24MAG2013
dibattiti

Assemblea Nazionale dell'Associazione Antigone

ASSEMBLEA | Roma - 10:45. Durata: 3 ore 53 min

Player
Registrazione audio dell'assemblea "Assemblea Nazionale dell'Associazione Antigone", svoltasi a Roma venerdì 24 maggio 2013 alle ore 10:45.

L'evento è stato organizzato da Associazione Antigone.

Sono intervenuti: Stefano Anastasia (presidente onorario dell'Associazione Antigone), Patrizio Gonnella (presidente dell'Associazione Antigone), Antonio Marchesi (presidente di Amnesty International Italia), Salvatore Chiaramonte (segretario nazionale della Funzione Pubblica, Confederazione Generale Italiana del Lavoro), Giovanni Russo Spena (responsabile nazionale del Dipartimento Giustizia, Partito
della Rifondazione Comunista), Mario Staderini (segretario, Radicali Italiani), Giulia Sarti (deputato, MoVimento 5 Stelle), Luigi Pagano (vice capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria), Daniele Farina (deputato, Sinistra Ecologia Libertà), Alessandro De Federicis (responsabile dell'Osservatorio Carcere dell'Unione Camere Penali Italiane), Emilio Di Somma (dirigente per le Esecuzioni Penali Esterne del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria), Micaela Campana (deputato, Partito Democratico), Giuseppe Cascini (magistrato), Giorgio Bignami (presidente del Forum Droghe), Sara Vallerani (rappresentante dell'Associazione Rete della Conoscenza), Marco Ruotolo (professore), Mauro Palma (presidente onorario di Antigone e membro del Consiglio Europeo per la Cooperazione Penalistica).

La registrazione audio dell'assemblea ha una durata di 3 ore e 53 minuti.

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amnistia, Cancellieri, Carcere, Cie, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Detenzione Domiciliare, Diritti Civili, Diritti Umani, Droga, Emergenza, Fini, Giovanardi, Giustizia, Iniziativa Popolare, Legge, Magistratura, Ministeri, Ordine Pubblico, Penale, Politica, Tortura, Tossicodipendenti.

leggi tutto

riduci

10:45

Organizzatori

Associazione Antigone

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ma
Ecco Cissé prendetene posto possiamo iniziare
Rinnovo le
Le nostre scuse per il ritardo dovute come tutti sapete diciamo al
Con agli inconvenienti dovuti da una parte allo sciopero del
Del trasporto pubblico locale e dall'altra parte a un grave incidente che c'è stato
Nella linea della metropolitana
E che a
Diciamo
Non sia sommato diciamo sia i problemi di traffico possiamo ora
Iniziare questa Assemblea
Di Antigone l'assemblea annuale di Antigone che
Come sapete e dedicata alla
All'urgenza delle questioni
Penitenziarie e e alla campagna che abbiamo promosso e
Che stiamo svolgendo insieme a molte associazioni per la presentazione di tre leggi di iniziativa popolare e che riteniamo possano
Affrontare in radice la questione del sovraffollamento penitenziario
Detto questo siccome gli interventi programmati sono sono molti alcuni di coloro che devono intervenire sono già presenti altri
Ci raggiungeranno a breve io darei subito la parola al presidente di Antigone Patrizio Gonnella per la introduzione nostri lavori
Allora buongiorno
Grazie
Grazie a tutti
In premessa diciamo va diciamo oltre ovviamente ringraziamento a tutti
A tutte le organizzazioni
Tante molte sono qui rappresentate
Che con voi stanno condividendo
Questa
Campagna come diceva Stefano in apertura per tre leggi di iniziativa popolare
Una campagna che diciamo come posso dire che c'è stata
Aiutando nel costruire quella sensibilità diversa che noi speriamo aiuti
Anche chi poi
Dentro diciamo
Le aule
Della Camera del Senato possano possa essere utile per trovare pianterreno fertile al fine di costruire una diversa
Agenda
Politica su questo terreno
è un momento
Particolare è un momento particolare perché diceva morso Walter Renault
Della
Giustizia penale precisamente della esecuzione penale
Mai come in un
Questo momento c'è
Una
Universale presa di coscienza
Che esista un problema
L'universale presa di coscienza significa che tali per alte cariche dello Stato ieri il Ministro della Giustizia la cancellieri
Le autorità istituzionali laiche religiose
Tutte diciamo concordano che
Bisogna fare qualcosa e uscire da una situazione
Di
Forte rischio e a volte non solo rischio ma concreta violazione dei diritti fondamentali della persona
Il profitto non è
Ovviamente
Quindi se
Diciamo c'è conoscenza del problema il punto è come risolverlo e il problema
è un momento particolare perché abbiamo davanti quattro scadenze
E questo importante che
Tutti lo sappiano l'opinione pubblica le forze politiche
Che sono in Parlamento le forze politiche che non sono in Parlamento
Perché diciamo qualcosa bisognerà fare per forza e io li elenco
I quattro punti e le quattro scadenze legislative
Che pendono sul Parlamento italiano quattro scadenze legislative che pendono sul Parlamento italiano e che hanno a che fare col tema della sovraffollamento della giustizia penale dei diritti
E quindi con le nostre proposte quali sono queste
Quattro scadenze
Parto
Dalla questione degli ospedali psichiatrici giudiziari
Come sapete
O forse non sapete ma mani discorso avantieri
Sì avantieri è un discorso
è stato convertito in legge il decreto
Che
Preventiva l'atto diciamo il rinvio al primo aprile con la prima scadenza del due mila quattordici
Della chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari c'era una legge precedente
Che è stata quindi diciamo disattesa nei suoi obiettivi
Che era quello di procedere alla chiusura
Con una responsabilità condivisa nella Conferenza Stato-Regioni quindi adesso non andiamo a individuare le singole responsabilità non entro nel merito una responsabilità condivisa
Delle istituzioni della Conferenza Stato-Regioni non entro nel merito days processi relativi a quella legge ai rischi che quella legge porta in sé
Ma la chiusura di fatto prevista in quella legge è stata rinviata al primo aprile due mila quattordici adesso entro domani ci dovrebbe essere diciamo come posso il passaggio formale perché il testo essendo stato leggermente
Inutilmente modificate perché io ho letto delle modifiche
Diciamo che sinceramente non ne ho compreso il senso molto Tecnimont oculate sui di forma proprio di forma e quindi
Diciamo si è messo a rischio la conversione comunque adesso dovrebbe essere definitivamente
Approvato
Penso oggi
E quindi entro prima scadenza a disposizione delle di gioco
Di chi ha
A livello regionale e non e a livello istituzionale governativo in questo caso non c'è bisogno di un intervento legislativo ma c'è bisogno di un
Intervento nella Conferenza Stato-Regioni forte perché si chiudano di ospedali
Psichiatrici ciò dizionari entro aprile due mila quattordici
E si chiudano senza aprirne non più interne sei per aprirne venti ma chiuderne si per diciamo
Costruire da un lato la liberazione dei di mittenti non principalmente pericolosi
Cioè di coloro i quali definiti dalla magistratura di sorveglianza non più socialmente pericolosi permangono internati meglio
Li psichiatrici giudiziari perché c'è la proroga della magistratura di sorveglianza in quanto non ce l'ha presa in carico da parte dei servizi territoriali quindi
Che in questo anno si proceda alla liberazione e la presa in carico dei servizi
Di quattrocento
Prorogati e si trovino collocazioni comunitarie ispirati al principio della terapia e della Procura
Per gli altri seicento
Questi sono i numeri più o meno quindi questo e il primo
Come posso dire obbligo di intervento con una scadenza
Veniamo al secondo poi arrivo i temi
Della dell'esecuzione penale in senso stretto il secondo è sempre aprile due mila quattordici perché
Proprio un mese fa il Capo dello Stato ha depositato presso l'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Il lo strumento di ratifica del protocollo opzionale alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura
Ratificata dall'Italia nella settembre e ottobre del nell'autunno ecco adesso non ricordo il giorno del due mila dodici era stata firmata nell'agosto del due mila tre quindi negli anni per
Tra la firma e la ratifica sapete che la ratifica è fatta da un paio di articoli di legge quindi diciamo nove anni per procedere a quella ratifica cosa prevede
Quella protocollo prevede sostanzialmente due cose nasce un organo ispettivo di carattere universale di tutti i luoghi di detenzione
E quindi diciamo che sullo stile del Comitato del europeo quello presieduto da Mauro Palma per tanti anni per la prevenzione della tortura ma prevede anche un'altra cosa
Ed è un obbligo legislativo che ci riguarda entro aprile due mila quattordici perché il
Quel trattato lo prevede esplicitamente che entro un anno dal deposto della ratifica deve avvenire l'Italia dovrà dar vita a uno National preventivo il meccanismo cos'è il National parenti meccanismo
Un organismo indipendente di controllo di tutti i luoghi di detenzione non solo carceri
Che su più abituate ad essere visitate di ispezionate e devo dire che nella storia dell'ultimo decennio dal Ministero della giustizia dell'amministrazione penitenziaria non è mai arrivato
Uno non è mai stata esercitata una l'OP contraria alla nascita di questo meccanismo lobby contraria che invece c'è stato da parte del Ministero dei Interni del Ministro del deficit
Diciamo in questi dieci anni che ha impedito la nascita di questo organismo di controllo indipendente dei luoghi di detenzione che già presente in Francesco cento in Germania recentemente il terre presente in Spagna
E quello che
Nuovi nel novantasei chiamammo novantasette nel nostro primo convegno che organizziamo sul tema
Ombudsman
Difensore civico chiamiamolo come ci pare adesso c'è l'obbligo di istituirlo
C'è l'obbligo di istituirlo entro dodici Nesi
Tutti i luoghi di detenzione lo dico e lo ripeto non è
Solo riguardante le carceri anzi l'esecuzione come posso dire la detenzione inalare
Non penali ma amministrative come nel caso del CGIE è ovviamente richiede
E anche la detenzione la nelle fasi dell'arresto nei commissariati e caserme richiede
Una forma di controllo maggiore perché fra l'altro sono luoghi dove non vengono esercitate quelle prerogative ispettive che invece già nelle carceri sono esercitate
Quindi seconda scadenza nelle ma questa è proprio nelle mani del Parlamento
D'altro e poi vediamo come si incrocia con la nostra con le nostre proposte su questo Tirreno ci sono almeno su quindici anni
Di esercizio parlamentare
Che ha prodotto poco ci si è arrivati a un certo punto vicini all'approvazione di una figura di questo genere è un certo punto però il processo è stato interrogato almeno due volte una volta è stato approvato da un ramo della Camera
E poi non se ne fa un CIPE nulla terza scadenza
E qui c'è l'amministrazione penitenziaria c'è il dottor di Somma vice capo dopo direttore generale delle
Delle esecuzione penale esterna dottor Luigi Pagano vice capo dell'amministrazione penitenziaria il dottor Massimo De Pascalis
Capocelli l'Ufficio studi dire dell'Istituto Superiore di Studi penitenziari
E e quindi è rappresentata rappresentata bene l'amministrazione penitenziaria e l'amministrazione penitenziaria
Sono diciamo e
E da tempo che non è che mette la testa sotto la sabbia ce lo racconta
La vita in carcere cioè nel senso che non c'è in
In
Pensiamo a venire a volte delle diciamo delle ricette vedo che non coincidono totalmente ma come posso dire
E ho la la nostra Amministrazione penitenziaria racconta all'esterno che questa è una situazione di sistematica violazione dei diritti in cui si trova a governare l'impossibile
Ora perché spiego cos'è l'impossibile
La terza scadenza e la legge chiamata prima al fanno e poi Severino
Detenzione domiciliare e misure alternative è una legge che va a scadenza è stata prevista con una legge scadenze scade scade fra qualche mese
Ora scade fra qualche mese prevede al proprio interno una norma che si affida alla produzione legislativa parlamentare perché dice che entro quella scadenza
Bisognava rimettere insiste mano al sistema delle misure alternative
Ora
Diciamo e una
Come posso dire
è un'occasione
Che però non andrebbe sprecati
Nell'occasione che non va sprecata quella di questa scadenza ci sono le vie per sprecarla le vie per
Come posso dire invece per per
Provare a partire da quella scadenza di come posso dire
Partire con un'altra produzione legislativa Colico altra dico altra
Vediamo quali sono le vie per far poco e niente di via per farlo per la libertà ambiente facile la si manda a morire e non succede nulla
La via per far poco e devo dire che qui entro nel nella vita della diciamo dell'agenda parlamentare di questi giorni per far poco
Non ho obiezioni di nessun tipo del merito ma la via per far poco il disegno di legge che è stato ripresentato sia dalla dalle dal diciamo dalla diciamo
Da Nitto Palma i due Presidenti delle Commissioni
Giustizia di Camera e Senato
è una via rispettosa
Assolutamente rispettosa cosa prevede quella via messa alla prova
Per pene edittali fino a quattro anni e introduzione della sanzione della detenzione domiciliare che non diventa diciamo che non è misura al non è più solo misura alternativa ma è anche sanzione decisi ad altro diciamo di cognizione
Sacrosanto
Sulla messa alla prova fino a quattro anni o tantissimi tutte ma tubi di totali inutilità
Perché
Diciamo è uno strumento
Che interviene su una
Pina rispetto alla quale esistono già tantissimi altri strumenti
Che più di molto diverso comunque intervengono sulla alternatività la solo esecuzione non so se sono stato chiaro quindi diciamo
Adesso non so se per voi l'Amministrazione qui mi smentì era sui dati ma
L'effettività in termini di deflazione e praticamente pari allo zero
Più o meno
La misura la misura alternativa della detenzione che diventa anche sanzioni alternativa è una buona misura ma come dicevo prima i suoi effetti in termini di intervento in una situazione in cui entro un anno
Dobbiamo
Dare delle risposte anche lì
Sono più o meno nulli
Son poco comunque decidiamo e quel poco ragionevole su cui noi non abbiamo obiezioni su quel poco ragionevole fanno parte di vecchie proposte
Però diciamo come posso dire non è il tutto non è la risoluzione perché qui dentro al quarto tema e poi vengo alle nostre proposte alla quarta scadenza
La quarta scadenza e quella
Più come posso dire che ci preme
Ed è una scadenza che
Probabilmente il ventisette di maggio troverà una sua
Definizione cosa succede ventisette di maggio succede che
La Grande Chambre della Corte europea dei diritti umani decide sul ricorso italiano contro la sentenza Torregiani dell'otto gennaio del due mila tredici cosa prevedeva con la sentenza più o meno lo sappiamo
Prevede una sentenza pilota cinquecento erano più o meno adesso ma spannometricamente i ricorsi presentati per tosto che arrivare a cinquecento condanne condannano nel caso Torregiani gli altri sette
Per complessivi cento mila euro più o meno le autorità italiane e dicono adesso col consenso dello Stato qui vengono diciamo un po'alla
Al
Poi al tema del ricorso
Col consenso dello Stato italiano si accede ad una sentenza pilota cosa prevede che la sentenza dice alle autorità Decio vado in soldoni entro un anno dovete porre rimedio a questa scusi può Censis di sovraffollamento sistemico e di violazione sistemi
Dei diritti umani perché non riuscite a garantire gli spazi vitali
Spazi sotto diciamo sotto i tre metri quadri ormai c'è una giurisprudenza adesso diciamo abbastanza consolidata della Corte deve europea dei diritti umani relazione l'articolo tre che produce la tortura il trattamenti inumani crudi e degradanti e su questo non si discute
Perché altrimenti ad ogni
Ricorso solo il nostro Difensore civico di Antigone mi ha presentati circa centocinquanta i radicali che sono qui rappresentati da Mario Staderini loro segretarie ne hanno presentati altrettante così diciamo però impegni
Diciamo
Piuttosto che pagare i milioni di euro l'Italia ha accettato di mettere mano al sistema poc'come farlo alla Corte diciamo più meno interessa la Corte dice dove i capire un sistema sostanzialmente per cui chi va in carcere c'è il posto letto
Cioè quei tre metri quadri e che siano garantiti i diritti fondamentali
Qual è la situazione attuale la situazione attuale è una situazione in cui abbiamo circa sessanta sei mila detenuti sessantasei mila centotrentasette erano avantieri
Quanti sono i posti letto veramente adesso non voglio entrare in un dibattito infinito su quanti sono ma io direi che non solo più di trentasette mila
Non
Non sono quarantacinque mila non sono quarantasette mila come negli ultimi tempi aumentarla notti posti-letto regolamentari senza che fosse costruito alcun carcere ma non sono neanche quarantacinque mila
L'amministrazione penitenziaria
Correttamente sta facendo finalmente una ricognizione dei
Posti
Perché ci sono tanti reparti chiusi
Che venivano conteggiati dei posti letto regolamentari questi reparti devono essere conteggiati
Tutto ovviamente Regina Coeli qua vicino cioè due reparti chiusi non si poteva conteggia lì come se postino posti letto funzione ciò ogni giorno Toumi dire quanti sono i posti letto aperti adesso diciamo
Che se gli spazi reali a disposizione poi un giorno ci metteremo tutti insieme a discutere su cosa significa posto-letto regolamentare perché diciamo probabilmente questo è necessario farlo perché non è posto-letto regolamentare non sono tre metri quadri è
Tre metri quadri tortura cioè solitamente quadro tortura dire che tre metri e un centimetro un posto letto ad aspettare ovviamente significa una soluzione per essere condannati ma non è un posto letto regolamentare
Detto questo son trentasette mila quindi trentamila persone più o meno
Abbiamo più o meno trenta mila persone rispetti in più rispetto alla capienza da regolamentare fortunatamente non compare più il termine di capienza tollerabile
Quindi in questo ambito quella proposta diciamo come posso dire di buonsenso che è la proposta
Che era stata quasi approvata in fine legislatura scorsa che è stata ripresentata dall'onorevole Ferranti alla Camera e dal senatore Nitto Palma al Senato due Presidenti delle Commissioni
Non
Non avrà alcun effetto su questi trent'anni
Poche centinaia poche decine
Parte che diciamo quindi c'è necessità
Di intervenire
Su questo non non non non non c'è un obbligo di intervenire perché altrimenti se la Grande Chambre conferma la decisione di primo grado
E poi io non lo so è può essere pure che in questo questi quattro misi cambiano idea però mi sembra difficile visto che era stata una decisione presa all'unanimità e col consenso dello Stato italiano
E fra l'otto gennaio e il ventisette di maggio
Non abbiamo avuto un detenuti meno anzi sono leggermente cresciuti
Questo è un dato per cui abbiamo trecento detenuti in più più o meno poca roba però
è un dato significativo per dire cioè se noi
Fra la bara gennaio e Baggio
Ci fosse stata una forte deflazione allora di il ricorso ma adesso mi pare difficile ecco però
Tutto può essere supponiamo che venga confermata quella decisione il ventisette maggio del due mila quattordici ritenuti dovranno essere non più di quaranta mila diciamo perché mi immagino che supponiamo che pure per allora
Qualche posto letto in più nasca ma insomma
Sanno duemila mille tremila insomma quella è la nostra capienza su cui dobbiamo cercare di lavorare
Allora antico insieme a tante altre organizzazioni a cui ha oggi daremo la parola presentato tre leggi di iniziativa popolare
Che diciamo non è che in un anno portano a quaranta mila ma in un anno costruiscono le premesse perché nei prossimi tre quattro cinque noi arriviamo a quaranta mila è un'inversione di tendenza culturale forte
E su questo terreno
E
Entro nel merito delle tre tutte le tre proposte poi ognuno degli altri relatori parlerà più di una più dell'altra
La prima proposta l'introduzione del delitto di tortura nel Codice penale la seconda proposta è un cambio
Della legislazione sulle droghe Fini-Giovanardi riduzione dell'impatto penale diciamo ritorno alla vetrata mentre edificato di droghe di non più unificato fra droghe leggere e droghe pesanti e
E poi
Legalizzazione del trattamento a fini terapeutici
Terza proposta invece interviene proprio sul tema del carcere tavolino entriamo nelle mani indico le mani nel piatto diciamo che se non si cambia la legge Cirielli per esempio se non togliamo tutti i paletti sulle misure alternative
Se non cambiamo le le perché perché le regole della custodia cautelare
L'anomalia italiana di quei punti su cinque che sono in custodia cautelare l'anomalia italiana di quel trentasette per cento i detenuti condannati che dentro per aver violato la legge sulle droghe non la superiamo
Non lo superiamo e quindi bisogna intervenire probabilmente tutto questo anzi sicuramente tutto questo va affiancato ovviamente ad un provvedimento di clemenza che ti consenta poi
Perché se tu fai contemporaneamente ma proprio contemporaneamente sarebbe una
è questo che noi chiediamo alle alle diciamo in conto un con pompa un provvedimento di clemenza studiato
Studiato significa che come posso dire è sincero
E questo è difficile però va fatto sinceri
Perché porti da sessantasei mila quaranta mila
E da lì non si torni indietro quindi accompagnato da quelle misure legislative condivise
Perché da lì non si torni più indietro d'altronde
Io chiedo ai parlamentari presenti che oltre alle nostre tre proposte di legge di iniziativa popolare che vi mettiamo a disposizione per la discussione parlamentare
C'è anche
Una proposta che praticamente è già stata scritta dal cessare
Quindi se non volete sentire Antigone CGIL Forum droghe tutte le altre organizzazioni qui presenti che verranno a a parlarne ascoltiamo la relazione del CSM del professor Giostra
Prendiamo questi dati prendiamo un pezzo di quella prendiamo quella sugli accessi alle misure alternative
Qui c'è il dottor di Somma che nella responsabilità apicali allarmi alle nell'amministrazione penitenziaria ci vuole un rilancio dell'esecuzione penale esterna che non è la detenzione domiciliare la detenzione domiciliare giusto riportarla nella logica della piscina
Perché è una pena alternativa la detenzione domiciliare non è una misura alternativa che fai a casa
è una pena alternativa le misure alternative sono quelle che ti consentono di ritornare in un ambiente sociale e di avvenire delle esperienze di vita affettive di recupero di lavoro di formazione di studio
Questo è come posso dire il quattro
Chiudo dicendo
Noi appunto abbiamo le nostre proposte
Però
Quando ultimamente mi è capitato di avere delle dei DD dei dialoghi con alcuni parlamentari ma
Non solo ti viene detto la mi viene detto e ci viene detto guardate che però
La situazione politica è una situazione che la vedete come
Per cui dobbiamo prendere provvedimenti non di visivi
Allora io
Dico
Per me va benissimo prendere provvedimenti non di visivi
Perché non
Sulle nostre proposte sulle proposte ragionevoli che sono presenti anche all'interno dei prossimi
Di alcuni prossimi referendum che noi sosterremo dei Radicali Italiani perché alcuni loro referendum non riguardano temi
Che su cui abbiamo sintonia culturale
Io dico che
Se però bisogna dividersi ci si divide
Non c'è bisogno come posso dire che
Su cui provvedimenti non di visivi sì anestetizzato la discussione
Sui provvedimenti non di visivi se capiamo che
Non è possibile ma bisogna dividersi ci si divide perché naturale nella politica dividersi
è naturale nella politica aprire opinioni diverse mi sembra molto difficile prendo un tema
Che sul tema delle droghe
Possiamo dire tutte le stesse idee
Perché ci avrà chi rispetta abilmente e io lo rispetto
A uniti altra rispetto alla mia
Ma voglio anche che si rispetti
Ma voi che abbiamo un'altra idea rispetto a chi invece ha costruito l'attuale impianto che è un impianto repressivo proibizionista
Che non tiene conto degli stili di vita giovanili e che ha prodotto questa situazione
Quindi
Le nostre tre proposte se non dividono ne siamo felici masse dividono ce ne faremo una ragione
San Patrizio per questa introduzione che ha dettagliato diciamo così tutte le urgenze che abbiamo e quelle che sono le le nostre proposte ore iniziamo gli interventi programmati a partire da
Antonio Marchesi che oppresse docenti diritto internazionale a Roma Teramo un nostro carissimo amico è stato recentemente rinominato Presidente di di Amnesty International
E noi ne siamo molto fieri diciamo
Grazie
Sì ho già partecipato al
In altra veste
Molte occasioni ai assemblee iniziative di Antigone e mi fanno fare davvero molto piacere farlo oggi in rappresentanza di Amnesty International
