27MAG2013
dibattiti

La storia con i se. Dieci casi che potevano cambiare il corso del Novecento - presentazione del libro di Alberto ed Elisa Benzoni (Ed. Marsilio)

DIBATTITO | Roma - 18:13. Durata: 1 ora 40 min

Player
Presentazione del libro di Alberto ed Elisa Benzoni (Ed.

Marsilio).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "La storia con i se. Dieci casi che potevano cambiare il corso del Novecento - presentazione del libro di Alberto ed Elisa Benzoni (Ed. Marsilio)", registrato a Roma lunedì 27 maggio 2013 alle 18:13.

Dibattito organizzato da Reset.

Sono intervenuti: Giancarlo Bosetti (direttore di Reset), Andrea Graziosi (professore), Claudio Strinati (dirigente del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Ambientali), Giovanni Sabbatucci (professore), Ernesto Galli Della Loggia (professore),
Massimo Teodori (professore), Elisa Benzoni (saggista), Alberto Benzoni (presidente dell'Associazione Culturale Roma Nuovo Secolo).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Antisemitismo, Arte, Bush, Comunismo, Elezioni, Esteri, Fascismo, Germania, Gore, Guerra, Hitler, Integralismo, Islam, Italia, Lenin, Libro, Musica, Mussolini, Nazismo, New York, Obama, Politica, Rivoluzione, Russia, Savoia, Socialismo, Stalin, Stato, Storia, Stragi, Terrorismo Internazionale, Trotsky, Urss, Usa, Vittorio Emanuele Iii, Voto, Wagner, Washington.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 40 minuti.

leggi tutto

riduci

18:13

Organizzatori

Reset

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Stai spalle ci sono anche grasse sedie che sono
Pensate per essere usate oltretutto le riprese
Televisive le registrazioni si avvantaggiano del fatto di non vedere sempre queste sedie vuote certo non ci sia nessuno perché ad ottobre badila
Prima questi posti sono altrettanto Valdisotto c.p.c. risoluzione Telespazio guardate alle spalle
E ogni tanto ci gireremo direzione
Accomodate vi prego prego
In attesa ci siamo abbiamo
Una defezione di Paolo Mieli influenzato
In ritardo credo di Claudio Strinati che ci raggiungerà
Al secondo a seconda
Te lo do anche Teodoro in ritardo
Anche in realtà siamo in orario non ci concediamo neanche un quarto d'ora ma io direi
Di cominciare anche perché il termine il termine al corrente molto rigido perché sembra che scatti l'allarme anche che nessuno sia in grado di fermarlo
Alle otto e quindi dobbiamo sgomberare un po'prima delle otto
E dunque pervenuti a questo incontro per la
Presentazione e discussione di questo
Al libretto la storia con i se dieci casi che potevano cambiare il corso del Novecento che
è un volume a cura di Alberto ed Elisa Benzoni
Cresce per la collana dei libri diverse
Di Marsiglio alle sette della rivista che vedete effigiato rivista on line che deve che vedevate effigiata
Che vedeva che vedete di nuovo
Grazie alla regia
Sul sul video è una rivista on line e che continua a pubblicare qualche cosa di carta perde tra queste queste cose alcuni libretti alcuni dossier uno è questo eh uno volume che raccoglie a cura
Dei
Dei due Venzone che sono qui con noi
Alle spalle
Dieci i contributi di storici
Curati additati da
Da loro raccolti in forma di intervista trasformati in testi poi riveduti dagli stessi autori
Di dieci storici su dieci casi che potevano cambiare la storia del mondo si tanta di quella che si può chiamare storia con controfattuale anche se ad Alberto Benzoni non piace la espressione perché evoca storia conto controfattuale
Una sorta di fiction su come le cose sarebbero andate se a un bivio
Le vicende avessero delle vicende della storia avessero preso un altro un altro corso
Preferiscono parlare di storie possibili di alternative possibili che si presentano che si sono presentati in vari momenti della storia mai su questo
Argomento dare sette eravamo già Stati nel novantanove del due mila con un dossier cui aveva partecipato Sabbatucci anche con un intervento di Robert Fabbris su se avesse vinto Hitler questo nel nel novantanove duemila poi
Poi mi ci siamo ritornati quello è uno dei casi più
Notti Historia controfattuale dato luogo anche a un romanzo appunto che introduce elementi di fiction sul
Gli anni Settanta se la guerra mondiale fosse andata
In un'altra direzione si fosse concluso diversamente ora l'idea della contro fattualità eri spuntata fuori in occasione del centocinquantesimo dell'Unità d'Italia
Cioè nel due mila undici
E con un abbiamo pubblicato un po'un volumetto intitolato se Garibaldi avesse
Perso a cura di Pasquale che essa con interventi di verta gentile Sabbatucci
Carfagna cardini stende già in quell'occasione abbiamo visto come
Il ragionamento l'indagine controfattuale e
Aiuta a rendere più intensa
La percezione del contesto delle condizioni di un determinato di un determinato momento storico e delle vie e delle vie la casa l'esame delle vie possibili
Insomma è un congegno fecondo della ricerca perché perché intensifica la riflessione sulla natura del fatto storico sulle sue radici sulle sue cause conseguenze
In un certo senso poi scopriamo che il lavoro dello storico è questo non lo dico io ma siete voi amici scrittori di storia
Che mi ci avete fatto pensare me l'avete detto fallimentare e lavoro storico è già
Intrinsecamente controfattuale
Almeno in germe perché la ricostruzione e la comprensione dei fatti consiste già di per sé nell'analizzare le diverse prospettive alla portata delle possibilità
Degli attori contemporanei al fatto influenti sul fatto
Quindi
Attraverso il già il lavoro ordinario diciamo dello storico
Ci rendiamo conto che la riflessione controfattuale moltiplica l'attenzione e la intensità di ogni singola osservazione quasi come
Un metodo me necessario per interpretare le perdite pensare i fatti insomma fondi funziona nel rendere più attenta
La ricerca e la percezione dei fattori che hanno agito in quel contesto e poi funziona anche in un altro senso gravi per noi
Per
Per non storici per cittadini del mondo che che viviamo
Il il sapere che
E gli sviluppi storici politici anche più rilevanti sono esposti al caso sono esposti a una catena causale
Molto fragile spesso molto fragile
A volte no
Ma spesso si
Questa questo questo dato di fatto questa fragilità mostra quanto gli eventi siano legati a circostanze a volte sottili dieci dove e come
E come certi percorsi causali siano in realtà esposti ad alternative eccome
E come la discrezionalità degli attori loro arbitrio anche i loro errori influisca sugli sviluppi dei fatti questo perché parla a tutti noi questo perché
Rimbalza sul nostro presente questa constatazione perché ci mostra come gli eventi non siano determinati da un corso inesorabile da leggi della storia ma come siano aperti all'azione degli individui
E dei gruppi e a come
Esseri umani portino la responsabilità di quel che accadrà quindi come dicevano
In una celebre volumetto quel campo aperto percorrono Renzi il futuro è aperto insomma quello che accadrà non è già scritto medie dipende molto da noi il futuro è aperta ore
I nostri i nostri dieci autori sono
Cafagna
E e mi piace citarlo adesso che il primo Luciano Cafagna che non c'è più con il quale abbiamo avuto tante discussioni quadri lui abbiamo parlato qua con luglio avevamo discusso qua perché
Carfagna ci ci ha incoraggiati a fare questo libretto in occasione del suo intervento nel precedente se Garibaldi avesse perso sei Cavour non ha non fosse riuscito a testa è stato Carfagna a insistere
Con me e con
Convenzioni perché questa questa quest'altra raccolta di riflessioni sulla storia possibile andasse andasse in porto insomma CIA creduto così come
Come ci ha creduto Sabbatucci
Che qui con noi adesso a discutere questo libro perché fin dal principio
Da dalla dalla sua posizione di di
Di di storico con consacrato sul piano accademico circa CIA
Pensionati ormai CIA incoraggiato a fare ci ha ci ha messo sotto la sua
Protezione scientifica il che non significa che lui sia responsabile di nient'altro che di questa incoraggiamento iniziale
E poi e poi Mario Del Pero
Ernesto Galli Della Loggia che qui con noi Andrea Graziosi che anche qui con noi Paolo Mieli
Gian Enrico Rusconi è contrastata Tucci Strinati Massimo Teodori che speriamo di vedere comparire
Tra poco
Non abbiamo
Decisamente avevo pensavo potessimo cominciare da Strinati ma anche perché
Destinate sia un si occupa qui di Hitler
Del giovane Hitler se fosse è stato ammesso all'Accademia d'arte di Vienna se la sua domanda non fosse stata respinta quale sarebbe stato il corso della sua biografia e della politica
Tedesca itinere centrale in questo volumetto così come centrale della storia del Novecento per la sua per la sua enorme ben nota rilevanza
E
E figura però anche in in
In diversi altri diversi e altri contributi io penso che
Ugualmente centrale il nodo affrontato da Andrea Graziosi che storico dell'Unione Sovietica
Ben noto
Perché anche il suo contributo sì sulla
Rivoluzione di ottobre se non fosse o meno avvenuta se
Lenin fosse è stato se alieni fosse stato impedito di raggiungere San Pietroburgo
Alla vigilia degli eventi che poi avrebbero mutato il corso della della politica russa dopo la rivoluzione di di febbraio perché questo snodo è uno di quelli capitali sono sono tutti molto importanti quelli qui esaminati ma questo
è
Il bivio che è stato alla radice di tutti gli altri bivi perché se quella
Rivoluzione non fosse avvenuta e il corso della politica russa fosse proseguito in altro modo
Le la catena di conseguenza sarebbe arrivata fino a Novi avrebbe coinvolto anche comma la storia d'Italia compresa della polvere a sinistra e di tutta la politica non ne hanno compreso quindi io
Per cominciare da lei ora la parola ad Andrea Graziosi
Ringraziati si
Due cose volevo dire l'ha già dette Dossetti
