15MAG2013
intervista

Intervista a Sandro Gozi sulle proposte dei Radicali di riforma della giustizia, sul Partito Democratico e su Romano Prodi

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 20:15. Durata: 17 min 43 sec

Player
"Intervista a Sandro Gozi sulle proposte dei Radicali di riforma della giustizia, sul Partito Democratico e su Romano Prodi" realizzata da Giovanna Reanda con Sandro Gozi (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 15 maggio 2013 alle 20:15.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Azione Penale, Berlusconi, Bernardini, Carcere, Civile, Corte Di Giustizia Europea, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Corte Penale Internazionale, Custodia Cautelare, Diritto, Elezioni, Giustizia, Governo, Italia, Letta, Magistratura, Parlamento, Partito
Democratico, Penale, Politica, Politiche 2013, Popolo Della Liberta', Presidenza Della Repubblica, Prodi, Radicali Italiani, Responsabilita' Civile, Riforme, Separazione Delle Carriere, Tortura, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 17 minuti.

leggi tutto

riduci

20:15

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con Sandro Gozi del Partito Democratico parliamo delle proposte di legge riguardano la riforma della giustizia che i parlamentari radicali hanno
Presentato nella scorsa legislatura e che oggi non essendoci più
I parlamentari radicali nella Camera né al Senato vengono riproposte al Senato dal senatore Barani che alla Camera da Sandro
Allora parliamo di questa
Di questa iniziativa
Iniziativa che ritengo giusta
E doverosa rispetto a una gestiti italiana ingiusta e che non Mantini sugli impegni né rispetto
Ai cittadini italiani né rispetto all'Europa e alle organizzazioni internazionali
Il partito radicale non ha più una sua delegazione come aveva nella scorsa legislatura
Rita Bernardini ha fatto un lavoro eccellente con lei agli altri eletti nel Partito Democratico come delegazione radicale nella scorsa legislatura io ho ritenuto
Di dovermi fare carico
Di ripresentare qui di far vivere anche alla Camera il dibatto dell'attività parlamentare su questo pacchetto di proposte che un pacchetto che mi dirà a riformare in maniera in maniera molto profonda la giustizia italiana ponendo dei temi che ormai fanno parte della storia purtroppo del dibattito sulla giustizia
Come la l'abolizione della proprietà l'obbligatorietà dell'azione penale la separazione delle carriere la responsabilità civile dei magistrati la custodia cautelare il tema delle carceri
E introducendo anche proponendo di introdurre una sorta di amento anche di reati che mancano e che anche rispetto
Ai tutti nuovi
Obblighi internazionali che abbiamo assunto da ultimo sua iniziativa mia e di altri parlamentari nella scorsa legislatura
L'adozione dello statuto e la Corte penale internazionale è necessario introdurre in Italia penso ad esempio
Alla interruzione del reato di tortura insomma il pacchetto radicali l'ascoltatore di Radio Radicale lo conosco molto bene le ragioni sono innanzitutto che condivido in gran parte tutte le proposte di Rita Bernardini ma in secondo luogo che ritengo fosse ritenevo ritengo sia giusto
E mi
Rendo disponibile per portare avanti
Questa iniziativa in Parlamento per dare anche
In questa legislatura e anche
Dei lavori su questo tema una presentarla di Carletti ENA alla Camera deputati
Senta la riforma della giustizia
Non sembra essere uno dei temi centrali del dibattito politico di questo momento e anche della nascita del Governo letta
Sabato c'è stata l'Assemblea nazionale del Partito Democratico lei affatto un intervento che è stato giudicato molto positivo troppo e lei alla fine
Nella votazione sulla segretario
Rapportato al Segretario Guglielmo Epifani si è astenuto
Lei è un prodiano con diciamo tutto questo discorso si può
Si diede fosse riagganciare a quanto successo nelle settimane precedenti e quindi del signor Presidente della Repubblica centouno
Come lei li aveva definiti delinquenti criminali politici seminari produttrici
E oggi la notizia che sembrerebbe però di non ANAS non abbia nessuna intenzione di riprendere la casta del Partito Democratico sono molti che hanno