Con cui per ci sono molte convergenze direi ci sono state e ci saranno ancora forma di collaborazione concreta
E questa collaborazione concreta proseguirà sicuramente nelle prossime settimane
Nei propri prossimi mesi sul tema della introduzione del del reato specifico di un variamo una fattispecie specifica di tortura
Nell'ordinamento italiano
Questo tema si inserisce nel contesto più ampio ovviamente delle condizioni
Generali e dei maltrattamenti specifici nelle carceri e nei centri nemici e nei centri per per stranieri
E anche nel nel contesto del tema relativo al trattamento di coloro che vengono a trovarsi nelle mani delle forze di polizia
E alla verità e giustizia per quei casi di persone che hanno perso la vita mentre erano nelle mani della forza delle forze di polizia
Noi stiamo seguendo una serie di casi mi piace citarne uno solo il caso di Giuseppe UPA
Sono ormai cinque anni che si attende di
Capire che cosa sia successo a queste persone che i suoi familiari si sforzano di ottenere verità che giustizia
Qualcuno forse sa che ieri è uscito il rapporto annuale
Il due mila e tredici di Amnesty International che riguarda il due mila dodici sostanzialmente dodici mesi del del due mila dodici
E tra i centocinquantanove capitoli di quello rapporto ce n'è uno non lunghissimo ma piuttosto denso che riguarda il il nostro Paese
E in quel capitoletto sono riferiti una serie di fatti che confermano la rilevanza e direi anche l'urgenza
Di quell'agenda sui diritti umani che Amnesty International ha presentato alla vigilia delle elezioni I candidati al Parlamento e che è stata
Sottoscritta da numerosi
Candidati anche tra quelle che poi sono stati
Eletti centodiciassette parlamentari attuali hanno fisicamente sottoscritto una serie di impegni finalizzati a realizzare un pacchetto di riforme in materia di diritti umani Patrizia mi ha dato il permesso di ricordare alcuni di questi punti anche se non sono direttamente collegati alla al tema del
Nella giornata odierna lo faccio molto brevemente
Il primo punto è quello che riguarda la discriminazione dei rom
Il governo tecnico ha avuto un atteggiamento estremamente contraddittorio su questo tema da una parte è stata approvata una strategia di inclusione sono stati presi degli impegni con la Commissione europea
Dall'altra è stato presentato un ricorso contro la sentenza del Consiglio di Stato del due mila otto che dichiarare illegittima la cosiddetta emergenza nomadi che poi è il presupposto è la madre di tutta una serie di piani locali che hanno portato a
Sgomberi forzati e alla segregazione dei rom in campi mono etnici
La Cassazione nel il suo scorse settimane quindi a una
Una risultato molto recente ha confermato la sentenza del Consiglio di Stato per gli
Dal punto di vista formale e giuridico la questione è chiusa ora l'obiettivo è quello della adeguamento del della prassi a quanto è stato stabilito con
La fine degli sgomberi forzati
L'accesso la la garanzia del diritto all'accesso all'alloggio anche delle popolazioni rom
Altro tema quello della violenza contro le donne i dati del nostro rapporto annuale parlano di oltre duecento casi di violenza omicida nel due mila dodici è stata annunciata
La calendarizzazione e speriamo la rapida approvazione del disegno di autorizzazione a ratificare la Convenzione di vista Mullah sulla violenza
Contro le donne e questo è sicuramente molto importante evitiamo però
Quel fenomeno che conosciamo bene cioè l'idea che ratificare una convenzione internazionale risolva i problemi o ci metta al riparo rodà le critiche internazionali perché poi quella convenzione evidentemente dovrà essere attuata ed è una convenzione piuttosto impegnativa
Un terzo punto è quello che riguarda la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere
Cresce nel Paese la consapevolezza
Della necessità di contrastare meglio l'omofobia e la la transfobia una cosa molto concreta da fare che Amnesty International chiede quello di estendere anche al movente di omofobia le aggravanti previste dalla cosiddetta legge Mancino che attualmente non prevede questo tipo di aggravante prevede l'aggravante legata alla
Discriminazione per motivi razziali ma non l'aggravante di omofobia
Poi c'è il tema ampio dei diritti dei migranti che comprende il problema dei respingimenti verso la Libia in assenza diciamo di condizioni di sicurezza minime che comprende la detenzione come regola
E non come eccezione da giustificare di volta in volta per periodi estremamente limitati degli immigrati
Irregolari
Qui noi ovviamente una banalità ma chiediamo che sia cancellato il reato di immigrazione clandestina prestato ampiamente riconosciuto e non certo soltanto da noi
Che non non non è una una misura efficace dal nostro punto di vista aggiungiamo che si tratta di una misura iniqua e anche in contrasto abbastanza evidente con una serie di standards internazionali
E infine arrivo al tema diciamo più direttamente collegato all'iniziativa delle delle tre leggi di Antigone delle altre associazioni che l'hanno presentata
Del del reato di tortura su questo noi concorderemo con tutti voi la nostra strategia nelle prossime
Settimane sul tema in sé
Ormai veramente non saprei cosa aggiungere sono quasi venticinque anni sono ventiquattro anni da quando la convenzione in vigore per per l'Italia
La Convenzione contro la tortura presuppone direi come minimo che vi sia reato specifico di tortura non è soltanto un obbligo specifico è
Il presupposto di tutto l'impianto di questa convenzione che non può essere attuata in assenza di un reato specifico di tortura e del resto lo dimostrano tutti i fatti che a noi ben conosciamo di pene estremamente lievi o di impunità
Per per fatti che rientrano nella definizione dell'articolo uno del della convenzione del resto l'idea stessa che
Fatti di tortura che purtroppo si spera che non accadano spesso ma purtroppo possono sempre accadere
E nel nostro Paese negli ultimi anni sono accaduti con una certa frequenza l'idea che si possano rimuovere giuridicamente semplicemente non menzionando lì nel Codice penale evidentemente un'idea un'idea assurda
E aggiungo anche per sgomberare preventivamente il campo da eventuali obiezioni che io ritengo pretestuose che
Non mi si può dire che è nell'interesse delle Forze di polizia in uno stato di diritto non pulire e i singoli che si rendono responsabili di attentati contro la dignità umana perché questo
Diciamo che mina la credibilità di tutto il corpo e questo non può essere di interesse delle nostre Forze di polizia
Io mi fermo qua mi auguro proprio che si riesca a fare sì che
Il Parlamento del Governo ricordo il Parlamento è stato eletto e del Governo in carica quindi dal nostro punto di vista
Non ci sono
Scuse che possano basarsi su un'agenda limitata o su altro a cui si tratta di tutelare valori fondamentali e si tratta di rispettare impegni internazionali che sono stati presi ormai da tanti anni
Quindi riteniamo che il Governo e il Parlamento attuali abbiano la possibilità
Sebbene sarà la volontà politica di fare
Tutta una serie di cose che non hanno costi economici significativi che si possono fare molto semplicemente perché
I tempi sono sicuramente maturi speriamo che questo avvenga realmente grazie
Grazie ad Antonio Marchesi
Tra le altre cose vorrei
A ricordare che nel
Nel testo delle appunto delle tre leggi c'è anche e il l'abrogazione del reato di immigrazione clandestina quindi diciamo e un altro dei nostri punti diciamo
E io chiederei di rinvenire potrà intervenire a spesa Salvatore Chiaromonte e della funzione pubblica CGIL che e una delle diciamo così delle organizzazioni più attivamente impegnata nella nostra campagna e quindi diciamo
Anche per questo la ringrazio nelle prima di dargli la parola però leggerò il messaggio che ci ha mandato alla Presidente della Camera che ha mandato a a Patrizio Gonnella e che appunto ritengo importante
Socializzare voi tutti
Impegni istituzionali precedentemente assunti mi impediscono di accogliere l'invito a partecipare all'assemblea nazionale dell'Associazione Antigone conosco la storia e l'attività della vostra associazione so quanto prezioso sia stato e sia
Il suo contributo alla piena realizzazione dei principi contenuti nell'articolo ventisette della Costituzione
Tra i numerosi messaggi che ricevo quotidianamente scrive la Presidente la Camera molti sono di persone detenute che denunciano la particolare afflizione a cui sono sottoposti a causa del sovraffollamento delle condizioni materiali in cui versa l'i nostri istituti di pena
Un Paese civile non può sopportare una simile violazione delle norme più elementari del diritto ne ho parlato come ricorderete già nel mio discorso di insediamento come Presidente della Camera
è intervenuto più volte su questo tema con parole severe pienamente condivisibili il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
Auspico fermamente che questa legislatura dia risposte coraggiosi e puntuali al dramma della condizione carceraria
A queste risposte contribuirà certamente l'esame nelle sedi parlamentari delle tre proposte di legge di iniziativa popolare promosse da Antigone e da numerose altre associazioni
Vi informo a questo proposito che la Giunta per il Regolamento della Camera iniziato una importante discussione sull'ammodernamento della nostra normativa in Terna
Uno dei punti qualificanti in discussione è proprio quello di dare percorsi certi e tempestivi all'esame delle proposte di legge di iniziativa popolare
Tengo molto a questa innovazione perché sono convinta che le istituzioni debbano essere sempre più aperte permeabili alla partecipazione attiva dei cittadini
Saluto cordialmente lei caro Presidente e tutti i partecipanti all'Assemblea e vi auguro buon lavoro Laura Boldrini
Salvatori Chiaromonte
Grazie
Io voglio naturalmente ringraziare
L'Associazione Antigone di Patrizio per
Per avere invitato me a questa assemblea annuale dell'associazione
E per in qualche maniera darmi l'occasione di
Enfatizzare ancor di più se mi possibile il lavoro che insieme stiamo facendo a sostegno
Di questa
Raccolta di firme sui tre disegni di legge
Però
Prima di rapidamente
Dire la mia su questa questione
Mi sia permesso un come dire una
Osservazione
Che riguarda cosa sta avvenendo che riguarda il comportamento del governo del nuovo ministro
Perché comincia ad avere cominciamo ad avere la sensazione che ci sia un protocollo può darsi che
Gli autorevoli dirigenti o dipartimento siano in grado di
E confermare o smentire questa cosa un protocollo che riguarda tutti i ministri la giustizia loro insediamento venti mi tempi è stato esercitato il protocollo prevede delle tappe tesse quasi a questo punto ritualità protocollo
La visita al carcere
Il colloquio con naturalmente accompagnata da maggiore o minore emozione questo poi dipende anche dalla c'è scritto
Abbiamo
Questo c'è scritto emozione
A vostro giudizio Piacenza
L'incontro con
Gli utenti gli ospiti
Che
La struttura
Gli operatori
Naturalmente anche qui nella l'enfatizzazione del fatto che è un problema gravissimo che
Coinvolto è questione di civiltà del della sistema paese dell'ordinamento eccetera e l'annuncio di un approccio nuovo alla questione
Io spero che non applicano ultima tappa dal
Come l'ultimo passo il protocollo che la titolazione un po'stramba dei provvedimenti che si apprestano a fare perché uno dei provvedimenti assunto dalla ministra Severino
Che di questo protocollo fatto un uso devo dire ripetuto accentuato e quello di chiamare a quei questi proventi svuota carceri
Io ricordo ancora adesso salva carceri vuota Carzeri
Allora
La cosa si commenta da sé noi abbiamo naturalmente bisogno per le cose che diceva con la sua solita efficacia
Patrizio che
Gli interventi in questo settore siano interventi
Come dire importanti
Di dimensione e di qualità efficaci perché al momento pure lo sforzo che apprezzabile per carità nessuno vuole nascondere effettuato Espresso nella elaborazione in provvedimenti di legge di interventi normativi sotto varie forme non ha prodotto
Invece gli effetti che
Per dare già solo attuazione alla sentenza del tribunale europeo bisognerebbe produca
E quindi quei ventimila perché questa è la questione
Quei ventimila
Carcerati di meno non solo
Noi abbiamo la necessità di
Porre mano provvedimenti
Che implicano in qualche modo pongono in qualche modo un punto
Che non determina una situazione che poi nel giro di pochi anni si ricrea se non
Addirittura in termini peggiore rispetto a quella del servizio
Sana e quindi ma io ho davanti l'esperienza
Della dell'ultimo provvedimento di indulto che non associato ad un'amnistia e non associato di interventi sulla sulle norme
Ha fatto da tampone per un certo lasso di tempo
Ride terminando anzi a questo punto portando livello ancora più alto quella situazione di congestione sovraffollamento che adesso viene denunciati
Come sindacato
Di categoria al di là del fatto che siamo CGIL quindi
Da sempre interessati a coniugare la questione dei diritti di questo Paese con
Quattro anni il nostro lavoro sindacale quotidiano
Siamo arrivati a impegnarci a impegnarsi come dire
Anche visibilmente nella nella campagna
Partendo da una
Constatazione perfino banale
Noi non siamo in grado per l'attuale situazione per dimensioni la qualità che in questa di
Assestare la dimensione la consistenza materiale e di personale del sistema carcere al livello attuale cioè come dire renderlo adatto ad ospitare in termini civili sessanta mila dette
Perché non è possibile nel giro di un
Nell'asso di tempo ragionevole malgrado le dichiarazioni che si sono succedute in questo decennio costruire carceri
Che assorbano quella domanda
Assumere personale il reclutare personale sia di Polizia penitenziaria sia dal personale addetto al trattamento
è inutile che su questa strada continuiamo a ripetere anche qui parole d'ordine richieste trite e ritrite che non reggono e quindi la risposta non può che andare in senso
Come dire composto Bardem Inuit alla pressione
Della congestione l'affollamento delle carceri si può fare
Secondo quanto quello e contenuto nei tre disegni di legge che non abbiamo in qualche modo considerato quasi una specie di
Programma di governo
Per un Governo
Del trattamento penale e del trattamento penitenziario in questo Paese
Perché abbiamo trovato
Utile e come dire noi pensiamo anche efficace risolvere il problema il combinare un processo di internalizzazione importanti
E diciamolo per quello che di rimozione di almeno tre leggi criminogena come anche noi li chiamiamo
Sia prescelta geologica che sottende questa legge sia per i meccanismi di automatismo incredibili inaccettabili come per esempio quello previsto dal
Dexia
Parliamo della della depenalizzazione del
Della uso delle sostanze
Stupefacenti come dire delle droghe leggere come vengono chiamate
E parliamo della abolizione del reato di immigrazione clandestina
E sono leggi inefficaci a risolvere alcun problema efficaci a riempire le carceri
E a inserire a mettere carne in questo tritacarne
Ma accanto a questo provare a spostare in termini strutturali con operazioni che possono durare nel tempo il centro dal carcere
Dalle mura del carcere a fuori carcere
L'enfasi che viene messa sulla trattamento penale fermo sull'esecuzione penale esterna sulle pene alternative sulla messa in prova reale e vera efficace funzionante
Affidando al Parlamento il compito di produrre innovazione legislativa in grado di
Spostare questo baricentro
Di lì rendere sostanzialmente il carcere
Propriamente detto ma la stessa detenzione domiciliare secondo me bene fa Patrizio assimilare le due situazioni in questo senso come extrema ratio come ultima spiaggia possibile
E per una tipologia di reati di crimini che la società chiede venga ancora punita con il trattamento di reclusione
E quindi
La lettura del dei tre disegni di legge se attenta porta come dire la individuazione di strumenti concreti molto efficaci se magari è stata adottata adottati dal Parlamento per andare in questa direzione
Noi non lo siamo in grado di sostenere cioè in confronto con il Ministro e con il dipartimento un
Un ragionamento fondato sull'aumento del personale sull'aumento delle strutture materiali sull'aumento dei fondi degli investimenti
Perché l'attuale situazione di crisi dei conti
Gli attuali limiti imposti e queste procedure ce lo rendono impossibile o vendono un'opzione puramente ideologica
Dobbiamo dare cioè altre risposte
Io però mi aspetto che arrivino segni concreti anche anche di lieve entità ma visibili come tali perché lo stesso Dipartimento ci dimostri che con noi la pensa su questo punto stessa maniera
Cioè
Noi abbiamo in quelle nei prossimi giorni anche per iniziativa del neoministro la necessità di ripristinare il ragionamento sulla spending review dentro il Ministero
Che presuppone per noi dovrebbe presupporre riorganizzazione vera dei servizi site sarebbe che in questo processo nel quale noi
Chiederemo di esprimere anche il nostro parere la nostra voce per esempio
Si ponga come dire si dia un segno chiaro a favore della irrobustimento disservizi con me
Quello erogato dall'ufficio per l'esecuzione penale esterna
E non il contrario come in qualche maniera c'era sembrato negli ultimi tempi di leggere
Chiudo
Con un'annotazione di tipo organizzativo se mi permette versiamo abbiamo questo vizio
Noi abbiamo una campagna in corso
Che è quello di cui oggi si discute questa campagna ad oggi ha prodotto dei risultati sicuramente intermedi visibilità se ne discute
Tutti coloro che in qualche maniera sono interessati e coinvolti in questi ragionamenti sanno di cosa si parla non ha prodotto al momento ve lo dico così perché stiamo facendo le prime verifiche un numero di firme
Adeguato
Se questo trend si mantiene in queste dimensioni noi non le mettiamo insieme le cinquanta mila firme per quando
Ce lo possiamo dire credo che sia giusto
In questo in questa situazione dircelo e quindi è necessario fargli fare un salto a questa campagna
Tutti quanti tutti i soggetti che in qualche maniera sono impegnati che fanno parte del Comitato che ciascuno a proprio modo nelle proprie situazioni impegnato su questa cosa io vi dirò cosa
Intendiamo fare oltre alle iniziative che stiamo programmando con Patrizio con antico dei prossimi giorni non abbiamo chiesto a tutte le Camera del lavoro in tutte le città in cui le Camere lavoro operano di avere un punto fisso di raccolta
Che si aggiunge a quelli previsti sia dai comuni laddove queste da questi sono stati attivati
E naturalmente questo significa che le Camere del lavoro della CGIL insieme alla categoria alla funzione pubblica sono impegnate da rete rilievo e informazione su questa iniziativa
Secondo noi useremo la giornata della di mobilitazione del ventidue di giugno come una giornata una grande giornata e di raccolta firme
Nelle piazze italiane a Roma in particolare
Terzo ci piacerebbe costruire un momento di comunicazione a questo proposito voglio trovato apprezzabile
La la messa in rete del video di Ascanio Celestini che ho trovato anche efficace
Ma noi credo riteniamo sia
Necessario loro dare con una grande giornata
A Roma
In un luogo magari significativo importante per la città con una grande manifestazione dare comunque la la la botta finale
Richiamare
Gente soggetti organizzazioni sociali cittadini a sostegno e per l'ultima spinta per mettere insieme queste cinquanta mila firme ho apprezzato moltissimo da questo punto di vista
E l'ulteriore conferma di una sensibilità nuova che noi esso stiamo trovando la Presidenza della Camera
Perché anche su altre questioni la risposta è stata tempestiva e di disponibilità di collaborazione ma in particolare l'impegno che l'aveva
Presidente Boldrini assunto nel dare seguito io operatività maggiore e ascolto maggiore di quanto non sia stato fino adesso alle proposte di iniziativa popolare le proposte di legge iniziativa popolare e quindi anche a quella che
Alle nostre proposte di legge che raccoglieranno la cinquanta mila firme saranno presentate al Parlamento
Grazie
Darei ora la parola Giovanni Russo Spena responsabile giustizia di Rifondazione Comunista
Con cui
Iniziamo diciamo a
Intervallati gli interventi delle associazioni dei nostri compagni di strada della società civile con
Responsabili dei rappresentanti le forze politiche che ci hanno raggiunto Giovanni
Si vi ringrazio io mi sento un po'in una in una veste mista insomma in quanto faccio parte
Gli anch'io nel lavoro da tempo non
Con Mauro Stefano alta sia con Patrizia e con altre
Compagne ed amici e nello stesso tempo appunto rappresento qui una forza politica impegnata su questi temi ma che oggi non è in Parlamento è presente né mi situazioni regionali comunali ma non in Parlamento
Voglio dire subito che mi sento parte ci sentiamo parte di una campagna ragione chiaro molto di condivido l'intervento
Che va intensificata stiamo tentando di farle in questi giorni anche per quanto ci riguarda come organizzazioni io sarò sarò il sei da a Padova lotto a Pistoia attivista
Martedì prossimo inc tenteremo appunto anche nelle nostre federazione di far partire
La raccolta delle firme che è una cosa che è importante
Farò soltanto alcune osservazioni perché condivido completamente
L'introduzione e il lavoro di Antigone
E mi scuso anche perché poi sarò costretto
Andar via in quanto
Come sapete c'è a Genova Camera tende dei domanderei a Andrea Gallo è stato mio uno dei miei maestri e con cui parlavo proprio
A ottobre a ottobre una manifestazione
A Genova e parlavo anche da questi temi parlavamo di un tema
Cioè per Genova ricordate le sentenze che riguardano appunto i processi di Genova è particolarmente importante appunto il tema
Della tortura
E il fatto che
L'assenza di prescrizione per le fattispecie per cui erano avvenute le condanne e l'uso comunque di reati diversi dato lettura in qualche modo avevano vanificato gli stessi esiti dei processi e ci troviamo d'accordo su
Su un punto che può darsi ecco in questa riforma radicale che pretende la giustizia già di cui parlava appunto giustamente Patrizia nell'introduzione
Forse un mutamento di clima anche di senso sociale in qualche modo si avverte
Discutendo appunto godono Andrea ci dicevamo che sempre più spesso capita anche a me personalmente all'interno delle scuole nei corsi di formazione nelle scuole in questi ultimi mesi ci chiedono
Di parlare Distefano comunque si chiedono parlare di di UPA per caso di un guappo di Aldobrandini
Di branzino
E
E che sembra esserci da parte dei giovani una sensibilità molto maggiore rispetto al passato
Anche io ho notato appunto questa
Questa differenza ecco negli ultimi mesi questa presta capacità critica anche rispetto a un sistema concentrazionario qual è quello
Quale quello penitenziario e son d'accordo credo in questo senso anche come Chiaromonte accordo conferma con favore è uno dei punti su cui da tempo ci battiamo insomma anche insieme radicali oggi lo fa
Anche il Movimento cinque Stelle su questo tema
Diffide la fissazione io la Presidente appunto del gruppo del Senato propose già questo invano
L'altra legislatura quando eravamo in Parlamento io credo che vada fissato un termine non superiore ai sei mesi non superiore ai sei mesi in cui le leggi di iniziativa popolare debbono essere assegnate alle Commissioni
E discusse perché uno dei punti per cui le abbiamo fatte tante
Spero di raccolta di firme in questi anni
E uno dei punti per cui raccolte di firme
Zoppica né in qualche modo e anche per la mancanza per la mancanza di fiducia nella possibilità che l'ha decisa devo volare
Poi venga discussa e
A questo proposito voglio dire lo discuteremo ufficialmente il primo giugno organizzazione ma son d'accordo con Patrizio io credo al novantanove per cento questo pervenuta la mia proposta l'organizzazione aderiremmo
Hai referendum proposte al partito radicale
Staremo insieme anche questa campagna che soprattutto per quanto riguarda i migranti mi sembrano
Mi sembra un referendum molto importanti
Dicevo abbia una sensibilità diversa probabilmente sbattuta parte dei giovani rispetto invece ad una fase e dobbiamo assuma la
Con preoccupazione di bulimia carceraria proprio di ipertrofia del castigo attinente inclusi in questi ultimi vent'anni quindici anni soprattutto vi è stato che è contrario alla dichiarazione appunto
Universale dei diritti umani ne ha la stessa Costituzione c'è la pena carceraria dovrebbe ritornare nell'ambito della concezione costituzionale appunto noi costruttrici battiamo dal sento
Emessi da per questo
Come
E pena di ultima istanza ecco diceva Chiaramonte poco fa come pena di ultima Speedstar Anza
Perché perché