Perché è vero ed è ovvio che
Al di là del divertimento di fare la storia con i se e come dice così la storia con i se
è il mestiere degli storici che non credono al determinismo per me per fortuna il determinismo ci credono abbastanza in pochi è ovvio che ogni momento dato ci sono diverse opzioni possibili che queste diverse opzioni possibili
Vengono prese
Non dico per caso ma insomma per una combinazione per mentre i fattori in cui spesso l'azione umana di personaggi importanti quindi c'è un ruolo della personalità nella storia come si diceva una volta anche
Tre marxisti che pure erano seguaci del determinismo esistete molto grande
In realtà lo storico si diverte proprio a far questo cioè a vedere
A ricostruire la storia
Lo storico più molto furbo se volete perché può provare a ricostruire la storia senza sapere quello che succederà domani per avere un'idea delle opzioni possibili però sia abbastanza intelligente usa anche il senno di poi
Perché se no ma io mi ricordo che c'era un
Visto che parliamo di cose un professore molto importante sia l'Unione Sovietica e si vantava di studiare ventinove senza sapere quello che era successo almeno centotrenta per non farsi condizionare e mio maestro meno portava ad esempio di solenne cretino
Diciamo fa doveva dire c'è un cretino dice guarda quello che ho già detto così allo stesso tempo non c'è dubbio che col senno di poi la storia è univoca
In questo senza scomodare i nomi importanti Croce aveva ragione la storia non si fa con il sì detto famosa cosa lui attribuita
Una volta che è avvenuta è avvenuta a quella la storia non è un romanzo la storia è una cosa avvenuta lascia documenti che lascia testi lascia
Ricorrente lasciato prove
Di vario tipo
Ecco quindi la storia è sempre un gioco di sette se uno ha un'idea aperta nella storia del ruolo delle persone messa ovviamente delle élite uso il termine nel senso classico del proprio del suo significato perché
Insomma è difficile che le masse facciamo la storia in un determinato momento dato anche se può succedere
Il problema vero che poi il gioco
Bisogna fermarlo presto sono fallo su quando uno fa lo storico perché dopo tre quattro anni di contro fattualità proprio perché la storia aperta imprevedibile casuale
Andare avanti è molto complicato diciamo così cioè molto facile sulla base di quello è successo studiando capire
E alternativa possibile nell'arco di qualche anno andare oltre diventa diciamo complessa
Qui c'abbiamo provato un po'ci ha provato Benzoni con cui siamo molto divertiti ma
Diciamo la secco non permettevano antipatica fino a cinque anni dopo uno
Diciamo così distinti si muove sul sicuro quando va oltre
Sicuro
Diciamo se il sicuro diciamo si muove su quello ma un probabile che comunque dopo è un po'così per anche per divertimento ma giusto anche divertiti ora questa storia del se lei non
Fosse
Vissuto Selleri in fosse rimasto in Svizzera o se l'ENI in
Vendola fosse stato fermato ma diciamo non arrivato più che altro una volta che era arrivato al complicato
Fermare il tutto se l'ENI non fosse arrivato
Era fra gli storici Unione Sovietica prima della caduta l'Unione Sovietica una specie di
Ci bolle di parola di riconoscimento uno veniva accolto in generale per esempio cioè ma tu pensi che se l'ENI non ci fosse stato ci sarebbe stata l'ho già bolscevica
Sulla diceva sì
Ci sarebbe stata lo stesso apparteneva uno schieramento sono diceva no senza Leni niente ho già bolscevica apparteneva all'altro e quindi veniva o diciamo trattato male ho accolto a braccia aperte io mi ricordo distintamente questo
In America
Con un paio di colleghi più anziani
Questo perché
è effettivamente bisogna tenere presente io lo ricordo sempre anche me studenti che Gramsci
Commento la rivoluzione d'ottobre con un famoso articolo sull'Avanti mi pare intitolata la rivoluzione contro il capitale in cui il capitale non era il capitalismo mera Carlo Marx cioè la rivoluzione fatta contro il capitale di Carlo Marx se le previsioni di Carlo Marx
E lo poteva fare in perché era un uomo intelligente
Ignorando quello che era successo
In Russia quando lei venne arriva ad aprile come tutti sapete dice bisogna fare la rivoluzione lui pure imbrogliare un po'
Operaie contadina pure lui insomma aveva dei problemi a usare il termine socialista poi diventato che pure le riconosceva Marx con tre mentre ad altri
Da leader pare che per esempio Mao Tze Tung non abbia mai letto alcun testo di Max si dice di storici più accorsati riferiscono che sia così
Quando lui espose la sua teoria della Russia nell'impero russo si poteva fare la rivoluzione
Operai contadina socialista usando i contadini e le nazionalità per scardinare e soldati per scardinare l'impero i bolscevichi presenti che l'avevano accolto andarono a casa dicendo questo matto pericoloso
Questo lo sappiamo da fonti precise bolscevichi erano ed il gruppo dirigente bolscevico che era presente a San Pietroburgo
Sostanzialmente si atteneva alla politica marxista anche dei mensili che che la rivoluzione dell'impero russo non poteva che essere una rivoluzione borghese
E quindi se era una luce borghese la devono fare i liberali nei socialisti devono limitarsi appoggiare ai sostenere a
Mandare avanti questi poveri liberale diciamo
E quando lei dice il contrario la possiamo fare noi li sconvolge e quando ci riesce questo per far capire perché importanti
Insomma
E perché si può fanno sarebbe se quando ci riesce il nome che viene dato all'ENI nel partito fra i quadri dirigenti lo trovate le lettere private il mago
Il mago perché quello che ha reso possibile l'impossibile cioè ha fatto la rivoluzione contro il capitale ci ha fatto l'opzione marxista contro il dogma marxista se volete
Quindi effettivamente volete qui una figura centrale badate bene anche lei Menna noi sappiamo che due mesi prima di aprile
Prima della rivoluzione di febbraio che come
Pure qui un'altra famosa
Parola d'ordine per riconoscersi è la vera rivoluzione russa il diciassette quella dei ottobre è un colpo di mano organizzato dopodiché diventa una vera rivoluzione perché cambia il corso del mondo
Però bisogna intendersi su cosa è il cosa vuol dire evoluzione lei viene prima di febbraio mi pare a gennaio a dicembre in una conferenza pubblica in Svizzera
Di cui abbiamo la la la trascrizione dissi io sono vecchio metro ma il socialismo
Voi giovani forse nel futuro lo vedrete quindi non è che lei in pure fosse un determini sta che vedeva quello stava succedendo l'impero non aveva la benché minima idea
Una volta però successa Lucio in febbraio studiato la situazione si convinse che era possibile
Quindi la sua eliminazione effettivamente
Una cosa su cui si può ragionare
Perché senza l'ENI in non ci sarebbe stato probabilmente il colpo di Stato per l'ottobre diventato poi una vera rivoluzione per gli effetti che ha voluto
Perché i dirigenti bolscevichi non erano d'accordo tenete presente che l'altro grande dirigente centrale per la rivoluzione senza il quale probabilmente la rivoluzione sarebbe stata sconfitta cioè Trotsky non era porci
E Trotsky entra nel Partito bolscevico perché lei me lo riconosce gli altri erano molto contrari tutti sapete Stalin che pensava di Trotsky ma diciamo tutti i dirigenti bolscevichi non amava molto
Quindi Trotsky è importante perché lei mi in Accio lo accetta come un
Un suo pari
E lo mette Liebman altrimenti diciamo l'altra figura chiave quella che
Vince sulla crea l'Armata Rossa e grazie all'amata lo sa vince la guerra civile non sarebbe stato nel gruppo dirigente bolscevico
Ci sta solo perché l'evento abbia mediatore e sicuramente non poteva fare il dirigente bolscevico perché era odiato da tutto il gruppo dirigente bolscevico come poi si vedrà
In seguito ecco che me mi hanno chiesto che sarebbe successo se che come ho detto una domanda molto credibile
Perché senza l'ENI effettivamente niente col Potì
Di stato di ottobre niente rivoluzione socialista come dicono gli americani con
Con le virgolette perché Levin pure non era mica come ho detto dal
Tanto convinto che era una rivoluzione socialista
Fra l'altro nessuno era convinto se no non ci sarebbe stato bisogno al ventinove di fare la rivoluzione dall'alto la collettivizzazione industrializzazione quindi era evidente
Diciamo è una presa del potere più che una rivoluzione nel senso strutturale migrazione del socialismo
Cosa sarebbe successo eccolo qui e credo quindi che appunto ci muoviamo rimessi quindi lì si può andare concerto maggiore sicurezza
E basta vedere due cose vedere i risultati della Costituente le ultime elezioni
Libere Finelli dell'impero russo per l'Unione Sovietica russe per l'Unione Sovietica fino
Al novanta con Gorbaciov ottantanove novanta
Nelle elezioni per la Costituente che si tennero
Dopo i bolscevichi hanno preso il potere non poterono evitarlo perché
Poiché so son Porsche oltre l'Assemblea costituente ma
Non far votare era impossibile perché era il mito della rivoluzione
A quelle elezioni bolscevichi presso il venticinque per cento dei voti circa lo prese ero fra i soldati che gli operai delle grandi città quindi imposto importanti dal punto di vista militare tattico diciamo
Ma il più del sessanta per cento dei voti il sessantacinque per cento abbiamo i partiti socialisti rivoluzionari non emendi civiche che presso pochissimi voti e nemmeno i liberali merce ritiro sociale tenterà di marxisti
Diciamo dogmatici preso pochissimi voti e così liberali che prestano pochissimi voti
La massa dei voti
A dimostrare che la scelta del diciassette è una scelta socialista popolare
Che spiega molto della storia sovietica successiva c'è nella storia Roussel diciassette c'è una scelta socialista popolare che non è quella bolscevica nonché quella bolscevica la cavalca diciamo
