20MAG2013
intervista

Commissione Esteri della Camera: ratifica della Convenzione di Istanbul. Intervista ad Arturo Scotto

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 9 min 38 sec

Player
"Commissione Esteri della Camera: ratifica della Convenzione di Istanbul. Intervista ad Arturo Scotto" realizzata da Giovanna Reanda con Arturo Scotto (deputato, Sinistra Ecologia Libertà).

L'intervista è stata registrata lunedì 20 maggio 2013 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Bonino, Camera, Consiglio D'europa, Diritti Umani, Discriminazione, Donna, Esteri, Governo, Immigrazione, Integrazione, Italia, Ministeri, Nomadi, Onu, Politica, Popolo Della Liberta', Ratifica, Ue, Violenza.

La registrazione audio ha una durata di 9
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un atto oroscopo tocca popoli gruppo di stelle Commissione esteri parliamo della convenzione di Istanbul oggi inizia l'iter per la ratifica puntuale in Commissione esteri
Di che cosa si tratta
Ma si tratta di un atto fondamentale ovviamente può apparire distante perché è una ratifica
Viene descritto come un atto burocratico invece un atto sostanziale che declina anche
La capacità di un Paese di entrare dentro
Progresso la civili la civiltà
Di abbandonare quello che in realtà nel corso degli ultimi anni è emerso come un fenomeno
Non secondarie
Cioè l'idea di tollerare gli uomini che odiano le donne parafrasando bellissimo libro di Stieg Larsson cioè di tollerare la pratica insopportabile della violenza della discriminazione
Fino alle estreme conseguenze femminicidio femminicidio un fenomeno che ormai è diventato pervasivo devastante
Basta guardare i gatti trentuno virgola sette per cento delle donne ha subìto una violenza
Nel corso degli ultimi anni abbiamo raggiunto un numero incredibile di sette milioni di persone di donne
Diverse
E Tana grafiche e diverse origini sociale
E tutta Italia o prevalentemente Italia
La Convenzione di Strasburgo stabilisce alcune cose fondamentali diversa è stata è stata firmata dall'Italia anche già in ritardo rispetto all'approvazione della convenzione del due mila undici
Il ventisette settembre del due mila dodici e oggi arriva la ratifica
Noi abbiamo la necessità di fare in fretta
Questa convenzione stabilisce alcuni principi cardine che sono ovviamente
Che non si torni a con la nostra Carta costituzionale e quindi l'informazione preventiva a partire dalle scuole il rafforzamento dei centri antiviolenza
Il sostegno alle donne che subiscono violenza o forme di discriminazione anche sul luogo di lavoro c'è una vasta gamma di iniziative e di cose importanti a cui questo Paese deve aderire
Mi auguro che oggi
Con la Commissione che inizia i lavori e l'iter che parte in maniera rapida vorrei sottolineare anche grazie all'estrema sensibilità del Presidente alla Camera Laura Boldrini che ha chiesto che venisse calendarizzata subito
La ratifica mi auguro che riusciamo a chiudere entro un paio di giorni e mi auguro che il Parlamento possa dare una risposta importante
Ma ci sono delle modifiche inserimento di nuovi reati questa convenzione e
Sì questa a
Sicuramente ce l'avrà a che fare anche con
Fenomeno dell'immigrazione non c'è dubbio tanto il più ci sono anche misure di sostegno alle bombe migranti
Qualora siano oggetto di discriminazione di violenza hanno la possibilità di accedere in maniera
Praticamente automatica al permesso di soggiorno sono tutele molto forti dal punto di vista delle garanzie lo sappiamo bene
Ad esempio lo dice il Comitato
Contro le discriminazioni dell'ONU
Cedo
Che soprattutto per quello che riguarda le donne Rommel sinti
C'è una forte diciamo come dire lezione i propri diritti che non sono garantiti dall'Italia
E noi proviamo con questa convenzione di intervenire in maniera molto forte anche su questo terreno
Quali sono i Paesi che l'hanno ratificata dal servizio militare
Ma ci sono molti Paesi europei importantissimi per la Francia la Germania che alloggio
Faccio il tutto
Allora
Ovviamente noi pensiamo di stare dentro questo gruppo d'altra parte sarebbe assurdo che noi aderiamo a tutti i dettami