La voglio dir così Patrizio nella nella relazione introduce appunto quattro punti
Io temo che in questo Paese questa bulimia carcerarie questo sistema concentrazionario abbia portato allo scriba lamento di un punto che è fondamentale lo stato di diritto presso la moglie affronta un discorso ideologico ma
è quello appunto che in termini giuridici e il pretore romana chiamava l'habeas corpus
Quando l'abbia ascoltato crolla e in Italia è largamente sfibra tra sono anche un lato l'habeas corpus e a questo allude il tema della tortura
A questa adulterato otto ad ascolto se e quando una persona col suo corpo anche
E
è nelle mani dici lo ha catturato l'ha preso anche fosse il peggiora salsina in qualche modo quella vita deve essere tutelate come la vita stessa del carcere
è dura e difficile capisca è aspro spiegarlo ha un senso comune di massa ma questo è il fondamento l'abbia scordo se il fondamento dello stato di diritto
E quindi io credo che su questi punti
Ha ragione Patrizio bisogna intervenire bisogna intervenire
Sono uscire
Che
Nella dalla Turco-Napolitano non dimentichiamo che abbiamo una qualche responsabilità intendo dire come sinistra io beh io personalmente feci disobbedienza ma fui l'unico
Per il gruppo non votarla ma insomma è di
è un parte l'articolo tredici della della Turco-Napolitano peggiorata di gran lunga
Dalla Bossi-Fini è peggiorato dei pacchetti di sicurezza Maroni ma
Ma non c'è dubbio io ricordo quando andammo la prima volta eravamo due deputati
Se pensiamo di questo altre un deputato che oggi credo sia sia in sella
Cento
Non
Per entrare
Deputati possono entrare come sapete i parlamentari nelle carceri non ci fecero entrare Ponte Galeria dovendo richiedere dovremmo richiedere
Che
Fosse introdotto avvenne grazie anche al Ministero giustizia da una quindicina di giorni dal
Un Regolamento per la regola Manzo ingresso voglio dire legale rettifiche sono peggio delle gallerie normali
Il rapporto con l'avvocato il rapporto le famiglie ma si tratta di migranti stranieri molto spesso dire le rendono peggiori rispetto al sistema carcerario normale
Un secondo punto vorrei ricordare
In aggiunta
Non è vero che in Italia non esiste l'ergastolo in Italia esiste esistono mille quattrocento persone che si sono Aldo Grasso l'ostativo nel gas ostativo è quanto di peggio di possa essere dice Musumeci
Appunto nel gas saranno ostativo
Che ha scritto due splendidi libri ecco in uno di questi libri che ad oggi abbiamo
Quello presentato qualche settimana fa e quindi ho letto dice espressamente l'ergastolo ostativo è peggio della pena di morte
Perché continua a vivere
Ma smetti di esistere
Chi lascia la vita ma ti ammazzo il futuro ogni giornata sarà come ieri come sarà domani e dopodomani come sarà per sempre
è la
Desolante traduzione umana dice della dizione burocratica fine Prina mai
Il terzo tema accolto ad alludere e quello che Margaret chiamati la detenzione sociale se extra detenzione sociale sta diventando un tema serissimo
Si ricollega avviamento a un problema e sociale di impoverimento di disperazione di frammentazione di atomizzazione sociale ma a me capita in questi giorni di difendere
Di difendere di i ragazzi
Condannati a sei anni per i fatti del dell'ottobre lo stop lo scorso a Roma ma c'è proprio bisogno e mi chiedo
Per ragazzi
Che non hanno diciamo nessun aspetto diciamo di pericolosità siano allungo in isolamento
Che vengono trasferiti dal carcere di Teramo dove avevano le famiglie che una volta la settimana trovare sono sono trasferiti in carcere di massima sicurezza e come a Viterbo e in isolamento
è un problema di cui ci stiamo interessando ma che non
Riusciamo che non ci ha mai risolta e spero che qualche parlamentare appunto
Se possa interessarsene insomma oggi non potendo
Non potendo io ho fatto non essendo in Parlamento è che io credo all'ultima osservazione che voglio fare
Le misure alternative alla detenzione cioè qui ha già detto Patrizio non voglio ripetermi
Ma hanno certamente un rapporto diretto con
La diminuzione dei cd IVA pensiamo per esempio io me ne sono interessato e sono stato relatore in Commissione all'epoca ma la legge Smuraglia del due mila
Che prevede sgravi fiscali per le imprese che assumono detenuti come sappiamo
è
Ormai da anni sostanzialmente senza fondi
Prina leggi inapplicate
Si parlava
Delle proposte Severino la Cancellieri ho letto al punto riprende queste proposte
Quarantotto ore fra
Nella sua conferenza stampa ma
Perché non ricordiamo che vi è un corpus organico
Quello che la Commissione di strategia che difatti che tra l'altro pressoché identico alla dopo a quelli della Commissione Nordio quindi governi di centrodestra governi di centrosinistra nominate hanno come avevo le Commissioni perché mai Biolo
Lo chiedo continuamente a fondi questi convegni e nessuno risponde quando vi sono appunto ministro Abate perché mai non è stata mai la mozione
Conclusiva bella della Commissione Pisapia non è stata mai portata in Parlamento per la discussione mai state prese nelle mani dalla dall'amministratrice e si riprendesse sempre daccapo
Ecco ho voluto solo citare
Vado via vado via perché non
Quello che ha detto Patrizio lo condivido completamente no null'altro da dire ma credo che quando noi appunto parliamo delle tre proposte di iniziativa
Legiferiamo volare sempre cogliamo le firme parliamo di quei temi specifici di cui il lavoro del Parlamento né l'abrogazione delle tre pene delle tre leggi criminogena Bossi fino a fine Giovanardi e la ex Cirielli ovviamente
è di straordinaria importanza
E io non penso devo dire come il Presidente Napolitano con tutto rispetto che in Parlamento non si possono discutere delle leggi di visite questo aggettivo nuovo che significa che non non faranno nulla
Ma non faranno nulla allora perché mi pare che
Paesetto sulle tossicodipendenze fra noi Giovanardi ha un po'difficile non essere di missili
Ecco fra noi e Borghezio è un po'difficile essere di visivi sulla
Sui migranti e così via e così via Peck insomma io credo che che non siamo divisi ivi ma appunto ma dei tre iniziative che Antigone la CGIL e altre associazioni propongono siano invece come dire un impulso a una riforma radicale della giustizia
Che sia supportato dalla sensibilità di massa cioè dai banchetti da raccolte le firme dal fatto che con i giovani si parla finalmente di queste cose ecco in questo senso è una forma anche di democrazia partecipata e di democrazia più dirette
Grazie e prima di dare la parola a Mario Staderini che intanto diciamo
Invito a venire qui a lei al nostro tavolo e tenevo a dire alcune cose intanto a a proposito della sollecitazione che faceva da ultimo
Giovanni Russo Spena non solo sarebbe importante non lasciar morire i prodotti che il Ministero di giustizia
In qualche modo fa a partire dalla relazione
Della Commissione Pisapia per la riforma del Codice penale ma per esempio per
Metà delle cose di cui discutiamo finanche per quella scadenza di cui diceva
Patrizio all'inizio cioè la scadenza della revisione complessiva delle misure alternative di tensione dentro il la relazione della Commissione P se paia
Anche in forma di articolato c'è la strutturazione di un sistema di pene in cui il carcere e veramente extrema ratio
C'è un articolato e c'è una relazione si prendono si depositano anche solo quella parte e se anche su solo quella parte se non si vuole riaprire discussioni sull'intero diciamo così primo Liber Codice Penale anche solo quella parte si potrebbe fare
E c'è tutto quello di cui
Si sta si sta dicendo
Poi volevo a proposito le cose che
E della sollecitazione che Salvatore Chiaromonte ci ha fatto prima sulla raccolte le firme volevo comunque sottolineare che
Al momento noi siamo a circa venti mila firme raccolte in una campagna che è iniziata sostanzialmente il nove di aprile con una grandissima mobilitazione davanti agli uffici giudiziari tribunali tutti Italia
Una grandissima mobilitazione che lei ci ha molto impressionato perché è stata una mobilitazione di giovani e giovanissimi
Che sono venuti a firmare queste proposte
Mi permetto di dire o di ipotizzare perché le hanno vissute come cosa propria
Perché son quelli che vengono condannati o perseguitati per il consumo di sostanze stupefacenti e temo che son quelli che a partire da un caso diciamo terrificante che a tutti quanti diciamo così rimane
Come impressione indelebile appartiene a caso di Federico Aldobrandini e temo no
Il rapporto con le forze dell'ordine ecco quindi io credo che abbiamo avuto questa mobilitazione ora abbiamo davanti ancora alcuni mesi credo che si possa arrivare
A un risultato significativo infine ultima cosa volevo segnalare a disposizione per chi presente qui un lavoro che è stato fatto dal nostro
Sportello dallo sportello Difensore civico dei
Dei detenuti delle di Antigone che ho appena detto il carcere ma io Bibbia un documento che segnalava alcuni casi clinici diciamo
Che sono stati rilevati dentro il carcere Bibbia che come tutti sanno
E
Uno delle delle carceri migliori che abbiamo in Italia e che però città diciamo sì uno spaccato dei problemi
Attuali presenti dell'assistenza sanitaria in carcere
E che sono tutt'altro che risolti
Dalla riforma ordinamentale e che invece chiedono un impegno concreto fattivo istituto per istituto regione per regione a seconda delle responsabilità delle
Appunto delle regioni in questa materia e e che ci dicono appunto quanto ci sia ancora da fare al di là del pur meritorio passaggio dell'assistenza sanitaria
Al Servizio sanitario nazionale detto questo non rubo più tempo e do la parola a Mario Staderini segretario dei Radicali Italiani
Grazie grazie mille grazie soprattutto
Antigone a Patrizio Gonnella dell'invito che ci è stato fatto e anche delle belle parole che Patrizio ha speso all'inizio nei nostri confronti
Io in particolare mi ritrovo in quello che è l'oggetto poi di questo di questo incontro di oggi sia nel merito ma anche nel metodo
Nel merito perché i temi e che vede che sono oggetto di tentativi di riforma di le tre proposte di legge che Antigone tutto il vostro il gruppo ampio a ha deciso di intraprendere rappresentano probabilmente proprio quei temi
Che oggi avrebbero o la necessità di essere messi all'oltre all'ordine del giorno nel Parlamento ma nel dibattito pubblico del Paese soprattutto e che invece rimangono ancora oggi i temi che vengono diciamo così che ci viene consentito di parlarne tra di noi ecco non ci è consentito di parlarne a chi ancora non è convinto
Un forse non è neanche informato non ha neanche letta
Condizioni per poter prendere avere una posizione su queste su queste tematiche dall'altro nel nel metodo
Perché mai come in questo momento credo in un momento in cui il Parlamento evidentemente si parlava appunto di tematiche di visive che non di Ivano essere e non devono essere affrontati ma credo mai come in questa fase il Parlamento si trova strutturalmente ma anche per motivi congiunturali
Nella
Incapacità della impossibilità di agire di operare di essere se stesso su alcune questioni e credo che quelle che vengono individuate e che sono state individuate delle tre leggi hanno tutte quante un senso
Ha il senso la tortura proprio per la difficoltà per le ormai evidente come l'incapacità dello Stato italiano di rispettare esso stesso con le sue istituzioni di far rispettare le sue istituzioni ai suoi uomini le leggi e i diritti
Quando un uomo al fine di un uomo una donna e finisce in detenzione comunque sotto il controllo dello Stato che si tratti di un fermo di polizia che si tratti di sci e che si tratti
Delle
Della detenzione ordinaria nelle carceri beh questo è un dato di fatto ed è la spiegazione che Patrizia dato quando fa riferimento in particolare al Ministro della difesa al Ministro degli del Ministero dell'interno come i due
Ostacoli maggiori nell'impedire quell'opera di prevenzione dei rischi
Sulle carceri e credo che l'opera di conoscenza che è stata fatta in questi anni
Da parte di Antigone da parte degli altre associazioni pensa ristretta orizzonti credo soprattutto anche fatemi gli rendere merito non è qui oggi ma porta i suoi saluti Rita Bernardini
Che insieme nelle teste a Marco Pannella credo in questi anni hanno consentito probabilmente di avere speranze
A chi nella comunità penitenziaria quindi non solo come detenuto assente il vive sulla sua pelle
Quella che è la condizione
Più aberrante e che probabilmente il tema centrale sul quale vera di che
Li stiamo cercando di insistere in particolare dagli ultimi anni e cioè di fronte ad una violazione così palese e sistematica delle leggi
Ma dei diritti umani come la Corte europea
Dei diritti dell'uomo costantemente richiama Italia da ultimo con la sentenza pilota che peraltro vede anche Giuseppe Rossodivita altro avvocato radicale impegnato nella difesa da il punto centrale oggi il punto politico
Che io vivo con una urgenza e che
Migliaia di persone insieme a Marco Pannella hanno vissuto con intollerabilità quando hanno aderito agli scioperi della fame agli scioperi la sete e quello per cui lo Stato italiano
Con le parole della Presidente Boldrini quelle il cui del passato il Presidente Napolitano con il Presidente della della il Primo Presidente della Cassazione sono evidenti
Lo Stato
Italiano è in flagranza di reato diciamo noi ma in flagranza di violazione delle proprie leggi
L'ho fatto consapevole lo fa con le istituzioni che sono consapevole con una classe classe dirigente che tollera tutto questo sull'opinione pubblica quali parliamo abbiamo magari una una un inciso
Il punto politico oggi e il punto scoop qui credo vanno affrontare questi tre leggi contenta di risoluzioni
è proprio questo
Uno Stato e delle istituzioni che sono in flagranza criminale
Rispetto ai cittadini italiani e non
E nessuna capacità o voglia di intervento
Il protocollo che ha definito prima il dottor Chiaromonte dovrebbe terminare con ulteriore virtuale che quello di fare provvedimenti che non servono a nulla
Che non portano a sollevare neanche le condizioni delle carceri dalle da un minimo di intollerabili diciamo di di umanità in più
E non ci sono invece offerte alternative
Ha parlato accennato Patrizia un provvedimento di clemenza quando noi insistiamo
Sarò breve perché penso sicuramente qui molti lo hanno già ascoltato con la questione dell'amnistia come ebbi amnistia e indulto come vera riforma strutturale non tanto per le carceri non tanto sotto l'aspetto umanitario
Ma per far rimettere in moto da una parte la giustizia e con essa la democrazia perché vuol dire che i diritti si rimettono a funzionare si tribunali procedono
Beh
Alla a diciamo a un elemento di forza proprio nel considerare non tanto la questione umanitaria ma la questione dello Stato italiano che accetta di essere un fuorilegge in a livello internazionale
è un fuori legge anche rispetto alla propria Costituzione questo è l'elemento sul quale
Credo l'aiuto che ci viene dalle giurisdizioni internazionali sarà importante ci sarà fra poco anche una sentenza sul caso Saba
Qua in Italia ne abbiamo fatto l'amicus curiae grazie avvocato Filomena Gallo per cercare di attenzionare rispetto a questo tema ha usato un termine non non non casualmente questo Rino
Le le giurisdizioni internazionali però credo che oggi la questione sia proprio questa chi alternative rispetto a
Provvedimenti di riforma delle leggi criminogene
Anzi di superamento del tutto e di provvedimenti di clemenza che servano necessariamente a rientrare nella legalità
Perché se io ho un problema la città dire tagliato e e so che il cento per cento degli italiani può avere comprensione rispetto a questo è all'Inter le
Vita che sia lo Stato cioè noi stessi a torturare le persone che sia delle carceri che sia in altri in altri momenti pezzi alternative
Beh deve operare e devi farle sapere quali si quali sono questo credo che il punto centrale e l'altro punto
è che motivo per cui la spinta delle iniziativa popolare della legge di iniziativa popolare è il metodo centrale è quello per cui a me piacerebbe e noi non avremo soluzione
E fino a quando non riusciremo a vere Patrizio Gonnella o chi per lui
Che da Ballarò da Vespa
Dai piazza pulita da questi talkshow o comunque da tutti i prodotti mediatici che hanno una grande capacità di arrivare in ascolti di milioni di persone non potrà spiegare all'opinione pubblica il perché
Ci sono quelle situazioni che magari appaiono ultimamente almeno in televisione a livello di documentari a livello di cose più diritti altrimenti continueremo sempre a essere impediti di parlare all'opinione pubblica ma dover sempre parlare tra noi che siamo convinti
E anche questo accade in una situazione di violazione di legge come radicale abbiamo ottenuto questo pronunciamento dell'Autorità per la garanzie nelle comunicazioni che imponeva
Di discutere del sovraffollamento garage carceraria in orari di massimo ascolto non è stata ottemperata e allora spero che la Commissione di vigilanza se sarà effettivamente assegnata al Movimento cinque Stelle possa portare elementi
Di novità anche rispetto al ruolo del servizio pubblico semplicemente per far
Formare le opinioni pubbliche anziché semplicemente inseguire
Quelle che sono delle campagne studiata a tavolino e allora prima di chiudere
Voglio da una parte
Impegnare come già in parte occasionalmente Milano l'ombra Parma altre zone della Lombardia stanno facendo i radicali italiani sulla campagna delle tre leggi
Ma per cercare di unificare rispetta questa iniziativa referendaria che partirà
Il sette l'otto giugno
Su una serie di referendum è che in partiti in parte si sovrappongono alle questioni poste e con le leggi di le tre le leggi di iniziativa popolare
E beh di cercare di fare a colpi di quell'occasione del sette l'otto giugno una prima occasione di di tavoli di banchetti comunica possa dare anche una spinta rispetta la vostra accolta firme non uscì vedremo il primo sabato primo giugno
Qui a Roma per un'Assemblea referendaria che cerca anche qui nel metodo di andare a a far decidere agli italiani perché è questa la questione
Far decidere italiani se bisogna continuare o no con quelle leggi che hanno criminalizzato alcuni fenomeni sociali i flussi migratori
Il consumo di stupefacenti nell'illusione che attraverso dalla galera si potessero governare
Abbiamo risultati fallimentari di quelle politiche pure bizze miste non abbiamo avuto la possibilità di poter letti discutere e allora in particolare oggi a chi teme di dare ai cittadini
Il
Il ruolo decisionale beh io voglio far segnalare quello che probabilmente avete visto in questi giorni la campagna nuovamente tutta basata seppure in maniera securitaria xenofoba e razzista che è partita su alcune programmazioni particolari
Collegando cose che non c'entro nulla
Dalla dalla mannaia di Londra al piccone dell'Italia piccole di Milano e quant'altro senza ovviamente avere
Invece la centralità su un dato sul dato che l'immigrazione continua approda ad essere un'opportunità annegata in questo Paese
E che
Anche chi parla di sviluppo economico e di crescita se non si mette in testa di legalizzare dissi appunto questi fenomeni anzi declina Rizzardi non andrà da nessuna parte allora io chiudo ringraziando di nuovo
Dando l'appuntamento allora a questo punto e le piazze in comune tra il sale se l'otto il nove giugno
E chi vorrà poi e ci potrà trovare sul sito cambiamo noi punto it e per l'intero pacchetto referendario e il primo giugno qui a Roma l'Assemblea grazie a tutti
Grazie a Mario Staderini darei ora la parola Giulia Sarti che il rappresentante del Movimento cinque Stelle nella Commissione giustizia alla Camera
Io non ho anch'io ringrazio vivamente Antigone per questo invito e
Devo dire che sono molto felice per me è la prima volta è la prima volta che partecipo ad una iniziativa organizzata da voi devo dire anche che
Con il Movimento cinque Stelle noi siamo alla prima esperienza come tutti ben sapete in Parlamento
Ed è ed è una importantissima opportunità partecipare ad incontri come questi perché pensiamo che comunque il ruolo della politica debba essere questo ascoltare
E gli operatori del settore chi da anni si batte per tirare fuori determinati problemi per affrontarli per proporre soluzioni
Che il politico non può avere soprattutto noi che siamo alla prima esperienza la presunzione di sapere tutto di essere esperto e di trovare soluzioni senza prima ascoltavo aree senza prima confrontarsi con chi
Danni come ho detto sì si muove e e si batte per certe batte per certi per ottenere certi risultati e quindi ben vengano questi incontri
E ben vengano alle collaborazioni
Detto questo io o o
Ho letto con un con attenzione insomma delle tre proposte di legge di iniziativa popolare e noi come ben sapete siamo ovviamente favorevoli
A tutti quegli strumenti di di democrazia diretto a ne abbiamo
In realtà solo due di di strumenti veramente che dovrebbero essere ancora più incisivi nel nostro Paese all'interno dell'ordinamento però le leggi iniziativa popolare e i referendum abrogativi
Siamo sempre stati favorevoli insomma ad iniziative di questo tipo ne abbiamo promosso insomma siamo nati anche noi poi da ad Adda presto con con i poteri e con
Le nostre le nostre battaglie per farci sentire all'interno delle istituzioni ora che ne facciamo parte
Come minimo è ovvio quindi il favore per discutere in Parlamento per magari iniziare anche con proposte di legge per vedere un giorno l'obbligatorietà delle discussioni in Parlamento
Delle leggi di iniziativa popolare del proposta di legge d'iniziativa popolare
E anche magari un bel giorno per allargare lo spettro dell'articolo stampa cinque della nostra Costituzione quindi per accogliere e vedere proposte referendarie che non siano soltanto
Di tipo abrogativo ma che possano svolgere anche per referendum propositivi e consultivi per consultare quindi maggiormente i cittadini
Detto questo veniamo subito a ai termini affrontati
Diciamo che io in questi anni mi sono sempre occupata di criminalità organizzata di
Di martedì anticorruzione
E i temi del sovraffollamento carcerario dei diritti dei detenuti
In realtà non non so non mi sono mai calate non ho vergogna nel dirlo nel merito delle questioni ancora non ho mai visitato in carcere
E non mi vergogno di ammetterlo perché all'università comunque giurisprudenza io ho avuto la possibilità di
Di studiare diritto penitenziario con il professor Marini
E è stata com'è stato sempre un con tema quel dei diritti umani che
Mi ha interessato e ora che sono in Commissione giustizia all'interno del Parlamento
E ho la possibilità finalmente di incidere e perché penso che margine di operatività e di incisione da parte nostra ci sia
E non è vero che non possiamo nasconderci dietro al fatto che questo
Al Governo di larghe intese e ci privi della possibilità di discutere di affrontare certe tematiche e di dire anche e di dare poi di poter dare il nostro contributo non è vero che non abbiamo quindi
Possibilità di di di azione
E sono felice perché appunto ho o questa enorme possibilità
Che non deve essere vanificata è sprecata sul sovraffollamento carceri le proposte divergenza tra popolare avanzate
S'davvero trovano penso non solo il favore del Movimento cinque Stelle ma perlomeno io penso che tutte anche quella sulle sul testamento sulle droghe e
E su perdonati sull'introduzione del reato di tortura sono tutte tematiche che noi dobbiamo discutere insieme e all'interno della
Sia dalla Commissione giustizia sia delle aule sicuramente si troverà
Lo spazio per farlo quello che il lavoro vero da fare ore cercare di
Porre questi temi al centro
Dell'attenzione io sono stata proprio il giorno in cui c'era l'elezione iniziale insomma delle stanno della
Del Presidente La Repubblica ad un'Assemblea ad una conferenza stampa organizzata da Luigi Manconi in quell'anno presenti
Ilaria Cucchi la madre di Federico Aldrovandi Patrizia Moretti e la sorella di di uno farmacia UPA
E insieme ad altre tant'a tante altre
Persone a tante altre parenti di vittime
Di abusi da parte delle delle forze di polizia e proprio con la conferenza stampa ci siamo presi l'impegno con il senatore Manconi con ecco in altri parlamentari di avviare certamente un confronto ma anche di muoverci in questo perché
E soprattutto che non sono solamente carcerario non è non è un problema che si può rimandare siamo siamo in emergenza lo siamo da tanti anni in realtà e quello che però noi diciamo e
Non si può mai non possiamo pensare che la soluzione di del sovraffollamento ossia possa essere
Si possa trovare insomma con
Interventi emergenziali come amnistia di indulti diciamo che certo come commessi si diceva prima cominciamo rimango nella