Perché c'è l'ENEL che lo fa se non l'avrebbe cavalcato è un socialismo contadino sono i socialisti rivoluzionari
In Ucraina questo è l'altro elemento che usato per
Discutere in Ucraina
Dopo che i bolscevichi sempre pochi mesi dopo l'ottobre poche settimane dopo l'ottobre
Dopo che volge vi furono costretti a ritirarsi e tedeschi andò al potere un Governo di socialisti e Socialisti rivoluzionari che erano quelli che hanno vinto le elezioni anche in Ucraina
I tedeschi ritennero al potere per
Tre quattro cinque settimane e poi decisore dovendo fare le requisizione era meglio metterci un generale diciamo un regime autoritario sostenuto da loro
Quindi è pensabile io credo
Anche un meccanismo del genere si sarebbe ripetuto anche in Russia non è impensabile nel senso un Governo diciamo di socialisti rivoluzionare i socialisti molto
Diciamo così anche velleitario se volete che
Sicuramente lancia la villa rivolto la la rivoluzione agraria che quello precedente si è rifiutato di lanciare quindi sfasciato esercito perché ovviamente i soldati una volta saputo e c'è la dismissione la terra
Lasciamo le trincee
Un Governo quindi incapace di resistere all'offensiva tedesca come gli stessi poi CPT sono incapaci di esistere offensiva tedesca
E quindi un Governo che crollano
Probabilmente e viene sostituito da un Governo di generali
Nell'impero russo generali filo tedeschi non mancavano ce n'erano fin troppe da un Governo e generali filo tedeschi che resta al potere fino alla sconfitta che comunque sarebbe avvenuta
Degli imperi centrali in Europa quindi diciamo questo non è
Così difficile
Il problema è che a questo punto c'è il vero grande cambiamento
Perché non ci sarà una volta vinta la guerra da parte gli alleati probabilmente questo Governo socialista con dei liberali per far vedere perché insomma però gli alleati diciamo degli occidentali
Sarebbe stato rimesso al suo posto e avrebbe partecipato avversario da vincitore
Cosa che non successe voi sapete che già
La Russia rivoluzionaria è uno dei paria diversa il
Come la Germania ben che
Diciamo all'origine all'inizio la guerra fosse tra i Paesi alleati viene esclusa da Versailles
E PRIP l'Unione Sovietica vive pochi ricordano la seconda ora la primavera mondiale a due fini
Quella del marzo diciotto Breslin Tosca è quella di novembre
E poi di Versailles c'ha due Paci non è una sola l'Unione Sovietica sarà revisionista non diversa entità diversa è una realtà e revisionista il trattato il prestito Oscar che li toglie Baltico tra in tante altre cose
Territori perplessità l'Impero ottomano tra dalla Romania
Ecco quindi vorreste un'Europa degli anni Venti con un solo revisionismo
E non due revisionismi
Quindi diciamo con una versai più solida se volete con anche un mercato mondiale meno amputato
Perché se da un altro dei grandi conseguenze la primavera mondiale l'amputazione del mercato mondiale attraverso la fuoriuscita di grandi blocchi l'impero russo era uno dei cuori del capitalismo internazionale nel quattordici checché se ne pensi
E
Diciamo quindi è un'Europa più tranquille soprattutto probabilmente
Una pressa minore è questa la cosa interessa più a Benzoni almeno a me probabilmente anzi ai delle zone che sono due perché loro guardano ovviamente più all'Italia l'Europa occidentale e io più
Diciamo a quello che succederà dall'altro lato
Io dico meno Presa del mito bolscevico
In Occidente
Io non credo ecco qui sarebbe abbiamo un po'come detrà che vede io non credo che ci sarebbe stato comunque un forte mito rivoluzionario russo in assenza e la rivoluzione di ottobre perché se voi andate a vedere quello che impressiona davvero
Le masse europee nel diciassette sono gli slogan che l'ENI lancia dopo aver preso il potere
Che hanno una popolarità gigantesca che oscura completamente tutto quello
Che poi succeda la gente non vede la guerra civile non vede le tragedie la guerra civile russa una guerra quasi già in uscita
I posti che la conoscono come la dieci minuti ad altri tre minuti
E i posti che la conoscono come la Polonia il Baltico la Romania l'Ungheria diventano ferocemente anticomunisti
Cioè uno quando pensa alle conseguenze erano già bolscevica è vero che c'è un mito bolscevico e comunista in Occidente
Ma perché sono i Paesi che non vedo quello che succede durante la guerra civile ma in tutta la fascia di territorio ci mettere anche la Germania sono pensa la durezza anti bolscevica della socialdemocrazia tedesca
La durezza anti bolscevica da Zoggia movenze tedesca viene da una conoscenza profonda diretta di quello che è stato
La guerra civile
Nel territorio in un secondo ragionare appunto
No no ma però è subito no Scrofa subito chiama le truppe ammazzare Rosa Luxemburg subito
Perché sanno quello che sta succedendo stanno anche che fino ad arrivare a loro messinscena senza ma questo sta dicendo cioè
Quando uno dice le misurazioni ventisette chi però sto dicendo che la l'appoggio operaio
Ancora nostri porti
Deve dal fatto che il mito bolscevichi un mito che riguarda più l'Europa al di là della fascia tedesca
Soprattutto loro Pauline tale dove invece la guerra civile lascia uno strascico fortemente anti bolscevico da subito questo solo in Polonia nei Paesi baltici molto forte
Ecco
Quindi qui la grande questione a questo punto diciamo una volta che si dice
E qui iniziamo entrare nel tregua dopo i tre quattro anni diciamo entriamo nel territorio più incognita quindi ho brevemente
Ecco ci sarebbe stata lo stesso
La guerra la seconda guerra mondiale
Io questo non lo so difficile dirlo
Sul fascismo mi risponde vi dirà che ha fatto il pezzo sul fascismo
Il fatto è che le
Se voi ragionate di storia tedesca da profani
La Germania pensato un attimo fa da un parallelo con questore lasciate fra Italia Germania e Italia e Germania l'Italia vince la guerra ma è un Paese così fragile rispetta la Germania e malgrado ha vinto la guerra
Collassa bene o male non regge la Germania un paese così solido che perde la guerra e la perde nel modo in cui la perde e nel ventiquattro in piedi
Cioè c'è una differenza sostanziale
Di tenuta dei due Paesi Hitler non va al potere per la prima guerra mondiale in modo diretto dal potere perché c'è la crisi del ventinove
L'incapacità di rispondere agli studenti nove perché c'è una politica comunista c'è una chiusura su una politica comunista in Germania
Ecco quindi qui
Chiamo appunto mazarese interessante ma che più difficile perché
No una non è direttamente legata alla prima guerra mondiale l'asse alla guerra civile e alla risposta alla guerra civile ma legate venti che diventano di seconde potenza generazione
Detto questo perché
E per non rifiutare la provocazione di dire
Senza la rivoluzione d'ottobre anche sul lungo periodo come sarebbe andata è probabilmente con meno violenza nel secolo
Diciamo questo mi sentirei di firmarlo diciamo con meno violenza nel secolo voi sapete la battuta che circolava in Russia quando ci andavo nel novantuno cos'è il comunismo è la strada che e la strada più lunga dal capitalismo al capitalismo
Uno invece andarci direttamente comunque agire poi cito ora io credo che non esiste il socialismo sì non esiste il capitalismo sono
Categoria un po'evanescenti
Esistono altre cose esistono realtà complesse
Però queste plusvalenze anzi beni che non tutti devono ripercorre l'intero ragionamento ricchissimo che troverete che trovate nel libretto e anzi vedo molto di più Graziosi Stevenson arriva fino ad oggi niente scissione di Livorno dunque niente PC e quindi fino alle elezioni e l'altro ieri alla quadro completamente il
Diverse leggi niente porcellum ma è una una situazione completamente
Niente di niente di molto che abbiamo visto
E
E quindi
Io resterei adesso però presidente lei sulla
Invitando Strinati a prendere posto per cui
Diciamo ha pagato già ammenda duramente per il suo lievissimo ritardo stando in piedi
Perché vorrei dare la parola proprio lui perché
Andrà i dieci anni indietro rispetto al diciassette al mille novecentosette a un altro video di tutti bivi
Quello del momento in cui Hitler
Non viene ammesso Accademia ad altri devo dire che destinati che ben conoscete storico dell'arte già sovrintendente del Polo museale romano una
Una una conoscenza di
Della della della discussione culturale italiana molto presente a tutti
Mi ancora già ATO perché
Mi ero rivolto avendo questa domanda in testa e non sapendo a chi chiedere
Chi avesse saputo per trattare l'argomento della domanda di ammissione riteneva che viene da altri viene chiesi maschi secondo te Kiev ha studiato questo
Tema conosci uno storico perché Ist distonici italiani del nazismo io non sono tanto numerosi e non solo con le
E Causin abbia detto sì sono io
Sono io ha dedicato una parte del tempo la sua vita a questo argomento e dunque era in grado di rispondere a questa domanda controfattuale
Grazie con Presidente arrivi cari colleghi si
Effettivamente
Il
Il
Primo capitolo del libro il primo caso
è questo
Che
Cioè
Cosa sarebbe cosa sarebbe cambiato se
Adolf Hitler fosse stato ammesso all'Accademia dai Belle arti di Monaco avesse conseguito il diploma
Nella classe dirvi pittura
Che avesse intrapreso la carriera di
Di pittore
La
Naturalmente
Come poi in realtà credo per quasi tutti i dieci casi esaminati nel libro non c'è una risposta univoca Vangelo dire allora non
Non sarebbe nato il partito non avrebbe
Non serve non avrebbe partecipato alle elezioni e non non non avrebbe conquistato il potere eccetera eccetera
Però non c'è dubbio che la in questo caso specifico il la ragione per cui viene interessava
L'argomento
Era che
Poco tempo prima che
Facessimo questo discorso a proposito di della storia di Hitler artista era successo che
In alcune vendite all'asta internazionali di opere d'arte erano apparse da una parte dei degli acquerelli
