroguardia perché è un punto centrale della nostra
Affidabilità pubbliche
Un titolo con il quale viene commentata la relazione del procuratore generale presso la Cassazione che aveva detto praticamente aveva detto due cose che
La nell'ambito delle attività del Procuratore generale e si cercava di tirare
Dalla essa dalla sanzione sui ritardi che era e su quindi la le le negligenze che era invece
L'attività all'epoca principale da parte del Ministro delle iniziativa del ministro verso la protezione di valori più di fondo quindi verso colori di correttezza e di
Tutela di del del del non solo dell'articolo della del degli creati con delle violazioni disciplinari commesse fuori dall'esercizio delle funzioni
Ma anche come si ricordava prima quelli commessi in occasione dell'esercizio delle funzioni che riguardano la correttezza per esempio nei rapporti con i magistrati con le parti e così via gli obblighi di astensione
Titolo
Immagino titolo che sintetizza quello che dice il Procuratore generale i magistrati commettono sempre più reati e aumentano le violazioni delle norme
Processuale
Questo è il titolo del del con me senza speranza
Cioè si non
Se non non si procede si si procede perché sei proprio Mancini chi ha teorizzato queste perché c'è chi dice citato credo da Di Federico
è che infatti il Lord Justice del di CNEL del
Non so di quale delle articolazioni
Della Gran Bretagna dice che loro non hanno bisogno in un sistema disciplinare perché sono già molto controllati all'interno del corpo non esisteva né un caso in cui vi
Sia una sanzione disciplinare per un magistrato questo però non è esempio del fatto che non funziona il loro sistema disciplinare esempio del fatto che noi facciamo un sacco di porcherie
Allora questo è un po'una
Meccanismo anche da comprendere e da affrontare
Una vedete
Un problema
Serio è costituito
Dal fatto che vi è alcuna
Trasversalità di queste
Di questo apparato o no io qualche tempo fa fu invitato al un convegno di una fondazione dell'area di sinistra la Fondazione Morando
Chi aveva abbiamo disciplinare che aveva una bella un bel un bel titolo aveva un bel titolo
Il titolo era
La
La riforma della giustizia come se Berlusconi non ci fosse
A
Bellissimo finalmente parliamo allora parleremo della
Lunghi da
Il nell'appello rispetto al primo grado appello del pubblico ministero ma in quali casi la riforma del giudizio di Cassazione la prescrizione se quattrocentoquindici può interrompere
Il decorso della delibera Prisco ottocentoquindici bis può decorrere doveva
Tante cose ordinamentali interessanti
Primo punto all'ordine del giorno la riforma della giustizia disciplinare io gli ho detto scusate ma
Ed è proprio il titolo è proprio quello giusto perché non c'è alcun bisogno di Berlusconi
O c'è Berlusconi non c'è Berlusconi parliamo sempre delle stesse cose
E questo non è non è possibile e fa un po'parte anche del nostro lavoro far capire perché quando io poi lo citato le statistiche della disciplinare
I numeri gli aridi numeri mi è stato detto che avrebbe ma quel caso quell'altro caso tra l'altro uno di questi casi è il mitico caso della che risale agli anni Ottanta
Del collega che fu sorpreso in un cinema con un ragazzino senza dimenticare
Chi da quel caso nacque la svolta bella a le la sezione disciplinare del degli anni ottanta
Che fu quella svolta che consentì alla Consiglio Superiore della Magistratura dell'epoca di essere l'unico che ebbe seguito i magistrati
Del che erano iscritti alla loggia Propaganda due mentre tutte le altre amministrazioni dello Stato non lo sei c'ero ma non perché la magistratura fosse più corrotto e forse più infiltrata
Ma perché la magistratura se per reagire rispetto a quella a quella infiltrazione
Ecco quindi dobbiamo essere in grado noi di sapere rispondere a queste sfide a queste
Come posso dire a questi apparati ideologici veri e propri apparati ideologici e dobbiamo essere in grado di non perdere mai un colpo nella
Nel replicare e nel per rispondere
Vedete
Io quando quando è arrivata la violazione dei saggi in un primo momento aveva ordinato quasi un respiro di sollievo perché
Finalmente non si partiva dal fatto che la giustizia nostra non funzionasse no
Si partiva anzi dal fatto che la nostra giustizia disciplinare dovesse essere estesa agli altri
Chi ha detto a me almeno un Passavanti almeno non ci dicono le solite cose anzi ci dicono dicono che le altre magistratura devono prendere esempio da noi
Però poi quando vado a vedere come articolato questo meccanismo
Mi rendo conto che è basato sulla non conoscenza
E basato sulla non conoscenza per questo io ho voluto intitolare la mia relazione
Conoscenza come presupposto della riforma
Perché
Non si basa sulla non conoscenza perché evidentemente non si sa
Coloro che hanno scritto questa questa questa questa prospettiva non sanno che non esiste un procedimento disciplinare come tale
Per i magistrati contabili pericoli magistrati amministrativi esistono norme sparse
Che non consentono in realtà alcuna seria attività disciplinare con la conseguenza
Che il problema non è quello di mettere i magistrati amministrativi e contabili in un organo nel quale Anna quel minimo completamente e definitivamente
La la giustizia di tutti quanti con una
Percentuale dei magistrati ordinari praticamente inesistente ma è quella di partire dalla inesistenza persino dell'organo dell'azione
Delle magistrature contabili e amministrative
è lo stesso vane per il CRA le sezioni per l'individuazione
Della
Diciamo dell'organo che dovrebbe giudicare in secondo il definitivo grado
Si dice non deve essere del non deve essere le Sezioni Unite della Cassazione la prospettiva in varie proposte è quella di non ricorrenza ma perché
Cioè le Sezioni Unite della Cassazione hanno dato cattiva prova
In questi in questi in questi anni o forse come abbiamo sentito qui semmai sono eccessivamente rigorose
E questo risulta anche dai dati perché i dati del due mila undici per esempio scusate
Ci dicono che sul set su cinquantacinque
Ricorsi che sono stati presentati in materia disciplinare alle Sezioni unite
Tredici sono stati del ministro quindi su cinquantacinque tredici sono ricorsi del ministro ne sono stati accolti di cinquantacinque sedici sapete quanti del ministro dodici
Questa sarebbe lassismo del nostro sistema disciplinare per il quale le Sezioni unite non vanno bene per come giudice
Di legittimità di chiudere il cerchio della giustizia disciplinari
Insomma noi dobbiamo
Partire da anche noi da una migliore conoscenza dei dati del disciplinare e un impegno fondamentale quello che è parte
Dalla
Dalla procura generale la procura generale e non la conosce nessuno questa è la verità nemmeno voi magistrati sappiamo che cosa succede nella Procura generale
E questo e un un una una cosa a cui dobbiamo porre rimedio a partire dalla stessi organi interni della procura generale che già per la verità da qualche anno lo hanno iniziando a fare
Fornendo almeno dei dati statistici di grande Area perché vedete qual è il problema di fondo quel meccanismo che già vi è stato illustrato dell'archiviazione con cestino azione diretta a meno che non vi sia
Ma l'esercizio dell'azione inteso nel termine che ho detto prima
Implica che tutte le decisioni della Procura generale che il quindi non vengono sottoposte da controllo giurisdizionale ma solo al controllo del ministro che ha ragione però non con un'ottica
Identica a quella del del procuratore generale ma con l'ottica dell'opportunità opportunità certo che non è l'opportunità non vuol dire
L'opportunità vuol dire può fare quello che vuole l'opportunità o il dire che a parametri diversi da quelli di stretta legalità che invece
Abbiamo nove ma
Non c'è quindi nessuna organo che valuta questo la procura generale quindi deve fare tutta una serie di valutazioni estremamente pregnanti perché in realtà quello che si sa si conosce poco
E che
Il numero di
Illeciti disciplinari che vengono segnalati alla Procura generale enormemente superiore
A quelli che poi giungono all'esame anche solo con richiesta di in un luogo a a dibattimento a giudizio
E che quindi vengono filtrati con un lavoro enorme
Da parte della Procura generale
E quindi questo è il primo problema di fondo capire quali sono i criteri i parametri di che la procura generale utilizza e per fare questo è necessario conoscere
Perché conoscere ci potrà dire
Come funziona la tipizzazione
La tipizzazione voi non la potete vedere come funziona dalla dalla sezione disciplinare nella sanzione disciplinare anzi la tipizzazione di vi risulterà paradossalmente come a una
Una qualcosa come posso dire di oscuro colore periodici di un giorno in una maniera un giorno nell'altra vero problema della tipizzazione ce l'hai nella valutazione del Procuratore generale
Per esempio per molte condotte che ciascuno di voi considererebbe un illecito disciplinare
Nei rapporti diciamo non quelli strettamente
Articolati dell'illecito nell'esercizio delle funzioni ma quelli al di fuori dell'esercizio delle funzioni
Non rientrano nella tipicità molte volte si è costretti a chi a da al al cestinare perché in realtà comportamenti che stridono che danno fastidio
Che veramente incidono sulla prestigio a
Del e sull'immagine del magistrato non sono considero considerati con illeciti disciplinari pensate per esempio le frequentazioni
La tipizzazione delle frequentazioni che su questi riuniscono illecito disciplinare eccoci tarata sul procedimento trattato dal dal magistrato