Gli interventi non essere ragionati e quindi a nulla servono non si può pensare che soltanto attraverso amnistie e indulti il problema possa essere risolto o ci si mette in testa di organizzare insomma delle riforme
Strutturali rivedendo
Sì Fini Fini-Giovanardi tutto l'impianto appunto dell'istituto alla custodia cautelare e e quant'altro e di assolvere soprattutto anche agli obblighi internazionali
Oppure insomma non
Non serve a niente nel due mila sei abbiamo visto cosa è successo
E oggi siamo di nuovo allo stesso punto mi riferisco proprio a a quella a quel provvedimento di indulto che insomma è stato
Da noi ampiamente contestato il penso anche da tutti gli operatori del settore
Non vorrei insomma adesso toglie il tempo anche anche agli altri interventi io ho dico dico questo sempre pensato che come detto che da tanti altri la dignità umana venga
Venga molto prima della della pena
Che in uno Stato come il nostro è stato ricordato anche prima se vogliamo chiamarsi somma Paese civile non possiamo pensare
Di emarginare di continuare a relegare le fasce più deboli della nostra società come
Un non problema i detenuti
Spesso vengono classificati dall'opinione pubblica come
Un falso problema perché in un momento di crisi economica perché in un momento in cui le persone non riescono ad arrivare alla fine del mese
E questi problemi ma purtroppo non vengono avvertiti abbastanza dall'opinione pubblica si dice ma come pensate di
Di operare cioè voi vi pone permette adesso il problema dei detenuti prima di pensare i cittadini che invece reati non ne commettono che stanno in libertà
E che soffrono molto più di voi di questa molto più dei detenuti di questa di situazione ebbene noi diciamo e come Movimento cinque Stelle sicuramente
Sì i problemi devono essere tutti affrontati
Perché c'è la possibilità di farlo e questa legislatura et ritorno sul fatto delle delle di provvedimenti che meglio insomma che non siano di visivi
E perdonatemi col cavolo se si trovano temi in cui le posizioni sono divergenti
Ben venga il confronto perché io sono contenta di confrontarmi con un Daniele Farina che insomma adesso cito lui perché perché qui davanti a me su ad esempio legalizzazione
Delle riduzione droghe oppure comunque su tematiche in quei magari possiamo avere dei detergenti penso anche al tema del quarantuno bis che oggi non è stato affrontato ma riguarda sempre
Il il trattamento di detenuti
Penso a tanti a tanti aspetti che ci dividono magari dalle altre forze politiche ma che
E ma su cui è bene subito far partire un confronto e un dibattito perché solo così arriveremo provvedimenti veramente
Incisivi e quindi noi sicuramente ci faremo promotori all'interno della della Commissione giustizia interna del Parlamento e davanti all'opinione pubblica
Per sollevare i temi più caldi temi più divisi ivi perché è da lì che
Bisogna bisogna partirà non si può nascondere la testa sotto sotto la sabbia
Non adesso non non ce lo possiamo permettere
Sulla uso il reato di tortura troppe cose si sarebbero da dire io ho la fortuna di avere la la la mia collaboratrice che
Sta partecipando insomma ad un master alla Alassio noi e quindi sta frequentano questo master ed è allieva quindi di di Antonio Marchesi
E disavanzo ma abbiamo avviato
Un un bel un bel confronto e ci sarà modo insomma di
Di di parlarne perché come al solito il problema non sta anche quando si parla di tortura di
Trovare la ricetta migliore la proposta di legge migliore il pre il problema sta proprio nella nella mancata applicazione di di di quella di quella convenzione che è stata ratificata già nell'ottantaquattro
E di capire perché non c'è questo favore da parte del Parlamento anche su un punto provvedimenti come questo che
Non costano nulla e c'è solo probabilmente una difficoltà grossissima difficoltà
Di ammettere
Lei
Da parte dello Stato che e da parte anche delle delle forse anche da parte delle forze di polizia che
In Italia
La tortura purtroppo esiste e quando appunto me capita di parlare con persone come e l'aria Cucchi o Patrizia Moretti o Lucia Uva
Le mani nei capelli le mani nei capelli perché certe cose non
Non dovrebbero esistere e poi come ho detto ancora non sono non ho visto di personale la situazione nelle carceri cosa che come come Movimento cinque Stelle avvieremo
E perché anche lì la conoscenza nel merito deve esserci di quella che la stazione quindi prima di
Ragionare su su risoluzione sui provvedimenti si ascoltano gli operatori di settore e si va a verificare sul campo
Quella che la situazione molti di noi sono già andati in visita nel carcere nel proprio territorio io lo farò sicuramente perché penso che debba esserci anche un un passaggio poi di testimone
Tra chi in passato si è sempre occupato di questi temi e chi e non è più rappresentato in Parlamento penso a Rita Bernardini con cui ho avuto il piacere di confrontarmi in campagna elettorale e anche di di di partecipare insomma diverse iniziative
E penso anche a Russo Spena insomma che
Con cui che che si è sempre battuto su su queste tematiche e quindi penso che da parte nostra
Si sia un un e norme prego
Predisposizione chiamiamola così a ragionare e a continuare l'operato
Di chi non è più rappresentato in Parlamento ovviamente con i nostri temi con i no con le nostre battaglie con
I nostri pensieri che possono essere divergenti su tante cose ma sicuramente avvalendoci sempre del contributo di chi
Su questa su questi problemi sia si è sempre battuto quindi grazie davvero per l'invito e
Cerchiamo di di avviare insieme un percorso che possa portare dei risultati il prima possibile il prima possibile ultima cosa che che voglio dire cercheremo come
Come Movimento cinque Stelle sicuramente di
Far proprie perché far proprie di di far partire insomma fare in modo che questi tre leggi iniziativa popolare che si arrivi a non si arrivi alla raccolta delle cinquanta mila firme
Di fare avviare già in questi mesi un dibattito perché può essere una buonissima base di partenza e quindi questo ci deve essere a prescindere da quello che che sarà poi il risultato della campagna
Grazie davvero
Allora iniziamo
Il confronto con l'amministrazione penitenziaria dando la parola al vice capo del dipartimento dottor Luigi Pagano il
Io volevo diciamo su una cosa anche perché
Il nostro amico Vincenzo Scalia bloccato diciamo al traffico approfitto per intrattenere
E fare solo una notazione riguardo alla questione dei provvedimenti di clemenza come giustamente ha detto Patrizio nella sua introduzione
Il i provvedimenti di clemenza possono avere una grande rilevanza per le cose che diceva prima
Mario Staderini c'è la possibilità di liberare gli uffici giudiziari dal carico diciamo pregresso
E possono avere grande rilevanza per coloro che vi sono dentro perché io
Devo
Devo ricordare e di farle io ho avuto la fortuna di essere a Rebibbia quando in applicazione
Nei giorni in cui si applica a valutarne indulto c'era una manifestazione
Teatrale e via via che si svolgeva la manifestazione teatrale i detenuti venivano chiamati per la liberazione e vi assicuro che
Quei ventisette mila che sono usciti per l'indulto
è stato una liberazione quindi non parliamo male di quando delle persone che a questo la libertà con i risultati e diciamo
è del tutto ragguardevoli come quelli che sappiamo perché il provvedimento di indulto ha causato un tasso di recidiva di gran lunga inferiore a quella che è la ricettivo ordinaria dall'uscita dal carcere quindi
è importante per questo e poi appunto come diceva Patrizio si tratta però quando si parla di proventi clemenza si tratta di provvedimenti che vanno inserite dentro una strategia più ampia
Giustamente Patrizio diceva servono riforme che in qualche modo
Diciamo così mettano il sistema in condizioni di non produrre sovrappopolazione
E poi per l'immediatezza per quei trenta mila detenuti che abbiamo in più può servire un provvedimento di clemenza che immediatamente riduca la popolazione detenuta quindi
E questo è il doppio binario su cui bisogna lavorare
Luigi Pagano
Sì ma anch'io non sarei troppo come dire crudele nei confronti di quella
Dell'indulto
Dichiaro che giuridicamente da un punto di vista voglio dire strategico probabilmente non non serviva anzi
Avrebbe avuto un'onda di ritorno che poi abbiamo visto che cosa è diventato ma sta di fatto e comode ventimila persone uscirono
è vero che la situazione di assoluto degrado più o meno come come oggi
E permise altri quaranta mila persone a quelle che rimasero di poter vivere almeno per
Per due anni no per un paio d'anni in condizioni sicuramente
Migliori
E il rischio che che vedo se mi consentite da da persona pratica
E che
Io non l'ha ridotto questa presa di coscienza che voi che voi dite onestamente non non la vedo io tra l'altro premetto che sono uno che che ha firmato sul sono dei primi a firmare i tre referendum
Le sulle leggi di far tante leggi di iniziativa popolare ma no perché leggi di iniziativa un afflusso dei primi sicuramente a firma
Però vedo inizi nel dibattito proprio
Come dire un
Arrovellarsi intorno alla dibattito stesso
E temo che ne sono poi pensi alloggi cioè le stesse le marinai voi siete un po'più invecchiati di
Di me ma così in altri luoghi siamo sempre gli stessi qualcuno l'ha detto
Prima e tra l'altro siamo anche più invecchiati rispetto
Rispetto a prima
è al di là poi delle de dei dei dal della conta delle delle persone magari di di alcune altre leggi che sono poi subentrata ed altro il rischio sempre che cinquant'anni hanno sempre su una tesi di questo
Domani sicuramente
Migliore anzi no in questo presumendo lo vediamo nemmeno probabilmente la prospettiva
Di un domani migliore e ci dimentichiamo poi alla fine del dell'oggi di quello che
Si può fare oggi ammesso e non concesso che si possa fare qualcosa ma io credo che qualche cosa si si si possa sicuramente sicuramente fa
Chiaro ripeto che debba essere eliminata
La legge Cirielli ma quello è l'evidenza tra l'altro si potrebbe fare anche oggi
In e liberalizzando un po'tutte le
Le misure
Alternative è chiaro che la legge sulle tossicodipendenze e sicuramente criminogena tra l'altro in un corto circuito folle non soltanto
Si ammette che sia
Criminogena non soltanto porta in carcere oggi come oggi come oggi contiamo del cinque per cento di
Di persone tossicodipendenti che sono in carcere ma poi la follia comporta che una legge che prevede in ogni stato e grado del giudizio e addirittura per pene sino a sei anni ossidati poteva uscire dal carcere non viene attuata perché poi mancano i fondi per poter attuare info cosiddetti percorsi
Trattamentale come se la vedono i venti mila detenuti con pene sino a tre anni
O addirittura e i quindici mila detenuti per quindici mila che hanno pene sino a diciotto mesi che poi corrisponde a quel dato della cosiddetta detenzione
Domiciliare speciale che tra l'altro di quelle che non soffre più di tanto della casse della ex Cirielli
Il il timore sta si diceva prima che il problema dalle repressione penale che il carcere sia l'estrema ratio Dumbo leggo dappertutto lo leggo
Nelle premesse del Codice di procedura penale non leggo nell'ordinamento penitenziario ma che il siano arrivati al massimo dell'espressione delle delle pene che si arrivasse addirittura mica pena lo si vede
Addirittura nei fatti il timore è che non sia nemmeno per un problema di di tortura anche se poi nei fatti chiaro che che succede non sia nemmeno un problema di
Di repressione penale io temo che poi il rischio della tortura della cosiddetta della repressione
La soluzione di sovraffollamento
Sia
Esercitata come
Come indifferente
Cioè voglio dire se c'è una tortura se c'è l'irrogazione della pena per un qualche motivo alla fine si fa male però in qualche maniera tenuto giustifichi anche da un punto di vista
Ideologico politico funzionale come si può dire della della pena problema è che quando questo avviene in una situazione poi di virgolette sciatteria
C'è di indifferenza succede però vada
Perché se poi fosse il problema reale questo dicevo che
Questa benedetta presa di coscienza oggi non mi sembra che ci sia se è un problema denunciato da tutti se i fatti di conoscono tutti parliamo di imputate parliamo
Di detenuti condannati
Se la situazione è quella che del carcere credo che per la fine si debba
Conoscere poco perché tra l'altro ma non soltanto noi ma già nel passato le carceri e non siano state aperte
Crede che si conosca tutto e che tutto si sia stato analizzato probabilmente resta ancora tutto da fare il che è un problema
Allora tutto questo ho premesso che mi sembra ovvio che bisogna lavorare per hanno
Che per sistemare
Una situazione di di questo genere li minando le leggi aumenti tutto ciò che vogliamo però tra quello che sarà il domani ed è comunque un domani abbastanza
Da da da visione pessimistica e quello che c'è oggi
Io credo che dobbiamo anche lavorare oggi c'è dobbiamo lavorare oggi per questi sessantasei mila detenuta senza voler razionalizzare il sistema senza voler giustifica questo sistema e sto parlando
Da da operatore penitenziario
Più o meno a i massimi livelli io credo che ci sia un oggi da da necessariamente da
Da percorrere mi rifaccio tanto per esempio questi famosi quindici mila detenuti e venti mila detenuti che sono in quell'anno di tono di di appena poi magari hanno
Qualche altro problema che entrerebbero nella possibilità di previsione delle misure alternative sino a tre anni o addirittura i tossicodipendenti
Sino sino a sei anni
Noi dell'amministrazione penitenziaria cotta tutta la responsabilità e con tutte le colpe che abbiamo del passando che tuttora sicuramente
Abbiamo abbiamo cercato di non soltanto a lavorare per per l'oggi ma cercare di risistemare un po'quella che poteva essere con grossissime difficoltà che tuttora permangono
De risistemare un parlar geografia penitenziaria credo di averla annunciata l'anno scorso le linee direttive del che il capo dipartimento a Breno realizzato
E che cerca di creare questi circuiti regionali per ridistribuire un po'i detenuti era un'occasione per applicare il il Regolamento di
L'esecuzione articolo centoquindici avrà anche un moto per poter tornare o ritornare a parlare di trattamento
A cercare di creare quelle condizioni perché poi la società esterna ritornassi in carcere e assumesse
Il ruolo doveroso che poi la legge prevede si parlava prima ho letto prima alcune
Alcune
Situazioni critiche del carcere di di Rebibbia non per voler denegare le nostre responsabilità dico soltanto che
è la sanità pubblica oramai in carcere e sono uno di quelli che voleva che la sanità pubblica entrasse in carcere per cambiare le situazioni
Al di là della prossimità di curare queste persone credo che a meno
Ad occhio e croce vedendo queste situazioni probabilmente non sarebbero curabile meno allestendo torniamo al discorso per esempio la compatibilità
Della
Una presa di coscienza di quale possono essere quelle situazioni che non possono più far permanere una persona in carcere sia una situazione talmente critica da un punto di vista di salute che non può essere curata e ce ne sono moltissime
Il dato che ultimamente ha comportato con una funzione con ristretto orizzonte che qui voglio dire cioè non
Non non ho alcuna difficoltà ad ammettere che sia una delle migliori intenzioni mai fatte
Era su un dato che ho preso male io perché ne abbiamo una diminuzione di sono usciti ma abbiamo un aumento di morti cosiddette naturale
E questo è un problema
Nessuno l'ha detto morte naturale non per
Responsabilità di alcuno ma perché probabilmente ormai in carcere si concentrano
Non ha non da oggi questo che da ieri anzi dall'altro ieri tutte quelle situazioni che in qualche maniera anzi si parlava prima della detenzione sociale che in qualche maniera all'esterno
Otterrà un motivo per un altro non si possono
In alcun modo in alcun modo governare e queste persone cardiopatici
Malattie psichiatriche sicuramente persone addirittura persone alla all'ultimo stadio in condizioni malattie veramente critiche dove il carcere non soltanto non può far
Non può far nulla ma aumenta addirittura dallo Stato lo Stato patologico
Ritorno al discorso che cercano di di di essere quanto più sintetico e possibilmente hanno proposto che i ripeto
Era un modo per poter continuare o ritornare a parlare di trattamento penitenziario atti possibilità di misure alternative il trattamento all'interno delle persone cercando di creare situazioni
Un po'possibile a quella che viene definito e vi è quello che viene definito come
Uno dei modelli di carcere io sono in carcere che non mi scarcera e quindi non credo che nel menù frutto purtroppo in quel caso deve sistema se c'è un carcere che si adegua quello che l'ordinamento penitenziario del settantacinque benissimo quelle il carcere di Bollate che vede il mille duecento persone in uno stato di custodia attenuata quindi occorre un governo persona di polizia pensare assolutamente
Ridotto in relazione a quello che dovrebbero essere i cosiddetti livelli in carcere che non viene soltanto governato dall'Amministrazione vedi penitenziari ma è diventato quell'o che
Perché la cabina di regia prevede non soltanto l'intervento ripeto l'amministrazione penitenziaria o di quelli che sono gli organizzatori canonici ma di tutta la società e degli enti locali
Perché il problema di quello che manca oggi come oggi
In attesa che il carcere venga convinti come dire che credo non possa non serva più o in attesa che le iniziative di legge possano diventare legge quindi l'attesa di questo domani sarà domani tra abbiamo ancora ventiquattro ed
Da da da governare questa situazione qui credo che la signora debba fare un passo
In avanti rispetto a quella che la situazione carceri
E non lo soltanto declamare di quello che potrebbe essere fatto di quello che dovrebbe essere fatto di quanta ne de quante persone mancano o di quello che in definitiva come leggi
Sarebbe necessario cambiare oggi può essere fatto qualcosa perché se è un carcere come Bollate è stato fatto in sé un carcere come tra breve lo apriremo la Carinola può essere fatto di ottocento detenuti in piena
La zona casalese ed è un valore anche simbolico a custodia attenuata
Probabilmente è un modello ripeto replicando
Bile e sicuramente vincente perché poi quel cane quello e quell'istituto
Che riesce in
In Governo con la magistratura di sorveglianza a dare il massimo delle potenzialità di alternativa alla alla detenzione oppure di pareri versa la detenzione domiciliare è sicuramente una pena diverso la stessa
Ordinanza del procuratore di Milano sul caso angusti il la l'ha detto in una maniera molto chiara perfetto per moltissime situazioni potrebbe essere una pena diverso
Che non servirebbe soltanto per deflazionare
Il carcere
Ma probabilmente potrebbe servire anche a quella a quella persona quindi l'intervento degli enti locali intervento alla Regione intervento delle ASL a sono necessari sono indispensabili perché altrimenti
Da questa situazione qui non ne usciremo e non riusciremmo nemmeno quando queste leggi verrebbero approvate quando il famoso in più trombette mette a sistema
Ancora una cosa se mi consentite
Il il
Tremonti è andato via va bene
Ecco la grossa difficoltà di questa Amministrazione di mettere in asse quello che ritiene che siano le linee direttive che non valga soltanto per oggi varranno anche domani perché solo i miei diritti e le prese dalla legge abbiamo copiato come fece
Un anno credo con con
Il il Don Chisciotte abbiamo preso l'ordinamento penitenziario messo come linee direttive ecco
Presuppone da da parte anche delle stesse organizzazioni sindacali mi dispiace parlarne così perché non c'è
Non abbiamo visto addirittura una situazione di ostracismo dalle stesse organizzazioni sindacali che non sono quelle soltanto che tradizionalmente si dice siano i cattivi
Del del del trattamento o di qualche altra cosa ma anche delle stesse organizzazioni sindacali che sono quelle
Di di di Colle chiamiamoli confederati ma insomma di quelle che dovrebbero avere nel DNA il Lalla la necessità di poter intervenire nei confronti poi dove c'è un'esasperazione non dei diritti
Tanto è vero che nelle linee detti abbiamo premesso che
In merito alla centralità della persona riguarda soltanto non soltanto i detenuti non necessariamente anche il personale
E dove se mi consentite alla polemica e chiudo
Perché ingiusto perché in questi giorni ho letto di molto la polemica con con l'informazione la proprietà proprio su questa noi dalla mi sezione del SIAN stiamo cercando di metterci la faccia chiediamo a tutti di
Dei intervenire ma chiediamo anche di controllarci e di stimolare c'è vincenti Varzi rispetto a questo percorso in un anno abbiamo visto assolutamente niente premetto ecco
Stiamo dando autorizzazioni ad Antigone come tutti i giornalisti rivede vogliamo essere sollecitato vogliamo che la stampa sia
La il cane da guardia di quello che stiamo facendo vogliamo che l'azione esterna cede CCG metta nelle condizioni dover rendere conto di ciò che stiamo facendo però e questo lo voglio dire all'informazione ed è questa la l'allarme la la vera storia dalla polemica magari un ristretto orizzonte non puoi mettere sullo stesso piano ciò che sta facendo l'Amministrazione tendenzialmente con la verifica mettendoci la faccia con l'ennesimo comunicato di una qualche organizzazione sindacale che dice questo è un bluff
E devono da un anno siamo asserragliati asserragliati nella nella Palazzo il cosiddetto palazzo di vetro del del Dipartimento per l'organizzazione sindacale che ci dicono questo non si possa a prescindere
Chiudo
Quindi diciamo così il confronto si fa fuori dei denti ed è interessante che si faccia in questo modo
E io credo anche che il l'amministrazione penitenziaria rivendichi pubblicamente quello che fa contestando pubblicamente quello che altri
Fanno non fanno questo credo che aiuta complessivamente la trasparenza del sistema e anche la sua funzionalità consente a tutti di conoscere di più quindi
Di questo credo gli vada datata l'amministrazione penitenziaria darei ora la parola Daniele Farina che il Capogruppo di Sinistra ecologia Libertà in Commissione giustizia della Camera
Io ringrazio vi ringrazio per l'invito non è la prima volta
Che ci vediamo insomma in questa sede come altre
è facile fare il capogruppo alla Camera persiste ecologia e Libertà perché siamo in due e quindi insomma ce ne stiamo
Poi
Diciamo adesso entra un po'nel merito permettetemi una battuta io sono quando vengo in queste sedi
Dove vedo magistrato ex magistrati avvocati
Ufficio dell'esecuzione penale esterna l'amministrazione penitenziaria e saluto il mio direttore pagano
Mi sento a casa a casa sostanzialmente in quanto io sono uno degli ultimi onorevoli wanted sopravvissuti alla legislatura breve quella del due mila sei due mila otto perché faccio riferimento a una battuta ovviamente
A quella legislatura perché
Il tempo parlamentare un tempo immobile cioè qualcuno di voi lamenta che ogni tanto ci vediamo in questa è un'altra sede troppo poche devo dire
E ci ripetiamo un po'le cose che da tanti anni ci ripetiamo analizziamo gli stessi processi ci troviamo di fronte agli stessi problemi che nel frattempo magari anzi senza magari si sono aggravati manca il tempo parlamentare la stessa roba
E abbiamo diciamo facciamo riferimento degli interventi un po'tutti alle tre leggi iniziativa popolare la prima è quella per l'introduzione del reato di tortura
Nel nostro Paese quello è un produttore vedi mento depositato in Parlamento già nel due mila sei è sostanzialmente uguale perché poi le mani che scrivono sono le stesse lo stanziamento è
E oggi l'abbiamo ripresentato anche come gruppo di stelle è leggermente diverso da quello che la legge che sia popolare perché c'è un pezzettino di articolato in più che riguardo un fondo diciamo relativo alle vittime ma se stesso sui abbiamo diciamo un'infinita serie di provvedimenti e di legislatura in legislatura
Diciamo così ripropongono bene potrei citare tantissimi altri magari non fanno parte del l'oggetto di questo dibattito potremo parlare di intercettazioni
Che ne saprà parlare di tante di tante vicende allora abbiamo bisogno di recuperare
Quel rapporto violato che esiste per la politica ma esiste anche per le associazioni cioè
Esiste oggi evidente un
Una crisi di fiducia riguarda l'efficacia della attività politica fatta dalla politica a qualsiasi livello produco con qualche risultato nella vita delle persone
Nella vita dei cittadini ed esiste anche però per diciamo corti associativi che si pongano come obiettivo anche tramite una provvedimento legislativo seppur di carattere popolare dal basso