Però annuncia un giro
Ora
Beh il filo conduttore il filo rosso c'è certamente partiamo dal tema della giustizia
Ci dovranno letta non ha indicato nessuna priorità in materia di giustizia anni
Questo era centrale nel lavoro della Cina dei saggi che ha preparato
In sostanza il programma del Governo letta nazionali saggio voluta da Napolitano preparato ha favorito preparato un terreno di attività politiche legislativa per un eventuale governo di larghe intese che poi è arrivato
è evidente che
Finché in Italia il problema della giustizia viene preso in ostaggio problema della giustizia di tutti gli italiani viene preso in ostaggio
Da un italiano
Che si chiama Silvio Berlusconi Adani tutti gli altri
Noi continueremo a parlare spesso a sproposito di riforma della giustizia italiana e continueremo ad a vere la
Giustizia più giusta d'Europa perché sono note tutte le condanne che da Strasburgo e anche da Lussemburgo dalla Corte ero per i diritti umani ma anche dalla Corte di giustizia di europea
Sono arrivate all'Italia per tutte le gravissime carenze del sistema della giustizia
Mi sembra che sia molto difficile
In questa legislatura con questa maggioranza fare detta molti passi in avanti soprattutto se
Abbiamo
Le piazze piene di ministri di questo Governo che protestano contro la magistratura
Per risolvere i problemi Silvio Berlusconi però
Io sono anche
Stanco
Di questo
Scontro a stile ai lender tra berlusconiani e antiberlusconiani che noi italiani abbiamo pagato sulla nostra pelle
E paghiamo sulla nostra pelle non solo in termini politici
Ma anche in termini di giustizia ogni volta che purtroppo ci capita di avere a che fare
Con un tribunale civile con un tribunale penale quindi ritengo che
E il punto politico sia porre
Sul piatto
Di questa legislatura
Anche il vastissimo tema della giustizia
Alla quale questo pacchetto risponde solo in parte perché
Pensiamo ad esempio la lunghezza dei processi io non
Sono tanti esperti della Commissione giustizia di Camera e Senato che ci spiegano che per questo coro altri tipi di interventi
Nel Codice penale del codice civile quindi io non credo che
Questo sia un pacchetto esaustivo però credo che sia un pacchetto che ha del merito di porre sul x sulla
Di porre tutte le grandi questioni perché dobbiamo comunque tentare di affrontare almeno alcune di queste penso agli abusi la custodia cautelare
Penso al sovraffollamento delle carceri penso anche al tema del cannabis affronta a proporre in questa in questa legislatura
Evidente che
Il fatto che
Un Governo di larghe intese nord possa
Difficilmente a prima vista difficilmente potrà affrontare il tema della giustizia è indice dell'anomalia italiana non siamo anomali anche quando facciamo le larghe intese perché
In qualsiasi altro Paese democratiche europeo
Le larghe intese sono fatte però per affrontare con le riforme strutturali
Sulle quali spesso
Nulla lo scontro la contrapposizione tra maggioranza opposizione rende impossibile arrivare
Ad un risultato concreto e di solito si fanno queste di fuoco per affrontare temi come
La riforma la costruzione importante riforma del lavoro importanti riforme economiche e ovviamente anche importanti riforme la giustizia in Italia per le ragioni di cui sopra
Per il fatto che Berlusconi continui a usare ritardi sopra intero paese italiano è utilizzato da Berlusconi
Per
Bloccata Berlusconi per risolve i suoi problemi giudiziari e per preservare le sue aziende questa una storia che ormai è nota fra il fatto che anche questa abbia prodotto puoi gli antiberlusconiani militanti di professione e rende impossibili io vorrei invece che
Tutti i parlamentari di buona volontà anche sia una destra che sino a cento che sia a sinistra che abbiamo cinque stelle che non abbiamo cinque stelle comincino affrontare invece i temi della giustizia pensando all'interesse di tutti gli italiani non solo di uno
E questo secondo me
E lo sforzo che dobbiamo fare
E di qui anche il
Il dibattito che ha preceduto che ha seguito il suicidio collettivo del Partito Democratico che è stato commesso il diciannove aprile con la mancata elezione del Presidente Prodi