Per firmati
E non tutti per a dire il vero ma insomma comunque cosa
Delle opere di Adolf Hitler ragazzo che naturalmente come è ovvio pensare
A ottenendo un dito notevole interesse finanziario insomma perché ero
Logicamente la verità
A quel punto quindi mi mi ero interessato dico queste cose intanto ero andato a vedermi le riproduzioni non non avevo visto la
Questa vendita le riproduzioni delle opere e poi da lì cominciato a
Cerca di capire un po'meglio poi no che come si fosse svolta realmente questa sia pure breve carriera di
Dini Hitler interessato alle cose dell'arte
Fino a quel momento
Naturalmente
L'unica cosa che mi risultava chiara in questo ambito problematico era il rapporto di tre Modena musica wagneriano naturalmente gli
E va beh questa è una cosa arcinota anche se poi poi anche questa discussa so in che misura veramente
Però
Che che Hitler a
Fosse adoratore
Per la musica wagneriana questo non c'è ombra di dubbio e che condivide secoli Walter Reder il feroce antisemitismo
Che probandum sia dagli iscritti sia dalla
Tra l'opera però provarmi analoga in questo era era abbastanza ben noto
La cosa interessante e curiosa la discrepanza apparentemente totale tra questo aspetto
Degli interessi
Artistici di Adolf Hitler cioè diciamo così Ilva anche verismo con tutto ciò che questo comporta come tematiche come
Adesione una certa dimensione estetica e la sua opera di pittore che è quanto di più tenero di più bambole già ante di più infantile di più delicato
Fino
Alla
Come dire a una manifesta superficialità del linguaggio espresso dall'artista che effettivamente una certa impressione la fa
Con un'aggiunta non priva di interesse e cioè la evidente Valentina di quest'uomo
Sul piano grafico era un disegnatore di tutto rispetto questo non significa niente naturalmente dal punto di vista di un intrinseco valore estetico però comunque colpisce
Inoltre un altro dato questo e questo dato lo abbiamo utilizzato nella conversazione che poi ha portato
Alla redazione diretta in questo capitolo
Il
La evidente attitudine alle disegno geometrico e prospettico da parte di questo su quest'uomo
E a quel punto la stopper perché cerchi questa peraltro vastissima produzione anche questo mi sorpreso non poco
E che
La Massi la maggioranza delle dei lavori dei dipinti dei disegni che Hitler in questa sua fase giovanile ha prodotto e perduta
E ciò non di meno quello che rimane e piuttosto consistente da un punto di vista numerico
E un nucleo di queste opere
Per il il libro non è non è illustrato e quindi
Quattro non abbiamo potuto dare conto di questo nelle illustrazioni gli eventuali lussazioni un gruppo di queste opere
è interessante perché è basato
Su un criterio unitario di rappresentazione e cioè la rappresentazione diciamo a volo d'uccello
Di un di complessi architettonici che possono essere immagini di piccole località di paesini DTE che si inerpica ero in località
Tipica insomma di quell'area di quell'area geografica tra
Tra
La tra Monaco di Baviera e l'Austria centonove dove in effetti l'artista ITREC si trova a operare
Ci si chiese dunque ma tutto sommato
A fronte di un evidente interesse dell'uomo per giovane per la dimensione estetica e per la pittura e per il disegno in particolare
A fronte degli ottimi risultati ancorché incredibilmente avulsi dalla dinamica
Del suo tempo siamo nei primi anni del Novecento
Siamo in un momento in quell'area in quell'area
Geografica
Di rigoglioso di di di nuove idee figurative
Presenze di artisti giganteschi vero iure stile e compagnia bella
Nulla di tutto questo viene percepito nella nella produzione
Del futuro del futuro Führer
è un mondo
Il suo nel mondo un modo figurativo una sorta di casa di bambole tanto per fare così usare una metafora non molto adatta a dire il vero
E che
Davvero non farebbero pensare alla mente folle demente criminale che a quanto pare insomma si è
Manifestata sia pure in loco per carità con tutti i distinguo gli approfondimenti necessari
A apriamo così ripercorso insieme la concreta parabola
Voleva dunque fare questa professione e quindi è pro è è lecito pensare che forse
Che ci sarebbe davvero dedicato da questo prioritariamente forse chissà
Ma fermo restando che a questa domanda non si può rispondere
Invece ci siamo chiesti se la frustrazione dalla bocciatura sì è stata tale sede l'anzianità vulgata assi Ciarlo adattarsi a dir la verità
Tra i bene hai fatto a ricordarlo perché poi il quesito invece cruciale è questo
Consultazione della bocciatura e quindi reazione folle eccetera
Però in effetti ripercorrendo un poco i dati oggettivi per altro noti alla storiografia Rolex come abbiamo fatto scoperte documentario sensazionali
Ma abbiamo constatato che nella parabola per come la ricostruisce lui stesso a onor del vero nel Mein Kampf zero
Il viene da parte del del del futuro figurano un atteggiamento deferente e rispettoso nei riguardi di pochi docenti che di fatto
Quindi
Bloccarono la strada il Führer non è che fosse impreparato ma
Se molto semplicemente non aveva i titoli di studio necessari per procedere nella carriera accademica
Soprattutto per un motivo in realtà lui era incamminato nella direzione del disegno architettonico
L'ornato nel disegno architettonico il disegno decorativo ma per fare ma per potere essere iscritto a quei corsi doveva venire
E una ditta diplomi no antecedente di architettura ma non ce l'aveva intanto diplomi e-mail di provincia ben pochi perché i tre è stato uno scolaro svogliato e
Mediocre
Quindi il Rettore il Presidente dell'Accademia un bel giorno se lo chiama
Allora col taluni stesso nessuna more dice ragazzo mio
Non ci sono i fondamenti e giuridici
Per poter procedere nella carriera quindi poi prendere le elezioni certamente ma difficilmente potrei conseguire il titolo peraltro necessario perché all'epoca certo non è che si concepisce la figura del libero l'artista nel frattempo
Hitler lavorava
Realmente
In nel campo di una sorta di artigianato di ornato pittorico presso botteghe soprattutto di
Di falegnami
Che erano per la più parte ebrei tra l'altro
E questa è altra cosa allora abbastanza verso i quali non non manifestava affatto sentimenti di ostilità o di repulsione ma di rispetto e di gradevole collaborazione
Questo naturalmente non significa nulla ma il punto cruciale indicarla Giancarlo adesso vale a dire fu dunque la frustrazione uno degli elementi costitutivi di questa
Svolta
Tragica e fosca e e e totale poteva essere quella fu questa frustrazione siamo stati incline a rispondere in tal senso probabilmente no perché non abbiamo trovato
Il la la vera
Non voglio dire prova ma il vero indizio di uno Stato frustrato da parte del giovane frustrato in senso lato sì perché in qualche modo intralciato in una
Carriera di studi che complessivamente si rivelava debole inconcludente
Ma in verità non frustrato a livello di ribaltamento detti una mente la quale
In effetti fin dall'inizio pur
Aderendo con passione vera alla dimensione estetica la dimensione produttiva
Non ha mai manifestato l'intento di farle una professione del livello alto cioè l'artista del livello basso sì l'artigiano
Quindi
In verità più che frustrazione lì si verificò
Un oggettivo ostacolo allo sviluppo di una carriera che tuttavia
Non era concepita dal personaggio stesso come
La carriera di un artista che appunto viene stroncato per o per l'incomprensione o per no
Per
La impossibilità di esercitare a un certo livello di produzione artigianale infatti tutti i suoi disegni sui quali sono
Oggetti decorativi da inserire in un arredo della casa borghese e effettivo
Mentre di urne livello di una media borghesia che certamente egli poi di fatto
Disprezzava profondamente riga riallacciato sì in questo alle frustrazioni paterne quelle sì in qualche modo possano aver inciso insomma ne abbiamo concluso che alla domanda
Fu fu questo tipo di frustrazione a incidere così profondamente in quell'animo
Turbato da portarlo a quei alcuni catastrofici sviluppi del conosciamo no allora siamo stati incline a pensare che
Quella
Non è stata certo una causa ecco anzi
Quella è stata più che altro uno dei molti effetti di questo di questa avanzata continuamente in tracciate continuamente rabbiosa quello sì che poi naturalmente
è sfociata in ben altre prospettive in ben altre e in ben altri ma
Ma quella dimensione come dire di strana lirica intimità
E di di i in verità la conservata tutta la vita se si pensa che tra i i i pochi dipinti che li possedeva
C'era una versione peraltro non delle migliori dell'Isola dei morti di Brooklyn che rimase fino all'ultimo istante con lui vale a dire
Dell'opera di uno degli artisti più intimi più anche se vogliamo ironici e delicati di quel grande filone della della pittura tedesca
Dell'altra alla fine l'Ottocento inizi del Novecento che
Era ben poco adattabile a confluire
Nel mito Libe lungi come oggi meritano e del del del nazionalsocialismo quindi in effetti un aspetto contraddittorio ma molto interessante
Della parabola del giovanissimo del giovanissimo futuro cifre bene
Grazie Claudio Strinati e
E uno deve impegnarsi in questo in cui la domanda se quel vivi o a quel momento di svolta avrebbe potuto
Ribaltare
Gli eventi per come può invece accaddero nello tragico corso probabilmente no
Invece adesso e veniamo due casi in cui eminentemente la risposta è
Quasi certamente sì con e i capitoli di Giovanni Sabbatucci ed Ernesto Galli Della Loggia abbiamo due momenti più direttamente brucianti per noi come italiani per la storia d'Italia in cui
Si era verde vicini al un possibile alternativo sviluppo che era alla portata degli attori e cioè del re
Roma ottobre ventidue se avesse firmato lo stato d'assedio alla vigilia della
Della della marcia su Roma e
Otto settembre
Roberto