Ho sulla come posso dire G.I.T. sul pregiudizio penale già esistente nei confronti del frequentato
Che
Privano di larga parte delle frequentazioni di rilevanza disciplinare
Allora se noi
A avremo una conoscenza buona di questi reale effettiva di questi meccanismi potremmo anche sollecitare
Una modifica normativa questa sì che non vada nel senso che tante volte ci viene proposto
Di un anche maggiore incisività della nostra azione ma non sui ritardi
E sulle altre questioni che noi ben conosciamo ma su questi aspetti che sono quelli che più gravemente ledono l'immagine della magistratura
Questo questi sono conoscere queste cose è fondamentale perché se no non le conosciamo si spargono poi anche come posso dire
Ingiusti sospetti e incomprensioni delle difficoltà allora come si può fare conoscere
A mio parere dalla Procura io l'ho scritto questo quindi sono cose che ho scritto due-tre anni fa quindi
Chi vuole poi se devo guardare su questioni di giustizia però
A mio parere si deve ristrutturare il meccanismo
Di registrazione degli illeciti
Da parte della Procura generale in maniera tale che già nel momento della registrazione sia possibile conoscere di che cosa si tratti non solo con riferimento alla tipizzazione perché se non siamo punto e daccapo
Ma anche con riferimento ad alcune tipologie di illecito che non di illecito di condotte che non sono tipizzate ma che possono essere tre quinti irriconoscibile
E un secondo e quindi un primo punto è
Intervenire sulle modalità di registrazione
Un secondo punto molto importante e quello relativo alla massimazione di queste decisioni
Tutte le decisioni significative del Procuratore generale
Che finiscono con archiviazione a mio parere devono essere massimamente devono esserle con la tutela della delle generalità in maniera che non sia identificabile per carità il magistrato che lo ha che a cui può essere addebitato di illecito ma devono essere assolutamente
Devono essere assolutamente massimamente in maniera che si sappia che per esempio non si è potuto procedere per come illecito disciplinare nei confronti del magistrato che si è recato
Con un pregiudicato ma anche lui non per il quale non aveva procedimenti in un case di appuntamento scegliendo le ragazze facendo del Sele portare
Uno una volta che si è una volta no la
Scrivere questo non è previsto con BOC come illecito tipizzate lo dobbiamo sapere
Perché in questa maniera noi potremo a vere anche la possibilità di intervenire in maniera significativa
Per
Per rimediare queste situazioni chiudo con questo riferimento a mio parere però
Molto può essere già fatto in favore
In favore perché non possiamo supplire con interpretazioni analogiche ovviamente a queste carenze però possiamo riempire sin d'ora
Quelle norme tipizzate incriminare anti di quei valori fondanti di illecito disciplinare già qui è stato detto molto bene non lo ripeto ma ci sono gli strumenti per farlo a partire dall'articolo tre bis che ovviamente
Può essere esteso con riferimento all'articolo uno a ricomprendere tutti i parametri tipiche tipizzare anti di un fatto ivi comprese quindi l'ha condotta la situazione
Delle possibili giustificazioni e così via quindi
Conclusione
Bisogna conoscere
Bisogna rappresentare ciò che conosciamo in maniera chiara ed incisiva non perdendo mai un colpo mai un colpo impedendo che si consolidino dell'opinione pubblica
Operando di interpretazioni che diventano poi irremovibili e terso operare in maniera significativa per ridurre
Il gigantismo della giustizia
Disciplinare riportandolo a quello che deve essere e cioè una valutazione interna al corpo
Della possibilità per il magistrato di esercitare in maniera con prestigio e con buona immagine questa straordinaria delicata funzione grazie
Cerchiamo anche noi non perdere colpi andiamo velocemente avanti noi avevamo
Invitato il infatti colleghi e a interventi programmati tra l'altro a proposito di pregiudizio conoscenza dei fatti devo dire che poi proprio chi
Magari sulle Melissa ci chiede o faggi utilizzi senza conoscere poi magari non chiede di intervenire e non partecipa a questo convegno
Chiamo ad intervenire Armando Spataro
Lo ringrazio
Altri interventi programmati
Sentiamo l'aveva proposto e dosi cosa volessi quattro interventi hanno inoltre ecco stavo dicendo che Pasquale Fimiani ha fatto sapere di si scusa di non poter intervenire per per ragioni
Familiari conteniamo mare in dieci minuti così una mezz'ora Svimez orali
Va bene intanto devo dire che questa serata mi pare veramente ricca di tanti spunto interesse quindi complimenti la la Giunta per aver voluto e organizzato questo incontro
Dico subito in premessa che in questa materia dobbiamo tutti sforzarci di evitare generalizzazioni gratuite
Atteggiamenti corporativi no a mio avviso non sono proprio ammessi sì perché è ovvio che un disciplinare che funziona solo diciamo in tanti ma dobbiamo effettivamente praticare questa convenzione come dire è anche garanzia del nostro sistema ordinamentale nostra indipendenza delle valutazioni in carriera così come sono
Penso che sia anche importante per mantenere un sistema di responsabilità civile che come si sa oggetto sempre di progetti che si possono anche definire attentati l'indipendenza nella magistratura
Dunque io personalmente sono Pubblico Ministero da sempre dalla quando sei entrato in magistratura trentasette anni
Ma anche i difensori scippi nave da almeno trenta
Poi ho anche fatto un po'l'avvocato prima di entrare in magistratura quindi lo dico questo con una sorta di
Premessa per cercare di
Darvi
Questa questa convinzione io credo di di capire di conosce i problemi che ha il Pubblico Ministero in un'indagine ordinaria
Ma anche nell'indagine disciplinare
E ovviamente però conosco anche il tipo di lamentele che spesso vengono dai difensori per esempio mi sono riconosciuto in moltissime delle affermazioni Dino Petralia e qualcosa è qualcosa di ulteriore della dell'affido ero io
Io sono convinto che non vadano
Come dire seguiti eccessi di critica quando vengono da una dall'altra dall'altra parte però però però ci sono dei però
Quindi
Ma avvocato disciplinare però con qualche esperienza di indagine di carattere generale
Io dico subito che questa sera non parlerò della giurisprudenza e della Sezione disciplinare perché visto il tempo bisogna anche
Individuare un un oggetto più le limitato
Ma vorrei parlare di qualche rilievo possibile a ciò che avviene durante le indagini prima del del eventuale giudizio disciplinare o comunque durante la procedura disciplina
Ovvio scontato il rispetto per per chiunque sia
Impegnato nelle indagini disciplinari nelle conclusioni soprattutto in questa
Complicatissima selva di
Di sentenza di cui Antonio ha parlato molto dettagliatamente dunque
Sono peraltro quelle di cui parlerò lamentele da parte degli avvocati la mente lo spunti critici va chiamiamoli più tecnicamente
A mio avviso identici e da da sempre nel senso che io vi ho detto faccio molto anni da molti anni questo servizio molte delle critiche possibile a sistema disciplinare
Sono identiche anche dopo il due mila e sei quindi non è come dire il l'insieme dei mi rilievi mosso solo unicamente alla nuova
Disciplina perché io sono assolutamente convinto che nel modus operandi ci sono atteggiamenti scelte che ricorrono perché si possono anche correggere
Sappiamo tutti della crescita delle procedure disciplinari e anche delle condanne anche se credo che su questo a Rio Castel deciderà
Cose molto interessanti se interviene come credo
Ma io sono anche convinto che non sono tutte conseguenza dell'obbligatorietà dell'azione disciplinare cioè non credo che le maggiori procedure in termini quantitativi
è il maggior numero di condanne siano il frutto dell'obbligatorietà dalla società o sono solo in parte nel senso che forse le procedure sicuramente può meno le sentenze
Dico con veramente attenzione rispetto che bisogna evitare la sensazione che talvolta cerco anche al soprattutto al di fuori della magistratura
Che come dire queste procedure siano
Caratterizzante dando una sorta di attenzione ciò che si aspettava gente la gente aspetto cioè che il magistrato che incorre ritardi sia punito che il magistrato che sbaglia sia punito che il magistrato che rende una dichiarazione
A tutela dell'indipendenza proprio dalla sua onorabilità sia punito l'aspettativa dalla gente talvolta non lo è in concreto ma rischia di essere vissuta da qualcuno come un fattore che può influenzare le procedure disciplinari allo appartiamo presento sotto questo profilo dalle iniziative ministeriale
Vorrei partire subito da questo e a mio avviso ancora una volta e per l'ultima sottolineo ovviamente rispetto per alla difficile
Titolarità dell'azione disciplinare da parte del frutto del generale a mio avviso vi è troppa acquiescenza
Dalla Procura generale rispetto alle iniziative ministeriali cerco di spiegare in che modo ovviamente sappiamo che il ministro titolare dell'azione disciplinare
E spesso si muove sulla base di ispezioni ministeriali ci possono avere la più
Svariata ragione origine ci può essere
Che l'esposto del cittadino privato oltre che le ispezioni periodiche va bene ora
Prescindiamo dalle ragioni da cui spesso traggono origine le ispezioni sulle quali però torno perché hanno
Formalmente e legittimamente le ispezioni possono avere il le azioni ministeriali posso avere ragione politica lo dico tra un attimo va bene
Vediamo però come vengono svolte con quali ricadute poli sull'azione della Procura generale allora intanto sono procedure amministrative
