15MAG2013
intervista

Intervista a Luis Alberto Orellana sulle dichiarazioni programmatiche del Ministro degli Affari Esteri, Emma Bonino alla Commissione Affari esteri e Comunitari della Camera dei Deputati

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 19:45. Durata: 3 min 8 sec

Player
"Intervista a Luis Alberto Orellana sulle dichiarazioni programmatiche del Ministro degli Affari Esteri, Emma Bonino alla Commissione Affari esteri e Comunitari della Camera dei Deputati" realizzata da Claudio Landi con Luis Alberto Orellana (senatore, MoVimento 5 Stelle).

L'intervista è stata registrata mercoledì 15 maggio 2013 alle 19:45.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Austerita', Bonino, Costituzione, Crisi, Economia, Esteri, Federalismo, Politica, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
19:45

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con voi Luis Alberto reali gli analitici presidente dei senatori Cinquestelle membro della Commissione esteri dopo l'audizione del ministro in
La Bonino qual è il suo giudizio su e che il suo Gruppo sulla l'audizione del mi programmatica le dichiarazioni programmatiche del Ministro Emma Bonino
Ma la fruizione sostanzialmente positivo ci sono punti divergenza però c'è tenutosi alla tutela
L'atteggiamento da parte del ministro anche nella parte finale di replica dato molto e molto esaustiva
Ma tornando le linee programmatiche siamo certe accenti sulla centralità del parlamento certe
Indicazioni su un maggiore ruolo dell'Italia nella politica dell'area del Mediterraneo ci sono piaciute non pone la nostra
Però se anche non si intenzione ci dividono
Delle scelte troppo pesantemente euro previste si canto europeisti scuse Azid antieuropeisti appunto che ho fatto chiarimento che non siamo nero per né antieuropeiste neanche non c'è i conti scusi ramo neanche euroscettici
Siamo però vigili sul fatto che l'Europa deve garantire
Cosa che è passato fatto ma che adesso fa molto meno giustizia pace
Parità fra gli Stati in questo momento questo che è una delle richieste
Contenute nell'articolo undici la Costituzione che ci consenta di cedere la sovranità
E in questo in questo momento secondo me sono aspettative tradite da fare quel Ministro minimo il ministro Bonino misto Mosca mediamente un messo molto l'accento mi scusi sul progetto federalista lancio progetto federalisti su una politica della crescita di fra politica e l'ostilità così come strappata
E ha detto praticamente rischia di incentivare alimentare movimenti populistiche xenofobi lei è d'accordo
Ma se si fatto si sono d'accordo sul fatto che bisogna diminuire il rigore che ha portato appunto si queste situazioni di alcuni
Abbia pazienza facesse si può fare anche riferito esplicito alcuni movimenti in Inghilterra piuttosto che in Francia la Grecia in Grecia giusto
Avvalorata anzi forse scritture quello che scrive al valore azzeri quindi queste sicuramente sono anche un po'figli sono un po'l'aspetto
Della di questa politica iper rigorista che in Europa sta dominando chiesta
Facendo tra offrire talmente molto i popoli tanto tanto da nello qual è il punto preciso divergenza sull'euro mi scusi
E che era effettivo remote di popoli gli Stati siano considerati varie più paritaria e che non ci sia questa imposizione
E che da parte della la l'egemonia tedesca dalla parte che si sia molto più accento molto più importanza gli aspetti sociale e culturale di solidarietà che invece sono un po'messi relegate un po'discorso un po'anche generale
Per tutto non solo nell'ambito europeo e dell'italiano ma che lei nel nel dibattito interno italiano si parla
E si vive sempre solo di problemi economici che seppure sono fondamentali e eccetera ci danno da mangiare tutti diciamo così
Però non siamo in una visione un pochino più a lungo termine e soprattutto in una visione europea che è un ideale no dovrebbero essere più contemperato io faccio un esempio se
Nell'Ottocento qualcuno ha detto fatta l'Italia facciamo gli italiani forse in questo momento loro porti rimanere inversa facciamo prima gli europei e poi facciamo dall'Europa finché siamo il vicepresidente dei senatori cinque-sei ore Iane come se per un saluto da Radio Radicale