E per la Galli Della Loggia otto settembre se la monarchia non avesse abbandonato Roma l'esercito ecco
Grazie
Ma prima se mi permettete una piccola postilla quanto è stato detto un momento fa a proposito di Hitler
è tutto vero quello che che scrive e dice Strinati ma se noi spostiamo momento la simulazione dalla questione del livello di frustrazione di Hitler pesare il problema di dove stava Hitler
Sente per fosse rimasto a Vienna qualche anno in più e non fosse andato a Monaco
Ecco forse forse in questo in questa prospettiva RAI gioco può essere più come dire
Perché viene Monaco erano dovute ad un ruolo di diversità tanti punti di vista in quel momento
Ma
All'inizio mi sono state attribuite delle responsabilità per questo per questo libero e io me le assumo volentieri perché perché questo
Questo metodo
O questo gioco se preferite lo trovo utile oltre che stimolante è stato è stato già detto
è una un modo per non farsi prendere da questa da questa tendenza determini sta per cui
Esistono le grandi forze per la storia che agiscono comunque trascinano tutto come se e quindi in qualche modo determinano tutto quella fase si è esaurita e perché chi l'ha detto
Quel sistema politico è in crisi ma in crisi un sistema politico si può restare con una terza Repubblica francese per settant'anni
E così via insomma eh è un utile esercizio questo è un utile esercizio che ci aiuta
Da un lato a non considerare nulla scontato a rivalutare l'idea appunto della decisione individuale del libero arbitrio lo diceva Dante nella sedicesima del del Purgatorio e voi uomini
Attribuite tutto al cielo ma senza se fosse così occhiali sarebbe del libero arbitrio del dei premi e delle punizioni eccetera eccetera sì
E è un appunto un un antidoto a questo tipo a questo tipo di approccio
Ed è anche un modo come diceva prima Giancarlo Bosetti di guardare nelle pieghe degli eventi
Di sviscerare il link di capire alcune dinamiche che non si capirebbero si si considerasse tutto
Scontato e dato TEN partenza sulla famosa affermazione di Croce poi
Mi sono sempre chiesto se si riferisse perché alla storia nel senso delle cose avvenute deve respingere estero la storia nel senso dell'attività della storiografia
Per attività di chi la storiella ricostruisce che la storia sia una checché ne non è che un certo punto si è ci sono due diramazioni alcuni erano dalla parte altri dall'altro
Cluster e quella insomma direi inutile inutile sottolinearlo
Che l'attività dello storico invece si possa trovare delle simulazioni delle ipotesi e soprattutto del delle evidenze azione
Delle alternative che sempre poi in realtà esistono in questo secondo me c'è un fatto
E quindi è utile
Io non a caso di tutte le occasioni di riflessione su questo tema non me ne sono perse nessuna consentito prima Giancarlo
Ne aggiungo un'altra quelle citate ci sono state anche stata anche una serie televisiva c'era qui Giuseppe Giannotti non lo vedo
Che accurato appunto unno alcune alcune trasmissioni alcune alcun una piccola serie forse in cui si
Affrontava appunto in modo
Sì anche
E con qualche concessione allo allo spettacolo come è giusto che sia alcuni di questi di questi nodi
Dicevo però è utile a una a una condizione a un paio di condizioni anzi intanto bisogna che il
Il caso
Il il tema che si sceglie offra veramente questa alternativa reale
Che non sia appunto come oppure Astoria contorto controfattuale prevede riferito a un qualche cosa che noi possiamo considerare così fuori dalle
Dalle normali dalle non verde dalle dalle possibilità eccetera non ha molto senso chiedersi
Per esempio che cosa sarebbe successo se Hitler fosse stato un pacifista ecco
Non ha senso la il problema STT le Rappo unto in un certo punto della sua vita avesse fatto un'altra scelta e così perché
Questo in generale e anche e anche su questo sono d'accordo quanto con quanto diceva prima Andrea Andrea Graziosi
A che questo tipo di
Simulazione non si può protrarre non si può portare troppo lontano dal fattori Gennari o da cui parte commetterlo si può fare ma diventa sempre più un gioco più ci si allontana è più un gioco
Piuttosto che una riflessione sul tema specifico perché quando si va poi troppo avanti naturalmente ci sono mille subordinate si perde un po'il però però si può fare anche queste anch'io in parte l'ho fatto anch'
Comunque a queste a queste condizioni il il gioco come si dice vale vale la candela
Il tema di cui mi sono occupato se Vittorio Emanuele terzo in quella notte sul ventotto ottobre avesse firmato il decreto di stato d'assedio rientra secondo me molto bene
Nella nella casistica diciamo rientra perché perché
Quella possibilità quell'eventualità non solo c'era Cerreto nella sua
Nella sua libera decisione poteva tranquillamente firmarlo quel decreto
Ma
Questa firma era data per acquisita e per scontata già dalla sera prima
Tant'è che erano stati distribuiti i manifesti che furono affissi poi in cui si annunciava appunto il passaggio dei poteri alle autorità militari
E il resto esso la sera prima si era espresso in modo tale da far pensare ai
Chi lo aveva visto al Presidente del Consiglio ministri eccetera eccetera che trovano incontrato mentre lui tornava da star sarda San Rossore
O comunque che erano a conoscenza delle sue intenzioni che lui
Non ne volesse sapere di questa pagliacciata di questa cosa di questo grave atto di di di
Di insubordinazione più che insubordinazione insomma
Che si stava preparando e che quindi intanto lui decreto dove sta la seduta l'approverebbe firmato la mattina dopo non lo firma e quindi
è un caso su cui noi ovviamente
Dobbiamo spiegare perché o cercare di spiegare a cercare di capire perché non lo firmo
Ma possiamo tranquillamente tenere in seria considerazione l'ipotesi alternativa cioè a che punto visse firmato per questo secondo me
è un caso che si presta bene per questo non lo sono scelto con per illustrare appunto il il tema il tema generale
Che cosa sarebbe accaduto se CDR avesse firmato quel decreto e
Le truppe regolari che già
Stavano nelle vie d'accesso alla capitale avevano già messo i cavalli di Frisia erano pronte e per quanto se ne può capire
Fedeli alla alla agli ordini alla gerarchia eccetera eccetera se queste queste truppe fossero rimaste là e avessero svolto il compito che era stato loro affidato
Di
Fermare
Milizie uomini armati che andavano verso la capitale il che terra del tutto normale nazione e natura
Prima però di procedere sulla appunto sulla sul terreno la contro fattualità
C'è ancora da fare una una osservazione sul perché il re non firmo lo Stato per sé perché è vero
Che
Sarebbe stato naturale che lo firmasse ma aveva anche qualche buona ragione invece per il non firmarlo per prese per prenderla della decisione che poi prese

Capo di Stato al cospetto di una di un pronunciamento di una specie di tentativo di simulazione di di colpo di Stato normalmente
Prende le misure necessarie
Ma quella non era una situazione normale eravamo
In una situazione in cui da
Diversi anni
La violenza era un ingrediente quotidiano
Del della vita politica in cui
L'assuefazione ai metodi squadristi ma prima ancora alle violenze del biennio rosso era un dato qualche ma acquisito e accettato
Così come era dato per acquisito e accettato in gran parte della classe dirigente il fatto che
Contro quelle che dovrebbero essere le regole di uno Stato di diritto i
Responsabili della violenza dovessero essere in qualche modo accontentate cooptati al potere così le violenze sarebbero finiti
Questo è il ragionamento che sottostà alla decisione o alla non decisione di pittori Manuele terzo ma attenzione questo ragionamento non era un ragionamento
Che veniva così da un pensiero solitario isolato era Ciocchetti pensava in fondo tutta la classe dirigente
Tutta la classe dirigente liberale liberal democratica e non solo anche cattolica eccetera eccetera
Alla fine quella doveva essere lo sbocco allora è più facile a questo punto capire qualcosa passa per la testa per
Cose che non sapremo mai perché stava lì
Nella sua stanza da letto ufficialmente con un telefono c'è conti abbia parlato non lo non lo sapremo mai sono state molte ipotesi eccetera comunque
è facile pensare che il re abbia fatto esattamente questo ragionamento ma insomma Giolitti vuole fare il Governo con Mussolini ESA mandavano fare il Governo con Mussolini fatta pure Orlando
De Nicola tutti tutti pensano che questa sia la soluzione ma allora perché fare sparare ma diamogli subito un posto di Ministero e latte la situazione si risolve il problema che Mussolini non era stupito nel momento in cui
E e lo Stato il suo interlocutore si priva dell'arma che ha a disposizione dell'Arma vere che a disposizione cioè fare sparare sui fasciste dice ma non non lo faremo ma a quel punto Consolini può avere tutto questo eh per la e la dinamica dell'evento ma torniamo
Allora che brevemente alla a all'ipotesi controfattuale se invece il re avesse
Fatto prevalere quelle che erano anche ragioni di principio e i doveri inerenti alla sua carica di Capo dello Stato e di uno stato di di di diritto che cosa sarebbe accaduto
Sarebbe accaduto che Mussolini il fascismo la mobilitazione para golpista che era stata montata sapendo benissimo da parte di Mussolini a meno che non avrebbe potuto avere un effetto sul piano militare
Tutto questo sarebbe fallito clamorosamente
Non si arriverebbe rimediato una pessima figura forse non sarebbe finito in galera come Hitler nel ventitre
Si sarebbe magari eclissato sarebbe ritornato dopo insomma comunque
Il quella che era stata fino allora la marea montante del fascismo e del consenso al fascismo della tolleranza nei confronti del fascismo avrebbe subito
Una
Secca battuta d'arresto
Il fascismo sarebbe avrebbe dovuto in qualche modo recuperare la sua vena originaria antistatalista e sovversiva