Che sono prive di quei caratteri di garanzia per chi sottoposto all'ispezione o per chi si trova progetto di un giudizio finale negativo dell'ispezione
Sono procedure che non garantiscano chi viene sottoposto io credo che non dovrebbero avere
Le ispezioni influenza o ingresso sull'azione
Nell'azione disciplinare
Non è così nella prassi purtroppo devo dire le relazioni ispettive che mi è capitato negli anni di vedere anche
In tempi più recenti sono spesso assertive da un lato
Sono frutto di ragionamenti deduttivi non sempre
Condivisibili anche sul piano di chi li formula voglio dire est però queste conclusioni e questi ragionamenti affermazioni trovano poi spazio diretto nei capi di incolpazione questa è un'altra molte un'altra lacuna che io rilevo
Cioè gli esiti delle ispezioni che influenzano la formulazione dei capi di incolpazione parlo proprio la formulazione ricordate Roberto Petralia
Dei capi di incolpazione che possono cambiare alla vigilia del giudizio disciplinare al momento dalla chiusura delle indagini disciplinare della Procura generale questo perché il produttore Generale fortunatamente si avvede mi ha visto che fanno anche con persistenza
Di quanto i capi d'incolpazione non siano tecnicamente accettabile e gli atti
Amministrativi di questo tipo finiscono nel nel come dire nel processo disciplinare pur ripeto se frutto di procedure non garantite faccio un esempio in passato capitò a me
Di riceve una lettera dall'Ispettorato che mi chiedeva di spiegare il perché di una certa mia scelta
E lì a mio avviso non c'erano sparsi perché era evidente che se avesse disposto una certa maniera ne sarebbe potuto scaturire un'azione disciplina
Per cui io scrissi all'ispettore dicendo che mi spiegasse la ragione l'esito possibile della mia risposta perché altrimenti non avrei risposto così è stato io non ho risposto perché era del tutto evidenti ministro da a Castelli
Era del tutto evidente che l'ispezione mi ponevo una domanda che se mi fosse stata posta in sede disciplinare dal pubblico dal produttore generale
Sarebbe stata come dire passibile di rifiuto di sponda avrei potuto avvalermi dalla folta devo rispondere però questo
Ahimè spesso non lo sanno tanti colleghi soprattutto i più giovani che rispondono convinti che un possibile chiarimento definirà la situazione invece
E talvolta la aggrava dunque ecco che mi permetto di dire che sarebbe auspicabile
L'assunzione da parte della procura generale di un ruolo di filtro
Più efficace rispetto le conclusioni dell'ispettorato del ministro
Come di un fitto di natura giurisdizionale vero e proprio
Vorrei dire
Che quindi vanno evitati appiattimenti che siano frutto come dire di una sorta di cortesia istituzionale il rapporto istituzionale deve essere ispirato non solo
Alle altane certa ma anche a considerazioni ma perché possono tranquillamente questi atteggiamenti essere evitati lo dicono assoluta convinzione perché il ministro nel
Nostro nuovo ordinamento
Alla possibilità di ogni rimedio ha possibilità di rimedio contro l'archiviazione interna perché ne viene informato e può chiedere la procura generale di procedere
Ah rimedio contro la richiesta di non luogo a procedere dopo oltre un memento per l'azione disciplinare quindi misto Anna i suoi strumenti nel primo caso ordina e potenziare non può rifiutarsi
Di promuovere l'azione disciplinare quindi il mercoledì e il garbo istituzionale a mio avviso lascia il tempo che trova anche perché stavo dicendo prima torno e chiudo sull'argomento
Anche perché le ragioni politiche che sono talvolta alla base dell'azione ispettive quindi del pulimento se riuscirà a parte il ministro
Merito noi impongono un filtro ulteriore lo sta dicendo il solito magistrato per custodi politicizzazione no cari amici
Nella relazione di accompagnamento all'originario schema di decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri nello nel due mila e cinque in attuazione della legge delega
Nella relazione d'accompagnamento si giustifica la discrezionalità la facoltatività dell'azione penale del ministro dell'azione disciplinare scusate
Affermando testuale che l'esercizio può riposare anche su ragioni politiche lo dice la Rella la relazione del Consiglio dei Ministri e una realtà e che impone a mio avviso quindi
Con una sorta di ulteriore maggiore filtro da parte della della Procura disciplina
Vado avanti
Altro rilievo crimini permetto di fare
La necessità di maggiori approfondimenti investigativi da parte della Procura generale è stato detto anche da Dino Petralia quindi non non mi soffermo molto sul punto
Io credo che sia una carenza che si ripercuote poi nel l'iter successivo d'azione disciplinare e che sarebbe a mio avviso colmabile sia rispetto ad accertamenti
Che l'ufficio alla procura generale può ipotizzare facilmente sia rispetto alle richieste difensive le istanze difensive
Spesso si hanno molte istanze difensive ma quasi sempre
Est raramente vengono quasi sempre non vengono accolte o non loro totalità questo che cosa produce a cascata
Necessità di attività
Di indagini difensive bene possiamo fare benissimo però a questo punto siamo costretti a farle sapete che le indagini difensive secondo colore Tudino io non ci credo
Ma insomma possono avere anche l'importanza marginale secondari rispetto ai risultati che consegue quella del produttore generale
O può determinare una necessità di approfondimenti dibattimentali che poi competono alla Sezione disciplinare con l'allungamento dei tempi
E e dunque ecco che io non speaker lei una una
Ulteriore
Attività investigativa rispetto a quella che conosciamo anche perché qui sposo in toto e amplifica agli argomenti di Petralia la mancanza della procedura prevista articolo quattrocentoquindici bis
è tremenda e tremenda è a produce conseguenze drammatiche cari amici vi soffermiamoci
Un attimo veramente un attimo perché
La mancanza del quattrocentoquindici bis producevano che è già stato detto da Petralia non c'è il deposito degli atti non c'è quindi la possibilità di istanze difensive di ulteriori attività integrative eccetera eccetera
Conosco ovviamente bene la giurisprudenza la Cassazione comunque anche l'indirizzo
Mi qualche interprete studioso che dice no non si applica
La la norma quattrocentoquindici bis nonostante come sappiamo
L'ordinamento dica che sono applicabili a procedimento disciplinare quella delle norme del Codice di procedura penale in quanto compatibili
Perché non è prevista udienza preliminare il filtro il G.I.P. c'è ma cosa c'entra questo io devo dirvi con franchezza
Auspicherei quindi questo è un altro piccolo auspicio e un invito un o se volete una critica auspicherei che la procura generale nel suo complesso
Adottasse la prassi di prevenire il deposito ex articolo quattrocentoquindici bis che non è vietato che a mio avviso è compatibile nonostante
E in alcune sentenze evidentemente frutto del ricorso agli interessati
Si sia detto il contrario o quasi
Il quattrocentoquindici bis l'avviso di chiusura dell'indagine preliminare non è finalizzato al Codice di procedura penale all'udienza preliminare alla valutazione del G.I.P. è finalizzato a mettere le parti alla pari nella conoscenza degli atti
Ed a consentire all'INPS all'indagato in quella sede ma lo sarebbe l'incolpato in questa
Di articolare richieste nuove indagini formulate io non vedo davvero alcuno ostacolo a come dire tre vedere
Una norma se non la si ritiene applicabile
Per prassi una norma che metta le parti indifesa tenga presente non dimentichiamo
Che c'è il cinque minuti che c'è una norma l'articolo quindici del decreto legislativo centonove
Che
Al comma quinto
Parla di atti nulli quelli di indagine non preceduti dalla comunicazione incolpato
Sono nulli ma la nullità non può essere più rilevata quando non è dedotta con dichiarazione scritta e motivata nel termine di dieci giorni dalla data in cui l'interessato ne ho avuto conoscenza oppure
Dalla data del dalla comunicazione del decreto che fissa la discussione
Io incolpato e difensore quando ne vengo a conoscenza dell'atto nullo quindi sostanzialmente quando c'è la richiesta di fissazione dell'udienza è se l'atto nullo e decisivo ai fini della delibera finale
Ecco che voglio dire ceda dar corpo pratico e concreto alla possibilità di difendersi in condizioni devo Alianza rispetto all'accusa a mio avviso questa è una
Grave carenza che andrebbe che andrebbe colmata
Sulla procura generale poi sarebbe interessante sapere ma questo è una curiosità
Se esiste
Un assetto interno paragonabile a quello delle procure intendo dire che nell'attività quotidiana le procure voi sapete che è un sostituto può dissentire dal procuratore o dalla Giunta o se
Se collocato in un Dipartimento
Può anche dichiarare di non voler proseguire lungo la strada che invece ritiene giusto il dirigente d'ufficio in quel caso ne deriva un provvedimento motivato di revoca dell'assegnazione di assegnazione o a ad altri o da un possa Ignazio
Io credo che se non esiste questo un procedimento questa procedura dovrebbe essere all'interno anche della Procura generale della Cassazione formalizzato anche per come dire rendere anche
Noto che si il dibattito e la discussione possibile l'indirizzo del capoufficio doveroso ma insomma che non ci si trova di fronte come dire ad un corpo ad un corpo chiuso
Ma invece un corpo che
Come credo avvenga discute prende quella fine decisioni ma che insomma non sono imposte da alcuno
