21MAG2013
intervista

Intervista ad Enrico Borghi sulla proposta di legge del Pd per i piccoli comuni

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 8 min 26 sec

Player
"Intervista ad Enrico Borghi sulla proposta di legge del Pd per i piccoli comuni" realizzata da Giovanna Reanda con Enrico Borghi (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata martedì 21 maggio 2013 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Acqua, Comuni, Economia, Partito Democratico, Sanita', Servizi Pubblici, Spesa Pubblica, Sviluppo, Territorio, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 8 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Enrico Borghi Partito Democratico oggi questa conferenza stampa dette illustrato la presentazione possiamo dire la ripresentazione ecco di una legge sui piccoli Comuni è una legge che nelle due precedenti legislature era stata approvata dalla Camera ma poi al Senato
Esternata entriamo nello specifico una legge per i piccoli comuni come avete scritto per difendere l'identità e costruire il futuro ecco su quali fondamenta
Ma e questa è una legge che parte da due presupposti il primo è che non attua un aumento di spesa pubblica
Ma al contrario ha una sua razionalizzazione una sua riorganizzazione
E il secondo che introduce degli elementi di innovazione legislativa
Per consentire all'Italia di stare nel gruppo di testa dei paesi che
Stanno già attivando politiche di green economy
I piccoli Comuni in Italia con il loro territorio sono il serbatoio su cui si regge la green economy italiana perché l'acqua l'aria il suolo foreste
Che sono i presupposti sui quali si costruisce meccanismo la green economy in Italia sono
Tutti sul territorio disseminati danno grande polverizzazione amministrativa fatta di piccoli Comuni allora noi prevediamo di fare
Sostanzialmente due cose
La prima
Riorganizzare la rete amministrativa di questi comuni obbligandoli a lavorare insieme
Non più dispersioni di tanti piccoli i campanili ma a creazione
Che nel rispetto delle identità
Ma che
Immette accerchiano di funzionalità amministrativa
Anche qui per avere più efficienza e maggiore capacità di intervento
La seconda è portare questi
Piccoli Comuni attraverso il meccanismo delle Unioni dei Comuni nelle zone montane sorgono
Le competenze delle Comunità montane nell'applicazione delle politiche di sviluppo dell'Unione europea
Il Governo sta negoziando con l'Unione europea il nuovo quattro degli aiuti Prodi quattordici due mila venti
Ci saranno risorse importanti capo della coesione sociale e territoriale e quindi questa legge prefigura le condizioni per le quali sia possibile spendere bene
Quelle risorse che arriveranno da Bruxelles
Quindi non aumento di spesa
Ma finalizzazione e concretizzazione e metterci anche in condizione di fare politica di sostegno di tutela ambientale perché è evidente che
Immaginare per esempio discute il registro nazionale dei serbatoi del carbonio significa valorizzare le risorse boschive forestali
Del nostro Paese
Significa lavorare sul piano della tutela del dissesto idrogeologico
Immaginare come prevediamo
Di introdurre un piano nazionale per il plurale
Significa
Realizzare quanto si sta facendo già città e quindi
Consentire a questo Paese inneschi sviluppo e occupazione sulle due caratteristiche strutturali che sono le aree metropolitane
E le aree rurale immaginare come prevediamo introdurre nella legislazione italiana il concetto del pagamento dei servizi
Ecco sistemici significa metterci in condizione
Il potere restituire al territorio in un'ottica di chiave ambientale
Il valore aggiunto derivante dallo sfruttamento delle risorse
Peraltro
Ah bene Martelli passiamo aderendo queste neanche oltre sei anni si
Noi
Prevediamo di introdurre nella legislazione italiana quanto ad esempio esiste già negli Stati Uniti d'America
Ad esempio lo Stato di New York attraverso il pagamento dei servizi ecosistemi ci