E avrebbe dovuto al momento rinunciare all'idea di farsi Stato anche se per gradi io
E questo sarebbe stato
Vissuto come
Fallimento è percepito come un fallimento come una figuraccia
Ricordiamo che anche Intel che pure per certi aspetti agiva in una situazione molto diverso per
Per tanti per tanti aspetti e ci mise i dieci anni per riaprirsi
Diciamo un po'meno diciamo sette otto anni perché già con l'elezione del del trenta impartito nazista
Prende un fa un sommo un ottimo risultato ed elettorale però ci mise un bel po'prima Dick potere in qualche modo riproporsi negli anni fra il ventitré che il
E il ventotto il trenta anzi anzi per il venti trenta chi teme e
Si esiste e si fa fare rumore si fa annotare eccetera però
Non è considerato minimamente una prospettiva un opzione per il Governo del
Paese e la stessa cosa sarebbe accaduto probabilmente
A Mussolini
Poteva
In qualche modo resuscitare Rui ritornare sulla scena sul proscenio tutto è possibile
Anche se bisogna ricordare che Hitler
Hai tenere consentito questo perché la Germania e subisce le conseguenze della grande crisi in modo feroce
E c'è una assoluta così collasso delle delle forze repubblicane lo stato di crisi totale eccetera in Italia le cose forse sarebbero andate diversamente
Quindi è abbastanza secondo me insomma match cito ipotizzare che se ci fosse stata quella battuta d'arresto almeno per gli anni venti ma forse probabilmente anche dopo
La storia d'Italia sarebbe stata inerzie bastardi Italia ma forse anche persone d'Europa forza
Perché e non dobbiamo dimenticare che negli anni che vanno dar soprattutto nella seconda metà degli anni Venti ma già prima fra il ventidue
E il trenta lei in regimi rappresentativi delle liberal democrazie
Di
Qualsiasi genere di qualsiasi io ordinamento eccetera cascano come birilli in mezza Europa
Spagna Portogallo Jugoslavia Bulgaria la Romania Polonia
Allora
E forse arbitrario pensare che in questo in questo si accerta questo è un fenomeno che deriva da tanti motivi dalla fragilità intrinseca di quei regimi
Ma se non ci fosse stato un modello fascista vincente
Il modello di una movimento
Eversivo che si fa stato che conquista il potere lo mantiene tutto sommato alla sbarra abbastanza tranquillamente e viene per giunta
Omaggiato che osannato dagli statisti di mezza Europa ecco se non ci fosse stato questo sarebbe stata così grave da crisi della democrazia negli anni Venti e poi negli anni trenta
Per quanto riguarda la Germania gli anni trenta è stato già detto poi c'è un punto di svolta e di fare la grande crisi e tutto quello che
Che succede dopo tratto
Tutto tutto poteva accadere ecco però siccome ho appena detto che oltre un certo il numero di anni le simulazioni perdono la loro il loro interesse tra loro attendibilità
Mi fermo qua poi nel libro qualche qualche ulteriore no qualche ulteriori ipotesi è stata fatta però io mi fermo qua
E
Penso che appunto è il caso di cui io mi sono occupato
Che è abbastanza facile perché lì c'è la decisione di una persona che sta sono nella sua stanza e può fare o non fare una cosa e decide di non farla ma insomma quella
Questa a questa vicenda che ne sia insomma fra quelle che possono essere citate a sostegno della tesi generale che è quella cui tutti un po'in qualche modo abbiamo aderito
Grazie giovane Sabbatucci per lo spessore
è al centro di un altro momento
Cruciale e uno un
Una
Una momento in cui si affacciava l'otto settembre quarantatré sì
Affacciava la possibilità di grazie diverso
Non era non era non era scritta neanche in quel caso ma assoluzione che sarebbe è stata adottata e
I e anche quell'evento ebbe
Enormi conseguenze
Sul seguito della storia d'Italia
Ernesto Galli Della Loggia in certo senso possiamo dire che tra il venticinque luglio a settembre si chiude questa storia sempre avendo protagonista la stessa persona cioè il re
Si chiude con lo stesso grado di personalizzazione degli eventi si chiude il capitolo iniziato il ventotto ottobre
Ventidue
Prima di entrare un attimo nel merito vorrebbe fare
Qualcosa di una considerazione a proposito di quello che scrive e anche ha detto Andrea Graziosi del rapporto tra la storia italiana età storie generale dell'Europa cosa che anche
Tema che anche sollevato Giovanni
Nel suo scritto sulla rivoluzione
Conosce bisca se non ci fosse stata riduzione bolscevica non ci sarebbe stato il comunismo che sostiene Andrea tutto sommato però questo non avrebbe avuto una grande influenza sulla storia d'Italia perché
Il fascismo non si affermò certo per la sua carica anticomunista per il suo porsi al comunismo
Che tra l'altro in Italia era poi un altro soltanto il ventuno il Partito comunista come si sa si affermo per ben altre ragioni
E così lo stesso più o meno incline a pensare per sul caso del nazismo per la Germania se sebbene con minore
Diciamo così spirato di certezza ora io penso
Che
Il comunismo invece ha avuto un enorme l'esistenza della rivoluzione russa e quindi comunismo in generale partiti comunisti come interagisce
Abbiamo già una grandissima influenza sulla storia d'Europa in generale e in particolare sulla storia d'Italia
Non già perché così diciamo così legittimo l'anticomunismo del fascismo che sicuramente non fu una delle carte decisive per la sua vittoria
Ma per cosa praticamente misere Corte Partito Socialista
Fece impazzire il Partito socialista la rivoluzione russa col mito del fare come la Russia eccetera fece perdere completamente la bussola al partito si sapranno Bizzo c'è un dato che io così
Il Partito socialista che Mino centodiciannove aveva centocinquantasei deputati due note del partito più importante nel Parlamento italiano in due anni di legislatura non presenta orme pubbliche un progetto di legge
Perché avrebbe significato collaborare con lo Stato borghese
E questo ha avuto nel nord offre e chiusi e questo scacco matto che della rivoluzione comunista chiede al socialismo europeo tutti i partiti socialisti in qualche modo in fase maniera
Catastrofica però questo anche per la Germania che è molto presente
Se non ci fosse stato il Partito comunista
E
Chiusi la socialdemocrazia tedesca io credo che le dovuto uno spazio di manovra di decisione soprattutto dal ventotto in poi
C'è
Chiusi e quando si afferma la dissennata svolta socia al fascismo molto più attiva capace di incidere in senso positivo sulle
Ritorniamo all'otto settembre anzi al venticinque luglio
Questore che in quella crisi
Dove pure qui appunto alla testa del Governo che viene
E nominato dopo il venticinque luglio c'è un generale Badoglio con però questore
Stranamente insomma
A giudicare le cose col senno di poi certo inizialmente non fa
Rinunciare mafiosi a
Avere in pugno a giocare la carta che tradizionalmente del mille ottocentoquarantotto alla dinastia sabauda l'ha sempre giocato nei momenti di crisi e cioè il suo rapporto con l'esercito
è la vera carta vincente in tantissime occasioni era stato appunto la sicurezza del rapporto di fedeltà assoluta che
Su quella che poteva contare che anche la presenza del fascismo per vent'anni non aveva
Sostanzialmente scalfito lo sappiamo benissimo
In quella crisi capisce così il
Poter contare sull'esercito poneva il problema in una condizione di assoluto favore rispetto a tutte le altre forze
Politiche presenti perché l'esercito
Era una grande carta politica e soprattutto visitare in una situazione in cui l'elemento militare era
Era decisivo
Qui c'è qualche cosa inspiegabile a mio giudizio che appunto
Il due in un Governo di cui appunto c'erano sei sette generali Carmelo quattro cinque forze per generare mirate Badoglio decurtare non
Generale dell'aviazione
Cioè perché non ha pensato appunto che
In un momento di crisi dello Stato e soprattutto avvicinandosi momento cruciale dell'armistizio non si doveva avvalere questa questa casa
In che modo B nell'unico modo possibile una volta che si firmava l'armistizio
E
Si chiedeva praticamente la protezione militare degli alleati che dovevano
Inviare una divisione aviotrasportata Roma eccellente
Contare innanzitutto sulla difesa militare è assicurata dall'esercito italiano
E quindi dagli ordini in senso
In senso con loro congruo a questo non lasciare questo esercito completamente a allo sbando
Lì c'è
Una sindrome forse di
Di paura Dipro parlare notizie che si riteneva hanno segrete cioè imminenza d'armistizio cosa invece tedesca perché ho capito benissimo qualunque persona di buonsenso capiva che
La promessa di Badoglio all'indomani del venticinque luglio che l'alleanza sarebbe continuata era una promessa da marinaio insomma
Quindi peraltro la paura il che comunque però appunto qualsiasi mossa nel senso di mobilitazione dell'esercito sarebbe apparse tedeschi la riprova del e l'imminente del cambiamento cambiamento di campo
è difficile così
Immaginare che cosa che cosa atti effettivamente bloccato che io sappia diciamo così
Anche nella fittissima letteratura successiva memorialistica così
Non
Diciamo sì non emerge
A quello che lo so nessuno che abbia quei famosi quarantacinque giorni detto un attimo ma qui noi abbiamo un esercito in Italia che cosa ci vogliamo fare i tedeschi
Abbiamo tutti una grande paura della reazione ci salteranno propriamente addosso e abbiamo un esercito di diciamo di difenderci di difendersi
E
Invece questa cosa distrattamente non non accade se fosse accaduto perse fosse accolto e credo che sarebbero cambiate moltissimo le cose
Innanzitutto
Non ci sarebbe stata la disgregazione dell'esercito
Quindi in qualche modo non ci sarebbe stata la spiegazione statali che
Della discrezione dell'esercito simbolo e ciò
E rappresentano nella maniera più visibile con il fenomeno terribile del tutti a casa
E un esercito che in qualche modo fosse riuscito a