Mancanze formali se già detto qualcosa sui ritardi non torno non non mi diffondo sugli automatismi e sulla
Giurisprudenza gli automatismi quelli del che colloco nel ritardo giù ingiustificato dopo un anno dalla scadenza propriamente non ho parlato Antonio Patron ed altri io però dico
Che
Quello che già è stato sottolineato e cioè l'accertamento
Sulle sulle condizioni di lavoro del magistrato che incorre mancanza formali ritardi soprattutto
Cioè sui carichi su vuoti di organico sui vuoti d'organico del personale amministrativo sull'impegno prolungato in inchieste delicati assorbenti va bene tutti questi accertamenti
Dovrebbero essere obbligatori va bene se soprattutto addotti dal difensore addirittura egli riterrei preliminari rispetto a una formulazione di mancanza
Roma l'intima di Rita obbligatori
E molto spesso invece vediamo che
Le e contro argomentazioni sul punto vengono considerate quasi di stile di tutte in quasi fossero l'ovvio che l'incolpato deve dire
Quando invece sono come dire certamente necessitati e io vorrei che su questo fosse chiaro che non c'è alcuna
Spinta corporativa che mi
Induce ad affermare questo non sono argomentazioni inutili inutili anche perché non dimentichiamo
Che questa certamente no
Diventa anche utile per poi magari dar luogo alla alla concreta attuazione e al riconoscimento della negligenza scusabile repertori sappiamo che c'è anche
Una negligenza scusabile se cioè quelle inescusabile che comporta la punizione
Ed è ovvio quindi che in condizioni di lavoro particolari
E che vanno accertate che sono praticamente faticose non non si chiede tout cour l'assoluzione con benedizione ma soltanto di comprendere in che condizioni si è lavorato un riflesso che a mio avviso poi si riverbera
Anche sulla rete anche sulla recente giurisprudenza
Della se le Sezioni Unite due mila e tredici l'infrazione commessa ma che è stato il rilevante quando non comprometta la sua immagine ne ha parlato Antonio e quindi ecco che lo studio delle condizioni di lavoro
Compresa quindi anche la carriera alla la produttività ordinaria può portare alla conclusione che un singolo una singola mancanza formale non si riverbera sulla immagine del magistrato
Forse andrebbe anche
Discusso
Un tipo di accertamento preliminare anche diverso per esempio non mi sono mai trovato
Di fronte ad accertamenti preliminari a controlli anche sui magistrati fuori ruolo no lo dico perché ma nulla ovviamente i conti magistrati sforerò
Ma siccome il Consiglio sopra la testa dura più volte affermato che il magistrato che va collocato fuori ruolo
Non perde le sue caratteristiche di autonomia di indipendenza
Quindi per il solo fatto di andare fuori ruolo non acquista neppure
Come vi è una forma di non assoggettabilità alla giustizia disciplina
Però devo dirvi che a fronte di episodi spesso clamorosi non necessariamente tali integrare illeciti disciplinari non abbiamo assistito neppure ad un'attivazione da accertamenti lungi da me dire
Il rimedio è estendere la punizione o la punibilità dico che però poi certi controlli che sono spesso casuali finiscono con lasciare fuori dei casi clamorosi anche questo non è non è accettabile a questo punto o
Va beh l'ho finito a cascata però questa situazione mi sono soffermato soltanto come vedete sulla fase delle indagini
A cascata questo situazione produce delle conseguenze preoccupanti è stato già detto delle preoccupazioni tra i magistrati devo utilizzi
Diffusissimi anche ormai tra i colleghi anziani con esperienza
Produce ovviamente resistenze anche a
Come dire
Scelte volontarie di accettare carichi di lavoro ulteriori perché a questo punto diventa importante delimitare quello che mi tocca e così nessuno mi potrà dire nulla produce burocratizzazione calo di qualità dei provvedimenti chi può negare
Che a fronte della preoccupazione di essere disciplinarmente inquisiti
Il magistrato a questo punto pensi alla quantità
E firmi e magari evitando di approfondimenti che renderebbero più accettabile qualificato l'atto processuale burocratizzazione penso la quantità I numeri alle firme
Piuttosto che al contenuto
Può produrre questo persino motivazioni apparenti degli atti che sono a loro volta però
Oggetto di separata accusa disciplina ma soprattutto poi può anche produrre una quota alta di assunzioni della sezione disciplinare
Se aumento le assoluzioni perché vi è a monte una pluralità di incriminazione disciplinari dalla dalle caratteristiche che ho indicato
Ecco che questo scatena le polemiche e i progetti che non sono accettabili polemiche sulla magistratura che e lenta nella sua azione che va sotto processo disciplinare in modo
Quantitativamente incredibile polemiche sulla giurisdizione cosiddetto domestica ma ha già parlato
Giovanni Salvi proposte che non condividiamo da tanto di separazione della Sezione disciplinare dal Consiglio eccetera eccetera allo a mio avviso occorrono
Misure formali o prassi innovative come quelle relative al deposito degli atti per i difensori
Occorrono maggiori indagini nella fase delle precedente alla conclusione delle
Del della prosa delle procedure presso la Procura generale
E a mio avviso esiste la necessità insomma di un nuovo indirizzo complessivo che come cioè che come nella giustizia ordinaria
Impongo i pubblici ministeri
Il nome di quella che chiamiamo cultura giurisdizionale di richiedere rinvio a giudizio quando esiste la ragionevole commi previsione di una condanna poi è questo che regola il Codice di procedura penale c'è una norma di attuazione
Che questo prevede consentendo come sapete al G.I.P. invece un provvedimento di segno opposto quando questa previsione esiste
Finisco
O elencato qui dei rischi di conseguenze negative dell'estensione dell'azione disciplinare ma ho fiducia non sono al buonsenso di chi ha titolarità nella magistratura dell'azione disciplinare
Ho fiducia soprattutto nella
Capacità della sezione disciplinare
Di tener conto di tutto questo però anche fiducia soprattutto credo profondamente nella dignità dei magistrati nella dignità di mai stati quali non possono pensare che questo clima complessivo
Debba indurli come dire ad atteggiamenti non solo burocratici ma anche di ripiegamento su se stessi quanto alla come dire rivendicazione del nostro dipendenza consentitemi di chiudere
Citando l'accusa di cui era gravato Guido Galli
Che insieme ad altri magistrati
Fu oggetto di una procedura di una procedura disciplinare nel dicembre del mille novecentosettantaquattro
Guido Galli insieme ad Eduardo Greco Domenico Politano
Era incolpato di avere reso dichiarazioni attraverso un ordine del giorno redatto al termine di un'assemblea a cui partecipano duecento magistrati a Milano
In cui si diceva che l'iniziativa volta a trasferire per legittimo impedimento il processo di Piazza Fontana Catanzaro che era stata adottata dal Procuratore di Milano
Potrebbe avere come scopo finale la discriminazione della magistratura milanese
Mediante la sistematica sottrazione dei più delicati processi penali in oggettiva consonanza con le sollecitazioni di una determinata parte politica sta parlando settantaquattro
Poi e
Avevano scritto che il dubbio sollevato sulla gravità di imparzialità di alcuni colleghi che a Milano hanno già giudicato in un primo grado fatti di rilevanza politica potrebbe risolversi in un ammonimento I giudici
Ai quali toccherà di pronunciarsi in secondo grado c'è ancora perché la Cassazione aveva disposto il trasferimento
In relazione al provvedimento la Corte di Cassazione Cappi che un istituto di dubbia legittimità costituzionale
Tale decisione potrebbe rappresentare un distorto signor Ciccio di un potere discrezionale causa di minore credibilità di giusto della giustizia amministrata in Italia
Queste frasi che non subito Galli avevano formato e sottoscritto risalgono al diciotto ottobre settantadue va bene io vorrei che dopo quarant'anni nessuno avesse dubbi che queste fasi ogni volta che è necessario debbano essere ripetute
Aggiungo che quella sentenza
Che risale al tre dicembre settantaquattro e che assolveva Guido Galli e gli altri colleghi
Diceva anche la soluzione era anche dovuto alle particolari circostanze del caso concreto sì che il fatto che si dice adesso
Ad essi attribuito non costituisce illecito disciplinare perché gli incolpati vendono certamente a trovarsi
Nella situazione di esprimere giudizi e valutazioni sul procedimento di rimessione e di agire quindi nella sfera del lecito avendo per scopo la difesa del prestigio della magistratura milanese grazie
Fatto
Scusate se ho sondato al doppio del due ventitré credo
Preso al volo
Sterline
No
Buonasera più fretta la Cassa
Benissimo
Cosa
Si son brevissimo per forza allora il favore io partirei da i dati
Dati sono della procure girare Cassazione e CSM
La prima cosa dato generale la sensazione che sia che stiamo vivendo una fase di assestamento siccome anche giurisprudenziale ma anche come dati generali
Mi abbia avuto un enorme aumento ovviamente con l'opposizione età del notizie sopravvenute
Nel due mila otto la mille quattrocentoventitré sono arrivate al massimo nel due mila e undici con mille settecentottanta questi dati procura generale ovviamente nell'e-mail dove c'era un po'un forte calo sono inventati mille
Trecentosedici
Questi enti provvedimenti giudiziaria
Perfetto
Se si fa il rapporto con le azioni disciplinari che sono state promosse arriviamo a un dato che da un elemento che la Procura generale fa un filtro
Perché è il numero i precedenti disciplinari che sono stati via iniziati sono sostanzialmente oscillano