Di operare sul piano del cambiamento che io credo che noi questa legislatura non so se ci riusciremo quel la due mila sei due mila otto era legislatura a breve questa non so se verrà ricordata come la brevissima o la media
Certamente mi sembra difficile verrà ricordato come la lunga sostanzialmente
Però in questo tempo forse
è un Parlamento fresco larga parte rinnovato si può tentare di
A fare avanzare alcune questioni che fino ad oggi sono sfuggite
Gruppo ci è stato logge libertà la prima cosa che ha fatto ha preso i parlamentari a spediti nelle carceri di la Repubblica perché
Perché grande parte di questi quarantadue quarantatré sono nuovi
Non hanno un'esperienza per fortuna loro di carattere carcerario o non hanno avuto ruoli istituzionali che gli hanno consentito entra nelle carceri o non hanno lavorato in associazione laddove fortunatamente mo'molte molti istituti di pena ma non in tutti e cioè lo conoscete meglio di me e allora li ha mandati subito a visitare uno due almeno due carceri perché
Ci facilita lavoro perché quando si
Quando si arriva all'esame di alcuni provvedimenti poi vi dirò anche quali sono cantierizzati diciamo
Molto più fa
Cile cioè per perché in conto la convinzione ideologica la cultura politica però
La visione sul campo insomma ha una sua una sua valenza infatti io credo che adesso
Da cui abbia fatta questa lavora nei primi quindici giorni dopo la pressione del Parlamento da lì in poi abbiamo cominciato diceva lavorare molto bene sul piano almeno di quanto si riesce a fare su disco sulla giustizia
Parlavo dell'istruzione reato di tortura è la prima legge di iniziativa popolare
L'abbiamo presentato formalmente depositata altri due
Progetti che sono parte del
Complesso disegno più generale di diciamo di svuotamento uso questo termine Poci Torre spiego perché
Dell'universo penitenziario che prendeva in un'altra proposta di legge d'iniziativa popolare in particolar modo e la abrogazione
Diciamo del reato di clandestinità e la l'abrogazione di due pezzi della cosiddetta ex Cirielli cioè sulla recidiva
Due corni del problema mentre il tema del reato di clandestinità è un tema diciamo di carattere
Più culturale e di battaglia politica
Di impostazione di prospettiva e strategie perché al punto di vista effettivo non ha un impatto reale
Su quella che oggi la composizione delle carceri ma un valore simbolico di
A alludere a un cambio complessivo di paradigma intorno ai fenomeni migratori legislazioni che si sono susseguite lei ha ricordato
La
Turco-Napolitano e successivamente le leggi che hanno peggiorato largamente questo orizzonte fine ci eccetera
Fino al all'attuale formulazione
Mentre si ed è lì ha un impatto vero cioè la possibilità di intervenire su alcuni aspetti soprattutto relativa Ricci di vetro dotte
Da quella normativa
A avrebbe effettivamente come sapete meglio di me un impatto vero fisico di carne e sangue suo sulle l'orizzonte carcerario di costi ultima cosa vada a finire
Lo zoccolo duro però che la questione il Tor solo duro e ovviamente la legislazione quella contenuta nel testo unico le sostanze stupefacenti questo va da sé il quaranta per cento dei detenuti alla data del trenta luglio due mila e undici a a che vedere con quel testo unico se non aggrediamo quel testo unico nella versione oltretutto pessima ed è un estremismo del due mila sei
Io credo che facciamo molta accademia ma poca concretezza pertanto
Sulla diciamo spinta sempre la giudiziaria popolare
Stiamo
E pronto un testo di legge l'abbiamo lasciato per ultimo perché pensiamo che vista l'altezza della Cima che c'è da scalare su questo
Non può essere pertinenza di un solo gruppo parlamentare cioè
In tutti i progetti di legge C. cerca il consenso il maggior numero di parlamentari però questo in particolare va trattato con una grande delicatezza vista anche insomma l'anomalia della maggioranza che c'è in Parlamento
E cercheremo nei prossimi giorni su questo di verificare se esistono delle condizioni diverse da quelle che hanno negato a provvedimenti analoghi divenire approvato nelle altre legislature più lunghe che fosse dico solo due ultima cosa
Se
Io credo che
Diciamo i due
I due meccanismi azione parlamentare progetti di legge d'iniziativa popolare sono
Diciamo viaggiano parallele convergono
E difatti i progetti io abbia presentato su una bastano il tuo simili perché devono poi sovrapporsi facilmente diciamo senza asperità
Se però ci si dovesse accorgere un certo punto che come dire c'è una difficoltà di raccolta delle firme
Perché non è semplicissimo raccogliere cinquanta mila firme io credo che le forze politiche dovrebbero lanciare un'idea nel rispetto del lavoro delle associazioni che hanno diciamo proposta ove dovrebbe lanciare una cose tipo diamo una mano
Mobilitiamo pezzi e questo forse può valere anche per i referendum di Staderini so mi dicevi che avevate dato un incontro tra l'altro inizi settimana prossima
Forse politica dovrebbero ci si può lavorare su un certo punto ci si accorge che c'è questo al di là di quello che si sta già facendo perché molti stanno hanno firmato stanno raccogliendo firme ma in forma di diciamo forma appunto associativa disomogenee di partecipazione
Se fosse però necessario insomma fu si può lanciare anche una cosa per cui
Quelle piccole macchine politiche che sono rimaste desuete e in cattivi te agli occhi l'opinione pubblica i partiti
Possono in qualche modo si può dare una mano e dovrebbero e dovrebbero farlo ci vuole un meccanismo sono che pericoli dico solo ultima roba
Perché stia io credo noi parliamo di proposte di legge parliamo di di Settima popolare parlamentare su temi concreti
Perché tutto il quello che è stato detto sull'amnistia l'indulto sui provvedimenti Graziani è vero io ho avuto la fortuna e anche l'onore di votare l'indulto del due mila sei
Ventisette cause di esclusione il più restrittivo della storia e la Repubblica
Coloro che hanno votato sono stati massacrati sostanzialmente all'opinione
Massacrati quindi non credo che ci sia oggi la possibilità in tempi stretti se non a fronte di grandi riforme non intravedo di addivenire a un nuovo provvedimento premettere che ci vorrebbe e ci vorrebbe come
Sapendo come già dicevamo allora che non è risolutivo del problema è un provvedimento tampone che ci aiuta in una fase diciamo il difficile transizione partiamo le cose concrete perché l'idea che vanno smontati
I meccanismi fondamentali i dispositivi legislativi sociali che producono sovraffollamento carcerario ecco perché
Diciamo le tre leggi il lavoro che sta facendo a una cifra con molto concreta molto terra terra se vogliamo perché è ormai diciamo appunto Istrana Lisi
Credo che ci siamo detti molte cose seppur tutte volte adesso ciò per cui come già in ritardo di molto tempo però
Fede c'è un'urgenza qui non so se sta cambiando la mentalità c'è un'urgenza dico veramente l'ultima cosa me ne vado
Sul il dibattito che si è aperto qua se c'è o non c'è un cambio di mentalità io questo non lo so non ho questa flessibilità così avvertita
Però dico una cosa su uno dei temi l'ultimo il più duro disciolto solo duro dalla vicenda beh le cose stanno cambiando e come a livello globale
E quindi certi che siamo alla vigilia di una
Diverso modo di intendere anche dal punto di vista di parte dell'opinione pubblica
Del tema generale della geopolitica delle droghe delle normative che la sovrintendono
A me pare evidente quanto sta accadendo gli Stati Uniti cento Sudamerica Di Battista Petti Europa io credo che sia foriero non so se l'acqua sei mesi d'acqua sei anni
Ma sia foriero di qualcosa
Do la parola a arrestandole Felicis dell'Osservatorio carceri delle delle cameriere delle Camere penali
Anch'essa diciamo così gloriosa organizzazione del
Chiesta diciamo sì aiutando la raccolta delle firme sulle tre leggi
Sì grazie Stefano grazie Antigone ma ormai credo non so se definirmi a casa ma insomma la battaglia che ci unisce sui diritti su carcere è una battaglia che va ormai avanti da qualche anno
E nella quale siamo effettivamente e concretamente impegnati come Unione camere penali
Allora io oggi non parlerò dell'aspetto tecnico delle leggi che non ha diciamo che tutti noi conosciamo e che insomma abbiamo in qualche modo valutata è scritto a quattro mani
Ma credo che sia più importante fare il punto della situazione cosiddetta politica della alla campagna e e di quello che ci possiamo aspettare da questa iniziativa
Ma
Io ritengo che insomma
Tutti qua abbiamo parlato è stato detto tutto quindi poco cose rimangono dire però
E
In questi convegni in cui siamo sempre tutti estremamente d'accordo tutti molto consapevoli del problema
Interveniamo e e dobbiamo fare delle valutazioni di li possibilità e realistiche rispetto a un tema difficile ostico che con cui ci confrontiamo con la comunità e con la collettività
Ci sono due motori secondo me è per affrontare e il discorso sul carcere c'è un primo modo di affrontare il discorso per ciò che è quello che fino a oggi ha fatto la politica è un primo modo di dire una politica dei piccoli passi
Non tentare con una richiamo a un'immagine emblematica di svuotare il famoso mare con il cucchiaino
Perché vedete
Quando però i numeri abbiamo avuto la possibilità di fare un discorso molto franco e leale col ministro Severino quando non era primo ministro
Venendo dall'Avvocatura avendo una storia con l'Avvocatura abbiamo chiesto al non più un ministro di tornare tra lui e di farci una chiacchierata
E quali sono i momenti di verità politica perché mentre c'è diciamo la il ruolo nonostante la conoscenza trentennale non si parla fuori dei denti quando si parla fuori dai denti
E ci si dice
Quello è il massimo che la politica poteva fare sul carcere in questo momento
Abbiamo provato a forzare non so se è vero o meno ma abbiamo provato a forzare quello che abbiamo ottenuto è il massimo
E il massimo è meno del minimo perché se è il famoso cucchiaino che ha tentato di svuotare il mare non si può rivendicare ancora
La famosa legge di detenzione domiciliare di non hanno portato a un anno e mezzo con un provvedimento
Fantastico in ordine all'incidenza sul sprono affollamento carcerario
Perché i dati poi vanno letti e scorporati
E vanno letti e per esempio quando si dice che a otto mila non so se quella sia al CIPE la cifra esatta diverso uno diecimila uscita per la detenzione domiciliare poneva visto che effettivamente l'incidenza per molte migliaia di quelle persone era per gli ultimi giorni di detenzione soprattutto all'inizio nella prima applicazione
E allora di fatto questo modo di dire e facciamo la detenzione domiciliare ha tempo fino a dicembre due mila tredici
Facciamo delle norme che abbiano una messa alla prova fino a quattro anni ha ricordato già Fabrizio non mi dilungo ma della nostra proposta di leggi inserire popolari pur chiamo il tetto a otto anni lo raddoppiamo ma perché sappiamo che quando si va a fare cosa che anche che noi abbiamo fatto delle Camere penali il parallelo tra l'elenco dei reati che prevede una pena massima di quattro anni
E si vanno a riportare questi con la popolazione attualmente lei dagli all'incidenza e come ricordava Patrizio zero
Perché non ci sono persone detenute per vilipendio di cadavere che forse quello forse più grave di quattro anni dimenava si merita allora c'è quindi
Voglio dire allora
Se si devono fare provvedimenti che devono in qualche modo giustificare un'azione politica di un Governo
Si possono fare ma poi non si possono rivendicare perché associazioni organizzazioni persone come noi che sono informate
Su questo
Possono facilmente smascherare queste perforazioni direi di compromesso equilibrio politico ci diceva la rappresentante del Movimento cinque Stelle
Che e in questo voi diciamo apprezziamo o anche pensiamo sia alla voglia di conoscere e di essere informati noi abbiamo fatto
Recentemente la scorsa settimana un convegno a Milano un convegno temerario direi sia per il luogo dove erano successi i fatti grati
Sia per i temi che era un diritti e e detenzione diritti umani detenzione in cui abbiamo parlato di tortura
Abbiamo parlato di quarantuno bis abbiamo parlato di ergastolo statico cioè abbiamo voluto alzare l'asticella sul temi i diciamo ancora vivo
Rilevanti e più di conflitto verso una cultura
Giustizialista italiana abbiamo incontrato in quell'occasione anche così ricevuta a trovare un rappresentate Cinque Stelle del Movimento cinque Stelle regionale la quale ci diceva non su quarantuno bis abbiamo idee diverse
Informiamoci perché quarantuno bis e anche
Il detenuto eccellente Provenzano che deve essere ogni quattro ore spostato per le piaghe di decubito insomma non so se quello che voi
Sia proprio corrispondente a un Paese civile perché quarantuno Bessel quarantuno bis ma una forma di detenzione non si deve vedere il quarantuno bis come il passaggio per l'alito dal bando Abbado e quattro bis o il passaggio alla libertà
Ci sono
Diversi interventi su questo che potrebbero essere oggetto di riflessione comune quindi apprezziamo sicuramente
L'approccio di riflessione comune
Apprezziamo anche diciamo la freschezza della politica che dice di non essere vincolata equilibri a compromessi ma a temi concreti sui quali riflettere insieme
Però poi dobbiamo essere tutti svincolati dal consenso elettorale tutti quanti tutti perché quando in quel convegno ha rappresentato il momento Cinquestelle mi diceva avvocato né voi
Un fantasma
Appare ansiogena gradini
Connessa alle
Quando mi si diceva che siamo abituati a parlare molto diretta mentre dico guardi non è vent'anni che parliamo direttamente alle persone siamo completamente fuori di qualsiasi come associazione ormai forse solo Savogna e sul campo perché inizialmente
Le Camere Penali veniva avesse un po'come portata portatrici di interessi essendo Associazione avvocati penalisti dei loro clienti poi siamo stati visti politicamente schiacciati verso una forza politica piuttosto che un'altra credo che adesso sia pacificare
Essa trasversalità politica e la nostra battaglia sui temi di principio
Allora dicevo fuori dei compromessi dagli equilibri politici ma fuori svincolati dal consenso elettorale e poi c'è un secondo modo di fare politica sul carcere
Che è quello che tentiamo di fare voi e che è il motivo delle leggi di iniziativa popolare
Il motivo di fare politica in quel modo e di mettere al centro dell'attenzione della gente il problema del carcere con delle proposte di riforma strutturali
Che non sono frutto di un equilibrio e di un compromesso ma sono frutto di una conoscenza di uno studio di una competenza
E di una scrittura di norme che interverrà ebbero in maniera strutturale sui temi che stiamo trattando
è di una coerenza logico giuridica politica ineccepibile che però
E
Non trova spazio nella a volontà della Parlamento
E questo quindi l'altro tema su cui ci dobbiamo interrogare che è direttamente connesso
Alla campagna di iniziativa popolare perché è un ragionamento così coerente e logico giuridico tecnico politico e quant'altro senza incensare incensare assi troppo
Non trova spazio
E perché siamo a circa venti mila firme e ce ne mancano ancora trenta mila e devo dire quelle ventimila
Sono state trovate in ambito vicino a noi quindi le altre trenta mila dobbiamo lavorare e quindi dobbiamo andare le altre piazze
E sempre per ricordare quello che è successa scriveva fra Milano non eravamo a piazza della scala Palazzo Marino in cui facevamo in trecento circa tra
Confronto tra avvocati magistrati amministrazione penitenziaria con i massimi vertici
Associazioni come Antigone
Un confronto diciamo culturale su questi temi a qualche piazza di distanza in un quartiere lo stesso ora lo stesso giorno quella mattina parlammo del Biassono statico c'erano i funerali
Delle vittime delle ghanese colpe colore
E erano qualche migliaia che mentre noi chiedevamo di abolire l'ergastolo lì addirittura si paventava la pena di morte
Insomma
E e bisogna poi confrontarsi è vero che quell'emergenza e tutto quello che si può comprendere sul problema emotivo della gente che si sente e in pericolo che gli viene meno la sicurezza
Ma quello che poi va compreso è come entrare in quelle piazze a spiegare queste iniziative
Come entrare in quelle piazze non sarà facile è una battaglia che noi stiamo facendo un'operazione che stiamo facendo che vogliamo fare con l'aiuto dei radicali con l'aiuto il Movimento cinque stelle con l'aiuto di tutti coloro i quali siano disposti
A confrontarsi su temi concreti
Svincolati da una falsa richieste esigenza di sicurezza che la gente sente
Dicevo non è facile entrare nelle piazze però vedete e chiudo noi una riflessione l'abbiamo fatta vedendo le file dei nostri banchetti l'età media delle file dei nostri banchetti che stranamente molto molto bassa
Questa è una speranza concreta nel futuro perché se vediamo giovani file di giovani che vengono affermare convinti informati sulle iniziative di legge noi abbiamo una speranza per il futuro del nostro Paese
Ma certamente siccome il problema attuale trenta mila firme bisogna trovare tra pochi mesi non molleremo sul presente grazie
Grazie
Ad Alessandro del Federici esse e iter e ora la parola a Emilio Di Somma che il dirigente dell'esecuzione penale esterna e l'Amministrazione evidenziare credo qui delegato anche a portarci
Il il saluto del Capo Dipartimento il Presidente Tamburino
E qui approfitto per fare avendo passato l'una
Per fare un un attimo il punto è la situazione sugli interventi ancora programmati
Interverranno poi lo né polemiche la campana del Partito Democratico o Giuseppe Cascini di Magistratura Democratica e Giorgio Bignami di Forum droghe che apporto salvo che altrove ci chiedono la parola potremmo
Dare poi la parola Mauro Palma per le conclusioni di questa nostra di questa nostra Assemblea
Emilio Di Somma ringrazio sarò veramente rapidissimo perché
Sono state già dette tante cose molte delle quali però il mio punto di vista condivisibili il saluto ad Antigone
Non è un obbligo che è un piacere lo faccio anche no belle Capo del Dipartimento di Giovanni Tamburino l'amministrazione penitenziaria voi mi dite
è sempre presente alle manifestazioni
Tutto ciò che Antigone organizza e lo fa con convinzione sapendo di trovare in Antigone e anche in tante altre associazioni venti con in particolare
Un
Un momento di di stimolo di pungolo di critica ma anche di sostegno e di capacità di essere propositivi di forniti anche soluzioni a problemi così
Così difficili che sto
Tono tanti anni pari
Ma non si cerca di dare una soluzione e ancora mi pare che siamo abbastanza
Parto soltanto da una ma una cosa voglio dire a proposito dell'amnistia
Io dico che intollerabile dal mio punto di vista delle settanta mila persone in carcere sessantasei mila persone in carcere ma diciamo sessantasei mila ma insomma in settanta mila stanno dietro l'angolo
Diciamo a Cuggiono fa con amico
Molto bravo che lavora al Dipartimento stanno crescendo i detenuti definitivi di cinquecento al mese che significa che tra non molto l'intervento di nuovo bisognerebbe capire perché cresca definitivo
E allora io dico
Ci sono anche dei parlamentari
Noi veniamo da una campagna elettorale nel corso della quale
Essenzialmente due o tre poli forze politiche contrapposte se ne sono dette di tutti i colori che hanno detto che non sarebbero mai stati assieme
Dopodiché improvvisamente e forse giustamente
Ma questo lo lascio alla valutazione di ciascuno di voi
Si è deciso che si poteva stare assieme che se io a fare qualcosa insieme perché perché c'è una situazione eccezionale
è se c'è una situazione eccezionale questa situazione questa amnistia che peraltro prevista localmente la Costituzione non ci stiamo inventando iniziamo nessun reato possiamo violando nessuna norma lo stiamo facendo niente di che sia al di fuori delle regole perché non deve essere
Realizzata
Quando
Potrà
Essere realizzata essendo state messe in campo o o perlomeno aver dimostrato che c'è un avvio di volontà di mettere in campo
Una serie di proposte che sono già sul piatto che sono già sulla bilancia che sono già pronta e disponibile alcuni anche già scritta ecco perché
La mia gratitudine ad Antigone ma anche tutte le altre associazioni che che si muovono in questo campo
Perché è sempre un modo di mantenere viva l'attenzione su un problema che è quello del carcere che in questa sala
Trova facile accoglienza ma che come stiamo vedendo anche nella raccolta delle firme evidentemente ho appreso adesso trova difficoltà a sfondare
L'altra metà del Paese in un'altra metà del Paese poco oltre la metà me poco meno della metà insomma più o meno intorno intorno intorno a quella massa
E allora
Io
Dico che avrei firmato ho firmato le le tre proposte di legge Le Havre firmate se anche non le avessi condivise
Perché era un modo per parlare in carcere per parlare del problema e per parlare di di situazioni che sono ormai sotto gli occhi di tutti le condanne del la Corte europea dei diritti dell'uomo parlano parlano per noi non so cos'altro ci dobbiamo dire io veramente non so cos'altro sarebbe utile
Voglio essere
Un attimo ottimista che cosa che solitamente nelle valutazioni la politica del nostro Paese non mi appartiene
Credo che però qualcosa si stia veramente muovendo che sia effettivamente come diceva Patrizio stamattina in apertura dei lavori momento effettivamente favorevole
Perché ci sono queste tre proposte
Perché c'è un'attenzione perché c'è una classe politica che quanto meno sul piano dei principi alcune cose le dice
Perché ciò Presidente La Repubblica particolarmente attento perché alcune piccole cose in concreto sono state già fatte
Perché c'è uno splendido lavoro dal mio punto di vista veramente eccezionale eccellente che è stato fatto dalla Commissione mista presso il Consiglio Superiore la magistratura che effettivamente potrebbe essere preso e tradotto
In in leggi e avviati in quanto per tentare di avviare a soluzione le assenze di uso beni che ci stanno particolare che che che ciclici
Che ci aggrava allora che rendono difficile ed impossibile la gestione reale delle carceri
Guardate io credo che tutti quanti voi l'abbiate dato elettivi nei lavori del
La commissione l'esito che ha prodotto intanto
Cominciamo a parlare di nuovo di interventi sulle norme e non necessariamente soltanto di depenalizzazione
Perché ne forse perché tanti tanta per depenalizzazione i cui esiti concreti poi abbiamo visto in alcuni casi non sarebbero poi una grandissima cosa
L'abbiamo bisogno di dei carceri Zare abbiamo bisogno di
Eliminare meccanismi che impediscono ai magistrati di fare le loro valutazioni decidere in autonomia e non di decidere perché c'è una legge che mi dice che devo fare per forza in questo modo
E di restituire ben quindi restituirli quindi al magistrato la sua capacità di autodeterminarsi decide di decidere di valutare se in un caso
L'altro è un altro ancora è possibile non è possibile giusto è sbagliato introdurremo applicare un beneficio o negarlo con o non vedersi dire lo devi negare in nuce allineare in partenza perché così
Tutto questo mi sembra che si stia muovendo
Nel modo giusto quanto meno sul piano delle delle previsioni delle previsioni teoriche perché noi questo è il nostro difetto il difetto di noi italiani siamo bravissimi siamo bravissimi diciamo principi splendidi
Siamo i migliori al mondo secondo me perché
E la capacità di enunciare i princìpi siamo in di peggiori al mondo la capacità di tradurre in pratica queste belle cose
Che scriviamo sono bellissime nostro costituzionale non si legge nostro ordinamento penitenziario
Al quale siamo tutti particolarmente affezionato sicuramente lo sono io
Però
Una capacità di stringere non c'è ecco la lettura
Dei il
Tre proposte di legge dei lavori la Commissione aggiunta qualche segnale di Ragusa giostra del qualche segnale di qualche legge che pure già è stata varata con tutti i suoi limiti contribuzione difetti come diceva Severino era il massimo che si poteva fare in quel momento
Va bene teniamoci anche quello portiamo a regime casomai la questione di discesa esenzione dei dividendi domiciliare ai diciotto mesi
Però se tutto questo si fa seguendo per esempio la traccia della Commissione e Giostra significa mettere assieme tanti pezzi
Che operando in modo sistematico riescono a rideterminati costituire una situazione di normalità nella gestione
è evidente che i venti mila
Farli sparire in un anno insomma mi sembra veramente una follia lo so certi miracoli possono accadere io mi auguro pure che accada sono napoletano credo in San Gennaro può darsi che San Gennaro al miracolo