Resistere adesso
Configurare un'azione di resistenza contro
I tedeschi avrebbe dato una connotato chiusi patriottico a alla Resistenza anti anti tedesca
Che
Sicuramente mancò in noti notevoli misura probabilmente ancora di più un
Schierarsi militare dell'Esercito cioè
L'altro visibilità del continuare rapido continuare la guerra avrebbe tolto lo spazio anche alla
Alla Repubblica fascista alla Repubblica di Salò cioè l'idea che l'Italia abbandona il combattimento
Che fu così palesemente evidente con la fuga dei sorella disgregazione esercito con un esercito che sotto la guida del re con un detto proclama ad hoc avesse invece iniziato delle operazioni militari
Contro la Germania
Beh certo diciamo così la spazio propagandistico Cal
Addosso limite di vivo sarebbe stato molto molto minore
Ricordo qui che
Grandi nella preparazione della congiura del venticinque luglio grandi avanzò l'idea non so credo forse
Allo scopo al comandante Capo di stato maggiore d'Ambrosio una idea assolutamente così detta così come la disse lui dove ad Ambrosetti apparire D'Ambrosio sterpaglie pazzesca fisse
Non chiediamo l'armistizio non iniziamo nessuna trattativa
Semplicemente iniziamo a combattere contro la Germania improvvisamente dall'oggi al domani
Diciamo subito abbia aggrediamo l'esercito tedesco e a quel punto l'esercito del come sapete si rafforza enormemente nei quarantacinque giorni firmando subito non ma numerose divisioni perché appunto a capire come andare a finire
Il venticinque luglio sicuramente deserto ed esco e immediatamente diceva grandi la positiva la linea
Di combattimento degli alleati dalla Sicilia diventeranno le Alpi cioè facciamo guadagnare
Mille chilometri al al fronte antitedesco
Dopodiché vedremo poi il compenso politico che potremo tenebre unità
Tale assolutamente balzana
Balzana così però aveva prospettata però che Chiusi sicuramente teneva conto degli eventi in maniera
Più
Penetranti anche se poi la soluzione che proponeva era probabilmente insomma il tutto irrealizzabile
Allora quindi l'arrivo la la resistenza avrebbe avuto una resistenza
Canti tedesca agli ordini del re
Avrebbe avuto questo carattere patriottico avrebbe significato probabilmente una diversa configurazione ideologico politica che l'Italia post bellica
Il
I conservatori elemento conservatore che nella storia italiana intimamente legato alla monarchia fu completamente travolto e per decenni dalle discendere il quarantatré e quarantacinque
Probabilmente chi sa invece
Se diventi fossero andati nel modo che io casi immagino prospetto così nell'immaginazione provvedimenti invece
L'elemento conservatore
Liberal conservatore chiamatelo come volete avrebbe avuto una molto maggiore presenza nella
Vita sociale politica soprattutto italiana e probabilmente
Cosa non da poco la monarchia non avrebbe avuto referendum a lei negativo che invece
Cioè noi avrebbe avuto propriamente
Una monarchia costituzionale invece delle Repubblica una malattia di tipo costituzionale cosa che naturalmente la cui
Rilievo storico non si può esagerare perché certo diciamo così tutti quanti ne capiamo che differenze avrebbe fatto che
E in ultima analisi questo scusarci suggerisce qualche cosa mi suggerisce diciamo così proprio
Quasi il normanno penso in questo momento mentre parlo quindi insomma non bisognerebbe forse parlare così insomma aprire poche tagli fiato Mazzola visto che siamo pochi intimi posso farlo
Cioè
Chi studia la storia italiana letto qualche libro come tutti quanti noi abbiamo fatto in questa
Sarda non può io credo oggi su questo punto insomma che tante
Impostazioni ideologiche o comunque
Mi scusi legittimissimo e ferito ad oggi che si sono può attenuate non può fare a meno di pensare che
Lo Stato italiano nato all'insegna del
Della monarchia
Caputo con la monarchia un rapporto fortissimo tinte non soltanto di identificazioni ma di costruzione anche di tenuta che anche di tenuta
Sicché la Repubblica rottura della Repubblica ha significato una rottura molto forte con la tradizione su cui lo Stato
Su cui lo Stato e Renato a
Ha rappresentato un indubbio elemento di indebolimento della della struttura dello Stato
Se noi oggi assistiamo a questa autonomizzazione a mio giudizio pericolosissimo più qui delle alte burocrazie
Di tutti i gabinetti gli uffici studi gli uffici legislativi c'è questo centro di alti funzionari che si pongono praticamente Comites i detentori
Del tutto scissi sia dalla politica inseriti tutti i politici perché sono loro che comandano i ministri sostanziale
Ecco se noi
Vediamo questo fenomeno pensiamo invece affatto che in un'altra dimensione storiche fu quella della monarchia
Questo apparato alto apparato burocratico funziona viale che eppure necessario perché rappresenta come dire l'ossatura dello Stato lo sotto un'attrattiva dello Stato c'era però diciamo così
Non faceva le critiche non faceva gli affari propri non cercava di non nominare tutti i propri racconti ma
In qualche modo era tenuto da una fedeltà di tipo istituzionale allo Stato
Che rappresentate per l'appunto dalla monarchia ma naturalmente questo appunto fare la storia connesse
Bene grazie all'estro Galli Della Loggia
Sorda questa riflessione
Passiamo adesso al massimo dolori
In cui capisce
Ce lo insegna la storia
Passiamo
Tardi milanese si
Dall'esito probabilmente il
L'ipotesi del Sele sulla
Storia americana sono elezioni presidenziali americane
Del due mila nove non sono così appassionanti come le vicende
Dei nodi dell'Italia che fin qui hanno
Su cui han parlato Sabbatucci legali Della Loggia
Io quando quando Alberto Benzoni mi ha proposto questa cosa ero abbastanza
Abbastanza
Diciamo scettico su questo tipo di gioco che è un po'che poi non non
Non appartiene alla mia
Diciamo alla mia tradizione poi siccome Alberto
è una mia è un carissimo amico archeologico a Sora del
Le sue insistenze alla fine
Ho ceduto e
E sono contenta di di avere ceduto la questione
Del se che che su cui
Abbiamo scritto scritto e appunto che s'cosa sarebbe successo nelle elezioni del due mila sei invece di vincere
Già oggi dà più Bush avesse vinto core
E che è un se e
Tra l'altro abbastanza probabile abbastanza e vicino abbastanza possibile
Nel senso che in quel caso al lei repubblicano
Ha vinto le elezioni per una serie di BBB cose particolarissime che potevo assolutamente andare nell'altro senso perché pochi voti contestati in uno Stato che era lo Stato chiave decisive dalla Corte Suprema di quello sta insomma
Era possibilissimo che le cose andassero a finire dei in altra maniera
E se le cose fossero andati a finire in un'altra maniera
Probabilmente sarebbero avvenute non sarebbero avvenuto sarebbero nude cose alquanto diverse da quelle che sono venuto
Perché
Qual è stato l'elemento fondamentale che ha
Segnato la storia mondiale ma direi che ha segnato anche la storia del mondo intero e
In parte
Con riflessi anche in Europa è e in Italia ed è stato l'undici settembre cioè questo è stato l'elemento caratterizzante della presidenza della presidenza
Buscetta e che cosa
Che cosa
Probabilmente anche qui andiamo sui se nessuno può dire nulla se quello al famoso quei famosi treni che incrociano tutti quanti i binari sarebbero andati i binari completamente diverso
Ma probabilmente il il l'America avrebbe reagito al terrorismo e questo era una cosa ovvia cioè non pensiamo che erano non avrebbe reagito con la maniera forte come resta è nelle vene profonde degli Stati Uniti
Come è nella sua tradizione dalla guerra fredda
In poi
Ma anche la guerra fredda che su alla quale poi si è fatto
Si è paragonato la la la lotta al terrorismo islamico come una nuova guerra fredda una terza guerra mondiale ma anche la guerra fredda fu affrontata dei vari Presidenti in maniera molto diverso dall'uno dagli altri quindi
Anche la risposta al terrorismo che interna globale internazionale probabilmente poteva essere diversa
La risposta di Bush il quale è stata cosa delle borse avuto
Una Charisteas caratteristica internazionale è una caratteristica in Terna la caratteristica internazionale è stata quella di mobilità di di mobilitare sub di dare la risposta militare forte
Non ho un'amica una risposta
Non so come risposta ideologicamente e politicamente
Decisa forte ma è stato quello di una risposta puramente sul terreno militare che ha portato
A alle due avventure quella dell'Afghanistan
Che dura tuttora e a quello del delegati è probabile è possibile
Che una risposta di un personaggio come Gore
Sarebbe stato sì una risposta forte al terrorismo internazionale ma non si sarebbe imbarcato nelle avventure militari
In cui si è imbarcato Busse tra l'altro con tutti quei trucchi e quelle cose che che corrono che ormai conosciamo
Molto bene per intervenire in Iraq a questo proposito c'è
Un un un punto di riferimento che ci fa pensare al sette e punto di riferimento è proprio Obama perché Obama non ha alla
Non ha interrotto la cosiddetta guerra al terrorismo anzi come la cosiddetta perché è stata dichiarata ufficialmente
Tanto che subito dopo l'undici settembre il Congresso ha dato i poteri straordinari al Presidente
Di comandante in capo cosa che che a normalmente ma non ha normalmente i poteri di comandante in capo che può fare la guerra senza l'autorizzazione del Congresso mentre con quel con quella legge speciale che oggi Obama mi pare voglia
Cioè abolire avuto il potere speciale di fare degli interventi di fare la guerra di fare interventi militari noi abbiamo
Oggi un punto di riferimento il voto di permettere come Obama tra l'altro il discorso dell'altro giorno
Rivelatore come Obama sta cercando di affrontare
Ancora la il confronto con il terrorismo internazionale ma con mezzi diversi innanzitutto c'è il tentativo del dialogo con l'Islam