Tra sette ventiquattro per cento del due mila otto il cinque novantuno del due due mila e nove arrivano all'otto virgola cinque del due mila dodici quindi vuol dire che più del novanta per cento viene archiviato
Tenete conto che questo positive al sedici per promosse sono circa centocinquanta l'anno al giorno d'oggi
Di cui c'è una forte c'è stato un periodo di forte impatto del ministero di azioni disciplinari del ministero
Questo sostanzialmente nella sotto il Ministro Alfano perché le azioni disciplinari erano il ventiquattro per cento del due mila e otto diventano il quarantaquattro virgola nove per cento il precipitare promossa al di dal Ministero
Nel due mila e nove
Per poi scendere progressivamente trentaquattro quattro per cento il due mila dieci il ventinove per cento due mila e undici ventuno per cento nel due mila dodici
Di queste azioni una quota significativa riguarda i ritardi però i ritardi sono quota che poi vedremo
è limitata nel senso che
Percentualmente i ritardi sono il trentatré per cento nel due mila dieci il ventisei virgola sei per cento di mine undici il ventidue per cento il bel dodici quindi stanno calando
Il secondo grande elemento sono ingiurie diffamazioni o altri reati chiari
Non fondamentalmente a quello che ha capito contrasti interni agli uffici diciamo
Sfogati in modo di pace
Questi sono anche qui sono in calo ma l'ultimo anno erano venti
Do perché ci sono una serie di tipologie questo tipologie della procura generale di cui credo uno dei più significative la tardiva o mancata scarcerazione stati due dodici casi l'ultimo anno anche perché alcuni tipologie sono difficilmente individuabili cioè
Violazione di norme processuali
Popolo di tutto e niente onestamente
Però sicuramente elemento determinante perché ora stiamo parlando di oltre un terzo delle azioni è la questione dei ritardi ci poniamo la questione dei ritardi scarcerazioni o nella scarcerazioni arriviamo a quasi la metà
Di queste quando nel vedere che sono sorte hanno la sorte probabilmente meno impressionante di quello che circola come voce
Perché lo state duecento richieste discussione orale cioè di rinvio a giudizio come diciamo in termini penalistici e centotrenta richieste di non luogo a procedere questo vuol dire che c'è uno al grande quota più di un terzo delle azioni con richiesta di nuovo procedere
Dove chiede esito quel sono dati in questi ultimi due son del Consiglio Superiore riguardano i dati dal primo settembre due mila dieci e quale il Consiglio Superiore questo ha cominciato l'attività al trentuno dicembre due mila dodici
Le condanne sono state centosedici le assoluzioni novantadue
Le il non luogo a procedere diciannove ordinanze bensì procedere centoquindici questo definendo trecentoquarantadue procedimenti complessivamente
Sui ritardi in realtà non abbia avuto complessivamente ventotto ordinanze luogo procedere quarantasette condanne e quaranta soluzioni
Cioè Morade la favola ne abbiamo venti sentenze di condanne per ritardo l'anno questo è
Il il trend che si è avuto con un trend che secondo me da quello forse vedere e in calo
Vedendo venti sentenze vuol dire stiamo discutendo per cosa stiamo parlando di un fenomeno limitato la questione siccome non è così non è così caro alcuni motivi
Abbastanza evidenti primo
Seguite in conto del numero di azioni che abbiamo dato
Teheran conto che
Mai come in questo caso la più appena il processo non solo ma tutto quello che viene messo in ballo perché tutto ciò di solito deriva dalla dai ispezioni
Deriva da accertamenti da giustificazione da un tipo di
Dal dover mettere in ballo spesso vicende personali che incolpato non vuol tirar fuori
Cioè la malattia un lutto di famiglia tra la fine delle convincere cioè io faccio lo faccio
Faccio altro ma ho fatto più di cinquanta IFEL disciplinari ormai per cui so come tu per dire che la chi deve tirar fuori il problema che gli è morta la madre l'assistita fino a Fiesso i giorni neri convincerlo proprio non vuole dirlo
Ma è normale che sia così diciamo la verità
D'altro canto l'altra cosa che somme non persuade
Uno la totale discrasia della
Della
Decisioni disciplinari
Nessuno di voi e questo è un errore si lamenta per alcune soluzioni scandalose che ci sono state medico dire nessuno incito dimenticarsi ma io per il mio piccolo osservatorio visto alcune soluzioni che vanto francamente scandalose per fatti che non so utilità
Per fatti che hanno a che fare con questione morale o altre vicende di questo tipo
Ma perché perché a livello sia di organi inquirenti che giudicanti vederle questioni burocratiche è facile è facile
Non solo ma con un'altra cosa che se come denota un elemento su cui si all'Ispettorato campeggerà dovrebbero riflettere e cioè
Non è possibile che nel momento in cui ad esempio accerto che c'è un ritardo questo è di per sé ingiustificato
Sulla fatto se il ritardo sia giustificato o meno non c'è quasi mai nessun ha certamente
Qual è la situazione dell'ufficio se il capo d'ufficio fatto qualcosa da su questioni che vengono
Bypassate sostanzialmente
E francamente questo questo tratto produce quello che si che siccome Salgado sempre più difficile
E c'è una sorta di inversione dell'ordine la prova che la difesa che deve difendere dimostrare che la
Che la negligenza non è scusabile io l'ho mai visto la dirigenza scusabile scusatemi ma la verità
Non ho mai visto la dirigenza scusabile tra legge ritiene scusabile
O il problema della della questione dei della dei dei giustificato motivo io me ne faccio investigazioni difensive
Le mie sia se mensile nei nostri processi penali solo rarissime
Allora disciplinare il perché perché è segretato chiedo duro di venire a testimoniare a Roma
Andare posso chiederlo ma non è molto felice azioni investigazioni difensive nucleare perché va ad assumere in loco ovviamente come dice per legge ma la produco normalmente viene assunta e acquisita al fascicolo dibattimento
Però che questo guardate che tra un po'vedrete solo difensori
Avvocati
Perché alla il tipo di onere che la riferirci penare questo in parte purtroppo lo svolge questa attività da più di venticinque anni una volta la moto il facile era molto più semplice oggi il tipo di impegno che si richiede è enorme
E difficilmente compatibile spesso con
La normale attività lavorativa dato che questo per molti di noi è scarso lavoro ben secondo il terzo lavoro
Ultima cosa conta finisco
Io credo che le cose che dobbiamo chiedere solo le seguenti primo
Trasparenza io credo che sia necessario che i dati sul disciplinare tutti questi dati siano pubblici
L'ha già fatto la cosa
Eccellente Kids cui va dato atto ogni anno all'inaugurazione giudiziario da questi dati nessuno lo sa però
Al secondo me queste cose bisogna perché il Consiglio Superiore la poca generale mettano proprio tutti questi dati le tipologie il Consiglio non ha ancora un'articolazione per tipologie invece avrebbe adottarla
In accordo con la Procura regionale la massimazione su questo ossia delle archiviazioni sia a destra
Del resto perché
Per sapere quali sono le decisioni
Perché su questo non c'è minimamente chiarezza su questo si sta creando una paura per certi versi ingiustificata ma la paura si nutre sempre dalla non c'è non chiarezza
Ci vuole trasparenza secondo elemento eh bisogna rivedere in cui pudico AGCI premiare curati e trovo che alcune norme quella sull'assenza di motivazione
Quella sulla divieto dichiarazioni da parte del pubblico ministero non autorizzate sono sono cose
Che veramente danno la discrezionalità di azione terrificante
Terrificante perché nella quando mi si dice che la dei provvedimenti il cui senza motivazione con motivazione apparente è sanzionati disciplinarmente e ne faccio migliaia all'anno che sono tutelati elezione carico di ignoti
Ditemi se non lo fa prestampata che c'è scritto che se ne ignora eccetera è una è uno una motivazione apparente
è la verità queste su questo però bisogna evitare che ci possa essere la centralità in questo senso e su questi prima rivedere il Codice disciplinare sotto in alcuni colleghi sono troppo generiche
Terzo prevede un obbligo di accertare il contesto specie bisogna accertare quali contesti in cui opera
Quarto responsabilità vigenti io non sono favorevole a dire colpiamo i dirigenti disciplinarmente perché mi sembra che aumenti a dismisura bisogna responsabilizzare che una diversa dal dire ci parto è salita disciplinare quella sarà l'ultima ratio
Peter sponsorizzati perché si prendano carico dei problemi dei dei magistrati
L'altra cosa che gli va bene
Ve lo chiedo al ministero di dar corretto due strumenti tecnologici elementari che ti dia la possibilità di verificare i ritardi ritirare instabile scarcerazioni la banca dati misure cautelari personali
Attirati dalla possibilità di controllare quotidianamente il fatto se ti scadono i termini bene queste statue territoriale già detto abbandonarla
Due
La conseguenza di stato civile già oggi ti dà la possibilità di controllo venisse dolcissima estendere con l'allarme adeguati questo vuol dire che è un controllo da parte del giudice sul suo ruolo su quello che nel fare
Eccellente io credo che dovrebbe anche soltanto quello che non va bene volete andar dei rimedi e prossimamente praticate grazie
Allora Synthesis compito ingrato perché siamo verso la fine ma intanto sono ha detto da circa
Un anno al Pullara
Dei magistrati della Procura generale che si occupano appunto delle indagini