Però mi pare molto difficile se non interviene un provvedimento di amnistia ma se c'è qualche altra cosa di più concreto di più condiviso
Di più accettabile e di più ma proprio concreto che sono sono provvedimenti che incidono sul concreto incidono anche sulla distribuzione delle competenze
Tra magistrato di sorveglianza i giudici della cognizione l'amministrazione penitenziaria semplificano anche le procedure
E la la il lavoro della Commissione è stato fatto bene perché è sceso anche nel dettaglio di
Di
Piccoli interventi procedurali e di adozione di provvedimenti da parte di un'autorità piuttosto che un'altra che consentono di
Di rendere molto più fluido il lavoro di di camminare di camminare molto più rapida
Certo la preoccupazione della
Condivisione delle sedi di Silvio di non essere divisi dice no perché
Se noi diciamo che vogliamo gira la Cirielli voglio dei quando arriviamo in Parlamento e portiamo la legge che ti cedo notifica della civiltà cosa dirà quella parte politica che va sostenuta ferocemente e che ne ha fatto un vessillo eh
Però insomma può darsi che in Parlamento si possono
Realizzare anche maggioranze diverse e può darsi che su temi come come questi non sia necessario dover far cadere un Governo
Perché non perché viene abolita la una parte della CIG viene modificata la la Cirielli può darsi che questo questo possa accadere che questo si verifichi
Prendere anche
Giudice giusto non ricordo male una parte fin qui c'è una parte già nella Commissione Giostra cioè nella Commissione di servirebbero questa cosa la diciamo da tempo sono
Due dal due Commissioni che hanno lavorato sotto due Governi diverse sotto due colori politici diversi anelito sostanzialmente le stesse cose delle quelle quelle due lavori non sono mai riusciti
Dal chiuso delle camere di via Arenula non era facile né una parte politica neanche l'altra però per la verità l'ha fatto uscire
è un mistero non si sa può darsi che però il momento si è arrivato e che sia questo sulle misure alternative che sia quello della Commissione e Giostra ma che si sappia che è giunto il momento di puntare veramente sulle misure alternative e questo è sicuramente vero
Ma neanche forse tanto per
Per deflazionare ma proprio per dare un senso a una a una pena perché di pena può e deve trattarsi
Che abbia capacità che il carcere ha dimostrato in una vera carcere è una cosa brutta carcere una cosa
Contro natura è un rimedio forse più civile possibile ma è pur sempre una cosa una cosa in più sgradevole da vedere sgradevole anche sgradevole anche a neanche parlarne
E allora probabilmente ci sono altri strumenti ci sono altri mezzi il successo che hanno avuto i lavori di pubblica utilità sono la prova provata e quelle sono anche la dimostrazione che un'opinione pubblica che non è favorevole alla
Alla le misure alternative però se vede una misura alternativa che ha un suo senso ricche
Nella sua testa è vissuta come un qualcosa di utile no perché nel
Le l'altro cinquanta per cento dice sempre che ne abbiamo sessantasei mila persone in carcere che sono dei nullafacenti
Che sta molto a giornata sud buttati sui letti che vedono la televisione quali diamo anche da mangiare gratis eccetera eccetera eccetera eccetera
E allora quella stessa parte però proprio la stessa parte se vede il le soggetto condannato non al carcere
Con la scritta sulla sulla giacca lavoro di pubblica utilità svolto gratis a favore della comunità e contenta forse questo lo accetta lo accetto molto volentieri
Insomma anche l'utilizzo che se n'è fatto sì diventato quattrocentotrenta volte superiore a quanto era di un anno fa di pochissimo tempo fa queste sono le cose che bisogna fare queste sono le strade che mi sembra che anche questa intelligenza che bisogna dimostrare
E questi sono gli strumenti che possono dire una una possibilità la possibilità di successo un'ultima cosa
Centonovantanove diceva nella sua parte finale che l'Amministrazione dovrà riferire ogni sei mesi o al
In Parlamento su
Quali erano dal suo punto di vista le condizioni economiche di personale di risorse necessarie perché tutta questa alcune belle cose che sono dette al centro nato a Napoli si realizzassero
Ovviamente questa che è una cosa intelligente è rimasta lettera morta sono arrivati in Parlamento pezzi monco uniti di relazioni su cosa serviva
Io scusatemi ho la sensazione che le riforme ci sono riforme che si possono fare senza spendere soldi
Ma le riforme che funzionano richiedono insomma
Richiedono assolutamente sotto se noi ci illudiamo io da poco
Prende neanche poco più il ministro ha assunto la direzione della riduzione della dell'esecuzione penale esterna ma se pensiamo di soldi
I problemi delle carceri o comunque delle se dell'esecuzione penale e della politica penale penitenziaria nostro Paese puntando se mi sono alternative e utilizzando gli strumenti che abbiamo non andiamo da nessuna parte perché
Il sistema
Che oggi riesce a
A governare il fenomeno in una misura così non dico ridotta perché comunque è un fenomeno che ha la sua consistenza insomma si dovrebbe aspettare un intervento molto più massiccio sicuramente il sistema implode dette non ce l'avrebbe reggere
Lourdes la massa d'urto di
Misure alternative più consistenti come sono più consistenti negli altri Paesi degli altri Paesi in Francia in Inghilterra sono una marea di su un centinaio di migliaio mila trecento mila insomma sia sono questi numeri
E inverso il ragionamento in questi Paesi di meno la presenza in carcere in maggiore la presenza delle misure alternative nella danno esattamente il contrario
Quindi le immagini che una riflessione seria vada fatta una classe politica del Governo anche su questo perché è vero che non ci sono soldi però ci sono cose per abbiate ad essere avviato soluzione hanno assolutamente bisogno anche di risorse umane ed economico
Grazie
Al dottor somma
Ora do la parola Michela campana deputato del Partito Democratico
Però
Colgo l'occasione visto che di somma ne ha
Ne ha accennato diciamo alle scadenze l'urgenza l'emergenza del contesto
Di richiamare le quattro scadenze ed i di cui parlava Patrizio all'inizio della nostra mattinata
E noi abbiamo da cui a un anno vengono a scadenza dei termini che riguardano il sistema penitenziario
Appunto il trentuno entro il trentuno dicembre e c'è scritto nella legge Alfano sulla detenzione domiciliare avrebbe dovuto essere rivisto dovrebbe essere rivisto il trentuno dicembre ancora di là da venire l'intero sistema delle misure alternative
Perché quella detenzioni domiciliari speciale davvero prevista dalla legge Alfano è
Tra villette a scadenza finisce il trentuno dicembre
E poi diceva giustamente
Patrizio
è appena stato rinviato al primo aprile del due mila quattordici il termine per il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari
Entro la stessa data
In virtù dell'entrata in vigore della del protocollo opzionale sulla tortura
L'Italia deve dotarsi di un organismo indipendente di controllo dei luoghi di detenzione quello che appunto
Noi da quindici anni a questa parte ben chiamato prima Difensore civico per il garante quello che fosse ma a questo punto diciamo così abbiamo una scadenza un obbligo internazionale entro il primo aprile dell'anno prossimo istituire questa
Questa autorità infine diceva
Patrizio
La prossima settimana ci sarà la decisione della Grande Chambre a Strasburgo sul
Famoso caso pilota la famosa sentenza pilota Torregiani
E che stabilisce un termine appunto di un anno dalla sentenza quindi di un anno prevedibilmente dal ventisette di maggio quindi ventisette di maggio due mila quattordici
E il termine entro il quale il sistema penitenziario italiano deve tra riflette tornare a norma cioè tornare nella legalità e quindi come si diceva prima con un'immagine semplice ma chiarissima
E prevedere un posto letto per ogni detenuto diciamo sì e non più detenuti per ciascun posto letto queste sono diciamo così le scadenze termini delle nostre emergenze Michela campana
Ragazzi intanto mi scuso Press arrivata tardi non aver ascoltato la relazione iniziale
Faccio anche un po'io di io differenza dalla mia collega il diciamo ho visitato diverse caccia di perché l'ho fatto prima da volontaria Stefanoni non ci siamo conosciuti puramente accusa approdo di Bibbia
Quindi lo l'ho vissuta diciamo prima da volontari e poi l'amministratore pubblico gli in una parte di questa città di di Roma in cui diciamo
E spesso diciamo sì sì con l'anno si collocano proprio quelle misure in quel pubblico e privato insieme possono fare qualcosa per tassi che poi
Anche nell'opinione pubblica esterna
L'immissione nel mondo del lavoro da parte di detenuti o di ex detenuti può diventare un valore aggiunto anche non solo culturale ma anche economico per questa città purtroppo proprio in questa fase soprattutto automa negli ultimi cinque anni questo non è potuto avvenire basta vedere che le cooperative di detenuti o di ex detenuti che lavorano diciamo soprattutto nel campo nella manutenzione del verde in questa città
Particolarmente passato dall'impiego diciamo per quanto riguarda le risorse del Comune di Roma dal cinque per dal sessantacinque per cento e dall'Amministrazione precedente al cinque per cento questo
Anche da dare idea della
Di quello che si diceva prima anche rispetto alle comunità estere io ho avuto la possibilità di rivedere all'estero insomma per qualche anno nella nel Regno Unito e l'idea appunto di una amministrazione pubblica che va incontro diciamo e che vede il carcere non quel mondo così dare degli eletti diciamo così lontano da parte della popolazione evidente diciamo proprio anche visivamente oltre che culturalmente
Quando ho scelto questa Commissione la Commissione giustizia molti hanno detto che l'ho fatta perché non non essendo avvocato non non potevo avere diciamo un mentre allora diciamo importante in questa Commissione
Io penso che della Commissione giustizia io faccio parte della Commissione giustizia della Camera passa una fotografia del nostro Paese
E e come tale e una di quelle Commissioni che probabilmente da qui nei prossimi giorni perché di questo si tratta così come avvenuto nella Commissione vuole ora diciamo al Senato sarà motivo invece di discussione al centro dell'agenda politica di questa strana diciamo
Maggioranza che noi oggi ci troviamo per un percorso assolutamente di eccezionalità come diceva qualcuno prima
E prima di me noi abbiamo assistito già nelle ultime ore intanto ad un intervento importante del Presidente Napolitano che ha parlato sulla questione delle carceri lo lo lo ha detto nella nella sala
Discorso diciamo alle alle alla Camera con Camera e Senato il limite insieme
Proprio rispetto alla sentenza della Corte poi europea che arrivata diciamo
L'otto gennaio l'otto gennaio scorso e soltanto due giorni fa in Commissione abbiamo avuto l'audizione del ministro Cancellieri che ha fatto e di fatto apportate come dire intanto il lavoro del tratto del l'ex ministro insomma
Severino partendo proprio dal fatto delle carceri è stato il secondo punto dell'U.T. che lei
Apposto diciamo l'accento sulla sua relazione
Partendo appunto da una frase che era quella che l'ex ministro Severino aveva dato all'introduzione dell'anno giudiziario due mila dodici in cui si diceva al punto che noi
Non soltanto c'è un tema risolverli fra lamento delle carceri al tema assolutamente diciamo di diritto civile
Ma enti sta diventando un tema di civiltà e di prestigio e di onorabilità del nostro del nostro Paese
E su questo punto lì la Commissione stessa si è confrontata proprio l'altro giorno con delle posizioni devo dire anche abbastanza unitaria
A parte diciamo qualche
Accenno ideologicamente contratti da parte di una forza politica della lega Nord che ha ribadito è richiesto con forza alla
Al ministro cancellieri il diciamo
La spesa di cinquecento i nove milioni di euro sul
Quanto riguarda la nuova edilizia diciamo carceraria non toccando minimamente
Invece larga parte della discussione di oggi invece qui via avvenuta
E ed evidente di una cosa io ripetono mi scuso perché non ho sentito prima l'intervento però noi ci troviamo in una situazione anche
Rispetto agli operatori che poi vivono anche dentro il carcere sia quelli diciamo civili ma anche quelli della Polizia penitenziaria
In una in provocazione assolutamente kafkiana noi abbiamo un aumento della popolazione carceraria da una parte e una diminuzione della popolazione sorvegliante dall'altra e c'è un aumento di suicidi lo leggevo proprio l'altro giorno
E specialmente in alcune grandi realtà diciamo di grandi città
E che stanno portando diciamo a quelle vivente diciamo segue affollamento che sta per toccare il punto massimo del settanta mila che non ha adottato voi
All'amnistia qualche
Qualche anno fa tra cui questa popolazione carceraria di questi famosi sessantasei mila diciamo detenuti di cui quasi ventuno mila se non sbaglio siamo tossicodipendenti
E che in alcune realtà oggi hanno una
Diciamo situazioni anche sanitaria interna dentro il carcere
Che ha toccato diciamo livelli ormai
Di pericolosità massima Italia diciamo del sistema sanitario stanno aiutando fortemente anche grazie al sistema carcerario e tossicodipendenti che non hanno alcuna possibilità drammi del SerT di entrare dentro
Di essere sostenuti diciamo delle comunità tramite diciamo la sanità nazionale evidente come dire che sarà un tema che aumentano diciamo ancora di più grosso questo problema
E
Io ho firmato
Diciamo anche per venire in quanto a quello che diceva il collega di Sella prima quando la politica probabilmente deve intervenire con più forza anche rispetto a queste tre proposte di legge io ho firmato l'appello di Amnesty su diciamo l'introduzione di reato di tortura
E lo ritratto Nantes dalla un parlamentare del tratto da iscritta diciamo al Partito Democratico e penso che
Diciamo i partiti probabilmente debbano avere un ruolo
Quello che rimane diciamo dei partiti
In un'idea anche esternati antipolitica sempre più canali scarpe probabilmente un ruolo più
Efficace anche rispetto a questa questa firma
Perché penso che queste tre diciamo del posteggio di iniziativa popolare possano essere non solo sostenute da partiti ma probabilmente anche ad isolare una sintonia tra partiti
Che oggi si trovano anche su posizioni diverse penso che anche su questo tema e un po'strana legislatura strana non so se lunga o corta questo diciamo soltanto
Archivi vanno votate verificare quotidianamente
La sensazione però è che si possa sprecate un'opportunità dispetto da un Parlamento così rinnovato evidente fosse più di una già l'abbiamo sprecata
La possibilità invece dentro del Parlamento soprattutto alla Camera per quanto riguarda perché quello che dico perito vicina si possono invece trovare delle convergenze politiche su temi quelli appunto di civiltà e che uno su tutti può essere può essere questo io penso che
Possa andare in questa
In in questa direzione oltre al fatto che diciamo poi ognuno di noi ha proposto diciamo nel corso di questi anni
Io ho portato diciamo le ultime proposte di legge che era alla Commissione la Presidente Ferranti prima insomma
Aveva già depositato e molte diciamo dei dei colleghi anche dentro la Commissione giustizia sono stati
Diciamo principali di riferimenti politici e amministrativi
Diciamo di queste di queste leggi e e che possano già da subito diciamo essere messi a ma la discussione dell'agenda politica per esempio la questione della messa alla prova noi l'abbiamo calendarizzato in Commissione
Possiamo gialli politica delle convergenze diciamo di partiti diciamo che oggi si trovano su posizioni diverse che invece probabilmente poi allo Stato difatti quando poi si discute del meglio dello pressione il possano trovare diciamo del
Delle convergenze
E io chiudo con
Con una
Diciamo una cosa che ho visto l'altro giorno a Regina Coeli invece perché poi frequentando ripeto prima da volontaria e poi l'amministratore pubblico Rebibbia quando voi entri dentro al Genoa ce li aveva sensazione come dire che c'è un mondo totalmente diverso anche rispetto proprio
Alla natura fisica diciamo della di quel tipo il carcere
E parlando con alcuni pone alcun limite
Detenuti la sensazione che
Un pezzo diciamo
Lo dicevo prima come scelta del nostro Paese si sta consumando dentro quelle quelle stanze
Evidente noi possiamo ricade come dire non soltanto di credibilità legarci anima possiamo evitare anche il senso del tratto dell'ondata securitaria che sta attraversando che attraversa ogni tanto diciamo il nostro Paese
E di fatto porta ad una
Opinione pubblica né quindi davanti ad una lunghezza dei processi portano l'idea della pena immediata dentro
Il carcere diventa quasi nell'immaginario collettivo dei cittadini l'unica diciamo risposta ad un tema di sicurezza che in una fase economica e sociale come questa e fortissima è una sensazione che poi però e come al solito in Italia del tutto emergenziale non risolve né il problema culturale nel problema in sé stesso della questione di sicurezza complessiva della gente però la sensazione appunto che noi ci stiamo immettendo diciamo in un livello culturale di quel di quel livello e che poi saremo costretti probabilmente da qui ai prossimi mesi
Se diciamo l'indice
Aumenterà come tutti gli indicatori dicono ad arrivare ad un'altra amnistia anche lei potrà io
Pur avendo diciamo non io personalmente votato però bisognava stando dallo schieramento che poi
Quella legge l'ha sostenuta di fatto oggi ci ritroviamo a pochi anni di distanza Divella della stessa questione per questo dico che forse potremmo sfruttare al meglio un Parlamento di questo tipo un Parlamento che può avere a cuore queste tematiche perde invece cambiate con radicalità o almeno tentare di introdurre diciamo una delicata letta anche nella discussione su queste su queste tematiche grazie
Grazie Micaela
Ora do la parola Giuseppe Cascini che qui rappresenta magistrati democratica ma
Che non essendo più Segretario per me e me possiamo
Come dire denunciarlo pubblicamente come uno degli dei primi animatori di Antigone circa un ventennio fa un ventennio fa no ora non c'è più nulla da perdere da questa associazione con Antigone quindi lo diciamo regionale
Che porti una riscritta responsabilità in quello che siamo andava mai nascosto nemmeno sospensione altri momenti dei momenti più difficili
Io
Ovviamente sono venuto da quasi tutte le Assemblee di Antigone investì diverse adesso faccio prima da parte di
Rappresentante di Magistratura Democratica per portare l'adesione di Magistratura Democratica all'iniziativa
Delle proposte di legge di iniziativa popolare preparate da Antigone
In un periodo in cui la partecipazione dei magistrati come singoli e come associazioni al dibattito pubblico sui temi della giustizia e sovente oggetto di steli
Polemiche aggressioni confronti la magistratura abbiamo scelto come dire di non
Partecipare attivamente alla raccolta di firme
Per evitare di essere ancora una volta strumentalizzati sotto il profilo della schieramento politico del gruppo di Magistratura Democratica anche perché non è che siamo tantissimi spostavamo tanta tanto
Lasse però la decisione come dire ideale a questa iniziativa e piena
Cerco di dire
Perché io continuo a pensare che il dibattito sul carcere sia
Estremamente ideologico
Da tutte le parti anche da quelle spesso da quelli che chiedono meno carcere o interventi di
Di riduzione del del peso carcerario
E quasi mai chi esprime anche con roboanti accorati appelli l'esigenza di intervenire sul dramma delle carceri si domanda questo dramma da dove nasce cioè quali sono le
Cause
Legislative normative sociali economiche eccetera che portano a questa
Situazione
Perché poi se uno gli fa una domanda anche cinque minuti dopo
Senza
Fargli comprendere il collegamento su alcune leggi che sono all'origine come dire della situazione carceraria indignato risponderà che quelle sono essenziali per la sicurezza dei cittadini quindi
Come dire
Si registra una certa schizofrenia secondo me di tipo ideologico io vi voglio raccontare
Un aneddoto ma ce ne saranno tantissimi l'altro giorno sono stato in carcere interrogare un detenuto in realtà lo dovevo sentire come testimone per un per un fatto avvenuto in carcere e quindi voi
Alla fine gli ho chiesto perché era lì e quanto aveva da scontare diciannove anni
Di cumulo giuridico ma non aveva ammazzato nessuno di mestiere questo andava a cambiare gli assegni rubati in banca
E sarà preso quelle quaranta condanne a sei mesi nell'arco di dieci anni e poi si era preso un bel cumulo di diciannove anni
Però io quello che vorrei che a chi fa politica chi fa le leggi capisse che quello che si scrivere le leggi a conseguenze sulla vita delle persone e che uno dovrebbe avere la capacità di andare a vedere queste conseguenze per capire se le leggi sono giuste sono sbagliate
Le leggi non si devono giudicare
Come se fossero degli spot pubblicitario disloca hanno scritto questa cosa vedete com'è bella guarda come sono bravo bisogna andare a vedere che cosa producono sulla vita delle persone e allora io vi dico che
Giustamente
Giustamente chi commette un omicidio non ha un percorso carcerario così lungo come
Questo signore che
Scambiava assegni rubati no perché chi commette un omicidio in certe condizioni può avere per fortuna
Un percorso carcerario meno gravoso
Allora la domanda è chiede che lo vuole questo
Se uno domandarlo voi risponde nessuno lo vuole ma le leggi che sono state scritte hanno prodotto questo risultato
Allora il merito di questo disegno di di di questi disegni di legge in particolare quello
Finalizzato a ridurre il peso del carcere nel sistema penale il merito è quello di top DD puntare il dito sulle cause reali
Sulle cause effettive di questa situazione
Uno dice con aria contrita e commossa ci sono un terzo dei detenuti tossicodipendenti
Anche qua per virtù dello Spirito Santo o per virtù di una legge
Che ha messo delle pene draconiane per la detenzione di sostanze stupefacenti mettendo sullo stesso piano hashish cocaina eroina
Fissando soglie bassissime anche se non vincolanti per il giudice ma poi di fatto con una giurisprudenza che si sta formando sul numero di dosi oltre le quali si si presume la destinazione allo spaccio rilevante
A ha fissato le dosi
La dose singola di hashish a livelli bassissimi
E questo
Ci sono tanti detenuti tossicodipendenti perché c'è la legge Jervolino Craxi Vassalli non per altri motivi
E se uno si va a studiare il trend di detenzione vede che
La curva ascesso ascensionale inizia nel novanta
Quella inarrestabile che ci porta su veda due fattori fondamentali diciamo
Di origine la legge glielo dotarsi Ercolino Vassalli e la la riforma costituzionale sulla ministri l'indulto che ha impedito l'approvazione di periodici provvedimenti di clemenza che ogni tre quattro anni svuotavano Ihama dei tribunali
E in parte
Le carceri
Questo è
Allora
Mente io considero come dire
Il sistema delle periodiche amnistia e indulto un sistema sbagliato perché produce solamente ingiustizia è vero che
Consentiva al carcere di respirare ogni quattro anni ma lo faceva in una maniera irrazionali casuale ingiusta
E senza però risolve il problema perché tanto che o dopo quattro anni si il sud si risaliva
A livelli di guardia bisognava rifare un provvedimento di clemenza
Per cui non penso che sarebbe una cosa buona tornare a quel sistema delle periodiche amnistia e indulto però invece sulle cause strutturali
E questa legge
Il fatto che ci siano venti mila detenuti venticinque mila detenuti tossicodipendenti
è una cosa che volevano quelli che hanno fatto la legge loro dicono di no visto che dopo ventitré anni di questa legge il risultato è questo un per sì Rino ce lo vogliono fare sul fatto che l'altra quella legge ha prodotto questo risultato cioè che il contrasto al fenomeno la tossicodipendenza
Chiamiamolo così
Si è tradotto in maniera quasi esclusiva nella carceri carceri Zazie una i tossicodipendenti questo è un problema pratico non ideologico
Come voi affrontare il tema la tossicodipendenza oggi al di là delle chiacchiere e quello che c'è scritto nella relazione serve o abbassarli la risposta dello Stato al fenomeno tossine pendenza il carcere
Il carcere
Il luogo nel quale si tratta complessivamente però trattamento offensiva per i tossicodipendenti ma
Il la tossicodipendenza e trattata con il carcere in questo in questo momento il nostro Paese va bene
Vogliamo farci una domanda su questo vogliamo interrogarci su questo ancora
Perché aumentano i detenuti definitivi no perché non ci sono più le misure alternative
