22MAG2013
intervista

Il referendum consultivo sulle scuole paritarie a Bologna: intervista a Stefano Zamagni

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 13:39. Durata: 7 min 51 sec

Player
"Il referendum consultivo sulle scuole paritarie a Bologna: intervista a Stefano Zamagni" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Stefano Zamagni (professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna).

L'intervista è stata registrata mercoledì 22 maggio 2013 alle 13:39.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Bologna, Cofferati, Comuni, Corte Costituzionale, Costituzione, Enti Locali, Famiglia, Finanziamenti, Infanzia, Istituzioni, Istruzione, Parlamento, Parma, Pizzarotti, Puglia, Referendum, Scuola, Sindaci, Stato, Vendola.

La registrazione audio ha una
durata di 7 minuti.

leggi tutto

riduci

13:39

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale siamo in collegamento con l'economista Stefano Zamagni per parlare del referendum consultivo che il Comune di Bologna dovrà svolgere sul scuole d'infanzia come sapete esiste anche tema misto scuole paritarie e scuole pubbliche i propositori del referendum intendono dare un sostegno economico esclusivo da parte dello Stato alle scuole pubbliche professor Zamagni lei da che parte si schiera
Io le chiedo tutta la parte di chi vuole mantenere la scuola
Pubblica integrata questo referendum troppi equivoci sono stati usati io spero in quanto
Ma è una cosa veramente invece i migliori per ho parecchio continui ai l'utero e a manipolare partecipato i cittadini che non ama conoscenza primo perché l'alternativa notare proporre pubbliche e private scuole paritarie
Parte del sistema pubblico e io sono a favore del sistema pubblico pareggiate lingua del due mila dieci
Ed ma
Pubblico integrato dell'istruzione conta diciotto
Scuole
Comunali or tariffario
Quindi bisogna smetterla col dire tutto ancorché in comune
Finanziabile le scuole rivali perché non ne vedo
Secondo
Perché il Comune ha annunciato quindi anche qui non sono pochi per volta o di quel comune
Concreta alle ventisette scuole paritarie da dieci con un milione di euro all'anno
E richiede dalle specie accendi io
Dov'è allora la competenza competere scuole paritarie danno ampio di tutti e trecentotrentasei domanda c'è poi invece perché Inpdap imperfetto dovesse emergere
Il
Al Comune questi
Spenderebbe sedi
Quindi tutta un milione e ricevute
Il conte a questi argomenti esistenti diretta
Hanno cambiato invece fa la strategia
Comitato dipendono
Questo evento
Grazie
Il proprietario invocando in maniera subito l'articolo trentatré
Quello che loro di farlo
Come tutti tutti i costituzionalisti Scelli non uno non due ma
E civile hanno da tempo chiarito contropartita a questioni di principio
è un Comitato a dire è una questione di principio allora io dico benissimo è una questione di principio
Vito
Cambiare la legge sessantadue ma l'elettricità avviene in Parlamento non si cambiano privata perché mai i cittadini che colonie devono andare alle urne per votare qualcosa che non riguardava loro realtà
Il fatto
E
Tre volte la Corte Costituzionale ha respinto la richiesta
Di diciamo dichiarare incostituzionale
La legge cinquantadue tre volte per
Tutte e tre volte la Corte presentato detto che quella legge pienamente in linea con la Costituzione
Allora non riuscendo in questo intento circo Barnum Giarretta raccontarono
Io dico è illegittimo
Protestare contro la legge sessantadue
Io ho OP sportivo anch'io ad affrontarli Cacopardo nella censura dal nome perché ad un referendum chiedendo ai cittadini sono sprovveduti
Volete e i soldi vadano alla scuola privata o la scuola pubblica perché è chiaro che tutti dicono alla scuola fu
Io sono fra la folla poco però la scuola pubblica non è solo quello dello Stato se non è solo quella
Del Comune ma con tutte quelle scuole
Perché rispettiamo i canoni sanciti dalla legge sessantadue del due mila
Lei si è voluta dal ministro Berlinguer non
Quindi io direi in conclusione
Ed ero
Che ci può discutere e legittimo sulla ricorda la legge
Ventoux ed usare lo strumento al riguardo articolato in principio democratico sia che questo è molto scorretto perché io per raggiungere un non potrà aiutare un mercato
E e contro l'imputato ad altro
Quanto quanto costa una retta in una scuola paritario arriva copia ai livelli spetti spetti la Benedetti mi ha detto che ci sono scuole che fanno
è di tipo quasi mille euro al al mese e altri Fitto
E questo è un calcio
Perché la media dell'evento
Le scuole etica mille incipit cento euro arrivando la media
Da colpire che ci sono alcune scuole che arrivano
ARPACAL apre misura al massimo alla
E altri che fanno pagare di meno tenuto conto delle conclusioni reddituale delle famiglie sistemica perché civici perché si confondono le scuole paritarie con le scuole private
è chiaro che ci sono le scuole private troppo per il
Pagano fanno parte dalla legge sessantadue e il
Referendum vuol dire guarda ecco perché dico c'è il tema
Veramente qui si forma con le province
Perché
D'occhio la metafora scuole private scuole paritarie servono o ripeto non
Alle scuole private non
E intorno nella
Poco
Riguarda occorre fare se scuole lo ripetono alla più a pagarne mille duecento euro all'anno ma ci sono altre che fanno pagare addirittura ottocento novecento
A non parlare poi
Lei
Tutto nipote alle quali cinquantotto colma di borse di studio
Privati liste d'attesa professor Zamagni quanto quanto derivante da evitare ed europei perché i dati sono create due anni fa
Le scuole paritarie la convenzione con le scuole paritarie rapiti tutta Bologna nel novantaquattro videogioco
Voluto da tutti e gli amministratori compararli chi è schierato contro ore darà parlottato Sindaco per cinque anni perché allora
Non ha il dettato la conversione
Cioè qui siamo di fronte a degli episodi io assorbita riferendo
Nella sua Puglia marchi
Cuore parentali avvenuto con l'odierno alle scuole paritarie scritti un ottimo Sindaco
Rilevino di Parma il dopo seicento
Competizione con le paritarie euro perché
La gente così incoerente ci ha posto una questione di principio
E chiaro vedendo la vittoria e altri dovrebbero dire eliminiamo prima
Dunque due grammi potere invece molto ampio lasciando
Paesi contrade potrebbe
Comunque le liste
Da quindici ottobre apre nell'ultimo la quattrocentoventi bambina ma non c'entro niente alle paritarie c'è il privato che lo Stato
A Bologna
Papà ma a Bologna in una maniera
Inaccettabile perché
Dobbiamo sapere siamo colonie o a Bologna tutta l'Emilia Romagna il comune un'ampia
I sessanta
Perché in toto Ippolito nelle altre città dell'Emilia Romagna al massimo
Il Comune arriva al trentacinque per cento il che vuol dire latitante per la situazione allo stato che non dà soldi per le sue scuole statali e allora andare a chiudere dei paritario coltiva allungare dell'Inpdap backbone accordando
Perché ripeto riempite da dei
Socrate due anni fa non prima
è una ragionevolezza praticamente alla aggredire
Lo Stato agli atti il comma
Bene ringraziamo il Professore Stefano Zamagni economista che ci ha spiegato le ragioni dei chi sostiene il quesito di ovvero quello di mantenere la cui essi essa tra le scuole paritarie e quelle pubbliche nel Comune di Bologna ricordiamo su questo referendum consultivo si voterà il ventisei maggio nel capoluogo fissi
Grazie