In tema disciplinante sette magistrati addetti al tredici penare dieci alla alle indagini
Vere e proprie
Ora tutte le decisioni venga anzitutto quelle relative alla fase le predisciplinare vengono assunte non solo dall'assegnatario del procedimento
Ma fissate dal Procuratore generale aggiunto e nei casi più delicati dalla Procuratore generale Claudio Castelli mi ha sollevato
Da un compito io avevo predisposto un
Un intervento diesel era proprio finalizzato a di svelare
Le percentuali il tilt lo notevolissimo che svolge la Procura generale soprattutto in tema appunto
Predisciplinare quindi prima ancora di iniziare l'azione disciplinare è emerso già dal discorso di
Claudio che il più del novanta per cento del mare magnum di esposti denunce rapporti
Eccetera eccetera vengono fatti oggetto di archiviazione in sede predisciplinare indubbiamente questo mare magnum di notizie di illecito
Non possiamo
Ignorare che deriva dalle continue delegittima azioni dei migrazioni che da anni a questa parte vi sono state nei confronti della magistratura della giurisdizione in genere
Tanto da indurre sempre più soggetti privati a fare esposti sul punto anche in luogo delle dei normali mezzi di impugnazione ormai va di moda fare
La l'esposto la denunzia in sede penale
Al magistrato ma la risposta il filtro che la magistratura
Della Procura generale opera è un filtro devo dire al efficacissimo tant'è vero che questi decreti di archiviazione e mi dispiace che i decreti di archiviazione ecco questo è un punto sul quale riflettere
I decreti di archiviazione rimangono nei cassetti della procura generale e in quelli del Ministero e non vengono trasmessi se non in via eccezionale al Consiglio Superiore della Magistratura solo quando il tre per in generale vi ravvede aspetti attinenti a valutazioni di professionalità
In realtà
Questi decreti di archiviazione oggi vengono articolati in fatto e in diritto e devo dire alcuni di essi soprattutto per il nei casi più delicati sono delle vere e proprie sentenze
Questo a sottolineare la cultura della giurisdizione che per vari motivi i pubblici ministeri della Pubblica della Procura
Generale che svolgono un articolatissima
Pre indagine proprio al fine di evitare al magistrato per quanto più possibile il magistrato oggetto
Di denuncia anche lontana soltanto della pendenza di un procedimento disciplinare abbiamo saputo
Dopo dal collega Carrelli Palombi che cosa significa anche soltanto l'inizio di un'azione disciplinare
Quindi è un filtro efficace e con il decreto di archiviazione molto spesso si motiva anche in relazione alla irrilevanza del fatto che in relazione all'articolo tre bis
Quindi diciamo e sotto tutti i punti di vista è l'articolo tre bis
Prende in considerazione non soltanto l'evento come ci diceva ma anche la condotta anche l'elemento soggettivo che ormai in dottrina questo e recepito
E quindi devo dire il ricorso all'articolo tre bis già in sede di archiviazione e sempre
Più frequente quindi glissa ovviamente sui dati già detti ma questo mi da luogo nel nel per rispondere a lei garbate diciamo critiche che il collega
Amico Armando ha svolto prima diciamo che i il filtro già in fase pre disciplinare efficaci quindi livelli la magistratura della Procura generale non è un organo
Persecutore di magistrati ma organo che vaglia attentamente il merito delle accuse ad essi svolte
E conclude come si è detto il più delle volte in casi di archiviazione motivate ora per quanto riguarda poi i doveri
Anche qui devo sfatare uno come dire un
La boxe popoli che non trova riscontro poi nell'azione di natura generale perché la procura generale molto attenta
Sulle violazioni dei doveri di diligenza
E almeno da qualche anno a questa parte per cui quel che arriva poi in dibattimento è veramente una minima parte
Del di ciò che di ciò di cui si ci si occupa
All'interno della Procura generale
L'idea del calcolo del triplo cui faceva riferimento il collega e amico Antonio e deriva proprio da un protocollo che la procura generale vedono il collega slovacco il presente e che sarà uno degli artefici
Di questo porco protocollo della procura generale quindi da un calcolo del triplo in Bonam partem per cui
Adottato da poco per la verità ma a in base a questo protocollo dovrebbero diminuire di me
Tutto le i casi che poi saranno portati in dibattimento e relativi a ritardi
Ed in quanto poi alla questione e delle della inesigibilità delle cause di giustificazione eccetera eccetera
Cito poi la sentenza trentasei del due mila e tredici estensione Rossi
Che è una sentenza che età un vero e proprio catalogo delle Ignis inesigibilità e che io suggerirei di leggere ad ogni legge parlamentare
Perché in sede di possibile riforma di perfezionamento delle fattispecie tipiche e assolutamente necessaria e sono d'accordo con Antonio e con tutti quelli che sono intervenuti prima
Del del due mila tredici estensore Rossi
Tiene pur recependo l'orientamento apparentemente più rigoroso della Cassazione
Sulle cause di giustificazione l'ottemperanza in base ad un vero e proprio catalogo di inammissibilità dividete di inesigibilità
Fattispecie tipiche vanno sempre raccordate con l'articolo uno qui è veramente sia esso si sfondano porte aperte
Non c'è un illecito una fattispecie tipizzata che non
Debba essere raccordata con i doveri fondamentali
Dell'arte di cui all'articolo uno sfugge veramente alla sensibilità di ciascun giurista il fatto che ve possa essere
Magistrato condannato per violazione di una fattispecie tipica se non abbia violato anche i doveri fondamentali di cui all'articolo uno che valgono oggi non soltanto per i come in relazione i doveri funzionali ma anche in relazione I doveri ex funzionali
Violazione dei doveri di correttezza e qui
Viceversa c'è come dire l'altra l'altra faccia della medaglia qui viceversa
L'approccio e piuttosto rigoroso ma qui veramente ci troviamo di fronte
A volte per fortuna statisticamente è stato già detto non sono tanti i casi o comunque non non non sono tantissimi ma quando capitano ci troviamo di fronte a casi
Assunzione di cocaina in ufficio stalking ieri in ufficio ristrutturazioni gratis di case da parte di CTU ai quali si è conferito l'incarico commercializzazione di attività giudiziaria tante altre fa fa delle procedure concorsuali aperte con creditori apparenti fittizi con assegnazioni quindi ai curatori di
Ottanta novanta mila euro di compensi
E e via dicendo ecco qua io credo che bisogna fare una scala di valori e bisogna concentrarsi
Verso questi illeciti che sono statisticamente minori come qua sotto il profilo quantitativo ma sono senza dubbio qualitativamente quegli illeciti che poi discredito hanno
La magistratura dinanzi ai cittadini faccio una solo riferimento
Alle violazioni del dovere di riserbo che come è noto sono in aumento il l'argomento è di estrema attualità dei giusti
Direte se ovviamente non parlo nello specifico ma soltanto in via generale soltanto in via generale vorrei dire questo anche qui abbiamo una discrasia del sistema
Perché abbiamo una legislazione
Che per un verso punisce rigorosamente le violazioni di riserbo con in relazione alle attività funzionali del magistrato
Con il famoso raccordo al decreto legislativo centosei che comunque una violazione di legge eccetera eccetera
Per altro verso presenta delle lacune
In relazione alle dichiarazioni ex funzionali
Perché laddove non si riverberano in reati e particolarmente diffamazione e non sono perseguibili e vengono archiviate quindi in sede di come dire di una possibile riforma
Volta a migliorare la tipizzazione che a tutt'oggi ancora imperfetta si potrebbe prendere in considerazione anche cui visto tutte le cose al volo e e chiudo
Progetti di progetti di riforma costituzionale se n'è parlato ma se ne parla ancora
Non è il pericolo di una riforma costituzionale non è affatto passato sì qualcuno può dire c'è un Governo balneare un Governo perché non si sa fino a quando resta ma ISO noi abbiamo una importante
Associazione parlamentare Italia decide
Preceduta tra l'altro da uno dei saggi che ha trasposto sia pure parzialmente nel documento dei saggi una parte solo una parte di ciò che sta venendo fuori
In sede appunto di lavori all'interno di quell'associazione che prevede un'Alta Corte di giustizia che è destinata a torta fuori dal circuito dell'autogoverno il sistema disciplinari
E qua perché poi si di cui si parla poco anzi forse
Signore la maggior parte dite della delle persone ignorano e che
Tra questi progetti di riforma non solo è prevista l'Alta Corte di giustizia ma è prevista anche la sottrazione dell'azione disciplinare al Procuratore generale
Quindi se il produrre generale oggi fa un filtro così efficace dell'oltre il novanta per cento delle notizie di illecito che vengono cestinate
Un domani con la sottrazione e con l'assegnazione al solo ministro e quindi ricordo i pericoli di cui parlava Armando di una relazione
E disciplinare affidata al ministro che ragiona in termini quindi non strettamente giurisdizionali ma anche di opportunità Politi
Quindi questo è pericolosissimo allora due cose infine per come propositive vediamo che cosa si può fare sulla base dell'esistente
Cosa si può eventualmente proporre alle forze politiche alle Commissioni parlamentari questo compito dell'ANM
Io e il collega Fimiani che si scusa ovviamente e siamo pronti a collaborare con l'Anm a fornire anche delle proposte che abbiamo
