17MAG2013
intervista

Intervista a Renato Brunetta sull'IMU, il finanziamento delle cassa integrazione, la riforma della legge elettorale e sulla proposta Alesina - Giavazzi sulla disciplina di bilancio funzionale alla crescita e all'occupazione

INTERVISTA | di Alessio Falconio ROMA - 00:00. Durata: 9 min 57 sec

Player
"Intervista a Renato Brunetta sull'IMU, il finanziamento delle cassa integrazione, la riforma della legge elettorale e sulla proposta Alesina - Giavazzi sulla disciplina di bilancio funzionale alla crescita e all'occupazione" realizzata da Alessio Falconio con Renato Brunetta (deputato, Popolo della Libertà).

L'intervista è stata registrata venerdì 17 maggio 2013 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Ammortizzatori Sociali, Beni Immobili, Bilancio, Casa, Cassa Integrazione, Corte Costituzionale, Costituzione, Edilizia, Europa, Famiglia, Finanza
Pubblica, Finanziamenti, Giavazzi, Governo, Imu, Lavoro, Legge Elettorale, Letta, Monti, Occupazione, Parlamento, Politica, Premio Di Maggioranza, Riforme, Saccomanni, Spesa Pubblica, Sviluppo, Tasse.

La registrazione audio ha una durata di 9 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Lire due miliardi e cento
In più nelle tasche delle famiglie italiane dell'ottanta per cento delle famiglie italiane che vivono nella casa di proprietà e che quindi non pagheranno la rata di giugno
E grazie alla decisione del Governo dopo
La riforma della tassazione sugli immobili che ci sarà entro il trentuno di agosto non pagheranno più l'IMU con la speranza che questa tassa
Per gli immobili poi servizi viste anche per altre categorie vale a dire per i capannoni per le attività produttive per le compravendite ristrutturazioni eccetera eccetera quindi
Cambierà entro il trentuno agosto presso
La seconda notizia tutta la tassazione sugli immobili e rendendola più europea più efficiente meno meno violenta sugli immobili e da subito non si paga limo prima casa sui terreni e sui terreni agricoli e in maniera tale che poi non si parli mai più risolto nel senso che è stata rifinanziata la cassa integrazione in deroga è un ammortizzatore sociale si risolverà quando si ricomincerà a crescere quando l'Italia ricomincerà ad avere tassi finché cita superiore all'uno due per cento per il momento è un ammortizzatore come dice la parola stessa
Risolve un problema parziale dando un reddito a chi non ha più un lavoro anche
Non appartenenti a settori che hanno la cassa integrazione questo significa in deroga speriamo che l'Italia possa agganciare nella seconda parte di quest'anno la ripresa a livello europeo a livello internazionale cosicché due
Ne ha quattordici sia l'anno per la fuoriuscita dalla recessione legge elettorale vuol dire rispondere alle prescrizione della Corte costituzionale già operanti con le recenti valutazioni a quelle che saranno ripresentate alla Corte Costituzionale il problema premio di maggioranza
Attualmente c'è un premio di maggioranza lo scriviamo ai telespettatori e c'è un premio di maggioranza che garantisce a chi vince le elezioni alle condizioni che vincano le elezioni di avere quindi più del cinquanta per cento
Nei seggi parlamentari questo funzionava con il vecchio porcellum con l'attuale porcellum quando due coalizioni potevano aspirare a oltre il quaranta per cento e quindi il premio di maggioranza si tramutata in un cinque essa
Dette otto sei per cento in più
Pensiamo all'ultimo al due mila e otto quando il Popolo della Libertà una coalizione capeggiato dal popolo e libertà disse mi pare col quarantasei quarantasette per cento quindi in quel caso
Il premio di maggioranza relativa quattro cinque punti percentuali ma quando come dire le condizioni ci sono riordinate ridistribuite e per esempio alle ultime elezioni da sinistra
La coalizione di sinistra ha vinto con il ventinove per cento il premio di maggioranza è stato di oltre ventiquattro punti francamente
Insopportabile rispetto alla giustificazione democratica avere duecentotrenta a duecentoquaranta eletti in più rispetto a quelli conquistati realmente con il voto con il voto popolare diventa assolutamente insopportabile quindi il porcellum che andava bene tra virgolette quando le coalizioni superavano quaranta per cento o potenzialmente potevano superare il quaranta per cento come è successo al Popolo della Libertà nel due mila otto adesso donna più sostenibile quel tipo di premio di maggioranza senza solleva
Dalla quale possa partire secondariamente l'altro problema e Camera e Senato vale a dire il premio di maggioranza è diverso dalla Camera e Senato e quindi produce o può produrre il problema dell'ingovernabilità una camera con una maggioranza un'altra Camera con un'altra grazie quindi su questo
Si deve come dire intervenire intervenire per rispondere alle prescrizioni della Corte costituzionale e penso che questa sia una volontà anche da parte della maggioranza di farlo