Per l'Unione europea
A tutti i vincoli che ci vengono dati dal punto di vista del bilancio e delle condizioni economico-finanziarie di un Paese
E poi dimentichiamo la gamma dei diritti quelli devono diventare un vincolo esternò come lo sono
Ha altre
Ieri il Ministro degli esteri Emma Bonino ha rilasciato un'intervista e tra l'altro
è tornata abbia questo sicuramente per quanto riguarda
I radicali non è una novità è tornata sto la richiesta veramente pressante non sono di Stati Uniti d'Europa ma anche di politiche
Quali quelle dell'immigrazione
Fatte su scala europea che quindi assumerebbero certo anche in termini di risultati un'importanza
L'importanza ho apprezzato
Ho apprezzato molto l'intervista del ministro degli esteri Emma Bonino rilasciata ieri sul Corriere della Sera
Non ci troviamo pienamente in sintonia
Lo abbiamo detto in
Tutta la campagna elettorale se posso dirlo è uno degli elementi fondativi di Sinistra ecologia e Libertà federalismo europeo l'utopia spinelliana
L'idea di accelerare sul terreno i mari unificazione politica dell'Europa di costruire quello
Che viene definito in maniera diciamo forse un po'semplificata ma efficace gli Stati Uniti devo d'Europa
D'altra parte per la prima volta François Hollande
Pochi giorni fa ha detto cose importanti che anche in controtendenza rispetto alla tradizione francese
Cioè l'idea di costruire un governo economico dell'Europa
Di procedere all'elezione diretta del capo alla Commissione di rendere finalmente diciamo pienamente dispiegata l'idea di un'Europa che si dà un'identità si dà una direzione di marcia
Da questo punto di vista e positivo che l'Italia possa diciamo come dire convergere
Con altri Paesi e non essere sola diciamo in questa dimensione in questa scelta vorrei ovviamente però sottolineare allo stesso tempo
Spero che le parole di Emma Bonino sino alle parole tutto il Governo
Spero che si hanno le parole di tutta la maggioranza perché noi conosciamo bene di opinioni soprattutto ben radicate dentro il Popolo delle Libertà
Su questo terreno sono sempre stati un po'freddi e spesso hanno accarezzato le pulsioni diciamo più retriva e dell'euroscetticismo della retorica delle piccole patrie della chiusura dentro una dimensione
Nazionale la politica invece noi ci troviamo di fronte al cosmopolitismo dell'economia e della finanze era e una rinazionalizzazione della politica dobbiamo provare invece
A far
Come dire unificare queste due cose trovare apportarle al sintesi e dobbiamo spingere in quella direzione vorrei aggiungere un altro aspetto interviste la Bonino ci sono degli elementi riflessione interessante
Per quello che riguarda l'immigrazione la Bonino come dire
Fa un'operazione verità
Se ascolto le parole di alcune formazioni politiche
Da quelle diciamo più tradizionalmente legate ha una dimensione diciamo di chiusura xenofoba molto spesso penso alla lega
Ma anche a quella di nuova costituzione quelle che dovrebbero essere
Le porta tipici sane di un'idea di cambiamento vedo diciamo un arretramento culturale spaventoso la Bonino parla di della necessità entro poco a pochi anni per salvare l'economia europea per trovare
Continuare a fare in modo che l'economia riesca ad assorbire forza lavoro
Di cinquanta milioni di migranti che debbono venire qui a lavorare se non vogliamo che alcuni capisaldi della nostra produzione vengano meno
è chiaro che su questo c'è un bel terreno di scritte
C'è il terreno di sfida di un'Europa moderna che si apre
Con l'Europa di cinquecento milioni di cittadini delle tante lingue delle tante culture delle tante religioni che deve incrociarsi e deve riuscire a costruire un grande progetto di integrazione
E di solidarietà e dall'altro la necessità di trovare
A fare in modo che l'Italia non sia soltanto europeista
Quando approva in Costituzione il pareggio di bilancio scelta a mio avviso sbagliata
Ma quando sceglie l'apertura sceglie l'integrazione sceglie un
Di dipendere di allargare il modello sociale europeo
Sceglie di provare a spron cioè rizzare una politica ma la società che nel corso degli ultimi anni si è chiusa in se stessi