Elaborato anzitutto sotto il profilo della autonomia della Sezione disciplinare rispetto alle attività mini relative nel Consiglio superiore io ritengo che oggi è arrivato il momento di affrontare il problema che è un problema anche di apparenza
Il giudice disciplinare può anche essere in scienza e coscienza indipendente
Dal a dalle sue rimanenti attività consigliati in sede amministrativa ma è è un patto ormai
Che la Commissione per attività di autogoverno amministrativa e l'attività giurisdizionale che Roberto ne sa qualcosa perché molto spesso come supplente è stato chiamato
A giudicare su istanza di ricusazione
Perché qualcuno di e di noi membri effettivi si era pronunciato
In sede plenaria su varie questioni ampi amministrativa quindi è un questione che deve essere affrontata io credo che
Su anche in con legge ordinaria si possa prevederei
Che
Se
Dopo le elezioni dei componenti del Consiglio superiore all'interno né più né meno come si fa oggi vi sia un'elezione
Dei componenti della Sezione disciplinare che si occupino però da quel momento soltanto de del di della giurisdizione e in un dell'alta amministrazione
A questo non si può aggiungere se non attraverso un'ulteriore modifica un aumento un ritorno alla vecchio organico del Consiglio Superiore
Diminuito mi pare di ricordare nel due mila e due con la legge del del due mila
E due in questo modo e Iezzi salverebbe e la il sistema disciplinare nel senso si assicurerebbe ancora la funzione bicefala del sistema
Disciplinare che funzione
Quindi di
Di processo che ha funzione di processo ma anche di autogoverno e nello stesso tempo si anche sotto il profilo dell'immagine si garantirebbe un'autonomia
Alla dei giudici disciplinari rispetto acciocché amministrazione vengo alla tipizzazione imperfetta alcune questioni vedi la realizzazione del riserbo
Leo accennate faccio sempre soltanto due nei fatti faccio solo due questioni perché mi rendo che
Conto che il tempo è pochissimo sul piano dei ritardi bisogna por mano
Ad una riforma lo diceva Antonio paradossalmente oggi i ritardi sono l'illecito più diffuso
L'illecito in cui
I incorrono persone perbene magistrati e che loro malgrado ed nonostante sforzi per accidenti qua
Qualsiasi e anche per questioni organizzative incappano in procedimenti disciplinari
E mi sembra assolutamente sproporzionato la sanzione minima della censura quando altri illeciti ben più gravi ben più gravi vengono possono essere sanzionati anche con il solo ammonimento quindi non si può graduare la sanzione e questo provoca un forte imbarazzo
Al poi in sede disciplinare quando appunto sì ci si accorge che appunto non non si può pari a meno di sanzionare ma magari perché il
Prestigio di cui gode ancora il magistrato nell'ambiente di vita per la sua concretezza nella professionalità in generale meriterebbe quantomeno
La sanzione minima e non in e non una in una un nonno censura bene vengo ad un ultimo punto che mi sta particolarmente a cuore
A quanta i fuori ruolo rispondo subito ad Armando è pacifico che i i magistrati fuori ruolo rispondono degli illeciti disciplinari nell'esercizio di funzioni perché esercizio delle funzioni
Non significa solo funzione giurisdizionale ma status del magistrato funzioni in genere anche funzioni amministrativa anche funzioni ministeriale
è noto il caso di un dirigente un alto dirigente del Ministero che è stato sanzionato per interferenza giudiziaria perché
Dall'alto della sua posizione apicale faceva raccomandazioni a tutto spiano in tutta Italia quindi questo è pacifico anzi questa è la mia opinione non si è mai verificato in concreto ma se un magistrato che abbia mandato parlamentare in corresse in una violazione di una fattispecie tipica anche il magistrato parlamentari potrebbe salvo ovviamente le le immunità eccetera eccetera potrebbe essere perseguito
Allora e vengono ad un ultimatum quint'l'ingiustificate interferenze prevista solo nell'attività giudiziaria di altro magistrato
Non è prevista
La ingiustificata interferenza nell'attività del Consiglio Superiore della Magistratura e perché no degli altri organi preposti al sistema del Governo autonomo nella magistratura
Io credo che l'attualità ma ma non è neanche attualità perché da anni che danni che avvengono
Questioni di questo tipo deve ed è questo tipo consiglierebbe
Di por mano anche a questo aspetto per cercare ecco di tre anche di dipendenti effettivamente
Io a volte una comparazione sempre difficile da fare prima
Voglio dire un'interferenza nei confronti del Consiglio Superiore della Magistratura da un punto di vista deontologico e anche lì
Immagine di gravità e di come dire di credibilità della magistratura non è meno grave di una
Interferenza giudiziaria
E vi è poi l'obbligo di per il magistrato di come dire di comunicare al proprio capo ufficio il caso di aver subito un'interferenza giudiziaria
Beh qui anche qui non a mio parere non è soltanto con l'interferenza che avviene da magistrato a magistrato ma l'obbligo di denunciare questa interferenza giudiziaria è un obbligo che riguarda
Qualsiasi interferenza da qualsiasi soggetto provenga
E perché no anche le interferenze che provengono da parlamentari da da uomini politici anzi
E quindi questa è una lacuna del sistema disciplinare ve ne sono tante altre ipotesi ma fossero già assodato il tema un po'e comunque ripeto sono a disposizione della MM per fornire qualsiasi contributo sbagliata
Faccio solo presente che questa particolare situazione dell'interferenza Consiglio superiore di già prevista dal Codice della
Buongiorno
Il mio l'intervento sarà breve vista l'ora in vista il taglio visto il taglio appunto dell'intervento
Nel senso che un intervento su un piccolo argomento ma su un argomento molto caldo che è stato affrontato da chi mi ha preceduto e ha parlato dei profili
Sostanziali del giudizio disciplinare e mi riaggancio però in modo particolare alla relazione del Consigliere Carrelli Palombi e Patrono
Affronterò molto brevemente alcuni aspetti problematici per poi arrivare
A dei profili conclusivi che credo e o diciamo così il pregio nello sbaglio Gio di chiudere i lavori e quindi di poter tirare le fila diciamo così sul futuribile a livello interpretativo per quella che è la normativa
Attualmente ecco a disposizione
La riforma dell'ordinamento giudiziario con particolare riferimento alla materia disciplinare a senz'altro diciamo è approdata ad un grande vantaggio rispetto
Alla situazione perché c'era con l'articolo diciotto del regio decreto del quarantasei la legge sulle guarentigie la tipizzazione la tipizzazione degli illeciti
Che è stato un vantaggio perché di garanzia per il magistrato e per la collettività
Tanti hanno scritto questo l'esigenza di chi viveva quella realtà
Era un'esigenza in cui il magistrato non aveva una sufficiente garanzia perché non sapeva effettivamente quali con tutte no a quali condotte a quale Codice deontologico realtà bisognava attenersi quanto meno dal punto di vista disciplinare
Per non incappare in sanzioni e quindi la tipizzazione è è stata vista e chiesta proprio come dare zia
Ma e qui vado già su un aspetto anticiperò Mammano le conclusioni in realtà abbiamo sentito oggi e credo tutti condivisi
Condiviso che forse è diventata anche una prigione per il magistrato che si trova
No e che in capo al mille IMAIE delle lettere da a Gigi del famoso articolo due
Per forse costruiscono una grigliate più creda Ranzi via diventa proprio applicazione giusta per quella che la normativa per certi versi ma perfettibile tantissime sono state già le idee dette ma alla fine poco garantista
In realtà per come è scritto il decreto legislativo centonove sono tutte cose che già sono state dette filo già avevo preparato consegnerò domani questo breve testo scritto che ho redatto survey loro
Su tante cose ha un pregio e infatti di tanti è stato nel richiamo credo ultimo della consiglieri
Salvi all'articolo uno ma di tutti io faccio soprattutto riferimento ecco ai due relatori che mi hanno preceduto che sono ancora qua che entrambi hanno fatto la un forte riferimento ai doveri dell'articolo uno
I doveri dell'articolo uno sono i doveri fondanti perché essi si perde diciamo così chiamiamolo il faro dei doveri dell'articolo uno quello che costruisce il modello di magistrato quale giudice quali giustizia un perfetto
No titolo perché poi questa è la domanda di fondo che ci dobbiamo porre
L'imparzialità l'equilibrio la laboriosità la diligenza la correttezza il riserbo e rispetto della dignità della persona azienda all'articolo due passiamo all'articolo
Undici vediamo del decreto legislativo centosessanta sulle valutazioni di professionalità che tantissimo non cambia
E mi piace fare questo parallelo perché mi sono ho avuto assegnato in parte mi sono avuto assegnata diciamo in questo piccolo intervento questo fronte d'attenzione sostanziale con particolare riferimento al giudizio
Disciplinare in rapporto alla valutazione di professionalità abbiamo in materia di professionalità e il tema della professionalità e quello che costruisce il modello di magistrato
Da seguire dei prerequisiti per corrispondono a due dei doveri dell'articolo uno
L'imparzialità e l'equilibrio e quattro parametri della valutazione di professionalità la capacità la laboriosità la diligenza
E l'impegno
E io diciamo così ci tengo un po'a rimarcare questo parallelismo che non è perfetto
Uno e in realtà mi è piaciuto molto quanto sottolineato dal Consigliere Carrelli Palombi che evidenziava la diversità no delle due sedi
Perché da un lato la valutazione di professionalità dei venti