Si è trovato un percorso
Il percorso e questo è tanto se fanno partire le riforme le riforme costituzionali con i meccanismi Casey definiranno il ventinove tra Camera e Senato
C'è una
Come dire clausola villini di salvaguardia chiamiamola così che è quella sulle prescrizioni dalla Corte costituzionale cioè una mini riforma della legge elettorale quella che è stata chiamata saresti netta cioè la rete di sicurezza che consenta di rispondere immediatamente alle prescrizioni della Corte costituzionale e di avere una legge costituzionale per andare se dovesse servire alle elezioni subito
Salvo poi riflettere sulla base dei risultati della riforma costituzionale di una legge elettorale strutturata sulla base dei risultati della riforma costituzionale faccio un esempio se l'riforma costituzionale prevedesse il presidenzialismo alla francese è chiaro che ci dovrebbe essere una legge elettorale coerente con il presidenzialismo alla francese per esempio il doppio turno come
Franza
Oggi quello di cui stiamo discutendo e il sesto inerte vale a dire la rete di sicurezza che consenta di andare a votare domani se dovesse servire con una legge non aberrante rispetto al premio altre
Né di maggioranza quindi una sorta di minimalismo di riforma della legge elettorale all'occorrenza se dovesse servire a settembre ottobre perché se lei dice che sarebbe quello magari c'è una crisi i non risolvibile però c'è una legge elettorale non utilizzabile perché dichiarata incostituzionale quindi cambiamo subito in maniera
Minimalista
Rispetto alle prescrizioni della Corte costituzionale
Per essere pronti se dovesse servire ma nel contempo facciamo le riforme costituzionali e sulla base delle riforme costituzionali e costruiamo la legge elettorale coerente con le riforme costituzionali
Che hanno bisogno di un anno un anno e mezzo palese
State attenti non c'è molta discussione da fare bisogna
Rispettare le prescrizioni della Corte costituzionale cioè premio di maggioranza Camera e Senato cioè
Rollover rendere omologo il premio di maggioranza socio nessun altro queste sono
Delle due prescrizioni minimaliste della Corte costituzionale e questo
Penso sia un obbligo da cui non si può come dire reggiseno venir meno
E affrontare questi appuntamenti e siamo in una coalizione
Dentro la coalizione ciascuno porterà proprie ragioni spiegherà poi anche gli italiani
Quello che è certo che conferiscono agosto ci deve essere la riforma strutturale dell'imposizione sulla proprietà immobiliari e dentro questa riforma noi diciamo che lì in prima casa va eliminata
Il del PD dice
Che vada fortemente tagliata rimodulata in ragione di vari criteri discuteremo ma quello che è certo che entro il trentuno agosto ci sarà una grande riforma sulla tassazione degli immobili che sarà resa più equa più più trasparente in e no oppressiva meno pesante e noi diciamo che
Dimostra la prima casa non ci sarà più e sono convinto che sarà così Presidente oggi due suoi colleghi con l'Amministrazione Giavazzi propongono allettare a Saccomanni disporrà are
Il tre per cento di una cinquantina di miliardi per intervenire sul
Taglio delle tasse e anche con con tagli alla spesa da parte la cosa un po'per coprire si articola
Ta propongono dire avviare urna taglio della spesa corrente per l'uno punto di PIL all'anno e con quel punto di PIL all'anno
Di taglio della spesa corrente tagliare la pressione fiscale di pari ammontare SPC sedici miliardi e sedici miliardi farlo da subito e rinviare il il il pareggio e quindi
La procedura d'uscita dalle procedura di di deficit eccessivo con l'Europa a due anni alla per la prima parte
Allestire Giavazzi hanno copiato il programma
Del Popolo della Libertà nel senso che noi proponevamo di tagliare gli un punto all'anno la pressione fiscale finanziando questo taglio con una riduzione di pari ammontare della spesa pubblica corrente che ricorda gli ottocento miliardi
Quindi ottanta miliardi in cinque anni e quindi sedici miliardi sedici miliardi all'anno quindi da questo punto di vista l'idea di dire perché impiccarci all'uscita dalla procedura di infrazione poi saremo anche uscire tra due anni e nel frattempo però facciamo razionalizzazione della Spesal taglio della spesa riduzione della pressione fiscale perché usciamo da usciremo dalla procedura di fattori tra due anni però magari con un tasso di crescita del due tre per cento
Piuttosto che uscire dalla procedura di infrazione con un tasso tinte crescita dell'uno e mezzo per cento come sembrano esagerati fanno riflessioni intelligenti condivisibili
Loro hanno condiviso veramente l'impianto del programmare per la campagna elettorale che ci ha consentito di quasi di caccia che ho sentito di quasi vincere poi su come andare in Europa devo dire che sono molto più vicino ad Alesina e Giavazzi e che ha la linea Monti speriamo che le tutta abbia letto Alesina e Giavazzi