E perché non ci sono più le misure alternative perché
Con una legge del due mila cinque che nasceva con lo scopo di salvare qualcuno da qualche processo per far vedere che non non si voleva abbassare la guardia sulla sicurezza si sono introdotte delle norme farneticanti
In materia di recidiva e di accesso alle misure alternative
E noi siamo passati
I numeri misure alternative che il dieci per cento di quello che era prima del due mila cinque no oggi siamo al dieci per cento non si è ridotto del dieci per esempio otto del novanta per cento i numeri sono alternative ma siccome quelli erano autori di reati
No se tu togli cento mila persone dal circuito di misure alternative dove vanno queste persone vanno nel circuito carcerario non è
è inevitabile che sia così si prendono cumuli da diciassette diciotto diciannove dentale in ragione di una legge che
Ideologica
Che considera la recidiva come il peggiore dei mali
E che quindi non si pone il problema che tutti coloro
Che entrano a che fa che entra nel circuito carcerario sono regolarmente recidivi nel senso che il nostro sistema penale ancora volta per fortuna è un sistema che
Cerca di evitare
Che il primi Paro finisca immediatamente in carcere quindici a sospensione i condizionali affidamenti in prova e cioè c'ha sistemi
E salvo per i delitti più gravi cerco di evitare che un soggetto vada in carcere alla prima esperienza
Penale quindi normalmente i clienti e le carceri sono recidivi
Se tu per i recidivi impedisce l'accesso a misure alternative sostanzialmente sei dicendo che togli le misure alternative a quella Grandis si va massa di soggetti che sono la massa critica il sistema carcerario cioè sono i due trecento mila soggetti che ruotano
Attorno al carcere perché
Noi facciamo sempre questa questa cosa che
Ci sono settanta mila detenuti no non so se non ci sono mai state cioè oggi forse
Oggi sono settanta mila detenuti
Domani ce ne saranno settantamila ma di questi ventimila sorgente diversa perché ne sono usciti dieci del mese usciti da parte di essi sono entrati dall'altra se ne facciamo un calcolo come dire
Su su base a su base un po'più ampia di anni sappiamo che sono quei tre quattrocento mila soggetti poi ogni tanto arrivano dei nuovi
Poi mia moglie memore qualcuno ma sono più o meno quelli ti
Chiamiamoli così delinquenti cioè coloro che hanno a che fare con il circuito carcerario entrano e escono con gli altri il cumulo con la misura cautelare
Fanno questa cosa che corrisponde altre nazionalità del nostro sistema penale processuale no che non riesce a trattare un soggetto
Per quello che ha fatto e quindi lo prendo mette in carcere promette domiciliari Polo rimette in carcere poi manda in affidamento troppo di passo un cumulo di venticinque anni fa per cui deve tornare in carcere per tre mesi
E via andare no questi soggetti nel momento in cui la Cirielli ha detto questi qui fuori dalle misure alternative come sei e sette nove misure alternative non le vogliamo più fare
Poi non hanno risparmiato dei soldi perché a quel punto hanno smesso di assumere persone hanno smesso di investire il risultato è che tu non hai manco una rete di protezione sociale
Per poter organizzare le misure alternative alla mette il dito nella piaga e dire guardate che il problema è questo no il problema è questo l'alternativa al carcere l'alternativa al carcere e
Per definizione anche normativa
Sono le pene alternative le misure alternative questa è l'alternativa al carcere
Non è il perdono l'indulgenza che sono come dire gli strumenti che servono alla retorica di chi sul carcere fa solo propaganda il problema e trovare delle alternative che offre un equilibrio
Tra le esigenze di prevenzione l'esigenza di sanzione le esigenze di recupero e di trattamento
Che non ci facciamo continuamente oscillare il pendolo fra il perdonismo Enrico risma e che dicano io c'ho un soggetto che ha commesso dei reati
Devo per forza
Perché se no il sistema non funzionerebbe come dire applicare una sanzione di fronte a una violazione devo organizzare la sanzione attraverso un trattamento che mi porti a evitare che questa persona commetta ulteriori reati
E tutte le statistiche ci dicono che mentre chi esce dal carcere normalmente cd finisce dentro cioè il tasso di recidivanza
Di coloro che escono dal carcere elevatissimo
Il tasso di recidivanza di coloro ormai anni pochi che escono delle misure alternative e bassissimo
Perché la misura alternative anche un cuscinetto fra il carcere a vita reale
Quando tu esce dopo cinque anni esci di galere ti buttano in mezzo alla strada e non c'è nient'altro rischi facilmente di Fini e di andare a cercare quelli
Che sono stati in cella con te negli ultimi anni e di finire di dentro sette si riesce a mettere un cuscinetto
Fra i i due momenti che era la Gozzini negli ultimo periodi detenzione invece di stare in galera va in affidamento in prova viene seguito no sei recidivo non lo puoi fare ma se non è che decidevano stare in galera quindi che senso ha questo ragionamento un'ultima cosa
E finisco
I soldi si dice non ci sono soldi siamo in crisi eccetera io sono scandalizzato dal fatto che
I soldi per
Dire che si vogliono costruire nuove carceri dire
Cioè so investimenti su progetti
Che secondo me non verranno realizzati o comunque verranno realizzati fra vent'anni e comunque verranno alzati quando il mondo carcerario sarà si spera diverso
E vengono costruiti con schemi e modelli di trent'anni fa come se fossimo ancora negli anni del terrorismo dovessimo continuare a costruire carceri speciali
è uno scandalo e secondo me va detto
Che spendere tutti quei soldi
Per il momento la gran parte in consulenze diciamo così ma poi in appalti e costruzioni di
Mostacchi
Assolutamente inutili è una follia
L'edilizia penitenziaria ha bisogno di
Ricostruire il carcere non di costruire nuove carceri
Quando
Se voi vi vi guardate le decisioni sulla del della Corte l'opera sui metri quadri uno degli aspetti più rilevanti eh quali sono gli spazi complessivi di cui un detenuto a
A cui detenuto di ha diritto
Se i nostri detenuti passano ventitré ore su ventiquattro in cella perché questa è la realtà io lo spazio e sponsor ritenutolo calcolo sulla scena
Ma perché le carceri non devono avere spazi comuni ma perché le carceri non devono avere dei posti dove le persone possono stare insieme passare la giornata ma perché in tutti i Paesi del mondo
Si aprono le celle la mattina e si chiudono la sera e la gente sta negli spazi comuni
Stai insieme ad altre persone fa delle cose uscivano insieme non della cella ma cucinano insieme in degli spazi comuni dove si cucina consumano i pasti insieme non nella cella ma negli spazi comuni
Questi sono investimenti
Prendere degli spazi comuni che tra l'altro ci sono state semplicemente di
Risistemare le cose prende gli spazi comuni e calcolare poi la superficie media per detenuto non esclusivamente con riferimento alla Shell anche se è ovvio che quando arrivi al sesto piano letta Castello fra diciamo così
Non è solo in termini metri quadri ma anche in termini come dire di metri d'altezza metri cubi di diciamo di sopravvivenza che quello che sta all'ultimo piano
Non si può manco gira perché non c'entra fra fra la brandina il soffitto ma
Io avrei capito investimenti di edilizia penitenziaria finalizzati ragionare seriamente su
Sul modello di carcere
Sul
Sul tipo di detenuti che abbiamo noi detenuti pericolosi ce ne saranno adesso e Mille più serrato di me ma ci saranno dieci mila Massimo persone
Sulle quali si deve fare un ragionamento come dire sulla pericolosità ecco
Dieci mila
Reati gravissimi e quarantuno bis no
Le persone alta sicurezza eccetera
Di questo si apra gli altri che non solo attenzioni perché quei dieci mila sono fissi gli altri che non sono sessanta mila ma sono altri centocinquanta mila persone che entrano e escono e entrano e escono eccetera eccetera potrebbero stare tranquillamente visto neppure
Diversamente modulate diversamente costruite che di per sé favoriscono la socialità l'affettività altra parola impronunciabile del mondo carcerario no il fatto che non si possono avere collo colloqui intimo con le persone care con i propri cari che si debba vivere una pena nella pena quella dell'astensione della sessualità non c'è scritto da nessuna parte nel nostro ordinamento che la privazione la libertà personale significa la perdita del diritto alla sessualità
Che però è una conseguenza di una interpretazione
Ormai insuperabile della norma sui colloqui che devono avvenire a vista e quindi
è impedita l'esercizio della
Di un diritto
Quello di vivere la propria sessualità che significa ultima razzetti significa
Coltivare relazioni e quindi a vere una prospettiva di futuro allora un legislatore che decida di investire su questi sto il proprio denaro secondo me avrebbe non solo il nostro consenso ma sarebbe qualcosa di bene per il carcere per la collettività
Investire decine centinaia di milioni per costruire altri mostri in luoghi in cui non servono
E un brutto segnale da parte della politica
Grazie
Perché che ai fini io vorrei ricordare che alcuni anni fa punto quando si faceva l'indulto e quando si sperava di avere anche una possibilità di intervenire poi direttamente sulle anche sugli istituti penitenziari
E furbi chiesta all'amministrazione penitenziaria una valutazione per esempio di cosa costava mettere a norma il patrimonio penitenziario e ne abbiamo preso il periodo di poter non ne hanno ormai c'è contravviene
La legge il Regolamento penitenziario le previsioni che ci sono dentro
E una valutazione fu fatta dall'amministrazione penitenziaria e che il patrimonio penitenziaria italiana poteva essere messo a norma almeno nelle sue funzioni minime
Con una spesa intorno ai quattrocento milioni di euro attualmente per il famoso piano carceri ce ne sono stanziati ancora quattrocentosessanta che potrebbero essere diciamo così
Trasferiti nella appunto nella messa a norma degli istituti
E abbiamo ancora
Abbiamo ancora tre interventi prima delle conclusioni di Parma quindi raccomando diciamo così una estrema sinteticità prima di tutto Giorgio Bignami che il Presidente di di Forum droghe con cui ovviamente condividiamo questa questa battaglia poi abbiamo sarà valere ANIE Marco Ruotolo
Vorrei anche ringraziare sono stati qui presenti ma per ragioni diverse sono tutte andar via non potuto prendere la parola vorrei anche ringraziare
Sia Giulio Marcon deportato di Sinistra ecologia Libertà che Gianni Cuperlo che è stato qui fino a pochi minuti fa ma anche lui
Ha dovuto allontanarsi
Giorgio Bignami
Allora grazie per la prima di tutto per questa iniziativa che mi è apparsa molto utile
Grazie come semplice una volta al corto pubblico e all'Inghilterra guarnigione che l'ha così ben ben organizzata
Come o che come associazione che fa parte del cartello promotore dell'iniziativa non ho bisogno di illustrarla e neanche di
Ripetere le cose che sono state già dette che condivido pienamente vorrei soltanto dare alcune informazioni e notizie che in un certo senso danno la temperatura in vari contesti
Che hanno importanza per il per l'andamento dell'iniziativa
Allora sorvolo sul fronte dello PG
L'altro giorno siamo andati come Comitato al Lazio Ambra Pisana per incontrare due persone di fiducia del Governatore cioè dal consigliere Petrachi Follini che
La un una persona che la sinistra Scaramuzza che hanno un'ampia esperienza di Tribunale del Malato Cittadinanzattiva eccetera
Siamo andati a votare in un certo senso perché il il commissario ad acta cioè il Governatore appena nominato
Nei primissimi giorni dopo il suo insediamento aveva firmato un decreto
Che è poi comparso sul Bollettino della Regione Lazio
Che assegna la maggior parte delle risorse competenti al Lazio Cendant la legge gli omicidi alla creazione di cinque milioni cinque Minio Pingitore Giovanardi per cento posti
Cioè un numero di posti che praticamente superiore anche a lungo dei cosiddetti non dimmi sibili socialmente pericolose in sostanza
Il che significa
Che
Loro hanno detto che sarebbero impegnati
Per cercare di modificare questa situazione eccetera eccetera ma se rimane una situazione di questo genere
Malgrado il cambio di Governo dalla Regione praticamente il Lazio sarà uno dei posti con massima densità limine OBG rispetto alle altre soluzioni per la legge
Il secondo punto che volevo toccare quello che tutti un punto molto importante di cui ha parlato col sostenga cioè sul crollo sulla caduta
Nella convenzione
Permanga sono focus
Io non so non sarei così pessimista dal punto di vista generale però si può essere parecchio poi pessimista per diversi contesti come quello che è stato anche citato qui
Di quelli che invocavano la pena di morte dopo la replica maturati imitano eccetera eccetera
Perché alcune cose le ho viste di proprio personale cioè alcuni anni fa in nella in un grande barra di una delle maggiori si stazioni ferroviarie italiane
Un dato alcun colore credo fosse avevamo Battiato non so con un pacchetto di carattere con qualche cosa di questo genere deve fare cose che erano esposte
E che tra l'altro l'altro aveva l'aria di un sofferente Mentana e probabilmente anche profetizzato insomma impregnato di psicofarmaci
è stato buttato a terra da due agenti della Polizia di Stato
Va menato poi a Roma almeno una decina di minuti
Ma malmenato sul serio cioè con forti calci con gli scarponi nel torace nell'addome eccetera eccetera
Con lenti
Con l'entusiasmo delle cinquanta sessanta persone che erano presenti fra baristi clienti del parcheggio stanza
Quindi questo qui diciamo così non credo che questo sia emblematico della situazione generale italiana però ci sono situazioni di questo genere
In cui si pensa che anche per un
Un eventuale minimo reato a una persona meriti di essere trattata
In questo modo
Una terza notizia pago su questo mi fermo perché altrimenti non c'è il non basato il tempo è che lei ci sono delle perplessità sui sulle contraddizioni nella sinistra italiana in materia di diritti
Cioè noi dopodomani dobbiamo andare al voto qui a Roma
E il senatore
Ex senatore adesso Ignazio Marino
E che ha avuto questo merito straordinario di far scoppiare il bubbone meglio PG Real con dal punto di vista del politico dal punto di vista mediatico eccetera eccetera
Ha dichiarato tranquillamente che lui per motivi di correttezza politica non era andato alla marcia dell'aborto dall'ASP contro la centonovantaquattro quella che è finita poi imbracciava allora Sommo Pontefice
Ma che considerava
D'iniziativa
Sullo stesso saggiamente giusta in sostanza
Quindi quando si diceva prima le cose che
Non ci dividono le cose che ci dividono ma questo non vale soltanto per noi e per Giovanardi varia va be'anche evidentemente all'interno
Nella del del dello schieramento di sinistra in sostanza si
E quindi entro mi pare che la situazione sia fatta di contrarsi voglio chiudere solo con la nota positiva
Come come una trasmissione della Gabanelli per intenderci calati riceva Bava da buona notizia
Io sono un pensionato dall'Istituto superiore di sanità sono per quindici anni e ci vado ogni tanto per piccoli lavoretti su questioni non soldi
Salvataggio studio patrimonio storico scientifico dell'Istituto eccetera quindi conosco curarli perché la gente
Quindi con la CGIL blocca al quale ho fatto parte per quasi quarant'anni adesso faccio parte del sindacato dei pensionati della ricettività nuovamente a fondo
Sì ma sa ma sax sorpassato dal sindacato minoritario quello maggioritario
Spiega
E abbiamo fatto tre sedute di due ore e mezzo tre ore ciascuna di raccolta firme
In cui si è raccolto il massimo delle firme considerato che tutto deve essere replicato altre volte che si possono raccogliere in questo tempo quindi circa duecento firme per ogni legge ciascuna con minime differenze devo dire la retta tra
La cosa è stata molto interessante può essere visto che si chiama istruttiva anche per il seguito della campagna prima di tutto perché secondo me c'è stata una dicotomia
Tra i firmatari cioè da un lato i più giovani dall'alto i più anziani cioè quelli che erano miei
Quelli che ho conosciuto perché avevano perché erano più giovane di me ma
Ma che ormai ma che erano già in istituto ai tempi del mio servizio molto pochi da una fascia intermedia
Cioè se vuole se volessi essere cattivo direi negli ex sessantottini in sostanza dei cinquantenni sessantenni sì
E la cosa interessante è stato anche il modo in cui le differenze fra la prima la seconda la terza seduta che sono state fatte a una settimana di distanza l'uno all'altra
Perché nella prima seduta sono venuti quelli Bobo sicuri sicuri che son venuto lì senza parlare eccetera hanno firmato
Nella seconda seduta è aumentato il numero degli esitante e quelli che son venuti e hanno per sia con le persone molto brave che che li del del del sindacato
Che son venuti a hanno parlato o hanno detto sì penso non ho preso un volantino erano stati fatti dei volantini sintetici da questi membri del sindacato molto fatti molto bene
E tutto l'istituto può era tappezzato di ricordi dice
E poi dopo all'altro al terzo o quarto passaggio davanti al banchetto finalmente sonde si sia a firmare
Quindi esortazione da chiunque sia coinvolto raccolta firme
E quella di non di Nordio non come direi di non rassegnarsi al al primo al secondo al terzo rifiuto dice ai ricchi
Vi insiste col volantino con con la convenzione con la parola eccetera eccetera perché questo fa scattare
Io sono stato a scuola dai gesuiti per otto anni non non non non non non non ho dato nasconderlo
Questo fa fa scattare il meccanismo di quello che nella teologia morale cattolica si chiama il rispetto umano
Ciò che significa la persona si fa i conti sul fatto se fatto brutta figura firmando o più brutta figura non firmando
Ora è una parolina sanarle Rani della rete la conoscenza poi Marco Ruotolo e Mauro Palma che essendo della generazione di quelli che non firmano dovrà rispondere a nome della generazione del perché la sua generazione non firma
Ora per fortuna abbiamo un'altra generazione
Allora
Parto dal dato che in tanti interventi è stato insomma clienti emerso da tanti interventi cioè il fatto che nella giornata in cui sono state raccolte le firme
Inizio segnalato posso in tutta Italia gran parte decimata almeno in un grande numero era appunto giovane
Giovane studente su un testo lavoratore o lavoratrice precaria imprecare insomma poiché sono poi si parla di appunto la nostra generazione
Si tende sempre a spazzare sempre di più per cui ormai da diverso tempo andare dai nei tredici anni fino fino ai trenta in quanto anche le condizioni che si trova a vivere
Spesso sono simili
Quindi cosa emerge
Emerge che
Le nuove generazioni diciamo così sentono vicino sentono vicini questi temi
Forse chi più chi meno magari maggiormente quello che riguarda
Le droghe meno quello che riguarda le carceri per una questione molto semplice
Perché questi
Temi nei luoghi che uno studente o comunque un giovane si trova a vivere vengono nascosti
Del vengono demonizzate nascosti assopiti e come se tutto ciò che riguarda appunto le carceri la pena e tutto il dibattito attorno al reato di tortura attorno
Alle condizioni in cui
I detenuti vivono all'interno delle carceri e come se si trovassero in un recinto invalicabile nelle scuole università questo tema non si tratta quand'è che si parla di carcere all'interno della scuola
Di pena quando si tratta questo tema si tratta in quarto superiore
Quando si legge quella pagina del libro di letteratura italiana in filosofia su Beccaria
è oppure in quinta superiore si sia un insegnante un po'illuminato che ti fa leggere fuoco senza contestualizzarlo senza fare assolutamente nulla ma questi sono gli unici momenti in cui in un percorso
Adesso durante le scuole superiori si affrontano si affrontano questi temi
Quindi e
La il dato della grande presenza dei giovani alla raccolta firme secondo me indica sì
Un'esigenza una vicinanza di giovani a questi temi ma è come se fosse una vicinanza inconsapevole
Non non sono mai trovati ad affrontare in quelli che
Secondo come e penso secondo insomma no tutti quelli che sono presenti in questa sala sono i luoghi in cui
Un giovane cresce a trecentosessanta gradi che sono quelli in patria della scuola e dell'università luoghi che negli ultimi anni sono stati depotenziati tantissimo da questo ruolo di formazione a trecentosessanta gradi su una formazione anche andasse proprio a trattare anche i temi
Esterne libri di scuola esterni a quelli che sono i programmi definiti in particolare magari di storia filosofia letteratura italiana
è
E tutto il resto quindi
Dalla questo abilissimo cambiamento della della formazione dei luoghi della formazione che come già sentito non
Non formano più
Siamo sapere sempre più nozionistica o sempre più verso come si è visto anche nel dibattito attorno tutto ai test INVALSI di questo mese che va anche a segnalare e non va a formare
E questa
Porta delle conseguenze su tutto per questo la sfida che
Anche come Rezzan conoscenza in quanto nell'interazione dei soggetti informazioni bisogna porsi non è solo quello di sostenere la campagna perché l'Olivetti rapportare all'interno di scuole università questi temi riuscirà ad altri
A fare ad aprire dei non solo dei dibattiti dei momenti di approfondimento
Ma anche riuscire ad organizzare dell'attività quando banalmente nelle scuole si organizzano e prendo l'esempio forse più semplice dei tornei ad esempio di calcetto con i ragazzi del
Fra nelle carceri minorile gialli i tabù piano piano vengono de costruiti
E sono dei passi avanti sui piccoli passi avanti perché per uno studente
Dall'azienda dalla che tenera età il concetto di UTIN di pena del del punire
Non non ricordo più visto come
Un elemento anche in parte pannicolo del tendenti più semplici di educazione mentis solo e unicamente nel
Nell'ottica di una punizione dalla quale difficilmente si riesce a tornare indietro per cui
Tutto quello che è
Quello che sono quello che la pena anche sulle carceri e e tutto ciò appunto che gira attorno a queste visto come lontano viene demonizzato e di ciò da cui i giovani vogliono scappare e che temono
Che temono per la pace si trovano a scontrarsi con la realtà si trovano a chiedersi
Cos'è successo banalmente cioè perché studenti che erano magari con ogni cortese studenteschi del due mila dieci nel due mila otto si trovano a scontare
Sei anni di carcere non lo si capisce non lo si comprende spesso perché incomprensibile e non si può capire
Però ci si scontra con una realtà che
Non non riusciamo a leggere non riusciamo a leggere perché non abbiamo gli strumenti
Quindi penso che
Non uno degli obiettivi principali anche del
Dei prossimi mese vedo anche in tempi
Taluni sia quello di riuscire veramente un attimo a ricostruire quesito pure entrare nelle scuole università provando ad aprire dei percorsi di vario tipo di diversa natura per riuscire
A far sì che questi dire divengono tecniche
Sono leggibili da tutti e sono affrontabili da tutti e non solamente da chi magari fa quei
Due passi in più per provare a capire un po'cosa insomma si muove attorno a quello che la realtà presente che ogni ogni studente si trova a vivere che spesso isolato da
Da tutto il resto
Marco
Torno
Professore di Diritto Costituzionale all'Università di Roma tre nostro carissimo amico e sostenitore
Per l'ultimo intervento prima dei miei conclusioni di Mauro Palma
Io sto cercando di fare quello che farà valere anni prima auspicato e l'università
Bisogna fare senz'altro di più però abbiamo un'attività formativa a Roma tre che dedicata alle questioni previdenziali dell'anno prossimo avremo alcun master
Dirada questo Patrizio invitandomi quindi aveva chiesto di diciamo fare il punto sulla le questioni di costituzionalità che in questo momento ci sono pendenti davanti alla Corte costituzionale
Io anche per contenere i tempi direi poche battute
Partire dalla considerazione che riguarda
Anche sulla base della recentissima sentenza Torregiani
La
A me pare più netta configurazione di un diritto ad un'esecuzione della pena non disumana
Un diritto che traiamo dall'articolo ventisette della Costituzione ma che da questa sentenza che spero sia confermata esce in qualche modo rafforzato sotto quale piano esce rafforzato esce rafforzato sotto il piano della tutela
Perché quello che la Corte di Strasburgo ci chiede
è di garantire una tutela del diritto ad un esecuzione della pena non disumana e ce lo chiede non soltanto prefigurando rimedi compensativi il problema del risarcimento del danno
Ma predisponendo rimedi preventivi cioè evitando che la lesione sì determini