E qui utilizzerei Piron condizionale dovrebbe
Averi un maggiore rigore perché ad esempio in punto di parametro di diligenza
Si parla di rispetto dei termini mentre in tema di ritardi in materia disciplinare
Abbiamo anche il dato quantitativo aggiuntivo per quindi la presunzione di non gravità dettata
Dopo i tre requisiti del ritardo rilevante disciplinarmente la gradita la reiterazione e la non giustificabilità
E quindi lo sforamento del triplo dei termini letali perché dovrebbe perché in realtà si ha la sensazione
E anche poi di fare diciamo così emersa in modo abbastanza aperto oggi che forse gli organo di autogoverno locali e centrale io fatto parte della consiliatura due mila otto due mila e dodici del Consiglio giudiziario delle Marche questa sensazione ce l'ho avuta
Mirna quando ci trovavamo a decidere le valutazioni delle della valutazione di professionalità di colleghi con ritardi eccome se ci si rendesse punto se il sistema si rendesse appunto
Che la materia disciplinare una materia particolarmente rigorosa nella sua applicazione
I è rigorosa in un certo senso forse molto di più in relazione alle violazioni formali alle violazioni delle condotte
Per inerenti l'esercizio delle funzioni rispetto a quelle relative a condotte tenute fuori dall'esercizio delle funzioni e a come si è passando la materia delle valutazioni
Alla valutazione della professionalità dello stesso Collegio fisso volesse un po'attenuare quel rigore e quindi la possibilità che sia di giustificare i ritardi si sfrutta asse allora lì in quella sede tutta
Io direi che questo che è un profilo che si è affacciato soprattutto nella relazione appunto del Consigliere Carrelli Palombi è un profilo e anche
Può rappresentare un'ottima soluzione no per l'attualità perché di fronte ad un rigore
Che viene diciamo così sostanzialmente delineato in modo formalmente ineccepibile ineccepibile dalle Sezioni Unite della Cassazione con motivazioni che vengono spesso anche letteralmente riprese nelle motivazioni
Delle sentenze della prima disciplinare
Forse se in situazioni in cui ci si rende conto che quei ritardi erano giustificabili perché ci si rende conto delle condizioni di lavoro
No di quel magistrato di quei magistrati la soluzione attenuare il il rigore in sede di valutazione di professionalità però io ritengo che questo che potremmo chiamare un do
Abbinare io non va bene perché la valutazione della professionalità nella sostanza quando si parla della violazione di un ritardo dovrebbe corrispondere
Alla scelta dell'autogoverno in relazione a quella magistrato ci dovrebbe essere una sorta di specularità
E allora quando arriva prima la valutazione di professionalità e si valutano dei ritardi che poi magari dopo del tempo vanno valutati dalla prima disciplinare
In sede appunto di giudizio disciplinare
E magari l'anno prima in sede di valutazione sia ritenuto come poi detta la circolare del due mila e sette del Consiglio che le condizioni oggettive di lavoro dell'ufficio che è doveroso tenere in considerazione
Nell'ambito delle valutazioni di professionalità determinavano una giustificazione di quei ritardi ci si aspetterebbe in un sistema in cui il binario no sia unico che
Tutto questo possa rientrare nel terzo requisito della ritardo per diretta il terzo requisito non c'è e quindi per dire che quei ritardi
So non giustificabili il ritardo rilevante in sede disciplinare quello grave quello ritirato è quello non giustificabile allora se io giustifico
Quella condotta in sede di valutazione di professionalità rispondendo alla circolare del due mila e sette perché valuto che le condizioni di quell'ufficio il carico di lavoro mi consentono
Di sostenere una sostanziale inesigibilità di un comportamento diverso
Io devo ritenere la stessa cosa in sede disciplinare non ne posso uscire e con delle valutazioni diverse
E
Riassumendo un po'Mickey profili conclusivi delle relazioni e degli esposti di chi mi ha preceduto il
Consigliere poi trovano diceva giustamente io ho letto tantissime sentenze all'attuale orientamento si parla soprattutto di mancanza di l'autorganizzazione
Del magistrato si punta multato su questo nelle sentenze per dire che quei ritardi non sono giustificabili abbiamo sentito dire
Come vendano condannati oggi magistrati laboriosi Simi
Diceva anche il Consigliere PATRONO si ha difficoltà a comprendere la ragione è quella di molte condanne oggi
Io direi che questo è un problema grosso no nel senso che la giustizia quali giustizia vorremmo una giustizia che ci aiutasse a capire quale giudice vogliamo un giudice che risponda
Al al modello
E
Quando il Consigliere CARRELLI Palombi sempre sul punto diceva l'attuali giustizia disciplinare non è condivisibile una giustizia troppo rigida
E allora in sede amministrativa di valutazione di professionalità ed il Consiglio dovrebbe utilizzare dei parametri
Più blandi sostanzialmente dice la stessa cosa un recupero del senso della giustizia disciplinare
Io direi che
Oggi
Si avrebbero i riferimenti legislativi pr
Cambiare quanto meno
L'interpretazioni attuali così rigorosa
Forse un indicazioni ce la dà una delle sentenze più recenti pieno riletto della prima disciplinare la numero cinquanta del due mila e tredici nel testo scritto non riportate multe mi piace richiamare questa perché dice testualmente quella prevista all'articolo due comma uno lettera
Del decreto legislativo del legislativo centonove è un poiché si di antigiuridicità speciale interna la fattispecie quindi non esimente esterna con questo si limita molto poi
La potenzialità applicativa della
Dell'ipotesi di antigiuridicità speciale continua la prima disciplinari testualmente come per gli illeciti penali avviene quando è la stessa norma incriminatrice esigere che il fatto
Venda commesso abusivamente o arbitrariamente e illegittimamente e dunque risultano rilevanti tutte le situazioni da ogni ad escludere che il ritardo
Sia dovuto ad un'effettiva violazioni dei doveri del magistrato diciamo che quell'aggancio auspichiamo tutti ai doveri
Nel due mila e tredici sia pure per concludere e poi con una condanna nello specifico perché quel rapporto di proporzione per
Ben illustrata dal Consigliere Patrono tra l'entità del ritardo e l'entità della possibile causa di giustificazione nel caso di specie trattato alla sentenza e cinquanta
Non è stata trovato però questa sentenza ad esempio
Una delle più recenti e fa un richiamo stretto ai doveri e allora un richiamo stretto al parametro
Della diligenza potrebbe farsi e di quella giurisprudenza che perlomeno fino al due mila e dodici
Poi non è pubblicata quindi anche difficilmente conoscibile in tema di valutazioni di professionalità però per quanto ho potuto constatare si faceva cioè
Di al di là di i interpretazioni più rigide proprio molto recenti PON danno a disciplinare e valutazione non positiva o negativa allora questo richiamo ai doveri
Diciamo che siamo tutti d'accordo nel farlo ma forse anche la prima
Disciplinari è arrivata a farlo
In questa sentenza cinquanta e in realtà il problema di fondo è con questo chiudo è proprio quello di quali modello quali giudice vogliamo che sia costruito
Intorno ad una giurisprudenza disciplinari
Particolarmente rigorosa
In realtà si vuole
La giustizia disciplinare e che sia molto rigorosa che sia molto rigorosa su fattispecie che il Consigliere sa
Al di ha ricordato e che meritano grande attenzione non occulti ma anche quella del rispetto dei termini
Ma deve essere un giusto rigore te non sposti l'attenzione in modo esclusivo ad aspetti formali e più un po'anni dopo di parametri
Di valutazione di professionalità e gli indicatori direi che una serie di cose che costruiscono al modello del magistrato la cui mancanza venne sanzionata disciplinarmente tipo
Il grado di aggiornamento professionale la produttività senza che in concreto si va da privilegiare un rinvio lungo dei procedimenti per non incamerare sentenze
L'assiduità la puntualità nella presenza in ufficio la disponibilità per sostituzione la frequenza dei corsi la collaborazione in ufficio per la soluzione di problemi di tipo organizzativo e giuridico tutte situazioni che nella sostanza no
Determinano la qualità del lavoro che si va a svolgere e non ultima con questo chiudo il far bene giustizia
Riescano senza uno spostamento eccessivo ha degli aspetti esclusivamente formali
A essere seguiti in una situazione in cui il magistrato diciamo così non debba soltanto essere assillato da
Profili diciamo così di sanzioni esclusivamente formali su alcuni aspetti io credo che forse siamo tutti d'accordo e quindi no come Associazione nazionale magistrati ci potremmo far carico di portare i forse chissà all'esito anche
Di questa giornata di studi un messaggio di questo tipo che vada verso e e magari su tante fattispecie un aumento del rigore applicativo della giustizia disciplinare ma che vada verso su alcune fattispecie formali una possibilità di trovare giustificazioni
A magistrati che si trovano a sopportare dei cali dei carichi di lavoro in costante aumento in un momento in cui in alcuni uffici purché in altri ma in modo generalizzato credo in tutti
Ad esempio si parla di priorità nella trattazione degli affari perché oggettivamente molti affari rimangono per entità di migliaia migliaia in tanti uffici giudiziari indietro perché non ci sono le
Ne energie lavorative per affrontarli che ci si renda conto della realtà in cui la norma si tali e si riesca proprio a costruire un modello corrisponda
No a questi doveri fondanti