Per il dibattito che è seguito in quei giorni il dibattito che ha presieduto il Governo di larghe intese e la nostra Assemblea nazionale io
Sempre detto che
Ho grande fiducia nelle capacità di Enrico Letta e anche nel suo impegno nella sua determinazione evidente che
Questo contesto politico questa alleanza con con la destra di Berlusconi non con un partito di destra ma con Berlusconi e quelli che lui ha voluto
Di cui si è voluto circondare in Parlamento che non abbiamo davanti una forza politica abbiamo davanti un partito che abbiamo davanti la forte abbiamo davanti Berlusconi
Con i suoi i suoi seguaci è un un
Un percorso
è un percorso molto molto difficile molto complesso che secondo me
Deve
Chiari chiedere a tutti il senso di responsabilità impegno per realizzare il massimo delle riforme possibili nelle più breve tempo possibile in tutto questo per il Partito Democratico
Deve
Reinventarsi
Perché
Il la tappa Diellas diciamo sconfitta elettorale perché siamo abbiamo perso un po'meno degli altri abbiamo perso tutti
E gli errori che sono stati fatti nel post elezioni e soprattutto
Degli il
Il il l'atto
Violento dal punto di vista della politica delle vivere insieme in un partito dei centouno contro Prodi
è evidente che hanno sancito la fine di questo Partito Democratico
Questo Partito Democratico questo primo tentativo così come l'avevamo concepito del due mila e sette così come non lo abbiamo realizzato in questi anni perché noi non abbiamo mantenuto la promessa
Questo proprio democratico finito occorre costruire un nuovo Partito Democratico o il vero Partito Democratico occorre costruire un nuovo centro sinistra
E dobbiamo assolutamente utilizzare
Il congresso che ci aspetta
Per sanare questo perché è evidente che quanto si è appreso sui giornali cioè il fatto che
L'uomo che ci ha condotto due volte a vincere come centrosinistra che ha fondato l'Ulivo che ha fondato impietrito dottori Partito Democratico che Romano Prodi
Fatta di leggere i giornali che sta pensando di non rinnovare la testa del Partito Democratico vuol dire che e questo Partito Democratico rischia di tenersi i centouno congiurati magari di assegnarvi anche qualche poltrona qualche incarico qualità in Parlamento e rischia di perdere
Non solo il suo fondatore ma milioni rifondatori perché
Romano Prodi è un cittadino italiano eccellente fondatore del Partito Democratico apre democratico né a milioni di fondatori questa gente è assolutamente rimasta sbigottita
Da quello che è successo
Puntare attraversi centouno usurati è molto spaesata perché abbiamo avuto ci ha dato un premio di maggioranza esatto maggioranza per governare
Con sette dove andare
Come ha proposto il centrosinistra e si ritrova
Per necessità
Un Governo di larghe intese del resto lo stesso Enrico Letta ha detto non è il Governo più volevo
In maniera molto simpatica per dire non è non ho nemmeno il Presidente Consiglio che volevo
Mostrando ha tra l'altro anche una notevole intelligenza che IVA sempre riconosciuta
Però
è chiaro che noi rischiamo
Adesso
Perde Romano Prodi e di perdere tanti veri democratici
Nostri fogli scritti i nostri militanti dei nostri volontari i nostri elettori
E quindi dobbiamo
Attraverso questo congresso costruire ovvero Partito Democratico per evitare che Romano Prodi ci lascino per evitare che
Milioni di
Simpatizzanti direttori
E centinaia di migliaia di iscritti ci lascia perché questo stiamo rischiando
Ma secondo lei Partito Democratico che dovrà nascere da quando era assessore
Riuscirà a superare poi quello che pratica lo scoglio più difficile e cioè il fatto di essere tante costanti perché
Qualcuno ricordava che anche la DCA governato questo Paese per tanti anni tantissimi anni avendo al suo interno le correnti
Ma guardi allora dinanzi ad una battuta
In questo periodo di crisi di Alitalia di crisi di grandi aziende di crisi delle banche crisi delle banche di Cipro crisi le banche irlandesi
Si è risolto sono risolte questioni di crisi facendo una good company è una bad company