Di cui il suo famoso discorso al Cairo e poi anche la questione dei troni che è una questione
Molto so benissimo che è una questione molto controversa eccetera ma è una risposta di qualità molto diversa dall'invasione Colle con con con con militare per via terra e questo tentativo che che fa Obama cioè
Uso dell'Intelligence molto più forte e molto più preventivo molto più
Penetrante molto più diretta di quanto avesse fatto il suo predecessore che poi è stato
Quello per con il quale è riuscito a catturare il
Uccidere il capo del del terrorismo internazionale
E due L'uso dei troni quindi senza andare in terra Obama tra l'altro non non è voluto non se ho voluto imbarcare la questione della Libia
Non si vuole imbarcare oggi assolutamente non è questione della Siria
Probabilmente probabilmente io dico ma ex fisse sono sono sempre se probabilmente Gore con la sua linea con
Con la sua caratteristica la sua personalità probabilmente
Avrebbe seguito una linea altrettanto decisa ma non con gli strumenti che bus ha usato e che sono stati strumenti che hanno avuto
Una un impatto sul SIS diciamo sul sistema dell'opinione internazionale molto importante
Perché c'è stato con voce soprattutto verso la la fine del primo mandato cioè
Nel due mila qua due mila tre due mila quattro due mila e cinque c'è stato una reazione di antiamericanismo che appresa otto non solo l'Europa
Quel mondo e tutto il terzo mondo probabilmente una linea di confronto con il terrorismo
Che non avesse usato la mano forte militare
Non la mano forte Roma forte militare probabilmente non avrebbe suscitato quella reazione internazionale dell'opinione pubblica internazionale che ha suscitato Bush
E avuto una seconda un
Un secondo effetto che molto probabilmente non ci sarebbe stato se non
Fosse stato il personaggio giorno più Bush che è stato quello di
Far prendere fiato all'interno
Di quella destra soprattutto religiosa che va sotto il nome ITO colmano non è soltanto i teocon è tutta un'altra cosa che naturalmente ha sempre esistita negli Stati Uniti
Sempre fortemente insediata nei paesi nei nei territori
Dell'Ovest dell'estrema che convulse praticamente è entrata
Nei gangli vitali nella nella Casa Bianca tra l'altro con una serie di intellettuali che sono stati
Siamo sono stati
E gli sponsor degli interventi militari e intellettuali di primissimo ordine molti dei quali provenivano
Dalla sinistra anzi dall'estrema sinistra anche anzi da una tradizione di tipo Trotsky ste e simili cioè trenta anni o quarant'anni fa gli stessi intellettuali che sono passati alla sponda del
Delle l'estremismo della destra cristiana
Che a ha sollevato poi una serie di conflittualità sui temi
Uno sul rapporto con l'Islam
Visto come il nemico storico due sui tutti quanti i problemi di carattere etico cose che hanno avuto
Una ripercussione internazionale molto importante quindi naturalmente con tutti i se con tutti ma io penso che se avesse vinto il il il candidato democratico che poteva vincere proprio per quelle
Per quelle ragioni che abbiamo detto prima di dire elettorali
Forse questi due elementi che hanno determinato sia il panorama internazionale sia il il panorama interno con una ripercussione internazionale molto importante non ci sarebbero stati
Io voglio qui ricordare che la seconda vittoria il secondo mandato di di Bush in cui Bush ha vinto con un larghissimo margine
Di voti contrariamente al primo mandato ha vinto perché c'è stata
La straordinaria mobilitazione la prima volta nella storia elettorale americana
Di proprio di questa del del dell'Ovest e del sud della destra cristiana con tutti annessi e connessi che hanno formato il nucleo duro del Partito repubblicano cosa che poi non si è ripetuta nelle elezioni successive
Ecco queste sono le cose che che volevo dire
Ma volevo
Vuole quattro a proposito della
Prevedibilità della storia
Ho letto l'altro giorno con
Un articolo
Che mi ha inquietato molto devo dire
Che i bei dettata
Ormai consentono
La triplica delle azioni di ciascun individuo e anche le azioni collettive quindi quelle della storia delle comunità o dei Paesi o di qualche altra cosa
Cioè che l'accumulazione ve dei dati e sistema degli algoritmi eccetera eccetera
In realtà starebbero acts bussando alla porta
Per distruggere proprio quel libero arbitrio a cui qualcuno
Prima
Faceva riferimento grazie
Grazie alla
Durante le vacanze minacciosa
Raggio ma cari Alberto ed Elisa
Che siete qui alle mie spalle
E come autori potete essere come minimo

Del trattamento è stato riservato al libro ma
Potete
Ricevendo alcuni secondi e se non ci fosse una ovvero se non ci fosse stato questo trattamento che sarebbe successo
Dal vento realizza
Emana
Io mappa continui
Decisamente allo
Adesso l'antefatto
Cinque anni fa ci è venuto in mente
Impaccio brutalmente di descrivere no
Fisica
Cinque anni fa abbiamo avuto l'idea di iniziare a ragionare sul caso sulle fatto del caso sulla storia sulle se fatto sulle vite umane e più in generale sul sulla storia collettiva
Da lì abbiamo detto facciamone un programma televisivo
Poiché per dichiarata incapacità degli autori questo programma televisivo non sia affatto perché non è informato diciamo sono sono linguaggi che non conosciamo e quindi ci siamo ritirati ponderato
C'abbiamo ripensato abbiamo pensato abbiamo pensato libro ecco questo passaggio dal programma libro in realtà ci ha fatto guadagnare una cosa ci ha fatto probabilmente programma televisivo
Ci saremmo incentrati molto di più sulla fiction sulla sulla contro storia sul sulla fatta storia
Invece il libro Chafik riportata la realtà cercato l'occasione di parlare di storia che era proprio quello che volevamo fare
Ringraziamo tutti ringrazio io ma ringrazio anche noi perché ci siamo divertiti intanto
Veneto che poi non si faccia in fretta
Kakà serie televisiva auguri alla Alberto è dell'ISAE come autorità e arrivare a
Farà
Avere sede legale no
A domanda risponde no
L'imputato dica cosa l'ha indotta questo insano proposito
Allora due ragioni la prima
Che era non ha a che fare con sarà controfattuale il fascino del caso
Ci sono due episodi che sono a contati è libero no però non non c'è l'orchidea trattati Rusconi
Francesco Ferdinando l'attentato a Hitler Francesco Ferdinando
E il duello tra l'incuria
Però era così elevate l'approssimazione
Tutto si risolve il fatto che la mattina voto una bomba farò non sanno dove stava male la con la macchina dei di Francesco la butta laccate afferiscono alle persone
Francesco Ferdinando vuole andarsene nati noi vi invito ad andarsene subito offende Cicalò prima voglio visitare
I feriti
E ad ha dunque la competono soffre mai il sacco sempre conosce le strade lo dica a me stesso nero navigatore
Perché lo so fare non solo sbagliato stralciato l'ospedale poi fa marcia indietro
E si ferma davanti a uno che stavo di con la pistola
Scorro Athos Colambrosi schemi fatto invece butto a fiumi sparo spara mia moglie Bet praticamente davanti all'esodo per di Nando disfare colpisce anche no
In due secondi colpisce l'unità mogli fuori tutti e due sequestro nel caso
Non so cosa
Secondo l'attentato a Hitler accadono quattro cose mica un microfono quattro
La prima
La la compresi svolge una baracca coperto se avessero fatto nel bunker Brescia molto caldo fa mancati in Germania e quel giorno già molto caldo
Venti luglio
Non reggono il bouquet avviso lanciare i fondi non c'era niente vanno alla riaperti che di riduce del cinquanta per cento e possibilità che morì sono tutti secondo un signore lascio a borse perché sta borsa la spostati mezzo metro
Muore due persone sta vicino all'umilmente Eataly manifesto terzo
Il
Il quello che dovrà tagliare i fili veda gente che esce si spaventa perde la testa e non e non tagli fidi quindi le comunicazioni non vengono tagliate
Quartetti gli ai tedeschi sono sempre già i tedeschi si metta a discutere sul che fare quindi perdono tempo prezioso e che dice eccetera eccetera
Secondo motivo mio partito ha fatto io sono di sinistra non è una
Una confessione un fatto insomma il
E questo comporta una serie di conseguenze le sedi sinistra leggere la propria stampa di sinistra leggi libri di sinistra sanati Epifani uno di sinistra non legge
I libri
Si consola si eccita trovo le fate voi intrometta Donez fate voi insomma
Fra questi libri mi colpì molto una un testo di Trotsky
Che diceva voi finire ente la pattumiera storico
Ero convinto allora un entusiasta di Marter pattumiere pare un po'esagerato già vinto che voglio fare pure mandala pattumiere paragonando una parola un po'di cattivo gusto
Però c'era l'idea che la storia sarà nostra laddove il
La storia non solo
Gallipoli Trotti Astori che muoiono in seguito
I comunisti raro capitello comunque vada avanti e fanno le cose devono fare
Però dopo che succede succede che la storia non cammina quel e quindi la storia della storiche leggevo ER
O il centro è un traditore
C'è la rivoluzione pronta c'era tutelano oggettivamente le masse non pronta a scattare per
Fallisce quello tradisce quella e poi l'errore un con molti errori non hanno fatto che sbagliare questi poveracci no dal nel diciotto e diciannove del ventidue nell'quarantasei e quarantotto fino fino ai giorni nostri
E che si accompagna con il fatto
E che si accompagna col fatto che
L'altro la crisi noi siamo sempre in crisi
Leggere un libro per quaranta tante crisi PDA in crisi occorre Ciapi oppure in crisi
è una storia pareggia Favero esaurimento nervoso spetta insomma ecco
Si è voluto un po'liberarmi da queste zone del tutto sommato se la sua dominata laccato tutte avranno sbagliato l'errore ecco l'errore è un male quindi anche proprio da sinistra meno questo approccio possiamo riconosce per consolarci grazie
Buoni grazie a tutti voi
Discussione e conclusioni
Ramo
Meno