Di qui una questione di costituzionalità che proprio dopo la Torregiani è stata sollevata sia dal Tribunale di Sorveglianza di Venezia che poi di Milano sull'articolo centoquarantasette del Codice penale
Dove queste ordinanze di rimessione si chiede
Alla Corte costituzionale di compiere tecnicamente una dizione cioè di aggiungere in tema di differimento facoltativo dell'esecuzione della pena l'ipotesi in cui la pena sia destinata ad essere eseguita in condizioni disumane
è un additiva tecnicamente difficile
Nel senso che la Corte più costituzionale piuttosto restia a colmare lacune normative si la dizione non è immediatamente ricavabile dal
Dal sistema
Però è stata alcuni commenti che già sono apparsi quest'ordinanza letta più come una provocazione che non è in realtà come un atto che pone una questione drammatica e giuridicamente forte significativa
Mi pare che quell'ordinanza dirada ciò che poi deciderà la Corte metta sul tappeto la questione fondamentale che quella del
Necessità di assicurare il rispetto della dignità della persona in carcere
Ed è una questione che nelle proposte di legge
Tra le quali abbiamo fatto prima riferimento è prepotentemente posta con un'altra formula che quella del numero chiuso forse una formula più efficace rispetto a quella del differimento dell'esecuzione della pena
Ma ho letto per esempio a commento
Della sentenza Torregiani un commento del capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria che auspicavo un'altra via ancora che quella del ampliamento delle condizioni per la liberazione anticipata
Bene se quella strada vuole essere perseguita e si si crede che quella strada possa
Portare i benefici effetti che la sentenza Torregiani richieda che l'ASI persegua
Ma non ponendo la come escludente l'ipotesi del numero chiuso provo a spiegarmi meglio se si crede davvero che l'ampliamento della liberazione anticipata sia in grado
Di determinare una netta diminuzione del sovraffollamento carcerario non si abbia il timore
Di far passare la norma sul numero chiuso perché con la norma non troverà applicazione
Diventa una quella la clausola di salvaguardia che si applica laddove l'istituto della liberazione anticipata non sia in grado di
Produrre il risultato auspicato con questo che voglio dire o voglio provare a dire siccome le proposte sul tappeto sono tante e diverse
Credo che sia giunto il momento di discuterle di discuterle seriamente
E le tre proposte ora sul soffermato solo su questo aspetto propongono delle soluzioni che debbono essere presi in considerazione non necessariamente come alternativa ad altri
Nel senso dell'esclusione dell'una vantaggio dell'altra l'altra questione e chiudo
Siccome mi era stato chiesto di fare il punto soprattutto sulla giurisprudenza o meglio sulle questioni pendenti c'è un'altra questione importante che è stata discussa tre settimane fa davanti alla Corte costituzionale
E che sulla base della mia esperienza di studioso credo che arriverà la decisione entro massimo una decina di giorni
è un importante conflitto di attribuzioni sorto tra il Ministero per la giustizia la magistratura di sorveglianza non vi faccio il caso
In cui che cosa si chiede alla Corte qual è la domanda che si pone alla corte
La domanda che si vorrà la Corte se l'amministrazione penitenziaria posso o meno rifiutarsi di dare esecuzione alle decisioni del magistrato di sorveglianza
La che il problema dell'ottemperanza a mio giudizio la risposta è scontata sentenza duecentosessantasei del due mila nove la Corte aveva già detto che le decisioni del magistrato sono vincolanti
Vediamo ora sei appunto darà un seguito specifico rispetto a una vicenda
Nota come caso RAI Sport tra Historia divisione di alcuni canali tematici della RAI per i detenuti in quarantuno bis ma di là dal caso specifico la questione grossa e importante perché attiene
Ad un altro filone che non va tralasciato che quello della tutela giurisdizionale dei diritti dei detenuti qui la politica a un ritardo che è drammatico
La sentenza della Corte Costituzionale del mille novecentonovantanove la numero ventisei che diceva che
Contro gli atti dell'amministrazione penitenziaria lesivi dei diritti deve essere assicurata una procedura giurisdizionale
Ha avuto un seguito nella giurisprudenza comune e della Cassazione ma non ha avuto ancora un seguito legislativo
E noi ci troviamo di fronte per questo mancato seguito legislativo
Ad un disordine
Che è
Lesivo delle prima perché poco dell'eguaglianza della certezza del diritto
Andrebbe anche qui e qui ci sono i lavori della Commissione giostra quindi pure qui ci sono soluzioni proposte discutiamone
Che siano discusse poi nelle sedi dove le questioni vanno discusse altra grande questione che riguarda anche la riforma costituzionale ormai si cerca di portare fuori dalla sede che è propria cioè il Parlamento la discussione di questioni che sono
Di competenza parlamentare dando al
Al tecnico e tecnici compito anche
Ai fini della produzione normativa non spettano al tecnico però
Dicevo sulla tutela giurisdizionale
Io vorrei capire tante cose la questione del lavoro all'esterno dall'articolo ventuno radicamento penitenziario si dice alcuni
Penso al Tribunale di Sorveglianza di Milano questo è un provvedimento del Direttore ruolo dalla magistratura di sorveglianza ruolo di verifica di legittimità di regolarità oppure quale peso a la magistratura di sorveglianza
Nel decidere in ordine alla
Determinazione da parte del direzione dell'istituto che ritiene che il quel detenuto abbia ossia nelle condizioni di poter accedere all'articolo ventuno
Il lavoro penitenziario intramuraria l'altra questione sono tante
Io sono da costituzionalista sono tendenzialmente garantista quindi
Guardo con favore all'applicazione delle garanzie proprie del lavoro libero ma discutiamone sentiamo cosa ci dice l'Amministrazione in termini di offerta di lavoro
Qui siccome si cita sempre la Corte europea dei diritti dell'uomo nel due mila undici in una sentenza
Assumere versus Austria la Corte europea dei diritti dell'uomo ha detto guardate che il lavoro intramuraria o va considerato diversamente dal lavoro libero perché ha una finalità prevalentemente di riabilitazione nel processo di reinserimento sociale
Discutiamole non dico che sia favorevole a questa opzione
Però se l'obiettivo per quanto riguarda il lavoro intramuraria e di rendere il lavoro strumento fondamentale da offrire il più possibile detenuti
Perché a positiva i riscontri in termini di reinserimento sociale questa è questione che va discussa rispetto alla quale
Si possono confrontare opzioni
Brienza di partenza alla ricerca di una soluzione ecco quello che è importante che
Le proposte siano vagliate e quelle che sono state sostenute da Antigone da tante altre associazioni
Sono proposte che propongono soluzioni soluzioni concrete rispetto al quale non accetterei visto che in gioco il principio del rispetto della dignità della persona
Quello che non accettiamo che non bisogna accettare che siano guardate come provocatorie sono proposte di soluzioni concrete rispetto al quale ci sono alternative soluzioni
Senz'altro anche possibili diverse ma sono soluzioni concrete che vanno nella direzione
Che ho detto inizialmente di una
Reale tutela del diritto ad un'esecuzione della pena non disumana se quell'obiettivo
Tutte le proposte in campo che abbiano di mira quell'obiettivo non vanno sottovalutate ma vanno discusse con l'attenzione che meritano vi ringrazio
Grazie a Marco Ruotolo per le cose che ci ha detto e anche per il contributo che ha dato a me alla revisione delle delle tre leggi fase appunto di
Di redazione
E ora do la parola Mauro Palma che come tutti sapete mette e il presidente molto onorario di di Antigone de
Attualmente il vice Presidente Consiglio europeo
Del Comitato per la cooperazione però logica nel parco nel nell'ambito del del Consiglio d'Europa dopo essere stato a lungo Presidente del
Comitato per la prevenzione della tortura
Mai salvo non è facile come dire intervenire alle quattordici e quindici rispetto a una riunione che trova
Chiudersi alle quattordici perché anche perché la stanchezza le cose che siano dette quindi sarò molto breve
Dico subito che io non non sono in generale apocalittico le definizioni del sistema detentive italiano
Quasi a pensare che tutto ciò appartiene Oltralpe sia molto meglio c'è un problema europeo della detenzione
C'è un problema di modello europeo innanzitutto di estensione dell'area della detenzione ma anche poiché la tipologia della detenzione questo sentimento del mettere dentro buttare la chiave
è un sentimento che aleggia nei all'interno dell'Europa e l'Italia è
All'interno di questo sentimento diffuso certo però ci sono poi alcune specificità pocanzi dette Cascini nominava l'affettività no per il la sessualità all'interno del carcere
Trentuno dei quarantasette Paesi permettono la incontri intimi tra le persone detenute gli altri solo sedici
Non li permettono e sarebbe interessante andare a vedere se poi il fatto di essere proprio insieme all'Azerbaijan nell'Armeni e cioè uno dei migliori
Come dire contesti in cui collochiamo la situazione dei italiana
E ci sono delle specificità e parto da due aspetti che proprio Mick colpiscono quanto nelle due mila nove
L'Italia è stata condannata per il caso Sulejmanovic che quindi violazione dell'articolo tre
Peraltro ormai tutti sanno che è una mia fissa ripetere a memoria un dato che l'Italia fino al due mila otto non è stata mai condannata per violazione della rete dell'articolo tre
Tranne una volta nel caso la vita per non avere indagato sufficientemente un caso di di denunciata tortura
Quindi non condannata per averla fatta ma condannata rispetto agli obblighi positivi che impongono di indagarli adeguatamente
E dal due mila otto a oggi è stata condannata diciassette volte per violazione dell'articolo tre e su questo dato numerico lascio poi
Come dire il commento
Dicevo quanto nel due mila nove l'Italia è stata condannata per il caso sulle vanno dice
Il c'è stato un parere disse sì dissenziente del giudice allora italiano Vladimiro Zagrebelsky a cui si è
E unità la giudice croata giù scene e che dichiarato che riteneva che la situazione
Specificati quel caso era una situazione grave ma che le complessive condizioni di detenzione incluso quello utilizzo degli spazi comuni e via dicendo cui faceva riferimento credo sempre
Cascini e era un elemento che attenuava la riciclabili la gravità della ristrettezza dello spazio
Bene il caso ha voluto che la sentenza delle passati appunto quattro anni nella sentenza Torregiani a presiedere la sezione era il giudice gli oscene
L'attuale a questa volta aggiunto un parere concorrente alla stalla sentenza la sentenza è stata unanime
E ha detto sostanzialmente io che quattro anni fa ho dichiarato che l'Italia non andava condannata perché la situazione complessiva eccedere c'è quindi Espresso non valore contrario
Questa volta foto a favore
Primo perché l'Italia non ha fatto niente dopo quella sentenza
Secondo perché quello che era un problema come dire locali è diventato un problema strutturale
Terzo perché Illy complessive condizioni al di là dello spazio fisico che io avevo detto all'ora di apertura eccetera eccetera non ci sono più
Allora questo lo do per me era un punto determinante perché
Noi già
Quell'anno nel due mila nove due mila dieci avremmo fatto la tradizionale assemblea ad Antigone eccetera eccetera però la situazione
Vista dall'occhio anche sterno è andata deteriorandosi in qualche modo alternati nelle volontà professionalità positive che ci possono essere che via dicendo cioè un dato che fa riflettere
Il secondo secondo aspetto su cui quote come dire rifletto
è che e guardando un'orribile firmato relativa ai colloqui che Provenzano nel carcere di Parma
Ho riscontrato gli proprio ieri sera ho riscontrato Tibaldi Tilde le forze politiche e ahimè il ricco personalmente con dispiacere
L'unica vere voce chiara è stata lo ripeto conti dispiacere quella
Di Bruno Vespa che ieri sera ha detto comunque queste condizioni che vediamo non sono non sono accettabili io non ho sentito
Devo dire rispetto a quelle condizioni e quindi al problema del limite che ci pongono limite della nostra potestà punitiva nel contesto dei peggiori criminali
Perché nel contesto dei peggiori criminali ma chi te di chi credete che io come Presidente mi sia dovuto interessare in questi undici anni dei fiorellini cioè voglio dire il trattamento inumano e degradante una tortura
Sì manifestare contesto molto spesso dei peggiori criminali e se non si difende
Il diritto alla dignità del peggiore criminale diventa un po'troppo facile
Difenderlo quello per quello che sta per caso in carcere no lì troviamo tutti d'accordo non che non sia un problema la detenzione sociale è un problema
La detenzione sociale da lì è un po'più facile trovare anche d'accordo il problema e nel nocciolo duro
Che fa realizzata la capacità di uno Stato di diritto riaffermare di non scendere mai
A livello delle organizzazioni che che combatte Dino scendere mai e di assicurare che la questione sia a quell'ora
Di garantire che non ci sia collegamento con l'esterno che non ci siano eccetera ma senza andare a misure e le a misure che ledono la dignità e allora io chiamo
E in causa anche l'amministrazione penitenziaria perché non può essere
Non può essere
Che direttore del carcere di Parma peraltro consulente anche del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria non si fosse accorto di quelle condizioni ma che ad un chiamo in causa anche il magistrato di sorveglianza perché non può essere che il magistrato di sorveglianza non fosse a conoscenza di determinate situazioni
E mi
E anche devo dire le autorità complessive perché alcune signor situazioni erano state già segnalate
Dal Comitato per la prevenzione della tortura non tanto sul caso specifico ma su ciò che attiene nelle cosiddette aree riservate
Del quarantuno bis perché noi abbiamo in Italia data sorveglianza perdiamo il quarantuno bis per abbiamo le aree riservate del quarantuno bis il cui fondamento normativo è piuttosto difficile da rintracciare
Detto questo partendo e negativo parto da un terzo elemento in negativo su cui vogliamo
Voglio riflettere ed è il fatto che il ma la Commissione mista del CSM ha lavorato e lavorato positivamente
Affatto ampie consultazioni io spesso altri siamo stati consultati dalla
Dalla Commissione vista prodotto un documento
Che si può ritenere molto valido e che raggiunge un punto di equilibrio nelle questioni
Su questo documento ne abbiamo chiesto al ministro Severino di fare un decreto legge lo scorso anno era un Governo che decretava parecchio non sulle emergenze non mi sembra che si astenesse dal decreto diciamo in quanto tale
E sulla base di un principio che laddove c'è un'emergenza sì decreta no in qualche modo
E il ministro Severino non ha
Fatto un decreto e se è vero
Che è un messaggio negativo che l'ultima seduta del Parlamento della passata legislatura si sia conclusa con il segnale di aver rimandato in Commissione
Il disegno di legge che introduceva alla come sia ad affidare l'area
La prova in sostanza diciamo la messa alla prova la messa alla prova
E altrettanto vero e ce lo dobbiamo dire perché se no non eccetera
Che quella
Profeti mento qualora approvati trionfalmente approvato porta ad fuori meno di trecento persone
Allora non possiamo far finta di pensare che alcune cose
Abbiano rilevanza quando poiché tale rilevanza non ce l'hanno è bruttissimo il segno culturale
Di averlo rimandato in Commissione però va anche detto che i provvedimenti vanno visti sull'efficacia conclude concreta
Dicevo del documento della Commissione Giostra non è stato fatto il decreto non solo è stato fatto il decreto ma non è stato mai assunto dal CSM Cometto convinto del CSM
è rimasto documento della Commissione mista del CSM perché c'è Senna potato e non l'ha assunto come ti Crecco documento proprio
Allora perché non so partito un po'così con questi casi metti negativi sono parti dopo su questi casi negativi
Perché purtroppo appartenendo a quelli che Antigone come dire Lella l'abbiamo prima in maniera informale trent'anni fa poi da vent'anni fa al la in maniera più formale
L'abbiamo portata avanti e poi diamo sempre
Che non si ripeta come un rito diciamo una situazione e quindi fare dei passi le tre leggi vanno in questa direzione no Pepe non non fare solo il lavoro presso i parlamentari ma di prendere iniziativa
Dobbiamo sapere che c'è se vogliamo punto uscire dall'ipotesi quindi perde il ripetere dobbiamo sapere che c'è molto spesso un gioco tra quattro attori
T quattro attori sono
Il
La magistratura
Che un attore perché poi la custodia cautelare in carcere qualcuno radici che era amicale a decide e quanto il Primo Presidente della Cassazione dice c'è un eccessivo ricorso alla custodia cautelare in carcere
A chi si rivolge serio voce alla magistratura quanto presentando con ciò starà insieme a me e ai magistrati il il documento della Commissione
Abbiamo detto che abbiamo avuto alcuna riserva e rispetto al duecentosettantacinque e quindi all'automatismo
Di e prevedete per alcuni reati la custodia cautelare in carcere se non
Quando non ci siano proprio grandissimi motivi che la tendano ad escludere
E abbiamo detto togliamo queste ostatività queste cose ci siamo trovati una magistratura di fronte a noi molto attente Nante molto che
Dietro l'obbligatorietà e l'automatismo si sente protetta non esposta rispetto all'opinione pubblica quindi un attore nella magistratura
C'è un secondo attore diciamo che che va tenuto presente che il legislatore
E sul legislatore come dire
Va beh ecco fin troppo facile no in un certo senso e
Diciamo quello che ha detto Peppe Casini prima lo contro firmo
Le direttamente sul non rendersi conto di quali sono i provvedimenti le norme le norme bandiera attenzione non creiamo una norma penalizzante nuova sul femminicidio per cortesia
Problema gravissimo
Ma non in rincorriamo quest'idea Causi e problema gravissimo si risolve andando a prevedere un'altra e fattispecie penale e
E mi diciamo voglio Prato toccare i nodi i noti forti perché non è questo il modo con cui si affrontano le questioni
Non è questo l'abbiamo già pacato molte volte che tutte le volte che abbiamo voluto affermare che c'era un valore da tutelare
Lo abbiamo affermato prevedendo la grave enorme penale per chi quel valore non rispettava
E questo è un corto circuito il problema è fare agire le norme penali che ci sono ma farle agire pienamente
Quindi dicevo c'è il secondo elemento che è il legislatore
C'è poi il terzo elemento che è l'amministrazione penitenziaria
L'amministrazione penitenziaria che in qualche modo
Che pure ripeto come in ognuno di questi sette Oricchio essendo cibi una serie di persone anche vali eccetera ma la ratio spesso nulla si legge più da anni
Da anni non si capisce quale un progetto molto definito e diciamo in qualche modo
Uno
Si osserva una certa latitanza rispetto a una definizione di un Progetto soprattutto da dunque il punto centrale dell'amministrazione penitenziaria che l'Ufficio detenuti
Perché quando ci ritroviamo
Che delle persone hanno percorso su allora iniziato un percorso e poi sono improvvisamente spostate da un carcere all'altro
Interrompendo magari il percorso che stavano facendo
Semplicemente sulla base di provvedimenti
Come dire assunti all'Est del tutto in maniera come dire un autonoma da qualunque valutazione di so che ci sta facendo la questione diventa
Abbastanza abbastanza pesante il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e il terzo secolo il quarto è la società esterna
La società esterna e la diportisti che pure lo si tocca molte volte disinteresse e e
La disattenzione
La non assunzione di quel problema di quel principio che c'è nelle regole penitenziarie europee in cui si afferma
Principio numero quattro dei nuovi principi che sono di premesse in cui si afferma
Che la mancanza di risorse non può mai essere addotta a giustificazione
Della di trattamenti che siano in violazione dell'articolo tre
Tecniche
Su questi fattori in questo gioco
Dei quattro in cui appiccati da come noi di partecipare
Attive se riunioni convegni eccetera secondo di qual è
Uno dei quattro si accentua sulla responsabilità degli altri terreni no è abbastanza
Abbastanza atipico come cosa su questo si insiste si inseriscono
Due cose e chiudo prima cosa una serie di scadenze che ci sono sull'immediato
Patrizio Nardelli dei portate a alcune le quattro che lo ha ricordato
Marco ha ricordato quelle che non riguardano né come decisione ma decisione dalla Corte Costituzionale ne aggiungo una mi permetto di aggiungere una è stata rinviata alla Corte costituzionale anche la costituzionalità della legge del metrò che
Vista la coerenza che la legge stessa a o non ha
Con il fatto che è stata approvata come emendamento al decreto sulle olimpiadi di Tivoli di Torino
Che è un altro settore su cui quindici abbiamo delle scadenze da agire
Come società civile e come come dire come attori anche di un sistema per far capire la questione guardate che non sono elementi semplici la questione la questione che Bignami sollevava rispetto alle chiusura degli OP GE rischio dei dei maggiori o pc
Voi capite che un siamo molta che
Come dire per uno si astiene tramandare uno da parte dell'Amministrazione meritiamo penitenziaria ma dare un
Una persona lo Pizzi perché c'era un
Un valore come dire negativo forte potrebbe non astenere si domani
Dal mandarlo in quelle strutturi né un po'risistemate
Io aggiungo che c'è un altro aspetto
Il l'Italia ha ricevuto l'ultimo rapporto delle Comitato per la prevenzione della tortura
Non l'ho ancora reso pubblico
è passato quasi un anno quindi sarebbe anche importante diciamo che l'ora che lo rendesse pubblico e che ottemperanza a quanto ci sta lì dentro
Finora
A scarsamente ottemperato sono una volta l'ho vista da temperato direttamente quando gli è stato imposto
Perché non è che le cose per nascono di in mettere in piedi una Commissione parlamentare Ken da tasse sugli occhi ci
Perché vi portiamo ciò che non è che
è proprio venuta fuori all'Italia come idea dalle
Purtroppo
Si è dovuti intervenire sempre a livello sovranazionale dicendo dovete mettere in piedi una Commissione parlamentare che indaghi su quale è
La situazione
Io mi auguro che il rapporto sarà pubblicato e mi auguro che il rapporto sia e
Un elemento come dire di culture di discussione tra quei quattro fattori rimangono però due punti su cui che in un ciò e su cui mi sembra due vorrei chiudere primo
Il problema del carcere non è un problema umanitari
è un problema di funzionamento del nostro sistema di giustizia
E corsi balletto
Va abbandonato un tono come dire umanitario rispetto alla questione carceraria
Il problema del carcere e la dimensione plastica della disfunzione del nostro sistema di giustizia si era la custodia cautelare siano alle previsioni delle pene sia nei tempi lunghi
Del di attese e via dicendo e
E ripeto il positiva in qualche modo esaminato
Secondo il problema del sovraffollamento non è il problema del carcere è un problema del carcere
è un problema del carcere grave pesante del carcere italiano ma non possiamo ridurre tutto al sovraffollamento e con una visione un po'tu conto per rispetto dei geometri pensare di buttare giù qualche muro e via dicendo per come alcuni progettini che vedo in giro Ilaria DAP
Per per pensare di aver risolto il sistema
Quello che oggi nel carcere italiano purtroppo non si sa è il perché il suo perché
E non lo sanno i detenuti
Perché non me riescono a capire più volte io ho parlato di un modello infantili Zante nel nostro carcere non responsabilizzante do lo sanno gli operatori
Che sono come dire figure professionali disegnate su un altro modello detentivo e che devono essere completamente riviste allora affrontare
Il problema oggi del carcere significa affrontare
Di quale la funzione che noi attribuiamo alla pena quale è il limite che attribuiamo alla pena e quale è complessivamente diciamo la pena carceraria all'interno di questa definizione grazie
Grazie a Mauro per questo intervento conclusivo a tutti voi che
Siete rimasti storicamente fino a quest'ora che è intervenuta chi è ascoltato i do appuntamento per continuare diciamo sì massacro a al hai soci di Antigone alle tra un quarto per la parte dell'assemblea appunto riservate soci gli altri lotti devono gliel'ho detto all'inizio mi hanno detto che comunque chiunque esce cioè tutti
Lasciano il il tesserino esulino i valori avranno al reingresso grazie ha chiesto
Grazie
Questo

Anche se non