A me piacerebbe molto che questi cento uno si manifestassero dice essere il loro nome perché questi centouno potrebbero essere il PD bad company e noi liberati dei centouno che la scissione che io auspico
E che invoco ogni giorno Liberati si desse dei cento uno facciamo attraversino congresso il PD good company
Questo è innanzitutto la prima risposta poi nel PD good company non è che dove saremo tutti schierati allineati e chiederemo la linea al nostro leader Massimo come succedeva concentra ritmo democratico del PC
è evidente che in una forza moderna io vorrei transnazionale europea aperta di centrosinistra del nuovo Partito Democratico ci saranno delle sensibilità diverse saranno
Delle scelte anche su alcuni punti diverso però quello che bisogna distinguere e che
Il pluralismo politico all'interno di un grande partito e vitali
L'autoreferenzialità di potere è mortale
Noi abbiamo avuto delle correnti che insistono mani si sono distinte per essere autoreferenziali e assetate di potere di poltrone di privilegi di prebende
Mentre non abbiamo avuto quello che dei grandi partiti di grandi partiti le cosiddette correnti
Dovrebbero esercitare cioè si diceva nella Prima Repubblica sono il sale della politica cioè
Devono
Portare una c'è una certa sensibilità
Portare avanti certe priorità per alcuni può essere in rapporto la questione della laicità per alcuni qua questi diritti per alcuni può essere un particolare cento rispetta sociale rispetto la volontariato per altri può essere
Una spiccata sensibilità ambientalista a me piacerebbe avere delle correnti organizzati questo modo cioè su battaglie specifiche su temi
E
Direi che le correnti che sono l'Autorità intende potere le mettiamo una bad company
E invece le aree che hanno delle priorità politiche sociali civili le vorrei nell'adulto con me Panzani fa sette contingenza
Come post peso di reddito vincere i centouno da mi piacerebbe fare appello al loro senso di responsabilità
Purtroppo quando si è responsabile difficile fare appello al senso di responsabilità
Credo che però con la battaglia politica e
Facendo utilizzando anche gli strumenti del PD che ha esibito per costruire nuovi edifici recepito nelle sezioni processi congressuale
Sta
Ero di
Di poter contribuire
E spero che tante
Siamo parte del partito Trantino entranti di tanti leader di oggi e domani a partire da Matteo Renzi tanto per fare un nome di una persona che mi sembra abbia dei comprensibili dubbi a volersi impegnare
In questo Vietnam che il Partito Democratico oggi ma spero che gente come lui altri invece si intendo
Perché chi aspira
Ed è strano di governo che aspira a cambiare questo Paese che aspira a cambiare l'istituzione di questo Paese se innanzitutto non si impegna a ricostruire un sistema politico decente per questo sistema di partiti
Ormai si affossato da solo non esiste più
Tra i grandi partiti in senso numerico c'era solo un partito del no una forza politica che si dimostri finiva partito del partito che il Partito Democratico che sia succitato quindi occorre
Per arrivare veramente a cambiare questo Paese chi vuole veramente che andrà questo Paese non può non passare attraverso la ricostruzione di un centrosinistra
Adeguato all'estate l'Italia e attraverso questo contribuire a un nuovo sistema politico nostri magistrati perché se questo manca si può anche arrivare al Governo si può anche essere maggioranza da soli senza la de le destre un domani ma se non c'è
Questa diciamo ricostituzione rigenerazione della politica e della democrazia
A dire anche se
Essere maggioranza e l'istruzione non può bastare e credo che per questo il Congresso
Che Ezio si addice a concetti sentiamo avviare sia molto importante per la politica italiana ma anche importante per l'Europa perché solo più un'Italia che ritrova una credibilità politica democratica
Potrà ritornare esercitare un ruolo influenza in Europa oggi abbiamo ritrovato una credibilità perché siamo affidabili nei conti pubblici e perché rispettiamo gli impegni siamo ancora nell'Europa delle regole dei vincoli ne vogliamo contribuire a costruire l'Europa della politica delle scelte
Dobbiamo ritrovare
Una vitalità politica democratica che in questo momento abbiamo perso