Consente l'approvvigionamento delle risorse idriche e di una città importantissimo New York e la tutela
Delle fonti
Idriche
Che garantiscono l'approvvigionamento medesimo sostanzialmente attraverso questo meccanismo
Negli Stati Uniti d'America e ci si è resi conto che e più conveniente tutelare alla sorgente
La risorsa piuttosto che lanciarsi in operazioni molto complicato e molto complesse e di depurazione
In una città come
La metropoli come quella che si immagina questo meccanismo trovo anche un equilibrio fra il territorio che produce risorse l'accettate le consuma
E porta tutti dentro la logica della sostenibilità diceva che
Questo questa legge
Non ammette
Tra
A
Sardo reperimento di fondi la faceva riferimento il fondo europeo
Si
C'è una ricollocazione di questi se magari ecco possiamo spiegare
Un po'meglio con
Potrebbe
Funzionare visto che voi
Sappiamo che in un momento di crisi come questo il reperimento di fondi rappresenta un problema anche in termini di più lancio cioè come la richiesta appunto di allentare il Patto di stabilità interno per dare la possibilità stessa le alle amministrazioni locali di utilizzare
Le proprie risorse si
Tema del patto di stabilità naturalmente rimandato ad un'altra questione quaranta la stabilità economica e finanziaria del Paese
Noi qui stiamo lavorando per organizzare e strutturare la macchina amministrativa del nostro Paese per potere sfruttare in maniera
Intelligente le risorse che arriveranno
Il presidente letta oggi pomeriggio illustra in aula alla Camera
Il
Intento col quale il Governo intende andare al Consiglio europeo
Noi crediamo che questo lavoro del Governo italiano si concluderà positivamente
Consentendo all'Italia di avere risorse per investimenti nei prossimi anni è chiaro che però noi non possiamo più fare quello che abbiamo fatto sin qui e cioè avere disponibilità finanziarie da Bruxelles e poi non spenderle
E poi addirittura
Farlo Livorno sul debito anziché sulla capacità di spesa dei fondi europei e come si fa convincere ad esempio quelle Regioni che questi fondi li hanno ricevuti e che però
Non
Attraverso in che misura sussidiarietà noi con la legge immaginiamo un'operazione di riorganizzazione funzionale del territorio
Poi è chiaro che secondo la logica e la sussidiarietà se un centro di intervento non è in grado di
Esplicare le proprie funzioni deve intervenire
L'istituzione immediatamente superiore in questo
Credo non ci debbano essere tentennamenti bisogna evitare centralismi ma bisogna anche evitare
Delle dispersioni sul territorio o peggio ancora dei frazionamenti che determinano poi il blocco della capacità di spesa da questa
Tipo la scuola il servizio sanitario
Quella presenta nei piccoli comuni è stata spesso bisognerà accetta di tagli esatto e questa è la è un'altra delle chiavi innovative di questo disegno di legge
Perché noi stiamo negoziando con Bruxelles la possibilità che i fondi europei possono essere impiegati anche per
Il sostegno dei cosiddetti servizi universali e reti quindi scuole
Presidi sanitari poste
Presso il servizio alla persona
Per fare questo quindi potremo sgravare per spesa corrente italiana
Delle risorse utilizzare fondi europei ma torniamo al punto dal quale siamo partiti
Serve un'organizzazione territoriale perché diversamente non si può pensare ad esempio
Di riorganizzare un servizio territoriale sanitario se in una logica di comprensorio una logica di rete in cui la città e le valli cooperano in maniera congiunta Sindaco
E questo è uno dei limiti della legislazione del nostro Paese si è lavorato in maniera singola
Adesso bisogna fare un ragionamento di carattere più sistemico in cui la riorganizzazione di tutti questi servizi perché noi qui non proponiamo la conservazione dell'esistente
Proponiamo una riorganizzazione che però sia funzionale alla salvaguardia dei diritti di cittadino e non secondo una logica di tagli lineari semplicemente alla soppressione del servizio